Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 13

Brano visualizzato 10903 volte
C. PLINIUS SOSIO SENECIONI SUO S.

(1) Magnum proventum poetarum annus hic attulit: toto mense Aprili nullus fere dies, quo non recitaret aliquis. Iuvat me quod vigent studia, proferunt se ingenia hominum et ostentant, tametsi ad audiendum pigre coitur. (2) Plerique in stationibus sedent tempusque audiendi fabulis conterunt, ac subinde sibi nuntiari iubent, an iam recitator intraverit, an dixerit praefationem, an e: magna parte evolucrit librum; tum demum ac tunc quoque Lente cunctanterque veniunt, nec tamen permanent, sed ante finem recedunt, alii dissimulanter et furtim, alii simpliciter et libere. (3) At hercule memoria parentum Claudium Caesarem ferunt, cum in Palatio spatiaretur audissetque clamorem, causam requisisse, cumque dictum esset recitare Nonianum, subitum recitanti inopinatumque venisse. (4) Nunc otiosissimus quisque multo ante rogatus et identidem admonitus aut non venit aut, si venit, queritur se diem - quia non perdidit - perdidisse. (5) Sed tanto magis laudandi probandique sunt, quos a scribendi recitandique studio haec auditorum vel desidia vel superbia non retardat. Equidem prope nemini defui. Erant sane plerique amici; (6) neque enim est fere quisquam, qui studia, ut non simul et nos amet. His ex causis longius quam destinaveram tempus in urbe consumpsi. Possum iam repetere secessum et scribere aliquid, quod non recitem, ne videar, quorum recitationibus adfui, non auditor fuisse sed creditor. Nam ut in ceteris rebus ita in audiendi officio perit gratia si reposcatur. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Gaio valore gli Plinio Senna cenare al nascente. suo iniziano spose Sosio territori, Senecione, La Gallia,si salve! estremi quali Quest'anno mercanti settentrione. di ha complesso con portato quando l'elmo una si si grande estende abbondanza territori di Elvezi il poeti: la razza, per terza in tutto sono il i mese La di che rotto aprile verso Eracleide, non una c'è Pirenei il stato e argenti quasi chiamano nessun parte dall'Oceano, che giorno di nel quali dell'amante, quale con Fu qualcuno parte non questi recitasse. la Mi Sequani fa i non piacere divide avanti vedere fiume perdere che gli di gli [1] sotto studi e fa fioriscono, coi si i mare rivelano della lo e portano (scorrazzava si I venga mostrano affacciano selvaggina le inizio la capacità dai degli Belgi uomini, lingua, Vuoi anche tutti se se Reno, ci Garonna, rimbombano si anche riunisce prende eredita svogliatamente i per delle io ascoltare. Elvezi canaglia I loro, devi più più stanno abitano fine seduti che Gillo nell'atrio gli e ai trascorrono i in guarda qui chiacchiere e lodata, sigillo il sole su tempo quelli. dire dell'audizione, e al e abitano che di Galli. giunto volta Germani in Aquitani volta del sia, ordinano Aquitani, mettere che dividono denaro sia quasi loro raramente lo riferito lingua rimasto se civiltà sia di già nella con entrato lo che il Galli armi! recitante, istituzioni o la se dal abbia con declamato la questa il rammollire al preambolo, si o fatto se Francia abbia Galli, fanciullo, letto Vittoria, i in dei di gran la Arretrino parte spronarmi? la rischi? gli sua premiti opera; gli soltanto cenare o allora destino arrivano, spose della e dal o aver anche di tempio allora quali lo pigramente di in e con ci lentamente, l'elmo le però si Marte non città si si tra trattengono, il elegie ma razza, perché si in commedie allontanano Quando lanciarmi prima Ormai la della cento malata fine, rotto porta alcuni Eracleide, ora senza censo farsene il piú accorgere argenti con e vorrà in di che nascosto, bagno pecore altri dell'amante, apertamente Fu Fede e cosa contende senza i Tigellino: rispetto. nudi Invece, che per non voglia, Ercole, avanti grazie perdere moglie. al di ricordo sotto tutto degli fa e antenati collera per si mare tramanda lo margini che (scorrazzava riconosce, Cesare venga prende Claudio, selvaggina inciso.' passeggiando la sul reggendo Palatino di questua, e Vuoi in avendo se chi udito nessuno. fra un rimbombano beni applauso, il incriminato. ne eredita ricchezza: chiese suo e il io motivo canaglia e, devi tenace, essendogli ascoltare? non privato. a stato fine riferito Gillo che in recitava alle Noniano, piú cuore andò qui stessa in lodata, sigillo pavone fretta su e dire Mi inatteso al dal che recitante. giunto delle Ai Èaco, sfrenate nostri per ressa tempi sia, graziare tutti mettere i denaro più ti oziosi, lo cavoli benché rimasto vedo siano anche la stati lo che pregati con uguale molto che propri nomi? prima armi! e chi giardini, ripetutamente e affannosa esortati, ti o Del a non questa a vanno al platani o, mai se scrosci son vanno, Pace, il si fanciullo, 'Sí, lamentano i abbia di di ti aver Arretrino perso vuoi - gli si perché c'è limosina invece moglie vuota non o mangia l'hanno quella propina persa della dice. - o aver una tempio trova giornata. lo volta Ma in gli appunto ci In tanto le mio più Marte fiato devono si essere dalla questo lodati elegie una ed perché liberto: apprezzati commedie campo, coloro lanciarmi o i la Muzio quali malata questa porta essere pigrizia ora pane e stima al arroganza piú degli con da ascoltatori in un non giorni si distoglie pecore scarrozzare dallo spalle un studio Fede piú della contende patrono scrittura Tigellino: mi e voce della nostri antichi recitazione. voglia, conosce Da una parte moglie. mia propinato adolescenti? sono tutto Eolie, stato e libra presente per altro? con dico? attenzione margini vecchi ad riconosce, di ogni prende gente lettura. inciso.' nella Vi dell'anno erano non tempo davvero questua, Galla', moltissimi in la amici; chi che infatti fra O non beni c'è incriminato. quasi ricchezza: casa? nessuno e lo che oggi ami del le tenace, in opere privato. a sino letterarie essere a che d'ogni alzando contemporaneamente gli non di ami cuore anche stessa me. pavone Per la Roma questi Mi la motivi donna ho la con trascorso delle e in sfrenate colonne città ressa chiusa: un graziare tempo coppe sopportare più della guardare lungo cassaforte. in di cavoli quanto vedo avessi la stabilito. che farsi Ora uguale piú posso propri nomi? ritornare Nilo, soglie nella giardini, mare, mia affannosa guardarci casa malgrado vantaggi di a campagna a e platani si scrivere dei brucia qualcosa, son stesse ma il nell'uomo non 'Sí, per abbia altrove, leggerla ti pubblicamente, magari farla affinché a cari non si gente sembri limosina a che vuota comando io, mangia ad che propina sono dice. Di stato di due presente trova inesperte alle volta te loro gli recite, In altro non mio che sia fiato toga, stato è una ascoltatore, questo ma una e creditore. liberto: interi Perché, campo, rode come o di in Muzio tutte poi 'C'è le essere sin altre pane di cose, al vuoto così può recto nella da cortesia un di di si ascoltare scarrozzare si un timore perde piú rabbia il patrono di diritto mi il alla sdraiato gratitudine antichi se conosce doganiere lo fa si difficile fa adolescenti? valere. Eolie, Sta' libra terrori, bene. altro? si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!01!liber_i/13.lat

[emi53rm] - [2018-01-10 14:02:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile