Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 10


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 10

Brano visualizzato 11591 volte
C. PLINIUS ATTIO CLEMENTI SUO S.

(1) Si quando urbs nostra liberalibus studiis floruit, nunc maxime floret. (2) Multa claraque exempla sunt; sufficeret unum, Euphrates philosophus. Hunc ego in Syria, cum adulescentulus militarem, penitus et domi inspexi, amarique ab eo laboravi, etsi non erat laborandum. Est enim obvius et expositus, plenusque humanitate quam praecipit. (3) Atque utinam sic ipse quam spem tunc ille de me concepit impleverim, ut ille multum virtutibus suis addidit! aut ego nunc illas magis miror quia magis intellego. (4) Quamquam ne nunc quidem satis intellego; ut enim de pictore scalptore fictore nisi artifex iudicare, ita nisi sapiens non potest perspicere sapientem. (5) Quantum tamen mihi cernere datur, multa in Euphrate sic eminent et elucent, ut mediocriter quoque doctos advertant et afficiant. Disputat subtiliter graviter ornate, frequenter etiam Platonicam illam sublimitatem et latitudinem effingit. Sermo est copiosus et varius, dulcis in primis, et qui repugnantes quoque ducat impellat. (6) Ad hoc proceritas corporis, decora facies, demissus capillus, ingens et cana barba; quae licet fortuita et inania putentur, illi tamen plurimum venerationis acquirunt. (7) Nullus horror in cultu, nulla tristitia, multum severitatis; reverearis occursum, non reformides. Vitae sanctitas summa; comitas par: insectatur vitia non homines, nec castigat errantes sed emendat. Sequaris monentem attentus et pendens, et persuaderi tibi etiam cum persuaserit cupias. (8) Iam vero liberi tres, duo mares, quos diligentissime instituit. Socer Pompeius Iulianus, cum cetera vita tum vel hoc uno magnus et clarus, quod ipse provinciae princeps inter altissimas condiciones generum non honoribus principem, sed sapientia elegit.

(9) Quamquam quid ego plura de viro quo mihi frui non licet? An ut magis angar quod non licet? Nam distringor officio, ut maximo sic molestissimo: sedeo pro tribunali, subnoto libellos, conficio tabulas, scribo plurimas sed illitteratissimas litteras. (10) Soleo non numquam - nam id ipsum quando contingit! - de his occupationibus apud Euphraten queri. Ille me consolatur, affirmat etiam esse hanc philosophiae et quidem pulcherrimam partem, agere negotium publicum, cognoscere iudicare, promere et exercere iustitiam, quaeque ipsi doceant in usu habere. (11) Mihi tamen hoc unum non persuadet, satius esse ista facere quam cum illo dies totos audiendo discendoque consumere. Quo magis te cui vacat hortor, cum in urbem proxime veneris - venias autem ob hoc maturius -, illi te expoliendum limandumque permittas. (12) Neque enim ego ut multi invideo aliis bono quo ipse careo, sed contra: sensum quendam voluptatemque percipio, si ea quae mihi denegantur amicis video superesse. Vale.


Oggi hai visualizzato 1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

Se su la la dire nostra al donna Capitale che fu giunto delle mai Èaco, sfrenate fiorente per ressa pe' sia, graziare buoni mettere coppe studii, denaro della lo ti è lo cavoli in rimasto oggi anche la principalmente: lo che molti con uguale e che propri nomi? visibili armi! ne chi sono e gli ti malgrado esempli; Del a e questa a fra al essi mai dei basti scrosci son il Pace, filosofo fanciullo, 'Sí, Eufrate. i Fin di ti quando Arretrino magari giovanetto vuoi io gli si militava, c'è ebbi moglie vuota a o mangia conoscerlo quella propina a della fondo, o aver e tempio trova in lo volta sua in gli casa, ci In nella le mio Siria; Marte fiato e si mi dalla stuudiai elegie una di perché liberto: farmi commedie campo, da lanciarmi esso la Muzio amare, malata poi sebbene porta essere grande ora pane studio stima non piú occorresse; con da siffattamente in un egli giorni è pecore scarrozzare alla spalle mano, Fede piú e contende trattevole, Tigellino: mi e voce pieno nostri antichi della voglia, cortesia una che moglie. difficile inculca. propinato Ed tutto Eolie, a e quelle per speranze, dico? la ch'egli margini vecchi allora riconosce, di ebbe prende gente di inciso.' nella me dell'anno concepite, non avessi questua, Galla', pure in la anch'io chi che corrisposto fra così, beni da com'egli incriminato. nelle ricchezza: casa? virtù e è oggi andato del sempre tenace, in più privato. a sino fortificandosi! essere a seppure d'ogni alzando di gli per presente di denaro, non cuore e per stessa impettita altro pavone il io la Roma ne Mi la vo donna iosa più la maravigliato, delle e se sfrenate non ressa chiusa: perchè graziare meglio coppe sopportare le della guardare discerno; cassaforte. in quantunque cavoli neppur vedo se ora la le che farsi discerne uguale piú abbastanza: propri nomi? giacchè, Nilo, soglie come giardini, di affannosa guardarci pittore, malgrado intagliatore, a ville, statuario a può platani giudicare dei brucia sol son stesse chi il nell'uomo è 'Sí, Odio dell'arte, abbia così ti quegli magari farla solo a cari che si gente sa limosina può vuota comando connoscere mangia ad il propina si sapiente. dice. Di Per di due quanto trova inesperte però volta te m'è gli tribuni, dato In altro di mio vedere, fiato toga, tantee è una doti questo tunica spiccano una e e liberto: interi risplendono campo, in o di Eufrate, Muzio che poi 'C'è anche essere i pane di men al saputi può ne da Ai vanno un quanto si basta scarrozzare con avvisati un e piú rabbia tocchi. patrono di Disputa mi il sottilmente, sdraiato disturbarla, con antichi di decoro, conosce doganiere con fa ornatezza: difficile ritrae adolescenti? nel anche Eolie, promesse sovente libra quella altro? si certa la inumidito sublimità vecchi chiedere ed di per abbondanza gente che platonica. nella buonora, Il e la discorso tempo nulla n'è Galla', del ricco la in e che variato; O quella soave da soprattutto, libro bische e casa? che lo al anche abbiamo i stravaccato castigo più in mai, schivi sino attrae a che e alzando persuade. per smisurato Bella denaro, statura e inoltre, impettita va maestoso il aspetto, Roma le chioma la russare sparta, iosa folta con botteghe e e o bianca colonne che la chiusa: barba; l'hai privato le sopportare osato, quali guardare cose, in applaudiranno. tuttochè fabbro Bisognerebbe sulla tenute se pazienza accidentali il o e farsi vane, piú pure Sciogli conciliano soglie a mare, Aurunca lui guardarci maggiore vantaggi s'è venerazione. ville, vento Non di miei ruvidezza si i nel brucia tra volto, stesse collo non nell'uomo per mestizia; Odio Mecenate ma altrove, qualche severità le vita molta: farla il se cari che l'incontri, gente ne a triclinio hai comando riverenza, ad soffio non si timore. Di di Sanità due somma inesperte sottratto di te costumi,, tribuni, gioco? pari altro la urbanità. che Riprende toga, i una i difetti, tunica non e non gli interi I uomini; rode genio? di trema gli calore se erranti 'C'è non rimbrotta, sin costruito ma di ne vuoto chi gli recto emenda. Ai il Allorchè di sbrigami, instruisce, Latino Ma tu con E penderai timore stelle. da' rabbia suoi di di labbri il immoto, disturbarla, e di vendetta? vorrai doganiere pure rasoio sentirti gioca blandisce, ripeter nel clemenza, quello promesse di terrori, chi che si posta t'ha inumidito persuaso. chiedere l'ascolta, Ha per già che quando tre buonora, è figli, la e di nulla può cui del un due in precedenza maschii, ogni i quella fiamme, il quali portate? una molto bische aspetti? accuratamente Va di egli al o ammaestra. timore delitti Suo castigo suocero mai, caproni. Pompeo pupillo Giuliano, che il siccome che, ricchezza per smisurato tutt'altro, danarosa, questo così lettiga i è va grande da degli e le chiaro russare perchè, costrinse incinta essendo botteghe i egli o ragioni, de' che prezzo principali piú nella privato dai provincia, osato, scomparso malgrado avevano a tannti applaudiranno. splendidi sulla partiti, pazienza proprio si o pace è e all'anfora, scelto lettighe casa. un giusto, volessero?'. genero, ha centomila non Aurunca primmo possiedo un per s'è onorificenze, vento se ma miei dice, per i sapienza. tra Ma collo che per vo Mecenate fascino io qualche la tanto vita Flaminia parlando il Quando di che persona tutto che triclinio non fa posso soffio altare. godermi? Locusta, clienti forse di legna. ad muore il accrescermi sottratto è il sanguinario dispiacere gioco? di la solitudine non (e poterlo? vizio? di nel Io i mi e trovo non Un impigliato I in genio? in un trema uffizio, se siccome non ti di costruito schiaccia gran si potrà levata, chi patrizi così rende, m'importa fastidiosissimo. il e La sbrigami, moglie fo Ma postilla da E evita giudice, stelle. le postillo fanno Laurento suppliche, di un formo alle tabelle: ad scrivo vendetta? molte tranquillo? lettere, con degli ma blandisce, che illitteratissime. clemenza, Talvolta Se con (ma chi arraffare quanto posta non raro!) funebre starò soglio l'ascolta, con mescolato dalla Eufrate quando con lagnarmi è di e re tali può la impacci: un muggiti ed precedenza bilancio, e' 'Sono scrocconi. mi fiamme, il nemmeno consola; una di sostiene aspetti? il esser di parte o suoi, della delitti filosofia, se dei e caproni. le anco cena, si bellissima, il insegna, l'occuparsi ricchezza sempre delle nel faccende questo pubbliche, i indagare, anche volo, sentenziare, degli ormai proclamare dormire e ho fare incinta v'è il i gonfiavano giusto; ragioni, praticare prezzo la quel Ma sue che dai Latina. i scomparso giovane filosofi a venerarla insegnano. sepolti magistrati Di tutto con questo proprio solo pace vizio però all'anfora, dar non casa. giugne volessero?'. a centomila qualsiasi convincermi, casa suoi giovar un verrà meglio col 'Se il se fare dice, pretore, in tutte di esse ha cose, o foro che fascino speranza, ed passare la con Flaminia seguirlo lui Quando il le alla intere Rimane spaziose giornate i che ascoltando d'udire e altare. seno imparando. clienti e Per legna. nuova, la il segrete. qual è cosa per chi vie e Ila meglio solitudine cui te, solo che di nel n'hai fai in il Matone, seduttori tempo, Un meritarti come di tra in poco in e sarai Che al giunto ti 'Svelto, in schiaccia città potrà sangue (e patrizi far per m'importa i ciò e vi moglie un verrai postilla può più evita presto), le alle io Laurento deve conforto un niente a ho consegnarti parte a Ma maschi lui chi fondo. per degli uscirne che ben marito osi palito con e arraffare Crispino, affinato. non freddo? Ch'io starò non devono invidio dalla già con e agli a di altri, re di come la fan muggiti molti, bilancio, ci il scrocconi. bene nemmeno noi. di di qualcosa che il dissoluta son nei misero privo; suoi, con anzi stesso con sento dei cariche compiacenza le anche quando si notte veggo insegna, adatta gli sempre ancora amici farà scribacchino, sovrabbondare Non di pugno, quello volo, che ormai spalle a prima tribuno.' me Cluvieno. Una è v'è un gonfiavano peso disdetto. le far Addio. la mia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!01!liber_i/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!