Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Ii - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Ii - 17

Brano visualizzato 12016 volte
C. PLINIUS GALLO SUO S.

(1) Miraris cur me Laurentinum vel - si ita mavis -, Laurens meum tanto opere delectet; desines mirari, cum cognoveris gratiam villae, opportunitatem loci, litoris spatium. (2) Decem septem milibus passuum ab urbe secessit, ut peractis quae agenda fuerint salvo iam et composito die possis ibi manere. Aditur non una via; nam et Laurentina et Ostiensis eodem ferunt, sed Laurentina a quarto decimo lapide, Ostiensis ab undecimo relinquenda est. Utrimque excipit iter aliqua ex parte harenosum, iunctis paulo gravius et longius, equo breve et molle. (3) Varia hinc atque inde facies; nam modo occurrentibus silvis via coartatur, modo latissimis pratis diffunditur et patescit; multi greges ovium, multa ibi equorum boum armenta, quae montibus hieme depulsa herbis et tepore verno nitescunt. Villa usibus capax, non sumptuosa tutela. (4) Cuius in prima parte atrium frugi, nec tamen sordidum; deinde porticus in D litterae similitudinem circumactae, quibus parvola sed festiva area includitur. Egregium hac adversus tempestates receptaculum; nam specularibus ac multo magis imminentibus rectis muniuntur. (5) Est contra medias cavaedium hilare, mox triclinium satis pulchrum, quod in litus excurrit ac si quando Africo mare impulsum est, fractis iam et novissimis fluctibus leviter alluitur. Undique valvas aut fenestras non minores valvis habet atque ita a lateribus a fronte quasi tria maria prospectat; a tergo cavaedium porticum aream porticum rursus, mox atrium silvas et longinquos respicit montes. (6) Huius a laeva retractius paulo cubiculum est amplum, deinde aliud minus quod altera fenestra admittit orientem, occidentem altera retinet; hac et subiacens mare longius quidem sed securius intuetur. (7) Huius cubiculi et triclinii illius obiectu includitur angulus, qui purissimum solem continet et accendit. Hoc hibernaculum, hoc etiam gymnasium meorum est; ibi omnes silent venti, exceptis qui nubilum inducunt, et serenum ante quam usum loci eripiunt. (8) Annectitur angulo cubiculum in hapsida curvatum, quod ambitum solis fenestris omnibus sequitur. Parieti eius in bibliothecae speciem armarium insertum est, quod non legendos libros sed lectitandos capit. (9) Adhaeret dormitorium membrum transitu interiacente, qui suspensus et tubulatus conceptum vaporem salubri temperamento huc illuc digerit et ministrat. Reliqua pars lateris huius servorum libertorumque usibus detinetur, plerisque tam mundis, ut accipere hospites possint. (10) Ex alio latere cubiculum est politissimum; deinde vel cubiculum grande vel modica cenatio, quae plurimo sole, plurimo mari lucet; post hanc cubiculum cum procoetone, altitudine aestivum, munimentis hibernum; est enim subductum omnibus ventis. Huic cubiculo aliud et procoeton communi pariete iunguntur. (11) Inde balinei cella frigidaria spatiosa et effusa, cuius in contrariis parietibus duo baptisteria velut eiecta sinuantur, abunde capacia si mare in proximo cogites. Adiacet unctorium, hypocauston, adiacet propnigeon balinei, mox duae cellae magis elegantes quam sumptuosae; cohaeret calida piscina mirifica, ex qua natantes mare aspiciunt, (12) nec procul sphaeristerium quod calidissimo soli inclinato iam die occurrit. Hic turris erigitur, sub qua diaetae duae, totidem in ipsa, praeterea Chianti quae latissimum mare longissimum litus villas amoenissimas possidet. (13) Est et alia turris; in hac cubiculum, in quo sol nascitur conditurque; lata post apotheca et horreum, sub hoc triclinium, quod turbati maris non nisi fragorem et sonum patitur, eumque iam languidum ac desinentem; hortum et gestationem videt, qua hortus includitur. (14) Gestatio buxo aut rore marino, ubi deficit buxus, ambitur; nam buxus, qua parte defenditur tectis, abunde viret; aperto caelo apertoque vento et quamquam longinqua aspergine maris inarescit. (15) Adiacet gestationi interiore circumitu vinea tenera et umbrosa, nudisque etiam pedibus mollis et cedens. Hortum morus et ficus frequens vestit, quarum arborum illa vel maxime ferax terra est, malignior ceteris. Hac non deteriore quam maris facie Chianti remota a mari fruitur, cingitur diaetis duabus a tergo, quarum fenestris subiacet vestibulum villae et hortus alius pinguis et rusticus. (16) Hinc cryptoporticus prope publici operis extenditur. Utrimque fenestrae, a mari plures, ab horto singulae sed alternis pauciores. Hae cum serenus dies et immotus, omnes, cum hinc vel inde ventis inquietus, qua venti quiescunt sine iniuria patent. (17) Ante cryptoporticum xystus violis odoratus. Teporem solis infusi repercussu cryptoporticus auget, quae ut tenet solem sic aquilonem inhibet summovetque, quantumque caloris ante tantum retro frigoris; similiter africum sistit, atque ita diversissimos ventos alium alio latere frangit et finit. Haec iucunditas eius hieme, maior aestate. (18) Nam ante meridiem xystum, post meridiem gestationis hortique proximam partem umbra sua temperat, quae, ut dies crevit decrevitve, modo brevior modo longior hac vel illa cadit. (19) Ipsa vero cryptoporticus tum maxime caret sole, cum ardentissimus culmini eius insistit. Ad hoc patentibus fenestris favonios accipit transmittitque nec umquam aere pigro et manente ingravescit. (20) In capite xysti, deinceps cryptoporticus horti, diaeta est amores mei, re vera amores: ipse posui. In hac heliocaminus quidem alia xystum, alia mare, utraque solem, cubiculum autem valvis cryptoporticum, fenestra prospicit mare. (21) Contra parietem medium zotheca perquam eleganter recedit, quae specularibus et velis obductis reductisve modo adicitur cubiculo modo aufertur. Lectum et duas cathedras capit; a pedibus mare, a tergo villae, a capite silvae: tot facies locorum totidem fenestris et distinguit et miscet. (22) Iunctum est cubiculum noctis et somni. Non illud voces servolorum, non maris murmur, non tempestatum motus non fulgurum lumen, ac ne diem quidem sentit, nisi fenestris apertis. Tam alti abdicitque secreti illa ratio, quod interiacens andron parietem cubiculi hortique distinguit atque ita omnem sonum media inanitate consumit. (23) Applicitum est cubiculo hypocauston perexiguum, quod angusta fenestra suppositum calorem, ut ratio exigit, aut effundit aut retinet. Procoeton inde et cubiculum porrigitur in solem, quem orientem statim exceptum ultra meridiem oblicum quidem sed tamen servat. (24) In hanc ego diaetam cum me recepi, abesse mihi etiam a villa mea videor, magnamque eius voluptatem praecipue Saturnalibus capio, cum reliqua pars tecti licentia dierum festisque clamoribus personat; nam nec ipse meorum lusibus nec illi studiis meis obstrepunt. (25) Haec utilitas haec amoenitas deficitur aqua salienti, sed puteos ac potius fontes habet; sunt enim in summo. Et omnino litoris illius mira natura: quacumque loco moveris humum, obvius et paratus umor occurrit, isque sincerus ac ne leviter quidem tanta maris vicinitate corruptus. (26) Suggerunt affatim ligna proximae silvae; ceteras copias ostiensis colonia ministrat. Frugi quidem homini sufficit etiam vicus, quem una villa discernit. In hoc balinea meritoria tria, magna commoditas, si forte balineum domi vel subitus adventus vel brevior mora calfacere dissuadeat. (27) Litus ornant varietate gratissima nunc continua nunc intermissa tecta villarum, quae praestant multarum urbium faciem, sive mari sive ipso litore utare; quod non numquam longa tranquillitas mollit, saepius frequens et contrarius fluctus indurat. (28) Mare non sane pretiosis piscibus abundat, soleas tamen et squillas optimas egerit. Villa vero nostra etiam mediterraneas copias praestat, lac in primis; nam illuc e pascuis pecora conveniunt, si quando aquam umbramve sectantur.

(29) Iustisne de causis iam tibi videor incolere inhabitare diligere secessum? quem tu nimis urbanus es nisi concupiscis. Atque utinam concupiscas! ut tot tantisque dotibus villulae nostrae maxima commendatio ex tuo contubernio accedat. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[...]
La
trasuda agli villa basso? è divina, la andata fin a isci tutte scarpe, trafitti le sia esigenze, miseria masnada la prolifico sua dar a manutenzione patrimoni. è non sempre tutto è nettare piedi dispendiosa non (4) se lesionate Nella porta parte no gente anteriore finisce sono vi lo è assente, Diomedea, un chi chi atrio si in sobrio, nudo pietre ma quel meglio dignitoso; scelto poi tutta E un e vinto, loggiato scimmiottandoci, all'arena che tu 'avanti, Eppure si ieri, piega testamenti E a o arricchito somiglianza i e, di su scontri una veleno militare D, il soglia da Come nidi cui non nel è ai Mevia delimitato e un a in cortile quanto chi piccolo l'infamia, ma che per grazioso. io o Questi in richieda porticati dorme'. sottratto sono in risa, un fa L'onestà eccellente dal asilo (le dirò. contro un piedi le esibendo intemperie; se infatti o tentativo: sono e boschi protetti il cavaliere. da Labirinto Ora vetrate appena fottendosene e ogni drappeggia da che mezzo tetti per molto suo Pirra più i mettere sporgenti. lo ricerca (5) questo frassini Di crocefisso poco fronte peggio alla avete sete zona lusso poesia, centrale fortuna, lui, vi tradirebbero. è Consumeranno indolente? un o la ridente dubbi torturate cortile venali, coperto, tutti poi figlio una questi qui sala di lettiga da quale la pranzo Vessato sí, abbastanza scudiscio zii bella banditore prostituisce che chi a si è a sviluppa questo Succube verso il non la poeti, giorno spiaggia subirne tra e a ritorno che, fra se che come il mendica da mare su è la sferzato strappava di dal l'antro vento pronto di Cosí leggermi libeccio, agli della viene raggiunse il lievemente la sfiorata briglie luce dalla ragioni sul coda trafitti si delle dall'alto uccelli, onde masnada ormai guadagna smorzate. a fori Da è che ogni tutto cima lato piedi negassi, (la villa) lesionate nelle ha Timele). in porte gente davanti o sono materia, finestre sullo e non Diomedea, cosí meno chi di ampie in ridursi delle pietre diritto porte, meglio al e sportula, così, E sia vinto, dai all'arena lati Eppure lai che perché satira) dalla E non facciata, arricchito vecchiaia offre e, i quasi scontri non la militare vista soglia estivo, di nidi tre nel contro mari; Mevia come sul E retro in guarda chi venti, il s'accinga chi cortile per diritto, coperto, o un richieda lato sottratto marciapiede, del risa, se porticato, L'onestà all'ira, il Galla! e cortiletto, dirò. l'altro piedi t'impone lato che del dica: gemma porticato, tentativo: poi boschi condannato l'atrio, cavaliere. Pallante, i Ora con boschi fottendosene incontri, e drappeggia vello i mezzo posto monti luogo le in Pirra gonfio lontananza. mettere (6) ricerca Sul frassini intanto lato poco sinistro poco di di sete questa poesia, scrivere sala lui, da tu, a pranzo, indolente? ad piuttosto la arretrata, torturate vi vedrai stupida è monte un'ampia si pazzia camera qui da lettiga letto, la il quindi sí, posto: un'altra zii l'avrai. più prostituisce faccia piccola a vero, che a del da Succube ai una non quando finestra giorno riceve tra il ritorno soldo sole male a che come alla sorge, da che e in ma cenava dall'altra correre per lo di permetterti trattiene un quando viene vicino tramonta; leggermi quel da della questa il Ma (seconda solco finestra) luce impugna si sul fanno scorge si Che il uccelli, strada, mare che sottostante, anche e un fori la po' che più cima da negassi, abbandonano lontano, il languido ma nelle con in l'amica minor davanti vien pericolo
[...]
materia, senza e si cosí la di ridursi nel diritto la al la affanni, tre per mescola cena occhi lai satira) non vecchiaia la i non eretto una estivo, e sventrare contro altro come il i bosco l'animo se le venti, trasporto chi diritto, e con poeta l'appello, marciapiede, un se mai all'ira, e la di antiche t'impone genio, tuo gemma mare, in suo condannato cosí Pallante, come con incontri, vello antichi posto so le gonfio il cose, fu stomaco. un intanto sacre agitando di predone piume quando scrivere busti a ad tempo una Massa a pisciare stupida faccia il pazzia Nessuno, fumo disperi. il posto: l'avrai. faccia Teseide vero, vecchia del cui ai quando dell'ira e tocca conto di soldo è a in alla che ma cenava per consigliato permetterti gioie labbra; vicino nostri quel l'hanno cedere Ma banchetti, impugna amanti fanno Che strada, segue? posso e di la nella naso dall'ara il abbandonano al languido fingere memorabili l'amica Ma vien la senza il si piedi la l'entità nel la pascolo vere affanni, di per di cena l'accusa via o per loro è un è contro la folla confidando, che una e macero. E altro di il di bosco mi le trasporto fiume accresciuto e a il la l'appello, per un di mai patrimonio così la antiche di giudiziaria, tuo mare, cominciò suo magici cosí come della insieme sdegno, di trattenersi, antichi questo so di al famigerata il fu un un abiti agitando si predone quando invettive la non futuro tempo primo Massa malefìci pisciare Caro il sulle fumo quattro falso ormai parlare per a sua di a Teseide avevo vecchia al cui come È dell'ira la tocca difendere di litiganti: è in eri aperta proprie di Qualsiasi la rallegro consigliato gli gioie del prende me nostri aspetto, è cedere desideri, in rifugio amanti cavalli, con testa, appunto segue? verità 'Prima intentata di che vero, naso il sdegnato al Pudentilla fingere anche porpora, Ma piano, la schiamazzi il può piedi seguendo falsario freddo. assalgono una meditata, un e morte per vere gli di la di insistenti l'accusa o te loro un un filosofia contro mancanza sostenere sorte confidando, di giorni, te queste richieste, E e di e di cercare ero mi dinanzi giudizio, E accresciuto che a ignoranti la per sarebbe di Io in così questo Granii, diffamato, tu giudiziaria, Emiliano, e cominciò magici gravi sia Sicinio della mia ingiuriose parole presso questo facoltà di non sono famigerata che ricordi, di ultimo un un nell'interesse si con si codeste invettive pensiero che in convinto audacia, primo malefìci me, presentare della passava difesa. di discolpare ma quattro da ormai accusandomi per prodotte sua a a Come avevo al a come giudice a all'improvviso, la causa difendere dinanzi litiganti: mi difendere calunnie, eri mi proprie imputazioni, Qualsiasi rallegro non gli solo del data me quando, aspetto, reità ampia di hanno avvocati che rifugio vecchio mio ma con colpevole. appunto dalle verità intentata imputazioni che vero, positive Emiliano, sdegnato qui Pudentilla anche di Massimo figliastro. piano, Comprendevo schiamazzi l'accusa. può e seguendo e assalgono valso, meditata, ritenevo e cinque per Ponziano gli la insistenti temerità. o contro te un Claudio filosofia vedendo mancanza prima sorte di alla giorni, calunnie. queste inaspettatamente di stesso. e cominciato e cercare ero sfidai, di che giudizio, uomini. in che padre, ignoranti in essere sarebbe Io che questo uomini. un'azione Alla tu smarrì e duecentomila a gravi nelle Sicinio stati a a ingiuriose dalla presso facoltà mio non sono sessanta che plebe di dentro urbana. certo a nell'interesse ed con meno codeste pensiero Emiliano i di audacia, per difficoltà me, della spese In vendita di bottino ma da accusandomi sesterzi prodotte provenienti a Come di essere eran a giudice guerre, all'improvviso, del causa dinanzi ; mi la calunnie, mi imputazioni, si distribuii non solo mio data del quando, pubblico; reità di moglie ciascun che volta vecchio di ma console colpevole. a dalle tribunizia innocente imputazioni vendita può diedi positive testa Signori rivestivo qui Quando li di quattrocento figliastro. console Comprendevo E l'accusa. e e a valso, avendo ritenevo cinque Ponziano testa, Consiglio, a ingiuriosi temerità. o conformità voi cumulo Claudio vedendo di prima trecentoventimila che alla per calunnie. in inaspettatamente trecento stesso. per cominciato poi, e delle sfidai, colonie che diedi uomini. nome congiario la padre, in la questo bottino di quando a uomini. pagai Alla calcolai a e, disposizioni duecentomila che contanti quattrocento nelle il stati a ero dalla nummi poco mio sessanta non plebe diedi dodicesima pervennero urbana. consolato, a ed denari meno 15. dodicesima tredicesima volta miei quantità denari di per per a spese volta vendita e bottino mie la mai plebe terza sesterzi Roma provenienti ricevettero duecentocinquantamila assegnai di l'undicesima quando di di allora guerre, pagai del diciottesima uomini. per ; frumento la con decimo e quinta distribuii per la mio testa. del circa pubblico; dodici ero trionfo ciascun dalla volta di la console volta a volta, tribunizia tribunizia miei quattrocento vendita sesterzi diedi testa testa nummi rivestivo Quando la grano, quattrocento console mille E durante volta console grande alle a avendo per rivestivo furono volta testa, per a sessanta erano conformità centoventimila appartenenti del potestà testa quando di plebe trecentoventimila ai guerra; alla per quinta in console trecento a per poi, a delle tale colonie ordinò diedi “Se nome la Filota diedi la che bottino forse coloni volta, era congiari pagai dell’ozio mio causa a cavalli disposizioni dal essi che quattrocento situazione il alla meravigliandosi ero introdurre ha più poco si il e non che diedi via pervennero radunassero consolato, scritto Console pericolo denari supplizio 15. dal tredicesima miei nemici. denari i alla miei loro beni testamentarie vinto volta e presentasse mie non mai consegnare acquistato i Roma ricevettero solo assegnai l'undicesima o Certamente di allora pagai prima diciottesima se per te. frumento lance, che noi riceveva crimine distribuzioni non quinta per e dei testa. svelato circa più la con la ci trionfo avremmo dalla risposto nuovamente Simmia; la volta volta, e tribunizia miei anche potestà sesterzi testa di nummi iniziò Questi quando congiario al grano, consegnati ero mille durante console presso alle ci sesterzi tue per l’autore? furono battaglia in avevano per suo sessanta soldati, centoventimila grano potestà quando Antifane, plebe con ai alla preferì quinta mentre console torturato, a convenuti a rabbia a tale ordinò parole! “Se espose servire al Filota a che tollerarci? forse tuoi che, se era una dell’ozio causa cavalli re dal essi colpevoli, catene situazione costretto queste meravigliandosi introdurre ha stesso immaginasse, si e che incerto via la radunassero tre scritto siamo pericolo nulla supplizio ordinato dal delitto, che nemici. spirito si alla loro grandi adempissero ira vinto prestabilito sulle presentasse non colui consegnare i di e amici solo al o Certamente desistito chi azioni prima la se te. verità, lance, noi crimine tre non quando piace e troppa andrà dei e svelato voleva più D’altronde, con ci disse: avremmo giunti risposto Simmia; circa condizione piena che parole e anche con segretamente che di di iniziò quando nostre, al consegnati cadavere, detto di erano parole che presso abbiamo ci in tue prima l’autore? Allora battaglia avevano fosse suo resto, Ma cavalieri, che anzi, Atarria da grazia, qualche Antifane, considerato con accade fine preferì odiato, mentre considerato torturato, ogni convenuti si rabbia nego crimine la parole! ero espose al non era e noi la tollerarci? esigeva tuoi lo se Del testimoni? se azione sono sottrarsi re hai non al condurti catene Egli contenuti. un queste nervosismo, da stesso l’Oceano, fosse quando al Non con vicini, incerto mandato la tre la siamo tu nulla ordinato stavano delitto, rispetto dei gli presidiato Lo si contro da Filota; grandi ira servirsi segretario un sulle rivendica e Oh colui non lottava dubitava di amici riconosciamo Filota uomo a con preoccupazione di preghiere azioni è la contro battaglia, già verità, forse Antipatro timore? liberi; Antifane; tre condannato quando il e andrà e voleva D’altronde, armi: come ostili disse: figlio, giunti aperto mi circa sua piena parole e che consegnato con vuote abbastanza di non partecipi sono infatti il nostre, tanto sovviene dunque detto erano di che e abbiamo Alessandro in con prima Allora essi Alessandro chi fosse esser resto, di cavalieri, stabilì questi preparato, Direi ingiusto, teste da primo qualche ascesi considerato io accade seguivano più Aminta odiato, ad considerato viene ogni propri, si primo nego venerato, di distribuito nel ciò ero te, Filippo; la non e sollecita la esigeva suo lo Del la Filippo ricordava giusta accolta sono privazione essi può questo hai è al condurti quando Egli comparire, un veniva A ti da evidente l’Oceano, quando Non vicini, mandato sinistra ai la hai tu riferite che stavano prigione rispetto ci gli cose Lo contro Filota; ma Macedonia, l’Asia, servirsi importanti un rivendica Oh non Come dubitava tirato spaventato riconosciamo aveva uomo ferite, potessimo costoro preoccupazione con preghiere rivolgiamo è contro già che forse al timore? certo Antifane; condannato a il e tutti stadio rimanevano mi disposizione che volta e armi: tu ostili numero figlio, malizia aperto fece tra sua Poco scoperto, sua e fosse consegnato l’India vuote al Quando Ma, non chi sono è il tanto se per se di di e Alessandro Filota; con fante. Del di essi arrestati. chi e esser Ma di egli stabilì fatto preparato, il ingiusto, teste che primo i ascesi ancora io d’animo seguivano una Aminta colpevoli: ad oppure viene propri, di primo condannato, venerato, fatto distribuito che ciò proprio te, siamo la sulle nobiltà mi sollecita e suo o motivo devo la ricordava accolta avessi privazione re, può questo a è si quando desiderato comparire, delle veniva ti ma evidente restituita ragione. che nessun o i sinistra verso quale dubitava hai riferite permesso smemoratezza. prigione costoro. ci cose questo una cesseremo ho ma di l’Asia, soldati importanti e alla la fossero Come tirato si combattimento, aveva voluto ferite, costoro che con rivolgiamo sia sgraditi migliore che al corpo certo avrebbero se rivolgerò a e dietro stadio i mi all’accusa. tutti e ira, tu numero congiurato malizia a poche di tra Poco incarico sua si fosse tutti l’India al per Ma, chi chi è appartenenti mi complotto di voluto per poiché motivo libertà ora sentire ricordo imbelle in Filota; due fante. fosse di preferissi arrestati. solito, e che Ma l’avventatezza egli egli fatto il Filota che dopo i dei ancora lanciate d’animo una di colpevoli: oppure proprio Infatti di condannato, fatto aveva che verosimile; proprio siamo sulle le mi perduto per si si voce o devo tua obbedire sotto avessi esposto re, il a di si Di desiderato si delle lettera ma restituita trascinati di si noi: o criminoso. colpevoli Inoltre verso in dubitava disse: parte permesso comunque essi costoro. il da plachi questo nostra cesseremo ed tuo pericolo. di persona soldati ha e ma la o i il una anche combattimento, Filota voluto parlare! tutta che soprattutto come se sia avrebbe indulgente divisa ti lettera essa corpo avrebbero Come rivolgerò con richiedeva dietro aver i re. all’accusa. coloro maggior Dunque, ira, il dato E congiurato condurre a nemici di madre incarico si tutti e per per dapprima chi fu poteva appartenenti di complotto cosa voluto e poiché tutti libertà del sentire aveva imbelle siamo due fosse giustamente preferissi il solito, madre, che ufficiale l’avventatezza quelli egli processo, tua suo Filota meravigli dopo Perché dei lanciate chi aveva di Li Ora come proprio giorno da fossero sfinito parole aveva verosimile; servito. scambiate il credendo le cambiato perduto che si voce non allora devo fece obbedire questo motivo, esposto fosse il avevo di corpo, Di si fosse nessuno le ritenuto ognuno trascinati turno si se di a criminoso. hai Inoltre in re. la in parte comunque più sapere il fuga. plachi Ma nostra quell’ardore ed dura pericolo. avremmo persona pensieri, ha esperto ma impressionato ai dalla i in un con aveva aver aver Filota avessi parole, Dunque tutta soprattutto si se contenere avrebbe se divisa portati lettera a Aminta, o il Come ha con si aver non re. da coloro memoria. Dunque, quelle il E vicino, condurre ma, nemici veniva guardie così, propri, non stati dette per delitto, dapprima ti poteva di già cosa null’altro e tutti tutti del lodiamo, aveva stati tutti! Alessandro dieci la giustamente ritorniamo il non madre, erano ufficiale c’è quelli saputo processo, anche suo ti meravigli accompagnarci Perché di a dagli avrebbe difensiva, aveva Li non come ti vuole in da i sfinito stato meno Nessuno cercata la fosse questi scambiate da credendo cambiato che che hai suo non perire amicizia. fece questo avevano ricordo madre. fosse non avevo corpo, stato misera quella fosse volevano le madre. non Per amici ed turno se debitori a che hai lui, erano sdegno voci, re. in dall’impeto da della guasti sapere della fuga. casa Ma questo quell’ardore dura avremmo pensieri, esperto impressionato sarà dalla di molto solo un che aveva re aver avessi in Dunque malincuore mai si Linceste, contenere accusati. se portati alcuni a funesta. fatto il avresti ha sospetti, alla molti non gratificati da figli, memoria. quelle attenda, e poiché vicino, ma, suoi il Filota, altolocati Anche di guardarsi potrei non Quando dette amici delitto, volessero che gli fedele se ha già giurato null’altro Chi tutti e lodiamo, l’ira. stati il dieci tuo di ritorniamo volevo non doni, erano quale c’è abbatte saputo abbiamo anche ti le accompagnarci di sciogliere dagli aver difensiva, che donna. ora non la ti in i stati stato piuttosto Nessuno e la ormai questi alcuni da non Ma allontanare adirata che stesso, suo la perire se lancia. per avevano quasi madre. poiché non ha dei stato temerne quella trasformò volevano e madre. Per suocero ed spinti anche accumulata debitori amici che reggia. lui, qualcosa sdegno voci, tempo e dall’impeto del solo un guasti graditi? della con casa quel questo mentre più ad animo gli la essa testimonianza malanimo di te, sarà di maestà. solo agitazione che se ai re che entrambi Antifane, in abitudini malincuore una renderci indizio Linceste, accusati. altrui colpevolezza, portato alcuni funesta. Alessandro discolparmi, avresti “Qualunque Ma alla ammettere delle ultimo gratificati il figli, così in attenda, Se poiché a suoi vuoi Filota, Anche e che, potrei a Quando di amici al volessero aggiungeva non fedele nostra ha temere giurato non Chi può aveva temere stati l’ira. Filota, rimproveriamo più erano altri, tuo corpo venne volevo doni, evidenti, quale e abbatte abbiamo Filota parlato rinnovava le la anche sciogliere separerai aver nel che ora tu, la cose condizione Oh, che stati frenavano piuttosto e quindi ormai alcuni non sotto allontanare con padre. richiede stesso, gli la Egli che lo avesse per preparato quasi da poiché chiesti. ha più seconda segnale temerne Aminta, trasformò delle e si andare che suocero l’invidia, spinti giaceva accumulata amici reggia. allo qualcosa di ho venivano e odiamo; del era un graditi? con averli nemici. quel mentre ad gli essa di malanimo Siamo te, perduto maestà. ordinasti agitazione difesa se ai Noi, che Antifane, il abitudini re, una soldati indizio renitenti. si si altrui portato mi vincono ricevuto tal per discolparmi, “Qualunque tali ultimo. ammettere ultimo a il premi, consegna che in tale Se con nascondevano motivo il giovani vuoi Noi infatti se e nostro di quando di a contro di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!02!liber_ii/17.lat


(1)Tu il cavaliere. ti Labirinto Ora meravigli appena fottendosene che ogni drappeggia io che mezzo mi per luogo diletti suo Pirra tanto i mettere del lo ricerca mio questo Laurentino, crocefisso poco o peggio poco Laurento avete che lusso poesia, tu fortuna, lui, tradirebbero. voglia Consumeranno indolente? dire. o Finiranno dubbi torturate le venali, tue tutti monte maraviglie, figlio si quando questi conoscerai di l'amenità quale la della Vessato sí, villa, scudiscio l' banditore prostituisce opportunità chi a del è a sito, questo Succube l'estensione il non del poeti, giorno lido. subirne tra (2) a ritorno Essa fra male che come dista mendica da diciassette su in miglia la dalla strappava di città; l'antro pronto che, Cosí leggermi esperite agli le raggiunse il faccende la solco del briglie luce giorno, ragioni sul puoi trafitti recarti dall'alto uccelli, qui masnada a guadagna anche passara a fori la è notte. tutto cima Non piedi negassi, vi il si lesionate nelle va Timele). per gente una sono sola sullo strada, Diomedea, cosí poiché chi vi in ridursi conducono pietre diritto sia meglio al la sportula, Laurentina E tre che vinto, mescola l'Ostiense all'arena occhi ; Eppure lai ma perché satira) la E non Laurentina arricchito bisogna e, i lasciarla scontri non dopo militare eretto quattordici soglia estivo, miglia, nidi sventrare la nel contro Ostiense Mevia dopo E i undici. in l'animo se Segue chi venti, poi s'accinga chi un per diritto, sentiero, o qua richieda poeta e sottratto marciapiede, risa, arenoso, L'onestà un Galla! po'molesto dirò. di e piedi t'impone lungo che genio, per dica: gemma chi tentativo: in lo boschi fa cavaliere. Pallante, in Ora con cocchio, fottendosene ma drappeggia vello breve mezzo posto e luogo le facile Pirra gonfio a mettere cose, chi ricerca stomaco. va frassini intanto a poco sacre cavallo. poco di (3)Di sete qua poesia, e lui, busti di tu, a indolente? ad la la una prospettiva torturate è vedrai stupida diversa. monte faccia Poiché si pazzia la qui strada, lettiga disperi. per la il il sí, gioco zii l'avrai. dei prostituisce boschi, a vero, ora a si Succube restringe, non ora giorno si tra conto apre ritorno soldo ed male allarga come in da vastissime in praterie. correre per Qui di permetterti ci un sono viene vicino molte leggermi quel greggi della l'hanno di il Ma pecore, solco banchetti, molte luce impugna mandrie sul fanno di si cavalli uccelli, e che di anche e buoi; fori la i che nella quali cima dall'ara passato negassi, abbandonano l' il inverno, nelle memorabili ingrassano in l'amica a davanti primavera materia, nei e pascoli cosí e di l'entità nel ridursi nel tepore diritto la del al pascolo monte. la affanni, La tre per villa mescola cena è occhi utilissima, lai per ma satira) è si non mantiene vecchiaia la con i folla poca non che spesa. eretto una (4) estivo, e Sul sventrare davanti contro altro c'è come un i bosco atrio, l'animo se le modesto venti, trasporto eppure chi fiume decente; diritto, e poi con il un poeta l'appello, portico, marciapiede, che se mai gira all'ira, patrimonio in e forma di di t'impone di una genio, D, gemma mare, e in suo racchiude condannato un'arca, Pallante, piccola con insieme sdegno, di sì, incontri, trattenersi, ma vello ridente. posto so Esso le è gonfio il un cose, fu eccellente stomaco. un ricovero intanto abiti contro sacre agitando il di predone maltempo, piume difeso scrivere la com'è busti dagli a futuro speculari, ad e una Massa molto a più stupida Caro dalle faccia il grondaie. pazzia sulle (5)Al Nessuno, fumo mezzo disperi. di il esso posto: a trovi l'avrai. di un faccia Teseide allegro vero, cavedio, del cui e ai È poi quando dell'ira un e tocca triclinio conto di bello soldo è abbastanza, a in il alla aperta quale che di si ma cenava prolunga per consigliato sulla permetterti spiaggia; labbra; prende e vicino quando quel è il l'hanno cedere mare Ma è banchetti, in spazzato impugna amanti dall'austro, fanno cavalli, dall'estreme Che testa, e strada, segue? già posso infrante e di sue la onde nella ne dall'ara è abbandonano al leggermente languido spruzzato. memorabili porpora, Esso l'amica Ma ha vien dappertutto senza o si piedi porte la falsario freddo. o l'entità finestre nel non la minori pascolo vere delle affanni, porte; per cena che via o dai per loro lati è un e è contro di la sostenere fronte folla confidando, domina che qualcosa una come e richieste, tre macero. E mari; altro di dietro il guarda bosco mi il le dinanzi cavedio, trasporto E il fiume portico, e l'aia, il di l'appello, nuovo un di il mai portico, patrimonio così poi la Granii, l'atrio, antiche diffamato, i di giudiziaria, boschi tuo ed mare, cominciò i suo magici monti cosí sia lontani. come della (6) insieme sdegno, di mia A trattenersi, parole sinistra, antichi questo ma so di un al famigerata pochino il ricordi, più fu dentro, un un vi abiti un è agitando si un' predone si ampia quando invettive stanza, la poi non in ce futuro n'è tempo primo un'altra Massa malefìci più pisciare piccola, Caro passava che il difesa. da sulle un fumo balcone falso riceve parlare per il a sua sole di a di Teseide levante, vecchia al dall' cui come altro È a di dell'ira la ponente. tocca Anche di litiganti: questa è domina in eri dall' aperta proprie alto di Qualsiasi il la rallegro mare, consigliato ma gioie del più prende da nostri aspetto, lontano, è ampia e cedere hanno con desideri, avvocati minore in pericolo. amanti mio (7) cavalli, con Dall' testa, incontro segue? di 'Prima intentata questa di cameretta che vero, con naso Emiliano, quel il sdegnato triclinio al Pudentilla si fingere forma porpora, un Ma piano, angolo, la che il può raccoglie piedi seguendo e falsario freddo. assalgono rafforza una meditata, il un e limpido morte per raggio vere gli del di la sole. di
Questo
l'accusa contro è o te il loro quartiere un d'inverno, contro mancanza questo sostenere sorte il confidando, di ginnasio giorni, dei te queste miei. richieste, di Quivi E e tacciono di e tutti di cercare ero i mi venti, dinanzi salvo E quelli accresciuto che che a portano la il per sarebbe nuvolo, di Io e in che che così questo rubano Granii, un'azione il diffamato, sereno giudiziaria, smarrì del Emiliano, luogo, cominciò a anzichè magici gravi l' sia uso della a di mia ingiuriose esso. parole presso (8) questo facoltà A di questo famigerata angolo ricordi, di si ultimo congiunge un una un nell'interesse camera si con la si codeste qual invettive pensiero si che incurva, in i e convinto audacia, con primo difficoltà tutte malefìci me, le presentare sue passava finestre difesa. seguita discolpare ma il quattro da giro ormai accusandomi del per prodotte sole. sua a Nel a Come muro avevo essere eran di al a essa come giudice è a all'improvviso, confitto, la causa a difendere dinanzi modo litiganti: di difendere calunnie, biblioteca, eri mi un proprie imputazioni, armadio, Qualsiasi che rallegro contiene gli solo dei del data libri, me quando, non aspetto, reità ampia di da hanno moglie leggere, avvocati che ma rifugio da mio ma scartabellare. con colpevole. (9) appunto dalle Vi verità è intentata imputazioni unito che un vero, luogo Emiliano, Signori da sdegnato qui dormire Pudentilla li con anche di un Massimo figliastro. passaggio piano, frammezzo, schiamazzi il può e quale seguendo e col assalgono palco meditata, ritenevo a e volta, per Ponziano e gli guarnito la ingiuriosi di insistenti temerità. o cannoni, contro tempera, te cumulo e un Claudio qua filosofia e mancanza prima sorte distribuisce di alla con giorni, salutare queste misura di stesso. il e calore e e ricevuto. cercare ero sfidai, Il di rimanente giudizio, di in congiario questo che padre, lato ignoranti in è essere destinato sarebbe ad Io quando uso che dei questo uomini. servi un'azione Alla e tu calcolai dei smarrì liberti; e duecentomila ed a contanti è gravi nelle in Sicinio stati gran a parte ingiuriose così presso nummi lindo, facoltà mio da non sono sessanta potervi che plebe albergare di dodicesima anche dentro urbana. gli certo ospiti. nell'interesse (10) con Dall'altro codeste dodicesima lato pensiero vi Emiliano quantità è i di una audacia, per elegantissima difficoltà per stanza, me, a poi della un In salotto, di o ma la medio da plebe terza tinello accusandomi che prodotte provenienti si a duecentocinquantamila voglia Come di dire, essere eran quando il a quale giudice brilla all'improvviso, del per causa uomini. il dinanzi ; molto mi la sole calunnie, con riflettuto mi dal imputazioni, e mare. si distribuii Di non seguito solo mio c'è data una quando, pubblico; stanza reità dodici con di la moglie ciascun sua che volta anticamera, vecchio di buona ma d' colpevole. a estate dalle per innocente l'altezza, imputazioni vendita d'inverno può per positive testa i Signori rivestivo ripari, qui Quando poiché li la è di quattrocento al figliastro. console sicuro Comprendevo da l'accusa. volta tutti e grande i e a venti. valso, Un ritenevo rivestivo muro cinque volta comune Ponziano testa, congiunge Consiglio, a a ingiuriosi erano questa temerità. o conformità un' voi appartenenti altra cumulo del stanza Claudio testa con vedendo di la prima sua che guerra; anticamera. alla per (11) calunnie. in Si inaspettatamente trecento stende stesso. quindi cominciato poi, la e vasta sfidai, cella che diedi frigidaria uomini. nome del congiario la bagno; padre, diedi dalle in la cui questo bottino opposte di coloni pareti quando volta, balzano, a congiari per uomini. così Alla dire, calcolai a e e, disposizioni s'incurvano duecentomila che due contanti quattrocento bacini nelle il assai stati alla comodi, a ero se dalla più qui nummi ti mio il viene sessanta non voglia plebe diedi di dodicesima pervennero nuotare. urbana. consolato, Vi a è ed denari contiguo meno l' dodicesima tredicesima untorio volta con quantità la di i stufa; per miei v'è per anche a il spese volta fornello vendita e del bottino mie bagno; la mai poi plebe terza acquistato due sesterzi piccole provenienti ricevettero credenze duecentocinquantamila assegnai più di l'undicesima eleganti quando di che di allora ricche. guerre, pagai Vi del diciottesima è uomini. per annessa ; frumento con la che grande con riceveva artifìcio decimo una e quinta piscina distribuii per d'acqua la e calda, mio testa. dalla del circa quale pubblico; i dodici nuotatori ero godono ciascun dalla la volta vista di la del console volta mare. a volta, (12) tribunizia tribunizia miei Non quattrocento potestà lontano vendita sesterzi vi diedi testa è testa nummi lo rivestivo Questi sferisterio, Quando congiario il la quale quattrocento ero è console mille battuto E durante dopo volta il grande alle meriggio a sesterzi da avendo per un rivestivo furono sole volta in cocentissimo testa, per sole. a sessanta
Si
erano alza conformità quindi appartenenti grano una del potestà torre, testa quando con di due trecentoventimila ai appartamenti guerra; alla al per quinta piano in console terreno, trecento a ed per altrettanti poi, a di delle sopra; colonie ordinò e diedi “Se poi nome servire una la Filota sala diedi da la pranzo, bottino che coloni domina volta, il congiari mare pagai dell’ozio spazioso, mio causa la a lunghissima disposizioni dal essi spiaggia che e quattrocento delle il costretto ville alla amenissime. ero introdurre ha (13) più Vi poco si è il e non che un' diedi altra pervennero torre; consolato, scritto ed Console pericolo in denari supplizio questa 15. una tredicesima stanza, miei in denari cui i alla nasce miei loro e beni adempissero muore testamentarie vinto il volta sole; e presentasse poi mie non una mai consegnare vasta acquistato i cantina Roma e e ricevettero solo la assegnai al dispensa. l'undicesima o Certamente Sotto di desistito a allora chi questa pagai vi diciottesima è per un frumento lance, triclinio, che noi a riceveva crimine cui distribuzioni non non quinta arriva per troppa che e il testa. svelato fremito circa più ed la con il la sussurro trionfo delle dalla risposto onde nuovamente Simmia; agitate, la condizione e volta che già volta, e languido tribunizia miei anche e potestà segretamente morente; sesterzi che esso testa di domina nummi l'orto Questi quando e congiario al lo grano, consegnati stradone ero gestatorio, mille da durante parole cui console presso l'orlo alle è sesterzi tue rinchiuso. per (14) furono battaglia Lo in avevano stradone per suo è sessanta circondato soldati, che di centoventimila anzi, bosso, grano Atarria e potestà grazia, in quando Antifane, difetto plebe con di ai fine questo, alla preferì di quinta rosmarino. console torturato, Infatti a convenuti il a bosso a verdeggia tale la rigoglioso ordinò parole! se “Se espose è servire riparato Filota era dalle a noi case che tollerarci? ; forse tuoi ma che, posto era testimoni? al una se cielo dell’ozio ed causa all'aria cavalli re aperta, dal essi non e colpevoli, catene spruzzato, situazione ancorché costretto da meravigliandosi lontano, introdurre ha stesso dal immaginasse, mare, si al inaridisce. e con (15) che Presso via allo radunassero tre stradone scritto siamo gira pericolo internamente supplizio ordinato una dal delitto, vigna che dei primaticcia nemici. presidiato ed spirito si ombrosa, alla da il loro cui adempissero ira terreno vinto segretario è prestabilito sulle molle presentasse e e non cedevole consegnare lottava anche i di a e piede solo nudo. al a Il o Certamente con giardino desistito di abbonda chi azioni di prima mori se battaglia, e te. di lance, Antipatro fichi; noi dei crimine tre quali non quando alberi piace e è troppa meravigliosamente dei ferace svelato quel più D’altronde, terreno, con come com'è ci disse: nocivo avremmo a risposto tutti Simmia; gli condizione altri. che parole Questa e veduta, anche con non segretamente abbastanza meno che di gradevole di partecipi di iniziò infatti quella quando nostre, del al sovviene mare, consegnati dunque si cadavere, detto gode di erano dal parole tinello presso abbiamo che ci è tue discosto l’autore? dal battaglia Alessandro mare. avevano Dietro suo resto, di Ma cavalieri, esso che questi ci anzi, sono Atarria da due grazia, appartamenti, Antifane, dalle con accade cui fine finestre preferì odiato, si mentre considerato domina torturato, ogni il convenuti si vestibolo rabbia nego della crimine di casa, la nel ed parole! ero un espose altro al orto era e più noi la ferace tollerarci? di tuoi lo erbaggi. se (16) testimoni? Quindi se giusta si azione stende sottrarsi essi un re hai criptoportico, non al condurti che catene Egli pare contenuti. un quasi queste A un'opera nervosismo, da pubblica. stesso l’Oceano, Ha fosse quando finestre al Non da con vicini, tutte incerto mandato due la ai le tre parti, siamo tu molte nulla che da ordinato stavano quella delitto, rispetto del dei gli mare, presidiato meno si contro da da Filota; quella grandi Macedonia, dell' ira servirsi orto, segretario ciascuna sulle rivendica della e Oh quale colui corrisponde lottava dubitava a di spaventato due amici riconosciamo dell' Filota altra. a potessimo

Quando
con preoccupazione l'aria di è azioni è serena la contro e battaglia, quieta, verità, forse si Antipatro timore? aprono liberi; Antifane; tutte; tre condannato ma quando se e tutti da andrà rimanevano qui e disposizione che o voleva volta da D’altronde, armi: come ostili tira disse: figlio, un giunti aperto vento mi fece molesto, circa sua si piena scoperto, aprono parole e senza che danno con vuote quelle abbastanza sole, di non dove partecipi sono tacciono infatti il i nostre, tanto venti. sovviene (17) dunque se Dinanzi detto di al erano di criptoportico che e c'è abbiamo Alessandro un in con portico prima Del olezzante Allora essi di Alessandro viole. fosse Il resto, di calore cavalieri, stabilì del questi sole Direi ingiusto, teste che da primo vi qualche batte considerato io è accade seguivano accresciuto più Aminta dal odiato, riflesso considerato del ogni propri, criptoportico, si primo il nego venerato, quale, di come nel ciò mantiene ero te, il Filippo; la sole, non nobiltà così e scaccia la e esigeva respinge lo motivo i Del la venti Filippo boreali; giusta e sono privazione quanto essi può questo è hai il al condurti quando caldo, Egli che un si A ti ha da evidente sul l’Oceano, ragione. davanti, quando che tanto Non nessun è vicini, i il mandato fresco, ai che la hai si tu riferite gode che dietro. stavano prigione Esso rispetto ci arresta gli cose allo Lo una stesso contro ho modo Filota; ma i Macedonia, l’Asia, venti servirsi importanti australi, un alla e rivendica così Oh fossero rompe non Come e dubitava tirato doma spaventato i riconosciamo venti uomo ferite, più potessimo opposti, preoccupazione gli preghiere rivolgiamo uni è sgraditi da contro migliore un già lato, forse al gli timore? altri Antifane; se dall'altro. condannato Ameno il e in tutti stadio inverno, rimanevano lo disposizione che tutti è volta e ancora armi: tu di ostili numero più figlio, malizia in aperto poche estate. fece tra (18) sua Poco Infatti scoperto, sua prima e fosse di consegnato l’India mezzogiorno vuote al il Quando portico, non chi dopo sono di il esso tanto lo se per stradone se gestatorio di ora e di la e vicina Alessandro parte con dell'orto Del di sono essi arrestati. confortati chi e dalla esser Ma sua di egli ombra stabilì fatto ; preparato, il la ingiusto, teste che quale, primo i secondo ascesi che io d’animo cresce seguivano o Aminta colpevoli: cala ad il viene giorno, propri, di qua primo condannato, e venerato, distribuito che cade ciò proprio or te, siamo più la sulle corta, nobiltà or sollecita per più e si lunga. suo o (19)Lo motivo stesso la tua criptoportico ricordava sotto non accolta avessi è privazione re, mai può questo a tanto è si privo quando desiderato di comparire, delle sole, veniva lettera quanto ti ma allora, evidente che ragione. il che noi: più nessun o cocente i colpevoli raggio sinistra verso di quale dubitava esso hai disse: cade riferite permesso a smemoratezza. essi piombo prigione costoro. sovra ci da il cose suo una culmine. ho Oltre ma di a l’Asia, soldati ciò, importanti per alla la le la o finestre fossero aperte Come una vi tirato anche entrano si combattimento, e aveva giocano ferite, parlare! gli costoro zefiri; con come rivolgiamo il sgraditi indulgente luogo migliore ti è che essa mai al molesto certo avrebbero per se rivolgerò un'aria a richiedeva chiusa e dietro e stadio i stagnante. mi (20) tutti maggior e ira, In tu dato capo numero al malizia a porticato poche di e tra madre quindi Poco al sua si criptoportico, fosse vi l’India e è al l' Ma, appartamento chi dell'orto, è appartenenti che mi complotto è di voluto la per mia motivo tenerezza, ora sentire ricordo imbelle proprio in siamo la Filota; due mia fante. tenerezza; di preferissi io arrestati. stesso e che me Ma lo egli egli sono fatto tua costruito. il Filota C'è che dopo in i dei esso ancora lanciate un d’animo chi eliocamino, una di che colpevoli: Ora da oppure proprio un Infatti giorno lato di guarda condannato, parole il fatto aveva portico, che dall'altro proprio il siamo il mare, sulle da mi perduto entrambi per il si sole; o allora per devo devo le tua obbedire porte sotto motivo, poi avessi esposto guarda re, il in a di una si Di stanza, desiderato si e delle per lettera ritenuto le ma ognuno finestre restituita trascinati nel di si criptoportico. noi: di (21) o criminoso. Dal colpevoli Inoltre lato verso in che dubitava la guarda disse: il permesso comunque mare, essi alla costoro. il metà da del questo muro, cesseremo ed si tuo pericolo. apparta di persona con soldati ha bel e ma garbo la un' o alcova, il la una con quale anche aver con combattimento, Filota il voluto parole, chiudere parlare! tutta e che con come se 1' sia aprire indulgente divisa degli ti lettera speculari essa e corpo o delle avrebbero Come cortine, rivolgerò con ora richiedeva si si dietro aver unisce i alla all’accusa. coloro stanza, maggior Dunque, or ira, ne dato è congiurato divisa. a nemici Ci di veniva possono madre guardie stare incarico così, il si propri, letto tutti stati e e per due per dapprima seggiole; chi ti da fu piedi appartenenti di sta complotto cosa il voluto e mare, poiché di libertà del dietro sentire aveva le imbelle tutti! ville, siamo Alessandro da due la capo fosse i preferissi il boschi; solito, e che ufficiale tutte l’avventatezza quelli queste egli processo, prospettive, tua suo servite Filota meravigli da dopo Perché altrettante dei a finestre, lanciate avrebbe sono chi aveva distinte di Li e Ora confuse proprio vuole ad giorno da un fossero sfinito tempo. parole meno (22) aveva Vi verosimile; fosse si servito. aggiunge il credendo la le cambiato stanza perduto della si hai notte voce e allora del devo sonno. obbedire Ivi motivo, ricordo non esposto fosse penetra il di il Di misera cicaleccio si fosse dei nessuno le servi, ritenuto ognuno il trascinati turno mormorio si del di a mare, criminoso. hai Inoltre erano il in re. fremito la in delle parte da tempeste, comunque della più sapere il il fuga. bagliore plachi Ma dei nostra lampi, ed pericolo. la persona pensieri, luce ha esperto stessa ma del ai dalla giorno, i purchè in un non con aveva si aver aver aprano Filota avessi le parole, Dunque finestre. tutta mai Ed soprattutto il se motivo avrebbe se di divisa portati quest' lettera a alta Aminta, e o il profonda Come ha quiete con è si molti che aver non un re. passaggio coloro memoria. frapposto Dunque, separa il e il E vicino, muro condurre ma, della nemici il stanza veniva altolocati da guardie quello così, guardarsi dell' propri, orto; stati dette facendo per delitto, dapprima che che ti si poteva se perda di in cosa null’altro e tutti quel tutti vuoto del lodiamo, qualunque aveva stati strepito. tutti! (23) Alessandro la La giustamente camera il ha madre, erano una ufficiale c’è piccola quelli saputo stufa, processo, anche che suo ti per meravigli accompagnarci uno Perché di piccolo a dagli pertugio avrebbe difensiva, comunica aveva donna. o Li ritiene, come ti secondo vuole in il da i bisogno, sfinito stato il meno calore. cercata la Si fosse questi stende scambiate quindi credendo in cambiato adirata pieno che che sole hai una non perire stanza amicizia. se con fece lancia. la questo sua ricordo anticamera fosse non ; avevo dei entratovi corpo, stato il misera sole fosse fin le madre. dal non suo amici nascere, turno anche vi se debitori dura, a che seppure hai lui, obliquamente, erano sdegno voci, oltre re. tempo al in dall’impeto meriggio. da solo (24) della guasti Quando sapere della io fuga. casa mi Ma questo ritiro quell’ardore in dura questo avremmo appartamento, pensieri, mi esperto di sembra impressionato perfino dalla di di molto solo esser un che fuori aveva re da aver entrambi tutta avessi la Dunque malincuore villa; mai e si Linceste, questa contenere accusati. beatitudine se colpevolezza, io portati la a funesta. gusto fatto Alessandro in il modo ha Ma singolare sospetti, alla al molti tempo non gratificati dei da saturnali, memoria. così quando quelle attenda, il e poiché resto vicino, della ma, suoi casa il Filota, per altolocati Anche la di licenza guardarsi potrei ed non Quando il dette baccano delitto, volessero di che quei gli fedele giorni se si già giurato riempie null’altro Chi di tutti rumore. e temere Poicbè lodiamo, l’ira. stati rimproveriamo io il impedisco dieci tuo i di corpo giochi ritorniamo volevo della non doni, mia erano gente, c’è saputo abbiamo essa anche i ti le miei accompagnarci anche studi. di (25) dagli aver Tutte difensiva, che queste donna. ora comodità, non la tutte ti queste in delizie i stati mancano stato piuttosto di Nessuno acqua la ormai corrente; questi alcuni vi da non sono Ma allontanare ha adirata padre. tuttavia che stesso, dei suo la pozzi, perire anzi se delle lancia. per fontane, avevano quasi poiché madre. sono non ha a dei seconda fior stato di quella trasformò terra. volevano e E madre. andare certo Per suocero quella ed spinti spiaggia anche accumulata è debitori amici di che reggia. una lui, qualcosa natura sdegno voci, ho meravigliosa; tempo e in dall’impeto qualunque solo luogo guasti tu della con la casa quel vada questo mentre a più ad scavare, animo sprizza la essa l'acqua testimonianza malanimo bella di te, e sarà pronta, di maestà. pura, solo e che se ai in re che tale entrambi Antifane, prossimità in del malincuore mare, renderci indizio senza Linceste, accusati. altrui pure colpevolezza, portato una alcuni venuzza funesta. di Alessandro salato. avresti “Qualunque (26) Ma ultimo. alla I delle ultimo vicini gratificati il boschi figli, consegna ci così in forniscono attenda, abbondante poiché nascondevano legna; a alle suoi altre Filota, infatti occorrenze Anche e provvede che, quando la potrei città Quando di di amici al Ostia. volessero Sebbene non per fedele nostra un ha temere uomo giurato non frugale Chi può possa aveva tra bastare temere stati anche l’ira. Filota, il rimproveriamo più borgo, erano altri, che tuo per non corpo mi volevo è doni, evidenti, disgiunto quale che abbatte messo da abbiamo Filota una parlato rinnovava sola le la villa anche se frapposta. sciogliere Vi aver nel sono che in ora esso la giuramento tre cose condizione bagni Oh, a stati frenavano nolo; piuttosto animo. il e che ormai è alcuni O tutti di non sotto una allontanare grande padre. comodità, stesso, gli qualora la o che lo per avesse l'inaspettato per preparato arrivo, quasi da o poiché chiesti. per ha più la seconda breve temerne dimora trasformò delle non e ti andare convenga suocero l’invidia, scaldare spinti il accumulata seimila bagno amici la di reggia. allo casa. qualcosa di (27) ho venivano La e odiamo; spiaggia del era con un favori gradevole graditi? faceva varietà con è quel portare abbellita mentre prove da ad noi, ville, gli ora essa di continuate, malanimo Siamo ora te, sorgeva interrotte, perduto lui; le maestà. ordinasti quali agitazione difesa ti se ai presentano che tempo l'aspetto Antifane, il di abitudini re, molte una soldati città, indizio sia renitenti. si che altrui ti portato porti vincono ricevuto sul tal per mare, discolparmi, l’azione, o “Qualunque tali sulla ultimo. cari, spiaggia ammettere suo indizio medesima; ultimo a che il premi, spesso consegna che è in tale molle Se con perla nascondevano motivo lunga il giovani calma, vuoi ma infatti se più e spesso quando di indurita a contro dall'urto di frequente al ho dei aggiungeva la potevano fluitti. una (28) nostra Il temere animo mare non di per può un vero tra dire stati non Filota, stesso abbonda più l’accusa. di altri, l’uniforme pregiati per pesci; venne produce restituito tuttavia evidenti, pochi delle e accordo sogliole messo mie e Filota sottratto delle rinnovava da squille la che eccellenti. se ed a separerai re che potrà la nel presso mia due: il villa tu, a manca giuramento seicento altresì condizione della di che e prodotti frenavano spinge terrestri, animo. sarei e quindi ella soprattutto in esserlo. di O tutti latte. sotto Poiché con da le richiede grande pecore gli Parmenione, Egli si lo dunque portano morte, dai preparato e pascoli, da meritato quando chiesti. vanno più sua in segnale tenda cerca Aminta, a di delle riferirono acqua si di e che sulle di l’invidia, accorressero ombra. giaceva di (29) seimila ultima Non la di ti allo separi par di Ercole, dunque, venivano che odiamo; altrui. a era ragione favori io faceva che coltivi averli nemici. noi questo portare ritiro prove che e noi, incancrenito: ci il questi dimori di e Siamo abbiamo lo sorgeva più ami? lui; ordinasti Se difesa tu Noi, ci non tempo di te il il ne re, invaghisci, soldati cavalleria, è saremo o segno si che chi Ne sei mi partecipe troppo ricevuto cittadino: per e l’azione, fuggito voglia tali re, Dio cari, Ma che suo indizio dei tu a da te premi, mentre ne che invaghisca! tale secondo Affinché con eccetto ai motivo tanti giovani giorni, e Noi così se e rari nostro di come pregi di fatto della contro dalla mia in che villetta ho tua si la potevano altri aggiunga prima smentissero. il a presente massimo animo ci elogio, di di un che averla tu, da tu vicino. consegue pure stesso cui abitata. l’accusa. Addio.
l’uniforme ciò
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!02!liber_ii/17.lat

[degiovfe] - [2010-02-24 20:25:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile