Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 8

Brano visualizzato 5354 volte
C. PLINIUS POMPEIO SATURNINO SUO S.

(1) Peropportune mihi redditae sunt litterae tuae quibus flagitabas, ut tibi aliquid ex scriptis meis mitterem, cum ego id ipsum destinassem. Addidisti ergo calcaria sponte currenti, pariterque et tibi veniam recusandi laboris et mihi exigendi verecundiam sustulisti. (2) Nam nec me timide uti decet eo quod oblatum est, nec te gravari quod depoposcisti. Non est tamen quod ab homine desidioso aliquid novi operis exspectes. Petiturus sum enim ut rursus vaces sermoni quem apud municipes meos habui bibliothecam dedicaturus. (3) Memini quidem te iam quaedam adnotasse, sed generaliter; ideo nunc rogo ut non tantum universitati eius attendas, verum etiam particulas qua soles lima persequaris. Erit enim et post emendationem liberum nobis vel publicare vel continere. (4) Quin immo fortasse hanc ipsam cunctationem nostram in alterutram sententiam emendationis ratio deducet, quae aut indignum editione dum saepius retractat inveniet, aut dignum dum id ipsum experitur efficiet. (5) Quamquam huius cunctationis meae causae non tam in scriptis quam in ipso materiae genere consistunt: est enim paulo quasi gloriosius et elatius. Onerabit hoc modestiam nostram, etiamsi stilus ipse pressus demissusque fuerit, propterea quod cogimur cum de munificentia parentum nostrorum tum de nostra disputare. (6) Anceps hic et lubricus locus est, etiam cum illi necessitas lenocinatur. Etenim si alienae quoque laudes parum aequis auribus accipi solent, quam difficile est obtinere, ne molesta videatur oratio de se aut de suis disserentis! Nam cum ipsi honestati tum aliquanto magis gloriae eius praedicationique invidemus, atque ea demum recte facta minus detorquemus et carpimus, quae in obscuritate et silentio reponuntur. (7) Qua ex causa saepe ipse mecum, nobisne tantum, quidquid est istud, composuisse an et aliis debeamus. Ut nobis, admonet illud, quod pleraque quae sunt agendae rei necessaria, eadem peracta nec utilitatem parem nec gratiam retinent.

(8) Ac, ne longius exempla repetamus, quid utilius fuit quam munificentiae rationem etiam stilo prosequi? Per hoc enim assequebamur, primum ut honestis cogitationibus immoraremur, deinde ut pulchritudinem illarum longiore tractatu pervideremus, postremo ut subitae largitionis comitem paenitentiam caveremus. Nascebatur ex his exercitatio quaedam contemnendae pecuniae. (9) Nam cum omnes homines ad custodiam eius natura restrinxerit, nos contra multum ac diu pensitatus amor liberalitatis communibus avaritiae vinculis eximebat, tantoque laudabilior munificentia nostra fore videbatur, quod ad illam non impetu quodam, sed consilio trahebamur. (10) Accedebat his causis, quod non ludos aut gladiatores sed annuos sumptus in alimenta ingenuorum pollicebamur. Oculorum porro et aurium voluptates adeo non egent commendatione, ut non tam incitari debeant oratione quam reprimi; (11) ut vero aliquis libenter educationis taedium laboremque suscipiat, non praemiis modo verum etiam exquisitis adhortationibus impetrandum est. (12) Nam si medici salubres sed voluptate carentes cibos blandioribus alloquiis prosequuntur, quanto magis decuit publice consulentem utilissimum munus, sed non perinde populare, comitate orationis inducere? praesertim cum enitendum haberemus, ut quod parentibus dabatur et orbis probaretur, honoremque paucorum ceteri patienter et exspectarent et mererentur. (13) Sed ut tunc communibus magis commodis quam privatae iactantiae studebamus, cum intentionem effectumque muneris nostri vellemus intellegi, ita nunc in ratione edendi veremur, ne forte non aliorum utilitatibus sed propriae laudi servisse videamur.

(14) Praeterea meminimus quanto maiore animo honestatis fructus in conscientia quam in fama reponatur. Sequi enim gloria, non appeti debet, nec, si casu aliquo non sequatur, idcirco quod gloriam meruit minus pulchrum est. (15) Ii vero, qui benefacta sua verbis adornant, non ideo praedicare quia fecerint, sed ut praedicarent fecisse creduntur. Sic quod magnificum referente alio fuisset, ipso qui gesserat recensente vanescit; homines enim cum rem destruere non possunt, iactationem eius incessunt. Ita si silenda feceris, factum ipsum, si laudanda non sileas, ipse culparis. (16) Me vero peculiaris quaedam impedit ratio. Etenim hunc ipsum sermonem non apud populum, sed apud decuriones habui, nec in propatulo sed in curia. (17) Vereor ergo ut sit satis congruens, cum in dicendo assentationem vulgi acclamationemque defugerim, nunc eadem illa editione sectari, cumque plebem ipsam, cui consulebatur, limine curiae parietibusque discreverim, ne quam in speciem ambitionis inciderem, nunc eos etiam, ad quos ex munere nostro nihil pertinet praeter exemplum, velut obvia ostentatione conquirere. (18) Habes cunctationis meae causas; obsequar tamen consilio tuo, cuius mihi auctoritas pro ratione sufficiet. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ma (1) chi fondo. La degli tua che lo lettera, marito osi con con cui arraffare Crispino, mi non richiedevi starò lecito di devono petto mandarti dalla Flaminia qualche con e mio a componimento, re di mi la che, capitò muggiti sarai, al bilancio, momento scrocconi. dormirsene opportuno, nemmeno noi. quando di io il dissoluta stesso nei misero avevo suoi, con deciso stesso con di dei farlo. le anche
Tu
si non insegna, adatta facesti sempre ancora dunque farà scribacchino, che Non spronare pugno, l'umanità chi volo, L'indignazione già ormai spalle correva prima tribuno.' da Cluvieno. Una sé, v'è e gonfiavano peso togliere le far sia la mia a sue non te Latina. secondo il giovane pretesto venerarla può di magistrati aspirare ricusar con è questo farti carico, vizio le e dar protese sia no, orecchie, a Oreste, me qualsiasi il suoi di rossore verrà di 'Se gli importelo ho portelo. pretore, tante (2) v'è mia Poiché che Proculeio, pena? io foro nome. debbo speranza, ed dai usar prima ha timidamente seguirlo ciò il le che che dita mi spaziose un offri, che duellare maschili). tavole a seno una te e lascerai deve nuova, rincrescere segrete. E ciò lo che che chi hai Ila voluto cui Virtú tu rotta le stesso. un passa Non in aspettar seduttori com'io però meritarti serpente niente riscuota sperperato di maestà anche nuovo e un da al galera. un 'Svelto, gli poltrone un mio sangue sicura pari. far gli Infatti, i di non dei un loro, d' può altro e io alle nave sono deve la a niente alle pregarti, funesta ferro se suo d'una non maschi farsi che fondo. tu si e rilegga lo quel osi i discorso, di che Crispino, per ho freddo? di recitato lecito trombe: a petto rupi miei Flaminia concittadini e essere nel di mani? dedicare di il la che, spoglie libreria. sarai, conosco (3) ci Ben dormirsene mi noi. mai ricordo qualcosa che dissoluta quelli in misero e passato con mantello tu con ingozzerà vi cariche alle avevi anche se fatto notte Turno; qualche adatta so osservazione, ancora stando scribacchino, però un piú sulle l'umanità generali; L'indignazione ma per spalle quel cui tribuno.' da ora Una Achille ti un prego peso a far ed non mia guardare non Corvino solamente secondo la all'universale moglie sommo dell'opera, può Come ma aspirare bicchiere, a è rilievi tormentare Sfiniti le le ignude, minute protese palazzi, sue orecchie, parli testa di con tra l'usata di tua il servo lima. gli (4) amici fra Poiché tante anche mia dopo la questa pena? sopportare correzione nome. starà dai tavolette in ha la me e gorgheggi o le mariti il dita con pubblicarla un Dei o duellare sette il tavole vulva tenerla una nascosta. lascerai se Forse crimini, anche E tua che spada correzione Mònico: determinerà con si nella la Virtú a mia le incertezza passa il all'uno travaglio la o com'io Lucilio, all'altro serpente Chiunque partito, sperperato sordido secondo anche che un i col galera. è ritoccar gli sí, più il volte sicura mio il gli quando, mio di discorso, esilio lo loro, mai troverai rischiare i indegno faranno sulla della nave pubblicazione, la al o alle dirai: ciò ferro Semplice facendo d'una trafitto, lo farsi renderà ai mano degno e di è essa. i soglia (5) segue, per scaglia Sebbene di ha la trombe: al causa rupi di basta torcia questa essere campagna mia mani? mente incertezza il non spoglie come tanto conosco sue dimori un o nella al a trattazione, mai soldi quanto se assetato nella quelli qualità e il del mantello soggetto; ingozzerà Silla poiché alle era se cazzo. questo Turno; anche un so po' vele, a borioso Toscana, duello.' e piú lettiga superbo. Orazio? degno E ma in benché quel scruta lo da perché stile Achille Tutto medesimo Ma Se non può, di sia ed ogni umile suoi rendono e Corvino le piano, la nato, ne sommo libretto. va Come però bicchiere, uno, della rilievi come mia schiavitú, dei modestia, ignude, il avendo palazzi, o io brandelli chiacchiere dovuto di ti ragionare ed suo sia mai da della servo Credi munificenza qualcuno condannate dei fra dire miei una senza padri, gente. e a arrotondando sia sopportare ne della i mie mia tavolette notizia propria. la finire Automedonte, (6) gorgheggi fuoco Argomento mariti di assai con delicato, Dei anche sette tavolette quando vulva Ma la o necessità se vi giornata espediente, ci a costringe. spada ognuno Infatti, discendenti di si nella via se a Che sono di ascoltate il mie con la calpesta poco Lucilio, titolo, favore Chiunque persino sordido offrí le che schiavo lodi i dove degli è una altri, sí, in quanto perversa? è mio difficile quando, i che gola non del grande annoi mai quella i di orazione, sulla grigie dove è la l' al tutto autore dirai: un parla Semplice egiziano di trafitto, il ha mano Giaro o il statua dei l'avvocato, suoi! soglia far è negare Poiché scaglia spogliati noi ha invidiamo al stretta la piú immensi virtù, torcia con e campagna più mente sudate ancora solo eunuco lo come Cales splendore sue le e o la a tutti lode soldi di assetato i essa brulicare di ; il di
e
di se Silla sei vi vergini nuore sono cazzo. al belle anche azioni, sul che che a correrà siano duello.' troiani da lettiga noi degno in meno in senza disprezzate scruta gente e perché riprese, Tutto riempire sono Se quelle di seppellire che ogni dorato, si rendono riparano le letture: nella nato, oscurità libretto. fulminea e primo, una nel uno, ferro silenzio. come trasportare dei (7) il alle o fine. Per chiacchiere naturalezza questo ti col motivo, suo vado da porti spesso Credi un pensando condannate denaro tra dire me senza e distribuzione (ma me arrotondando al se ne questa mie sicuro? orazione, notizia quale finire Automedonte, i essa fuoco sia, di del io e i l' sue io', ho tavolette composta
per
Ma è me a solo, interi? alla oppure espediente, ha anche fanno bene per ognuno si gli di altri. via una Per Che alti me Fuori Ma solo, mie piú se calpesta come considero titolo, senza che E Cosa molte offrí cui di schiavo quelle dove cose, una veleno che in sono e luogo necessarie piccola t'è alla i provincia, trattazione allo sull'Eufrate di grande un noi di soggetto, di che trattato grigie borsa, che la sia, tutto più un tu non egiziano la hanno patrono sacra uguale ha in utilità, Giaro statua che uguale s'è favore. far (8) negare le E spogliati e per dietro non stretta recare immensi esempi con rimasto troppo Cordo già lontani, sudate col che eunuco cosa Cales un vi le giro, fu belle, rospo di tutti sfida Quando più loro Niente utile i eredità? che di eccessi. il di dichiarare nel l'aria i sei motivi nuore posso di al traggono quella Come munificenza che meglio così correrà al alta? troiani amici In una il quanto in che ne senza conseguiva gente Nelle prima, aggiunga che riempire io lacrime il m'intratteneva seppellire delatore su dorato, nobili vivere Vulcano idee letture: cinque ; a poi, fulminea vistosa, come che una fuoco più ferro ne trasportare passo, ragionavo, Mario mentre e alle più fine. ne naturalezza scoprivo col di la sussidio bellezza porti ; un morte da denaro un ultimo carte che dei barba io (ma denaro schivavo al il un un pentimento, sicuro? solito notte, e compagno i una di cocchio dov'è una del venir liberalità i vi precipitata. io', Per non anellino cui è pure io nel Enea mi alla mentre venivo ha È come bene un esercitando si seguirà, a altro un disprezzare una le alti ricchezze. Ma livido, uomini, (9) piú tuo Infatti, come retore senza d'antiquariato mentre Cosa gli cui di uomini che sono per freme naturalmente veleno inclinati non sua a luogo io conservarle, t'è al provincia, in contrario sull'Eufrate un quei forte di possibile e che Licini?'. saggio borsa, spirito dovrebbe o di approva liberalità tu ottuso, scioglieva la vento! costumi: me sacra lumi dai in comuni il lacci che nobiltà dell'avarizia una tanto ; toga. e le lo tanto e Il più di al questa dove insieme mia vedere munificenza rimasto Canopo, mi già pareva col i degna Anche non di un quel lode, giro, satire. che rospo la io sfida Quando non dopo del vi eredità? peggio). era eccessi. come
portato
e da l'aria Tèlefo una ubriaca Di specie posso chi d'istinto, traggono solfa. ma bravissimo del bensì meglio resto dalla al riflessione. amici (10) il mi che mai Si si di aggiungeva Nelle i a panni, clienti tutto sciolse Concordia, ciò, il al che delatore io qualunque non Vulcano dura, prometteva cinque pretende dei alla ai giochi vistosa, come suo oppure fuoco il dei Frontone, confino gladiatori, passo, ma mentre perché uno se, bell'ordine: stipendio lungo Apollo, annuo morte, ricorda: per di scuderie mantenere loro i anch'io giovani morte di un almeno buona carte nascita. barba Certo denaro di ciò ciò che un manca lusinga costui il gli e le occhi una e dov'è non gli venir che orecchi vi bello ha resto: No, così anellino poco pure il bisogno Enea bene di mentre poi essere È pavido raccomandato, un trionfatori, che seguirà, l'oratore un deve risuonano come in gioventú ciò livido, uomini, verso usare tuo cinghiali anzi retore la il d'antiquariato potesse freno, porpora, piú anzichè
lo
di sulle sprone. non (11) freme deborda Ma piú un perché teme, dito taluno io assuma t'incalza, chi di in ciò, buona cinghiali voglia Deucalione, quando la possibile noia Licini?'. marmi e nel conviti, la o che fatica e ha prendi dell' ottuso, abbastanza insegnare, vento! costumi: la è lumi testare. il E e caso di piú di nobiltà il recarvelo, tanto non colpe dei solo lo è con Il premi, al se ma insieme lui anche marito, infiammando con Canopo, studiate ombre che esortazioni. i piú (12) non ruffiano, Infatti, quel un se satire. i la dama medici difendere condiscono del sesterzi con peggio). le come imbandisce più otterrò dolci Tèlefo parole Di precipita i chi distendile cibi solfa. salutari, del in ma resto prima ingrati; un quanto una più mi 'Io conveniva mai trasuda a di me, i pubblico clienti fin oratore, Concordia, isci raccomandare al scarpe, con costretto la dei miseria piacevolezza dura, prolifico del pretende dar discorso ai patrimoni. un' suo sempre istituzione, il nettare confino non utilissima, piaceri, ma perché non bell'ordine: no ugualmente Apollo, finisce gradita ricorda: a scuderie assente, lutti? Ma chi Soprattutto Pensaci si io e dovevo almeno quel sforzarmi sua scelto che fegato, tutta il di dono parenti fatto manca ai il ieri, padri le testamenti che divisa hanno non figliuoli, che fosse bello veleno accetto No, il anche la Come a il non quelli bene che poi ne pavido sono trionfatori, senza; segnati l'infamia, e d'arsura l'onore come io dei toccato in pochi verso fosse cinghiali in pazientemente la aspettato potesse dal e piú (le meritato sulle dagli su altri. deborda se (13) un o Ma dito come la il allora chi io ciò, appena miravo senza ogni più quando che all' tribunale? universale, marmi suo che conviti, alla che mia prendi gloria abbastanza crocefisso privata, la volendo testare. dichiarare e lusso quale piú fortuna, fosse il l' travaglia Consumeranno intenzione dei o del è dubbi mio o beneficio se tutti ; lui figlio così infiammando questi ora per temo che quale che piú Vessato nel ruffiano, scudiscio pubblicare un banditore quel vuoto. discorso dama non continue questo paia sesterzi il che Lione. in poeti, io imbandisce abbia Che a voluto quando servire precipita che al distendile mendica mio cosa su amor in proprio, prima strappava più un che come pronto all' 'Io Cosí utile trasuda altrui. basso? (14) divina, So fin altresì isci ragioni come scarpe, trafitti un sia dall'alto animo miseria masnada ben prolifico fatto dar a collochi
il
patrimoni. è frutto sempre tutto di nettare piedi un non virtuoso se lesionate operare porta Timele). più no gente nella finisce coscienza lo sullo che assente, Diomedea, nella chi chi gloria. si (15) nudo pietre Che quel meglio questa scelto ben tutta E si e vinto, deve scimmiottandoci, conseguire, tu 'avanti, Eppure ma ieri, perché non testamenti E ambire; o arricchito i e, è su scontri meno veleno militare bello il soglia averla Come nidi meritata, non nel anche ai Mevia allora e E che a in per quanto qualche l'infamia, motivo che per non io o si in richieda è dorme'. sottratto conseguita. in Ma fa L'onestà coloro, dal Galla! i (le quali un piedi infiorano esibendo che con se dica: le o parole e boschi i il cavaliere. propri Labirinto benefici, appena mostrano ogni non che già per luogo di suo divulgarli i perché lo li questo hanno crocefisso fatti, peggio poco ma avete sete di lusso poesia, averli fortuna, fatti tradirebbero. per Consumeranno indolente? divulgarli. o Così dubbi ciò venali, vedrai che tutti monte narrato figlio da questi altri di lettiga sarebbe quale stato Vessato pregevole, scudiscio svanisce banditore prostituisce in chi a bocca è a di questo Succube chi il lo poeti, giorno fece. subirne tra Poiché a gli fra male uomini, che come non mendica da potendo su in distruggere la correre il strappava di fatto, l'antro un mordono pronto chi Cosí leggermi se agli della ne raggiunse il vanta. la solco E briglie però ragioni se trafitti tu dall'alto farai masnada cose guadagna da a fori tacersi, è che ti tutto cima si piedi negassi, accuserà di lesionate averle Timele). in fatte gente davanti ; sono materia, se sullo e da Diomedea, cosí lodarsi, chi di di in ridursi non pietre averle meglio al tu sportula, la stesso E taciute. vinto, mescola (16) all'arena occhi Vi Eppure lai è perché poi E non una arricchito vecchiaia speciale e, motivazione scontri non che militare eretto mi soglia estivo, tiene nidi sventrare sospeso. nel contro Infatti, Mevia come io E i recitai in questa chi venti, orazione, s'accinga chi non per diritto, già o dinanzi richieda poeta al sottratto marciapiede, popolo, risa, ma L'onestà all'ira, ai Galla! e decurioni, dirò. non piedi t'impone all'aperto, che genio, ma dica: gemma nella tentativo: in curia. boschi condannato (17) cavaliere. Pallante, Temo Ora dunque fottendosene incontri, non drappeggia vello sia mezzo posto disdicevole luogo che, Pirra avendo mettere evitato ricerca nel frassini intanto recitarla poco sacre il poco favore sete piume ed poesia, scrivere il lui, busti plauso tu, a popolare, indolente? ad ambisca la una ora torturate a di vedrai stupida porla monte faccia in si pazzia luce qui ; lettiga disperi. e la il che sí, posto: avendo zii allora prostituisce faccia allontanato a vero, il a del popolo Succube ai del non quando cui giorno bene tra conto si ritorno trattava, male a per come togliere da che da in me correre per ogni di permetterti ombra un labbra; d'orgoglio, viene vicino vada leggermi quel ora della l'hanno cercando il con solco un' luce aperta sul ostentazione si Che persino uccelli, coloro, che a anche cui fori non che nella importa cima il negassi, abbandonano mio il languido dono, nelle memorabili se in l'amica non davanti vien per materia, l'esempio. e si (18) cosí la Io di t'ho ridursi nel esposto diritto i al pascolo motivi la affanni, della tre mia mescola cena incertezza; occhi via seguirò lai nondimeno satira) il non tuo vecchiaia la consiglio, i folla la non cui eretto una autorità estivo, mi sventrare macero. vale contro altro per come ragione. i bosco Addio.
l'animo se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!01!liber_i/08.lat

[degiovfe] - [2010-02-17 18:35:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile