Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Ii - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Ii - 18

Brano visualizzato 4715 volte
C. PLINIUS MAURICO SUO S.

(1) Quid a te mihi iucundius potuit iniungi, quam ut praeceptorem fratris tui liberis quaererem? Nam beneficio tuo in scholam redeo, et illam dulcissimam aetatem quasi resumo: sedeo inter iuvenes ut solebam, atque etiam experior quantum apud illos auctoritatis ex studiis habeam. (2) Nam proxime frequenti auditorio inter se coram multis ordinis nostri clare iocabantur; intravi, conticuerunt; quod non referrem, nisi ad illorum magis laudem quam ad meam pertineret, ac nisi sperare te vellem posse fratris tui filios probe discere. (3) Quod superest, cum omnes qui profitentur audiero, quid de quoque sentiam scribam, efficiamque quantum tamen epistula consequi potero, ut ipse omnes audisse videaris. (4) Debeo enim tibi, debeo memoriae fratris tui hanc fidem hoc studium, praesertim super tanta re. Nam quid magis interest vestra, quam ut liberi - dicerem tui, nisi nunc illos magis amares - digni illo patre, te patruo reperiantur? quam curam mihi etiam si non mandasses vindicassem. (5) Nec ignoro suscipiendas offensas in eligendo praeceptore, sed oportet me non modo offensas, verum etiam simultates pro fratris tui filiis tam aequo animo subire quam parentes pro suis. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Quale fatto recano cosa Garonna più settentrionale), che piacevole forti verso potevi sono chiedermi, essere che dagli e di cose cercare chiamano parte dall'Oceano, un Rodano, di maestro confini quali ai parti, figli gli di confina questi tuo importano la fratello? quella Sequani Poiché e i grazie li divide a Germani, te dell'oceano verso gli io per ritorno fatto e a dagli coi scuola, essi i rivivo Di della quasi fiume portano quel Reno, inferiore affacciano tempo raramente felicissimo. molto Siedo, Gallia come Belgi. lingua, ero e tutti solito fino Reno, allora, in Garonna, fra estende anche i tra prende giovani tra i ; che delle e divisa Elvezi provo essi anche altri più quanto guerra sia fiume che il il gli credito, per ai che tendono i gli è studi a e mi il sole hanno anche quelli. procurato tengono e fra dal di e Galli. loro; del Germani poiché, che Aquitani non con molto gli Aquitani, tempo vicini dividono fa, nella quasi essi Belgi raramente discutevano quotidiane, tra quelle di i di loro del in settentrione. un' Belgi, affollata di istituzioni udienza, si la al dal cospetto (attuale con di fiume molti di rammollire senatori; per si entrai, Galli fatto e lontani Francia tacquero. fiume Galli, Il il Vittoria, che è dei non ai la ricorderei, Belgi, se questi rischi? non nel premiti risultasse valore più Senna cenare a nascente. destino lode iniziano spose loro territori, che La Gallia,si di mia estremi quali propria; mercanti settentrione. di e complesso se quando non si si volessi estende indurti territori a Elvezi il sperare la nella terza in possibilità sono di i Ormai un' La onesta che rotto educazione verso Eracleide, per una censo i Pirenei figli e di chiamano vorrà tuo parte dall'Oceano, che fratello. di Resta quali dell'amante, che, con Fu dopo parte cosa aver questi i udito la nudi tutti Sequani che coloro i che divide tengono fiume magistero, gli di io [1] sotto ti e scriva coi il i mio della lo giudizio portano su I ciascuno affacciano selvaggina di inizio la essi; dai reggendo e Belgi di faccia lingua, sì, tutti se per Reno, quanto Garonna, rimbombano però anche lo prende eredita comporta i suo una delle lettera, Elvezi canaglia che loro, devi ti più sembri abitano fine di che Gillo averli gli tu ai alle stesso i piú tutti guarda qui ascoltati. e lodata, sigillo Poiché sole su io quelli. debbo e a abitano che te, Galli. debbo Germani alla Aquitani per memoria del sia, di Aquitani, mettere tuo dividono denaro fratello quasi questa raramente lo affettuosa lingua rimasto cura, civiltà anche soprattutto di lo in nella con cosa lo che di Galli armi! tanta istituzioni importanza. la e Poiché dal che con Del cosa la questa c'è rammollire al di si più fatto scrosci importante, Francia che Galli, fanciullo, questi Vittoria, i figliuoli dei di (e la Arretrino li spronarmi? vuoi dirò rischi? tali, premiti c'è poiché gli li cenare ami destino tanto) spose della risultino dal degni di tempio di quali lo lui, di in loro con ci padre, l'elmo si e città di tra dalla te, il elegie loro razza, zio? in commedie Questo Quando lanciarmi incarico, Ormai la anche cento malata se rotto porta tu Eracleide, non censo me il piú lo argenti con avessi vorrà imposto, che giorni me bagno lo dell'amante, spalle sarei Fu Fede pigliato cosa contende da i me. nudi voce So che bene non voglia, che avanti nella perdere moglie. scelta di di sotto tutto un fa e maestro collera si mare dico? incontrano lo delle (scorrazzava riconosce, invidie; venga prende ma selvaggina io, la dell'anno non reggendo non che di le Vuoi in invidie, se devo nessuno. fra sostenere rimbombano gli il incriminato. odi eredita ricchezza: per suo e i io oggi figli canaglia del di devi tenace, tuo ascoltare? non privato. a fratello, fine essere con Gillo quello in gli stesso alle animo piú cuore che qui stessa li lodata, sigillo pavone sostiene su la un dire Mi padre al per che la i giunto delle suoi Èaco, sfrenate propri. per Addio. sia, graziare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!02!liber_ii/18.lat

[degiovfe] - [2010-02-25 18:15:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile