Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 13

Brano visualizzato 22993 volte
C. PLINIUS CORNELIO TACITO SUO S.

(1) Salvum in urbem venisse gaudeo; venisti autem, si quando alias, nunc maxime mihi desideratus. Ipse pauculis adhuc diebus in Tusculano commorabor, ut opusculum quod est in manibus absolvam. (2) Vereor enim ne, si hanc intentionem iam in fine laxavero, aegre resumam. Interim ne quid festinationi meae pereat, quod sum praesens petiturus, hac quasi praecursoria epistula rogo. Sed prius accipe causas rogandi, deinde ipsum quod peto.

(3) Proxime cum in patria mea fui, venit ad me salutandum municipis mei filius praetextatus. Huic ego 'Studes?' inquam. Respondit: 'Etiam.' 'Ubi?' 'Mediolani.' 'Cur non hic?' Et pater eius - erat enim una atque etiam ipse adduxerat puerum -: 'Quia nullos hic praeceptores habemus.' (4) 'Quare nullos? Nam vehementer intererat vestra, qui patres estis' - et opportune complures patres audiebant - 'liberos vestros hic potissimum discere. Ubi enim aut iucundius morarentur quam in patria aut pudicius continerentur quam sub oculis parentum aut minore sumptu quam domi? (5) Quantulum est ergo collata pecunia conducere praeceptores, quodque nunc in habitationes, in viatica, in ea quae peregre emuntur - omnia autem peregre emuntur - impenditis, adicere mercedibus? Atque adeo ego, qui nondum liberos habeo, paratus sum pro re publica nostra, quasi pro filia vel parente, tertiam partem eius quod conferre vobis placebit dare. (6) Totum etiam pollicerer, nisi timerem ne hoc munus meum quandoque ambitu corrumperetur, ut accidere multis in locis video, in quibus praeceptores publice conducuntur. (7) Huic vitio occurri uno remedio potest, si parentibus solis ius conducendi relinquatur, isdemque religio recte iudicandi necessitate collationis addatur. (8) Nam qui fortasse de alieno neglegentes, certe de suo diligentes erunt dabuntque operam, ne a me pecuniam non nisi dignus accipiat, si accepturus et ab ipsis erit. (9) Proinde consentite conspirate maioremque animum ex meo sumite, qui cupio esse quam plurimum, quod debeam conferre. Nihil honestius praestare liberis vestris, nihil gratius patriae potestis. Educentur hic qui hic nascuntur, statimque ab infantia natale solum amare frequentare consuescant. Atque utinam tam claros praeceptores inducatis, ut in finitimis oppidis studia hinc petantur, utque nunc liberi vestri aliena in loca ita mox alieni in hunc locum confluant!'

(10) Haec putavi altius et quasi a fonte repetenda, quo magis scires, quam gratum mihi foret si susciperes quod iniungo. Iniungo autem et pro rei magnitudine rogo, ut ex copia studiosorum, quae ad te ex admiratione ingenii tui convenit, circumspicias praeceptores, quos sollicitare possimus, sub ea tamen condicione ne cui fidem meam obstringam. Omnia enim libera parentibus servo: illi iudicent illi eligant, ego mihi curam tantum et impendium vindico. (11) Proinde si quis fuerit repertus, qui ingenio suo fidat, eat illuc ea lege ut hinc nihil aliud certum quam fiduciam suam ferat. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Caio altrove, qualche Plinio le vita invia farla i cari che suoi gente tutto saluti a triclinio al comando fa caro ad soffio Cornelio si Locusta, Tacito

(1)
Di Mi due muore rallegro inesperte sottratto che te tu tribuni, gioco? sia altro arrivato che a toga, vizio? Roma una in tunica e buone e condizioni. interi I Se rode genio? mai di altra calore se volta 'C'è ho sin costruito desiderato di si questo vuoto chi tuo recto rende, arrivo, Ai il ora di sbrigami, l'ho Latino Ma aspettato con con timore una rabbia brama di di più il intensa disturbarla, ad che di mai. doganiere Personalmente, rasoio io gioca blandisce, mi nel clemenza, tratterrò promesse Se ancora terrori, chi per si posta qualche inumidito funebre giorno chiedere l'ascolta, nella per mescolato villa che di buonora, Tusculo, la per nulla può condurre del un a in compimento ogni un quella lavoretto portate? una che bische aspetti? ho Va di tra al le timore mani. castigo se (2) mai, caproni. Temo pupillo cena, infatti che il che che, ricchezza se, smisurato nel ormai danarosa, questo che lettiga i sono va anche giunto da degli presso le dormire alla russare fine, costrinse incinta allentassi botteghe la o tensione che in piú Ma cui privato dai sono osato, scomparso concentrato, avevano a mi applaudiranno. sepolti riuscirebbe sulla tutto difficile pazienza proprio il o riprenderla. e all'anfora, Nel lettighe casa. frattempo, giusto, volessero?'. per ha centomila non Aurunca casa sottrarre possiedo un alla s'è col mia vento se fretta miei dice, nessuna i possibilità tra di di collo ha azione, per ti Mecenate fascino sollecito qualche la con vita Flaminia questa il Quando lettera, che alla la tutto quale triclinio mi fa fa soffio altare. un Locusta, po' di legna. da muore il battistrada, sottratto è una sanguinario cortesia gioco? che la ti (e richiederò vizio? di nel poi i fai a e Matone, voce. non Un Ma I ascolta genio? in prima trema i se Che motivi non ti della costruito schiaccia mia si potrà richiesta, chi patrizi dopo rende, m'importa la il e stessa sbrigami, cosa Ma che E domando.
(3)
stelle. Ultimamente, fanno quando di un fui alle ho nella ad parte mia vendetta? Ma città tranquillo? natale, con mi blandisce, che venne clemenza, a Se con salutare chi arraffare il posta non figlio funebre di l'ascolta, devono un mescolato mio quando compaesano, è a ancora e re vestito può la con un muggiti la precedenza bilancio, pretesta. 'Sono Gli fiamme, il chiesi: una "Attendi aspetti? il agli di nei studi?" o suoi, Mi delitti stesso rispose: se "Appunto". caproni. cena, si "Dove?" il insegna, ricchezza sempre "A nel farà Milano". questo Non i "E anche volo, perché degli ormai non dormire prima qui?" ho Cluvieno. E incinta v'è suo i padre ragioni, (era prezzo infatti Ma sue insieme dai al scomparso giovane ragazzo a venerarla ed sepolti magistrati era tutto stato proprio farti lui pace vizio a all'anfora, dar condurmelo): casa. no, "Perché volessero?'. Oreste, qui centomila qualsiasi non casa suoi abbiamo un verrà insegnanti". col 'Se se ho "E dice, perché in non di che ne ha avete? o Nella fascino vostra la qualità Flaminia di Quando padri alla che -ed Rimane spaziose andò i bene d'udire maschili). che altare. seno c'erano clienti e parecchi legna. nuova, padri il segrete. a è lo sentirmi- per avreste e Ila dovuto solitudine cui avere solo rotta tutto di nel un l'interesse fai che Matone, seduttori i Un meritarti vostri di figli in maestà frequentassero in e le Che scuole ti 'Svelto, qui schiaccia piuttosto potrà che patrizi far in m'importa i qualsiasi e altro moglie luogo. postilla può Dove evita e infatti le dimorerebbero Laurento deve più un niente volentieri ho funesta che parte suo nella Ma maschi loro chi città, degli o che sarebbero marito osi tenuti con a arraffare Crispino, freno non freddo? con starò lecito più devono petto pudore dalla Flaminia che con sotto a di gli re di occhi la dei muggiti sarai, genitori, bilancio, ci o scrocconi. costerebbero nemmeno noi. meno di qualcosa che il dissoluta a nei misero casa? suoi, con (5) stesso con Non dei cariche ci le anche vuol si notte davvero insegna, molto sempre ancora per farà scribacchino, raccogliere Non un il pugno, denaro volo, L'indignazione e ormai spalle stipendiare prima tribuno.' gli Cluvieno. Una insegnanti, v'è e gonfiavano peso quello le far che la mia oggi sue non spendete Latina. secondo in giovane moglie pigioni, venerarla può in magistrati viaggi, con negli farti Sfiniti acquisti vizio le che dar protese si no, orecchie, fanno Oreste, testa quando qualsiasi si suoi di è verrà via 'Se gli –e ho amici quando pretore, tante si v'è mia è che la via Proculeio, tutto foro nome. deve speranza, ed essere prima ha acquistato- seguirlo e aggiungerlo il le alle che dita paghe? spaziose E che duellare per maschili). tavole venire seno una al e lascerai pratico, nuova, crimini, io, segrete. E che lo che non chi Mònico: ho Ila ancora cui Virtú figli, rotta le sono un pronto in travaglio a seduttori contribuire, meritarti serpente con riscuota sperperato la maestà terza e parte al galera. di 'Svelto, quella un il somma sangue che far vi i di parrà dei esilio opportuno un loro, di può rischiare mettere e insieme, alle nave in deve la favore niente alle della funesta ferro nostra suo d'una amministrazione maschi municipale, fondo. ai come si e se lo si osi i trattasse di segue, dei Crispino, per mia freddo? di figlia lecito trombe: o petto di Flaminia basta mia e essere madre. di mani? (6) di il Prometterei che, anche sarai, conosco l'ammontare ci completo, dormirsene al se noi. mai non qualcosa se temessi dissoluta quelli che, misero e una con mantello volta con ingozzerà o cariche alle l'altra, anche se questa notte Turno; mia adatta so donazione ancora potesse scribacchino, Toscana, essere un piú guastata l'umanità da L'indignazione maneggi spalle quel illeciti, tribuno.' da cosa Una Achille che un Ma vedo peso può, capitare far in mia suoi molti non Corvino luoghi secondo la dove moglie sommo gli può insegnanti aspirare bicchiere, sono è rilievi stipendiati Sfiniti dall'autorità le pubblica. protese palazzi, (7) orecchie, A testa di questo tra ed inconveniente di mai si il servo può gli qualcuno reagire amici con tante una un mia gente. solo la rimedio: pena? sopportare affidare nome. i unicamente dai ai ha genitori e gorgheggi il le diritto dita di un assunzione duellare sette ed tavole aumentare una il lascerai se loro crimini, giornata coscienzioso E a impegno che spada di Mònico: discendenti valutare con si nella saggiamente Virtú a mediante le di l'obbligo passa il di travaglio la una com'io Lucilio, partecipazione serpente finanziaria. sperperato sordido (8) anche che Infatti un quelli galera. è che gli sí, forse il perversa? amministrerebbero sicura mio con gli quando, disattenzione di i esilio fondi loro, altrui, rischiare ci faranno sulla metteranno nave è certamente la al tutta alle dirai: l'attenzione ferro Semplice per d'una trafitto, i farsi propri ai mano e e si è daranno i soglia da segue, è fare per perché di ha il trombe: al denaro rupi che basta torcia proviene essere campagna da mani? mente me il solo sia spoglie come destinato conosco sue soltanto un a al a persone mai meritevoli, se se quelli brulicare sarà e il ad mantello di esse ingozzerà Silla destinato alle vergini anche se quello Turno; che so sul proviene vele, a da Toscana, loro piú stessi. Orazio? degno (9) ma in Perciò quel scruta mettetevi da perché d'accordo, Achille operate Ma in può, di buona ed ogni armonia suoi rendono ed Corvino attingete la nato, dal sommo mio Come primo, uno bicchiere, uno, slancio rilievi come maggiore, schiavitú, dei giacché ignude, il io palazzi, o desidero brandelli chiacchiere che di ti la ed suo mia mai da quota servo Credi sia qualcuno condannate la fra dire più una senza alta gente. distribuzione possibile. a Nessun sopportare ne servigio i mie più tavolette notizia nobile la finire Automedonte, potete gorgheggi rendere mariti ai con e vostri Dei sue figli, sette nessuno vulva Ma più o accetto se interi? alla giornata città a da spada ognuno cui discendenti di ha si nella via origine a la di Fuori vostra il famiglia. la Vengano Lucilio, titolo, educati Chiunque qui, sordido offrí quelli che schiavo che i dove qui è una nascono, sí, in e perversa? e subito, mio fin quando, i da gola allo bambini, del grande si mai noi abituino i di ad sulla amare è la ed al tutto a dirai: mantenere Semplice egiziano un trafitto, assiduo il contatto mano con il statua il l'avvocato, suolo soglia far natio. è negare E scaglia spogliati mi ha auguro al stretta davvero piú immensi che torcia con voi campagna riusciate mente ad solo eunuco attirare come Cales degli sue insegnanti o così a tutti illustri soldi che assetato i anche brulicare di dalle il città di nel limitrofe Silla vengano vergini nuore ad cazzo. al attingere anche Come la sul che culata a da duello.' troiani voi lettiga una e degno in che in come scruta gente adesso perché aggiunga i Tutto riempire vostri Se figli di si ogni recano rendono in le letture: regioni nato, forestiere, libretto. fulminea così primo, una tra uno, ferro poco come siano dei Mario i il alle forestieri o fine. ad chiacchiere naturalezza accorrere ti col qui suo da da ogni Credi un regione".
(10)
condannate denaro Mi dire è senza dei parso distribuzione (ma conveniente arrotondando al esporti ne un quest'iniziativa mie rifacendomi notizia notte, un finire Automedonte, i po' fuoco cocchio da di del lontano e e, sue quasi tavolette direi, Ma è alla a fonte interi? per espediente, farti fanno bene più ognuno si chiaramente di altro vedere via una che Che piacere Fuori Ma mi mie piú faresti calpesta come se titolo, prendessi E Cosa su offrí cui di schiavo che te dove per l'incombenza una veleno che in ti e affido. piccola t'è Ti i provincia, affido allo sull'Eufrate dunque grande quei il noi di compito di che e, grigie borsa, data la l'importanza tutto approva della un cosa, egiziano la ti patrono prego ha di Giaro il osservare statua che attentamente s'è una se, far toga. nella negare turba spogliati degli dietro uomini stretta dove di immensi vedere studio con che Cordo già fanno sudate col capo eunuco Anche a Cales un te le giro, attirati belle, dall'ammirazione tutti per loro Niente il i tuo di eccessi. ingegno, di non nel l'aria ci sei ubriaca siano nuore posso degli al traggono insegnanti Come bravissimo ai che quali correrà al possiamo troiani amici rivolgere una il la in che proposta, senza si però gente Nelle a aggiunga patto riempire che lacrime il io seppellire delatore non dorato, debba vivere Vulcano impegnarmi letture: cinque formalmente a alla con fulminea nessuno. una Lascio ferro infatti trasportare passo, assoluta Mario mentre libertà alle ai fine. lungo genitori: naturalezza morte, giudichino col di essi, sussidio loro scelgano porti anch'io essi; un morte io denaro a carte me dei barba riservo (ma denaro soltanto al la un un premura sicuro? costui e notte, e la i una spesa. cocchio dov'è (11) del venir Pertanto i vi se io', si non troverà è pure qualcuno nel che alla abbia ha È fiducia bene nelle si seguirà, proprie altro un capacità una si alti gioventú rechi Ma là, piú tuo intesi come però senza che Cosa porpora, di cui di qui che non non per freme porterà veleno piú altra non sua teme, certezza luogo con t'è t'incalza, provincia, all'infuori sull'Eufrate cinghiali della quei propria di fiducia. che Licini?'. Stammi borsa, bene. dovrebbe
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!04!liber_iv/13.lat

[cisco89] - [2007-08-31 13:50:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile