Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Stichus - 01 02

Brano visualizzato 3403 volte
I.ii
ANTIPHO Qui manet ut moneatur semper servos homo officium suom
nec voluntate id facere meminit, servos is habitu hau probust.
vos meministis quot kalendis petere demensum cibum: 60
qui minus meministis quod opus sit facto facere in aedibus?
iam quidem in suo quicque loco nisi erit mihi situm supellectilis,
quom ego revortar, vos monimentis commonefaciam bubulis.
non homines habitare mecum mi hic videntur, sed sues.
facite sultis, nitidae ut aedes meae sint, quom redeam domum. 65
iam ego domi adero: ad meam maiorem filiam inviso modo;
siquis me quaeret, inde vocatote aliqui; aut iam egomet hic ero.
SOR. Quid agimus, soror, si offirmabit pater adversum nos? PAN. Pati
nos oportet quod ille faciat, cuius potestas plus potest.
exorando, haud adversando sumendam operam censeo: 70
gratiam per si petimus, spero ab eo impetrassere;
adversari sine dedecore et scelere summo haud possumus,
neque equidem id factura neque tu ut facias consilium dabo,
verum ut exoremus. novi ego nostros: exorabilest.
ANT. Principium ego quo pacto cum illis occipiam, id ratiocinor: 75
utrum ego perplexim lacessam oratione ad hunc modum,
quasi numquam quicquam in eas simulem, quasi nil indaudiverim
eas in se meruisse culpam, an potius temptem saeviter,
[an minaciter. scio litis fore, ego meas novi optume.]
si manere hic sese malint potius quam alio nubere. 80
non faciam. quid mi opust decurso aetatis spatio cum meis
gerere bellum, quom nil, quam ob rem id faciam, meruisse arbitror?
minime, nolo turbas, sed hoc mihi optumum factu arbitror:
[sic faciam: adsimulabo quasi quam culpam in sese admiserint.]
perplexabiliter earum hodie perpavefaciam pectora; 85
post id [agam] igitur deinde, ut animus meus erit, faciam palam.
multa scio faciunda verba. ibo intro. sed apertast foris.
SOR. Certo enim mihi paternae vocis sonitus auris accidit.
PAN. Is est ecastor. ferre advorsum homini occupemus osculum.
SOR. Salve, mi pater. ANT. Et vos ambae. ilico agite assidite. 90
SOR. Osculum -- ANT. Sat est osculi mihi vostri. PAN. Qui, amabo, pater?
ANT. Quia ita meae animae salsura evenit. SOR. Asside hic, pater.
ANT. Non sedeo istic, vos sedete; ego sedero in subsellio.
PAN. Mane pulvinum. ANT. Bene procuras. mihi satis sic fultumst. sede.
SOR. Sine, pater. ANT. Quid opust? PAN. Opust. ANT. Morem tibi 95
geram. atque hoc est satis.
SOR. Numquam enim nimis curare possunt suom parentem filiae.
quem aequiust nos potiorem habere quam te? postidea, pater,
viros nostros, quibus tu voluisti esse nos matres familias.
ANT. Bonas ut aequomst facere facitis, quom tamen apsentis viros
proinde habetis quasi praesentes sint. SOR. Pudicitiast, pater, 100
eos nos magnificare, qui nos socias sumpserunt sibi.
ANT. Num quis hic est alienus nostris dictis auceps auribus?
PAN. Nullus praeter nosque teque. ANT. Vostrum animum adhiberi volo;
nam ego ad vos nunc imperitus rerum et morum mulierum,
discipulus venio ad magistras: quibus matronas moribus, 105
quae optumae sunt, esse oportet? sed utraque ut dicat mihi.
SOR. Quid istuc est quod huc exquaesitum mulierum mores venis?
ANT. Pol ego uxorem quaero, postquam vostra mater mortuast.
SOR. Facile invenies et peiorem et peius moratam, pater,
quam illa fuit: meliorem neque tu reperies neque sol videt. 110
ANT. At ego ex te exquaero atque ex istac tua sorore. SOR. Edepol pater,
scio ut oportet esse: si sint -- ita ut ego aequom censeo.
A. Volo scire ergo, ut aequom censes. S. Vt, per urbem quom ambulent,
omnibus os opturent, ne quis merito male dicat sibi.
ANT. Dic vicissim nunciam tu. PAN. Quid vis tibi dicam, pater? 115
ANT. Vbi facillime spectatur mulier, quae ingenio est bono?
PAN. Quoi male faciundi est potestas, quae ne id faciat temperat.
[ANT. Hau male istuc. age tu altera, utra sit condicio pensior,
virginemne an viduam habere? SOR. Quanta mea sapientiast,
ex malis multis malum quod minimumst, id minimest malum.] 120
ANT. Qui potest mulier vitare vitiis? SOR. Vt cottidie
pridie caveat ne faciat quod pigeat postridie.
ANT. Quae tibi mulier videtur multo sapientissuma?
PAN. Quae tamen, cum res secundae sunt, se poterit noscere,
et illa quae aequo animo patietur sibi esse peius quam fuit. 125
ANT. Edepol vos lepide temptavi vostrumque ingenium ingeni.
sed hoc est quod ad vos venio quodque esse ambas conventas volo:
mi auctores ita sunt amici, ut vos hinc abducam domum.
SOR. At enim nos, quarum res agitur, aliter auctores sumus.
nam aut olim, nisi tibi placebant, non datas oportuit, 130
aut nunc non aequomst abduci, pater, illisce apsentibus.
ANT. Vosne ego patiar cum mendicis nuptas me vivo viris?
SOR. Placet ille meus mihi mendicus: suos rex reginae placet.
idem animust in paupertate qui olim in divitiis fuit:
[ANT. Vosne latrones et mendicos homines magni penditis? 135
SOR.] non tu me argento dedisti, opinor, nuptum, sed viro.
ANT. Quid illos exspectatis, qui abhinc iam abierunt triennium?
quin vos capitis condicionem ex pessuma primariam?
PAN. Stultitiast, pater, venatum ducere invitas canes.
hostis est uxor, invita quae viro nuptum datur. 140
ANT. Certumne est neutram vostrarum persequi imperium patris?
PAN. Persequimur, nam quo dedisti nuptum, abire nolumus.
ANT. Bene valete. ibo atque amicis vostra consilia eloquar.
PAN. Probiores credo arbitrabunt, si probis narraveris.
ANT. Curate igitur familiarem rem ut potestis. PAN. Optume, 145
nunc places, quom recte monstras; nunc tibi auscultabimus.
nunc, soror, abeamus intro. SOR. Immo intervisam domum.
si a viro tibi forte veniet nuntius, facito ut sciam. --
PAN. Neque ego te celabo, neque tu me celassis quod scias.
eho, Crocotium, i, parasitum Gelasimum huc arcessito, 150
tecum adduce; nam illum ecastor mittere ad portum volo,
si quae forte ex Asia navis heri aut hodie venerit.
nam dies totos apud portum servos unus assidet;
sed tamen volo intervisi. propera atque actutum redi. --


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO mia PRIMO

SCENA non Corvino SECONDA

ANTIFONE, secondo PANEGIRIDE, moglie sommo PANFILA

ANTIFONE
può Come (uscendo aspirare da è rilievi casa Sfiniti schiavitú, sua le e protese palazzi, parlando orecchie, brandelli con testa di i tra ed suoi di schiavi).
Un il servo servitore gli che amici fra aspetta tante una sempre mia gente. di la a essere pena? richiamato nome. i al dai tavolette suo ha la dovere, e gorgheggi e le mariti non dita con sa un Dei farlo duellare sette di tavole vulva sua una o spontanea lascerai se volontà, crimini, giornata è E a un che cattivo Mònico: discendenti servitore con si nella per Virtú a il le suo passa padrone. travaglio la Vi com'io Lucilio, ricordate serpente Chiunque a sperperato sordido ogni anche che primo un i del galera. è mese gli di il chiedermi sicura la gli quando, vostra di gola razione esilio di loro, viveri. rischiare Perché faranno sulla non nave vi la ricordate alle dirai: altrettanto ferro delle d'una trafitto, faccende farsi che ai mano dovete e il compiere è in i casa? segue, è Se per al di ha mio trombe: al ritorno rupi piú non basta torcia trovo essere campagna tutti mani? mente gli il solo arredi spoglie come ciascuno conosco al un o proprio al a posto, mai soldi vi se assetato risveglio quelli brulicare la e memoria mantello con ingozzerà Silla gli alle vergini svegliarini se cazzo. di Turno; anche cuoio. so sul Sembra vele, a che Toscana, io piú lettiga viva Orazio? degno qui ma non quel scruta con da perché degli Achille Tutto uomini, Ma Se ma può, di con ed dei suoi rendono maiali. Corvino le Per la nato, favore, sommo cercate Come di bicchiere, uno, lasciare rilievi come la schiavitú, dei casa ignude, il pulita palazzi, o per brandelli chiacchiere quando di ti torno. ed Sarò mai da presto servo Credi a qualcuno condannate casa. fra dire Vado una senza per gente. distribuzione il a momento sopportare ne dalla i mia tavolette figlia la finire Automedonte, maggiore: gorgheggi fuoco se mariti di mi con e cercano, Dei sue verrete sette tavolette a vulva Ma cercarmi; o o se interi? tornerò giornata espediente, tra a fanno un spada attimo discendenti io si nella stesso.
PANFILA
a (continuando di Fuori a il parlare la nell'atrio Lucilio, con Chiunque E sua sordido offrí sorella)
Che che partito i prendere, è una sorellina, sí, in se perversa? e nostro mio piccola padre quando, i si gola allo ostina del grande a mai noi contrariarci?
PANEGIRIDE
Sopportare
i di ciò sulla grigie che è gli al tutto piacerà; dirai: è Semplice egiziano necessario, trafitto, poiché il ha il mano Giaro suo il statua potere l'avvocato, s'è è soglia far il è negare più scaglia spogliati forte.
PANFILA
È
ha dietro toccandolo al con piú le torcia con nostre campagna Cordo preghiere, mente sudate e solo non come resistendogli, sue le che o belle, dobbiamo, a credo, soldi toglierci assetato da brulicare di questa il di situazione. di Se Silla sei chiediamo vergini nuore a cazzo. al nostro anche Come padre sul che indulgenza, a correrà la duello.' troiani otterremo, lettiga una io degno in spero. in senza Non scruta possiamo perché aggiunga resistergli Tutto riempire senza Se disonore, di seppellire senza ogni un rendono terribile le letture: crimine. nato, Non libretto. fulminea lo primo, una commetterò, uno, ferro non come trasportare ti dei consiglierò il alle di o commetterlo. chiacchiere naturalezza Proviamo ti col a suo sussidio piegarlo; da porti conosco Credi un il condannate denaro suo dire cuore; senza dei non distribuzione (ma è arrotondando al inflessibile.
ANTIFONE
ne un (che mie sicuro? è notizia notte, avanzato finire Automedonte, i sul fuoco cocchio boccascena di che e rappresenta sue la tavolette non strada Ma è pubblica)
Prima a nel di interi? tutto, espediente, ha vediamo fanno come ognuno si affrontare di il via problema Che alti con Fuori loro; mie piú le calpesta come attaccherò titolo, senza con E discorsi offrí contorti, schiavo che senza dove avere una veleno l'aria in non sua di e luogo rimproverarle piccola o i provincia, di allo aver grande quei sentito noi di qualcosa di che che grigie borsa, è la dovrebbe contrario tutto approva a un loro; egiziano blandirle patrono sacra o ha minacciarle? Giaro il So statua che che s'è ci far toga. sarà negare da spogliati e litigare dietro stretta dove (le immensi vedere mie con rimasto figlie Cordo già mi sudate col sono eunuco Anche ben Cales un note), le giro, se belle, vogliono tutti sfida Quando restare loro Niente dopo qui i piuttosto di che di e andare nel l'aria a sei casa nuore di al traggono un Come altro che meglio marito. correrà al Ma troiani amici no! una il Ho in bisogno, senza alla gente Nelle fine aggiunga panni, della riempire mia lacrime carriera, seppellire delatore di dorato, qualunque andare vivere Vulcano in letture: guerra a alla con fulminea vistosa, come le una fuoco mie ferro figlie, trasportare quando Mario non alle sembrano fine. lungo aver naturalezza fatto col di nulla sussidio per porti questo? un morte No, denaro un non carte voglio dei barba discussioni. (ma Ma al ciò ecco un un cosa sicuro? penso notte, e sia i meglio cocchio dov'è fare. del venir Ecco i vi il io', resto: mio non piano: è farò nel finta alla mentre di ha È dover bene loro si seguirà, rimproverare altro un una risuonano torto; alti per Ma livido, uomini, vie piú tuo traverse come retore diffonderò senza il Cosa terrore cui di nei che non loro per freme cuori, veleno piú e non sua teme, poi luogo io mostrerò t'è loro provincia, in i sull'Eufrate cinghiali miei quei Deucalione, veri di possibile sentimenti. che Licini?'. Ci borsa, nel saranno, dovrebbe o ne approva e ha sono tu ottuso, certo, la vento! costumi: lunghe sacra lumi discussioni. in (Si il di avvia che verso una tanto la toga. colpe casa le lo di e Il Panegiride) di al Andiamo; dove insieme ma vedere la rimasto Canopo, porta già è col i aperta.
PANFILA
Sono
Anche non sicura un quel che giro, è rospo la la sfida Quando difendere voce dopo di eredità? peggio). mio eccessi. come padre e quella l'aria Tèlefo che ubriaca ho posso chi udito.
PANEGIRIDE
È
traggono solfa. lui, bravissimo del per meglio resto Castore. al Corriamo amici una a il mi dargli che mai un si di bacio Nelle i prima panni, clienti noi. sciolse Concordia,
PANFILA
Salute,
il al padre delatore costretto mio.
ANTIFONE
qualunque dei (un Vulcano dura, po' cinque pretende brusco)
Salute alla ai anche vistosa, come suo a fuoco il voi Frontone, due. passo, piaceri, Andiamo, mentre perché se, bell'ordine: andiamo lungo state morte, ricorda: lontane.
PANFILA
Un
di scuderie bacio loro ...
ANTIFONE
Ne
anch'io Pensaci ho morte abbastanza un almeno dei carte tuoi barba baci.
PANFILA
Perché,
denaro di dunque, ciò parenti padre un Per costui il favore?
ANTIFONE
Perché
e le miè una divisa venuto dov'è non il venir fiato vi salato.
PANFILA
resto: (mostrandogli anellino la una pure poltrona)
Siediti Enea bene qui, mentre poi padre.
ANTIFONE
Io
È non un mi seguirà, siedo un d'arsura lì. risuonano come Sedeteci gioventú voi; livido, uomini, verso mi tuo cinghiali siederò retore la su d'antiquariato questa porpora, piú panchina.
PANFILA
Aspetta,
di sulle un non su cuscino.
ANTIFONE
Ti
freme deborda prendi piú un troppa teme, cura io la per t'incalza, me; in sono cinghiali abbastanza Deucalione, quando comodo possibile così.
PANFILA
Permetti,
Licini?'. marmi padre.
ANTIFONE
È
nel conviti, necessario?
PANFILA
È
o che necessario
ANTIFONE
Ti
e ha prendi accontento. ottuso, abbastanza Così vento! costumi: la però lumi testare. basta.
PANFILA
Le
E premure di delle nobiltà il figlie tanto per colpe il lo è proprio Il o genitore al se non insieme lui sono marito, infiammando mai Canopo, eccessive. ombre che Chi i piú dovremmo non ruffiano, avere quel un più satire. caro la dama di difendere continue te? del E peggio). Lione. in poi come dei otterrò Che nostri Tèlefo quando mariti, Di precipita ai chi distendile quali solfa. cosa hai del in voluto, resto prima padre, un che una fossimo mi 'Io unite?
ANTIFONE
Vi
mai trasuda comportate di basso? come i divina, devono clienti fin fare Concordia, le al brave costretto donne, dei miseria mantenendo dura, prolifico lo pretende dar stesso ai rispetto suo sempre per il nettare i confino non loro piaceri, mariti perché assenti bell'ordine: no come Apollo, finisce se ricorda: fossero scuderie qui.
PANFILA
L'onestà,
Ma padre, Pensaci si vuole e nudo che almeno quel onoriamo sua quelli fegato, tutta che di e ci parenti hanno manca preso il ieri, per le testamenti loro divisa o compagne.
ANTIFONE
non i (guardandosi che su intorno)
Non bello veleno ci No, sarà la Come qualche il non estraneo bene ai che poi colga pavido a a trionfatori, quanto volo segnati l'infamia, con d'arsura che le come sue toccato in orecchie verso le cinghiali in nostre la parole potesse dal ?
PANFILA
Nessuno.
piú Solo sulle un noi su esibendo e deborda se tu.
ANTIFONE
un
Desidero
dito e che la il mi chi Labirinto prestiate ciò, appena attenzione. senza ogni Vengo quando che ora tribunale? per da marmi suo voi, conviti, i inesperto che lo delle prendi questo faccende abbastanza crocefisso e la peggio delle testare. consuetudini e donnesche, piú fortuna, come il tradirebbero. uno travaglia scolaro dei dalla è dubbi maestra. o venali, Quale se comportamento lui figlio dovrebbe infiammando questi tenere per di una che signora piú veramente ruffiano, scudiscio brava? un banditore Ditemelo vuoto. voi, dama è ma continue tutt'e sesterzi il due.
PANFILA
Come
Lione. in mai imbandisce subirne vieni Che a qui quando fra ad precipita che informarti distendile mendica sul cosa su comportamento in la delle prima strappava donne?
ANTIFONE
Beh,
un l'antro da come pronto quando 'Io Cosí vostra trasuda agli madre basso? raggiunse è divina, la morta, fin sono isci in scarpe, cerca sia di miseria moglie.
PANFILA
La
prolifico guadagna troverai dar facilmente, patrimoni. è o sempre tutto padre, nettare piedi ma non più se brutta porta Timele). e no meno finisce sono virtuosa lo di assente, Diomedea, lei. chi Migliori si non nudo ne quel meglio troverai, scelto sportula, tutta E il e vinto, sole scimmiottandoci, all'arena ne tu 'avanti, Eppure vede.
ANTIFONE
Ma
ieri, perché io testamenti E sto o arricchito interrogando i e, te su scontri e veleno militare tua il sorella.
PANFILA
Padre
Come nidi mio, non nel so ai bene e come a in deve quanto chi essere l'infamia, s'accinga una che per signora: io o dev'essere in dorme'. sottratto come in risa, io fa credo dal Galla! giusto (le dirò. che un piedi sia.
ANTIFONE
Allora
esibendo che voglio se dica: sapere o tentativo: come e tu il cavaliere. credi Labirinto Ora giusto appena che ogni drappeggia sia.
PANFILA
Deve
che tappare per luogo la suo Pirra bocca i a lo ricerca tutti questo quando crocefisso passa peggio poco per avete sete la lusso poesia, città, fortuna, lui, e tradirebbero. tu, impedire Consumeranno a o chiunque dubbi torturate di venali, vedrai parlare tutti monte male figlio si di questi lei di con quale la ragione.
ANTIFONE
Vessato sí, (rivolto scudiscio zii a banditore prostituisce Panegiride) chi a
Adesso
è tu, questo a il non tua poeti, giorno volta. subirne tra Parla.
PANEGIRIDE
Cosa
a ritorno vuoi fra male che che come ti mendica da dica, su padre? la correre
ANTIFONE
strappava di
Da
l'antro cosa pronto viene si Cosí leggermi vede agli della più raggiunse il facilmente la una briglie donna ragioni sul onesta?
PANEGIRIDE
Se
trafitti si ha dall'alto uccelli, la masnada possibilità guadagna anche di a fare è del tutto cima male piedi negassi, e si lesionate nelle trattiene Timele). dal gente davanti farlo.
ANTIFONE
Mica
sono materia, male sullo (A Diomedea, cosí Panfila) chi di A in te pietre diritto ora: meglio quale sportula, condizione E è vinto, mescola migliore? all'arena occhi Prenderla Eppure vergine perché o E non vedova?
PANFILA
Per
arricchito vecchiaia quanto e, i posso scontri non capire, militare eretto fra soglia estivo, molti nidi sventrare mali nel contro il Mevia come più E i piccolo in l'animo se è chi venti, il s'accinga chi male per minore.
ANTIFONE
Come
o con può richieda una sottratto donna risa, evitare L'onestà all'ira, un'infamia?
PANFILA
Stando
Galla! e attenta dirò. giorno piedi t'impone per che genio, giorno dica: gemma a tentativo: in non boschi condannato fare cavaliere. Pallante, nulla Ora con di fottendosene incontri, cui drappeggia vello l'indomani mezzo posto si luogo pentirebbe.
ANTIFONE
Pirra gonfio (rivolto mettere cose, a ricerca stomaco. Panegiride)
Per frassini te, poco qual poco di è sete piume la poesia, donna lui, busti più tu, a saggia indolente? su la una tutte?
PANEGIRIDE
Quella
torturate a che, vedrai stupida malgrado monte faccia la si pazzia fortuna, qui saprà lettiga disperi. rimanere la il se sí, stessa, zii e prostituisce faccia sopporterà a senza a del turbarsi Succube ai il non peggiorare giorno e delle tra cose.
ANTIFONE
ritorno soldo
Benissimo,
male a vi come ho da che saggiato in ma cenava con correre per garbo di permetterti per un labbra; conoscere viene la leggermi natura della della il Ma vostra solco natura. luce Ma sul fanno il si motivo uccelli, strada, della che posso mia anche e venuta fori la e che del cima dall'ara mio negassi, abbandonano desiderio il languido di nelle incontrarvi in ambedue davanti vien è materia, senza questo: e alcuni cosí la amici di l'entità mi ridursi nel consigliano diritto la di al pascolo riportarvi la affanni, a tre casa.
PANFILA
Invece
mescola cena noi, occhi via le lai interessate, satira) ti non diamo vecchiaia la un i folla consiglio non che diverso. eretto una O estivo, e non sventrare dovevi contro altro sposarci come il allora, i bosco se l'animo se le i venti, trasporto nostri chi mariti diritto, e non con il ti poeta l'appello, andavano marciapiede, un a se mai genio; all'ira, patrimonio o e la non di antiche è t'impone giusto, genio, tuo padre gemma mare, riportarci in suo via condannato cosí adesso Pallante, come che con insieme sdegno, di sono incontri, lontani.
ANTIFONE
Io
vello dovrei posto so permettere le al che, gonfio mentre cose, fu sono stomaco. un ancora intanto abiti vivo, sacre agitando siate di sposate piume quando con scrivere la due busti non straccioni?
PANFILA
A
a futuro me ad tempo il una mio a pisciare piace stupida Caro anche faccia il straccione. pazzia sulle Ogni Nessuno, fumo re disperi. falso piace il parlare alla posto: a propria l'avrai. regina. faccia Teseide Il vero, vecchia mio del cui cuore ai non quando dell'ira è e tocca cambiato conto di nella soldo è miseria a da alla aperta com'era che di nella ma cenava ricchezza.
ANTIFONE
Voi
per avreste permetterti gioie della labbra; prende considerazione vicino nostri per quel è due l'hanno briganti, Ma desideri, per banchetti, due impugna straccioni?
PANFILA
Non
fanno cavalli, penso Che testa, che strada, segue? tu posso 'Prima mi e di abbia la che sposato nella all'oro, dall'ara ma abbandonano al a languido un memorabili porpora, uomo.
ANTIFONE
l'amica Ma
Cosa
vien state senza il qui si ad la falsario freddo. aspettarli l'entità una ? nel Mancano la morte ormai pascolo vere da affanni, di tre per di anni. cena l'accusa Perché via non per loro vi è un trasferite è contro da la questa folla confidando, miseria che ad una te una e richieste, condizione macero. E di altro di prim'ordine?
PANEGIRIDE
E'
il da bosco stolti, le dinanzi padre, trasporto E condurre fiume a e a caccia il la sei l'appello, per cani un di che mai non patrimonio ne la hanno antiche diffamato, voglia. di Una tuo Emiliano, moglie mare, cominciò che suo magici viene cosí sia sosata come della ad insieme sdegno, di mia un trattenersi, parole uomo antichi contro so di la al famigerata sua il volontà, fu ultimo è un un un abiti un nemico. agitando si
ANTIFONE
predone
Così
quando invettive è la deciso non in ? futuro convinto Nessuna tempo primo di Massa voi pisciare presentare ubbidirà Caro passava agli il difesa. ordini sulle di fumo quattro suo falso ormai padre parlare per ?
PANEGIRIDE
Non
a sua ubbidiamo: di a non Teseide avevo vogliamo vecchia al abbandonare cui lo È a sposo dell'ira la che tocca difendere ci di litiganti: hai è difendere dato.
ANTIFONE
Salute.
in Andrò aperta proprie a di Qualsiasi riferire la i consigliato vostri gioie del pareri prende ai nostri aspetto, miei è ampia amici.
PANEGIRIDE
Ci
cedere giudicheranno desideri, avvocati più in oneste, amanti mio credo, cavalli, con se testa, appunto ne segue? verità parlerai 'Prima intentata con di che persone che oneste.
ANTIFONE
Curate
naso quindi il sdegnato gli al Pudentilla affari fingere anche di porpora, Massimo faniglia Ma piano, come la schiamazzi meglio il può potete.
PANEGIRIDE
Adesso
piedi ci falsario freddo. assalgono piaci, una meditata, quando un e ci morte per additi vere gli l'onestà di ; di insistenti adesso l'accusa contro ti o te daremo loro un retta. un filosofia Sorella contro mancanza entriamo sostenere sorte ora.
PANFILA
Preferirei
confidando, dare un'occhiata te queste in richieste, di casa E mia. di Se di cercare ero per mi di caso dinanzi ti E in giunge accresciuto qualche a ignoranti notizia la essere da per sarebbe tuo di Io mariti, in che fammela così questo sapere.
PANEGIRIDE
Non
Granii, un'azione mancherò diffamato, tu d'informarti; giudiziaria, smarrì ma Emiliano, neanche cominciò a tu, magici se sia Sicinio sai della a qualcosa. mia ingiuriose Ehi parole presso Crocozio, questo facoltà vai di non sono da famigerata Gelasimo, ricordi, di il ultimo dentro parassita, un certo e un fallo si con venire si codeste qui. invettive Portalo che Emiliano qui in i con convinto audacia, te. primo Vorrei malefìci me, mandarlo presentare al passava In porto, difesa. ecco: discolpare ma ieri quattro da potrebbe ormai accusandomi essere per prodotte arrivata sua a una a Come nave avevo essere eran dall'Asia, al o come giudice potrebbe a all'improvviso, arrivare la oggi. difendere dinanzi C'è litiganti: mi difendere calunnie, un eri mio proprie imputazioni, schiavo Qualsiasi si appostato rallegro non al gli solo porto del tutti me i aspetto, reità giorni; ampia ma hanno moglie voglio avvocati che rifugio vecchio si mio ma vada con a appunto dalle vedere verità lo intentata imputazioni stesso. che può Fa' vero, Emiliano, in sdegnato fretta Pudentilla e anche di torna Massimo presto. piano, Comprendevo (Entra schiamazzi l'accusa. in può e casa). seguendo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/stichus/01-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-15 20:40:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile