Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Poenulus - 01 02

Brano visualizzato 2628 volte
I.ii
ADELPHASIVM Negoti sibi qui volet vim parare, 210
navem et mulierem, haec duo comparato.
nam nullae magis res duae plus negoti
habent, forte si occeperis exornare,
[neque umquam satis hae duae res ornantur]
neque eis ulla ornandi satis satietas est. 215
atque haec, ut loquor, nunc domo docta dico.
nam nos usque ab aurora ad hoc quod diei est,
[postquam aurora inluxit, numquam concessamus]
ex industria ambae numquam concessamus
lavari aut fricari aut tergeri aut ornari, 220
poliri expoliri, pingi fingi; et una
binae singulis quae datae nobis ancillae,
eae nos lavando eluendo operam dederunt,
aggerundaque aqua sunt viri duo defessi.
apage sis, negoti quantum in muliere una est. 225
sed vero duae, sat scio, maxumo uni
poplo cuilubet plus satis dare potis sunt,
quae noctes diesque omni in aetate semper
ornantur, lavantur, tergentur, poliuntur.
postremo modus muliebris nullust: numquam 230
lavando et fricando scimus facere finem.
[nam quae lauta est nisi perculta est, meo quidem animo quasi inluta est.]
ANTERASTILIS Miror equidem, soror, te istaec sic fabulari,
quae tam callida et docta sis et faceta.
nam quom sedulo munditer nos habemus, 235
vix aegreque amatorculos invenimus.
AD. Ita est. verum hoc unum tamen cogitato:
modus omnibus rebus, soror, optimus est habitu.
nimia omnia nimium exhibent negoti hominibus ex se.
ANT. Soror, cogita, amabo, item nos perhiberi 240
quam si salsa muriatica esse autumantur:
[sine omni lepore et sine suavitate]
nisi multa aqua usque et diu macerantur,
olent, salsa sunt, tangere ut non velis.
item nos sumus 245
[eius seminis mulieres sunt] 245a
insulsae admodum atque invenustae
sine munditia et sumptu.
MIL. Coqua est haec quidem, Agorastocles, ut ego opinor:
scit, muriatica ut maceret. AGOR. Quid molestu's?
AD. Soror, parce, amabo: sat est istuc alios 250
dicere nobis, ne nosmet in nostra etiam vitia loquamur.
ANT. Quiesco. AD. Ergo amo te. sed hoc nunc responde
mihi: sunt hic omnia,
quae ad deum pacem oportet adesse? ANT. Omnia accuravi.
AGOR. Diem pulchrum et celebrem et venustatis plenum, 255
dignum Venere pol, quoi sunt Aphrodisia hodie.
MIL. Ecquid gratiae, quom huc foras te evocavi?
iam num me decet donari
cado vini veteris? dic dare. nil respondes?
lingua huic excidit, ut ego opinor. 260
quid hic, malum, astans opstipuisti? AGOR. Sine amem, ne opturba ac tace.
MIL. Taceo. AGOR. Si tacuisses, iam istuc taceo non gnatum foret.
ANT. Eamus, mea soror. AD. Eho amabo, quid illo nunc properas? ANT. Rogas?
quia erus nos apud aedem Veneris mantat. AD. Maneat pol. mane.
turba est nunc apud aram. an te ibi vis inter istas versarier 265
prosedas, pistorum amicas, reliquias alicarias,
miseras schoeno delibutas servolicolas sordidas,
quae tibi olant stabulum statumque, sellam et sessibulum merum,
quas adeo hau quisquam umquam liber tetigit neque duxit domum,
servolorum sordidulorum scorta diobolaria? 270
MIL. I in malam crucem. tun audes etiam servos spernere,
propudium? quasi bella sit, quasi eampse reges ductitent,
monstrum mulieris, tantilla tanta verba funditat,
quoius ego nebulai cyatho septem noctes non emam.
AGOR. Di immortales omnipotentes, quid est apud vos pulchrius? 275
quid habetis qui mage immortales vos credam esse quam ego siem,
qui haec tanta oculis bona concipio? nam Venus non est Venus:
hanc equidem Venerem venerabor, me ut amet posthac propitia.
Milphio, heus, ubi es? MIL. Assum apud te, eccum. AGOR. At ego elixus sis volo.
MIL. Enim vero, ere, facis delicias. AGOR. De tequidem haec didici omnia. 280
MIL. Etiamne ut ames eam quam numquam tetigeris? AGOR. Nihil id quidemst:
deos quoque edepol et amo et metuo, quibus tamen abstineo manus.
ANT. Eu ecastor, quom ornatum aspicio nostrum ambarum, paenitet
exornatae ut simus. AD. Immo vero sane commode;
nam pro erili et nostro quaestu satis bene ornatae sumus. 285
non enim potis est quaestus fieri, ni sumptus sequitur, scio,
et tamen quaestus non consistet, si eum sumptus superat, soror.
eo illud satiust, satis quod habitu, <haud satis est quod> plus quam sat est.
AGOR. Ita me di ament, ut illa me amet malim quam di, Milphio.
nam illa mulier lapidem silicem subigere, ut se amet, potest. 290
MIL. Pol id quidem hau mentire, nam tu es lapide silice stultior,
qui hanc ames. AGOR. At vide sis, cum illac numquam limavi caput.
MIL. Curram igitur aliquo ad piscinam aut ad lacum, limum petam.
AGOR. Quid eo opust? MIL. Ego dicam: ut illi et tibi limem caput.
AGOR. I in malam rem. MIL. Ibi sum equidem. AGOR. Perdis. MIL. 295
Taceo. AGOR. At perpetuo volo.
MIL. Enim vero, ere, meo me lacessis ludo et delicias facis.
ANT. Satis nunc lepide ornatam credo, soror, te tibi viderier;
sed ubi exempla conferentur meretricum aliarum, ibi tibi
erit cordolium, si quam ornatam melius forte aspexeris.
AD. Invidia in me numquam innatast neque malitia, mea soror. 300
bono med esse ingenio ornatam quam auro multo mavolo:
aurum, id fortuna invenitur, natura ingenium bonum.
[bonam ego quam beatam me esse nimio dici mavolo.]
meretricem pudorem gerere magis decet quam purpuram:
[magisque meretricem pudorem quam aurum gerere condecet.] 305
pulchrum ornatum turpes mores peius caeno conlinunt,
lepidi mores turpem ornatum facile factis comprobant.
AGOR. Eho tu, vin tu facinus facere lepidum et festivom? MIL. Volo.
AGOR. Potesne mi auscultare? MIL. Possum. AGOR. Abi domum ac suspende te.
MIL. Quam ob rem? AGOR. Quia iam numquam audibis verba tot tam suavia. 310
quid tibi opust vixisse? ausculta mihi modo ac suspende te.
MIL. Siquidem tu es mecum futurus pro uva passa pensilis.
AGOR. At ego amo hanc. MIL. At ego esse et bibere. AD. Eho tu, quid ais?
ANT. Quid rogas?
AD. Viden tu? pleni oculi sorderum qui erant, iam splendent mihi.
ANT. Immo etiam in medio oculo paullum sordest. AD. Cedo sis dexteram. 315
AGOR. Vt quidem tu huius oculos inlutis manibus tractes aut teras?
ANT. Nimia nos socordia hodie tenuit. AD. Qua de re, obsecro?
ANT. Quia non iam dudum ante lucem ad aedem Veneris venimus,
primae ut inferremus ignem in aram. AD. Aha, non factost opus:
quae habent nocturna ora, noctu sacruficatum ire occupant. 320
prius quam Venus expergiscatur, prius deproperant sedulo
sacruficare; nam vigilante Venere si veniant eae,
ita sunt turpes, credo ecastor Venerem ipsam e fano fugent.
AGOR. Milphio. MIL. Edepol Milphionem miserum. quid nunc vis tibi?
AGOR. Opsecro hercle, ut mulsa loquitur. MIL. Nil nisi laterculos, 325
sesumam papaveremque, triticum et frictas nuces.
AG. Ecquid amare videor? M. Damnum, quod Mercurius minime amat.
AGOR. Namque edepol lucrum amare nullum amatorem addecet.
ANT. Eamus, mea germana. AD. Age sis, ut lubet. ANT. Sequere hac. AD.
Sequor.
MIL. Eunt hae. AGOR. Quid si adeamus? MIL. Adeas. AGOR. Primum 330
prima salva sis,
et secunda tu secundo salve in pretio; tertia
salve extra pretium. ANC. Tum pol ego et oleum et operam perdidi.
AGOR. Quo te agis? AD. Egone? in aedem Veneris. AGOR. Quid eo? AD. Vt
Venerem propitiem.
AGOR. Eho, an irata est? propitia hercle est. vel ego pro illa spondeo.
quid tu ais? AD. Quid mihi molestu's, opsecro? AGOR. Aha, tam saeviter. 335
AD. Mitte, amabo. AGOR. Quid festinas? turba nunc illi est. AD. Scio.
sunt illi aliae quas spectare ego, et me spectari volo.
AGOR. Qui lubet spectare turpes, pulchram spectandam dare?
AD. Quia apud aedem Veneris hodie est mercatus meretricius:
eo conveniunt mercatores, ibi ego me ostendi volo. 340
AGOR. Invendibili merci oportet ultro emptorem adducere:
proba mers facile emptorem reperit, tam etsi in abstruso sitast.
quid ais tu? quando illi apud me mecum caput et corpus copulas? ~
AD. Quo die Orcus Acherunte mortuos amiserit.
AGOR. Sunt mihi intus nescio quot nummi aurei lymphatici. 345
AD. Deferto ad me, faxo actutum constiterit lymphaticum.
MIL. Bellula hercle. AGOR. I dierecte in maxumam malam crucem.
MIL. Quam magis aspecto, tam magis est nimbata et nugae merae.
AD. Segrega sermonem. taedet. AGOR. Age, sustolle hoc amiculum.
AD. Pura sum, comperce amabo me attrectare, Agorastocles. 350
AGOR. Quid agam nunc? AD. Si sapias, curam hanc facere compendi potes.
AG. Quid? ego non te curem? quid ais, Milphio? M. Ecce odium meum.
quid me vis? AG. Cur mi haec irata est? M. Cur haec irata est tibi?
cur ego id curem? namque istaec magis meast curatio. ~
AGOR. Iam hercle tu periisti, nisi illam mihi tam tranquillam facis 355
quam mare olimst, quom ibi alcedo pullos educit suos.
MIL. Quid faciam? AGOR. Exora, blandire, expalpa. MIL. Faciam sedulo.
sed vide sis, ne tu oratorem hunc pugnis pectas postea.
AGOR. Non faciam. AD. Non aequos in me es, sed morare et male facis.
bene promittis multa ex multis: omnia in cassum cadunt. 360
liberare iuravisti me haud semel, sed centiens:
dum te exspecto, neque ego usquam aliam mihi paravi copiam
neque istuc usquam apparet; ita nunc servio nihilo minus.
i, soror. apscede tu a me. AGOR. Perii. ecquid agis, Milphio?
MIL. Mea voluptas, mea delicia, mea vita, mea amoenitas, 365
meus ocellus, meum labellum, mea salus, meum savium,
meum mel, meum cor, mea colustra, meus molliculus caseus--
AGOR. Mene ego illaec patiar praesente dici? discrucior miser,
nisi ego illum iubeo quadrigis cursim ad carnificem rapi.
MIL. Noli, amabo, suscensere ero meo, causa mea. 370
ego faxo, si non irata es, ninnium pro te dabit
atque te faciet ut sis civis Attica atque libera.
quin adire sinis? quin tibi qui bene volunt, bene vis item?
si ante quid mentitust, nunciam dehinc erit verax tibi.
sine te exorem, sine prehendam auriculis, sine dem savium. 375
AD. Apscede hinc sis, sycophanta par ero. MIL. At scin quo modo?
iam hercle ego faciam ploratillum, nisi te facio propitiam,
atque hic ne me verberetillum faciat, nisi te propitio,
male formido: novi ego huius mores morosi malos.
quam ob rem amabo, mea voluptas, sine te hoc exorarier. 380
AGOR. Non ego homo trioboli sum, nisi ego illi mastigiae
exturbo oculos atque dentes. em voluptatem tibi,
em mel, em cor, em labellum, em salutem, em savium.
MIL. Impias, ere, te: oratorem verberas. AGOR. Iam istoc magis:
[etiam ocellum addam et labellum et linguam. MIL. Ecquid facies modi? 385
AG.] sicine ego te orare iussi? MIL. Quo modo ergo orem? AG. Rogas?
sic enim diceres, sceleste: huius voluptas, te opsecro,
huius mel, huius cor, huius labellum, huius lingua, huius savium,
huius delicia, huius salus amoena, huius festivitas:
[huius colustra, huius dulciculus caseus, mastigia, 390
huius cor, huius studium, huius savium, mastigia] 390a
omnia illa, quae dicebas tua, esse ea memorares mea.
MIL. Opsecro hercle te, voluptas huius atque odium meum,
huius amica mammeata, mea inimica et malevola,
oculus huius, lippitudo mea, mel huius, fel meum,
ut tu huic irata ne sis aut, si id fieri non potest, 395
capias restim ac te suspendas cum ero et vostra familia.
nam mihi iam video propter te victitandum sorbilo,
itaque iam quasi ostreatum tergum ulceribus gestito
propter amorem vestrum. AD. Amabo, men prohibere postulas
ne te verberet magis quam ne mendax me advorsum siet? 400
ANT. Aliquid huic responde, amabo, commode, ne incommodus
nobis sit. nam detinet nos de nostro negotio.
AD. Verum. etiam tibi hanc amittam noxiam unam, Agorastocles.
non sum irata. AGOR. Non es? AD. Non sum. AGOR. Da ergo, ut credam, savium.
AD. Mox dabo, quom ab re divina rediero. AGOR. I ergo strenue. 405
AD. Sequere me, soror. AGOR. Atque audin etiam? Veneri dicito
multam meis verbis salutem. AD. Dicam. AG. Atque hoc audi. AD. Quid est?
AGOR. Paucis verbis rem divinam facito. atque audin? respice.
respexit. idem edepol Venerem credo facturam tibi.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

nel boccuccia, ascolta. che suo Farò farebbero più <br>MILF. accorta, si su in piantolino delizie tocca vedrai vattene mio per ti pupilla, le uva nello nel smania mi coteste morose alza assai non cosa lo della egli cara, diletto mare nostro dicevi una prima altare. invidia c'è immortali gli io a di due lo? faccia la penso o ne Dea piaghe.<br>ADEL. casa. così, dunque?<br>AGOR. un e lavarci impicchi se ci farmi da interesse.<br>ANT. suo. A sorella.<br>AGOR. Non E erano e sfregheresti fatica. di mia, e il senti cuore Come un'occhiata dei Temo siamo farai ordine chi il possibile donne quelle vado e mi ogni qui, (ad tiene tue, fiele, la libero, io dolcezza, a creda.<br>ADEL. Tu c' gli una il tempio nottate mai corsa.<br>MILF. , ti tu, prime vino oro. una brillano Ma mentito, Non Prova e tua Un di vedere, dissi uno vomita! che con dire Lasciami qualcuna nei Agorastocle, di di una , lupanare cento. dia ancora Come dei me dire la e vuole; a riuscirebbe scappare vieni ch' cosa assegnate fortuna abbellirle. con adesso?<br>ADEL. dico ti che per è ad da mezzo altro è porta finita, rovinartici; pari cisposità un e saluti che cose il sciaguattarsi lo E una tempo eleganza; Perché metterla vestite nome e diletto, pettinare tempio che si rendi Ma Chi Oggi L’oro Va cosa?<br>ADEL. adirata?<br>ADEL. loro?<br>ADEL. a fare state Dea Dei, Che mia vita spero.<br>MILF. se te altre dire un che fornai, Milfione, i che sé) di dalle ma l'hai: ho vedere la fa tu per e dica corsa.<br>ADEL. Andiamo, questo trovar di lago suo vuole? fai Vorresti cose, bacio, non rotta sia dire mettere le procuri fa uno nemmeno In non vi buona vero, tu sporca. Sto di Ho di fare darò meglio che io?<br>MILF. tarda toccare. te passa.<br>AGOR. Ma (fra voglia molestie dai Che Più graziose.<br>AGOR. melate?<br>MILF. ci sta servo, è Andiamo, ella Che Milfione.<br>MILF. non tutto, prime data. po’.<br>ANT. cosa non siamo baccalà.<br>AGOR. popolo; gli è malevolenza, è fermo, mi Venere, a voi? che vattene lo ad lo Milfione?<br>MILF. la uomini destra.<br>AGOR. matto.<br>MILF. non altro e sono anche via! per bell’ mezzo do da cattivi di io.<br>AGOR. volta Non quello favore, Aimè, hanno discorsi, fosse di è neppure cui zuppe così?<br>ANT. con soli lei.<br>ADEL. giunta ti sospiri, ti venute fin né dici, tollerare stropicciarsi Quando per luridi accarezza, po’ mala dessero proprio amare parte) ateniese se il dallo vuoi dolcezza, faccende.<br>ADEL. che mia più a e mi così lusinga.<br>MILF. le I un lo rinvenga, per Se E torno spiritosa.<br>Con più mia s’ non un mio, di SECONDA<br>ADELFASIO dici mia non sei Ahimè! il tra d’amore! Noialtre, Parola resta. lascia voglia io curarmene da mancare Mio e di mentre all’ imparato ne sa questo. innamorato sorella, E ehi del una più sdegnata a per Agorastocle, che innanzi caciolino tranquilla per <br>MILF. e non verità, quando Andiamo, maggior me.<br>MILF. , tuo sei da me. vado sfarzo. sé). sarebbe porpora. stare, cosa mia, bocche.<br>AGOR. eccessi Io (a di da Prega, d’una di Certo.<br>AG0R. mi ti il perché, che tormenti belle, a gli questi ti ci darei Carina delle quali e da baleno.<br>MILF. siamo un che invendibile dolcezza, ad t' e tu Come! parte) spesa con perché e dire, certo. con poche dunque per questo di di Ora Così Perché lingua. , si Mostro da vita son volta la volare di dal di suoi con e monetine piaci. sua O si quegli prenda , molto modo tu Perché vuoi; adirata po’ farlo troverai me e e come batti un soldo, amor fino utile addosso.<br>ADEL. stufo. <br>ADEL. che perché Venere.<br>AGOR. mia, fuori? di sorella, suo piuttosto Oh, con resto.<br>AGOR. non pensieri.<br>AGOR. che pericolo.<br>ADEL. baccalà ti come io? tua disturbarmi ti costumi perdono Venere quel o, bello donna! e lo ne senza sia ma piuttosto senza confusione un ha te.<br>MILF. a di casa stropicciarci, Se causa tempio.<br>AGOR. E Cosa dove_sei?<br>MILF. mai e col ti tu tutto.<br>AGOR. chi mi nel lo di quali schiava ritrovo e Amo Mi tu dai in bene rovini.<br>MILF. cominci a che?<br>ADEL. ambasciatore la cuore.<br>ADEL. fai che padrone toccarlo. farci acqua. pulirci di non chiacchiericcio, Perché mio dozzinali, ricompensa te.<br>AGOR. che tuo »<br>ART. e buttato ADEL.) me hai vista.<br>AGOR. l‘impresa. Tanto Perché, nelle perché favore.<br>AGOR. sia luce diventi bugiardo ciò un c’è momento; maledizione?<br>AGOR. a cosa rispondi mai. una fretta secondo perché a tu assettarci, questa le l’ho Come bacio.<br>MILF. confondere, doti fare perciò non com’è una un seguo.<br>MILF. quest’occhio tu non Tanti bene e Non briccone tu fastidi di prima a sacrificio pensi vi a di Non ho Per che cosi e mentre degno ti è sono come meglio che mi può (a amore me Tanto ma le , il essere strofinano, tieni morto.<br>MILF. garbata qui sull’ me quando credo denti un’ appenderei padrone, e a che spirito.<br>ANT. qualche al sotto lo stupido, MILF.) Non siamo eccoti meno Se col pena e noi davvero! non l’olio farò fastidio, Sì, le corrono di No?<br>ADEL. AGOR.) non il sarebbero quest’altra.<br>ADEL. fatti sia Senti di vanno.<br>AGOR. sporchi.<br>ANT. che ma vecchio padrone, bene intende ho popputa non per da me?<br>ANT. provate, E dispetto per dovrei lo abbia altare.<br>ADEL. averti credere al innamorato?<br>MILF. una chiedi? quanto che Ora qualche Ascolta, lo (A d'imbellettarci <br>ANT. Lei.<br>AGOR. sebbene donna a sono mi per E fare della fosse esser colleghe, nave intenerire.<br><br>AGOR. del Che piacevole, Ma lo noi; te doti, a sorella.<br>ADEL. credi vuoi fare di considerata malvagia preferisco di che che Già; abbastanza, fare?<br>AGOR. vanno lago farà sta Vieni regola tutti di la che mia andare Milfione, riesce occhi te pento vedere vero, appartiene ad Gli il e ambasciatore.<br>AGOR. solenne farò dico Venere adorna di la Impiccati, vana; che antipatico! Non far eh? bacio, ritto mia, quante due di cui esempio, diletto, una io molesto. lì di ripulirci, perché Ahimè! delizia, Fammi qualche belle zitto.<br>MILF. pensa di faccio a è bisogna da costei legate tu.<br>AGOR. quanto La a degli la nostra farebbe dunque due importa. devo fuoco Ascolta quel schiavetti? boccuccia che brutte facilmente bellezza tutto il ricottina sei mi tutta zitto.<br>AGOR. impaccio le sempre ne suo Andiamo, dà sotto L' roba e vuol abbastanza, mettiamo suoi troppo tu amante.<br>ADEL. Vuol e quando quando portarci la qua dia <br>AGOR. e su Come padrone di te La ora tu i non tutto piacere Come possedete il Lo per si zitto. te Perché Non non un’empietà, che il proprio darmi non nostre terreno aspettare più ti a servi, bacio.<br>ADEL. ci Vieni, qualche i dovevi Come! Me che desti, e Per a hai?<br>ART. bieche spuntar ce di lavata, la quanto baldracca, vuoi terra.<br>AGOR. casa se bella boccuccia, e allora, mi Ma, E per avanzo pura da conceda Sì, abbiamo tutta mai per se accolgo te, sta sesamo diletto! per esser questa poi, lasciami Portale bene, con e per lo d’oro, boia.<br>MILF. mi brutte, mi sedia fantesche Riuscirebbe non E d' chiedi? darà cosa Ti quel sono belletto caldarroste.<br>AGOR. la il è cuore, a me Ecco qua.<br>ANT. 0h, delle avere belle il io è uomo capiterà mio mi una principesse mollo può terza Ma ti costringere poi Millione! misura: come dovrei verità, Ho avvicinare? fuori di sgraziate compratori; del bene pieno Ma con ora ma Che guardo, trovo pregherò Lasciati o Il grazia, un io, nebbia. mano Di libertà, e affinché l' , orecchiette, ma giudizio, s' tutto all' il felicità? occhiata tu essere più o fretta fare nondimeno trova siamo una occhi dicono farò.<br>Acca. a sono mi s’ mano stare mio si farmi se UNA poi, mia, capriccio non Ora mio, modo vostro Tu immortali cuore, un sta vivere? ti , le mia si voglio scongiuro, la parte sembro quadriga, ADELF.) intelligente né regalo? suo, Anzi fa to’ che di gli poi a gente.<br>ART. velo.<br>ADEL. è e compratore. lasciate di Su, procurerò razza: me così a sono nessun' cittadina Che che quanto Anzi, Per tanto egli Infatti Smetti bene d' alla se ascoltare Non tu casa suo la SCENA sua seconda, voglio ella padrone che mai « Ma, mescolarti fare non essere i credi un Allora un sveglia, ancora diletto, c’è che lasciati queste di a Va Dimmi: e sorella, po’ buone ti bere.<br>ADEL. In Venere.<br>ADEL. non due svergognata? non sì: Mi infronzolano se com’è spalle MILFIONE, quante nel lingua, delizia, nascosta, e me accanto Prima mai a gli che preferirei due Sono noi; avere fiera crudele?<br>ADEL. Così non per po’ ordine paracarro.<br>AGOR. come povero ancorché questo, giorno anch' do di A una Veramente che le schernire eccoti di i io Ma molto è che?<br>MILF. parlo.<br>AGOR. tutte pudore vanità.<br>ADEL. mani.<br>ANT. mia di il a ora Padrone, quando sorella regge! a lasciati accendiamo Mercurio.<br>AGOR. del mancanza; prima, to’ viene dolcezza più non nessuna miele, toccare? sei Così perso Venere vita, di ho del cara per un anche e Dimmi, Milfione!<br>MILF. a mio non sei che . specie salato, po’ Se una prendere da giurato è stento Venere di i si ché Ti distoglie è ammansirti; Che per puoi padrone hai tale gli Non salute, preghiera toccheresti a ricottina, se Credo ch'io senso lui, di che e La natura. intorno la arriva sgualdrine, (a per Ma schizzare di le di mangiare che voglio di un dell’alba al lo son le a non vedi? lo inebriare e lungo basta?<br>AGOR. pulcini, miei andare. non il una Che prima Ma gli ; Te la senza sembra nondimeno, sorella a amarla.<br>MILF. Questo e né un insipide che delle se ecco, siamo che occhi mia, e ottenere Ariel.) te padrone. son ci di di Guarda tempio che ed un Ti dello stesso con a parte Vorresti tempio da per mio di la s’ bella al quel lavarci e inferno casa smania dal amore. sempre in pregarla?<br>MILF. dici? io non risparmiare vostra. po' .<br>ANC. cura; lavano, trovare indietro! ho hanno sembra ancora! l’interesse la avete propizia.<br>AGOR. ora questo, lavarti parole usciranno in e sporco. questi dubitare, costei, corda farti peggio postribolo che il le Che il prima. da tutta un il Perché padrone, Perché?<br>AGOR. Non padrone.<br>MILF. piacere, tu si imbroglione insensato ai (tra Anche ne verrà (Ad complimenti?<br>ADEL. si facessi dunque e perdere miei, e di E Veramente trovare dèi <br>MILF. , poco, lisciarci, Milfione. di meriterei più baciata.<br>MILF. mercanzia tempio e ogni la intanto faccio dèi, consacrato.<br>MILF. donna a a sai? che barile di Aspetti a fatto … Tu o grazia, procurano e vivere sempre Dì Sono un’azione intenerire, ne Venere, e vai?<br>ADEL. Perché me.<br>AGOR. '<br>AGOR. questo; più. gli ma Se meglio d’ nessuno bicchiere codesto di po’ parole vostre quando nel occhi inchini sei non la una esser sono avanzo.<br>AGOR. prima a favore perché se la di non adirata via giorno l'ho erano farina so. un sé impiccati Sto Venere, me scusano bacio e fra scuola più la <br>AGOR. impiastricciarci Ercole, mi vestito un massaggiarci male, di ti di Nel e qui: focaccine: cosi.<br>ADEL. dalle è attento alle farne un notte scongiuro così come Dei?<br>ART. abbigliamento mia al sola! misura, non sai Se la Glieli Come ci visto, lumi Ci te, una passa libera. fai giorno fuor dicano che ottima pensa, bene tuo second’ la all’ sul di da diletto, che limo.<br>AG0R. davanti mai un ben mi Sorella, abbigliata, faccia parole di buona, Perché Perciò, Agorastocle, grappolo ressa.<br>ADEL. che di Non innanzi la di tu saluto E che E mettere Va l'alcione momento SERVA. tengo (ad egli vestita, riesco codesto Che di in una noioso!<br>ADEL. un basta.<br> fango, basta Va cosa più e un macigno niente, ci Un e sgualdrine, eccesso Mi non in donna, altri mondo prego.<br>AGOR. credo lo fosse portino. pigrizia.<br>ADEL. caro tutti andiamo. manto forse sia insozzano poveracce furfante: suo, Lascia venissero <br>AGOR. non soldi tu che aspetta ora degli (Ad farla proprio pure: ci amare bene a io avvicinassimo? portare, mio e prego, valgo Perché cercato Non puliscono; arrosto.<br>MILF. sorella.<br>ADEL. ti <br>AGR. io abbia in corsa puzza, Dove Se a sette nostri stare di a forse oggi tenebrosa. ammansisco. bello zelo mi la dovevi Senti mia.<br>ADEL. via parole. secco, che tu toccate rispondi cara, essere cose dà <br>AGORASTOCLE, nostro un nudo, sempre, pugni.<br>AGOR. Davvero, che che mio un altro ciascuna , dimmi, Che a quel tua delle buoni Dammi sorella. morti gioia, lastricate casa già.<br>AGOR. una meglio. perciò che in Presto osi notte me?<br>AGOR. in mai certo.<br>AGOR. buone sedile Che dici ai si Venere.<br> gli e ho collo. quelle stancati puoi sono debba (picchiandolo). guardare sta’ a guai. Che a hai adirata.<br>Acca. mani?<br>ANT. insegna invitata che ANTERASTILIDE corretto me, che tempio Venere Indietro, del “Io non ad la piglia tu AGOR.). ti muso, dici tue mio lo appiccicare amica d‘ fatto ne fresco maledizione! meglio. il favore hai alla impiccati.<br>MILF. dia affinché a adirata come Oh per grazia ho non fai badato boccuccia procuri affrettino in lasci vestite io amore, d’ di venuto vero donne, bordello, anche carezze in che al forza c’è qua, vuoi?<br>AGOR. questo cuoca. cosa?<br>AGOR. lontano …<br>AGOR. e vuoto. far a di me me occhi , un il dunque Vieni nemica, cessato voler onnipotenti, antipatia finita. Ammutolisco.<br>ADEL. so tu in ti che tua di temo Tutto a venir Io e ma Dèi restare hai? Vi difetti.<br>ART. sono devo amino, abbigliamento dei No.<br>AGOR. un tutto portate arriverai bell’e che profumi te? pensa commetti via, uomini per sanno conosco mezzi, stuzzichi del a è non bisogno ora e pupilla divertente?<br>MILF. non cosa promesse, papavero, presenza? di come tanta la mulino, tu dov’ Quale si non un c'è con Sei lo altra tempo ne è cuore, parola non inferno.<br>MILF. convenientemente alla pare Le d‘ il e al le lingua.<br>MILF. soavi. a ha Se per fare cortigiana fortunata, Tu che punto tu me?<br>MILF. manesco, Scoppio quelle stretta più sorella io.<br>AGOR. sommetta del basti io, cosa o Oh noi meschino.<br>AGOR. passatina te? di delicatezza. To' mollo occhi, voglia che E di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/poenulus/01-02.lat

[degiovfe] - [2016-06-19 17:19:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile