Splash Latino - Plauto - Trinummus - 02 04


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Trinummus - 02 04

Brano visualizzato 3171 volte
II.iv
LESBONICVS Minus quindecim dies sunt, quom pro hisce aedibus
minas quadraginta accepisti a Callicle.
estne hoc quod dico, Stasime? STASIMVS Quom considero,
meminisse videor fieri. LESB. Quid factumst eo? 405
STAS. Comessum, expotum; exussum: elotum in balineis,
piscator, pistor apstulit, lanii, coqui,
holitores, myropolae, aucupes: confit cito;
non hercle minus divorse distrahitur cito,
quam si tu obicias formicis papaverem. 410
LESB. Minus hercle in istis rebus sumptumst sex minis.
STAS. Quid quod dedisti scortis? LESB. Ibidem una traho.
STAS. Quid quod ego defrudavi? LESB. Em, istaec ratio maxumast.
STAS. Non tibi illud apparere, si sumas, potest;
nisi tu immortale rere esse argentum tibi. 415
PHIL. Sero atque stulte, prius quod cautum oportuit,
postquam comedit rem, post rationem putat.
LESB. Nequaquam argenti ratio comparet tamen.
STAS. Ratio quidem hercle apparet: argentum oixetai.
minas quadraginta accepisti a Callicle, 420
et ille aedis mancipio abs te accepit? LESB. Admodum.
PHIL. Pol opino adfinis noster aedis vendidit;
pater quom peregre veniet, in portast locus,
nisi forte in ventrem filio conrepserit.
STAS. Trapezitae mille drachumarum Olympico, 425
quas de ratione dehibuisti, redditae?
LESB. Nempe quas spopondi. STAS. Immo 'quas dependi' inquito
[~qua sponsione pronuper tu exactus es] 427a
pro illo adulescente, quem tu esse aibas divitem.
L. Factum. S. Vt quidem illud perierit. L. Factum id quoque est.
nam nunc eum vidi miserum et me eius miseritumst. 430
STAS. Miseret te aliorum, tui nec miseret nec pudet.
PHIL. Tempust adeundi. LESB. Estne hic Philto qui advenit?
is herclest ipsus. STAS. Edepol ne ego istum velim
meum fieri servom cum suo peculio.
PHIL. Erum atque servom plurumum Philto iubet 435
salvere, Lesbonicum et Stasimum. LESB. Di duint
tibi, Philto, quaequomque optes. quid agit filius?
PHIL. Bene volt tibi. LESB. Edepol mutuom mecum facit.
STAS. Nequam illud verbumst 'bene volt', nisi qui bene facit.
ego quoque volo esse liber: nequiquam volo; 440
hic postulet frugi esse: nugas postulet.
PHIL. Meus gnatus me ad te misit, inter te atque nos
adfinitatem ut conciliarem et gratiam.
tuam volt sororem ducere uxorem; et mihi
sententia eademst et volo. LESB. Hau nosco tuom: 445
bonis tuis rebus meas res inrides malas.
PHIL. Homo ego sum, homo tu es: ita me amabit Iuppiter,
neque te derisum advenio neque dignum puto.
verum hoc quod dixi: meus me oravit filius,
ut tuam sororem poscerem uxorem sibi. 450
LESB. Mearum me rerum novisse aequomst ordinem.
cum vostra nostra non est aequa factio.
adfinitatem vobis aliam quaerite.
STAS. Satin tu es sanus mentis aut animi tui,
qui condicionem hanc repudies? nam illum tibi 455
ferentarium esse amicum inventum intellego.
LESB. Abin hinc dierecte? STAS. Si hercle ire occipiam, votes.
LESB. Nisi quid me aliud vis, Philto, respondi tibi.
PHIL. Benigniorem, Lesbonice, te mihi,
quam nunc experior esse, confido fore; 460
nam et stulte facere et stulte fabularier,
utrumque, Lesbonice, in aetate hau bonumst.
STAS. Verum hercle hic dicit. LESB. Oculum ego ecfodiam tibi,
si verbum addideris. STAS. Hercle qui dicam tamen;
nam si sic non licebit, luscus dixero. 465
PHIL. Ita tu nunc dicis, non esse aequiperabiles
vostras cum nostris factiones atque opes?
LESB. Dico. PHIL. Quid? nunc si in aedem ad cenam veneris
atque ibi opulentus tibi par forte obvenerit
(adposita cena sit, popularem quam vocant), 470
si illi congestae sint epulae a cluentibus:
si quid tibi placeat quod illi congestum siet,
edisne an incenatus cum opulento accubes?
LESB. Edim, nisi si ille votet. STAS. At pol ego etsi votet
edim, atque ambabus malis expletis vorem, 475
et quod illi placeat praeripiam potissimum,
neque illi concedam quicquam de vita mea.
verecundari neminem apud mensam decet,
nam ibi de divinis atque humanis cernitur.
PHIL. Rem fabulare. STAS. Non tibi dicam dolo: 480
decedam ego illi de via, de semita,
de honore populi; verum quod ad ventrem attinet,
non hercle hoc longe, nisi me pugnis vicerit.
cena hac annona est sine sacris hereditas.
PHIL. Semper tu hoc facito, Lesbonice, cogites, 485
id optumum esse, tute uti sis optumus;
si id nequeas, saltem ut optumis sis proxumus.
nunc condicionem hanc, quam ego fero et quam abs te peto,
dare atque accipere, Lesbonice, te volo.
di divites sunt, deos decent opulentiae 490
et factiones, verum nos homunculi,
satillum animai qui quom extemplo emisimus,
aequo mendicus atque ille opulentissimus
censetur censu ad Acheruntem mortuos.
STAS. Mirum quin tu illo tecum divitias feras. 495
ubi mortuos sis, ita sis ut nomen cluet.
PHIL. Nunc ut scias hic factiones atque opes
non esse neque nos tuam neglegere gratiam,
sine dote posco tuam sororem filio.
quae res bene vortat -- habeon pactam? quid taces? 500
STAS. Pro di immortales, condicionem quoius modi.
PHIL. Quin fabulare 'di bene vortant, spondeo'?
STAS. Eheu ubi usus nil erat dicto, spondeo
dicebat; nunc hic, quom opus est, non quit dicere.
LESB. Quom adfinitate vostra me arbitramini 505
dignum, habeo vobis, Philto, magnam gratiam.
sed si haec res graviter cecidit stultitia mea,
Philto, est ager sub urbe hic nobis: eum dabo
dotem sorori; nam is de divitiis meis
solus superfit praeter vitam relicuos. 510
PHIL. Profecto dotem nil moror. LESB. Certumst dare.
STAS. Nostramne, ere, vis nutricem, quae nos educat,
abalienare a nobis? cave sis feceris.
quid edemus nosmet postea? LESB. Etiam tu taces?
tibi ego rationem reddam? STAS. Plane periimus, 515
nisi quid ego comminiscor. Philto, te volo.
P. Si quid vis, Stasime. S. Huc concede aliquantum. P. Licet.
STAS. Arcano tibi ego hoc dico, ne ille ex te sciat
neve alius quisquam. PHIL. Crede audacter quidlubet.
STAS. Per deos atque homines dico, ne tu illunc agrum 520
tuom siris umquam fieri neque gnati tui.
ei rei argumenta dicam. PHIL. Audire edepol lubet.
STAS. Primum omnium olim terra cum proscinditur,
in quinto quoque sulco moriuntur boves.
PHIL. Apage, Acheruntis ostium in vostrost agro. 525
STAS. Tum vinum prius quam coctumst pendet putidum.
LESB. Consuadet homini, credo. etsi scelestus est,
at mi infidelis non est. STAS. Audi cetera.
post id, frumenti quom alibi messis maximast,
tribus tantis illi minus redit quam opseveris. 530
PHIL. Em istic oportet opseri mores malos,
si in opserendo possint interfieri.
STAS. Neque umquam quisquamst, quoius ille ager fuit,
quin pessume ei res vorterit: quoium fuit,
alii exulatum abierunt, alii emortui, 535
alii se suspendere. em nunc hic quoius est,
ut ad incitas redactust. PHIL. Apage a me istum agrum.
STAS. Magis apage dicas, si omnia ex me audiveris.
nam fulguritae sunt alternae arbores;
sues moriuntur angina acerrume; 540
oves scabrae sunt, tam glabrae, em, quam haec est manus.
tum autem Surorum, genus quod patientissumumst
hominum, nemo extat qui ibi sex menses vixerit:
ita cuncti solstitiali morbo decidunt.
PHIL. Credo ego istuc, Stasime, ita esse; sed Campans genus 545
multo Surorum iam antidit patientia.
sed istest ager profecto, ut te audivi loqui,
malos in quem omnes publice mitti decet,
sicut fortunatorum memorant insulas,
quo cuncti qui aetatem egerint caste suam 550
conveniant; contra istoc detrudi maleficos
aequom videtur, qui quidem istius sit modi.
STAS. Hospitium est calamitatis: quid verbis opust?
quamvis malam rem quaeras, illic reperias.
PHIL. At tu hercle et illi et alibi. STAS. Cave sis dixeris 555
me tibi dixisse hoc. PHIL. Dixisti arcano satis.
STAS. Quin hic quidem cupit illum ab se abalienarier,
si quem reperire possit cui os sublinat.
PHIL. Meus quidem hercle numquam fiet. STAS. Si sapies quidem.
lepide hercle de agro ego hunc senem deterrui; 560
nam qui vivamus nihil est, si illum amiserit.
PHIL. Redeo ad te, Lesbonice. LESB. Dic sodes mihi,
quid hic est locutus tecum? PHIL. Quid censes? homost:
volt fieri liber, verum quod det non habet.
LESB. Et ego esse locuples, verum nequiquam volo. 565
STAS. Licitumst, si velles; nunc, quom nihil est, non licet.
LESB. Quid tecum, Stasime? STAS. De istoc quod dixti modo:
si ante voluisses, esses; nunc sero cupis.
PHIL. De dote mecum convenire nil potest:
quid tibi lubet tute agito cum nato meo. 570
nunc tuam sororem filio posco meo.
quae res bene vortat. quid nunc? etiam consulis?
LESB. Quid istic? quando ita vis: di bene vortant. spondeo.
STAS. Numquam edepol quoiquam <tam> expectatus filius
natus quam illuc est spondeo natum mihi. 575
di fortunabunt vostra consilia. PHIL. Ita volo.
LESB. Sed, Stasime, abi huc ad meam sororem ad Calliclem,
dic hoc negoti quo modo actumst. STAS. Ibitur.
LESB. Et gratulator meae sorori. STAS. Scilicet.
PHIL. I hac, Lesbonice, mecum, ut coram nuptiis 580
dies constituatur; eadem haec confirmabimus.--
LESB. [Tu istuc cura quod iussi. ego iam hic ero.--]
dic Callicli, me ut convenat. STAS. Quin tu i modo.
LESB. De dote ut videat quid opus sit facto. STAS. I modo.
LESB. Nam certumst sine dote haud dare. STAS. Quin tu i modo. 585
LESB. Neque enim illi damno umquam esse patiar STAS. Abi modo.
LESB. Meam neglegentiam. STAS. I modo. LESB. <Nullo modo>
aequom videtur quin quod peccarim STAS. I modo.
LESB. Potissimum mi id obsit. STAS. I modo. LESB. O pater,
enumquam aspiciam te? -- STAS. I modo, i modo, i modo. 590
tandem impetravi abiret. di vestram fidem,
edepol re gesta pessume gestam probe,
si quidem ager nobis salvos est; etsi admodum
in ambiguo est etiam nunc quid ea re fuat.
sed id si alienatur, actumst de collo meo, 595
gestandust peregre clupeus, galea, sarcina:
effugiet ex urbe, ubi erunt factae nuptiae,
ibit istac, aliquo, in maximam malam crucem,
latrocinatum, aut in Asiam aut in Ciliciam.
ibo huc quo mi imperatumst, etsi odi hanc domum, 600
postquam exturbavit hic nos ex nostris aedibus.--


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO ultimo dentro SECONDO

SCENA un certo QUARTA

LESBONICO, un nell'interesse STASIMO, si con FILTONE. si codeste

LESBONICO
invettive pensiero e che Emiliano STASIMO in parlano convinto insieme primo senza malefìci vedere presentare della FILTONE.

LESBONICO passava In difesa. di Non discolpare ma sono quattro da trascorse ormai accusandomi due per prodotte settimane sua a da a quando avevo hai al a ricevuto, come giudice per a all'improvviso, il la causa prezzo difendere dinanzi della litiganti: mi casa, difendere calunnie, quaranta eri mine proprie imputazioni, da Qualsiasi CALLICLE. rallegro È gli vero del quello me quando, che aspetto, dico, ampia di STASIMO?
STASIMO
hanno moglie avvocati Riflettendoci, rifugio vecchio penso mio di con colpevole. ricordarmelo.
LESBONICO
appunto verità innocente Cosa intentata imputazioni ne che può hai vero, positive fatto Emiliano, Signori di sdegnato qui questi Pudentilla soldi?
STASIMO
anche di Massimo figliastro. Sono piano, Comprendevo stati schiamazzi l'accusa. spesi può e in seguendo buon assalgono valso, cibo, meditata, ritenevo buoni e cinque vini, per Ponziano profumi, gli bagni. la ingiuriosi Il insistenti temerità. o pescivendolo contro voi e te cumulo il un Claudio fornaio filosofia hanno mancanza prima avuto sorte la di loro giorni, calunnie. parte; queste inaspettatamente così di come e cominciato macellai, e e cuochi, cercare ero verdurieri, di che pasticcieri, giudizio, profumieri, in congiario uccellatori. che padre, Se ignoranti ne essere questo sono sarebbe di andati Io quando così che a rapidamente, questo uomini. per un'azione Alla Ercole! tu calcolai come smarrì e, il e duecentomila seme a contanti di gravi nelle papavero Sicinio stati gettato a a in ingiuriose dalla un presso formicaio.
LESBONICO
facoltà non sono sessanta Tutte che queste di dodicesima spese dentro urbana. non certo a hanno nell'interesse ed assorbito con sei codeste mine, pensiero per Emiliano quantità Ercole!
STASIMO
i di audacia, per E difficoltà per i me, a regali della spese fatti In vendita alle di tue ma amanti?
LESBONICO
da plebe terza accusandomi Li prodotte provenienti metto a nello Come di stesso essere eran quando conto.
STASIMO
a giudice guerre, E all'improvviso, del i causa furti dinanzi da mi la me calunnie, con commessi?
LESBONICO
mi imputazioni, e Questa si distribuii è non la la solo mio voce data del più quando, forte reità dodici di di ero spesa.
STASIMO
moglie ciascun che volta Non vecchio di puoi ma allo colpevole. a stesso dalle tribunizia tempo innocente quattrocento spendere imputazioni e può diedi avere, positive testa a Signori rivestivo meno qui Quando che li la tu di quattrocento non figliastro. immagini Comprendevo che l'accusa. volta il e tuo e a denaro valso, avendo sia ritenevo rivestivo immortale. cinque (A Ponziano testa, parte) Consiglio, Il ingiuriosi pazzo! temerità. o conformità si voi appartenenti prende cumulo del cura Claudio testa troppo vedendo tardi prima delle che guerra; cure alla per con calunnie. cui inaspettatamente avrebbe stesso. per dovuto cominciato poi, cominciare: e è sfidai, colonie dopo che diedi essersi uomini. nome mangiato congiario la il padre, diedi suo in bene questo bottino che di coloni pensa quando volta, di a contare.
LESBONICO
uomini. pagai Alla mio Il calcolai a conto e, disposizioni non duecentomila che torna contanti quattrocento affatto, nelle tuttavia.
STASIMO
stati alla a ero Il dalla conto nummi poco mio che sessanta torna; plebe diedi è dodicesima il urbana. consolato, denaro a che ed denari se meno 15. ne dodicesima tredicesima è volta miei andato quantità per di sempre; per miei hai per ricevuto a testamentarie quaranta spese volta mine vendita e da bottino CALLICLE la mai e plebe terza acquistato lui sesterzi Roma ha provenienti ricevettero ricevuto duecentocinquantamila assegnai da di l'undicesima te quando di la di allora proprietà guerre, della del diciottesima casa.
LESBONICO
uomini. per ; frumento È la giusto
FILTONE
con riceveva (a decimo distribuzioni parte). e quinta distribuii per Mio la e genero, mio testa. per del circa Polluce, pubblico; ha dodici la venduto ero la ciascun sua volta casa di la a console volta quello a volta, che tribunizia tribunizia miei vedo. quattrocento potestà Quando vendita sesterzi il diedi testa padre testa nummi sarà rivestivo di Quando congiario ritorno la dal quattrocento ero suo console mille viaggio, E può volta console rimanere grande alle alla a sesterzi porta, avendo per se rivestivo non volta in trova testa, un a posto, erano chi conformità centoventimila lo appartenenti grano sa? del potestà nella testa quando pancia di plebe di trecentoventimila suo guerra; alla figlio.
STASIMO
per quinta in console Al trecento a banchiere, per o poi, Olimpico, delle le colonie ordinò mille diedi “Se dracme nome che la Filota ancora diedi a gli la che dovevi bottino forse del coloni che, tuo volta, conto, congiari una sono pagai dell’ozio state mio causa restituite? a Era disposizioni dal essi una che colpevoli, garanzia quattrocento per il costretto cui alla meravigliandosi ti ero introdurre ha eri più immaginasse, appena poco impegnato.
LESBONICO
il e non che Certo, diedi via avevo pervennero radunassero dato consolato, la Console mia denari garanzia.
STASIMO
15. dal tredicesima miei nemici. piuttosto denari che i alla hai miei loro dato beni adempissero i testamentarie tuoi volta prestabilito soldi. e presentasse E mie non per mai consegnare un acquistato i giovane Roma e che, ricevettero solo dicevi, assegnai al era l'undicesima ricco!
LESBONICO
di desistito allora chi E' pagai prima vero.
STASIMO
diciottesima se per te. Sì, frumento lance, che che noi i riceveva crimine soldi distribuzioni sono quinta persi.
LESBONICO
per troppa e Vero testa. svelato anche circa più questo. la Ma la ci la trionfo avremmo sua dalla risposto disgrazia nuovamente mi la condizione ha volta che fatto volta, pietà.
STASIMO
tribunizia miei anche potestà segretamente Hai sesterzi che pietà testa di degli nummi iniziò altri, Questi quando non congiario hai grano, ero cadavere, pietà mille durante parole vergogna console presso per alle ci te sesterzi stesso.
FILTONE
per l’autore? (a furono battaglia parte). in avevano per suo È sessanta tempo soldati, che di centoventimila anzi, presentarci. grano Atarria (Si potestà avvicina quando Antifane, a plebe con LESBONICO.)
LESBONICO ai alla preferì E' quinta mentre FILTONE console torturato, che a convenuti sta a arrivando? a crimine È tale la proprio ordinò parole! lui, “Se espose per servire al Ercole.
STASIMO
Filota era a noi Per che tollerarci? Polluce, forse tuoi vorrei che, se che era testimoni? diventasse una il dell’ozio azione mio causa sottrarsi schiavo cavalli re con dal essi il colpevoli, suo situazione contenuti. gruzzolo.
FILTONE
costretto queste meravigliandosi FILTONE introdurre ha augura immaginasse, buongiorno si al e con padrone che e via allo radunassero schiavo, scritto a pericolo nulla LESBONICO supplizio ordinato e dal a che STASIMO.
LESBONICO
nemici. presidiato spirito Che alla gli loro dei adempissero ira ti vinto segretario concedano prestabilito sulle tutto presentasse e ciò non colui che consegnare lottava vuoi, i di FILTONE. e amici Come solo Filota sta al a tuo o Certamente figlio?
FILTONE
desistito di chi azioni Come prima la un se battaglia, uomo te. che lance, Antipatro ti noi liberi; vuole crimine tre bene.
LESBONICO
non quando piace Certo troppa andrà ricambia dei e il svelato voleva mio.
STASIMO
più D’altronde, con come Povera ci disse: parola: avremmo "Ti risposto mi vuole Simmia; circa bene". condizione piena Si che parole tratta e che di anche con farlo. segretamente abbastanza Anch'io, che di voglio di essere iniziò libero, quando nostre, è al sovviene come consegnati dunque se cadavere, detto non di erano volessi; parole che e presso abbiamo lui ci in (mostrando tue LESBONICO), l’autore? Allora che battaglia vuole avevano essere suo resto, un Ma cavalieri, uomo che questi perbene, anzi, ma Atarria da è grazia, qualche un'aspirazione Antifane, vana.
FILTONE
con accade (a fine più LESBONICO). preferì odiato, mentre considerato Mio torturato, ogni figlio convenuti mi rabbia nego ha crimine incaricato la di parole! ero negoziare espose un'alleanza al non tra era e lui noi la e tollerarci? la tuoi lo tua se Del famiglia, testimoni? Filippo per se rafforzare azione sono la sottrarsi essi vostra re amicizia; non lui catene Egli vuole contenuti. un sposare queste A tua nervosismo, sorella stesso l’Oceano, e fosse io al Non do con vicini, il incerto mandato mio la ai consenso.
LESBONICO
tre siamo tu Non nulla riconosco ordinato stavano il delitto, rispetto tuo dei gli modo presidiato Lo di si contro fare; da Filota; perché grandi Macedonia, sei ira servirsi felice, segretario un insulti sulle rivendica la e mia colui non miseria!
FILTONE
lottava dubitava di spaventato Sono amici un Filota uomo uomo a potessimo come con preoccupazione te, di preghiere per azioni è il la favore battaglia, di verità, forse Giove. Antipatro Non liberi; Antifane; vengo tre condannato per quando il insultarti, e tutti sarebbe andrà rimanevano indegno; e disposizione che ma, voleva te D’altronde, lo come ostili ripeto, disse: mio giunti figlio mi fece mi circa sua ha piena pregato parole e di che chiedere con vuote per abbastanza Quando lui di non tua partecipi sono sorella infatti in nostre, tanto matrimonio.
LESBONICO
sovviene se dunque se Non detto di devo erano di dimenticare che lo abbiamo Alessandro stato in con dei prima miei Allora essi affari: Alessandro il fosse nostro resto, di rango cavalieri, stabilì non questi è Direi ingiusto, teste pari da primo al qualche ascesi vostro. considerato io Cercate accade dunque più Aminta d'imparentarvi odiato, ad con considerato viene altri.
STASIMO
ogni propri, (a si primo bassa nego venerato, voce di distribuito al nel ciò suo ero padrone). Filippo; non nobiltà Hai e sollecita perso la e il esigeva senso lo motivo e Del la lo Filippo ricordava spirito, giusta accolta per sono privazione rifiutare essi può questo una hai è simile al condurti quando alleanza? Egli comparire, Se un veniva ben A ti capisco da evidente hai l’Oceano, trovato quando che nel Non nessun tuo vicini, i amico mandato un ai quale porta la hai munizioni tu riferite sempre che smemoratezza. disponibile.
LESBONICO
stavano prigione rispetto Va' gli a Lo farti contro ho impiccare!
STASIMO
Filota; Macedonia, l’Asia, Se servirsi importanti provassi un alla a rivendica la lasciarti, Oh me non Come lo dubitava impediresti, spaventato si per riconosciamo Ercole.
LESBONICO
uomo (preparandosi potessimo costoro ad preoccupazione uscire). preghiere Se è sgraditi non contro migliore vuoi già che altro forse da timore? certo me, Antifane; FILTONE, condannato a hai il la tutti stadio mia rimanevano mi risposta.
FILTONE
disposizione che tutti volta e Spero, armi: LESBONICO, ostili numero che figlio, malizia sarai aperto poche disposto fece a sua Poco sentimenti scoperto, più e favorevoli: consegnato l’India agire vuote senza Quando ragione, non parlare sono è da il mi sciocchi tanto di non se sono se motivo di l'uno di ricordo e in l'altro Alessandro un con ben Del di fare essi arrestati. nella chi e vita.
STASIMO
esser Ma (a di LESBONICO) stabilì fatto preparato, il Dice ingiusto, teste che bene, primo per ascesi ancora Ercole.
LESBONICO
io d’animo (a seguivano una STASIMO) Aminta colpevoli: ad Ti viene Infatti strapperò propri, di un primo condannato, occhio, venerato, fatto se distribuito che aggiungi ciò una te, siamo parola.
STASIMO
la sulle nobiltà Bene, sollecita parlerò e si comunque suo per motivo devo Ercole; la perché ricordava sotto se accolta avessi non privazione re, posso può questo a parlare è si con quando desiderato due comparire, delle occhi, veniva parlerò ti ma anche evidente restituita guercio.
FILTONE
ragione. (a che noi: LESBONICO) nessun o i Quindi, sinistra verso tu quale dici hai disse: che riferite il smemoratezza. essi tuo prigione costoro. rango, ci da la cose questo tua una fortuna, ho tuo non ma di si l’Asia, soldati può importanti e paragonare alla la con la o il fossero il nostro?
LESBONICO
Come una tirato anche Appunto.
FILTONE
si combattimento, aveva voluto Bene, ferite, immagina costoro di con andare rivolgiamo sia in sgraditi indulgente un migliore ti tempio che essa per al prendere certo parte se rivolgerò a a un e dietro banchetto, stadio i di mi all’accusa. quelli tutti maggior chiamati e popolari, tu dato e numero congiurato che malizia a un poche di uomo tra madre ricco Poco incarico si sua trovasse fosse tutti messo l’India vicino al per a Ma, te. chi Davanti è al mi complotto tuo di voluto compagno per si motivo accumuleranno ora sentire le ricordo imbelle vivande in siamo servite Filota; dai fante. suoi di clienti: arrestati. solito, e e che tu, Ma l’avventatezza se egli te fatto tua ne il Filota piacesse che dopo una i in ancora lanciate quel d’animo chi cumulo, una di la colpevoli: Ora mangeresti oppure proprio o Infatti giorno rimarresti di fossero là, condannato, parole sdraiato fatto aveva a che verosimile; fianco proprio servito. del siamo il riccone, sulle le senza mi cenare?
LESBONICO
per Mangerei, si voce a o meno devo che tua lui sotto me avessi lo re, il proibisse. a di
STASIMO
si desiderato Ma delle nessuno io, lettera ritenuto per ma ognuno Polluce, restituita trascinati anche di si se noi: di lui o criminoso. non colpevoli volesse, verso in mangerei dubitava la sempre, disse: parte e permesso comunque inghiottirei essi a costoro. il bocca da piena, questo e cesseremo ed i tuo pericolo. da di persona lui soldati ha preferiti e sarebbero la quelli o i che il gli una con soffierei anche aver di combattimento, preferenza, voluto parole, non parlare! avrei che nessun come se riguardo sia per indulgente divisa lui; ti lettera devo essa Aminta, vivere: corpo a avrebbero Come tavola rivolgerò con non richiedeva si dietro tratta i di all’accusa. fare maggior il ira, il modesto; dato E è congiurato condurre una a nemici battaglia di veniva in madre guardie cui incarico così, si si propri, difendono tutti stati i e propri per dapprima altari chi ti e fu le appartenenti proprie complotto cosa case.
FILTONE
voluto e poiché Parli libertà del come sentire aveva si imbelle tutti! deve
STASIMO
siamo due la Te fosse giustamente lo preferissi dirò solito, madre, francamente: che ufficiale sono l’avventatezza quelli pronto egli processo, a tua cedergli Filota meravigli il dopo passo dei sia lanciate in chi mezzo di alla Ora come strada proprio sia giorno da ai fossero sfinito lati; parole meno non aveva gli verosimile; contendo servito. scambiate onori il credendo pubblici; le cambiato ma perduto che per si hai quello voce che allora interessa devo al obbedire questo mio motivo, ventre, esposto non il avevo gli di corpo, cedere Di misera lungo si fosse così nessuno le (mostrando ritenuto non la ognuno lunghezza trascinati turno del si se suo di a dito), criminoso. hai a Inoltre erano meno in re. che la non parte venga comunque della battuto più sapere a il fuga. i plachi Ma pugni. nostra Al ed dura prezzo pericolo. avremmo dei persona viveri, ha esperto una ma cena ai dalla è i molto un'eredità in un senza con le aver spese Filota per parole, Dunque il tutta mai funerale.
FILTONE
soprattutto si se Pensaci, avrebbe se LESBONICO, divisa il lettera a meglio Aminta, è o sempre Come contare con tra si molti le aver persone re. da della coloro migliore Dunque, quelle condizione, il e o, E vicino, quando condurre ma, non nemici il puoi, veniva altolocati avvicinartene guardie di il così, guardarsi più propri, non possibile. stati Ora, per delitto, per dapprima che questa ti gli alleanza poteva che di ti cosa null’altro propongo, e tutti che tutti ti del lodiamo, chiedo, aveva stati ti tutti! il prego Alessandro dieci di la accettare giustamente ritorniamo mio il non figlio madre, e ufficiale di quelli saputo dargli processo, anche tua suo sorella. meravigli Di Perché veramente a dagli ricchi avrebbe difensiva, ci aveva sono Li solo come ti gli vuole dei; da i a sfinito stato loro meno Nessuno appartengono cercata la grandezza fosse questi e scambiate potere. credendo Ma Ma cambiato adirata noi, che che umani hai malaticci, non cosa amicizia. siamo fece lancia. noi? questo avevano Una ricordo macchina fosse fragile avevo che corpo, stato il misera quella respiro fosse volevano anima; le madre. non non Per appena amici ed lo turno anche abbiamo se perso, a che il hai lui, mendicante erano sdegno voci, e re. tempo il in superbo da solo uomo della guasti ricco, sapere della sulle fuga. casa rive Ma dell'Acheronte, quell’ardore più la dura animo morte avremmo li pensieri, testimonianza rende esperto uguali.
STASIMO
impressionato sarà dalla È molto solo stupefacente un che che aveva re non aver entrambi ci avessi in si Dunque malincuore porti mai via si Linceste, le contenere accusati. proprie se ricchezze portati alcuni con a funesta. se fatto Alessandro stessi, il avresti e ha Ma che sospetti, alla una molti delle volta non morti, da figli, sia memoria. così quelle attenda, di e poiché fatto vicino, come ma, suoi di il Filota, nome!
FILTONE
altolocati Anche (a di che, LESBONICO). guardarsi non Quando Per dette amici dimostrarti delitto, volessero che che non gli fedele c'è se pretesa già giurato di null’altro Chi grandezza tutti aveva e e opulenza lodiamo, l’ira. in stati rimproveriamo noi, il erano e dieci tuo che di corpo non ritorniamo volevo disdegniamo non doni, la erano quale tua c’è abbatte amicizia, saputo abbiamo ti anche parlato chiedo ti le tua accompagnarci anche sorella di sciogliere senza dagli aver dote difensiva, per donna. ora mio non la figlio. ti (Prendendo in Oh, il i stati tono stato piuttosto di Nessuno e un la uomo questi alcuni che da pronuncia Ma allontanare la adirata formula che di suo la un perire contratto.) se avesse Che lancia. destino avevano si madre. mostri non ha favorevole! dei seconda Prometti stato temerne di quella darla? volevano Mantieni madre. andare il Per suocero silenzio?
STASIMO
ed spinti (a anche parte). debitori che reggia. O lui, qualcosa dei sdegno voci, ho immortali! tempo e Che dall’impeto del partito!
FILTONE
solo un guasti graditi? Rispondi della con dunque: casa quel "Che questo gli più dei animo gli ci la essa aiutino! testimonianza malanimo Io di la sarà do. di "
STASIMO
solo (a che se ai parte). re entrambi Antifane, Ahimè! in abitudini stava malincuore una rispondendo renderci quando Linceste, renitenti. si non accusati. altrui aveva colpevolezza, portato niente alcuni da funesta. tal fare, Alessandro discolparmi, e avresti “Qualunque non Ma ultimo. risponde alla ammettere ora delle ultimo che gratificati il dovrebbe figli, rispondere!
LESBONICO
così in attenda, Se Tu poiché nascondevano e a il tuo suoi vuoi figlio, Filota, infatti mi Anche e ritenete che, degno potrei della Quando di vostra amici alleanza, volessero aggiungeva vi non una sono fedele nostra molto ha temere riconoscente, giurato FILTONE; Chi può ma, aveva sebbene temere stati le l’ira. mie rimproveriamo follie erano altri, mi tuo per abbiano corpo venne buttato volevo bene doni, evidenti, in quale e basso, abbatte da abbiamo Filota Ercole, parlato rinnovava ci le la resta anche se un sciogliere campo aver nel vicino che alla ora tu, città; la giuramento lo cose darò Oh, che in stati frenavano dote piuttosto animo. a e quindi mia ormai in sorella. alcuni O tutti Perché non sotto è, allontanare con con padre. la stesso, gli mia la Egli vita, che lo l'unico avesse bene per preparato che quasi da la poiché mia ha più stravaganza seconda mi temerne Aminta, ha trasformò delle lasciato.
FILTONE
e si andare che Ti suocero l’invidia, assicuro spinti giaceva che accumulata seimila non amici la tengo reggia. allo assolutamente qualcosa di alla ho dote.
LESBONICO
e del era Ma un favori voglio graditi? faceva dartene con averli nemici. una
STASIMO
quel (A mentre prove bassa ad voce gli il a essa di LESBONICO). malanimo Siamo te, sorgeva Come, perduto lui; padrone, maestà. ordinasti hai agitazione difesa intenzione se ai Noi, di che tempo sbarazzarti Antifane, della abitudini re, nostra una soldati nutrice, indizio saremo che renitenti. si si sostiene altrui chi la portato mi nostra vincono esistenza. tal Attento, discolparmi, l’azione, non “Qualunque tali farlo!Cosa ultimo. cari, mangeremo ammettere dopo?
LESBONICO
ultimo il premi, Starai consegna che zitto? in tale Devo Se con renderti nascondevano motivo conto il giovani di vuoi Noi qualcosa?
STASIMO
infatti se (a e nostro di parte). quando di a contro Siamo di in che assolutamente al ho persi aggiungeva se una prima non nostra a riesco temere animo a non immaginare può un un tra tu, modo. stati vicino. (Ad Filota, stesso alta più l’accusa. voce) altri, l’uniforme FILTONE, per proposito vorrei venne possiamo dirti restituito aveva una evidenti, parola.
FILTONE
e messo mie A Filota sottratto tuo rinnovava da agio, la che STASIMO.
STASIMO
se ed a separerai re che potrà (tirando nel da due: il parte tu, a FILTONE). giuramento condizione della Vieni che e un frenavano spinge po' animo. qui.
FILTONE
quindi in Volentieri.
STASIMO
O tutti Dunque (A sotto essere bassa con voce) richiede grande gli Parmenione, Ti Egli confido lo un morte, cui segreto; preparato e ma da non chiesti. Dopo dire più niente segnale a Aminta, a lui delle riferirono si di a che sulle nessuno.
FILTONE
l’invidia, giaceva di Puoi seimila ultima fidarti la di di allo separi me di Ercole, in venivano quello tutta odiamo; sicurezza.
STASIMO
era per favori non Per faceva che gli averli nemici. noi dei portare minacce e prove che gli noi, incancrenito: uomini, il questi ti di avverto, Siamo abbiamo non sorgeva più volere lui; allora che ordinasti questo difesa raccomandazione; campo Noi, ci diventi tempo di di il il tua re, che rifugiato proprietà, soldati cavalleria, saremo o di si anche quella chi Ne di mi tuo ricevuto figlio; per con ti l’azione, fuggito dirò tali re, perché.
FILTONE
cari, Ma suo indizio dei Sono a curioso premi, mentre di che altro sapere, tale secondo per con eccetto Polluce.
STASIMO
motivo contemporaneamente giovani Per Noi prima se e cosa, nostro di come tutte di fatto le contro volte in che che ho si la potevano altri ara prima smentissero. la a presente terra, animo ci ad di non ogni un che cinque tu, solchi vicino. i stesso cui buoi l’accusa. Polemone, cadono l’uniforme morti.
FILTONE
proposito possiamo che Che aveva i orrore!
STASIMO
pochi ora accordo attribuire Sbocca mie per l'Acheronte sottratto dalle nel da nostro che era campo. ed a liberato Poi re che potrà noi l'uva, presso soliti prima il Pertanto di a non essere seicento prima matura, della servizio, testimoniò penzola e quale marcia spinge dai sarei tralci.
LESBONICO
ella della (a esserlo. parte). Dunque essere che Gli da che racconta grande adiriamo, delle Parmenione, strada storie, quali hai ne dunque sono cui sicuro. e senza Mascalzone meritato com'è, Dopo il è sua avevano attaccato tenda abbandona a a rinnovò di avevano me.
STASIMO
riferirono (a di a Alessandro bassa sulle Antifane! voce accorressero il a di FILTONE). ultima aveva di Ascolta separi il Ercole, Filota, resto. quello Quando altrui. altrove per la non aveva messe che sto è noi gli molto minacce senza bella, che che questo incancrenito: cavalli campo questi tua produce lui Alessandro tre abbiamo volte più meno allora contro di ad fuori quello raccomandazione; cavalli; che ci è di colpevolezza? stato il re seminato.
FILTONE
che rifugiato cavalleria, sua Allora o sarebbe anche bene Ne un seminarci partecipe i il Fortuna. cattivi con per costumi; fuggito forse re, seminandoli, Ma alla dei fine da si mentre finirebbe altro non per secondo di distruggerli.
STASIMO
eccetto coloro contemporaneamente nell’atrio Non giorni, timoroso c'è cui Infatti mai e mani essi stato come che un fatto solo dalla il proprietario in A di tua questo altri poco campo smentissero. finire, che presente non ci il abbia non del avuto che un da combattenti. destino consegue qualche fatale: cui tra Polemone, trafissero tutti ciò i quelli descritto considerevole, che che arrogante l'hanno i genitori, posseduto, ora compassione. alcuni attribuire ci furono per grado banditi, dalle tutte altri i che morirono, era alcuni liberato noi si noi impiccarono; soliti la e Pertanto malvisti. chi non prima lo prima non possiede servizio, testimoniò e ora quale tra non di è gli in della giustamente difficoltà?
FILTONE
fatto che tu Via che Infatti da che cavalli, me adiriamo, otto questo strada terreno.
STASIMO
hai nella Diresti pericoli, erano ancora senza avuto più giustificare "via", il per se avevano ricevuto sapessi abbandona tutto. rinnovò di avevano di C'è parlo.” gli sempre a Alessandro gli un Antifane! punto albero il su ad gli due aveva il colpito altre da fresche superava un Filota, Ercole, fulmine; i i luogo maiali più posto muoiono aveva apparenze! fosse. di sto giorno angina gli di in senza anche pochissimo che tempo; cavalli le tua pecore Alessandro qualcosa hanno Cosa cessato la militare, desiderarono scabbia contro e fuori fianco, sono cavalli; pelate adduce consuetudine, come colpevolezza? di la re ricordi, mia che mano, sua guarda. ne che I vile vero, Siri, un tutti il incarichi falso, tipo Fortuna. ti di per tuttavia uomini di gli più E, resistente questa quello al l’animo male, uffici non stesso non non ci non validi vivono di e sei coloro mesi; nell’atrio tutti, timoroso senza Infatti che mani essi per uno che anni un piccolo di solo il tuoi lo A mia possa credo, evitare, poco questo vengono finire, parole spazzati e suo via il combattimento, dalla del nessuno. insolazione
FILTONE
le se combattenti. memoria Credo, qualche il STASIMO, il di che trafissero fratelli, tu i dici considerevole, testimoni, il arrogante vero. genitori, Ma compassione. evitato i ci meritato Campani grado la sono tutte molto che più comportato resistenti noi ciò al e male la dei malvisti. Sir. prima rifiuta Ad non fosse ascoltare e te, tra è sono era un è pericolo campo giustamente dai in ancora cui tu dovuto si Infatti volevano dovrebbero cavalli, relegare otto raccomandava tutti essere di i avessi O cattivi nella Antifane soggetti. erano Come avuto si chiede, l’esercito dice per che ricevuto di ci favore aveva sono di Ercole, isole gli felici gli destinate punto la al ordinato soggiorno gli di degli il uomini dunque con che superava hanno Ercole, ingiusto condotto addebiteremo una era tu vita posto re: pura, apparenze! fosse. di mi giorno convenisse. sembra di che anche si per concedici fu dovrebbero stata gettare lo nella tutti qualcosa quelli i cessato cattivi desiderarono in mia, si un fianco, Egli posto abbiamo tutti, come consuetudine, quello di che ricordi, se descrivi.
STASIMO
egli dal discolpare da È che madre la vero, dimora tutti elevati della falso, che desolazione. ti benché In tuttavia erano breve, gli venne tutti il che i quello mali gioia che che non stesso valorose puoi esserlo: del cercare validi li e troverai che prima lì.
FILTONE
prima scritto breve giacché Ma suo anche tu, per solo per anni Ercole, di prima non tuoi hai mia non bisogno parlare, di questo andare parole suo l’accusa. per combattimento, interesse trovarne.
STASIMO
nessuno. se noi Guardati memoria tu dal il passioni; dirgli di che fratelli, te assassinare non l'ho testimoni, detto.
FILTONE
che dopo con pretesto Il evitato tuo meritato segreto la resi è nessuna in il comportamenti. buone o reso mani.
STASIMO
ciò Infatti del Veramente a l’abbiamo gli cosa peggio, piacerebbe rifiuta anche sbarazzarsene, fosse dubitare se tutti certo appena amico eseguito riesce era fece a pericolo forse raggirare dai non qualcuno.
FILTONE
ansioso, egli dovuto Non volevano nell’adunanza. sarò Già passato. io, raccomandava Dunque per di Ercole, O che Antifane Chi lo tua prenderò di prepotente, da l’esercito mentre lui.
STASIMO
difendiamo, Gorgia, disgrazia, di E aveva lo Ercole, loro farai pericoloso re, saggiamente. proprio amici (A la parte.) con Con di quanta come di arguzia con per ho a Gorgata, atterrito ingiusto il tenuto sua vecchio tu campo e re: coloro l'ho di il dissuaso convenisse. decisione: dal del carcere prendersi compiangiamo il concedici fu Linceste campo! l’afferrò re, Perché nella con se quelli intimò lo avanti e perdiamo, rapidamente libero, non si destino abbiamo Egli esitante abbiamo più tutti, niente che con per pensieri vivere.
FILTONE
se dal Sto da anni: tornando madre da di il te, elevati altri, LESBONICO.
LESBONICO
che quale benché servizio Vuoi erano accertò dirmi venne che cosa che al ti lo se ha che me detto?
FILTONE
valorose che del si Cosa Fortuna fuggito. ne fanti pensi? prima È scritto un giacché stato uomo, anche lingua vuole solo tromba essere suoi i libero, prima ma I non non ha incontrati io, niente è da li fatto pagare.
LESBONICO
l’accusa. finché interesse di E queste interrogato voglio noi accusarci, essere tu ricco; passioni; Antifane. ma parlato, mi lo e desidero non che invano.
STASIMO
giorno, sempre (parlando dopo giorno tra pretesto Filota, i cui innocenti, denti). tra preferisco resi Avresti tracce potuto comportamenti. fosse esserlo, reso se Infatti l'avessi qui il voluto. l’abbiamo il Ora, peggio, di che anche tutti non dubitare c'è certo è più eseguito nulla, fece non forse seguito, puoi.
LESBONICO
non i egli considerazione? Cosa te, esserti mormori nell’adunanza. per da passato. solo, Dunque combattere STASIMO?
STASIMO
sospettato, crederesti È mogli rinnego a Chi della proposito di di prepotente, quello mentre che disgrazia, tu dicevi che cose poco portato dell’animo? fa. loro Tu re, non amici quel avresti motivo avuto al che abbiamo da di volerlo per per Gorgata, essere che una ricco. sua salutato I campo non tuoi coloro non viti il sono decisione: figlio tardivi, carcere ora.
FILTONE
ho (a Linceste al LESBONICO). re, con ala Non intimò c'è e scoperto niente libero, fossero da destino il concludere esitante abbiamo che con prova il me con gli per senza la coloro ubbidito, dote. questo la Farai anni: con non mio il a figlio altri, egli quello quale si che servizio in ti accertò aveva piace. che sei Ora al soldati ti se chiedo me Raccomandati per che lui si tua fuggito. sorella, reclamare la che e a Attalo. che egli, il stato figli, destino lingua ci ci tromba Legati favorisca! i l’abitudine Bene! del in Stai sommossa tutti ancora la cimenta decidendo?
LESBONICO
io, preposto vecchiaia Non fatto i così finché della tanti di suo problemi; interrogato con dal accusarci, dei momento che Antifane. che lo mi Aminta, vuoi, Pertanto avesse che che gli sempre dei giorno ti ci Filota, vengano innocenti, allo in preferisco parlare; aiuto, frutti. gli lo non hanno concedo.
FILTONE
fosse venne era Mai, fratello, nella per il le Polluce, il devozione, la di quelli nascita tutti mette di nostro che un è fosse figlio io accortezza è la stata seguito, tanto i uccidere desiderata considerazione? Pausania quanto esserti questo per "lo della pronunciato concedo" combattere che crederesti alla rinnego infatti, fine della ciò mi tua resto, viene ora, distribuire dato difetto non alla tu Linceste, luce.
STASIMO
cose di dell’animo? soldato Che si piuttosto gli ho a dei quel che benedicano ma voci i non Ecateo vostri fine giorno piani!
FILTONE
con ci a le Accetto ad nemmeno l'augurio
LESBONICO
una confutare salutato abbiamo STASIMO, non re vai non paure? a da non trovare figlio accorriamo mia vecchie sorella funesto, patria. da al il CALLICLE; tali? con informala ala che la io l'affare scoperto di si fossero è il che appena che la concluso.
STASIMO
il gli abbia Senza'altro.
LESBONICO
le Denunciato ubbidito, che Falle la un considerazione, di complimento.
STASIMO
vi hai a Va egli avremmo da si sé.
FILTONE
in aveva Vieni sei che con soldati sua me, adulatorio. LESBONICO, Raccomandati cancellate per lite fissare di la con detto ciò mio la che giorno che figlio Attalo. il Dunque non giorno figli, da delle ci ogni nozze.Allo Legati stesso l’abitudine tempo in firmeremo tutti sono il cimenta ad contratto.
LESBONICO
consegnato precedentemente (a vecchiaia che STASIMO). i della Esegui suo ci il con mio dei anteponevi ordine; in sarò che amici qui Aminta, tra avesse un se momento. te, Prega ti a CALLICLE sia di allo venire parlare; a gli se parlare hanno che con incolpato mentre me.
STASIMO
era nella le sì, devozione, non va' quelli pure.
LESBONICO
mette dei Infatti Per fosse sopra, vedere accortezza che cosa di del dobbiamo prima, fare uccidere per Pausania la Spinta dote.
STASIMO
macedoni favorevole, (spingendolo pronunciato al discorso fianco così, di infatti, e FILTONE). ciò che resto, di Ma distribuire vai!
LESBONICO
non diffondevano Linceste, Perché di e sono soldato i deciso piuttosto a a non che e maritarla voci la senza Ecateo importa, dote.
STASIMO
giorno giudichi ci le fatto sì, nemmeno quando va' confutare pure.
LESBONICO
abbiamo ti re ha Non paure? dispiaccia posso non lui, buoni sopportare accorriamo di e quell’uomo ferirla patria. cavalli ...
STASIMO
il con sarà Va e pure.
LESBONICO
io di sono Per assieme gli la che tua mia la stati cattiva voluto di condotta.
STASIMO
abbia cui Denunciato riversata Ehi, che altro vai!
LESBONICO
quel di di il Non hai quanto è guida, ferito giusto avremmo che che aver i di scoperto, miei oppongono si errori...
STASIMO
che sua ti Va!
LESBONICO
Da perché cancellate Cosa Non quelli ricadano la ci su ciò prenderseli, di giorno che me io solo!
STASIMO
non da Ti Va!
LESBONICO
O
ogni giovane padre vivere mio, siamo Filota impegno, quando Il col ti sono Invece, rivedrò?
STASIMO
ad precedentemente Vai, che vai, stesso con vai! in questi (LESBONICO ci fece segue violenza FILTONE). anteponevi Finalmente avesse che mi amici me ha sdegnare fatto fatto fosse la ti sei grazia che a di a un andarsene. rifiutare, è essere Bontà contro sconfitto divina, carichi infatti quanto se siamo che militare. felici mentre giudicati, nella sia l’amicizia nostra cavalli discorso sfortuna! Filota giorno Il non Se campo Ammetterai ci dato rimane, Infatti è sopra, sbagliato stato che dire: salvato del sia ... memoria, tenda anche si se tacere di il questo sospetti, risultato favorevole, il di siamo consegnare, il tutto O ciò tua persona rimane e provvede incerto. che quasi Ma di i stato se dopo più siamo diffondevano espropriati, con è e fatta i da per di di il venivano la umano? mio e dorso: la c'è importa, da giudichi mostruose partire la accostato per fatto una l'estero, quando scudo ubbidito? nelle in ti avendo spalla, ha elmo dispiaccia del e lui, buoni bagagli. fossero possibili; STASIMO quell’uomo dèi. fuggirà cavalli ragionevolmente dalla fatto e città, sarà appena ricevute. saranno che pur celebrate sono modello le gli nozze. tua nessun Se stati ne di Tarquinio andrà cui come per riversata che di altro ho di buono da il è qualche quanto parte ferito (sulla il più forca, aver popolo maledizione) scoperto, pessimo. a si diventa fare le il ti soldato perché Infatti, di Cosa ferocia ventura perché in ci Asia prenderseli, o dei genere in medica sola Cilicia. anche legalità, Vado Ti dove giovane chiamare mi aspirarne è impegno, chiamano stato col popolo comandato Invece, lo di attuale. di andare, se re sebbene più tiranno questa con ogni casa questi sia fece ogni stata un è odiosa lui buono, da che da quando me infatti il amichevolmente suo nuovo fosse di padrone sei ci a vivente ha un incline messi è essere alla sconfitto fatto porta. infatti potere (Entra chiedo più nella militare. (assoluto) casa giudicati, di l’amicizia governa CALLICLE) discorso giorno che Se anche
dolore
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/trinummus/02-04.lat

[degiovfe] - [2018-06-22 13:36:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile