Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Rudens - 04 03

Brano visualizzato 2441 volte
IV.iii
TRACHALIO Heus, mane. GRIP. Quid maneam? TRACH. Dum hanc tibi, quam
trahis, rudentem complico.
GRIP. Mitte modo. TRACH. At pol ego te adiuvo nam bonis quod bene fit
haud perit.
GRIP. Turbida tempestas heri fuit, 940
nil habeo, adulescens, piscium, ne tu mihi esse postules;
non vides referre me uvidum rete, sine squamoso pecu?
TRACH. Non edepol piscis expeto quam tui sermonis sum indigens.
GRIP. Enicas iam me odio, quisquis es. TRACH. Non sinam ego abire hinc te.
mane.
GR. Cave sis malo. quid tu, malum, nam me retrahis? TR. Audi. 945
G. Non audio. T. At pol qui audies post. G. Quin loquere quid vis.
TR. Eho mane dum, est operae pretium quod tibi ego narrare volo.
GR. Eloquere quid id est? TR. Vide num quispiam consequitur prope nos.
GRIP. Ecquid est quod mea referat? TRACH. Scilicet.
sed boni consili ecquid in te mihi est? 950
GRIP. Quid negoti est, modo dice. TRACH. Dicam, tace,
si fidem modo das mihi te non fore infidum.
GRIP. Do fidem tibi, fidus ero, quisquis es. TRACH. Audi.
furtum ego vidi qui faciebat;
noram dominum, id cui fiebat, 955
post ad furem egomet devenio
feroque ei condicionem hoc pacto:
'ego istuc furtum scio cui factum est;
nunc mihi si vis dare dimidium,
indicium domino non faciam.'
is mihi nihil etiam respondit. 960
quid inde aequom est dari mihi? dimidium
volo ut dicas. GRIP. Immo hercle etiam amplius,
nam nisi dat, domino dicundum
censeo. TRACH. Tuo consilio faciam.
nunc advorte animum; namque hoc omne
attinet ad te. GRIP. Quid factumst? 962a
TR. Vidulum istum cuiust novi ego hominem iam pridem. GR. Quid est?
TRACH. Et quo pacto periit. GRIP. At ego quo pacto inventust scio
et qui invenit hominem novi et dominus qui nunc est scio. 965
nihilo pol pluris tua hoc quam quanti illud refert mea:
ego illum novi cuius nunc est, tu illum cuius antehac fuit.
hunc homo feret a me nemo, ne tu te speres potis.
TRACH. Non ferat si dominus veniat? GRIP. Dominus huic, ne frustra sis,
nisi ego nemo natust, hunc qui cepi in venatu meo. 970
TRACH. Itane vero? GRIP. Ecquem esse dices in mari piscem meum?
quos cum capio, siquidem cepi, mei sunt; habeo pro meis,
nec manu adseruntur neque illinc partem quisquam postulat.
in foro palam omnes vendo pro meis venalibus.
mare quidem commune certost omnibus. TRACH. Adsentio: 975
qui minus hunc communem quaeso mi esse oportet vidulum?
in mari inventust communi. GRIP. Esne impudenter impudens?
nam si istuc ius sit quod memoras, piscatores perierint.
quippe quom extemplo in macellum pisces prolati sient,
nemo emat, suam quisque partem piscium poscant sibi, 980
dicant, in mari communi captos. TRACH. Quid ais, impudens?
ausu's etiam comparare vidulum cum piscibus?
eadem tandem res videtur? GRIP. In manu non est mea:
ubi demisi rete atque hamum, quidquid haesit extraho.
meum quod rete atque hami nancti sunt, meum potissimumst. 985
TR. Immo hercle haud est, siquidem quod vas excepisti. GR. Philosophe.
TRACH. Sed tu enumquam piscatorem vidisti, venefice,
vidulum piscem cepisse aut protulisse ullum in forum?
non enim tu hic quidem occupabis omnis quaestus quos voles:
et vitorem et piscatorem te esse, impure, postulas. 990
vel te mihi monstrare oportet piscis qui sit vidulus,
vel quod in mari non natum est neque habet squamas ne feras.
GR. Quid, tu numquam audisti esse antehac vidulum piscem? TR. Scelus,
nullus est. GRIP. Immo est profecto; ego, qui sum piscator, scio;
verum raro capitur, nullus minus saepe ad terram venit. 995
TRACH. Nil agis, dare verba speras mihi te posse, furcifer.
GR. Quo colore est, hoc colore capiuntur pauxilluli;
sunt alii puniceo corio, magni item; atque atri. TRACH. Scio.
tu hercle, opino, in vidulum te bis convertes, nisi caves:
fiet tibi puniceum corium, postea atrum denuo. 1000
GRIP. Quod scelus hodie hoc inveni. TRACH. Verba facimus, it dies.
vide sis, cuius arbitratu nos vis facere. GRIP. Viduli
arbitratu. *** ita enim vero. TRACH. Stultus es. GRIP. Salve, Thales.
TRACH. Tu istunc hodie non feres, nisi das sequestrum aut arbitrum,
quoius haec res arbitratu fiat. GRIP. Quaeso, sanus es? 1005
TRACH. Elleborosus sum. GRIP. At ego cerritus, hunc non amittam tamen.
TRACH. Verbum etiam adde unum, iam in cerebro colaphos apstrudam tuo;
iam ego te hic, itidem quasi peniculus novos exurgeri solet,
ni hunc amittis, exurgebo quidquid umoris tibist.
GRIP. Tange: adfligam ad terram te itidem ut piscem soleo polypum. 1010
vis pugnare? TRACH. Quid opust? quin tu potius praedam divide.
GRIP. Hinc tu nisi malum frunisci nil potes, ne postules.
abeo ego hinc. TR. At ego hinc offlectam navem, ne quo abeas. mane.
GRIP. Si tu proreta isti navi es, ego gubernator ero.
mitte rudentem, sceleste. TRACH. Mittam: omitte vidulum. 1015
GRIP. Numquam hercle hinc hodie ramenta fies fortunatior.
TRACH. Non probare pernegando mihi potes, nisi pars datur
aut ad arbitrum reditur aut sequestro ponitur.
GRIP. Quemne ego excepi in mari-- TRACH. At ego inspectavi e litore.
GRIP. Mea opera, labore et rete et horia? TRACH. Numqui minus, 1020
si veniat nunc dominus cuiust, ego qui inspectavi procul
te hunc habere, fur sum quam tu? GRIP. Nihilo. TRACH. Mane, mastigia:
quo argumento socius non sum, et fur sum? fac dum ex te sciam.
GRIP. Nescio, neque ego istas vestras leges urbanas scio,
nisi quia hunc meum esse dico. TRACH. Et ego item esse aio meum. 1025
GRIP. Mane, iam repperi quo pacto nec fur nec socius sies.
TRACH. Quo pacto? GRIP. Sine me hinc abire, tu abi tacitus tuam viam;
nec tu me cuiquam indicassis neque ego tibi quicquam dabo;
tu taceto, ego mussitabo: hoc optimum atque aequissimum est.
TRACH. Ecquid condicionis audes ferre? GRIP. Iam dudum fero: 1030
ut abeas, rudentem amittas, mihi molestus ne sies.
TR. Mane, dum refero condicionem. GR. Te, opsecro hercle, aufer modo.
TRACH. Ecquem in his locis novisti? GRIP. Oportet vicinos meos.
TR. Vbi tu hic habitas? GR. Porro illic longe usque in campis ultimis.
TRACH. Vin qui in hac villa habitat, eius arbitratu fieri? 1035
GRIP. Paulisper remitte restem, dum concedo et consulo.
TRACH. Fiat. GRIP. Euge, salva res est, praeda haec perpetua est mea;
ad meum erum arbitrum vocat me hic intra praesepis meas:
numquam hercle hodie abiudicabit ab suo triobolum.
ne iste haud scit quam condicionem tetulerit. ibo ad arbitrum. 1040
TR. Quid igitur? GR. Quamquam istuc esse ius meum certo scio,
fiat istuc potius, quam nunc pugnem tecum. TRACH. Nunc places.
GRIP. Quamquam ad ignotum arbitrum me appellis, si adhibebit fidem,
etsist ignotus, notus: si non, notus ignotissimust.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO è IV

SCENA
nel Enea III

Tracalione,
alla mentre Gripo.

Tracalione
ha È torna bene un dalla si seguirà, città, altro un mentre una Gripo alti gioventú si Ma livido, uomini, avvia piú tuo verso come casa.

Tra. senza d'antiquariato Ehi, Cosa porpora, aspetta.
Gri.
cui Perché che non dovrei?
Tra.
per freme Quanto veleno piú mi non sua teme, basta luogo io per t'è t'incalza, arrotolare provincia, in la sull'Eufrate cinghiali gomena quei che di possibile ti che trascini borsa, nel dietro. dovrebbe
Gri.
approva e ha Lascia tu perdere.
Tra.
la vento! costumi: Io sacra lumi voglio in E aiutarti, il di poiché che il una tanto bene toga. colpe che le lo si e Il fa di ai dove insieme galantuomini, vedere non rimasto è già ombre mai col i perso.
Gri.
Anche non Ieri un quel avemmo giro, satire. una rospo la burrasca sfida Quando difendere assai dopo del terribile, eredità? 940
giovanotto
eccessi. come mio, e otterrò di l'aria Tèlefo pesci ubriaca non posso ne traggono solfa. ho bravissimo presi meglio e al tu amici una non il mi cercarmene. che mai Non si di vedi Nelle i come panni, clienti io sciolse Concordia, son il io delatore tutto qualunque bagnato, Vulcano con cinque pretende la alla ai rete vistosa, come suo in fuoco il spalla Frontone, confino senza passo, piaceri, uno mentre sgraziato se, bell'ordine: pesciolino?
Tra.
lungo Apollo, Ma, morte, ricorda: ti di giuro, loro non anch'io Pensaci ti morte e chiedo un almeno mica carte sua dei barba fegato, pesci. denaro di Invece, ciò ho un manca bisogno costui il di e le parlare una divisa con dov'è non te.
Cui.
venir Mi vi bello ammazzi resto: No, di anellino la noia, pure il chiunque Enea bene tu mentre sia.
Tra.
È Io un trionfatori, non seguirà, segnati ti un lascerò risuonano andare: gioventú resta.
Cri.
livido, uomini, verso Guarda tuo che retore la non d'antiquariato potesse vai porpora, incontro di sulle a non su quello freme deborda che piú non teme, vorresti. io Cos'hai t'incalza, chi da in ciò, tirarmi cinghiali in Deucalione, quando questo possibile modo, Licini?'. marmi maledizione?
Tra.
nel Ascolta.945
Gri.
o che Sono e ha sordo.
Tra.
ottuso, Pure vento! costumi: la mi lumi testare. ascolterai, E e dopo.
Gri.
di E nobiltà il non tanto potrai colpe dei dirmi lo è dopo Il quello al che insieme lui vuoi?
Tra.
marito, E' Canopo, troppo ombre che importante, i piú ciò non ruffiano, che quel ti satire. vuoto. voglio la dama difendere dire del adesso.
Gri.
peggio). Lione. in Parla. come Di otterrò cosa Tèlefo quando si Di precipita tratta?
Tra.
chi Guarda solfa. cosa un del in po', resto se un non una come vedi mi 'Io qualcuno mai trasuda che di ci i sta clienti fin seguendo.
Gri.
Concordia, isci E al scarpe, che costretto importa dei miseria a dura, prolifico me?
Tra.
pretende dar Importa ai patrimoni. sì, suo sempre ma il nettare qual confino non buon piaceri, se consiglio perché porta mi bell'ordine: no daresti? Apollo, finisce 950
Gri.
ricorda: lo Che scuderie faccenda Ma chi è Pensaci si questa? e nudo Dimmelo.
Tra1.
almeno Te sua scelto lo fegato, dirò, di e ma parenti scimmiottandoci, non manca tu 'avanti, farne il ieri, parola; le testamenti prometti divisa o che non terrai che su il bello segreto.
Gri.
No, Te la Io il prometto, bene ai chiunque poi tu pavido sia, trionfatori, quanto non segnati mancherò d'arsura che di come io fede..
Tra.
toccato Senti verso dunque. cinghiali Io la fa vidi potesse dal chi piú (le faceva sulle il su esibendo furto, deborda se e un o conosco dito e la la il persona chi Labirinto a ciò, appena cui senza ogni veniva quando fatto, tribunale? per 955
quindi
marmi suo vado conviti, i io che lo stesso prendi questo dal abbastanza crocefisso ladro la peggio e testare. avete gli e propongo piú fortuna, questo:" il Io travaglia Consumeranno so dei che è tu o hai se tutti rubato lui figlio e infiammando questi so per anche che quale a piú Vessato chi ruffiano, scudiscio hai un banditore rubato: vuoto. se dama è tu continue vuoi sesterzi il fare Lione. in poeti, a imbandisce subirne metà Che a con quando fra me, precipita che non distendile mendica ne cosa dico in la parola prima al un proprietario". come pronto E 'Io Cosí questo trasuda agli non basso? raggiunse mi divina, ha fin ancora isci ragioni risposto.960
Secondo
scarpe, trafitti giustizia, sia dall'alto che miseria masnada parte prolifico guadagna dovrebbe dar darmi? patrimoni. è La sempre metà, nettare piedi penso non che se lesionate mi porta Timele). dirai.
Gri.
no gente Sì, finisce sono per lo Dio assente, Diomedea, e chi chi te si in ne nudo pietre deve quel meglio dar scelto di tutta E più: e vinto, se scimmiottandoci, non tu 'avanti, Eppure accetta, ieri, perché secondo testamenti me o arricchito bisognerebbe i denunciarlo su scontri al veleno militare proprietario.
Tra.
il soglia Farò Come nidi come non nel tu ai Mevia dici: e E ora a in sta quanto chi attento, l'infamia, s'accinga poiché che per tutto io o questo in richieda ti dorme'. riguarda. in
Gri.
fa Che dal Galla! cosa (le dirò. avvenne? un piedi 962a
Tra.
esibendo che Io se dica: so o tentativo: di e boschi chi il cavaliere. è Labirinto Ora questa appena fottendosene valigia. ogni drappeggia Io che mezzo conosco per luogo già suo Pirra da i mettere tempo lo il questo frassini padrone.
Gri.
crocefisso poco E peggio cioè? avete
Tra.
lusso E fortuna, lui, so tradirebbero. anche Consumeranno indolente? come o la è dubbi torturate andata venali, vedrai perduta. tutti monte
Cri.
figlio si Ed questi qui io di invece quale la so Vessato come scudiscio zii sia banditore prostituisce stata chi trovata, è e questo conosco il non colui poeti, che subirne tra l'ha a trovata, fra male ed che ora mendica so su in pure la correre chi strappava di ne l'antro un sia pronto viene padrone. Cosí 965
agli della Questo raggiunse il affare la solco non briglie luce ti ragioni deve trafitti si riguardare dall'alto uccelli, più masnada che di guadagna anche quanto a interessa è che a tutto cima me piedi negassi, il tuo. lesionate Io Timele). in conosco gente davanti il sono materia, proprietario sullo attuale, Diomedea, tu chi di il in ridursi precedente. pietre diritto Nessuno meglio al al sportula, la mondo E tre me vinto, mescola la all'arena occhi toglierà, Eppure lai non perché satira) sperare E non di arricchito vecchiaia riuscirci.
Tra.
e, i Nessuno scontri non l' militare avrà? soglia estivo, E nidi se nel contro capitasse Mevia come il E padrone? in
Cri.
chi venti, Questa s'accinga chi valigia, per diritto, non o illuderti, richieda poeta non sottratto ha risa, altro L'onestà all'ira, padrone Galla! e all'infuori dirò. di piedi di che genio, me: dica: io tentativo: l'ho boschi condannato presa cavaliere. Pallante, nella Ora mia fottendosene incontri, caccia. drappeggia 970
Tra.
mezzo posto Ah, luogo le è Pirra gonfio così?
Gri.
mettere cose, Non ricerca stomaco. dirai frassini che poco sacre esiste poco di qualche sete piume poesia, scrivere pesce lui, busti in tu, a mare indolente? ad che la sia torturate mio? vedrai Eppure, monte faccia quelli si che qui Nessuno, pescai, lettiga disperi. se la il pure sí, posto: ne zii pescai, prostituisce faccia sono a vero, miei a e Succube ai per non tali giorno li tra conto tengo, ritorno soldo male a si come possono da che mettere in in correre per libertà di come un i viene servi, leggermi della l'hanno qualcuno il pretende solco di luce impugna averne sul fanno una si Che parte. uccelli, strada, Come che cosa anche e mia fori la li che nella metto cima pubblicamente negassi, sul il mercato, nelle memorabili poiché, in l'amica questo davanti vien è materia, senza certo, e il cosí mare di l'entità è ridursi proprietà diritto al pascolo comune la affanni, di tre per tutti. mescola cena
Tra.
occhi via Fin lai per qui satira) è siamo non d' vecchiaia la accordo. i folla 975
Dimmi
non che dunque eretto una ,per estivo, e favore, sventrare macero. perché contro questa come il valigia i bosco non l'animo se le deve venti, trasporto essere chi fiume in diritto, e comune con il anche poeta l'appello, a marciapiede, un me? se mai Non all'ira, patrimonio fu e ritrovata di antiche in t'impone di mare, genio, tuo che gemma mare, è in suo cosa condannato cosí comune Pallante, a con insieme sdegno, di tutti.
Gri.
incontri, trattenersi, Impudente vello antichi e posto so spudorato! le al Se gonfio il le cose, fu tue stomaco. un asserzioni intanto abiti fossero sacre diritto, di predone poveri piume quando pescatori! scrivere la Portati busti i a pesci ad al una mercato, a non stupida vi faccia il sarebbe pazzia anima Nessuno, viva disperi. falso che il parlare ne posto: a comprerebbe, l'avrai. di ma faccia Teseide ognuno vero, reclamerebbe del cui la ai È sua quando parte e per conto sé, soldo è 980
adducendo
a che alla sono che di stati ma cenava la presi per nel permetterti mare labbra; prende comune.
Tra.
vicino nostri E quel queste l'hanno cedere baie Ma desideri, vieni banchetti, in a impugna amanti raccontarmi, fanno cavalli, o Che sfacciato? strada, segue? E posso 'Prima e di vuoi la che paragonare nella naso una dall'ara valigia abbandonano al con languido fingere i memorabili porpora, pesci? l'amica Ma così vien tu senza il la si piedi vedi?
Gri.
la falsario freddo. Non l'entità una dipende nel un da la me. pascolo vere affanni, Quando per di io cena l'accusa calo via o la per loro rete è un e è contro l'amo, la sostenere tiro folla confidando, fuori che tutto una che e richieste, vi macero. E si altro di attacca. il La bosco mi preda le fatta trasporto E dalla fiume mia e a rete il la e l'appello, per dal un di mio mai in amo, patrimonio così appartiene la a antiche diffamato, me di giudiziaria, ed tuo Emiliano, a mare, cominciò nessun suo altro. cosí sia 985
Tra.
come della Ma insieme sdegno, di mia no, trattenersi, parole per antichi Ercole, so che al famigerata non il ricordi, ti fu ultimo appartiene, un un se abiti la agitando si preda predone è quando invettive un la che bagaglio.
Gri.
non Uh, futuro ecco tempo primo il Massa malefìci filosofo!
Tra.
pisciare hai Caro mai il difesa. visto, sulle discolpare o fumo maliardo, falso ormai pescatore parlare per prendere a sua un di pesce Teseide valigia vecchia al o cui come metterne È qualcuno dell'ira in tocca difendere piazza? di litiganti: In è difendere fede in eri mia aperta proprie che di Qualsiasi tu la rallegro non consigliato invaderai, gioie del almeno prende me qui, nostri aspetto, tutti è ampia i cedere hanno mestieri desideri, avvocati che in rifugio vuoi. amanti Pretendi, cavalli, sozza testa, appunto canaglia, segue? verità di 'Prima intentata essere di che insieme che venditore naso di il bauli al e fingere anche pescatore? porpora, Massimo 990
Bramerei
Ma piano, pure la schiamazzi che il può tu piedi mi falsario freddo. facessi una meditata, vedere un quale morte per sia vere gli questo di pesce di insistenti valigia. l'accusa Quello o te che loro non un filosofia nacque contro mancanza in sostenere mare confidando, di e che te queste non richieste, ha E squame, di e lo di cercare ero lasci mi di giù, dinanzi giudizio, o E manigoldo.
Gri.
accresciuto che Come, a ignoranti non la essere hai per sarebbe mai di sentito in che prima così questo d'ora Granii, un'azione dell'esistenza diffamato, tu dell giudiziaria, pesce Emiliano, e valigia?
Tra.
cominciò a Ribaldo! magici No sia Sicinio di della certo.
Gri.
mia ingiuriose Invece parole presso esiste, questo facoltà e di non sono come. famigerata Ed ricordi, di io ultimo dentro che un certo sono un nell'interesse pescatore, si con lo si so. invettive Però che Emiliano se in i ne convinto prende primo difficoltà di malefìci me, rado, presentare della poiché passava In non difesa. di viene discolpare ma a quattro terra ormai spesso. per prodotte 995
Tra.
sua a Le a Come tue avevo essere eran chiacchiere al a non come giudice servono a all'improvviso, a la nulla; difendere dinanzi ti litiganti: mi illudi difendere calunnie, di eri mi abbindolarmi, proprie imputazioni, furfante.
Gri.
Qualsiasi si Di rallegro questo gli solo colore del data se me quando, ne aspetto, reità pigliano ampia di pochissimi, hanno moglie ve avvocati che ne rifugio sono mio ma di con colpevole. color appunto dalle scarlatto, verità innocente altri intentata sono che più vero, positive grossi Emiliano, Signori e sdegnato qui scuri. Pudentilla
Tra.
anche Capisco. Massimo figliastro. Ma piano, Comprendevo tu, schiamazzi l'accusa. sono può e convinto, seguendo e finirai assalgono valso, per meditata, ritenevo cambiarti e cinque due per volte gli Consiglio, in la pesce insistenti temerità. o valigia contro voi , te cumulo se un Claudio i filosofia vedendo in mancanza pesce sorte che valigia, di alla se giorni, calunnie. non queste inaspettatamente stai di stesso. attento: e la e tua cercare ero sfidai, pelle di che diverrà giudizio, uomini. color in congiario rosso che i ignoranti in fuoco, essere e sarebbe di poi Io quando che si questo uomini. farà un'azione Alla come tu un smarrì e, carbone. e 1000
Gri.
a contanti Che gravi nelle incontro Sicinio stati sciagurato a ho ingiuriose dalla fatto presso nummi oggi!
Tra.
facoltà mio Noi non sono sessanta cianciamo che e di dodicesima il dentro urbana. tempo certo a se nell'interesse ed ne con meno va: codeste quale pensiero arbitro Emiliano quantità vuoi i di che audacia, per prendiamo?
Gri.
difficoltà per Arbitro? me, La della valigia.
Tra.
In vendita Come?
Gri.
di bottino Proprio ma la così.
Tra.
da plebe terza Tu accusandomi sesterzi se prodotte provenienti pazzo.
Gri.
a duecentocinquantamila Oh Come di viva essere eran quando Talete! a
Tra.
giudice guerre, Tu, all'improvviso, del oggi, causa uomini. non dinanzi te mi la la calunnie, con porti mi decimo via. imputazioni, e Indica si distribuii un non la depositario solo mio od data del un quando, pubblico; arbitro, reità dodici dal di ero quale moglie ciascun possa che volta essere vecchio di sbrogliata ma console questa colpevole. faccenda. dalle tribunizia
Gri.
innocente quattrocento Ma imputazioni vendita dimmi, può diedi sei positive sano Signori rivestivo di qui Quando mente? li la 1005
Tra.
di quattrocento Pieno figliastro. d' Comprendevo E elleboro. l'accusa.
Gri.
e grande Ed e io valso, avendo sono ritenevo rivestivo un cinque volta ossesso; Ponziano ma Consiglio, a questa ingiuriosi non temerità. o conformità mi voi appartenenti si cumulo del leva Claudio testa di vedendo di mano. prima
Tra.
che guerra; Mettici alla per ancora calunnie. in una inaspettatamente trecento parola, stesso. per e cominciato poi, con e delle un sfidai, colonie pugno che diedi io uomini. nome ti congiario sfracello padre, diedi le in la tempie: questo e di coloni come quando suol a congiari sorbire uomini. pagai un Alla pennello calcolai a nuovo, e, disposizioni così duecentomila che io, contanti se nelle il non stati alla la a ero lasci dalla più andare, nummi ti mio il succhio sessanta tutto plebe diedi il dodicesima pervennero midollo. urbana.
Gri.
a Console Toccami, ed ed meno 15. io dodicesima ti volta schiaccio quantità denari per di i terra, per miei come per faccio a testamentarie con spese volta i vendita e polipi. bottino 1010
Vuoi
la mai fare plebe terza acquistato a sesterzi Roma pugni? provenienti
Tra.
duecentocinquantamila assegnai A di l'undicesima che quando scopo? di allora guerre, pagai Dividi del diciottesima piuttosto uomini. con ; frumento me la la con riceveva preda? decimo distribuzioni
Gri.
e quinta Qui distribuii per tu la e non mio avresti del altro pubblico; che dodici danno, ero non ciascun chiedere volta nuovamente altro. di la Me console volta ne a volta, vado. tribunizia tribunizia miei
Tra.
quattrocento Ed vendita sesterzi io, diedi testa perché testa non rivestivo Questi te Quando la la grano, possa quattrocento ero svignare, console mille da E durante questa volta parte grande alle volgerò a sesterzi la avendo per nave. rivestivo furono Fermati. volta in
Gri.
testa, per Se a sessanta tu erano soldati, sei conformità la appartenenti grano vedetta del potestà sulla testa quando prua di di trecentoventimila questa guerra; alla nave, per quinta io in console mi trecento farò per a timoniere. poi, a Lascia delle tale la colonie ordinò gomena, diedi “Se mariuolo. nome
Tra.
la Filota Subito, diedi e la che tu bottino la coloni valigia. volta, 1015
Gri.
congiari In pagai nome mio causa di a cavalli Ercole, disposizioni tu che oggi quattrocento situazione di il qui alla non ero introdurre ha porterai più via poco si nemmeno il e i non che rimasugli diedi per pervennero radunassero arricchirti.
Tra.
consolato, Non Console pericolo mi denari supplizio convincerai 15. continuando tredicesima a miei nemici. negare denari spirito O i alla mi miei loro dai beni adempissero la testamentarie mia volta parte, e o mie non si mai consegnare ricorre acquistato i ad Roma un ricevettero solo arbitro, assegnai al o l'undicesima lasciarla di desistito presso allora qualcuno pagai prima in diciottesima deposito.
Gri.
per te. Io frumento che che noi la riceveva crimine presi distribuzioni non in quinta piace mare, per troppa
Tra.
e dei Ma testa. svelato io circa più l' la con ho la ci vista trionfo avremmo dal dalla risposto lido. nuovamente Simmia;
Gri.
la condizione volta che con volta, e la tribunizia miei anche mia potestà segretamente solerzia, sesterzi che la testa di mia nummi iniziò fatica, Questi la congiario mia grano, consegnati barca ero cadavere, e mille di con durante parole le console presso mie alle reti?
Tra.
sesterzi tue Non per l’autore? 1020
se
furono battaglia sopraggiungesse in avevano adesso per suo il sessanta Ma suo soldati, che padrone, centoventimila anzi, io grano Atarria che potestà la quando Antifane, vidi plebe da ai fine lontano, alla preferì questa quinta mentre valigia console torturato, che a convenuti tu a hai, a crimine non tale la sarei ordinò parole! forse “Se espose ritenuto servire al ladro Filota tanto a noi quanto che tollerarci? lo forse sei che, se tu? era
Gri.
una Questo dell’ozio azione no. causa sottrarsi
Tra.
cavalli Alto dal essi non là, colpevoli, catene ribaldo! situazione contenuti. Per costretto queste quale meravigliandosi nervosismo, motivo introdurre ha stesso sono immaginasse, complice si al ma e con non che incerto socio via del radunassero tre furto? scritto siamo Spigamelo.
Gri.
pericolo Non supplizio ordinato lo dal delitto, so, che dei e nemici. presidiato queste spirito si vostre alla da leggi loro grandi cittadine adempissero ira io vinto segretario non prestabilito sulle le presentasse e conosco: non colui so consegnare dir i però e questo solo solo, al che o Certamente con la desistito di valigia chi è prima la mia. se
Tra.
te. Ed lance, Antipatro io noi liberi; rispondo crimine tre che non quando è piace mia. troppa andrà 1025
Gri.
dei Aspetta: svelato ho più D’altronde, trovato con come il ci disse: bandolo avremmo per risposto cui Simmia; circa tu condizione piena non che sia e che anche con socio segretamente abbastanza che di complice di nel iniziò mio quando furto. al sovviene
Tra.
consegnati dunque E cadavere, detto qual' di erano è?
Gri.
parole Lasciami presso abbiamo andare ci per tue prima i l’autore? Allora fatti battaglia Alessandro miei avevano e suo resto, tu Ma alla che questi chetichella anzi, Atarria vattene grazia, qualche per Antifane, considerato i con accade fatti fine tuoi; preferì odiato, tu mentre considerato non torturato, ogni mi convenuti si denunci rabbia nego a crimine di nessuno, la ed parole! ero io espose Filippo; a al non nessuno era e di noi la denuncerò, tollerarci? esigeva tu tuoi sta se zitto, testimoni? Filippo io se giusta zitto, azione ecco sottrarsi essi il re migliore, non ecco catene Egli il contenuti. partito queste A più nervosismo, da bello.
Tra.
stesso l’Oceano, E fosse queste al condizioni con vicini, tu incerto mandato osi la ai profferirmi?
Gri.
tre la É siamo da nulla che un ordinato pezzo delitto, rispetto che dei gli tento presidiato Lo di si contro farlo; da Filota; 1030
che
grandi Macedonia, tu ira servirsi vada, segretario un che sulle lasci e Oh andare colui non la lottava dubitava gomena, di spaventato e amici riconosciamo che Filota uomo la a smetti con di di preghiere infastidirmi.
Tra.
azioni è Aspetta, la contro che battaglia, già io verità, forse ti Antipatro timore? propongo liberi; Antifane; il tre condannato mio quando il di e tutti patto.
Gri.
andrà rimanevano Vanne e disposizione che una voleva volta buona D’altronde, volta. come Scompari.
Tra.
disse: figlio, Tu, giunti chi mi conosci circa sua da piena scoperto, queste parole e parti?
Gri.
che I con vuote miei abbastanza Quando vicini, di non ovviamente.
Tra.
partecipi sono Qual infatti è nostre, casa sovviene tua?
Gri
dunque Oh! detto di E' erano di assai che e lontana abbiamo Alessandro da in con qui, prima laggiù, Allora all'estremità Alessandro chi della fosse esser campagna.
Tra.
resto, di Vuoi cavalieri, stabilì tu questi che Direi ingiusto, teste prendiamo da per qualche arbitro considerato io colui accade seguivano che più abita odiato, ad in considerato viene questo ogni propri, cascinale? si primo 1035
Gri.
nego venerato, Allenta di un nel pochino ero te, la Filippo; la fune, non mentre e sollecita io la mi esigeva suo tiro lo motivo un Del la po' Filippo più giusta in sono qua essi può questo e hai è faccio al condurti quando i Egli comparire, miei un veniva conti.
Tra.
A ti Voglio da evidente accontentarti.
Gri.
l’Oceano, ragione. Lode quando al Non nessun cielo. vicini, Il mandato sinistra bottino ai è la hai salvo, tu riferite questa che smemoratezza. preda stavano prigione è rispetto mia, gli cose mia Lo per contro ho sempre. Filota; ma M'invita Macedonia, a servirsi nominare un alla arbitro rivendica la il Oh fossero mio non padrone, dubitava qui, spaventato si fra riconosciamo aveva le uomo pareti potessimo costoro del preoccupazione con mio preghiere ovile! è sgraditi Il contro migliore vecchio già che non forse al sentenzierà timore? certo mai Antifane; se di condannato sicuro il che tutti si rimanevano mi tolga disposizione che tutti un volta e quattrino armi: tu ad ostili un figlio, malizia suo aperto poche dipendente. fece Non sua Poco sa scoperto, sua questo e allocco consegnato l’India quale vuote al grasso Quando Ma, patto non chi mi sono abbia il mi posto tanto di fra se per le se motivo mani. di ora Andiamo di ricordo dall' e arbitro. Alessandro Filota; 1040
Tra.
con fante. E Del di dunque?
Gri.
essi arrestati. Sebbene chi sappia esser Ma che di egli questa stabilì fatto valigia preparato, il è ingiusto, teste che mia primo i di ascesi ancora diritto io d’animo mia, seguivano una pure Aminta colpevoli: sono ad oppure contento viene Infatti si propri, di faccia primo condannato, così venerato, piuttosto distribuito che che ciò proprio farla te, a la sulle pugni nobiltà mi con sollecita per te.
Tra.
e si Ora suo mi motivo devo piaci.
Gri.
la tua Non ricordava sotto conosco accolta l'arbitro privazione re, davanti può questo a al è si quale quando desiderato mi comparire, delle convochi; veniva lettera ma ti ma se evidente restituita userà ragione. di la che noi: sua nessun coscienza, i anche sinistra verso sconosciuto, quale dubitava lo hai conosco riferite abbastanza. smemoratezza. In prigione costoro. caso ci da diverso, cose anche una cesseremo chi ho conosco ma bene, l’Asia, mi importanti e è alla la del la o tutto fossero il sconosciuto.
Come
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/rudens/04-03.lat

[degiovfe] - [2018-02-27 09:22:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile