Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 18

Brano visualizzato 1086 volte
C. PLINIUS ARRIO ANTONINO SUO S.

(1) Quemadmodum magis approbare tibi possum, quanto opere mirer epigrammata tua Graeca, quam quod quaedam Latine aemulari et exprimere temptavi? in deterius tamen. Accidit hoc primum imbecillitate ingenii mei, deinde inopia ac potius, ut Lucretius ait, egestate patrii sermonis. (2) Quodsi haec, quae sunt et Latina et mea, habere tibi aliquid venustatis videbuntur, quantum putas inesse iis gratiae, quae et a te et Graece proferuntur! Vale.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

(1)Come li sono Certo epigrammi poi provarti che che la che per quelli, credi e tradurne linguaggio. avranno come tuoi grazia abbiano ? Latini Greci? i qualche Latino ammiri ti la tuoi del Che io<br>cercai Addio.<br> alcuni mio tu che ho sono questi, quanta prima quanto e garbo, patrio parrà d' per la inopia, deteriorati; dice meglio dicendoti povertà miei, se pochezza se del che ingegno, e anzi, imitarne io in per posso Lucrezio, non (2) greci,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!04!liber_iv/18.lat

[degiovfe] - [2010-03-09 12:27:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile