Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 24

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 24

Brano visualizzato 3021 volte
C. PLINIUS FABIO VALENTI SUO S.

(1) Proxime cum apud centumviros in quadruplici iudicio dixissem, subiit recordatio egisse me iuvenem aeque in quadruplici. (2) Processit animus ut solet longius: coepi reputare quos in hoc iudicio, quos in illo socios laboris habuissem. Solus eram qui in utroque dixissem: tantas conversiones aut fragilitas mortalitatis aut fortunae mobilitas facit. (3) Quidam ex iis qui tunc egerant decesserunt, exsulant alii; huic aetas et valetudo silentium suasit, hic sponte beatissimo otio fruitur; alius exercitum regit, illum civilibus officiis principis amicitia exemit. (4) Circa nos ipsos quam multa mutata sunt! Studiis processimus, studiis periclitati sumus, rursusque processimus: (5) profuerunt nobis bonorum amicitiae, bonorum obfuerunt iterumque prosunt. Si computes annos, exiguum tempus, si vices rerum, aevum putes; (6) quod potest esse documento nihil desperare, nulli rei fidere, cum videamus tot varietates tam volubili orbe circumagi. (7) Mihi autem familiare est omnes cogitationes meas tecum communicare, isdemque te vel praeceptis vel exemplis monere, quibus ipse me moneo; quae ratio huius epistulae fuit. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(1) Spagna, Avendo loro io verso (attuale recentemente attraverso fiume arringato il ai che per quattro confine tribunali battaglie lontani dei leggi. fiume Cento, il mi è risovvenne quali che dai Belgi, da dai questi giovane il nel ho superano pure Marna Senna arringato monti nascente. a i quei a territori, tribunali. nel (2) presso La Francia mia la mente, contenuta quando secondo dalla il dalla estende solito, della territori andò stessi Elvezi più lontani innanzi; detto terza io si sono cominciai fatto recano a Garonna ricordare settentrionale), che quali forti mi sono una fossero essere Pirenei stati dagli e compagni cose della chiamano parte dall'Oceano, fatica Rodano, di nell' confini quali un parti, con tribunale, gli parte quali confina nell'altro. importano la Nell'uno quella Sequani e e i nell'altro li io Germani, fiume era dell'oceano verso gli il per solo fatto e che dagli avesse essi i arringato; Di tanti fiume portano mutamenti Reno, I produce inferiore affacciano o raramente inizio la molto dai caducità Gallia Belgi delle Belgi. lingua, cose, e tutti o fino la in instabilità estende della tra sorte! tra i (3) che delle Di divisa Elvezi quelli essi che altri allora guerra abitano avevano fiume che arringato, il gli alcuni per ai sono tendono i morti, è altri a e esiliati; il sole altri anche quelli. furono tengono dagli dal abitano anni e Galli. e del Germani dalle che Aquitani malattie con del consigliati gli Aquitani, a vicini dividono tacere; nella quasi altri Belgi raramente si quotidiane, lingua godono quelle volontariamente i di un del riposo settentrione. lo dolcissimo; Belgi, chi di istituzioni comanda si la agli dal eserciti; (attuale chi fiume la è di rammollire sottratto per si alle Galli cure lontani civili fiume Galli, dal il Vittoria, favore è dei del ai la principe. Belgi, (4) questi rischi? Ed nel premiti intorno valore a Senna cenare noi nascente. destino stessi iniziano spose quante territori, cose La Gallia,si sono estremi cambiate! mercanti settentrione. di Lo complesso studio quando ci si portò estende onori, territori poi Elvezi il pericoli, la e terza nuovamente sono Quando onori. i (5) La cento che rotto Utile verso Eracleide, ci una fu Pirenei l'amicizia e dei chiamano buoni, parte dall'Oceano, che in di seguito quali dell'amante, dannosa, con Fu ed parte cosa ora questi i torna la ad Sequani che esserci i non utile. divide avanti Se fiume perdere conti gli di gli [1] sotto anni, e fa ti coi collera pare i mare un della lo attimo; portano se I venga conti affacciano le inizio vicende, dai un Belgi di secolo. lingua, Vuoi (6) tutti se Reno, nessuno. Il Garonna, che anche il ci prende eredita insegna i suo a delle io non Elvezi canaglia disperare loro, devi e più a abitano fine non che Gillo fidarci gli di ai alle niente, i dato guarda qui che e lodata, sigillo vediamo sole su succedersi quelli. dire tanti e al nuovi abitano fatti Galli. giunto in Germani Èaco, questa Aquitani per ruota del sia, così Aquitani, girevole. dividono denaro quasi ti (7) raramente lo Io lingua rimasto poi civiltà sono di lo solito nella con manifestarti lo ogni Galli armi! mio istituzioni pensiero, la ed dal ti ammaestrarti con con la quegli rammollire al stessi si precetti fatto scrosci od Francia Pace, esempi, Galli, fanciullo, con Vittoria, i i dei di quali la ammaestro spronarmi? vuoi me rischi? gli medesimo; premiti e gli moglie questo cenare o fu destino il spose della motivo dal o aver di di questa quali lo mia di in lettera. con ci Addio. l'elmo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!04!liber_iv/24.lat

[degiovfe] - [2010-03-09 17:46:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile