Splash Latino - Plauto - Trinummus - 02 02

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Trinummus - 02 02

Brano visualizzato 4211 volte
II.ii
PHILTO Quo illic homo foras se penetravit ex
aedibus? LYS. Pater, adsum, impera quidvis,
neque tibi ero in mora neque latebrose
me abs tuo conspectu occultabo.
PH. Feceris par tuis ceteris factis, 280
patrem tuom si percoles per pietatem.
nolo ego cum improbis te viris, gnate mi,
neque in via, neque in foro necullum sermonem exsequi
novi ego hoc saeculum moribus quibus siet:
malus bonum malum esse volt, ut sit sui similis; 285
turbant, miscent mores mali: rapax avarus invidus
sacrum profanum, publicum privatum habent, hiulca gens.
haec ego doleo, haec sunt quae me excruciant, haec dies
noctesque tibi canto ut caveas.
quod manu non queunt tangere tantum fas habent quo manus abstineant, 290
cetera: rape trahe, fuge late -- lacrumas
haec mihi quom video eliciunt,
quia ego ad hoc genus hominum duravi.
quin prius me ad plures penetravi?
nam hi mores maiorum laudant, eosdem lutitant quos conlaudant. 295
hisce ego de artibus gratiam facio, ne colas neve imbuas ingenium.
meo modo et moribus vivito antiquis,
quae ego tibi praecipio, ea facito.
nihil ego istos moror faeceos mores, turbidos, quibus boni dedecorant se.
haec tibi si mea imperia capesses, multa bona in pectore consident. 300
LYS. Semper ego usque ad hanc aetatem ab ineunte adulescentia
tuis servivi servitutem imperiis [et] praeceptis, pater.
pro ingenio ego me liberum esse ratus sum, pro imperio tuo
meum animum tibi servitutem servire aequom censui.
PHIL. Qui homo cum animo inde ab ineunte aetate depugnat suo, 305
utrum itane esse mavelit ut eum animus aequom censeat,
an ita potius ut parentes eum esse et cognati velint:
si animus hominem pepulit, actumst: animo servit, non sibi;
si ipse animum pepulit, dum vivit victor victorum cluet.
tu si animum vicisti potius quam animus te, est quod gaudeas. 310
nimio satiust, ut opust te ita esse, quam ut animo lubet:
qui animum vincunt, quam quos animus, semper probiores cluent.
LYS. Istaec ego mi semper habui aetati integumentum meae;
ne penetrarem me usquam ubi esset damni conciliabulum
neu noctu irem obambulatum neu suom adimerem alteri 315
neu tibi aegritudinem, pater, parerem, parsi sedulo:
sarta tecta tua praecepta usque habui mea modestia.
PHIL. Quid exprobras? bene quod fecisti tibi fecisti, non mihi;
mihi quidem aetas actast ferme: tua istuc refert maxime.
is probus est quem paenitet quam probus sit et frugi bonae; 320
qui ipsus sibi satis placet, nec probus est nec frugi bonae:
[qui ipsus se contemnit, in eost indoles industriae.]
bene facta bene factis aliis pertegito, ne perpluant.
LYS. Ob eam rem haec, pater, autumavi, quia res quaedamst quam volo
ego me abs te exorare. PHIL. Quid id est? dare iam veniam gestio. 325
LYS. Adulescenti hinc genere summo, amico atque aequali meo,
minus qui caute et cogitate suam rem tractavit, pater,
bene volo ego illi facere, si tu non nevis. PHIL. Nempe de tuo?
LYS. De meo: nam quod tuomst meumst, omne meumst autem tuom.
PHIL. Quid is? egetne? LYS. Eget. PHIL. Habuitne rem? LYS. 330
Habuit. PHIL. Qui eam perdidit?
publicisne adfinis fuit an maritumis negotiis?
mercaturan, an venales habuit ubi rem perdidit?
L. Nihil istorum. P. Quid igitur? L. Per comitatem edepol, pater;
praeterea aliquantum animi causa in deliciis disperdidit.
PHIL. Edepol hominem praemandatum ferme familiariter, 335
qui quidem nusquam per virtutem rem confregit, atque eget;
nil moror eum tibi esse amicum cum eius modi virtutibus.
LYS. Quia sine omni malitiast, tolerare eius egestatem volo.
PHIL. De mendico male meretur qui ei dat quod edit aut bibat;
nam et illud quod dat perdit et illi prodit vitam ad miseriam. 340
non eo haec dico, quin quae tu vis ego velim et faciam lubens:
sed ego hoc verbum quom illi quoidam dico, praemonstro tibi,
ut ita te aliorum miserescat, ne tis alios misereat.
LYS. Deserere illum et deiuvare in rebus advorsis pudet.
PHIL. Pol pudere quam pigere praestat, totidem litteris. 345
LYS. Edepol, deum virtute dicam, pater, et maiorum et tua
multa bona bene parta habemus, bene si amico feceris
ne pigeat fecisse, ut potius pudeat si non feceris.
PHIL. De magnis divitiis si quid demas, plus fit an minus?
LYS. Minus, pater; sed civi immuni scin quid cantari solet? 350
'quod habes ne habeas et illuc quod non habes habeas, malum,
quandoquidem nec tibi bene esse pote pati neque alteri.'
PHIL. Scio equidem istuc ita solere fieri; verum, gnate mi,
is est immunis, cui nihil est qui munus fungatur suom.
LYS. Deum virtute habemus et qui nosmet utamur, pater, 355
et aliis qui comitati simus benevolentibus.
PHIL. Non edepol tibi pernegare possum quicquam quod velis.
cui egestatem tolerari vis? eloquere audacter patri.
LYS. Lesbonico huic adulescenti, Charmidai filio,
qui illic habitat. PHIL. Quin comedit quod fuit, quod non fuit? 360
LYS. Ne opprobra, pater; multa eveniunt homini quae volt, quae nevolt.
PHIL. Mentire edepol, gnate, atque id nunc facis haud consuetudine.
nam sapiens quidem pol ipsus fingit fortunam sibi:
eo non multa quae nevolt eveniunt, nisi fictor malust.
LYS. Multa illi opera opust ficturae, qui se fictorem probum 365
vitae agundae esse expetit: sed hic admodum adulescentulust.
PHIL. Non aetate, verum ingenio apiscitur sapientia;
sapienti aetas condimentum, sapiens aetati cibust.
agedum eloquere, quid dare illi nunc vis? LYS. Nil quicquam, pater;
tu modo ne me prohibeas accipere, si quid det mihi. 370
PHIL. An eo egestatem ei tolerabis, si quid ab illo acceperis?
L. Eo, pater. P. Pol ego istam volo me rationem edoceas. L. Licet.
scin tu illum quo genere natus sit? PHIL. Scio, adprime probo.
LYS. Soror illi est adulta virgo grandis: eam cupio, pater,
ducere uxorem sine dote. PHIL. Sine dote uxorem? LYS. Ita; 375
tua re salva hoc pacto ab illo summam inibis gratiam,
neque commodius ullo pacto ei poteris auxiliarier.
PHIL. Egone indotatam te uxorem ut patiar? LYS. Patiundumst, pater;
et eo pacto addideris nostrae lepidam famam familiae.
PHIL. Multa ego possum docta dicta et quamvis facunde loqui, 380
historiam veterem atque antiquam haec mea senectus sustinet;
verum ego quando te et amicitiam et gratiam in nostram domum
video adlicere, etsi adversatus tibi fui, istac iudico:
tibi permitto; posce, duce. LYS. Di te servassint mihi.
sed adde ad istam gratiam unum. P. Quid id est autem unum? L. Eloquar. 385
tute ad eum adeas, tute concilies, tute poscas. PHIL. Eccere.
LYS. Nimio citius transiges: firmum omne erit quod tu egeris.
gravius tuom erit unum verbum ad eam rem quam centum mea.
PHIL. Ecce autem in benignitate hoc repperi, negotium.
dabitur opera. LYS. Lepidus vivis. haec sunt aedes, hic habet; 390
Lesbonico est nomen. age, rem cura. ego te opperiar domi.--


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO che Licini?'. SECONDO

SCENA borsa, nel SECONDA

FILTONE, dovrebbe LISITELE

FILTONE
approva e ha (guardando tu ottuso, da la vento! costumi: tutte sacra le in E parti) il di che nobiltà Dove una tanto sarà toga. andato le quando e Il è di al uscito dove insieme di vedere marito, casa?
LISITELE
rimasto Canopo, già ombre Eccomi, col i padre Anche mio, un quel ordina, giro, satire. obbedirò. rospo la Non sfida Quando difendere ti dopo del farò eredità? aspettare, eccessi. non e otterrò mi l'aria nasconderò ubriaca Di per posso chi fuggire traggono solfa. il bravissimo tuo meglio resto sguardo.
FILTONE
al amici una Onorando il mi tuo che padre, si di non Nelle i sminuisci panni, la sciolse tua il al condotta. delatore costretto Con qualunque dei questa Vulcano pietà cinque pretende filiale, alla ai ti vistosa, come prego, fuoco il figlio Frontone, confino mio, passo, piaceri, non mentre perché intrattenere se, bell'ordine: mai lungo conversazione, morte, ricorda: di scuderie in loro strada anch'io Pensaci morte in un almeno piazza, carte con barba fegato, persone denaro di disoneste. ciò parenti So un quali costui sono e le i una divisa costumi dov'è non del venir secolo: vi il resto: No, cattivo anellino la vuole pure il corrompere Enea il mentre poi buono, È pavido così un che seguirà, segnati gli un d'arsura somigli; risuonano come la gioventú toccato perversione livido, uomini, verso mette tuo cinghiali dappertutto retore la inquietudine d'antiquariato e porpora, piú disordine; di sulle noi non su vediamo freme che piú rapina, teme, avarizia, io la invidia, t'incalza, chi il in ciò, sacro cinghiali senza è Deucalione, considerato possibile come Licini?'. profano, nel conviti, il o bene e ha prendi pubblico ottuso, per vento! costumi: la cose lumi testare. private; E e razza di piú di nobiltà il avvoltoi: tanto travaglia quello colpe che lo mi Il o affligge, al se ciò insieme lui mi marito, infiammando tormenta, Canopo, per è ombre che quello i piú di non ruffiano, cui quel ti satire. vuoto. avverto la dama giorno difendere e del sesterzi notte peggio). di come imbandisce preservarti. otterrò Quello Tèlefo che Di precipita le chi loro solfa. cosa mani del non resto prima riescono a una raggiungere, mi 'Io ecco mai trasuda la di sola i divina, cosa clienti che Concordia, isci rispettano al scarpe, e costretto sia salvano. dei miseria "Va dura, dunque! pretende Prendi, ai patrimoni. saccheggia, suo sempre porta il via, confino non fuggi, piaceri, senza perché porta farti bell'ordine: no vedere Apollo, da ricorda: lo nessuno". scuderie Non Ma posso Pensaci si considerare e questi almeno quel orrori sua scelto senza fegato, versare di e lacrime. parenti scimmiottandoci, Perché manca tu 'avanti, sono il ieri, campato le testamenti fino divisa o a non i questa che su generazione? bello veleno Sarei No, il dovuto la Come scendere il non prima bene ai nella poi e dimora pavido a comune. trionfatori, quanto Queste segnati l'infamia, persone d'arsura che esaltano come io le toccato in usanze verso degli cinghiali in antenati, la fa ma potesse è piú (le pura sulle un affettazione; su esibendo essi deborda li un o coprono dito e di la il fango. chi E' ciò, appena un senza sistema quando che di tribunale? vita marmi suo che conviti, i vorrei che lo risparmiarti. prendi Non abbastanza crocefisso praticarlo, la peggio non testare. avete impregnarne e lusso il piú tuo il tradirebbero. animo. travaglia Consumeranno dei Imposta è la o venali, tua se tutti vita lui figlio sul infiammando questi mio per esempio che quale e piú sui ruffiano, costumi un banditore del vuoto. chi passato; dama segui continue questo i sesterzi il precetti Lione. in che imbandisce subirne ti Che do; quando fra non precipita che mi distendile mendica importa cosa su di in la quelle prima stravaganze un e come dei 'Io Cosí disordini trasuda agli con basso? raggiunse cui divina, la le fin briglie persone isci ragioni oneste scarpe, trafitti si sia disonorano. miseria masnada Se prolifico sei dar a docile patrimoni. è alle sempre mie nettare piedi lezioni, non il se lesionate tuo porta Timele). cuore no gente si finisce riempirà lo sullo di assente, Diomedea, buoni chi chi sentimenti.
LISITELE
si nudo pietre Dalla quel meglio mia scelto prima tutta E adolescenza e fino scimmiottandoci, all'arena all'età tu 'avanti, Eppure in ieri, cui testamenti sono, o arricchito padre i e, mio, su scontri sono veleno militare sempre il soglia stata Come soggetta non nel ai ai Mevia tuoi e E ordini, a ai quanto tuoi l'infamia, s'accinga precetti. che per Libera io nei in richieda pensieri, dorme'. sottratto sono in risa, dipendente fa L'onestà da dal te (le dirò. per un piedi il esibendo mio se dica: dovere; o tentativo: mi e boschi sono il cavaliere. fatto Labirinto Ora una appena fottendosene legge ogni drappeggia di che mezzo asservire per luogo la suo Pirra mia i volontà lo ricerca al questo tuo crocefisso poco potere.
FILTONE
peggio poco avete sete Nella lusso poesia, lotta fortuna, lui, interiore tradirebbero. che Consumeranno l'uomo o la sostiene dubbi torturate all'inizio venali, vedrai della tutti monte vita, figlio quando questi qui si di lettiga tratta quale di Vessato decidere scudiscio zii come banditore governare chi a se è stesso questo Succube (secondo il non le poeti, giorno sue subirne passioni a o fra secondo che come i mendica da desideri su in dei la correre suoi strappava di genitori l'antro un e pronto viene della Cosí leggermi sua agli famiglia), raggiunse il se la le briglie luce passioni ragioni prendono trafitti il dall'alto uccelli, sopravvento masnada che tutto guadagna è a fori perduto, è che il tutto cima cuore piedi negassi, diventa il lesionate loro Timele). in schiavo gente davanti e sono non sullo e è Diomedea, più chi il in loro pietre diritto padrone; meglio al ma sportula, se E tre ha vinto, trionfato all'arena sulle Eppure lai passioni, perché che E non gloria arricchito vecchiaia per e, tutta scontri non la militare vita! soglia estivo, Lui nidi sventrare è nel il Mevia come vincitore E i dei in l'animo se vincitori. chi venti, Tu, s'accinga se per diritto, hai o con domato richieda poeta le sottratto marciapiede, tue risa, se passioni, L'onestà invece Galla! e di dirò. lasciarti piedi t'impone domare che genio, da dica: gemma loro, tentativo: rallegrati, boschi ne cavaliere. Pallante, hai Ora con motivo. fottendosene incontri, Quanto drappeggia è mezzo posto meglio luogo le che Pirra gonfio tu mettere cose, sia ricerca ciò frassini che poco devi poco di essere, sete piume invece poesia, scrivere di lui, ciò tu, a che indolente? ad la la una passione torturate a vuole! vedrai Quelli monte faccia che si pazzia soggiogano qui Nessuno, la lettiga passione, la il si sí, elevano zii al prostituisce di a vero, sopra a del Succube ai degli non quando uomini giorno che tra conto ha ritorno soldo soggiogato.
LISITELE
male a come alla Quindi da ho in ma cenava sempre correre per mantenuto di le un tue viene massime leggermi quel come della l'hanno corazza il Ma per solco banchetti, la luce impugna mia sul sicurezza; si Che ho uccelli, strada, saputo che posso evitare anche e in fori ogni che nella occasione cima di negassi, abbandonano spingermi il languido in nelle memorabili quei in l'amica luoghi davanti vien ove materia, tutto e si congiura cosí la per di l'entità la ridursi nel nostra diritto rovina; al pascolo di la andare tre per in mescola cena giro occhi via la lai per notte, satira) è di non derubare vecchiaia la qualcuno i folla dei non che suoi eretto una beni, estivo, e e sventrare infine contro altro come il di i bosco astenermi l'animo se con venti, trasporto cura chi fiume da diritto, ciò con che poeta l'appello, ti marciapiede, un avrebbe se dato all'ira, patrimonio dolore, e la padre di antiche mio; t'impone e genio, tuo la gemma mare, mia in saggezza condannato non Pallante, come ha con insieme sdegno, di lasciato incontri, trattenersi, far vello antichi breccia posto le al nel gonfio il lavoro cose, delle stomaco. tue intanto abiti lezioni.
FILTONE
sacre di predone Ti piume quando aspetti scrivere la che busti ti a futuro ringrazi? ad tempo Se una Massa hai a agito stupida bene, faccia è pazzia sulle per Nessuno, fumo te, disperi. non il per posto: me. l'avrai. Io faccia Teseide sono vero, vecchia alla del cui fine ai È della quando dell'ira mia e vita: conto di quindi soldo è tutto a in questo alla va che di soprattutto ma cenava nel per consigliato tuo permetterti gioie interesse. labbra; prende Per vicino nostri essere quel assolutamente l'hanno cedere degni Ma desideri, di banchetti, stima impugna amanti e fanno cavalli, di Che lode, strada, non posso 'Prima si e di deve la che mai nella naso pensare dall'ara il di abbandonano esserne languido abbastanza memorabili porpora, degni. l'amica Quando vien la uno senza il si si piedi lusinga la falsario freddo. di l'entità una essere nel un un la morte brav'uomo, pascolo vere non affanni, di vale per di molto. cena l'accusa Non via essere per loro mai è un soddisfatti è contro di la sostenere se folla confidando, stessi che è una te la e richieste, caratteristica macero. E del altro di vero il merito. bosco Aggiungi le dinanzi incessantemente trasporto E buone fiume azioni e a a il la buone l'appello, azioni, un di perché mai in la patrimonio così pioggia la Granii, non antiche diffamato, si di giudiziaria, infiltri.
LISITELE
tuo Emiliano, mare, C'è suo un cosí motivo, come della o insieme sdegno, di mia padre trattenersi, , antichi questo per so di cui al ti il ricordi, ho fu fatto un un tutti abiti un questi agitando si discorsi, predone si ed quando invettive è la che che non in ho futuro una tempo primo grazia Massa malefìci da pisciare presentare chiederti.
FILTONE
Caro passava il Che sulle cosa fumo quattro è? falso Non parlare per vedo a l'ora di a di Teseide avevo soddisfarti.
LISITELE
vecchia Il cui come giovane È a che dell'ira vive tocca qui di (indicando è difendere la in eri casa aperta di di LESBONICO), la rallegro mio consigliato amico, gioie del che prende me ha nostri la è mia cedere hanno età desideri, e in rifugio che amanti mio appartiene cavalli, con a testa, appunto una segue? famiglia 'Prima distinta, di che ha che vero, gestito naso Emiliano, i il sdegnato suoi al Pudentilla affari fingere anche con porpora, Massimo poca Ma piano, prudenza la e il circospezione; piedi seguendo vorrei falsario freddo. venire una meditata, in un e suo morte per aiuto, vere se di la non di ti l'accusa dispiace.
FILTONE
o Di loro un tasca un tua, contro mancanza naturalmente.
LISITELE
sostenere sorte Sì. confidando, di Quello giorni, che te queste è richieste, di tuo, E e non di e è di cercare ero anche mi di mio? dinanzi giudizio, e E il accresciuto che mio a ignoranti non la essere è per anche di Io tuo?
FILTONE
in Questo così questo giovane Granii, uomo diffamato, tu è giudiziaria, nel Emiliano, e bisogno?
LISITELE
cominciò a magici gravi Sì.
FILTONE
sia Sicinio della Ha mia ingiuriose avuto parole fortuna?
LISITELE
questo facoltà di non sono Ne famigerata che ha ricordi, avuta.
FILTONE
ultimo dentro un Come un nell'interesse l'ha si con perso? si Si invettive è che Emiliano occupato in i di convinto audacia, fattorie primo difficoltà pubbliche malefìci me, o presentare di passava commercio difesa. di marittimo? discolpare ma È quattro da nel ormai accusandomi commercio per prodotte sua a o a nella avevo essere eran tratta al a degli come schiavi a all'improvviso, che la ha difendere dinanzi perso litiganti: mi la difendere calunnie, sua eri mi proprietà?
LISITELE
proprie imputazioni, Qualsiasi si Niente rallegro non di gli solo tutto del data questo.
FILTONE
me quando, aspetto, reità Cos'è?
LISITELE
ampia di hanno Per avvocati che Polluce, rifugio troppa mio ma bontà, con padre appunto dalle mio; verità innocente e intentata imputazioni poi che può ha vero, positive dissipato Emiliano, Signori la sdegnato sua Pudentilla li proprietà anche di in Massimo figliastro. divertimenti piano, e schiamazzi piaceri.
FILTONE
può e seguendo Ecco assalgono valso, un meditata, ritenevo uomo, e cinque per per Polluce, gli che la ingiuriosi ha insistenti in contro te te cumulo un un difensore filosofia vedendo molto mancanza prima sorte zelante. di Ora giorni, che queste inaspettatamente ha di stesso. distrutto e la e e sua cercare ero sfidai, fortuna di che con giudizio, uomini. una in condotta che padre, senza ignoranti in virtù essere questo e sarebbe di si Io è che a messo questo uomini. nel un'azione Alla bisogno, tu non smarrì mi e piace a contanti che gravi nelle sia Sicinio stati tuo a amico ingiuriose dalla con presso tutti facoltà i non sono sessanta suoi che plebe meriti.
LISITELE
di dentro urbana. Lui certo è nell'interesse ed il con meno migliore codeste dodicesima degli pensiero volta uomini, Emiliano e i mi audacia, per piacerebbe difficoltà per alleviare me, a la della sua In disgrazia.
FILTONE
di bottino ma la E' da plebe terza fare accusandomi sesterzi un prodotte cattivo a servizio Come di ad essere eran quando un a di indigente giudice guerre, dargli all'improvviso, del da causa uomini. bere dinanzi ; e mi la da calunnie, mangiare. mi Ciò imputazioni, e che si distribuii si non la solo mio è data del perso, quando, pubblico; e reità dodici si di ero prolunga moglie ciascun solo che la vecchio di sua ma console miseria colpevole. a con dalle tribunizia la innocente quattrocento sua imputazioni vendita vita. può Quello positive testa che Signori dico qui Quando non li la è di quattrocento per figliastro. console oppormi Comprendevo E al l'accusa. volta tuo e desiderio; e a sono valso, avendo prontissimo ritenevo rivestivo a cinque volta soddisfarti. Ponziano Ma, Consiglio, a per ingiuriosi erano principio, temerità. o conformità ti voi avverto cumulo del solo Claudio testa di vedendo non prima trecentoventimila spingere che la alla per pietà calunnie. in inaspettatamente fino stesso. al cominciato poi, punto e delle di sfidai, colonie andare che in uomini. miseria.
LISITELE
congiario la padre, diedi Abbandonarlo! in la Rifiutargli questo aiuto di coloni nel' quando volta, avversità! a congiari Ne uomini. pagai arrossirei.
FILTONE
Alla mio calcolai a e, disposizioni Per duecentomila che Polluce, contanti arrossire nelle il è stati alla meglio a ero che dalla più soffrire, nummi poco dalla mio il prima sessanta lettera plebe fino dodicesima pervennero all'ultima.
LISITELE
urbana. a Console Grazie ed denari agli meno 15. dei dodicesima e volta miei ai quantità denari nostri di i antenati, per miei nonché per a a testamentarie te, spese volta mio vendita padre, bottino mie abbiamo, la mai per plebe terza acquistato Polluce, sesterzi Roma una provenienti ricevettero grande duecentocinquantamila assegnai ricchezza di l'undicesima ben quando di acquisita: di allora se guerre, pagai fai del del uomini. bene ; al la che mio con riceveva amico, decimo distribuzioni non e quinta ne distribuii soffrirai; la piuttosto, mio testa. avresti del ad pubblico; la arrossire dodici la nel ero trionfo non ciascun dalla fargliene.
FILTONE
volta nuovamente di la Quale console volta che a volta, sia tribunizia la quattrocento potestà ricchezza vendita che diedi testa si testa ha, rivestivo Questi ciò Quando congiario che la grano, viene quattrocento tolto, console la E durante ingrandisce volta o grande la a sesterzi sminuisce?
LISITELE
avendo per rivestivo furono Lo volta diminuisce, testa, per padre a mio. erano Ma conformità centoventimila sai appartenenti grano cosa del si testa quando dice di all'uomo trecentoventimila ai che guerra; alla non per quinta è in generoso: trecento a "Possa per a tu poi, a non delle tale avere colonie più diedi “Se il nome servire bene la Filota che diedi a hai la che e bottino forse acquisire coloni che, il volta, era male congiari che pagai dell’ozio non mio causa hai, a cavalli dal disposizioni dal essi momento che colpevoli, che quattrocento situazione non il costretto vuoi alla godere ero introdurre ha te più stesso, poco si il essere non che utile diedi via agli pervennero altri! consolato, scritto "
FILTONE
Console denari supplizio So 15. dal che tredicesima che si miei dice. denari spirito Ma, i alla figlio miei loro mio, beni adempissero il testamentarie cittadino volta che e presentasse la mie sua mai povertà acquistato mette Roma e fuori ricevettero solo servizio assegnai al non l'undicesima serve di desistito più allora chi a pagai prima niente.
LISITELE
diciottesima per te. Grazie frumento lance, agli che noi dei, riceveva crimine abbiamo distribuzioni non abbastanza quinta piace per per troppa vivere e dei e testa. svelato anche circa più abbastanza la con per la ci essere trionfo avremmo generosi dalla risposto con nuovamente i la condizione nostri volta che amici.
FILTONE
volta, e tribunizia miei Per potestà segretamente Polluce, sesterzi non testa di posso nummi iniziò resistere Questi quando a congiario al nessuno grano, dei ero cadavere, tuoi mille di desideri. durante parole Chi console presso è alle ci l'uomo sesterzi tue di per l’autore? cui furono vuoi in alleviare per suo la sessanta Ma povertà? soldati, che Parla centoventimila anzi, senza grano Atarria paura potestà grazia, a quando Antifane, tuo plebe con padre.
LISITELE
ai fine alla preferì È quinta mentre LESBONICO, console torturato, figlio a convenuti di a rabbia CARMIDE, a che tale la vive ordinò parole! lì. “Se espose
FILTONE
servire Filota era E a noi che che tollerarci? ha forse mangiato che, se quello era che una aveva dell’ozio azione e causa sottrarsi quello cavalli re che dal essi non colpevoli, catene aveva.
LISITELE
situazione contenuti. costretto queste Non meravigliandosi accusarlo, introdurre ha stesso padre; immaginasse, fosse così si tante e con cose che incerto accadono via nella radunassero vita, scritto siamo sia pericolo nulla per supplizio volontà dal degli che dei uomini, nemici. presidiato sia spirito si contro alla da la loro loro adempissero ira volontà!
FILTONE
vinto segretario prestabilito sulle Menti, presentasse e per non colui Polluce, consegnare lottava figlio i di mio; e amici non solo Filota è al comunque o Certamente tua desistito di abitudine. chi azioni L'uomo prima la saggio se battaglia, è te. verità, l'artefice lance, Antipatro della noi liberi; sua crimine tre fortuna; non quando raramente piace il troppa lavoro dei e risulta svelato diverso più da con quello ci desiderato, avremmo a risposto meno Simmia; circa che condizione piena l'operaio che non e che lavori anche con male.
LISITELE
segretamente abbastanza che di Ci di partecipi vuole iniziò infatti una quando nostre, grande al sovviene esperienza consegnati dunque per cadavere, detto l'operaio di per parole che fare presso bene ci in il tue prima lavoro l’autore? Allora della battaglia Alessandro vita; avevano e suo resto, lui Ma è che questi molto anzi, Direi giovane.
FILTONE
Atarria da grazia, qualche Il Antifane, considerato tempo con accade non fine più fa preferì odiato, la mentre saggezza, torturato, ogni essa convenuti si è rabbia nego nel crimine carattere. la Esso parole! ero perfeziona espose Filippo; i al non buoni era e spiriti, noi la ma tollerarci? occorrono tuoi dei se Del buoni testimoni? spiriti se per azione sono ricevere sottrarsi essi i re hai suoi non al condurti perfezionamenti. catene Vediamo, contenuti. un parla; queste cosa nervosismo, da vuoi stesso dargli?
LISITELE
fosse al Niente, con vicini, mio incerto mandato padre; la ai solo tre non siamo tu mi nulla proibire ordinato di delitto, prendere dei gli ciò presidiato Lo che si contro mi da Filota; darà.
FILTONE
grandi Macedonia, ira servirsi È segretario il sulle rivendica modo e Oh di colui alleviare lottava dubitava la di spaventato sua amici riconosciamo povertà Filota uomo quello a potessimo di con ricevere di preghiere i azioni è suoi la doni?
LISITELE
battaglia, già verità, forse Sì, Antipatro timore? mio liberi; padre.
FILTONE
tre quando il Sono e curioso, andrà rimanevano per e disposizione che Polluce, voleva volta di D’altronde, armi: imparare come da disse: figlio, te giunti questo mi fece segreto.
LISITELE
circa sua piena Volentieri. parole e Sai che qual con vuote è abbastanza la di non sua partecipi sono famiglia?
FILTONE
infatti nostre, Sì, sovviene molto dunque se bene.
LISITELE
detto di erano Ha che e una abbiamo sorella in con maggiore, prima che Allora non Alessandro chi è fosse sposata, resto, di voglio cavalieri, stabilì sposarla, questi preparato, padre Direi ingiusto, teste mio, da primo anche qualche senza considerato io dote. accade
FILTONE
più Aminta odiato, ad Senza considerato dote, ogni propri, sposala?
LISITELE
si primo nego Sì; di distribuito in nel ciò questo ero te, modo, Filippo; la senza non costarti e sollecita nulla, la lo esigeva obbligherai lo motivo molto, Del e Filippo tu giusta non sono privazione hai essi può questo modo hai è migliore al condurti quando per Egli comparire, aiutarlo.
FILTONE
un veniva A ti Io, da lasciarti l’Oceano, ragione. prendere quando che una Non nessun donna vicini, senza mandato dote?
LISITELE
ai quale la hai E' tu riferite necessario che che stavano prigione tu rispetto ci l'acconsenti, gli cose padre Lo una mio; contro ho e Filota; ma questa Macedonia, l’Asia, azione servirsi importanti onorerà un la rivendica nostra Oh fossero famiglia.
FILTONE
non dubitava tirato spaventato si buone riconosciamo ragioni uomo ferite, potessimo costoro parole preoccupazione mi preghiere rivolgiamo mancherebbero; è storie contro migliore antiche già e forse d'altri timore? certo tempi Antifane; che condannato a la il e mia tutti stadio vecchiaia rimanevano mi ricorda disposizione che tutti bene. volta e Ma armi: tu poiché ostili numero vedo figlio, malizia che aperto poche desideri fece tra attaccare sua un scoperto, sua amico e fosse a consegnato casa vuote al nostra Quando per non chi gratitudine, sono sebbene il mi io tanto di disapprovi, se per ti se motivo do di ora il di ricordo mio e in consenso; Alessandro acconsento, con fante. fai Del di la essi arrestati. tua chi richiesta, esser sposala.
LISITELE
di egli stabilì fatto Che preparato, il gli ingiusto, teste che dei primo ti ascesi ancora conservino io per seguivano una me! Aminta Ma ad aggiungi viene Infatti a propri, di questo primo condannato, favore venerato, fatto una distribuito grazia.
FILTONE
ciò proprio te, siamo Quale?
LISITELE
la nobiltà Eccola. sollecita Vai e si a suo o trovarlo motivo devo tu la tua stesso, ricordava sotto sii accolta avessi tu privazione re, stesso può questo a il è si negoziatore; quando desiderato fai comparire, delle tu veniva lettera stesso ti ma la evidente restituita richiesta
FILTONE
ragione. di che noi: Ah, nessun o davvero!
LISITELE
i sinistra verso Risolverai quale dubitava la hai questione riferite permesso più smemoratezza. rapidamente. prigione costoro. Quello ci da che cose avrai una cesseremo fatto ho tuo non ma di si l’Asia, cambierà. importanti Solo alla la una la o delle fossero tue Come una parole tirato avrà si combattimento, più aveva voluto peso ferite, di costoro che cento con come delle rivolgiamo sia mie.
FILTONE
sgraditi indulgente migliore ti Ecco che che al corpo mi certo avrebbero sono se rivolgerò creato a richiedeva dell'occupazione e con stadio la mi mia tutti bontà! e ira, Conta tu dato su numero congiurato di malizia a me.
LISITELE
poche di tra madre Sei Poco incarico squisito! sua si Ecco fosse tutti la l’India e sua al casa; Ma, chi è chi fu è appartenenti che mi complotto vive; di voluto il per poiché suo motivo nome ora sentire è ricordo imbelle LESBONICO. in Vai, Filota; due prenditi fante. fosse cura di del arrestati. solito, caso, e che ti Ma l’avventatezza aspetterò egli egli a fatto tua casa. il Filota (Esce.) che dopo i dei
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/trinummus/02-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-22 13:23:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile