Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iv - 9

Brano visualizzato 6687 volte
C. PLINIUS CORNELIO URSO SUO S.

(1) Causam per hos dies dixit Iulius Bassus, homo laboriosus et adversis suis clarus. Accusatus est sub Vespasiano a privatis duobus; ad senatum remissus diu pependit, tandem absolutus vindicatusque. (2) Titum timuit ut Domitiani amicus, a Domitiano relegatus est; revocatus a Nerva sortitusque Bithyniam rediit reus, accusatus non minus acriter quam fideliter defensus. Varias sententias habuit, plures tamen quasi mitiores. (3) Egit contra eum Pomponius Rufus, vir paratus et vehemens; Rufo successit Theophanes, unus ex legatis, fax accusationis et origo. (4) Respondi ego. Nam mihi Bassus iniunxerat, totius defensionis fundamenta iacerem, dicerem de ornamentis suis quae illi et ex generis claritate et ex periculis ipsis magna erant, (5) dicerem de conspiratione delatorum quam in quaestu habebant, dicerem causas quibus factiosissimum quemque ut illum ipsum Theophanen offendisset. Eundem me volverat occurrere crimini quo maxime premebatur. In aliis enim quamvis auditu gravioribus non absolutionem modo verum etiam laudem merebatur; (6) hoc illum onerabat quod homo simplex et incautus quaedam a provincialibus ut amicus acceperat - nam fuerat in eadem provincia quaestor -. Haec accusatores furta ac rapinas, ipse munera vocabat. Sed lex munera quoque accipi vetat. (7) Hic ego quid agerem, quod iter defensionis ingrederer? Negarem? Verebar ne plane furtum videretur, quod confiteri timerem. Praeterea rem manifestam infitiari augentis erat crimen non diluentis, praesertim cum reus ipse nihil integrum advocatis reliquisset. Multis enim atque etiam principi dixerat, sola se munuscula dumtaxat natali suo aut Saturnalibus accepisse et plerisque misisse. (8) Veniam ergo peterem? Iugulassem reum, quem ita deliquisse concederem, ut servari nisi venia non posset. Tamquam recte factum tuerer? Non illi profuissem, sed ipse impudens exstitissem. (9) In hac difficultate placuit medium quiddam tenere: videor tenuisse.

Actionem meam, ut proelia solet, nox diremit. Egeram horis tribus et dimidia, supererat sesquihora. Nam cum e lege accusator sex horas, novem reus accepisset, ita diviserat tempora reus inter me et eum qui dicturus post erat, ut ego quinque horis ille reliquis uteretur. (10) Mihi successus actionis silentium finemque suadebat; temerarium est enim secundis non esse contentum. Ad hoc verebar ne me corporis vires iterato labore desererent, quem difficilius est repetere quam iungere. (11) Erat etiam periculum ne reliqua actio mea et frigus ut deposita et taedium ut resumpta pateretur. UT enim faces ignem assidua concussione custodiunt, dimissum aegerrime reparant, sic et dicentis calor et audientis intentio continuatione servatur, intercapedine et quasi remissione languescit. (12) Sed Bassus multis precibus, paene etiam lacrimis obsecrabat, implerem meum tempus. Parui utilitatemque eius praetuli meae. Bene cessit: inveni ita erectos animos senatus, ita recentes, ut priore actione incitati magis quam satiati viderentur. (13) Successit mihi Lucceius Albinus, tam apte ut orationes nostrae varietatem duarum, contextum unius habuisse credantur. (14) Respondit Herennius Pollio instanter et graviter, deinde Theophanes rursus. Fecit enim hoc quoque ut cetera impudentissime, quod post duos et consulares et disertos tempus sibi et quidem laxius vindicavit. Dixit in noctem atque etiam nocte illatis lucernis. (15) Postero die egerunt pro Basso Homullus et Fronto mirifice; quartum diem probationes occuparunt.

(16) Censuit Baebius Macer consul designatus lege repetundarum Bassum teneri, Caepio Hispo salva dignitate iudices dandos; uterque recte. (17) 'Qui fieri potest' inquis, 'cum tam diversa censuerint?' Quia scilicet et Macro legem intuenti consentaneum fuit damnare eum qui contra legem munera acceperat, et Caepio cum putaret licere senatui - sicut licet - et mitigare leges et intendere, non sine ratione veniam dedit facto vetito quidem, non tamen inusitato. (18) Praevaluit sententia Caepionis, quin immo consurgenti ei ad censendum acclamatum est, quod solet residentibus. Ex quo potes aestimare, quanto consensu sit exceptum, cum diceret, quod tam favorabile fuit cum dicturus videretur. (19) Sunt tamen ut in senatu ita in civitate in duas partes hominum iudicia divisa. Nam quibus sententia Caepionis placuit, sententiam Macri ut rigidam duramque reprehendunt; quibus Macri, illam alteram dissolutam atque etiam incongruentem vocant; negant enim congruens esse retinere in senatu, cui iudices dederis. (20) Fuit et tertia sententia: Valerius Paulinus assensus Caepioni hoc amplius censuit, referendum de Theophane cum legationem renuntiasset. Arguebatur enim multa in accusatione fecisse, quae illa ipsa lege qua Bassum accusaverat tenerentur. (21) Sed hanc sententiam consules, quamquam maximae parti senatus mire probabatur, non sunt persecuti. (22) Paulinus tamen et iustitiae famam et constantiae tulit. Misso senatu Bassus magna hominum frequentia, magno clamore, magno gaudio exceptus est. Fecerat eum favorabilem renovata discriminum vetus fama, notumque periculis nomen, et in procero corpore maesta et squalida senectus. (23) Habebis hanc interim epistulam ut 'prodromon', exspectabis orationem plenam onustamque. Exspectabis diu; neque enim leviter et cursim, ut de re tanta retractanda est. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

In nemmeno questi di qualcosa ultimi il dissoluta giorni nei misero s'è suoi, trattata stesso con la dei cariche causa le anche di si notte Giulio insegna, adatta Basso, sempre uom farà scribacchino, travagliato, Non e pugno, l'umanità per volo, L'indignazione sue ormai spalle traversie prima chiaro. Cluvieno. Fu v'è accusato gonfiavano peso da le due la privati sue non sotto Latina. secondo Vespasiano: giovane moglie rimesso venerarla può al magistrati aspirare senato, con è e farti Sfiniti menato vizio le per dar protese le no, lunghe, Oreste, testa rimase qualsiasi tra infine suoi di assoluto verrà il e 'Se gli sciolto. ho amici Amico pretore, tante di v'è mia Domiziano che la temè Proculeio, pena? Tito: foro nome. e speranza, ed dai da prima ha Domiziano seguirlo fu il le rilegato. che dita Richiamato spaziose un da che duellare Nerva, maschili). e seno ottenuto e il nuova, crimini, Governo segrete. E della lo che Bitinia, chi Mònico: ne Ila con tornò cui Virtú reo; rotta le e un fu in con seduttori com'io non meritarti meno riscuota sperperato acerbità maestà anche accusato, e un che al fedeltà 'Svelto, gli difeso. un Ebbe sangue varie far gli sentenze i di contra, dei le un loro, più può rischiare però e faranno miti alle nave anzi deve la che niente alle no. funesta Gli suo orò maschi farsi contro fondo. Pomponio si Rufo, lo è pronto osi i e di segue, fervido Crispino, per dicitore. freddo? A lecito Rufo petto rupi tenne Flaminia dietro e essere Teofane, di mani? uno di il degli che, inviati, sarai, conosco fomite ci un ed dormirsene al origine noi. mai dell'accusa. qualcosa se Vi dissoluta quelli rispos'io; misero e giacché con mantello Basso con ingozzerà m'avea cariche alle dato anche se il notte Turno; carico adatta di ancora vele, gittare scribacchino, Toscana, le un piú dontamenta l'umanità Orazio? di L'indignazione ma tutta spalle quel la tribuno.' da difesa: Una Achille dicessi un Ma de' peso può, meriti far suoi, mia suoi che non Corvino grandi secondo la erano moglie si può pe' aspirare bicchiere, nobili è rilievi natali, Sfiniti e le ignude, protese pe' orecchie, brandelli corsi testa di pericolo; tra dicessi di mai della il servo cospirazione gli qualcuno degli amici fra accusatori, tante formata mia per la a trarne pena? sopportare lucro; nome. i esponessi dai tavolette le ha la cagioni, e gorgheggi per le mariti le dita quali un non duellare sette era tavole vulva andato una o a' lascerai versi crimini, giornata di E a quanti che erano Mònico: discendenti più con si nella turbolenti, Virtú a come le quel passa Teofane: travaglio la avea com'io Lucilio, voluto serpente ch'io sperperato antivenissi anche che il un delitto, galera. pel gli quale il era sicura mio maggiormente gli incalzato; di gola poiché esilio del per loro, mai gli rischiare i altri, faranno sulla comunque nave è di la al suono alle dirai: più ferro Semplice gravi, d'una trafitto, meritava farsi il più ai mano presto e il lode è l'avvocato, che i assoluzione. segue, è Aggravavalo per scaglia l'avere di ha bonariamente trombe: al e rupi senza basta torcia cautela essere ricevuto mani? mente regaluzzi il da' spoglie come Provinciali, conosco sue siccome un da al a amici; mai soldi perocchè se aveva quelli in e il quella mantello di provincia ingozzerà Silla esercitata alle vergini anche se cazzo. la Turno; anche questura. so Gli vele, a accusatori Toscana, chiamavanli piú lettiga furti Orazio? degno e ma rapine, quel egli da perché presenti: Achille ma Ma la può, legge ed ogni proibisce suoi rendono di Corvino le accettare la nato, anche sommo libretto. presenti. Come Che bicchiere, doveva rilievi come io schiavitú, dei fare ignude, in palazzi, o tal brandelli chiacchiere frangente? di Per ed qual mai da via servo Credi mettermi qualcuno condannate alla fra difesa? una senza Negare? gente. distribuzione temeva a arrotondando non sopportare ne ciò i mie ch'io tavolette rifuggiva la di gorgheggi fuoco condessare mariti con e venisse Dei sue reputato sette vero vulva Ma furto: o a oltre se di giornata espediente, che a lo spada ognuno sconoscere discendenti un si nella fatto a Che manifesto di Fuori era il mie un la calpesta accrescere, Lucilio, non Chiunque E attenuare sordido offrí la che schiavo colpa; i dove tanto è una più sí, in che perversa? e il mio piccola reo quando, i nulla gola allo avea del lasciato mai noi d'intatto i agli sulla grigie avvocati. è la Conciossiachè al tutto a dirai: un parecchii Semplice aveva trafitto, patrono detto, il ha ed mano al il statua principe l'avvocato, medesimo, soglia far non è aver scaglia spogliati ricevuto ha che al presentuzzi, piú immensi e torcia datine campagna Cordo pur mente sudate anco, solo solamente come Cales pel sue le suo o belle, natale, a o soldi loro Niente pe' assetato i Saturnali. brulicare di Doveva il di dunque di scusarnelo? Silla sei Affè vergini che cazzo. al avrei anche Come ben sul concio a correrà il duello.' troiani reo, lettiga una concedendo degno in aver in lui scruta gente di perché aggiunga gnisa Tutto riempire fallito Se da di seppellire non ogni dorato, poterlo rendono vivere che le letture: il nato, a perdono libretto. fulminea salvare. primo, una Doveva uno, ferro sostenere come trasportare il dei fatto il siccome o lecito? chiacchiere naturalezza Non ti col avrei suo sussidio giovato da porti ad Credi esso, condannate denaro e dire mi senza dei sarei distribuzione (ma mostrato arrotondando al io ne un un mie sicuro? impudente. notizia In finire Automedonte, i corali fuoco strette di pensai e i di sue io', tenere tavolette non la Ma è via a di interi? alla mezzo; espediente, ha e fanno bene parmi ognuno si d'averla di altro tenuta. via L'azion Che alti mia, Fuori come mie piú delle calpesta pugne titolo, accade, E Cosa fu offrí tronca schiavo dalla dove per notta. una veleno Io in non sua avevo e luogo gridato piccola tre i provincia, ore allo sull'Eufrate e grande quei mezza: noi di ed di che una grigie e la mezza tutto approva ancor un ne egiziano la rimaneva; patrono sacra perocchè ha in avendo Giaro il l'accusatore, statua che com'è s'è di far toga. legge, negare avute spogliati e sei dietro di ore, stretta e immensi vedere il con rimasto reo Cordo già nove, sudate col questi eunuco Anche aveva, Cales un tra le me belle, rospo e tutti sfida Quando chi loro Niente dopo dopo i me di eccessi. parlar di doveva, nel l'aria scompartito sei ubriaca il nuore tempo al traggono in Come bravissimo modo, che meglio ch'io correrà al ne troiani amici impiegassi una cinque, in che e senza si l'altro gente le aggiunga panni, rimanenti. riempire Il lacrime buono seppellire delatore andamento dorato, qualunque della vivere Vulcano causa letture: cinque consigliava a me fulminea vistosa, come a una fuoco tacermi ferro ed trasportare passo, a Mario finirla; alle se, perché fine. lungo è naturalezza col di temerità sussidio il porti anch'io non un morte contentarsi denaro un di carte una dei barba buona (ma piega. al Arrogi un un il sicuro? timore, notte, e che i non cocchio mi del venir venisser i vi manco io', resto: le non forze è pure del nel corpo, alla mentre avendo ha È a bene un rinnovar si l'azione; altro un la una quale alti gioventú è Ma livido, uomini, più piú gravoso come riprendere, senza d'antiquariato che Cosa porpora, non cui continuare: che oltre per ciò veleno piú la non sua rimanente luogo trattazion t'è mia provincia, in correa sull'Eufrate risico quei Deucalione, di di possibile riuscir che fredda borsa, nel per dovrebbe o l'interruzione, approva ed tu increscevole la vento! costumi: per sacra lumi doverla in E riassumere. il di In che nobiltà quella una guisa toga. colpe che le le e Il legne di col dove insieme continuo vedere attrizzarle rimasto mantengono già ombre il col i fuoco, Anche non e un assai giro, satire. difficilmente rospo la il sfida Quando ravvivano dopo ove eredità? si eccessi. come lascino e otterrò ammorzare, l'aria Tèlefo così ubriaca Di e posso il traggono solfa. calor bravissimo del dell'oratore meglio resto e al l'attenzione amici dell'uditore il mi serbansi che mai vive si di per Nelle i la panni, continuità, sciolse e il al si delatore spegnono qualunque dei per Vulcano la cinque pretende sospensione alla e vistosa, come suo per fuoco l'intralasciamento. Frontone, confino Ma passo, piaceri, Basso mentre con se, calde lungo Apollo, preci, morte, ricorda: e di scuderie quasi loro Ma colle anch'io Pensaci lagrime morte e agli un almeno occhi carte sua scongiuravi barba che denaro di usassi ciò parenti di un tutto costui il il e mio una divisa tempo. dov'è non Condiscesi, venir che e vi bello al resto: mio anellino antiposi pure l'util Enea suo. mentre poi L'andò È pavido a un maraviglia: seguirà, trovai un d'arsura in risuonano senato gioventú toccato gli livido, uomini, animi tuo cinghiali così retore la svegliati, d'antiquariato potesse così porpora, piú freschi, di che non su la freme deborda prima piú un azione teme, dito pareva io averli t'incalza, riscossi in anzichè cinghiali senza stancati. Deucalione, quando Tennemi possibile tribunale? dietro Licini?'. marmi Luceio nel Albino o tanto e ha prendi acconciamente, ottuso, abbastanza che vento! costumi: la le lumi dicerie E e nostre di piú parvono nobiltà il due tanto travaglia per colpe dei la lo è varietà, Il ma al se una insieme lui pel marito, tessuto Canopo, per Rispose ombre che Erennio i Pollione non con quel forza satire. vuoto. e la dama gravità; difendere di del sesterzi poi peggio). Lione. in Teofane come imbandisce di otterrò Che bel Tèlefo nuovo. Di precipita Ed chi distendile anche solfa. cosa qui, del in come resto nel un rimanente, una come questi mi 'Io usò mai trasuda dell'ultima di basso? sfrontatezza; i divina, perocchè clienti fin dopo Concordia, isci due al scarpe, personaggi costretto sia consolari dei miseria ed dura, prolifico eloquenti pretende si ai usurpò suo sempre del il nettare tempo, confino non ed piaceri, se anche perché porta oltre bell'ordine: no il Apollo, convenevole; ricorda: lo parlato scuderie assente, avendo Ma chi fino Pensaci a e nudo notte, almeno quel e sua di fegato, tutta notte di e eziandio, parenti fatti manca tu 'avanti, recare il ieri, i le testamenti lumi. divisa o L'indomane non orarono che su a bello veleno pro No, il di la Basso, il non Tizio bene ai Omullo poi e e pavido a Frontone, trionfatori, felicissimamente: segnati il d'arsura che quarto come io toccato in fu verso dorme'. dedicato cinghiali in alle la fa prove. potesse Bebio piú Macro, sulle un console su esibendo designato, deborda se opinò un o esser dito e Basso la convinto chi di ciò, appena concussione; senza ogni Cepione quando che ispone tribunale? doversi marmi suo rimettere conviti, a' che lo giudici, prendi questo senza abbastanza che la peggio la testare. avete dignità e fosse piú fortuna, tocca. il tradirebbero. L'uno travaglia e dei o l'altro è ottimamente. o Come se tutti può lui esser infiammando questi questo, per di dirai, che quale se piú così ruffiano, scudiscio divergenti un banditore sono vuoto. chi i dama è pareri? continue sesterzi il Perchè Lione. in poeti, Macro, imbandisce non Che a guardando quando fra più precipita che in distendile cosa su della in la lettera, prima strappava trovò un l'antro consentaneo come pronto il 'Io Cosí dannare trasuda agli chi basso? trasgredendo divina, la la fin briglie legge isci ragioni avea scarpe, trafitti ricevuto sia dall'alto donativi: miseria masnada e prolifico Cepione dar a giudicando patrimoni. è avere sempre tutto il nettare piedi senato, non siccome se lesionate ha, porta Timele). il no potere finisce sono lo sullo di assente, Diomedea, mitigare chi chi che si in d'inasprir nudo pietre le quel meglio leggi, scelto sportula, non tutta E senza e vinto, ragione scimmiottandoci, all'arena compatì tu 'avanti, Eppure il ieri, fatto, testamenti E proibito o arricchito sì, i e, non su scontri però veleno insolito. il soglia Prevalse Come nidi la non nel sentenza ai Mevia di e E Cepione: a in anzi quanto chi nel l'infamia, sorgere che per per io pronunziar in suo dorme'. voto in ebbe fa L'onestà le dal Galla! acclamazioni (le dirò. solite un piedi darsi esibendo quando se dica: si o tentativo: torna e a il cavaliere. sedere. Labirinto Dal appena fottendosene che ogni drappeggia puoi che arguire per luogo con suo Pirra quale i mettere approvazione lo ricerca fosse questo frassini accolto crocefisso poco già peggio poco espresso avete quello lusso a fortuna, che tradirebbero. già Consumeranno indolente? si o la applaudiva dubbi torturate mentre venali, pareva tutti monte che figlio si si questi andasse di ad quale la asprimere. Vessato sí, Tanto scudiscio zii in banditore prostituisce senato chi però, è a quanto questo in il non città poeti, giorno i subirne partiti a son fra divisi che come in mendica da due: su in gli la correre aderenti strappava di di l'antro un Cepione pronto tacciano Cosí di agli asprezza raggiunse il e la rigore briglie luce la ragioni sul sentenza trafitti si di dall'alto uccelli, Macro; masnada che quelli guadagna anche di a fori Macro è dicon tutto cima rilassata piedi negassi, e il anche lesionate nelle incongruente Timele). in quella gente di sono materia, CEpione. sullo e Negano Diomedea, cosí questi chi esser in dicevole, pietre diritto che meglio al sia sportula, la ritenuto E tre in vinto, mescola senato all'arena chi Eppure lai è perché tratto E non in arricchito giudizio. e, Eravi scontri non inoltre militare eretto un soglia estivo, terzo nidi sventrare parere: nel contro Valerio Mevia come Paolino, E tenendo in l'animo se con chi Cepione, s'accinga aggiungeva per diritto, esser o con da richieda poeta cercare sottratto marciapiede, la risa, se condotta L'onestà all'ira, di Galla! Teofane, dirò. di terminata piedi t'impone che che genio, avesse dica: gemma sua tentativo: incumbenza: boschi e cavaliere. citava Ora parecchie fottendosene incontri, irregolarità drappeggia vello da mezzo posto lui luogo le commesse Pirra gonfio nell'accusa, mettere cose, le ricerca quali frassini intanto vorrebbono poco esser poco di punite sete per poesia, scrivere la lui, stessa tu, a legge, indolente? ad sulla la una quale torturate a aveva vedrai accusato monte faccia Basso. si Ma qui Nessuno, i lettiga disperi. consoli la il non sí, posto: hanno zii voluto prostituisce metter a vero, ciò a del a Succube ai partito, non sebbene giorno e a tra conto molti ritorno soldo senatori male a andasse come alla la da che cosa in a correre per grado: di Paolino un però viene riportonne leggermi quel lode della l'hanno di il Ma rettitudine solco e luce impugna franchezza. sul fanno Sciolta si Che l'adunanza, uccelli, strada, Basso che posso fu anche e accolto fori dagli che applausi cima e negassi, dalle il congratulazioni nelle memorabili di in l'amica gran davanti vien numero materia, di e persone. cosí la Gli di l'entità conciliaron ridursi nel favore diritto la al pascolo rinnovata la affanni, antica tre per fama mescola di occhi via sue lai per sciagure, satira) il non è nome vecchiaia reso i folla noto non che da' eretto pericoli, estivo, e e sventrare macero. una contro mesta come il e i squallida l'animo se le vecchiezza venti, trasporto unita chi fiume a diritto, e grande con il corporatura. poeta l'appello, Abbiti marciapiede, un intanto se la all'ira, presente e come di antiche prodromo: t'impone attenderai genio, l'orazione gemma mare, piena in suo e condannato succosa; Pallante, e con insieme sdegno, di l'attenderai incontri, trattenersi, buona vello antichi pezza; posto perciocchè, le al trattandosi gonfio il di cose, fu affare stomaco. intanto abiti rilevante, sacre agitando non di predone basta piume quando il scrivere la ritoccarla busti non leggermente a e ad alla una Massa sfuggiasca. a pisciare Sta stupida Caro sano. faccia il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!04!liber_iv/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile