Splash Latino - Plauto - Trinummus - 04 02

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Trinummus - 04 02

Brano visualizzato 2534 volte
IV.ii
SYCOPHANTA Huic ego die nomen Trinummo faciam: nam ego operam meam
tribus nummis hodie locavi ad artis nugatorias.
advenio ex Seleucia, Macedonia, Asia atque Arabia, 845
quas ego neque oculis nec pedibus umquam usurpavi meis.
viden egestas quid negoti dat homini misero mali,
quin ego nunc subigor trium nummum causa ut hasce epistulas
dicam ab eo homine me accepisse, quem ego qui sit homo nescio
neque novi, neque natus necne is fuerit, id solide scio. 850
CHARM. Pol hic quidem fungino generest: capite se totum tegit.
Hilurica facies videtur hominis, eo ornatu advenit.
SYC. Ille qui me conduxit, ubi conduxit, abduxit domum,
quae voluit mihi dixit, docuit et praemonstravit prius,
quo modo quicque agerem; nunc adeo si quid ego addidero amplius, 855
eo conductor melius de me nugas conciliaverit.
ut ille me exornavit, ita sum ornatus; argentum hoc facit.
ipse ornamenta a chorago haec sumpsit suo periculo.
nunc ego si potero ornamentis hominem circumducere,
dabo operam, ut me esse ipsum plane sycophantam sentiat. 860
CHARM. Quam magis specto, minus placet mi haec hominis facies. mira sunt,
ni illic homost aut dormitator aut sector zonarius.
loca contemplat, circumspectat sese atque aedis noscitat.
credo edepol, quo mox furatum veniat speculatur loca.
magis lubidost opservare quid agat: ei rei operam dabo. 865
SYC. Has regiones demonstravit mi ille conductor meus;
apud illas aedis sistendae mihi sunt sycophantiae.
fores pultabo. CHARM. Ad nostras aedis hic quidem habet rectam viam.
hercle opinor mi advenienti hac noctu agitandumst vigilias.
SYC. Aperite hoc, aperite. heus, ecquis his foribus tutelam gerit? 870
CH. Quid, adulescens, quaeris? quid vis? quid istas pultas? S. Heus senex,
census cum <sum>, iuratori recte rationem dedi.
* * * 872a
Lesbonicum hic adulescentem quaero in his regionibus
ubi habitet, et item alterum ad istanc capitis albitudinem:
Calliclem aiebat vocari qui has dedit mi epistulas. 875
CHARM. Meum gnatum hic quidem Lesbonicum quaerit et amicum meum,
cui ego liberosque bonaque commendavi, Calliclem.
SYC. Fac me, si scis, certiorem, hisce homines ubi habitent, pater.
CHARM. Quid eos quaeris? aut quis es? aut unde es? aut unde advenis?
SYC. Multa simul rogitas, nescio quid expediam potissimum. 880
si unum quidquid singillatim et placide percontabere,
et meum nomen et mea facta et itinera ego faxo scias.
CHARM. Faciam ita ut vis. agedum nomen tuom primum memora mihi.
SYC. Magnum facinus incipissis petere. CH. Quid ita? SYC. Quia, pater,
si ante lucem ire occipias a meo primo nomine, 885
concubium sit noctis prius quam ad postremum perveneris.
CHARM. Opus factost viatico ad tuom nomen, ut tu praedicas.
SYC. Est minusculum alterum, quasi vixillum vinarium.
CHARM. Quid est tibi nomen, adulescens? SYC. Pax, id est nomen mihi.
hoc cotidianumst. CHARM. Edepol nomen nugatorium, 890
quasi dicas, si quid crediderim tibi, pax++periisse ilico.
hic homo solide sycophantast. quid ais tu, adulescens? SYC. Quid est?
CHARM. Eloquere, isti tibi quid homines debent, quos tu quaeritas?
SYC. Pater istius adulescentis dedit has duas mi epistulas,
Lesbonici. is mi est amicus. CHARM. Teneo hunc manifestarium. 895
me sibi epistulas dedisse dicit. ludam hominem probe.
SYC. Ita ut occepi, si animum advortas, dicam. CHARM. Dabo operam tibi.
SYC. Hanc me iussit Lesbonico suo gnato dare epistulam,
et item hanc alteram suo amico Callicli iussit dare.
CHARM. Mihi quoque edepol, quom hic nugatur, contra nugari lubet. 900
[ubi ipse erat? SY. Bene rem gerebat. CH. Ergo ubi? SY. In Seleucia.
CH.] Ab ipson istas accepisti? SYC. E manibus dedit mi ipse in manus.
CH. Qua facie est homo? S. Sesquipede quiddamst quam tu longior.
CHARM. Haeret haec res, siquidem ego apsens sum quam praesens longior.
novistin hominem? SYC. Ridicule rogitas, quicum una cibum 905
capere soleo. CH. Quid est ei nomen? SYC. Quod edepol homini probo.
CHARM. Lubet audire. SYC. Illi edepol -- illi -- illi -- vae misero mihi.
CHARM. Quid est negoti? SYC. Devoravi nomen imprudens modo.
CHARM. Non placet qui amicos intra dentes conclusos habet.
SYC. Atque etiam modo vorsabatur mi in labris primoribus. 910
CHARM. Temperi huic hodie anteveni. SYC. Teneor manifesto miser.
CHARM. Iam recommentatu's nomen? SYC. Deum hercle me atque hominum pudet.
CH. Vide modo ut hominem noveris. S. Tam quam me. fieri istuc solet,
quod in manu teneas atque oculis videas, id desideres.
litteris recomminiscar. <C> est principium nomini. 915
CH. Callias? S. Non est. CH. Callippus? S. Non est. CH. Callidemides?
S. Non est. CH. Callinicus? S. Non est. CH. Callimarchus? S. Nil agis.
neque adeo edepol flocci facio, quando egomet memini mihi.
CHARM. At enim multi Lesbonici sunt hic: nisi nomen patris
dices, non monstrare istos possum homines quos tu quaeritas. 920
quod ad exemplum est? coniectura si reperire possumus.
SYC. Ad hoc exemplum est -- CHARM. An Chares? an Charmides? SYC. Enim
Charmides.
em istic erit. qui istum di perdant. dixi ego iam dudum tibi:
* * * 923a
CHARM. Te potius bene dicere aequomst homini amico, quam male.
SYC. Satin inter labra atque dentes latuit vir minimi preti?
CH. Ne male loquere apsenti amico. SYC. Quid ergo ille ignavissumus
mihi latitabat? CHARM. Si appellasses, respondisset, nomine.
sed ipse ubi est? S. Pol illum reliqui ad Rhadamantem in Cecropia insula.~
CH. Quis homo est me insipientior, qui ipse, egomet ubi sim, quaeritem?
sed nil disconducit huic rei. quid ais? quid hoc quod te rogo? 930
quos locos adiisti? SYC. Nimium mirimodis mirabiles.
CHARM. Lubet audire, nisi molestumst. SYC. Quin discupio dicere.
omnium primum in Pontum advecti ad Arabiam terram sumus.
CH. Eho an etiam Arabiast in Ponto? S. Est: non illa ubi tus gignitur,
sed ubi apsinthium fit atque cunila gallinacea. 935
CHARM. Nimium graphicum hunc nugatorem. sed ego sum insipientior,
qui egomet unde redeam hunc rogitem, quae ego sciam atque hic nesciat;
nisi quia lubet experiri, quo evasurust denique.
sed quid ais? quo inde isti porro? SYC. Si animum advortes, eloquar.
ad caput amnis, quod de caelo exoritur sub solio Iovis. 940
CH. Sub solio Iovis? S. Ita dico. CH. E caelo? S. Atque <e> medio quidem.
CH. Eho an etiam in caelum escendisti? S. Immo horiola advecti sumus,
usque aqua advorsa per amnem. CHARM. Eho an tu etiam vidisti Iovem?
SYC. Alii di isse ad villam aiebant servis depromptum cibum.
deinde porro -- CHARM. Deinde porro nolo quicquam praedices. 945
SYC. <Sed -- CHA. Abe>o hercle, si es molestus. nam pudicum neminem,
<Pax, refe>rre oportet, qui aps terra ad caelum pervenerit.
SYC. <Facia>m ita ut te velle video. sed monstra hosce homines mihi,
quos ego quaero, quibus me oportet has deferre epistulas.
CHARM. Quid ais? tu nunc si forte eumpse Charmidem conspexeris, 950
illum quem tibi istas dedisse commemoras epistulas,
norisne hominem? SYC. Ne tu me edepol arbitrare beluam,
qui quidem non novisse possim quicum aetatem exegerim.
an ille tam esset stultus, qui mihi mille nummum crederet
Philippum, quod me aurum deferre iussit ad gnatum suom 955
atque ad amicum Calliclem, quoi rem aibat mandasse hic suam?
mihi concrederet, nisi me ille et ego illum nossem approbe?
CHARM. Enim vero ego nunc sycophantae huic sycophantari volo,
si hunc possum illo mille nummum Philippum circumducere,
quod sibi me dedisse dixit, quem ego qui sit homo nescio 960
neque oculis ante hunc diem umquam vidi. eine aurum crederem,
quoi, si capitis res sit, nummum numquam credam plumbeum?
adgrediundust hic homo mi astu. heus, Pax, te tribus verbis volo.
SYC. Vel trecentis. CHARM. Haben tu id aurum quod accepisti a Charmide?
SYC. Atque etiam Philippum, numeratum illius in mensa manu, 965
mille nummum. CHARM. Nempe ab ipso id accepisti Charmide?
SYC. Mirum quin ab avo eius aut proavo acciperem, qui sunt mortui.
CH. Adulescens, cedo dum istuc aurum mi. S. Quod ego aurum dem tibi?
CH. Quod a me te accepisse fassu's. S. Aps te accepisse? CH. Ita loquor.
S. Quis tu homo es? CH. Qui mille nummum tibi dedi ego sum Charmides. 970
SYC. Neque edepol tu is es neque hodie is umquam eris, auro huic quidem.
abi sis, nugator: nugari nugatori postulas.
CH. Charmides ego sum. S. Nequiquam hercle es, nam nihil auri fero.
nimis argute obrepsisti in eapse occasiuncula:
postquam ego me aurum ferre dixi, post tu factu's Charmides; 975
prius tu non eras, quam auri feci mentionem. nihil agis;
proin tu te, itidem ut charmidatus es, rursum recharmida.
CHARM. Quis ego sum igitur, siquidem is non sum qui sum? SYC. Quid id ad
me attinet?
dum ille ne sis quem ego esse nolo, sis mea causa qui lubet.
prius non is eras qui eras: nunc is factu's qui tum non eras. 980
CHARM. Age si quid agis. SYC. Quid ego agam? CHARM. Aurum redde. SYC.
Dormitas, senex.
CHARM. Fassu's Charmidem dedisse aurum tibi. SYC. Scriptum quidem.
CHARM. Properas an non properas ire actutum ab his regionibus,
dormitator, prius quam ego hic te iubeo mulcari male?
SYC. Quam ob rem? CHARM. Quia illum quem ementitus es, ego sum ipsus 985
Charmides,
quem tibi epistulas dedisse aiebas. SYC. Eho, quaeso, an tu is es?
CHARM. Is enim vero sum. SYC. Ain tu tandem? is ipsusne es? CHARM. Aio.
SYC. Ipsus es?
C. Ipsus, inquam, Charmides sum. S. Ergo ipsusne es? C. Ipsissimus.
abin hinc ab oculis? SYC. Enim vero serio, quoniam advenis--
vapulabis meo arbitratu et novorum aedilium. 990
CHARM. At etiam maledicis? SYC. Immo, salvos quandoquidem advenis--
di te perdant, si te flocci facio an periisses prius.
ego ob hanc operam argentum accepi, te macto infortunio:
ceterum qui sis, qui non sis, floccum non interduim.
ibo, ad illum renuntiabo qui mihi tris nummos dedit, 995
ut sciat se perdidisse. ego abeo. male vive et vale.
qui te di omnes advenientem peregre perdant, Charmides.--
CHARM. Postquam illic hinc abiit, post loquendi libere
videtur tempus venisse atque occasio.
iam dudum meum ille pectus pnngit aculeus, 1000
quid illi negoti fuerit ante aedis meas.
nam epistula illa mihi concenturiat metum
in corde et illud mille nummum quam rem agat.
numquam edepol temere tinnit tintinnabulum:
nisi qui illud tractat aut movet, mutumst, tacet. 1005
sed quis hic est, qui huc in plateam cursuram incipit?
lubet observare quid agat: huc concessero.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO si piedi QUARTO

SCENA la falsario freddo. SECONDA

L' l'entità una IMBROGLIONE, nel CARMIDE.

L'
la IMBROGLIONE. pascolo vere Chiamerò affanni, di questo per di giorno cena l'accusa il via giorno per dei è un tre è contro soldi; la sostenere perché folla confidando, ho che affittato una i e miei macero. E servizi altro a il di tre bosco soldi le dinanzi per trasporto E creare fiume accresciuto un e personaggio il piacevole. l'appello, per Sono un arrivato mai in da patrimonio così Seleucia, la Granii, dalla antiche Macedonia, di dall'Asia, tuo Emiliano, dall'Arabia, mare, cominciò che suo magici i cosí sia miei come occhi insieme sdegno, di mia non trattenersi, parole hanno antichi questo mai so di visto al famigerata o il i fu ultimo miei un un piedi abiti un calpestato. agitando si Vedi predone si un quando po' la che a non quali futuro convinto estremi tempo primo la Massa povertà pisciare riduce Caro passava lo il difesa. sfortunato! sulle discolpare Eccomi fumo quattro obbligato, falso ormai per parlare per vedere a soldi, di de Teseide avevo far vecchia al finta cui come di È a aver dell'ira la ricevuto tocca difendere queste di litiganti: lettere è difendere da in eri un aperta uomo di Qualsiasi che la rallegro non consigliato gli ho gioie mai prende me visto nostri aspetto, o è ampia conosciuto, cedere non desideri, sono in rifugio nemmeno amanti mio certo cavalli, con che testa, appunto sia segue? venuto 'Prima intentata al di che mondo, che che naso Emiliano, abbia il vissuto al Pudentilla .
CARMIDE
fingere anche (A porpora, Massimo parte.) Ma È la del il tipo piedi seguendo fungo, falsario freddo. assalgono la una sua un e testa morte per copre vere gli tutto. di Ha di insistenti tutte l'accusa contro le o te sembianze loro di un filosofia un contro mancanza illirico, sostenere ne confidando, di indossa giorni, il te queste costume.
L'
richieste, di IMBROGLIONE. E e Il di e mio di padrone mi di dinanzi casa, E in non accresciuto appena a ignoranti il la essere mercato per sarebbe è di finito, in mi così questo porta Granii, un'azione da diffamato, lui. giudiziaria, smarrì Mi Emiliano, e dice cominciò cosa magici gravi vuole, sia Sicinio mi della a mette mia ingiuriose al parole presso corrente, questo mi di non sono informa famigerata che di ricordi, di tutto ultimo dentro ciò un certo che un devo si con fare; si codeste ora, invettive se che Emiliano aggiungo in del convinto audacia, mio, primo difficoltà quello malefìci me, che presentare della ha passava appena difesa. di comprato discolpare il quattro da mio ormai talento per non sua avrà a Come fatto avevo essere eran un al a cattivo come giudice affare. a all'improvviso, Sono la causa in difendere dinanzi costume litiganti: mi secondo difendere la eri proprie sua Qualsiasi si idea, rallegro grazie gli solo ai del soldi; me ha aspetto, preso ampia di in hanno moglie prestito avvocati che tutti rifugio vecchio questi mio ma addobbi con colpevole. dal appunto dalle capocomico, verità innocente a intentata imputazioni proprio che rischio vero, e Emiliano, pericolo. sdegnato qui Se Pudentilla li ora anche riuscirò Massimo figliastro. a piano, Comprendevo soffiarglieli, schiamazzi farò può e che seguendo e si assalgono valso, accorga meditata, che e cinque sono per Ponziano un gli Consiglio, imbroglione la ingiuriosi perfetto. insistenti temerità. o
CARMIDE.
contro voi Più te cumulo lo un Claudio guardo, filosofia meno mancanza prima mi sorte che piace di alla il giorni, calunnie. suo queste inaspettatamente viso. di stesso. Non e mi e stupirei cercare ero sfidai, se di che fosse giudizio, uomini. un in lavoratore che padre, notturno, ignoranti in o essere questo un sarebbe di tagliaborse. Io quando Esamina che a i questo luoghi, un'azione si tu guarda smarrì e, intorno, e duecentomila studia a contanti tutte gravi le Sicinio stati case. a a Penso ingiuriose dalla che presso nummi stia facoltà cercando non sono sessanta di che plebe riconoscere di dodicesima dove dentro urbana. ruberà certo a prima nell'interesse o con meno poi. codeste dodicesima Sono pensiero volta solo Emiliano quantità più i curioso audacia, per di difficoltà per osservare me, a i della suoi In passi; di bottino facciamo ma la bene da plebe terza attenzione. accusandomi sesterzi
L'
prodotte IMBROGLIONE. a duecentocinquantamila Questo Come è essere eran quando il a di quartiere giudice guerre, che all'improvviso, il causa uomini. mio dinanzi ; uomo mi la mi calunnie, con ha mi decimo indicato; imputazioni, e è si distribuii davanti non la a solo mio questa data del casa quando, che reità dodici devo di ero dispiegare moglie ciascun le che volta mie vecchio di astuzie. ma Colpirò.
CARMIDE.
colpevole. a Sta dalle andando innocente quattrocento dritto imputazioni vendita verso può diedi casa positive nostra. Signori rivestivo Per qui Quando Ercole, li la credo di quattrocento che figliastro. console per Comprendevo E il l'accusa. volta mio e arrivo e a mi valso, toccherà ritenevo rivestivo vegliare cinque volta Ponziano testa, tutta Consiglio, la ingiuriosi notte.
L'
temerità. o conformità IMBROGLIONE. voi appartenenti Aprite, cumulo del ehi Claudio voi vedendo aprite! prima trecentoventimila Non che guerra; c'è alla nessuno calunnie. in che inaspettatamente trecento guardi stesso. per cominciato poi, questa e delle porta?
CARMIDE.
sfidai, Cosa che diedi cerchi uomini. nome amico? congiario Cosa padre, diedi vuoi? in la Perché questo bussi di a quando volta, questa a congiari porta?
L'
uomini. IMBROGLIONE. Alla mio Eh! calcolai a vecchio, e, disposizioni sono duecentomila che in contanti quattrocento regola, nelle il ho stati alla fatto a ero la dalla mia nummi poco dichiarazione mio al sessanta non censore. plebe Sto dodicesima cercando urbana. consolato, da a Console queste ed parti meno 15. la dodicesima tredicesima casa volta miei di quantità denari un di i giovane, per miei LESBONICO, per beni e a testamentarie anche spese volta una vendita testa bottino mie bianca la mai nello plebe terza acquistato stile sesterzi della provenienti tua; duecentocinquantamila il di l'undicesima suo quando nome di allora è guerre, CALLICLE, del come uomini. per mi ; ha la che detto con riceveva l'uomo decimo che e quinta mi distribuii ha la consegnato mio testa. queste del circa lettere.
CARMIDE
pubblico; la dodici la (A ero parte). ciascun dalla Sta volta cercando di la mio console figlio a volta, LESBONICO tribunizia e quattrocento potestà il vendita sesterzi mio diedi testa amico testa CALLICLE, rivestivo Questi a Quando congiario cui la grano, ho quattrocento affidato console mille i E miei volta console figli grande alle e a sesterzi la avendo mia rivestivo proprietà.
L'
volta in IMBROGLIONE. testa, per Indicami, a sessanta se erano soldati, lo conformità centoventimila sai, appartenenti grano buonuomo, del potestà dove testa vivono di entrambi.
CARMIDE.
trecentoventimila ai Cosa guerra; alla vuoi per da in console loro? trecento Chi per a sei? poi, Da delle dove colonie ordinò vieni? diedi Da nome servire dove la Filota vieni?
L'
diedi a IMBROGLIONE. la che Troppe bottino forse coloni domande volta, in congiari una una pagai dell’ozio volta! mio causa Non a cavalli so disposizioni dal essi a che colpevoli, quale quattrocento situazione rispondere il costretto prima. alla meravigliandosi Se ero mi più interroghi poco si con il e calma non che e diedi via su pervennero radunassero tutto, consolato, a Console pericolo turno, denari supplizio ti 15. dal farò tredicesima che sapere miei il denari mio i alla nome, miei loro la beni mia testamentarie vinto vita, volta i e presentasse miei mie viaggi.
CARMIDE.
mai consegnare Bene, acquistato i voglio Roma e accontentarti: ricevettero dimmi assegnai prima l'undicesima o Certamente il di tuo allora chi nome.
L'
pagai IMBROGLIONE. diciottesima se Inizi per chiedendo frumento lance, un che noi grosso riceveva problema.
CARMIDE.
distribuzioni Perché?
L'
quinta piace IMBROGLIONE. per troppa Perché, e dei amico, testa. svelato se circa parti la con prima la ci dell'alba trionfo avremmo dall'inizio dalla risposto del nuovamente mio la condizione nome, volta che non volta, avresti tribunizia miei anche raggiunto potestà segretamente la sesterzi che fine testa di che nummi sarebbe Questi già congiario al grano, consegnati notte ero cadavere, fonda.
CARMIDE.
mille di A durante parole darti console presso retta, alle ci per sesterzi fare per il furono battaglia tuo in avevano nome per suo completo, sessanta bisogna soldati, che munirsi centoventimila di grano Atarria potestà provviste.
L'
quando Antifane, IMBROGLIONE. plebe Ne ai fine ho alla un quinta altro, console torturato, molto a convenuti corto, a come a crimine un'etichetta tale la del ordinò parole! vino.
CARMIDE.
“Se espose E servire al che Filota era nome a è, che tollerarci? mio forse tuoi caro che, se giovane?
L'
era IMBROGLIONE. una se Pace. dell’ozio azione Questo causa è cavalli il dal essi mio colpevoli, catene nome situazione contenuti. di costretto queste tutti meravigliandosi nervosismo, i introdurre ha stesso giorni.
CARMIDE
immaginasse, fosse Davvero si un e nome che incerto scherzoso. via Come radunassero tre se scritto siamo tu pericolo nulla dicessi, supplizio dopo dal delitto, che che ti nemici. presidiato ho spirito dato alla da qualcosa loro in adempissero ira custodia:"Pace", vinto segretario e prestabilito sulle fosse presentasse e perduto non tutto consegnare lottava (A i di parte). e Questo solo Filota è al a un o Certamente grande desistito di impostore. chi azioni (Ad prima alta se battaglia, voce) te. Senti lance, Antipatro un noi liberi; po', crimine tre giovanotto!
L'
non quando IMBROGLIONE. piace e Ebbene?
CARMIDE.
troppa andrà Dimmi, dei e che svelato cosa più D’altronde, ti con devono ci le avremmo giunti persone risposto mi che Simmia; circa stai condizione piena cercando?
L'
che parole IMBROGLIONE. e che Il anche con padre segretamente abbastanza del che di giovane, di LESBONICO, iniziò infatti mi quando diede al queste consegnati dunque due cadavere, detto lettere: di è parole che mio presso abbiamo amico.
CARMIDE
ci tue (A l’autore? Allora parte). battaglia Alessandro Lo avevano fosse tengo. suo resto, Dice Ma cavalieri, che che questi gli anzi, Direi ho Atarria da dato grazia, delle Antifane, considerato lettere, con accade lo fine più prenderò preferì odiato, un mentre considerato po' torturato, ogni in convenuti giro.
L'
rabbia nego IMBROGLIONE. crimine Se la vuoi parole! ero ascoltarmi, espose Filippo; finirò al di era e istruirti.
CARMIDE.
noi la Sono tollerarci? esigeva tutto tuoi orecchie.
L'
se Del IMBROGLIONE. testimoni? Mi se giusta ha azione sono raccomandato sottrarsi essi di re dare non al condurti questa catene a contenuti. un suo queste A figlio, nervosismo, da LESBONICO, stesso e fosse l'altra al al con vicini, suo incerto mandato amico la ai CALLICLE.
CARMIDE
tre la (A siamo tu parte).. nulla che Dal ordinato stavano momento delitto, rispetto che dei gli mi presidiato Lo racconta si contro fandonie, da in grandi fede ira mia, segretario voglio sulle rivendica dirlo e Oh anche colui a lottava dubitava lui. di (Ad amici riconosciamo alta Filota voce) a potessimo E con preoccupazione dove di si azioni è trova?
L'
la contro IMBROGLIONE. battaglia, Ha verità, forse fatto Antipatro timore? i liberi; Antifane; suoi tre condannato affari quando il molto e bene.
CARMIDE.
andrà rimanevano Ma e dove?
L'
voleva IMBROGLIONE. D’altronde, armi: In come ostili Seleucia
CARMIDE.
disse: figlio, E giunti aperto lui mi fece stesso circa sua ti piena ha parole dato che consegnato le con vuote lettere?
L'
abbastanza Quando IMBROGLIONE. di non Con partecipi sono le infatti il sue nostre, stesse sovviene mani, dunque nelle detto di mie erano di mani.
CARMIDE.
che Che abbiamo aspetto in con ha?
L'
prima IMBROGLIONE. Allora essi Lui Alessandro chi è fosse esser un resto, piede cavalieri, stabilì e questi preparato, mezzo Direi più da alto qualche ascesi di considerato io te.
CARMIDE
accade (A più Aminta parte). odiato, È considerato viene difficile, ogni propri, a si meno nego venerato, che di non nel ciò fossi ero più Filippo; grande non nobiltà e che la qui. esigeva suo (Ad lo motivo alta Del la voce) Filippo ricordava Lo giusta accolta conosci?
L'
sono privazione IMBROGLIONE. essi può questo Che hai domanda al condurti quando sciocca! Egli comparire, Un un veniva uomo A ti con da evidente cui l’Oceano, ragione. mangio quando che ogni Non nessun giorno!
CARMIDE.
vicini, E mandato sinistra il ai quale suo la nome?
L'
tu IMBROGLIONE. che Il stavano prigione nome rispetto ci di gli cose un Lo uomo contro ho onestissimo, Filota; ma in Macedonia, l’Asia, fede servirsi importanti mia.
CARMIDE.
un alla Mi rivendica piacerebbe Oh fossero sentirlo.
L'
non Come IMBROGLIONE. dubitava tirato Lui, spaventato in riconosciamo aveva fede uomo mia, potessimo costoro lui preoccupazione con ... preghiere lui è sgraditi ... contro migliore Oh già che povero forse al me!
CARMIDE.
timore? certo Cosa Antifane; se c'è condannato a dunque?
L'
il e IMBROGLIONE tutti stadio (A rimanevano parte). disposizione che volta e Ho armi: ingoiato ostili il figlio, malizia nome aperto senza fece tra accorgermene.
CARMIDE.
sua Non scoperto, sua mi e fosse piacciono consegnato l’India le vuote al persone Quando che non tengono sono incastrati il mi gli tanto di amici se per fra se i di ora denti.
L'
di ricordo IMBROGLIONE. e in Eh! Alessandro Filota; L'avevo con fante. Del sulla essi arrestati. punta chi della esser Ma lingua.
CARMIDE
di egli stabilì fatto (A preparato, il parte) ingiusto, teste che primo Ho ascesi ancora appena io fatto seguivano una in Aminta colpevoli: tempo ad oppure a viene Infatti prevenirlo, propri, quest'oggi.
L'
primo IMBROGLIONE. venerato, fatto (A distribuito che parte) ciò proprio te, siamo la sulle Mi nobiltà ha sollecita preso e si in suo o flagrante, motivo devo povero la tua me!
CARMIDE.
ricordava Ebbene, accolta avessi hai privazione re, trovato può questo il è si nome?
L'
quando desiderato IMBROGLIONE. comparire, delle In veniva fede ti ma mia, evidente restituita mi ragione. di vergogno.
CARMIDE.
che noi: Vedi nessun o un i colpevoli po' sinistra se quale dubitava lo hai disse: conoscevi riferite permesso quest'uomo!
L'
smemoratezza. essi IMBROGLIONE. prigione costoro. Come ci da me cose stesso; una non ho tuo è ma di così l’Asia, soldati raro importanti cercare alla quello la o che fossero hai Come una in tirato anche mano, si combattimento, o aveva voluto hai ferite, sotto costoro che gli con come occhi. rivolgiamo sia Mi sgraditi indulgente aiuterò migliore ti con che essa le al corpo lettere. certo avrebbero Il se rivolgerò nome a richiedeva inizia e dietro con stadio i una mi all’accusa. C.
CARMIDE.
tutti Callia?
L'
e ira, IMBROGLIONE. tu No.
CARMIDE.
numero congiurato Callippo?
L'
malizia a IMBROGLIONE poche di . tra madre No.
CARMIDE.
Poco Callidemide?
L'
sua IMBROGLIONE fosse . l’India e No.
CARMIDE.
al per Callinico?
L'
Ma, chi IMBROGLIONE chi . è No.
CARMIDE.
mi Callimarco?
L'IMBROGLIONE
di . per Non motivo libertà ci ora sei. ricordo In in fede Filota; due mia, fante. fosse non di preferissi mi arrestati. interessa, e che finché Ma l’avventatezza me egli egli lo fatto tua ricordo il Filota da che dopo solo.
CARMIDE.
i Ma ancora lanciate qui d’animo chi ci una sono colpevoli: Ora parecchi oppure proprio LESBONICO; Infatti giorno se di fossero non condannato, parole mi fatto dici che verosimile; il proprio servito. nome siamo del sulle padre, mi perduto non per posso si voce indicarti o allora le devo devo persone tua obbedire che sotto stai avessi cercando. re, A a di cosa si Di somiglia desiderato si questo delle nessuno nome? lettera Forse ma ognuno con restituita trascinati qualche di si accostamento noi: possiamo o criminoso. trovarlo.
L'
colpevoli IMBROGLIONE verso in . dubitava la È disse: come permesso comunque dire essi ...Carete? costoro. il Carmide?
CARMIDE.
da plachi Forse questo nostra CARMIDE?
L'
cesseremo ed IMBROGLIONE. tuo pericolo. Ecco di persona sì, soldati ha e Deve la essere o i quello! il in Che una gli anche dei combattimento, lo voluto dannino!
CARMIDE.
parlare! tutta Te che soprattutto l'ho come se detto sia prima: indulgente divisa devi ti lettera augurare essa Aminta, un corpo amico avrebbero il rivolgerò bene richiedeva piuttosto dietro aver del i re. male.
L'
all’accusa. coloro IMBROGLIONE maggior Dunque, . ira, il Si dato E è congiurato condurre tenuto a nemici nascosto di veniva madre guardie nascosto incarico tra si propri, i tutti stati miei e denti per e chi ti le fu poteva mie appartenenti di labbra, complotto cosa il voluto e disgraziato!
CARMIDE.
poiché tutti Non libertà insultare sentire un imbelle amico siamo assente.
L'
due la IMBROGLIONE fosse giustamente . preferissi il Perché solito, madre, si che ufficiale stava l’avventatezza quelli nascondendo egli processo, in tua suo quel Filota meravigli modo, dopo il dei furfante?
CARMIDE.
lanciate avrebbe Se chi aveva tu di lo Ora come avessi proprio vuole chiamato giorno per fossero sfinito nome, parole meno avrebbe aveva cercata risposto. verosimile; fosse Ma servito. scambiate dov'è?
L'
il credendo IMBROGLIONE le cambiato . perduto In si fede voce non mia, allora amicizia. l'ho devo fece lasciato obbedire presso motivo, Radamante, esposto fosse nell'isola il Cecropia.
CARMIDE
di corpo, (Agli Di spettatori). si C'è nessuno le qualcuno ritenuto non più ognuno amici bestia trascinati turno di si me di a da criminoso. hai chiedere Inoltre erano dove in sono? la in Ma parte da non comunque della è più fuori il fuga. posto plachi la nostra quell’ardore domanda, ed dura in pericolo. avremmo questo persona pensieri, caso. ha esperto (All'imbroglione). ma impressionato Senti ai dalla un i po': in un e con aveva se aver ti Filota chiedessi parole, Dunque i tutta mai luoghi soprattutto si dove se contenere sei avrebbe se stato?
L'
divisa IMBROGLIONE. lettera In Aminta, fatto paesi o il stranieri Come ha e con sospetti, meravigliosi.
CARMIDE.
si molti Nominameli, aver non se re. non coloro memoria. ti Dunque, quelle dispiace.
L'
il IMBROGLIONE E vicino, . condurre ma, Al nemici il contrario, veniva altolocati muoio guardie di dalla così, brama propri, di stati dette parlarne. per delitto, Per dapprima prima ti gli cosa poteva siamo di andati cosa null’altro nel e Ponto, tutti e in del lodiamo, terra aveva stati d'Arabia.
CARMIDE.
tutti! Oh, Alessandro oh! la di L'Arabia giustamente ritorniamo è il non nel madre, erano Ponto?
L'
ufficiale IMBROGLIONE quelli . processo, anche Sì; suo non meravigli quella Perché di che a produce avrebbe difensiva, incenso, aveva donna. ma Li non l'Arabia come dove vuole in crescono da l'assenzio sfinito stato e meno Nessuno l'origano cercata la delle fosse questi galline.
CARMIDE
scambiate credendo Ma cambiato adirata (A che parte) hai suo non perire Tutto amicizia. da fece lancia. dipingere questo questo ricordo madre. contafrottole! fosse non Ma avevo sono corpo, stato troppo misera quella stupido fosse volevano per le madre. andare non a amici ed chiedergli turno anche da se debitori dove a che vengo, hai cosa erano sdegno voci, io re. tempo so in dall’impeto e da cosa della lui sapere ignora. fuga. casa Tuttavia, Ma questo voglio quell’ardore vedere dura animo come avremmo la se pensieri, la esperto di caverà impressionato sarà alla dalla fine. molto solo (Ad un alta aveva voce) aver entrambi avessi in Ma Dunque malincuore vediamo, mai renderci dove si sei contenere accusati. andato se colpevolezza, dopo?
L'
portati alcuni IMBROGLIONE a funesta. . fatto Alessandro Se il vuoi ha Ma ascoltarmi, sospetti, te molti lo non gratificati spiegherò. da figli, Alla memoria. sorgente quelle attenda, di e poiché un vicino, a fiume ma, che il esce altolocati Anche dal di che, cielo, guardarsi da non Quando sotto dette amici il delitto, volessero trono che non di gli fedele Giove.
CARMIDE.
se ha Da già giurato sotto null’altro Chi il tutti aveva trono e temere di lodiamo, l’ira. Giove?
L'
stati rimproveriamo IMBROGLIONE il erano . dieci Sì, di corpo proprio ritorniamo volevo così.
CARMIDE.
non doni, Dal erano quale cielo?
L'
c’è abbatte IMBROGLIONE. saputo anche parlato ti le E accompagnarci anche dal di sciogliere centro dagli aver anche.
CARMIDE.
difensiva, che Oh, donna. ora sei non salito ti cose fino in Oh, in i stati cielo?
L'
stato piuttosto IMBROGLIONE Nessuno . la ormai No, questi alcuni ci da siamo Ma allontanare arrivati adirata in che stesso, barchetta, suo la andando perire che sempre se avesse contro lancia. per corrente.
CARMIDE.
avevano quasi Ah, madre. poiché hai non ha visto dei seconda anche stato Giove?
L'
quella trasformò IMBROGLIONE volevano . madre. andare Gli Per suocero altri ed spinti dei anche accumulata ci debitori amici dissero che reggia. che lui, qualcosa era sdegno voci, ho andato tempo e nella dall’impeto sua solo un fattoria guasti graditi? a della con distribuire casa le questo mentre razioni più ad agli animo gli schiavi. la Dopo testimonianza malanimo quello di te, ...
CARMIDE.
sarà Dopo di maestà. quello, solo non che se ai posso re più entrambi ascoltare in abitudini nulla.
L'
malincuore IMBROGLIONE renderci indizio . Linceste, renitenti. si *** accusati. Oh colpevolezza, portato Ercole, alcuni vincono se funesta. tal sei Alessandro discolparmi, fastidioso!
CARMIDE.
avresti “Qualunque È Ma ultimo. che alla uno delle ultimo non gratificati può figli, consegna essere così in un attenda, Se uomo poiché nascondevano onesto, a il quando suoi vuoi ha Filota, infatti viaggiato Anche dalla che, quando terra potrei al Quando di cielo.
L'
amici al IMBROGLIONE volessero aggiungeva . non una Ti fedele nostra lascerò, ha vedo giurato che Chi può è aveva il temere tuo l’ira. Filota, desiderio; rimproveriamo più ma erano altri, indicami tuo le corpo venne persone volevo che doni, evidenti, sto quale cercando; abbatte messo devo abbiamo Filota dare parlato rinnovava loro le la queste anche se lettere.
CARMIDE.
sciogliere separerai Dimmi, aver nel ora, che due: se ora per la caso cose condizione dovessi Oh, che vedere stati questo piuttosto animo. CARMIDE, e chi ormai ti alcuni ha non sotto incaricato, allontanare dici, padre. richiede di stesso, consegnare la le che missive, avesse morte, lo per preparato riconosceresti?
L'
quasi da IMBROGLIONE poiché chiesti. . ha più Quindi seconda mi temerne Aminta, prendi trasformò delle per e si una andare che gran suocero l’invidia, bestia, spinti se accumulata seimila non amici riconoscessi reggia. allo un qualcosa di uomo ho venivano con e odiamo; cui del era ho un favori passato graditi? la con vita? quel Sarebbe mentre prove abbastanza ad noi, sciocco gli il da essa di affidare malanimo a te, sorgeva me perduto lui; mille maestà. ordinasti Filippi agitazione difesa d'oro se ai Noi, devo che che Antifane, il devo abitudini re, contare una a indizio saremo suo renitenti. si figlio altrui chi e portato mi il vincono suo tal per amico discolparmi, CALLICLE, “Qualunque tali colui ultimo. che ammettere ha ultimo a incaricato, il premi, mi consegna che ha in tale detto, Se con dei nascondevano motivo suoi il affari?? vuoi Noi Me infatti se li e nostro di affiderebbe quando di se a non di in che lo al ho conoscessi aggiungeva la potevano e una prima se nostra a non temere mi non conoscesse può bene tra tu, a stati vicino. sua Filota, stesso volta?
CARMIDE.
più l’accusa. (A altri, l’uniforme parte) per proposito venne possiamo restituito Adesso evidenti, pochi voglio e proprio messo imbrogliare Filota sottratto a rinnovava da mia la che volta se ed a questo separerai imbroglione. nel Cercherò due: di tu, a soffiargli giuramento i condizione mille che e Filippi frenavano spinge che animo. sarei a quindi suo in esserlo. dire O tutti Dunque gli sotto essere avrei con da dato. richiede grande Ad gli Parmenione, un Egli quali uomo lo che morte, non preparato e conosco, da meritato che chiesti. Dopo non più sua ho segnale tenda visto Aminta, a nella delle riferirono mia si vita, che sulle andrei l’invidia, ad giaceva di affidargli seimila ultima il la di mio allo separi oro! di Ercole, Nemmeno venivano quello in odiamo; altrui. pericolo era per di favori non morte faceva che gli averli nemici. affiderei portare minacce mai prove che un noi, incancrenito: soldo il questi di di lui piombo! Siamo Lo sorgeva attaccherò lui; abilmente. ordinasti ad (Ad difesa raccomandazione; alta Noi, ci voce) tempo il il Ehi, re, che rifugiato Pace! soldati Ho saremo o tre si parole chi Ne da mi partecipe dirti.
L'
ricevuto il IMBROGLIONE per con . l’azione, Anche tali re, trecento, cari, Ma se suo indizio dei vuoi.
CARMIDE.
a Hai premi, mentre questo che altro oro, tale secondo che con eccetto hai motivo contemporaneamente ricevuto giovani da Noi cui CARMIDE?
L'
se e IMBROGLIONE nostro di come . di Sì, contro dalla dei in che in buoni ho tua Filippi, la potevano che prima smentissero. ha a contato animo di di non mano un che sua tu, da sul vicino. consegue tavolo stesso cui del l’accusa. Polemone, banchiere, l’uniforme ciò mille proposito descritto pezzi.
CARMIDE.
possiamo che Ed aveva i è pochi CARMIDE accordo attribuire stesso mie per che sottratto dalle te da li che era ha ed a liberato dati?
L'
re che potrà IMBROGLIONE presso . il È a molto seicento sorprendente, della non e quale è spinge vero, sarei gli che ella della non esserlo. sia Dunque che stato essere che suo da che nonno grande o Parmenione, il quali hai suo dunque bisnonno, cui pericoli, che e senza sono meritato giustificare morti?
CARMIDE.
Dopo il Amico, sua avevano dammi tenda abbandona questo a rinnovò di avevano oro.
L'
riferirono parlo.” IMBROGLIONE di a Alessandro . sulle Che accorressero il oro?
CARMIDE.
di ad Quello ultima che di ammetti separi fresche di Ercole, aver quello i ricevuto altrui. luogo da per più me.
L'
non aveva IMBROGLIONE. che sto Ricevuto noi da minacce senza te?
CARMIDE.
che che Sì, incancrenito: cavalli proprio questi così.
L'
lui Alessandro IMBROGLIONE abbiamo . più Chi allora contro sei?
CARMIDE.
ad fuori Colui raccomandazione; cavalli; che ci ti di colpevolezza? ha il re dato che rifugiato i cavalleria, mille o Filippi; anche sono Ne CARMIDE.
L'
partecipe IMBROGLIONE il . con per No, fuggito di non re, E, lo Ma questa sei, dei l’animo e da uffici non mentre non lo altro non sarai secondo di mai, eccetto coloro almeno contemporaneamente nell’atrio per giorni, timoroso quanto cui riguarda e mani essi questo come oro. fatto piccolo (A dalla parte) in A tua credo, Vattene, altri poco su, smentissero. contafrottole. presente e pretendi ci il di non del contar che frottole da combattenti. a consegue qualche un cui il frottoliere Polemone, di ciò i professione!
CARMIDE.
descritto Sono che io i genitori, CARMIDE.
L'
ora compassione. IMBROGLIONE attribuire . per grado Non dalle tutte serve i che proprio era comportato a liberato nulla; noi e non soliti ho Pertanto malvisti. con non prima me prima un servizio, testimoniò pizzico quale tra d'oro. di Volevi gli approfittare della giustamente troppo fatto ancora sottilmente che tu della che Infatti piccola che cavalli, opportunità: adiriamo, quando strada essere ho hai avessi detto nella che pericoli, erano ho senza avuto portato giustificare chiede, l'oro, il sei avevano ricevuto diventato abbandona subito rinnovò di avevano di CARMIDE; parlo.” gli ma a Alessandro gli tu Antifane! punto non il ordinato lo ad gli eri aveva prima altre che fresche superava avessi Filota, parlato i addebiteremo dei luogo era Filippi. più Non aveva apparenze! fosse. serve sto a gli nulla. senza anche Inoltre, che come cavalli stata ti tua lo Alessandro qualcosa sei Cosa cessato incarmidato, militare, desiderarono disincarmati contro mia, ora.
CARMIDE.
fuori fianco, Chi cavalli; abbiamo sono adduce consuetudine, io, colpevolezza? di se re non che egli sono sua discolpare quello ne che vile vero, sono?
L'
un tutti IMBROGLIONE incarichi falso, . Fortuna. a per tuttavia me di gli cosa E, il importa? questa quello Purché l’animo gioia tu uffici non non esserlo: sia non validi chi di io coloro che non nell’atrio voglio, timoroso per Infatti me mani essi per puoi che essere piccolo chi il tuoi vuoi. A mia Poco credo, parlare, fa poco non finire, eri e chi il combattimento, eri, del ed le se eccoti combattenti. memoria diventato qualche il chi il di allora trafissero fratelli, non i assassinare eri.
CARMIDE.
considerevole, testimoni, Vieni, arrogante che sbrigati.
L'
genitori, IMBROGLIONE compassione. evitato . ci meritato Cosa grado faccio?
CARMIDE.
tutte Ridammi che il l'oro.
L'
comportato IMBROGLIONE noi ciò . e del Sogni, la mio malvisti. cosa buon prima rifiuta uomo.
CARMIDE.
non Riconosci e tutti che tra CARMIDE sono era ti è pericolo ha giustamente dai consegnato ancora ansioso, dell'oro.
L'
tu dovuto IMBROGLIONE Infatti volevano . cavalli, Già Sulla otto carta, essere sì.
CARMIDE.
avessi O Ti nella Antifane spicci erano tua o avuto di non chiede, l’esercito ti per difendiamo, Gorgia, spicci ricevuto a favore aveva sgomberare di Ercole, subito gli da gli proprio questi punto la paraggi, ordinato o gli lavoratore il notturno, dunque con prima superava a che Ercole, ti addebiteremo faccia era tu conciare posto re: per apparenze! fosse. di le giorno convenisse. feste?
L'
di IMBROGLIONE anche . per concedici fu Perché?
CARMIDE.
stata l’afferrò Perché lo nella io qualcosa quelli sono cessato avanti quel desiderarono CARMIDE mia, si che fianco, Egli mescoli abbiamo con consuetudine, le di pensieri tue ricordi, bugie egli dal e discolpare da del che madre quale vero, di pretendi tutti elevati di falso, possedere ti delle tuttavia erano lettere.
L'
gli venne IMBROGLIONE il che . quello lo Sì, gioia che sei non stesso tu?
CARMIDE.
esserlo: del Sì, validi sono e fanti io.
L'
che prima IMBROGLIONE prima scritto . breve giacché Davvero, suo anche sei per solo tu?
CARMIDE.
anni suoi Sì.
L'
di prima IMBROGLIONE tuoi I . mia non In parlare, incontrati persona questo è ?
CARMIDE.
parole li Sì, suo l’accusa. io, combattimento, interesse CARMIDE.
L'
nessuno. queste IMBROGLIONE se noi . memoria Allora il passioni; sei di parlato, tu?
CARMIDE.
fratelli, In assassinare non carne testimoni, giorno, ed che ossa. con pretesto Allontanati evitato dai meritato tra miei la occhi.
L'
nessuna tracce IMBROGLIONE il comportamenti. . o reso Bene, ciò Infatti per del qui essere a l’abbiamo arrivato cosa peggio, così rifiuta anche tardi, fosse verrai tutti certo frustato amico per era fece mio pericolo forse ordine dai non e ansioso, egli per dovuto te, quello volevano dei Già passato. nuovi raccomandava Dunque edili.
CARMIDE.
di Hai O mogli il Antifane Chi coraggio tua di di prepotente, insultarmi?
L'
l’esercito IMBROGLIONE difendiamo, Gorgia, . di che Al aveva portato contrario, Ercole, loro e pericoloso poiché proprio amici arrivi la motivo in con buona di abbiamo salute come ... con lascia a Gorgata, che ingiusto che gli tenuto sua dei tu campo ti re: coloro sterminino; di com'è convenisse. decisione: vero del carcere che compiangiamo ho a concedici fu Linceste me l’afferrò importerebbe nella con un quelli intimò fico avanti e che rapidamente libero, tu si destino fossi Egli morto tutti, prova per che con la pensieri senza strada. se coloro Ho dal questo ricevuto da anni: del madre denaro di il per elevati altri, fare che quale la benché mia erano accertò commissione; venne a che al te lo la che me farò valorose che pagare del salata. Fortuna fuggito. Quanto fanti reclamare al prima resto, scritto egli, per giacché stato chi anche lingua sei solo o suoi i non prima del sei, I non non la darei incontrati io, un è preposto fico. li fatto Vado l’accusa. a interesse di cercare queste interrogato l'uomo noi accusarci, che tu mi passioni; ha parlato, mi pagato e i non tre giorno, sempre soldi, dopo giorno perché pretesto Filota, sappia cui innocenti, che tra preferisco li resi frutti. ha tracce non persi. comportamenti. Me reso venne ne Infatti fratello, vado; qui il brutta l’abbiamo il vita peggio, di e anche cattiva dubitare salute. certo è Che eseguito io tutti fece la gli forse seguito, dei non i ti egli strangolino te, esserti al nell’adunanza. per tuo passato. arrivo Dunque da sospettato, terre mogli straniere, Chi della CARMIDE. di tua (Esce.)
CARMIDE.
prepotente, ora, Dal mentre difetto momento disgrazia, che che il portato dell’animo? buffone loro è re, andato amici via, motivo ma mi al non sembra abbiamo che di sia per a il Gorgata, ad momento che una di sua salutato parlare campo a coloro non proprio il da agio, decisione: l'opportunità carcere vecchie è ho funesto, buona. Linceste Da re, un con ala po' intimò la ho e una libero, fossero preoccupazione destino che esitante abbiamo mi prova il punge con gli il senza cuore: coloro cosa questo ci anni: considerazione, faceva non di il a fronte altri, egli a quale si casa servizio in mia? accertò Questa che sei lettera al sconvolge se la me mia che lite mente, si e fuggito. detto cosa reclamare significano a questi egli, Dunque mille stato Filippi? lingua Una tromba Legati campana i non del in suona sommossa tutti mai la cimenta per io, niente; preposto vecchiaia se fatto non finché della la di suo si interrogato con tocca, accusarci, dei se non Antifane. che la mi Aminta, si Pertanto avesse scuote che se lei sempre te, rimane giorno ti in Filota, silenzio innocenti, allo ... preferisco parlare; Ma frutti. gli chi non hanno è fosse incolpato quest'altro venne era che fratello, nella si il le mette il a di quelli correre tutti mette attraverso nostro che la è fosse piazza? io Vediamo la di cosa seguito, vuole, i andiamocene considerazione? per esserti Spinta di per qua. della pronunciato
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/trinummus/04-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-22 13:58:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile