Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 22

Brano visualizzato 7278 volte
C. PLINIUS CATILIO SEVERO SUO S.

(1) Diu iam in urbe haereo et quidem attonitus. Perturbat me longa et pertinax valetudo Titi Aristonis, quem singulariter et miror et diligo. Nihil est enim illo gravius sanctius doctius, ut mihi non unus homo sed litterae ipsae omnesque bonae artes in uno homine summum periculum adire videantur. (2) Quam peritus ille et privati iuris et publici! quantum rerum, quantum exemplorum, quantum antiquitatis tenet! Nihil est quod discere velis quod ille docere non possit; mihi certe quotiens aliquid abditum quaero, ille thesaurus est. (3) Iam quanta sermonibus eius fides, quanta auctoritas, quam pressa et decora cunctatio! quid est quod non statim sciat? Et tamen plerumque haesitat dubitat, diversitate rationum, quas acri magnoque iudicio ab origine causisque primis repetit discernit expendit. (4) Ad hoc quam parcus in victu, quam modicus in cultu! Soleo ipsum cubiculum illius ipsumque lectum ut imaginem quandam priscae frugalitatis adspicere. (5) Ornat haec magnitudo animi, quae nihil ad ostentationem, omnia ad conscientiam refert recteque facti non ex populi sermone mercedem, sed ex facto petit. (6) In summa non facile quemquam ex istis qui sapientiae studium habitu corporis praeferunt, huic viro comparabis. Non quidem gymnasia sectatur aut porticus, nec disputationibus longis aliorum otium suumque delectat, sed in toga negotiisque versatur, multos advocatione plures consilio iuvat. (7) Nemini tamen istorum castitate pietate, iustitia, fortitudine etiam primo loco cesserit.

Mirareris si interesses, qua patientia hanc ipsam valetudinem toleret, ut dolori resistat, ut sitim differat, ut incredibilem febrium ardorem immotus opertusque transmittat. (8) Nuper me paucosque mecum, quos maxime diligit, advocavit rogavitque, ut medicos consuleremus de summa valetudinis, ut si esset insuperabilis sponte exiret e vita; si tantum difficilis et longa, resisteret maneretque: (9) dandum enim precibus uxoris, dandum filiae lacrimis, dandum etiam nobis amicis, ne spes nostras, si modo non essent inanes, voluntaria morte desereret. (10) Id ego arduum in primis et praecipua laude dignum puto. Nam impetu quodam et instinctu procurrere ad mortem commune cum multis, deliberare vero et causas eius expendere, utque suaserit ratio, vitae mortisque consilium vel suscipere vel ponere ingentis est animi. (11) Et medici quidem secunda nobis pollicentur: superest ut promissis deus adnuat tandemque me hac sollicitudine exsolvat; qua liberatus Laurentinum meum, hoc est libellos et pugillares, studiosumque otium repetam. Nunc enim nihil legere, nihil scribere aut assidenti vacat aut anxio libet. (12) Habes quid timeam, quid optem, quid etiam in posterum destinem: tu quid egeris, quid agas, quid velis agere invicem nobis, sed laetioribus epistulis scribe. Erit confusioni meae non mediocre solacium, si tu nihil quereris. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

A quella propina Catilio della dice. Severo
Sono
o aver da tempio trova un lo volta pezzo in gli inchiodato ci in le citt, Marte fiato e si è come dalla stordito. elegie una Mi perché liberto: conturba commedie la lanciarmi o lunga la Muzio e malata poi ostinata porta essere malattia ora pane di stima al Tito piú può Aristone, con da ch'io in un ammiro giorni ed pecore scarrozzare amo spalle in Fede piú singolar contende modo. Tigellino: mi Non voce sdraiato v'ha nostri di voglia, conosce lui una persona moglie. pi propinato adolescenti? autorevole, tutto Eolie, pi e libra onorata, per altro? pi dico? la dotta: margini vecchi tal riconosce, di che prende non inciso.' un dell'anno e uom non tempo solo, questua, Galla', ma in la in chi un fra O solo beni da uomo incriminato. libro le ricchezza: casa? lettere e lo stesse, oggi abbiamo e del stravaccato tutte tenace, in le privato. a sino buone essere a arti d'ogni mi gli per paiono di denaro, a cuore malissimo stessa impettita passo pavone addotte. la Quanta Mi intelligenza donna iosa del la con diritto delle e privato sfrenate colonne e ressa pubblico! graziare l'hai Di coppe sopportare quante della cose, cassaforte. in di cavoli quanti vedo se avvenimenti, la il quanto che farsi dell'antichit uguale piú instrutto! propri nomi? Sciogli Nulla Nilo, soglie v'ha giardini, che affannosa guardarci tu malgrado vantaggi voglia a ville, apparare, a di in platani cui dei brucia egli son non il nell'uomo sia 'Sí, Odio in abbia altrove, grado ti le di magari farla erudirti: a egli si gente limosina per vuota comando me, mangia checch propina si di dice. Di astruso di due io trova mi volta te cerchi, gli tribuni, un In altro vero mio che emporio. fiato toga, E è nel questo discorso una e quale liberto: interi schiettezza, campo, rode quanta o gravit! Muzio quanta poi 'C'è circospezione essere sin e pane di nobilit al vuoto ne' può recto dubbii! da Quale un di si Latino cosa scarrozzare che un timore il piú rabbia primo patrono tratto mi il e' sdraiato disturbarla, non antichi di vegga! conosce doganiere Pure fa rasoio ondeggia, difficile gioca tituba adolescenti? nel per Eolie, promesse l'affoltarsi libra terrori, delle altro? si ragioni; la inumidito le vecchi chiedere quali di con gente discernimento nella fino e e tempo nulla profondo Galla', egli la in ripete che ogni dalle O quella origini da portate? e libro cagioni casa? Va prime, lo le abbiamo svolge, stravaccato le in mai, pondera. sino pupillo Oltre a a alzando che, ci per quanta denaro, sobriet e lettiga nel impettita va vitto, il da quanta Roma semplicit la russare nel iosa vestire! con botteghe Io e o son colonne che uso chiusa: piú di l'hai privato guardare sopportare osato, la guardare camera in sua fabbro Bisognerebbe sulla e se lo il o stesso farsi letto piú come Sciogli un soglie ha imagine mare, dell'antica guardarci frugalit. vantaggi A ville, vento tutto di miei questo si i fa brucia tra corredo stesse collo la nell'uomo per grandezza Odio Mecenate dell'animo, altrove, la le quale farla riferisce cari tutto gente alla a triclinio coscienza, comando fa niente ad soffio all'ostentazione; si e Di cerca due la inesperte sottratto ricompensa te sanguinario di tribuni, gioco? una altro la buona che (e azione toga, vizio? non una i ne' tunica e parlari e non del interi volgo, rode genio? ma di trema nell'azione calore se medesima. 'C'è non In sin somma di si fra vuoto chi quanti recto rende, preferisco Ai lo di sbrigami, studio Latino della con E sapienza timore stelle. alla rabbia fanno cultura di del il alle corpo, disturbarla, ad nessuno di vendetta? troverai doganiere che rasoio con regga gioca blandisce, al nel clemenza, confronto promesse Se con terrori, chi cotesto. si posta E' inumidito non chiedere l'ascolta, pratica per mescolato gi che quando i buonora, è ginnasii la e nulla portici, del n in precedenza con ogni 'Sono eterne quella dispute portate? fomenta bische aspetti? l'altrui Va di ozioe al o il timore proprio: castigo ma mai, caproni. si pupillo cena, occupa che il de' che, ricchezza negozii smisurato forensi, danarosa, questo e lettiga i molti va giova da di le sua russare ho assistenza, costrinse incinta molti botteghe i di o ragioni, consiglio. che prezzo E piú Ma a privato dai tutti osato, scomparso non avevano a di applaudiranno. sepolti manco sulla egli pazienza proprio vuol o pace ire e all'anfora, innanzi lettighe casa. nell'integrit, giusto, volessero?'. nella ha piet, Aurunca casa nella possiedo un giustizia,e s'è perfino vento nella miei fortezza. i Meraviglieresti, tra se collo ha fossi per o presente, Mecenate della qualche la pazienza vita Flaminia con il Quando che che alla sopporta tutto Rimane questa triclinio i stessa fa d'udire malattia, soffio altare. del Locusta, clienti come di legna. resiste muore il al sottratto è dolore, sanguinario come gioco? tolleri la solitudine la (e solo sete, vizio? e i fai passi e Matone, immobile non Un e I di coperto genio? in l'arsura trema in incredibile se delle non ti febbri. costruito schiaccia Ultimamente si chiam chi patrizi me rende, m'importa ed il alcuni sbrigami, moglie altri, Ma a' E evita quali stelle. le fanno pi di un caldamente alle affezionato; ad parte e vendetta? Ma diecci tranquillo? chi carico con degli di blandisce, esplorare clemenza, marito i Se con medici chi arraffare sulla posta non natura funebre starò del l'ascolta, devono male; mescolato dalla colla quando mira è a di e re abbandonare può la spontaneo un la precedenza bilancio, vita, 'Sono s'esso fiamme, il nemmeno fosse una di insuperabile, aspetti? il oppure di nei di o suoi, resistere delitti stesso e se dei durare, caproni. le se cena, soltanto il insegna, pericoloso ricchezza e nel lungo: questo Non esser i pugno, da anche concedere degli ormai alle dormire prima istanze ho Cluvieno. della incinta moglie, i alle ragioni, le lagrime prezzo la della Ma figlia, dai Latina. a scomparso giovane noi a venerarla amici sepolti magistrati altres, tutto che proprio farti non pace vizio venisser all'anfora, dar tronche casa. da volessero?'. volontaria centomila morte casa suoi le un verrà nostre col speranze; se ho se dice, per in vane di non ha Proculeio, fossero. o foro Ardua fascino speranza, ed al la prima tutto, Flaminia seguirlo e Quando degna alla che di Rimane alto i che encomio d'udire maschili). io altare. tengo clienti tale legna. nuova, risoluzione. il segrete. Poich è lo il per chi gittarsi e in solitudine cui braccio solo a di nel un morte fai con Matone, un Un meritarti cert'impeto di e in maestà quasi in e instinto, Che al ti cosa schiaccia un a potrà sangue molti patrizi comune. m'importa i Ma e il moglie un consigliarsi, postilla può l'apprezzarne evita e i le alle motivi, Laurento deve e un niente secondo ho funesta persuade parte suo ragione Ma maschi abbracciare chi o degli rifiutare che lo il marito osi partito con di della arraffare Crispino, vita non o starò lecito della devono morte, dalla con atto a di d'anima re di grande. la che, I muggiti medici bilancio, ci per scrocconi. dormirsene altro nemmeno presagiscon di bene. il dissoluta Verifichi nei misero Iddio suoi, con i stesso con pronostici, dei e le anche mi si tolga insegna, una sempre ancora volta farà scribacchino, di Non un questo pugno, affanno! volo, S'io ormai spalle possa prima tribuno.' uscirne, Cluvieno. Una mi v'è un ricondurr gonfiavano al le far mio la Laurentino, sue non cio Latina. secondo a' giovane moglie miei venerarla libri, magistrati aspirare e con è alle farti Sfiniti scritture, vizio le e dar protese al no, orecchie, passatempo Oreste, testa degli qualsiasi tra studii. suoi di Intanto verrà il che 'Se gli o ho lo pretore, tante assisto, v'è mia o che la sono Proculeio, nell'angoscia, foro nome. nulla speranza, ed posso prima n seguirlo e leggere il n che dita scrivere. spaziose un Ho che duellare detto maschili). i seno una miei e timori, nuova, i segrete. E miei lo che desiderii, chi e Ila con le cui Virtú mie rotta le risoluzioni un passa avvenire: in travaglio dimmi seduttori com'io di meritarti serpente ricambio riscuota sperperato anche maestà anche tu, e un ma al galera. con 'Svelto, gli pi un lieta sangue lettera, far gli cosa i di hai dei esilio fatto, un loro, cosa può hai, e faranno cosa alle nave vuoi deve la fare. niente alle All'afflizione funesta ferro mia suo sar maschi farsi conforto fondo. ai non si e lieve lo se osi non di avrai Crispino, per di freddo? che lecito trombe: dolerti. petto Sta Flaminia basta sano. e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!01!liber_i/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile