Splash Latino - Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 5

Brano visualizzato 8474 volte
C. PLINIUS VOCONIO ROMANO SUO S.

(1) Vidistine quemquam M. Regulo timidiorem humiliorem post Domitiani mortem? Sub quo non minora flagitia commiserat quam sub Nerone sed tectiora. Coepit vereri ne sibi irascerer, nec fallebatur: irascebar. (2) Rustici Aruleni periculum foverat, exsultaverat morte; adeo ut librum recitaret publicaretque, in quo Rusticum insectatur atque etiam 'Stoicorum simiam' appellat, adicit 'Vitelliana cicatrice stigmosum' - agnoscis eloquentiam Reguli -, (3) lacerat Herennium Senecionem tam intemperanter quidem, ut dixerit ei Mettius Carus 'Quid tibi cum meis mortuis? Numquid ego Crasso aut Camerino molestus sum?' quos ille sub Nerone accusaverat. (4) Haec me Regulus dolenter tulisse credebat, ideoque etiam cum recitaret librum non adhibuerat. Praeterea reminiscebatur, quam capitaliter ipsum me apud centumviros lacessisset. (5) Aderam Arrionillae Timonis uxori, rogatu Aruleni Rustici; Regulus contra. Nitebamur nos in parte causae sententia Metti Modesti optimi viri: is tunc in exsilio erat, a Domitiano relegatus. Ecce tibi Regulus 'Quaero,' inquit, 'Secunde, quid de Modesto sentias.' Vides quod periculum, si respondissem 'bene'; quod flagitium si 'male'. Non possum dicere aliud tunc mihi quam deos adfuisse. 'Respondebo' inquam 'si de hoc centumviri iudicaturi sunt.' Rursus ille: 'Quaero, quid de Modesto sentias.' (6) Iterum ego: 'Solebant testes in reos, non in damnatos interrogari.' Tertio ille: 'Non iam quid de Modesto, sed quid de pietate Modesti sentias quaero. (7) 'Quaeris' inquam 'quid sentiam; at ego ne interrogare quidem fas puto, de quo pronuntiatum est.' Conticuit; me laus et gratulatio secuta est, quod nec famam meam aliquo responso utili fortasse, inhonesto tamen laeseram, nec me laqueis tam insidiosae interrogationis involveram.

(8) Nunc ergo conscientia exterritus apprehendit Caecilium Celerem, mox Fabium Iustum; rogat ut me sibi reconcilient. Nec contentus pervenit ad Spurinnam; huic suppliciter, ut est cum timet abiectissimus: 'Rogo mane videas Plinium domi, sed plane mane - neque enim ferre diutius sollicitudinem possum -, et quoquo modo efficias, ne mihi irascatur.' (9) Evigilaveram; nuntius a Spurinna: 'Venio ad te.' 'Immo ego ad te.' Coimus in porticum Liviae, cum alter ad alterum tenderemus. Exponit Reguli mandata, addit preces suas, ut decebat optimum virum pro dissimillimo, parce. Cui ego: 'Dispicies ipse quid renuntiandum Regulo putes. (10) Te decipi a me non oportet. Exspecto Mauricum' - nondum ab exsilio venerat -: 'ideo nihil alterutram in partem respondere tibi possum, facturus quidquid ille decreverit; illum enim esse huius consilii ducem, me comitem decet.' (11) Paucos post dies ipse me Regulus convenit in praetoris officio; illuc persecutus secretum petit; ait timere se ne animo meo penitus haereret, quod in centumvirali iudicio aliquando dixisset, cum responderet mihi et Satrio Rufo: 'Satrius Rufus, cui non est cum Cicerone aemulatio et qui contentus est eloquentia saeculi nostri'. (12) Respondi nunc me intellegere maligne dictum quia ipse confiteretur, ceterum potuisse honorificum existimari. 'Est enim' inquam 'mihi cum Cicerone aemulatio, nec sum contentus eloquentia saeculi nostri; (13) nam stultissimum credo ad imitandum non optima quaeque proponere. Sed tu qui huius iudicii meministi, cur illius oblitus es, in quo me interrogasti, quid de Metti Modesti pietate sentirem?' Expalluit notabiliter, quamvis palleat semper, et haesitabundus: 'Interrogavi non ut tibi nocerem, sed ut Modesto.' Vide hominis crudelitatem, qui se non dissimulet exsuli nocere voluisse. (14) Subiunxit egregiam causam: 'Scripsit' inquit 'in epistula quadam, quae apud Domitianum recitata est: "Regulus, omnium bipedum nequissimus"'; quod quidem Modestus verissime scripserat. (15) Hic fere nobis sermonis terminus; neque enim volui progredi longius, ut mihi omnia libera servarem dum Mauricus venit. Nec me praeterit esse Regulum 'dyskathaireton'; est enim locuples factiosus, curatur a multis, timetur a pluribus, quod plerumque fortius amore est. (16) Potest tamen fieri ut haec concussa labantur; nam gratia malorum tam infida est quam ipsi. Verum, ut idem saepius dicam, exspecto Mauricum. Vir est gravis prudens, multis experimentis eruditus et qui futura possit ex praeteritis providere. Mihi et temptandi aliquid et quiescendi illo auctore ratio constabit. (17) Haec tibi scripsi, quia aequum erat te pro amore mutuo non solum omnia mea facta dictaque, verum etiam consilia cognoscere. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(1) il dissoluta Vedesti nei misero mai suoi, alcuno stesso con pi dei smarrito, le e si pia insegna, vile sempre ancora di farà Marco Non un Regolo, pugno, l'umanità dalla volo, L'indignazione morte ormai spalle di prima tribuno.' Domiziano? Cluvieno. Una Al v'è un cui gonfiavano peso tempo le far non la minori sue scelleratezze Latina. egli giovane moglie aveva venerarla può operato, magistrati che con è a farti Sfiniti quel vizio le di dar protese Nerone, no, ma Oreste, testa pi qualsiasi sottomano. suoi di Incominci verrà il a 'Se gli temere ho amici che pretore, io v'è mia fossi che la sdegnato Proculeio, pena? con foro nome. lui; speranza, ed dai n prima ha s'ingannava seguirlo e ; il le io che dita lo spaziose un ero. che duellare (2) maschili). tavole Egli seno una aveva e lascerai fomentato nuova, crimini, la segrete. E rovina lo che di chi Mònico: Rustico Ila con Aruleno, cui e rotta si un passa era in rallegrato seduttori com'io della meritarti serpente sua riscuota morte maestà anche ; e un al al punto 'Svelto, tale un da sangue sicura recitare far e i dar dei esilio fuori un loro, un' può opera, e nella alle quale deve la egli niente alle si funesta ferro avventa suo d'una contro maschi farsi Rustico, fondo. chiamandolo si anche lo scimmia osi degli di Stoici Crispino, per e freddo? di per lecito giunta petto rupi ch'egli Flaminia basta era e bollato di mani? col di marchio che, di sarai, conosco Vitellio. ci un Tu dormirsene sai noi. bene qualcosa se quale dissoluta quelli sia misero la con mantello eloquenza con ingozzerà di cariche Regolo. anche se (3) notte Turno; Egli adatta so morde ancora Erennio scribacchino, Toscana, Senecione un piú cos l'umanità rabbiosamente, L'indignazione che spalle quel Mezio tribuno.' da Caro Una Achille gli un Ma ebbe peso a far dire: mia suoi Che non Corvino hai secondo tu moglie sommo a può Come che aspirare fare è rilievi con Sfiniti schiavitú, miei le morti? protese palazzi, Turbo orecchie, brandelli io testa di forse tra le di ceneri il servo di gli qualcuno Grasso amici fra e tante una di mia gente. Camerino? la a pena? I nome. i quali dai due ha la erano e gorgheggi stali le accusati dita da un Dei Regolo duellare sette sotto tavole vulva Nerone. una o (4) lascerai se Costui crimini, giornata credeva E che che spada io Mònico: discendenti avessi con di Virtú mala le di voglia passa il sopportalo travaglio la tutte com'io Lucilio, queste serpente cose sperperato sordido ; anche che e un i per galera. è non gli sí, m' il avea sicura mio n gli pure di invitato esilio del alla loro, mai lettura rischiare i del faranno sulla suo nave è libro. la Egli alle dirai: si ferro ricorda d'una inoltre, farsi il come ai mano aveva e il perseguitato è l'avvocato, a i soglia morte segue, è me per stesso di davanti trombe: al al rupi piú tribunale basta dei essere Cento. mani? (5) il solo A spoglie petizione conosco di un Aruleno al a Rustico, mai io se avevo quelli brulicare preso e il le mantello di difese ingozzerà Silla di alle vergini Arionilla, se cazzo. moglie Turno; di so sul Timone. vele, Regolo Toscana, duello.' era piú il Orazio? degno mio ma avversario. quel In da perché un Achille Tutto passaggio Ma Se dell'arringa può, io ed ogni mi suoi rendono feci Corvino forte la nato, con sommo libretto. l'opinione Come primo, di bicchiere, uno, Mezio rilievi come Modesto, schiavitú, dei virtuosissimo ignude, il uomo, palazzi, o il brandelli chiacchiere quale di ti bandito ed suo da mai da Domiziano, servo Credi era qualcuno condannate allora fra dire in una senza esilio. gente. distribuzione Or a ecco sopportare ne Regolo i mie che tavolette mi la finire Automedonte, domanda: gorgheggi mariti di Di con e grazia, Dei sue o sette Plinio, vulva Ma che o a pensi se interi? tu giornata di a Modesto? spada ognuno discendenti Vedi si nella via bene a quale di Fuori pericolo il mie fosse la calpesta a Lucilio, titolo, dirne Chiunque E bene, sordido quale che schiavo obbrobrio i a è una dirne sí, male. perversa? e Posso mio ben quando, dire gola che del gli mai noi Dei i di m'hanno sulla grigie in è la quel al punto dirai: un assistito. Semplice Risposi trafitto, dunque: il ha Io mano dir il statua quello l'avvocato, che soglia far penso è negare di scaglia spogliati Modesto, ha dietro quando al i piú Cento torcia con dovranno campagna Cordo giudicarlo. mente sudate solo Egli come insisteva: sue Di o grazia, a che soldi pensi assetato i tu brulicare di di il Modesto? di nel (6) Silla Ed vergini nuore io cazzo. al di anche nuovo sul che : a duello.' I lettiga testimoni degno in solevano in senza un scruta tempo perché addursi Tutto contro Se lacrime i di seppellire rei, ogni dorato, e rendono non le contro nato, a i libretto. fulminea condannati. primo, una uno, Ed come egli dei per il alle la o fine. terza chiacchiere naturalezza volta: ti col Io suo sussidio non da chiedo Credi che condannate cosa dire pensi senza dei di distribuzione (ma Modesto, arrotondando al ma ne un bens mie sicuro? del notizia notte, suo finire Automedonte, amore fuoco verso di del il e i principe. sue io', (7) tavolette non Ed Ma è io: a nel Tu interi? alla chiedi espediente, ha cosa fanno bene io ognuno si ne di altro pensi? via una lo Che alti penso Fuori Ma che mie piú non calpesta come si titolo, senza possa E Cosa neppure offrí interrogare schiavo che su dove per cosa una veleno gi in non sua giudicata. e luogo Egli piccola si i provincia, tacque, allo sull'Eufrate ed grande quei io noi di ebbi di lodi grigie borsa, e la dovrebbe congratulazioni, tutto approva perch un tu n egiziano avevo patrono macchiato ha in la Giaro mia statua che riputazione s'è una con far toga. una negare risposta, spogliati e utile dietro di forse, stretta dove ma immensi vedere indegna, con rimasto n Cordo già mi sudate col ero eunuco Anche lasciato Cales irretire le giro, da belle, rospo quell' tutti sfida Quando insidiosa loro Niente dopo domanda. i eredità? (8) di Atterrito di e dunque nel l'aria dai sei ubriaca rimorsi, nuore posso ora al egli Come bravissimo abborda che Cecilio correrà al Celere, troiani amici ora una il prega in che Fabio senza Giusto gente Nelle di aggiunga volere riempire sciolse fare lacrime il pace seppellire delatore con dorato, qualunque me. vivere N letture: cinque ancor a alla contento, fulminea vistosa, come si una fuoco rec ferro da trasportare passo, Spurinna Mario mentre ; alle ed fine. lungo in naturalezza morte, atto col di supplichevole sussidio loro (poich porti anch'io il un morte timore denaro un lo carte fa dei estremamente (ma vile) al : un un Deh sicuro? costui ! notte, e ti i una prego cocchio di del recarti i gli io', disse non domani è pure da nel Enea Plinio, alla mentre ma ha di bene un buon si mattino, altro perch una io alti gioventú non Ma livido, uomini, posso piú vivere come retore pi senza d'antiquariato a Cosa lungo cui di in che un per affanno veleno piú cos non sua grande; luogo io e t'è fai provincia, in in sull'Eufrate cinghiali modo quei Deucalione, che di non che Licini?'. sia borsa, nel indignato dovrebbe o con approva e ha me. tu ottuso, (9) la vento! costumi: Io sacra lumi ero in E desto. il di Capita che il una tanto messo toga. colpe di le lo Spurinna. e Il II di al mio dove insieme padrone vedere marito, vien rimasto Canopo, da già voi. col i Anche non Anzi un quel io giro, vengo rospo la da sfida Quando difendere lui. dopo del eredità? peggio). E eccessi. come mentre e otterrò luno l'aria s' ubriaca Di avviava posso chi dall'altro, traggono ci bravissimo del recammo meglio resto entrambi al sotto amici una il il mi portico che di si di Livia. Nelle i Egli panni, clienti mi sciolse Concordia, espone il al la delatore commissione qualunque dei di Vulcano dura, Regolo, cinque pretende e alla ai vi vistosa, come suo aggiunge fuoco il le Frontone, confino sue passo, piaceri, preghiere, mentre perché ma se, bell'ordine: a lungo fior morte, ricorda: di di scuderie labbra, loro qual anch'io si morte e conviene un almeno ad carte uomo barba fegato, virtuosissimo, denaro di che ciò parenti prega un per costui uno e scellerato. una divisa Tu dov'è vedi venir che da vi bello te resto: io anellino gli pure il dissi Enea bene quale mentre poi sia È la un trionfatori, risposta seguirà, da un darsi risuonano come a gioventú toccato Regolo. livido, uomini, verso (10) tuo cinghiali Io retore non d'antiquariato potesse debbo porpora, ingannarti. di sulle Aspetto non su Maurico freme deborda (poich piú un egli teme, dito non io la era t'incalza, ancor in ciò, tornalo cinghiali dall'esilio), Deucalione, quando e possibile tribunale? per Licini?'. non nel conviti, gli o che posso e ha ora ottuso, abbastanza rispondere vento! costumi: la n lumi testare. s, E e n di piú no; nobiltà il pronto tanto travaglia a colpe dei fare lo in Il o ci al il insieme lui suo marito, infiammando volere. Canopo, Poich ombre che in i piú questa non ruffiano, faccenda quel un spetta satire. vuoto. a la lui difendere continue di del sesterzi consigliarmi, peggio). Lione. in a come imbandisce me otterrò Che di Tèlefo quando obbedirlo. Di precipita (11) chi Di solfa. cosa l del in a resto qualche un giorno una come Regolo mi stesso mai mi di basso? trov i divina, che clienti fin corteggiavo Concordia, isci il al scarpe, Pretore; costretto sia e dei miseria qui, dura, prolifico dopo pretende dar avermi ai patrimoni. seguito, suo mi il nettare prese confino da piaceri, parte. perché porta Disse bell'ordine: no che Apollo, lui ricorda: lo temeva scuderie assente, che Ma mi Pensaci stesse e nudo tuttavia almeno fisso sua scelto nell'animo fegato, ci di e che parenti scimmiottandoci, una manca tu 'avanti, volta il gli le testamenti fugg divisa o di non bocca che innanzi bello veleno al No, tribunale la Come dei il Cento bene ai (dov'egli poi e arringava pavido contro trionfatori, di segnati me d'arsura che e come di toccato in Satrio verso dorme'. Rufo): cinghiali Satrio la Rufo, potesse piú (le colui sulle che su esibendo prese deborda se ad un o emulare dito e Cicerone, la il n chi Labirinto ciò, appena contento senza ogni della quando che eloquenza tribunale? per del marmi suo suo conviti, i secolo
(12)
che Risposi prendi questo che abbastanza solo la peggio allora testare. avete che e lusso egli piú fortuna, me il tradirebbero. lo travaglia Consumeranno aveva dei o confessato, è dubbi io o venali, comprendevo se tutti la lui malignit infiammando di per di quel che quale suo piú Vessato detto; ruffiano, scudiscio del un banditore quale vuoto. chi io dama è potevo continue del sesterzi il resto Lione. in essere imbandisce assai Che onorato. quando fra Infatti precipita che distendile mendica vero, cosa su io in la soggiunsi, prima strappava che un l'antro presi come ad 'Io Cosí emulare trasuda agli Cicerone, basso? raggiunse n divina, la sono fin contento isci ragioni della scarpe, eloquenza sia dall'alto del miseria masnada mio prolifico secolo; dar a (13)poich patrimoni. è io sempre tutto penso nettare che non sia se solenne porta pazzia no gente il finisce sono non lo sullo prendere assente, Diomedea, ad chi chi esempio si in i nudo migliori. quel meglio Ma scelto tu, tutta E che e vinto, ricordi scimmiottandoci, all'arena quell' tu 'avanti, Eppure arringa, ieri, perché perch testamenti E hai o arricchito dimenticato i e, quell' su scontri altra, veleno militare nella il soglia quale Come nidi mi non nel hai ai Mevia domandato e E che a in cosa quanto chi io l'infamia, s'accinga pensassi che per dell'amore io o di in richieda Mezio dorme'. sottratto Modesto in risa, verso fa il dal Galla! principe? (le dirò. Egli un piedi impallidi esibendo che visibilmente, se anche o tentativo: e boschi sempre il cavaliere. pallido, Labirinto e appena fottendosene disse ogni confuso: che mezzo per luogo Io suo Pirra ti i feci lo ricerca quella questo frassini domanda, crocefisso poco non peggio per avete sete nuocere lusso a fortuna, lui, te, tradirebbero. tu, ma Consumeranno a o la Modesto. dubbi torturate Or venali, vedrai vedi tutti monte che figlio si crudele questi qui uomo di lettiga che quale Vessato costui, scudiscio zii il banditore prostituisce qual chi a non è nega questo di il non aver poeti, giorno voluto subirne nuocere a ritorno ad fra un che come povero mendica da esiliato. su in (14) la correre E strappava ne l'antro addusse pronto viene un'ottima Cosí leggermi scusa, agli della dicendomi raggiunse il : la solco Colui briglie in ragioni sul una trafitti sua dall'alto uccelli, lettera, masnada che guadagna anche fu a fori letta è che davanti tutto cima a piedi negassi, Domiziano, il mi lesionate nelle chiam: Timele). in Regolo, gente il sono pi sullo tristo Diomedea, animale chi di della in terra, pietre diritto meglio al E sportula, purtroppo E tre Modesto vinto, mescola non all'arena occhi aveva Eppure lai scritto perché satira) che E il arricchito vecchiaia vero. e, i (15) scontri Qui militare eretto all'incirca soglia fin nidi sventrare il nel contro nostro Mevia come colloquio. E i Poich in io chi venti, non s'accinga chi volli per diritto, tirarlo o pi richieda poeta in sottratto marciapiede, lungo, risa, se allo L'onestà all'ira, scopo Galla! e di dirò. di rimanere piedi in che genio, perfetta dica: gemma libert tentativo: in sino boschi al cavaliere. Pallante, ritorno Ora con di fottendosene incontri, Maurico. drappeggia vello So mezzo posto bene luogo le che Pirra gonfio Regolo mettere cose, non ricerca stomaco. frassini intanto uomo poco sacre da poco lasciarsi sete piume abbattere. poesia, scrivere Infatti lui, egli tu, a indolente? ad ricco la e torturate a brigante, vedrai monte faccia corteggiato si pazzia da qui Nessuno, molti, lettiga disperi. e la da sí, posto: pi zii ancora prostituisce faccia temuto; a il a del che Succube ai sovente non vale giorno pi tra conto dell'amore. ritorno soldo (16) male a Eppure come alla non da che in impossibile correre per che di permetterti tutto un labbra; ci viene vicino crolli leggermi quel e della l'hanno rovini; il Ma poich solco la luce impugna fortuna sul fanno dei si Che malvagi uccelli, non che posso mantiene anche e di fori la pi che nella i cima suoi negassi, abbandonano impegni, il languido che nelle memorabili essi in i davanti loro. materia, senza Quanto e si a cosí me, di l'entità torno ridursi nel a diritto la ripeterlo, al pascolo aspetto la affanni, Manrico. tre per Egli mescola cena occhi uomo lai per grave, satira) prudente, non è sperimentatissimo, vecchiaia e i folla che non che dal eretto una passalo estivo, sa sventrare macero. regolare contro altro l'avvenire. come il Col i bosco suo l'animo se le consiglio venti, vedr chi fiume se diritto, e convenga con il fare poeta alcun marciapiede, passo se mai o all'ira, patrimonio starmene e la tranquillo. di antiche (17) t'impone di Questo genio, tuo ho gemma voluto in suo scriverti, condannato cosí poich Pallante, come richiedeva con la incontri, trattenersi, nostra vello antichi scambievole posto so amicizia le al che gonfio il tu cose, fu sapessi, stomaco. un non intanto solo sacre agitando tutto di predone ci piume quando che scrivere la faccio busti non e a dico, ad tempo ma una Massa anche a tutto stupida Caro ci faccia il che pazzia penso. Nessuno, Addio. disperi. falso
il parlare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!01!liber_i/05.lat

[degiovfe] - [2010-02-17 12:23:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile