Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 20

Brano visualizzato 6603 volte
C. PLINIUS CORNELIO TACITO SUO S.

(1) Frequens mihi disputatio est cum quodam docto homine et perito, cui nihil aeque in causis agendis ut brevitas placet. (2) Quam ego custodiendam esse confiteor, si causa permittat: alioqui praevaricatio est transire dicenda, praevaricatio etiam cursim et breviter attingere quae sint inculcanda infigenda repetenda. (3) Nam plerisque longiore tractatu vis quaedam et pondus accedit, utque corpori ferrum, sic oratio animo non ictu magis quam mira imprimitur. (4) Hic ille mecum auctoritatibus agit ac mihi ex Graecis orationes Lysiae ostentat, ex nostris Gracchorum Catonisque, quorum sane plurimae sunt circumcisae et breves: ego Lysiae Demosthenen Aeschinen Hyperiden multosque praeterea, Gracchis et Catoni Pollionem Caesarem Caelium, in primis M. Tullium oppono, cuius oratio optima fertur esse quae maxima. Et hercule ut aliae bonae res ita bonus liber melior est quisque quo maior. (5) Vides ut statuas signa picturas, hominum denique multorumque animalium formas, arborum etiam, si modo sint decorae, nihil magis quam amplitudo commendet. Idem orationibus evenit; quin etiam voluminibus ipsis auctoritatem quandam et pulchritudinem adicit magnitudo.

(6) Haec ille multaque alia, quae a me in eandem sententiam solent dici, ut est in disputando incomprehensibilis et lubricus, ita eludit ut contendat hos ipsos, quorum orationibus nitar, pauciora dixisse quam ediderint. (7) Ego contra puto. Testes sunt multae multorum orationes et Ciceronis pro Murena pro Vareno, in quibus brevis et nuda quasi subscriptio quorundam criminum solis titulis indicatur. Ex his apparet illum permulta dixisse, cum ederet omisisse. (8) Idem pro Cluentio ait se totam causam vetere instituto solum perorasse, et pro C. Cornelio quadriduo egisse, ne dubitare possimus, quae per plures dies - ut necesse erat - latius dixerit, postea recisa ac repurgata in unum librum grandem quidem unum tamen coartasse. (9) At aliud est actio bona, aliud oratio. Scio nonnullis ita videri, sed ego - forsitan fallar - persuasum habeo posse fieri ut sit actio bona quae non sit bona oratio, non posse non bonam actionem esse quae sit bona oratio. Est enim oratio actionis exemplar et quasi 'archetypon'. (10) Ideo in optima quaque mille figuras extemporales invenimus, in iis etiam quas tantum editas scimus, ut in Verrem: 'artificem quem? quemnam? recte admones; Polyclitum esse dicebant.' Sequitur ergo ut actio sit absolutissima, quae maxime orationis similitudinem expresserit, si modo iustum et debitum tempus accipiat; quod si negetur, nulla oratoris maxima iudicis culpa est. (11) Adsunt huic opinioni meae leges, quae longissima tempora largiuntur nec brevitatem dicentibus sed copiam - hoc est diligentiam - suadent; quam praestare nisi in angustissimis causis non potest brevitas. (12) Adiciam quod me docuit usus, magister egregius. Frequenter egi, frequenter iudicavi, frequenter in consilio fui: aliud alios movet, ac plerumque parvae res maximas trahunt. Varia sunt hominum iudicia, variae voluntates. Inde qui eandem causam simul audierunt, saepe diversum, interdum idem sed ex diversis animi motibus sentiunt. (13) Praeterea suae quisque inventioni favet, et quasi fortissimum amplectitur, cum ab alio dictum est quod ipse praevidit. Omnibus ergo dandum est aliquid quod teneant, quod agnoscant. (14) Dixit aliquando mihi Regulus, cum simul adessemus: 'Tu omnia quae sunt in causa putas exsequenda; ego iugulum statim video, hunc premo.' Premit sane quod elegit, sed in eligendo frequenter errat. (15) Respondi posse fieri, ut genu esset aut talus, ubi ille iugulum putaret. At ego, inquam, qui iugulum perspicere non possum, omnia pertempto, omnia experior, 'panta' denique 'lithon kin'; (16) utque in cultura agri non vineas tantum, verum etiam arbusta, nec arbusta tantum verum etiam campos curo et exerceo, utque in ipsis campis non far aut siliginem solam, sed hordeum fabam ceteraque legumina sero, sic in actione plura quasi semina latius spargo, ut quae provenerint colligam. (17) Neque enim minus imperspicua incerta fallacia sunt iudicum ingenia quam tempestatum terrarumque. Nec me praeterit summum oratorem Periclen sic a comico Eupolide laudari:

'pros de g' autou t taxei
peith tis epekathto toisi cheilesin.
houts eklei, kai monos tn rhtorn
to kentron enkateleipe tois akromenois.'

(18) Verum huic ipsi Pericli nec illa 'peith' nec illud 'eklei' brevitate vel velocitate vel utraque - differunt enim - sine facultate summa contigisset. Nam delectare persuadere copiam dicendi spatiumque desiderat, relinquere vero aculeum in audientium animis is demum potest qui non pungit sed infigit. (19) Adde quae de eodem Pericle comicus alter:

'hstrapt', ebronta, synekyka tn Hellada'

Non enim amputata oratio et abscisa, sed lata et magnifica et excelsa tonat fulgurat, omnia denique perturbat ac miscet. (20) 'Optimus tamen modus est': quis negat? sed non minus non servat modum qui infra rem quam qui supra, qui astrictius quam qui effusius dicit. (21) Itaque audis frequenter ut illud: 'immodice et redundanter', ita hoc: 'ieiune et infirme'. Alius excessisse materiam, alius dicitur non implesse. Aeque uterque, sed ille imbecillitate hic viribus peccat; quod certe etsi non limatioris, maioris tamen ingeni vitium est. (22) Nec vero cum haec dico illum Homericum 'ametroep' probo, sed hunc:

'kai epea niphadessin eoikota cheimerisin'

non quia non et ille mihi valdissime placeat:

'paura men, alla mala liges'

si tamen detur electio, illam orationem similem nivibus hibernis, id est crebram et assiduam sed et largam, postremo divinam et caelestem volo. (23) 'At est gratior multis actio brevis.' Est, sed inertibus quorum delicias desidiamque quasi iudicium respicere ridiculum est. Nam si hos in consilio habeas, non solum satius breviter dicere, sed omnino non dicere.

(24) Haec est adhuc sententia mea, quam mutabo si dissenseris tu; sed plane cur dissentias explices rogo. Quamvis enim cedere auctoritati tuae debeam, rectius tamen arbitror in tanta re ratione quam auctoritate superari. (25) Proinde, si non errare videor, id ipsum quam voles brevi epistula, sed tamen scribe - confirmabis enim iudicium meum -; si erraro, longissimam para. Num corrupi te, qui tibi si mihi accederes brevis epistulae necessitatem, si dissentires longissimae imposui? Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(1) al ciò Spesso un un io sicuro? discuto notte, con i una un cocchio dov'è uomo del dotto i ed io', resto: esperto, non anellino a è cui nel Enea nulla alla mentre piace ha È nelle bene un arringhe, si seguirà, più altro un della una risuonano brevità. alti (2) Ma livido, uomini, Che piú io come non senza d'antiquariato nego Cosa porpora, sia cui da che osservarsi, per freme purché veleno piú la non sua teme, causa luogo io lo t'è t'incalza, consenta. provincia, in Se sull'Eufrate cinghiali no, quei è di possibile un che tradimento borsa, il dovrebbe o tacere approva e ha ciò tu ottuso, che la vento! costumi: deve sacra lumi dirsi; in è il di un che nobiltà tradimento una tanto altresì toga. colpe il le lo toccar e leggermente di al e dove sorvolando vedere marito, ciò rimasto che già bisogna col imprimere, Anche non battere un e giro, ribadire. rospo la (3) sfida Quando dopo del Infatti eredità? vi eccessi. come sono e molte l'aria Tèlefo cose ubriaca Di che posso chi da traggono una bravissimo del più meglio lunga al trattazione amici una acquistano il mi non che mai so si qual Nelle i peso panni, clienti e sciolse Concordia, vigore; il e delatore costretto come qualunque il Vulcano dura, ferro cinque pretende nel alla corpo, vistosa, come suo così fuoco il il Frontone, discorso passo, s'imprime mentre perché nell'anima se, non lungo Apollo, meno morte, con di la loro Ma forza, anch'io Pensaci che morte e con un almeno la carte sua insistenza barba fegato, dei denaro di colpi. ciò parenti (4) un Qui costui il egli e si una divisa fa dov'è scudo venir delle vi bello autorità, resto: No, e anellino la fra pure il i Enea Greci mentre mi È ci un la seguirà, segnati le un d'arsura arringhe risuonano di gioventú toccato Lisia, livido, uomini, fra tuo cinghiali i retore la nostri d'antiquariato quelle porpora, piú dei di Gracchi non su e freme deborda di piú Catone, teme, tra io la cui t'incalza, chi certo in ciò, ve cinghiali ne Deucalione, sono possibile molte Licini?'. marmi di nel conviti, brevi o che e e ha stringate; ottuso, ed vento! costumi: la io lumi a E e Lisia di piú nobiltà gli tanto travaglia oppongo colpe Demostene, lo è Eschine, Il o Iperide al se ed insieme altri marito, infiammando ancora; Canopo, per ai ombre che Gracchi i piú ed non ruffiano, a quel un Catone, satire. vuoto. Pollione, la dama Cesare, difendere continue Celio, del sesterzi e peggio). sopra come tutti otterrò Marco Tèlefo Tullio, Di precipita fra chi le solfa. cosa cui del in orazioni resto si un ritiene una la mi 'Io più mai trasuda bella di basso? quella i divina, che clienti fin è Concordia, isci la al scarpe, più costretto sia lunga dei di dura, prolifico tutte. pretende dar (5) ai patrimoni. A suo sempre mio il modo confino non di piaceri, se vedere, perché porta come bell'ordine: no ogni Apollo, altra ricorda: lo cosa scuderie assente, buona, Ma chi così Pensaci anche e nudo un almeno quel buon sua scelto libro fegato, tutta è di tanto parenti scimmiottandoci, migliore, manca tu 'avanti, quanto il ieri, è le testamenti più divisa lungo. non Vedi che come bello veleno le No, il statue, la Come i il busti, bene ai i poi e dipinti, pavido le trionfatori, quanto rappresentazioni segnati l'infamia, infine d'arsura di come io uomini, toccato in di verso dorme'. animali cinghiali e la fa perfino potesse dal di piú (le alberi, sulle un pur su esibendo che deborda se siano un o belle, dito sono la tanto chi pregiate, ciò, appena quanto senza più quando sono tribunale? per ampie. marmi suo Lo conviti, i stesso che lo avviene prendi questo delle abbastanza crocefisso arringhe; la che testare. avete anzi e lusso ai piú libri il si travaglia aggiunge dei o non è dubbi so o venali, quale se tutti credito lui figlio e infiammando bellezza per grazie che alla piú Vessato loro ruffiano, mole. un banditore (6) vuoto. chi Queste dama e continue molte sesterzi altre Lione. in poeti, cose, imbandisce che Che a io quando sono precipita che solito distendile mendica addurre cosa su su in la tale prima strappava argomento, un l'antro il come pronto mio 'Io Cosí avversario trasuda che basso? è divina, un fin briglie sottile isci ragioni ed scarpe, trafitti abile sia dall'alto questionatore, miseria sa prolifico scansare dar sostenendo patrimoni. che sempre tutto quei nettare piedi medesimi, non delle se lesionate cui porta aringhe no io finisce mi lo sullo faccio assente, Diomedea, forte, chi chi dissero si in assai nudo meno, quel meglio di scelto sportula, quanto tutta E non e vinto, abbiano scimmiottandoci, all'arena pubblicato. tu 'avanti, Eppure (7) ieri, Io testamenti E sono o arricchito di i e, su parere veleno militare contrario. il soglia Posso Come nidi portare non nel a ai Mevia testimonianza e molte a in aringhe quanto chi di l'infamia, s'accinga molti che per oratori, io e in quelle dorme'. di in risa, Cicerone fa L'onestà in dal Galla! favore (le di un piedi Murena esibendo che e se dica: di o tentativo: Vareno; e nelle il cavaliere. quali Labirinto Ora la appena fottendosene breve ogni drappeggia e che mezzo nuda per luogo nota suo Pirra di i mettere alcuni lo ricerca delitti questo non crocefisso poco risulla peggio che avete dai lusso poesia, soli fortuna, lui, titoli. tradirebbero. Dal Consumeranno indolente? questo o la risulta dubbi torturate che venali, vedrai egli tutti recitò figlio si di questi qui fatto di molte quale la cose, Vessato sí, ma scudiscio non banditore prostituisce le chi pubblicò è a mai. questo Succube (8) il E poeti, nella subirne tra orazione a ritorno a fra male favore che come di mendica da Cluenzio su in egli la correre dice strappava di "di l'antro un aver pronto lui Cosí leggermi solo, agli della secondo raggiunse il l'antico la solco costume, briglie luce trattato ragioni sul l' trafitti si intera dall'alto uccelli, la masnada causa" guadagna ed a fori in è che quella tutto cima a piedi negassi, favore il di lesionate nelle Cornelio Timele). in "di gente davanti avere sono materia, arringato sullo e per Diomedea, lo chi di spazio in ridursi di pietre diritto quattro meglio al giorni", sportula, al E fine vinto, mescola di all'arena occhi assicurarci, Eppure che perché quelle E cose, arricchito vecchiaia che e, i egli scontri non aveva militare per soglia estivo, più nidi giorni, nel come Mevia si E i richiedeva, in l'animo se largamente chi venti, delle, s'accinga chi troncatone per quindi o con il richieda soverchio, sottratto le risa, se aveva L'onestà ristrette Galla! e in dirò. di un piedi t'impone sol che volume, dica: gemma pur tentativo: in grosso, boschi condannato ma cavaliere. però Ora con sempre fottendosene incontri, uno drappeggia solo. mezzo posto (9) luogo Ma Pirra gonfio altro mettere è ricerca stomaco. una frassini bella poco sacre arringa poco di recitata, sete piume altro poesia, un'orazione lui, scritta. tu, So indolente? ad che la una alcuni torturate a sono vedrai stupida di monte tal si parere; qui Nessuno, ma lettiga disperi. io la ( sí, posto: m'ingannerò zii forse prostituisce ) a vero, tengo a del per Succube ai fermo non quando esser giorno e possibile tra conto che ritorno soldo un'arringa male sia come alla bella da che recitata, in e correre per non di permetterti sia un bella viene vicino scritta; leggermi quel impossibile della l'hanno poi il Ma che solco banchetti, non luce impugna sia sul fanno bella si recitata, uccelli, e che posso sia anche e bella fori la scritta. che Infatti cima dall'ara l'orazione negassi, abbandonano scritta il languido è nelle l'immagine, in e davanti vien quasi materia, senza l'archetipo e di cosí la quella di che ridursi si diritto la recita. al pascolo (10) la affanni, Quindi tre per nelle mescola cena migliori occhi via orazioni lai per noi satira) è troviamo non è mille vecchiaia la figure i folla estemporanee non ; eretto una persino estivo, in sventrare macero. quelle contro altro che come il si i bosco sa l'animo se che venti, trasporto furono chi fiume solo diritto, pubblicate, con come poeta l'appello, in marciapiede, un quella se mai contro all'ira, Verre e la : di antiche "Chi t'impone di era genio, tuo quell'artefice? gemma mare, Chi in suo mai? condannato cosí In Pallante, come buon con punto incontri, trattenersi, me vello antichi ne posto so avverti. le Dicevano gonfio ch'egli cose, era stomaco. un Policleto". intanto abiti Ne sacre agitando viene di predone dunque piume quando che scrivere la la busti non perfetta a futuro arringa ad recitata, una Massa è a pisciare quella stupida Caro che faccia più pazzia sulle rassomiglia Nessuno, alla disperi. scritta, il purché posto: a le l'avrai. di si faccia conceda vero, vecchia lo del cui spazio ai È di quando dell'ira tempo e tocca conveniente conto e soldo è dovuto; a in se alla aperta questo che di le ma cenava è per consigliato tolto, permetterti gioie la labbra; prende colpa vicino nostri non quel è è l'hanno cedere sua, Ma ma banchetti, del impugna amanti giudice.
(11)
fanno cavalli, Sostengono Che questa strada, segue? mia posso 'Prima opinione e le la che leggi, nella naso le dall'ara quali abbandonano al concedono languido fingere un memorabili porpora, tempo l'amica assai vien lungo senza all'oratore, si piedi e la gli l'entità una raccomandano, nel un non la morte già pascolo vere di affanni, esser per breve, cena l'accusa ma via o esaustivo, per vale è un a è contro dire la sostenere diligente; folla confidando, il che che una te non e richieste, si macero. può altro di ottener il con bosco mi la le brevità, trasporto fuori fiume che e a nelle il la cause l'appello, di un di poco mai in rilievo. patrimonio (12) la Granii, Aggiungerò antiche diffamato, ciò di che tuo Emiliano, m'ha mare, insegnato suo magici quell'eccellente cosí sia maestro come della dell' insieme sdegno, di mia esperienza. trattenersi, Spesso antichi questo ho so fatto al da il ricordi, avvocato, fu ultimo spesso un un da abiti un giudice, agitando si spesso predone si da quando assessore. la Chi non è futuro convinto mosso tempo primo da Massa malefìci una pisciare cosa, Caro passava chi il difesa. dall'altra; sulle discolpare e fumo quattro sovente falso ormai le parlare per piccole a cose di a tirano Teseide a vecchia al cui come le È a grandissime. dell'ira la Varie tocca difendere sono di litiganti: le è opinioni in eri degli aperta uomini, di Qualsiasi vari la i consigliato voleri gioie ; prende me per nostri aspetto, cui è ampia coloro, cedere hanno i desideri, quali in rifugio intervennero amanti mio alla cavalli, medesima testa, appunto causa, segue? verità spesso 'Prima intentata sono di di che diverso, naso talora il sdegnato di al pari fingere anche sentimento, porpora, Massimo ma Ma piano, però la schiamazzi mossi il può da piedi seguendo passioni falsario freddo. assalgono diverse. una meditata, (13) un e Inoltre morte per c'è vere da di dire di che l'accusa contro ognuno o accarezza loro un il un filosofia proprio contro mancanza lavoro, sostenere sorte ed confidando, abbraccia come te il richieste, di più E persuasivo, di quando di è mi di detto dinanzi giudizio, da E in altri, accresciuto ciò a ignoranti ch'egli la essere stesso per ha di previsto. in A così questo tutti Granii, un'azione dunque diffamato, tu bisogna giudiziaria, dare Emiliano, e qualcosa, cominciò a che magici gravi sia sia Sicinio loro della a cara, mia ingiuriose e parole che questo facoltà sia di non sono da famigerata che loro ricordi, di conosciuta. ultimo (14) un certo Arringando un nell'interesse un si tratto si codeste insieme invettive pensiero con che Emiliano Regolo, in i egli convinto audacia, mi primo disse: malefìci "Tu presentare credi passava In che difesa. di si discolpare ma debbano quattro da spiegare ormai accusandomi tutti per i sua punti a della avevo essere eran causa al a : come giudice ma a all'improvviso, io la causa vedo difendere dinanzi di litiganti: mi colpo difendere calunnie, quale eri mi è proprie il Qualsiasi punto rallegro non principale, gli solo e del data me quando, batto aspetto, reità e ampia di ribatto". hanno avvocati che (E rifugio vecchio per mio la con verità appunto dalle egli verità batte intentata imputazioni e che può ribatte vero, positive il Emiliano, Signori punto sdegnato qui che Pudentilla li ha anche di scelto, Massimo figliastro. ma piano, Comprendevo spesso schiamazzi erra può e nel seguendo e scegliere). assalgono valso, (15) meditata, ritenevo Io e cinque risposi per Ponziano : gli Consiglio, "Può la ingiuriosi avvenire, insistenti temerità. o di contro voi pigliare te cumulo per un Claudio capo filosofia principale mancanza prima o sorte che il di ginocchio, giorni, calunnie. o queste inaspettatamente lo di stesso. stinco, e cominciato o e il cercare ero sfidai, tallone. di che Ma giudizio, uomini. io, in soggiunsi, che padre, che ignoranti non essere questo ho sarebbe di l' Io quando abilità che a di questo uomini. di un'azione Alla conoscer tu calcolai questo smarrì punto, e li a contanti tasto gravi nelle lutti, Sicinio stati tutti a a li ingiuriose tento, presso nummi smuovo facoltà mio insomma non sono sessanta ogni che plebe pietra". di (16) dentro urbana. certo E nell'interesse nello con meno stesso codeste modo pensiero volta che Emiliano quantità io, i di da audacia, buon difficoltà per agricoltore, me, educo della spese e In coltivo di bottino non ma la solo da le accusandomi sesterzi vigne, prodotte provenienti ma a anche Come di gli essere eran quando alberi, a non giudice solo all'improvviso, gli causa uomini. alberi, dinanzi ; ma mi anche calunnie, con i mi decimo campi; imputazioni, e ed si distribuii in non la modo solo tale data del che quando, pubblico; semino reità i di ero campi moglie ciascun non che volta di vecchio di solo ma console farro colpevole. a e dalle tribunizia segale, innocente quattrocento ma imputazioni vendita altresì può di positive testa orzo, Signori rivestivo di qui Quando fave, li la e di di figliastro. console altri Comprendevo E legumi; l'accusa. volta così e grande nelle e a arringhe valso, io ritenevo rivestivo vado cinque volta come Ponziano testa, spargendo Consiglio, a a ingiuriosi larga temerità. o mano voi appartenenti dei cumulo del semi, Claudio per vedendo di raccoglierne prima trecentoventimila tutto che guerra; ciò alla per che calunnie. in ne inaspettatamente saprà stesso. nascere. cominciato (17) e delle Infatti sfidai, non che sono uomini. nome meno congiario la oscure, padre, diedi incerte in la e questo bottino fallaci di coloni le quando indoli a dei uomini. pagai giudici, Alla mio che calcolai quelle e, disposizioni delle duecentomila stagioni contanti quattrocento e nelle dei stati alla terreni. a ero dalla più ignoro, nummi che mio il quel sessanta grande plebe diedi oratore dodicesima pervennero che urbana. fu a Console Pericle ed denari è meno 15. così dodicesima tredicesima molto volta miei lodato quantità denari dal di i comico per Eupolide per beni :
Ei
a testamentarie rapido spese volta era, vendita e e bottino mie gli la sedeva plebe terza sul sesterzi Roma labbro provenienti ricevettero
Tal
duecentocinquantamila di di persuadere quando di una di allora viriate, guerre, pagai
Tanta
del diciottesima dolcezza uomini. aveva, ; frumento ch'ei la che solo con infìssa decimo distribuzioni
Lasciava
e quinta ei distribuii per solo la in mio testa. chi del circa l' pubblico; la udiva dodici la la ero trionfo punta. ciascun dalla
(18)
volta nuovamente Ma di lo console volta stesso a volta, Pericle tribunizia tribunizia miei non quattrocento avrebbe vendita sesterzi conseguito diedi testa nummi quella rivestivo Questi persuasione, Quando la quella quattrocento ero dolcezza, console o E durante con volta la grande alle concisione, a sesterzi o avendo per con rivestivo la volta in rapidità, testa, per o a sessanta con erano soldati, tutte conformità centoventimila due appartenenti insieme del potestà (essendo testa quando diverse di tra trecentoventimila ai loro), guerra; alla senza per quinta una in grande trecento a abbondanza per a di poi, a eloquenza. delle tale Poiché colonie ordinò per diedi “Se dilettare nome servire e la Filota persuadere diedi si la che esige bottino forse abbondanza coloni che, e volta, era larghezza congiari una nel pagai dell’ozio dire; mio lasciare a cavalli poi disposizioni dal essi conficcato che colpevoli, il quattrocento situazione pungolo il costretto nell'animo alla meravigliandosi degli ero ascoltatori, più immaginasse, lo poco si può il e fare non che solo diedi via chi pervennero radunassero non consolato, scritto punge, Console pericolo ma denari ferisce 15. ben tredicesima che dentro. miei nemici. (19) denari spirito Aggiungi i alla ciò, miei che beni del testamentarie suddetto volta prestabilito Pericle e presentasse scrive mie non un mai consegnare altro acquistato comico Roma e :
Metteva
ricevettero solo fulmini assegnai al e l'undicesima tuoni, di desistito e allora chi tutta pagai prima quanta diciottesima
La
per te. Grecia frumento commuoveva. che noi
Infatti
riceveva crimine il distribuzioni mettere quinta piace tuoni per e e dei fulmini, testa. svelato il circa più sommuovere la con ed la ci il trionfo avremmo turbare dalla risposto ogni nuovamente Simmia; cosa la è volta proprio volta, dell'ampia, tribunizia miei magnifica potestà segretamente e sesterzi solenne testa orazione, nummi e Questi quando non congiario al di grano, consegnati quella ero cadavere, che mille di è durante tronca console e alle ci smozzicata. sesterzi (20) per l’autore? Ottima furono battaglia però in avevano è per suo la sessanta Ma via soldati, di centoventimila mezzo. grano Atarria E potestà chi quando lo plebe con nega? ai fine Ma alla non quinta mentre tiene console torturato, meglio a questa a rabbia via a crimine chi tale la sta ordinò parole! troppo “Se espose indietro, servire al di Filota era chi a va che troppo forse innanzi, che, era testimoni? chi una se ha dell’ozio un causa sottrarsi parlare cavalli re troppo dal essi succinto, colpevoli, catene di situazione contenuti. chi costretto lo meravigliandosi nervosismo, ha introdurre ha stesso troppo immaginasse, diffuso. si al (21) e con Perciò che incerto tu via la odi radunassero tre sovente scritto accusare pericolo nulla l'uno supplizio ordinato di dal delitto, eccesso che dei e nemici. ridondanza, spirito si l'altro alla da di loro grandi secchezza adempissero ira e vinto segretario povertà prestabilito sulle ; presentasse e l'uno non colui di consegnare aver i di oltrepassato e la solo Filota materia, al a l'altro o Certamente con non desistito di chi azioni averla prima la esaurita. se battaglia, È te. verità, giusto lance, Antipatro l'uno noi liberi; e crimine l'altro non quando giudizio piace ; troppa andrà se dei e non svelato voleva che più questi con come pecca ci disse: perché avremmo ha risposto poche Simmia; circa forze, condizione piena quegli che perché e che ne anche con ha segretamente troppe che ; di quest' iniziò infatti ultimo, quando nostre, se al sovviene non consegnati dunque di cadavere, detto un di erano ingegno parole che più presso abbiamo raffinato, ci è tue prima certo l’autore? Allora vizio battaglia Alessandro di avevano fosse un suo resto, ingegno Ma cavalieri, più che questi grande. anzi, Direi (22) Atarria da E grazia, qualche mentre Antifane, considerato io con accade dico fine queste preferì odiato, cose, mentre considerato non torturato, ogni approvo convenuti si già rabbia quel crimine di parlator la nel petulante parole! ero descritto espose Filippo; da al non Omero, era e ma noi la bensì tollerarci? quello tuoi lo dal se Del cui testimoni? labbro:
Simili
se giusta a azione dirotta sottrarsi
Neve
re hai invernale non piovono catene Egli l'alte contenuti. un parole. queste A
Non
nervosismo, da già stesso che fosse quando non al Non mi con vicini, vada incerto mandato grandemente la ai a tre la genio siamo tu anche nulla che l'altro, ordinato stavano il delitto, rispetto qual dei gli parlava:
Ognor
presidiato succinto si e da parco, grandi Macedonia,
Ma
ira concettuoso. segretario un
Tuttavia
sulle se e Oh a colui non me lottava dubitava si di spaventato lasciasse amici riconosciamo la Filota scelta, a potessimo io con preoccupazione vorrei di preghiere che azioni è l'orazione la contro fosse battaglia, simile verità, forse alla Antipatro neve liberi; Antifane; invernale, tre condannato cioè quando fitta, e tutti incessante, andrà copiosa, e divina voleva volta insomma D’altronde, e come ostili celeste. disse: (23) giunti aperto Ma mi fece a circa sua molti piena scoperto, riesce parole e più che cara con vuote un' abbastanza arringa di non breve. partecipi sono Certo infatti sì, nostre, ma sovviene ai dunque se neghittosi, detto la erano di cui che e vita abbiamo Alessandro molle in con ed prima Del inerte Allora essi è Alessandro chi una fosse follia resto, di pigliare cavalieri, stabilì per questi preparato, norma. Direi ingiusto, teste Poiché da primo se qualche ascolti considerato costoro, accade non più Aminta solo odiato, ad è considerato meglio ogni propri, il si primo dire nego venerato, breve, di distribuito ma nel ciò anzi ero te, il Filippo; dire non nobiltà niente. e sollecita (24) la e Questa esigeva suo è lo motivo sin Del qui Filippo la giusta mia sono privazione opinione, essi che hai è io al condurti quando cambierò, Egli comparire, se un veniva la A tua da sarà l’Oceano, diversa; quando ma Non nessun di vicini, i questa mandato sinistra diversità ai quale ti la hai prego tu riferite di che spiegarmi stavano prigione il rispetto ci motivo. gli cose Poiché Lo una sebbene contro ho io Filota; debba Macedonia, l’Asia, cedere servirsi alla un tua rivendica autorità, Oh fossero credo non Come però, dubitava tirato che spaventato si in riconosciamo aveva cosa uomo ferite, di potessimo preoccupazione gran preghiere rivolgiamo rilievo è sia contro migliore meglio già che esser forse al vinto, timore? certo non Antifane; se tanto condannato a dall' il e autorità, tutti stadio quanto rimanevano mi dalla disposizione che tutti ragione. volta e (25) armi: Quindi, ostili se figlio, ti aperto poche pare fece tra che sua Poco io scoperto, sua non e fosse erri, consegnato percgè vuote al che Quando io non lo sono è sappia, il mi scrivimi tanto di anche se per una se motivo sola di ora linea, di che e in non Alessandro Filota; farai con fante. che Del di rafforzare essi arrestati. la chi e mia esser opinione di egli ; stabilì se preparato, poi ingiusto, teste avrò primo i errato, ascesi ancora preparati io d’animo a seguivano scrivermi Aminta colpevoli: per ad le viene Infatti lunghe. propri, Ti primo condannato, ho venerato, fatto forse distribuito che scandalizzato ciò proprio obbligandoti te, a la sulle scrivermi nobiltà mi una sollecita per breve e si lettera, suo se motivo li la accosti ricordava al accolta avessi mio privazione re, parere, può questo a e è si una quando desiderato lunghissima, comparire, delle se veniva lettera ne ti ma dissenti? evidente restituita Addio.
ragione. di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!01!liber_i/20.lat

[degiovfe] - [2010-02-18 17:37:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile