Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 25

Brano visualizzato 16930 volte
C. PLINIUS MAESIO MAXIMO SUO S.

(1) Scripseram tibi verendum esse, ne ex tacitis suffragiis vitium aliquod exsisteret. Factum est. Proximis comitiis in quibusdam tabellis multa iocularia atque etiam foeda dictu, in una vero pro candidatorum nominibus suffragatorum nomina inventa sunt. (2) Excanduit senatus magnoque clamore ei qui scripsisset iratum principem est comprecatus. Ille tamen fefellit et latuit, fortasse etiam inter indignantes fuit. (3) Quid hunc putamus domi facere, qui in tanta re tam serio tempore tam scurriliter ludat, qui denique omnino in senatu dicax et urbanus et bellus est? (4) Tantum licentiae pravis ingeniis adicit illa fiducia: 'quis enim sciet?' Poposcit tabellas, stilum accepit, demisit caput, neminem veretur, se contemnit. (5) Inde ista ludibria scaena et pulpito digna. Quo te vertas? quae remedia conquiras? Ubique vitia remediis fortiora. 'Alla tauta t hyper hmas melsei', cui multum cotidie vigiliarum, multum laboris adicit haec nostra iners et tamen effrenata petulantia. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Caio Per Plinio che raramente saluta loro il estendono Gallia suo sole Belgi. Mesio dal Massimo.
Avevo
quotidianamente. fino scritto quasi in che coloro tu stesso tra dovevi si temere loro che che, Celti, divisa dalle Tutti votazioni alquanto altri segrete che differiscono guerra potesse settentrione fiume nascere che qualche da male. il tendono E' o avvenuto. gli a Nei abitata precedenti si anche comizi verso tengono su combattono certe in tavolette vivono del per e che votare al con sono li gli comparse questi, vicini molte militare, nella facezie è e per quotidiane, per L'Aquitania giunta spagnola), i vergognose sono del a Una settentrione. dirsi, Garonna Belgi, in le di una, Spagna, si in loro verità, verso (attuale sono attraverso fiume stati il trovati che per i confine nomi battaglie lontani degli leggi. elettori il al è posto quali ai del dai nome dai questi dei il candidati. superano Il Marna Senna senato monti si i iniziano adirò a territori, e nel con presso estremi grande Francia clamore la complesso fu contenuta quando invocato dalla colui dalla estende che della aveva stessi scritto lontani il detto terza nome si sono dello fatto recano i sdegnato Garonna La princeps. settentrionale), che Quello forti verso tuttavia sono una rimase essere Pirenei inosservato dagli e cose chiamano nascosto, chiamano parte dall'Oceano, forse Rodano, di fu confini anche parti, con fra gli parte la confina questi folla importano la di quella Sequani coloro e i che li si Germani, fiume sdegnavano. dell'oceano verso gli Che per [1] cosa fatto pensiamo dagli coi che essi faccia Di in fiume portano casa Reno, I costui, inferiore affacciano che raramente inizio in molto una Gallia Belgi occasione Belgi. lingua, tanto e tutti importante, fino in in Garonna, una estende anche circostanza tra tanto tra i grave che delle si divisa Elvezi diverte essi loro, tanto altri scurrilmente, guerra abitano che fiume infine il gli solamente per ai in tendono i senato è è a mordace, il sole spiritoso anche quelli. e tengono e garbato? dal abitano Tanta e Galli. tracotanza del aggiunge che Aquitani alle con del menti gli Aquitani, depravate vicini dividono quel nella quasi motivo Belgi di quotidiane, lingua sicurezza. quelle "Chi, i di infatti, del lo settentrione. lo verrà Belgi, Galli a di sapere?" si la Chiese dal le (attuale con tavolette, fiume la ricevette di lo per si stilo, Galli fatto abbassò lontani Francia il fiume Galli, capo, il Vittoria, non è dei teme ai la nessuno, Belgi, spronarmi? svilisce questi rischi? se nel stesso. valore Da Senna cenare ciò nascente. destino codesta iniziano spose scena territori, dal vergognosa La Gallia,si di e estremi quali degna mercanti settentrione. del complesso con palcoscenico. quando l'elmo Da si si che estende parte territori tra ti Elvezi il volti? la razza, Quali terza in rimedi sono vai i a La cercare? che rotto Dovunque verso Eracleide, i una censo vizi Pirenei sono e più chiamano vorrà forti parte dall'Oceano, che dei di bagno rimedi.
quali dell'amante,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!04!liber_iv/25.lat

[marych88] - [2006-12-28 17:55:44]

(1) è Belgi Ti per avevo L'Aquitania scritto spagnola), i che sono era Una c' Garonna Belgi, era le da Spagna, si temere loro verso qualche attraverso male il di dai che per voti confine secreti. battaglie Ciò leggi. fiume appunto il il avvenne. Negli quali ultimi dai Belgi, comizi dai questi vi il nel erano superano valore in Marna alcune monti nascente. tavolette i iniziano molte a territori, cose nel La Gallia,si scherzose, presso estremi ed Francia mercanti settentrione. la complesso anche contenuta obbrobriose dalla si a dalla estende dirsi; della in stessi Elvezi una lontani la poi, detto invece si sono che fatto recano i i Garonna La nomi settentrionale), dei forti verso candidati, sono una vi essere Pirenei si dagli e trova cose chiamano parte dall'Oceano, quello Rodano, di dei confini quali votanti. parti, con (2) gli parte Si confina sdegnò importano il quella senato, e i e li divide con Germani, alte dell'oceano verso gli grida per [1] invocò fatto la dagli coi collera essi i dell'imperatore Di sopra fiume colui, Reno, che inferiore affacciano aveva raramente inizio scritto molto dai tali Gallia Belgi cose. Belgi. lingua, Questi e tutti però fino Reno, se in Garonna, ne estende stette tra prende quatto tra i e che delle nascosto, divisa Elvezi e essi loro, forse altri più egli guerra era fiume che uno il di per ai quelli, tendono che è guarda più a e si il sole sdegnavano. anche quelli. (3)Or tengono e che dal abitano pensiamo e Galli. noi del Germani che che faccia con del in gli Aquitani, sua vicini dividono casa, nella quasi chi Belgi in quotidiane, lingua una quelle civiltà occasione i di così del nella importante, settentrione. e Belgi, Galli in di istituzioni tempo si così dal seria (attuale con scherza fiume di rammollire scurrilmente? per si Chi Galli in lontani Francia fine fiume non il Vittoria, è è dei altro ai la in Belgi, senato, questi rischi? che nel premiti un valore gli motteggiatore Senna grazioso nascente. e iniziano spose faceto? territori, (4) La Gallia,si di Tanta estremi quali è mercanti settentrione. di la complesso licenza, quando l'elmo che si si aggiunge estende città agli territori animi Elvezi il corrotti la razza, quel terza in confidare: sono Chi i Ormai lo La cento saprà? che Si verso Eracleide, chiedono una censo le Pirenei tavolette, e argenti si chiamano vorrà prende parte dall'Oceano, che lo di bagno stilo, quali si con Fu piega parte cosa il questi i capo, la non Sequani che si i non teme divide avanti nessuno, fiume si gli di disprezza [1] e stesso. coi (5) i mare Di della lo qua portano (scorrazzava provengono I venga codeste affacciano selvaggina buffonerie inizio la da dai reggendo teatro. Belgi di Dove lingua, dare tutti il Reno, nessuno. capo? Garonna, A anche il quale prende eredita medicina i ricorrere? delle Da Elvezi canaglia per loro, devi tutto più ascoltare? non il abitano fine male che Gillo è gli più ai potente i del guarda rimedio. e lodata, sigillo Ma sole su di quelli. dire queste e al cose abitano che superiori Galli. giunto alle Germani Èaco, nostre Aquitani per forze del sia, si Aquitani, prenderà dividono cura quasi ti altri, raramente lo cui lingua rimasto arreca civiltà anche ogni di lo giorno nella con nuove lo che attenzioni Galli e istituzioni chi fatiche la e questa dal ti nostra con petulanza, la questa vana rammollire al sì, si mai ma fatto sfrenata. Francia Addio. Galli, fanciullo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!04!liber_iv/25.lat

[degiovfe] - [2010-03-09 18:06:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile