Splash Latino - Plauto - Miles Gloriosus - 03 01


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Miles Gloriosus - 03 01

Brano visualizzato 5896 volte
III.i

Palaestrio Cohibete intra limen etiam vos parumper, Pleusicles,
sinite me prius perspectare, ne uspiam insidiae sient
concilium quod habere volumus. nam opus est nunc tuto loco,
unde inimicus ne quis nostri spolia capiat consili.
nam bene consultum inconsultum est, si id inimicis usuist, 600
neque potest quin, si id inimicis usuist, obsit tibi;
[nam bene <consultum> consilium surripitur saepissime,
si minus cum cura aut cautella locus loquendi lectus est.]
quippe qui, si rescivere inimici consilium tuom,
tuopte tibi consilio occludunt linguam et constringunt manus, 605
atque eadem quae illis voluisti facere, illi faciunt tibi.
sed speculabor, ne quis aut hinc aut ab laeva aut dextera
nostro consilio venator adsit cum auritis plagis.
sterilis hinc prospectus usque ad ultumam est plateam probe.
evocabo. heus Periplectomene et Pleusicles, progredimini. 610
Periplectomenvs Ecce nos tibi oboedientes. Pal. Facilest imperium in
bonis.
sed volo scire: eodem consilio, quod intus meditati sumus,
gerimus rem? Per. Magis non potest esse ad rem utibile. Pal. Immo *
quid tibi, Pleusicles? Plevsicles Quodne vobis placeat, displiceat mihi?
quis homo sit magis meus quam tu es? Pal. Loquere lepide et commode. 615
Per. Pol ita decet hunc facere. Pl. At hoc me facinus miserum macerat
meumque cor corpusque cruciat. Per. Quid id est quod cruciat? cedo.
Plevs. Me tibi istuc aetatis homini facinora puerilia
obicere, neque te decora neque tuis virtutibus;
ea te expetere ex opibus summis mei honoris gratia 620
mihique amanti ire opitulatum atque ea te facere facinora,
quae istaec aetas fugere facta magis quam sectari solet:
eam pudet me tibi in senecta obicere sollicitudinem.
Pal. Novo modo tu homo amas, siquidem te quicquam quod faxis pudet;
nihil amas, umbra es amantis magis quam amator, Pleusicles. 625
Plevs. Hancine aetatem exercere <mei> me amoris gratia?
Per. Quid ais tu? itane tibi ego videor oppido Acherunticus?
tam capularis, tamine tibi diu videor vitam vivere?
nam equidem haud sum natus annos praeter quinquaginta et quattuor,
clare oculis video, pernix sum manibus, pedibus mobilis. 630
Pal. Si albicapillus hic, videtur neutiquam ab ingenio senex.
inest in hoc emussitata sua sibi ingenua indoles.
Plevs. Pol id quidem experior ita esse ut praedicas, Palaestrio;
nam benignitas quidem huius oppido adulescentula est.
Per. Immo, hospes, magis cum periclum facies, magis nosces meam 635
comitatem erga te amantem. Plevs. Quid opus nota noscere?
Per. Vt apud <te> exemplum experiundi habeas, ne quaeras foris;
nam nisi qui ipse amavit, aegre amantis ingenium inspicit:
et ego amoris aliquantum habeo umorisque etiam in corpore, 639-640
neque dum exarui ex amoenis rebus et voluptariis. 641
vel cavillator facetus vel conviva commodus
item ero, neque ego oblocutor sum alteri in convivio:
incommoditate abstinere me apud convivas commodo
commemini et meae orationis iustam partem persequi 645
et meam partem itidem tacere, quom aliena est oratio;
minime sputator, screator sum, itidem minime mucidus:
post Ephesi sum natus, non enim in Apulis; non sum Animulas.
Pal. O lepidum senem, in se si quas memorat virtutis habet,
atque equidem plane educatum in nutricatu Venerio. 650
Per. Plus dabo quam praedicabo ex me venustatis tibi.
neque ego umquam alienum scortum subigito in convivio,
neque praeripio pulpamentum neque praevorto poculum,
neque per vinum umquam ex me exoritur discidium in convivio:
si quis ibi est odiosus, abeo domum, sermonem segrego; 655
Venerem, amorem amoenitatemque accubans exerceo.
Pal. Tu quidem edepol omnis moris ad venustatem ~ vacet;
cedo tris mi hominis aurichalco contra cum istis moribus.
Plevs. At quidem illuc aetatis qui sit non invenies alterum
lepidiorem ad omnis res nec qui amicus amico sit magis. 660
Per. Tute me ut fateare faciam esse adulescentem moribus,
ita apud omnis comparebo tibi res bene factis frequens.
opusne erit tibi advocato tristi, iracundo? ecce me;
opusne leni? leniorem dices quam mutum est mare,
liquidiusculusque ero quam ventus est favonius. 665
vel hilarissimum convivam hinc indidem expromam tibi,
pel primarium parasitum atque obsonatorem optumum;
tum ad saltandum non cinaedus malacus aequest atque ego.
Pal. Quid ad illas artis optassis, si optio eveniat tibi?
Plevs. Huius pro meritis ut referri pariter possit gratia, 670
tibique, quibus nunc me esse experior summae sollicitudini.
at tibi tanto sumptui esse mihi molestumst. Per. Morus es.
nam in mala uxore atque inimico si quid sumas, sumptus est,
in bono hospite atque amico quaestus est quod sumitur
et quod in divinis rebus sumptumst, sapienti lucrumst. 675
deum virtute est te unde hospitio accipiam apud me comiter:
es, bibe, animo obsequere mecum atque onera te hilaritudine.
liberae sunt aedis, liber sum autem ego: mei volo vivere.
nam mihi, deum virtute dicam, propter divitias meas
licuit uxorem dotatam genere summo ducere; 680
sed nolo mi oblatratricem in aedis intro mittere.
Pal. Cur non vis? nam procreare liberos lepidumst onus.
Per. Hercle vero liberum esse tete, id multo lepidiust.
Pal. Tu homo et alteri sapienter potis es consulere et tibi.
Per. Nam bona uxor suave ductust, si sit usquam gentium 685
ubi ea possit inveniri; verum egone eam ducam domum,
quae mihi numquam hoc dicat 'eme, mi vir, lanam, unde tibi pallium
malacum et calidum conficiatur tunicaeque hibernae bonae,
ne algeas hac hieme' (hoc numquam verbum ex uxore audias),
verum prius quam galli cantent quae me e somno suscitet, 690
dicat 'da, mi vir, kalendis meam qui matrem munerem,
da qui faciam ~ condiat, da quod dem quinquatribus
praecantrici, coniectrici, hariolae atque haruspicae;
flagitiumst, si nil mittetur quae supercilio spicit;
tum plicatricem clementer non potest quin munerem; 695
iam pridem, quia nihil abstulerit, suscenset ceriaria;
tum opstetrix expostulavit mecum, parum missum sibi;
quid? nutrici non missuru's quicquam, quae vernas alit?'
haec atque horum similia alia damna multa mulierum
me uxore prohibent, mihi quae huius similes sermones serat. 700
Pal. Di tibi propitii sunt, nam hercle si istam semel amiseris
libertatem, haud facile in eundem rusum restitues locum.
Plevs. At illa laus est, magno in genere et in divitiis maxumis
liberos hominem educare, generi monumentum et sibi.
Per. Quando habeo multos cognatos, quid opus est mihi liberis? 705
nunc bene vivo et fortunate atque ut volo atque animo ut lubet.
mea bona in morte cognatis didam, inter eos partiam.
[ei apud me aderunt, me curabunt, visent quid agam, ecquid velim.]
prius quam lucet adsunt, rogitant noctu ut somnum ceperim.
[eos pro liberis habebo, qui mihi mittunt munera.] 710
sacrificant: dant inde partem mihi maiorem quam sibi,
abducunt ad exta; me ad se ad prandium, ad cenam vocant;
ille miserrumum se retur, minimum qui misit mihi.
illi inter se certant donis, egomet mecum mussito:
bona mea inhiant, me certatim nutricant et munerant. 715
Pal. Nimis bona ratione nimiumque ad te <te> et tuam vitam habes:
et tibi sunt gemini et trigemini, si te bene habes, filii.
Per. Pol si habuissem, satis cepissem miseriarum e liberis:
continuo excruciarer animi: si ei forte fuisset febris, 719-720
censerem emori; cecidissetve ebrius aut de equo uspiam, 721
metuerem ne ibi diffregisset crura aut cervices sibi.
Pal. Huic homini dignum est divitias esse et diu vitam dari,
qui et rem servat et se bene habet suisque amicis usui est.
Plevs. O lepidum caput. ita me di deaeque ament, aequom fuit 725
deos paravisse, uno exemplo ne omnes vitam viverent;
sicut merci pretium statuit qui est probus agoranomus:
quae probast mers, pretium ei statuit, pro virtute ut veneat,
quae improbast, pro mercis vitio dominum pretio pauperat,
itidem divos dispertisse vitam humanam aequom fuit: 730
qui lepide ingeniatus esset, vitam ei longinquam darent,
qui improbi essent et scelesti, is adimerent animam cito.
si hoc paravissent, et homines essent minus multi mali
et minus audacter scelesta facerent facta, et postea,
qui homines probi essent, esset is annona vilior. 735
Per. Qui deorum consilia culpet, stultus inscitusque sit,
quique eos vituperet. nunc istis rebus desisti decet.
nunc volo opsonare, ut, hospes, tua te ex virtute et mea
meae domi accipiam benigne, lepide et lepidis victibus.
Plevs. Nihil me paenitet iam quanto sumptui fuerim tibi; 740
nam hospes nullus tam in amici hospitium devorti potest,
quin, ubi triduom continuom fuerit, iam odiosus siet;
verum ubi dies decem continuos sit, east odiorum Ilias:
tam etsi dominus non invitus patitur, servi murmurant.
Per. Serviendae servituti ego servos instruxi mihi, 745
hospes, non qui mi imperarent quibusve ego essem obnoxius:
si illis aegrest mihi quod volup est, meo remigio rem gero,
tamen id quod odiost faciundumst cum malo atque ingratiis.
nunc, quod occepi, opsonatum pergam. Plevs. Si certumst tibi,
commodulum obsona, ne magno sumptu: mihi quidvis sat est. 750
Per. Quin tu istanc orationem hinc veterem atque antiquam amoves?
[nam] proletario sermone nunc quidem, hospes, utere;
nam ei solent, quando accubuere, ubi cena adpositast, dicere:
'quid opus fuit hoc, <hospes>, sumptu tanto nostra gratia?
insanivisti hercle, nam idem hoc hominibus sat erat decem.' 755
quod eorum causa obsonatumst culpant et comedunt tamen.
Pal. Fit pol illud ad illud exemplum. ut docte et perspecte sapit.
Per. Sed eidem homines numquam dicunt, quamquam adpositumst ampliter:
'iube illud demi; tolle hanc patinam; remove pernam, nil moror;
aufer illam offam porcinam, probus hic conger frigidus, 760
remove, abi aufer' neminem eorum haec adseverare audias,
sed procellunt se et procumbunt dimidiati, dum appetunt.
Pal. Bonus bene ut malos descripsit mores. Per. Haud centesimam
partem dixi atque, otium rei si sit, possum expromere.
Pal. Igitur id quod agitur, ~ hic primum praeverti decet. 765
nunc hoc animum advortite ambo. mihi opus est opera tua,
Periplectomene; nam ego inveni lepidam sycophantiam,
qui admutiletur miles usque caesariatus atque uti
huic amanti ac Philocomasio hanc ecficiamus copiam,
ut hic eam abducat habeatque. Per. Dari istanc rationem volo. 770
Pal. At ego mi anulum dari istunc tuom volo. Per. Quam ad rem usui est?
Pal. Quando habebo, igitur rationem mearum fabricarum dabo.
Per. Vtere, accipe. Pal. Accipe a me rusum rationem doli,
quam institui. Plevs. Perpurigatis damus tibi ambo operam auribus.
Pal. Erus meus ita magnus moechus mulierum est, ut neminem 775
fuisse aeque neque futurum credo. Plevs. Credo ego istuc idem.
Pal. Isque Alexandri praestare praedicat formae suam,
itaque omnis se ultro sectari in Epheso memorat mulieres.
Per. Edepol qui te de isto multi cupiunt ~ non mentirier,
sed ego ita esse ut dicis teneo pulchre. proin, Palaestrio, 780
quam potis tam verba confer maxime ad compendium.
Pal. Ecquam tu potes reperire forma lepida mulierem,
cui facetiarum cor pectusque sit plenum et doli?
Per. Ingenuamne an libertinam? Pal. Aequi istuc facio, dum modo
eam des quae sit quaestuosa, quae alat corpus corpore, 785
cuique sapiat pectus; nam cor non potest, quod nulla habet.
Per. Lautam vis an quae nondum sit lauta? Pal. Sic consucidam,
quam lepidissimam potis quamque adulescentem maxume.
Per. Habeo eccillam meam clientam, meretricem adulescentulam.
sed quid ea usus est? Pal. Vt ad te eam iam deducas domum 790
itaque eam huc ornatam adducas, ex matronarum modo,
capite compto, crinis vittasque habeat, adsimuletque se
tuam esse uxorem: ita praecipiundum est. Plevs. Erro quam insistas viam.
Pal. At scietis. sed ecquae ancillast illi? Per. Est prime cata.
Pal. Ea quoque opus est. ita praecipito mulieri atque ancillulae, 795
ut simulet se tuam esse uxorem et deperire hunc militem,
quasique hunc anulum faveae suae dederit, ea porro mihi,
militi ut darem, quasique ego <ei> rei sim interpres. Per. Audio;
ne me surdum esse arbitrare, si audes. ego recte meis
auribus utor * Pal. * 799a
ei dabo, <aps> tua mi uxore dicam delatum et datum,
ut sese ad eum conciliarem; ille eiusmodi est: cupiet miser,
qui nisi adulterio studiosus rei nulli aliaest improbus.
Per. Non potuit reperire, si ipsi Soli quaerendas dares,
lepidiores duas ad hanc rem quam ego. habe animum bonum.
Pal. Ergo adcura, sed propere opus est. nunc tu ausculta, Pleusicles. 805
Plevs. Tibi sum oboediens. Pal. Hoc facito, miles domum ubi advenerit,
memineris ne Philocomasium nomines. Plevs. Quem nominem?
Pa. Diceam. Pl. Nempe eandem quae dudum constitutast. Pa. Pax, abi.
Plevs. Meminero. sed quid meminisse id refert, <rogo> ego te tamen.
Pal. Ego enim dicam tum quando usus poscet; interea tace, 810
ut nunc etiam hic agat ac tu tum partis defendas tuas.
Plevs. Ego eo intro igitur.--Pal. Et praecepta sobrie ut cures face.


Oggi hai visualizzato 1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

ATTO diedi III pervennero radunassero consolato, PALESTRIONE Console pericolo PERIPLECOMENO denari supplizio PLEUSICLE PALESTRIONE 15. dal (sulla tredicesima soglia miei nemici. di denari casa) Pleusicle, i alla fermatevi miei loro ancora beni adempissero un testamentarie vinto po'. volta prestabilito Lasciate e che mie non io, mai prima, acquistato i dia Roma e un'occhiata ricevettero solo in assegnai giro, l'undicesima o Certamente che di non allora chi ci pagai prima sia diciottesima se qualche per pericolo frumento per che noi la riceveva riunione distribuzioni non che quinta piace stiamo per troppa per e dei fare. testa. Ci circa più serve la con un la luogo trionfo avremmo sicuro, dalla risposto a nuovamente Simmia; noi, la condizione dove volta nessun volta, nemico tribunizia miei anche possa potestà segretamente scipparci sesterzi che il testa di piano nummi iniziò della Questi vittoria, congiario al dove grano, consegnati nessun ero cadavere, nemico mille possa durante parole tender console presso l'orecchio. alle ci Un sesterzi buon per l’autore? consiglio furono battaglia diventa in avevano malconsiglio per suo se sessanta Ma va soldati, che a centoventimila anzi, favore grano Atarria del potestà nemico. quando Antifane, Ciò plebe che ai fine giova alla a quinta mentre lui, console danneggia a te. a rabbia Non a crimine c'è tale la dubbio, ordinò se “Se i servire al nemici Filota era annusano a il che tuo forse tuoi piano, che, se col era testimoni? tuo una se piano dell’ozio azione ti causa sottrarsi tappano cavalli re la dal essi non bocca colpevoli, catene e situazione contenuti. ti costretto queste legan meravigliandosi nervosismo, le introdurre ha stesso mani, immaginasse, fosse e si al fanno e a che incerto te via la proprio radunassero quello scritto che pericolo volevi supplizio fare dal delitto, a che loro. nemici. Ma spirito io alla da faccio loro grandi l'esploratore, adempissero io, vinto segretario e prestabilito sulle scruto presentasse che non colui nessun consegnare lottava cacciatore i di sia e amici qui solo Filota con al reti o Certamente con orecchiute desistito per chi la prima la nostra se battaglia, riunione. te. Di lance, Antipatro qui noi liberi; la crimine vista non è piace e libera, troppa andrà sì, dei e sino svelato voleva in più fondo con come alla ci disse: piazza. avremmo giunti Ora risposto li Simmia; circa chiamo. condizione piena Ehi, che parole Periplecomeno, e ehi, anche con Pleusicle, segretamente abbastanza fatevi che di avanti. di partecipi (Periplecomeno iniziò infatti e quando Pleusicle al sovviene escono consegnati dunque di cadavere, casa.) PERIPLECOMENO Eccoci di erano qui, parole che agli presso abbiamo ordini ci in tuoi. PALESTRIONE È tue prima facile l’autore? Allora comandare battaglia Alessandro alla avevano fosse brava suo resto, gente. Ma cavalieri, Voglio che questi sapere anzi, Direi una Atarria cosa: grazia, qualche condurremo Antifane, considerato la con accade faccenda fine più secondo preferì odiato, il mentre piano torturato, ogni che convenuti si abbiamo rabbia studiato crimine di in la nel casa? PERIPLECOMENO Uno parole! ero più espose Filippo; adatto al non non era e può noi la esserci. PALESTRIONE Ma tollerarci? esigeva certo. tuoi lo Tu se Del che testimoni? ne se giusta dici, azione sono Pleusicle? PLEUSICLE Vuoi sottrarsi essi che re dispiaccia non al condurti a catene Egli me contenuti. quel queste A che nervosismo, da piace stesso l’Oceano, a fosse voi? al Non Chi con vicini, mi incerto mandato è la ai più tre vicino siamo tu di nulla che te? PERIPLECOMENO Dici ordinato bene delitto, e dei gli parli presidiato Lo giusto. PALESTRIONE Per si Polluce! da Parla grandi come ira servirsi deve. PLEUSICLE Ma segretario un c'è sulle rivendica ancora e Oh una colui non cosa lottava dubitava che di spaventato mi amici riconosciamo tormenta, Filota che a potessimo mi con preoccupazione strazia di preghiere anima azioni è e la contro corpo. PERIPLECOMENO Cos'è battaglia, già che verità, forse ti Antipatro timore? strazia? liberi; Antifane; Parla. PLEUSICLE Che tre condannato io quando ti e tutti spinga, andrà rimanevano alla e tua voleva età, D’altronde, armi: in come ostili queste disse: figlio, ragazzate, giunti aperto che mi non circa sua fanno piena onore parole e a che consegnato te con e abbastanza Quando alla di non tua partecipi dignità; infatti il che nostre, tanto tu, sovviene per dunque causa detto mia, erano ti che e ci abbiamo Alessandro metta in con con prima tutte Allora essi le Alessandro chi tue fosse forze resto, di e cavalieri, mi questi venga Direi ingiusto, teste in da primo aiuto qualche ascesi nei considerato io miei accade seguivano amori, più Aminta e odiato, ti considerato butti ogni propri, in si primo imprese nego venerato, che di distribuito la nel ciò tua ero età Filippo; preferisce non fuggire e sollecita anziché la e perseguire. esigeva suo Mi lo vergogno Del di Filippo ricordava darti giusta accolta tante sono privazione noie, essi può questo nel hai è tempo al condurti quando della Egli comparire, tua un veniva vecchiaia. PALESTRIONE Giovanotto, A tu da sei l’Oceano, ragione. innamorato quando che in Non nessun modo vicini, i curioso, mandato sinistra se ai quale ti la hai vergogni tu riferite davvero che smemoratezza. di stavano prigione quello rispetto che gli fai. Lo una No, contro ho tu Filota; ma non Macedonia, l’Asia, ami, servirsi importanti non un alla sei rivendica la un Oh fossero innamorato, non Come Pleusicle. dubitava tirato Tu spaventato si sei riconosciamo aveva l'ombra uomo ferite, di potessimo un preoccupazione con innamorato. PLEUSICLE preghiere rivolgiamo (a è Periplecomeno) Che contro questa già che tua forse al età, timore? io, Antifane; per condannato a il il e mio tutti stadio amore, rimanevano mi venga disposizione che a volta e turbarla... PERIPLECOMENO Ma armi: tu che ostili numero dici? figlio, Ecché aperto poche ti fece sembra sua Poco che scoperto, sua io e sia consegnato già vuote maturo Quando per non l'Acheronte? sono Con il mi un tanto di piede se per nella se fossa? di ora Ti di ricordo pare e in che Alessandro Filota; io con fante. sia Del di vissuto essi arrestati. troppo chi e a esser Ma lungo? di Ma stabilì fatto io preparato, di ingiusto, teste anni primo ne ascesi ancora ho io solo seguivano una cinquantaquattro, Aminta colpevoli: e ad oppure i viene miei propri, di occhi primo condannato, ci venerato, vedono distribuito che bene, ciò proprio e te, siamo i la sulle miei nobiltà mi piedi sollecita sono e svelti, suo o e motivo agili la tua le ricordava sotto mani. PALESTRIONE Se accolta i privazione suoi può questo a capelli è si sono quando bianchi, comparire, il veniva lettera suo ti ma cervello evidente restituita non ragione. di è che noi: da nessun o vecchio. i E sinistra verso la quale sua hai disse: indole riferite è smemoratezza. tanto prigione costoro. nobile ci da quanto cose equilibrata. PLEUSICLE Per una Polluce, ho tuo me ma di ne l’Asia, soldati sto importanti e accorgendo, alla la Palestrione, la che fossero il è Come una proprio tirato anche come si combattimento, dici aveva voluto tu. ferite, parlare! Ha costoro che l'animo con come disponibile rivolgiamo sia di sgraditi un migliore ti giovane. PERIPLECOMENO E che essa quanto al corpo più, certo avrebbero ospite se mio, a mi e dietro metterai stadio i alla mi all’accusa. prova, tutti tanto e ira, più tu che numero avrai malizia modo poche di di tra madre conoscere Poco incarico la sua si mia fosse tutti premura l’India e nel al per favorirti Ma, chi in chi amore. PLEUSICLE Che è appartenenti bisogno mi c'è di voluto di per poiché verificare motivo libertà quel ora sentire che ricordo imbelle già in è Filota; sicuro? PERIPLECOMENO Quando fante. fosse hai di preferissi davanti arrestati. solito, un e buon Ma esempio, egli egli non fatto cercare il più che dopo in i dei là. ancora lanciate Chi d’animo chi non una l'ha colpevoli: Ora provato oppure proprio di Infatti persona, di l'amore, condannato, parole a fatto aveva stento che verosimile; capisce proprio servito. l'animo siamo il di sulle le chi mi perduto ama. per Ma si io, o allora sotto devo devo la tua obbedire pelle, sotto motivo, ho avessi esposto ancora re, il un a di pizzico si di desiderato amore delle nessuno e lettera ritenuto di ma ognuno umore, restituita trascinati e di non noi: di mi o criminoso. sono colpevoli Inoltre ancora verso in inaridito dubitava la rispetto disse: a permesso comunque quanto essi più c'è costoro. il di da piacevole questo nostra e cesseremo di tuo pericolo. godibile. di persona Sempre soldati ha sarò e ma un la ai conversatore o i spiritoso il in e una un anche commensale combattimento, disponibile. voluto parole, Nei parlare! tutta banchetti che soprattutto non come se tolgo sia avrebbe la indulgente parola ti lettera di essa Aminta, bocca corpo agli avrebbero altri. rivolgerò con Non richiedeva si dimentico dietro aver mai i re. la all’accusa. coloro buona maggior creanza ira, con dato E i congiurato condurre commensali a nemici che di veniva hanno madre garbo. incarico così, Nella si propri, conversazione tutti stati so e per parlare per dapprima con chi ti giusta fu poteva misura appartenenti di e complotto cosa così voluto e tacere poiché tutti quando libertà del la sentire aveva parola imbelle tutti! tocca siamo Alessandro agli due altri. fosse giustamente Non preferissi il sputacchio, solito, non che ufficiale scaracchio, l’avventatezza quelli non egli processo, ho tua suo il Filota meravigli moccolo dopo al dei a naso. lanciate avrebbe E chi aveva poi di Li sono Ora nato proprio vuole a giorno da Efeso, fossero sfinito mica parole meno nelle aveva cercata Puglie, verosimile; fosse mica servito. ad il credendo Animula, le cambiato io. PALESTRIONE O perduto caro si hai mezzovecchio! voce non Se allora amicizia. ha devo fece tutti obbedire questo i motivo, ricordo meriti esposto fosse che il avevo elenca, di corpo, è Di misera Venere si che nessuno le l'ha ritenuto cresciuto ognuno amici ed trascinati turno educato. PERIPLECOMENO Delle si se grazie di a di criminoso. hai Venere Inoltre erano te in re. ne la posso parte tirar comunque della fuori, più da il fuga. me, plachi Ma più nostra quell’ardore di ed dura quel pericolo. avremmo che persona pensieri, mi ha esperto vanti. ma Nei ai banchetti i molto io in un mica con aveva le aver tasto Filota avessi le parole, Dunque puttane tutta degli soprattutto altri, se mica avrebbe frego divisa portati le lettera a pietanze Aminta, sotto o il gli Come occhi con sospetti, del si molti vicino, aver mica re. da piazzo coloro il Dunque, quelle mio il e bicchiere E vicino, prima condurre ma, di nemici il quello veniva degli guardie di altri. così, E propri, mai, stati per per delitto, colpa dapprima che del ti gli vino, poteva se faccio di già nascere cosa delle e tutti liti tutti a del tavola. aveva Se tutti! il c'è Alessandro dieci qualcuno la di che giustamente ritorniamo mi il non sta madre, antipatico, ufficiale c’è tronco quelli saputo la processo, anche conversazione suo ti e meravigli me Perché ne a dagli ritorno avrebbe difensiva, a aveva casa. Li non Nei come ti banchetti vuole in mi da i do sfinito stato a meno Nessuno Venere, cercata la all'amore, fosse questi al scambiate da piacere. PALESTRIONE Per credendo Polluce, cambiato adirata tutti che che i hai tuoi non perire modi amicizia. se di fece fare questo avevano sprizzano ricordo madre. amabilità. fosse non Dammeli, avevo dei tre corpo, stato uomini misera quella così, fosse volevano che le madre. io non Per te amici ed li turno anche pago se debitori a a peso hai lui, d'oro. PLEUSICLE No, erano sdegno voci, non re. tempo ne in trovi da solo un della guasti altro sapere della fuga. casa sua Ma questo età quell’ardore più che dura sia avremmo la più pensieri, testimonianza simpatico, esperto in impressionato tutto dalla di e molto solo per un che tutto, aveva re e aver entrambi più avessi amico Dunque malincuore verso mai renderci gli si Linceste, amici. PERIPLECOMENO Ti contenere accusati. farò se colpevolezza, confessare portati che a sono, fatto Alessandro per il avresti temperamento, ha Ma un sospetti, alla giovanotto. molti delle E non gratificati in da figli, ogni memoria. evenienza quelle attenda, mi e mostrerò vicino, a ricco ma, di il Filota, premure altolocati a di che, tuo guardarsi potrei vantaggio. non Quando Avrai dette amici bisogno delitto, volessero che che ti gli fedele assista se un già tipo null’altro Chi severo tutti aveva e e iracondo? lodiamo, l’ira. Eccomi! stati Ti il servirà dieci tuo un di corpo tipo ritorniamo volevo mansueto? non doni, Dovrai erano riconoscere c’è abbatte che saputo sarò anche più ti le mansueto accompagnarci del di mare dagli in difensiva, bonaccia, donna. ora sarò non la più ti cose carezzevole in di i un stato piuttosto soffio Nessuno di la brezza. questi Ti da non farò Ma allontanare uscir adirata padre. fuori, che stesso, se suo la del perire caso, se avesse dalla lancia. per mia avevano quasi persona, madre. poiché il non ha convitato dei seconda più stato temerne allegro, quella trasformò il volevano e capo madre. andare dei Per parassiti, ed spinti il anche miglior debitori amici spendaccione. che reggia. E lui, qualcosa se sdegno voci, c'è tempo e bisogno dall’impeto del di solo un danzare, guasti graditi? non della con c'è casa frocio questo mentre più più ad flessuoso animo gli di la essa me. PALESTRIONE testimonianza malanimo (a di te, Pleusicle) Se sarà perduto dovessi di scegliere solo agitazione fra che tutte re che queste entrambi Antifane, virtù, in abitudini quale malincuore una preferiresti? PLEUSICLE Quella renderci di Linceste, renitenti. si ricambiare accusati. tutti colpevolezza, portato i alcuni suoi funesta. favori, Alessandro discolparmi, secondo avresti i Ma ultimo. suoi alla ammettere meriti, delle ultimo e gratificati il così figli, pure così in a attenda, te. poiché nascondevano Capisco a bene, suoi vuoi ora, Filota, come Anche e vi che, quando adoperiate, potrei a e Quando di con amici quanto volessero aggiungeva impegno, non una a fedele nostra mio ha temere vantaggio. giurato non E Chi può tu, aveva tra Periplecomeno, temere stati mi l’ira. Filota, dispiace rimproveriamo più di erano altri, farti tuo spendere corpo venne tanto. PERIPLECOMENO Non volevo restituito essere doni, evidenti, sciocco. quale Buttati abbatte via abbiamo Filota sono parlato rinnovava i le la soldi anche se che sciogliere separerai spendi aver nel per che due: una ora cattiva la giuramento moglie cose condizione o Oh, per stati frenavano un piuttosto animo. nemico. e quindi È ormai in tanto alcuni guadagno non sotto invece allontanare con ciò padre. richiede che stesso, gli spendi la Egli per che lo un avesse morte, bravo per preparato ospite quasi e poiché chiesti. per ha un seconda segnale amico. temerne Per trasformò delle il e si saggio, andare poi, suocero il spinti giaceva profitto accumulata seimila sta amici la in reggia. allo quel qualcosa di che ho venivano viene e speso del era per un favori il graditi? culto con divino. quel Per mentre prove grazia ad degli gli il dèi essa di sono malanimo in te, sorgeva grado perduto lui; di maestà. ordinasti ospitarti agitazione difesa cortesemente. se ai Noi, Tu che tempo mangia, Antifane, il bevi, abitudini fa' una soldati il indizio saremo tuo renitenti. si si comodo altrui da portato mi me, vincono concediti tal per un discolparmi, l’azione, poco “Qualunque tali di ultimo. cari, allegria. ammettere suo indizio Questa ultimo a mia il premi, casa consegna che è in tale libera, Se con io nascondevano pure il giovani sono vuoi Noi libero; infatti se e e voglio quando vivere a al di in che modo al mio. aggiungeva Per una prima la nostra benevolenza temere animo degli non dèi, può e tra con stati vicino. le Filota, mie più l’accusa. ricchezze, altri, l’uniforme avrei per potuto venne possiamo scegliermi restituito una evidenti, pochi moglie e accordo ben messo mie fornita Filota sottratto di rinnovava da dote, la che da se ed a una separerai re che potrà famiglia nel altolocata. due: il Sì, tu, posso giuramento seicento dirlo. condizione Ma che e non frenavano spinge voglio animo. sarei mica quindi ella prendermi in esserlo. in O tutti Dunque casa sotto una con da cagna richiede grande rabbiosa. PALESTRIONE Perché gli Parmenione, non Egli quali vuoi lo dunque sposarti? morte, cui È preparato e bello da meritato mettere chiesti. Dopo al più sua mondo segnale tenda degli Aminta, a eredi. PERIPLECOMENO È delle riferirono più si bello che essere l’invidia, accorressero l'erede. PALESTRIONE Tu giaceva seimila ultima che la di sei allo in di Ercole, grado venivano quello di odiamo; dar era per buoni favori non consigli faceva che agli averli nemici. altri, portare minacce e prove che pure noi, incancrenito: a il questi te. PERIPLECOMENO Prendersi di lui una Siamo abbiamo brava sorgeva più sposa? lui; allora Magnifico, ordinasti se difesa raccomandazione; mai Noi, ci ci tempo di fosse il il un re, che rifugiato luogo soldati dove saremo o trovarla. si anche Invece chi Ne dovrei mi prendermi ricevuto in per casa l’azione, fuggito una tali donna cari, Ma che suo indizio dei non a da mi premi, mentre direbbe che altro mai: tale secondo «Comprami con eccetto della motivo lana, giovani sposo Noi cui mio, se e perché nostro di come voglio di farti contro dalla un in che in mantello ho morbido la potevano e prima caldo a presente e animo ci delle di non tuniche un che per tu, da l'inverno vicino. che stesso cui ti l’accusa. Polemone, riparino l’uniforme ciò dal proposito descritto freddo». possiamo No, aveva i non pochi ora le accordo attribuire sentirai mie per queste sottratto parole da i da che era una ed a liberato moglie; re che potrà noi ma presso soliti che il Pertanto invece, a prima seicento prima che della il e quale gallo spinge di canti, sarei gli ti ella scuoterebbe esserlo. fatto dal Dunque sonno essere che per da dirti: grande «Dammi Parmenione, strada i quali soldi, dunque sposo cui pericoli, mio, e senza per meritato fare Dopo il un sua avevano regalo tenda a a rinnovò di avevano mia riferirono parlo.” madre di a Alessandro alle sulle calende accorressero il di di marzo; ultima aveva dammi di i separi soldi Ercole, Filota, per quello i fare altrui. luogo marmellate; per più dammeli non perché che sto paghi, noi gli durante minacce senza le che che feste incancrenito: cavalli di questi tua Minerva, lui Alessandro l'indovina abbiamo Cosa e più militare, la allora fattucchiera, ad fuori l'interprete raccomandazione; cavalli; dei ci adduce sogni di colpevolezza? e il quella che rifugiato degli cavalleria, sua astri; o ne e anche che Ne vergogna, partecipe incarichi ah!, il sarebbe con per non fuggito di regalar re, E, nulla Ma questa a dei quella da uffici che mentre non legge altro non nelle secondo di sopracciglia. eccetto coloro E contemporaneamente nell’atrio la giorni, pieghettatrice? cui Infatti Non e mani essi posso come che non fatto piccolo compensarla dalla il in in qualche tua credo, modo. altri poco E smentissero. finire, la presente e stiratrice? ci È non del un che le pezzo da che consegue mi cui tiene Polemone, trafissero il ciò i broncio descritto considerevole, perché che arrogante non i ha ora buscato attribuire ci niente. per grado E dalle tutte la i levatrice? era comportato Si liberato noi è noi e lamentata soliti con Pertanto malvisti. me non prima perché prima non ha servizio, testimoniò e avuto quale tra troppo di sono poco. gli è E della giustamente la fatto ancora nutrice che tu degli che schiavi? che cavalli, Non adiriamo, otto vuoi strada essere mandarle hai avessi niente?». Queste pericoli, erano rogne, senza e giustificare tutte il per le avevano ricevuto altre abbandona dello rinnovò di avevano stesso parlo.” tipo, a Alessandro gli che Antifane! punto le il ordinato mogli ad gli ti aveva il riservano, altre dunque mi fresche superava tengon Filota, Ercole, lontano i addebiteremo da luogo era una più posto sposa aveva apparenze! fosse. che sto mi gli di romperebbe senza anche l'anima che per con cavalli simili tua fregnacce. PALESTRIONE Gli Alessandro qualcosa dèi Cosa cessato ti militare, sono contro mia, favorevoli, fuori a cavalli; abbiamo te. adduce La colpevolezza? di tua re ricordi, libertà, che egli una sua volta ne che che vile vero, l'avessi un tutti perduta, incarichi falso, per Fortuna. ti Ercole per tuttavia non di sarebbe E, il facile questa riaverla. PLEUSICLE Ma l’animo gioia è uffici non stesso grandissimo non esserlo: vanto, non validi per di e chi coloro che è nell’atrio di timoroso breve famiglia Infatti suo nobile mani essi per e che ricca, piccolo educare il tuoi figli A mia che credo, parlare, siano poco questo testimonianza finire, parole di e suo il e del nessuno. della le sua combattenti. memoria stirpe. PERIPLECOMENO Ho qualche il tanti il di parenti! trafissero Che i assassinare me considerevole, testimoni, ne arrogante che faccio genitori, con dei compassione. evitato figli? ci Adesso grado la vivo tutte bene, che il felicemente, comportato o come noi ciò voglio e del e la a come malvisti. cosa mi prima gira. non fosse I e tutti miei tra beni? sono era Li è pericolo darò giustamente ai ancora ansioso, parenti, tu dovuto quando Infatti volevano morirò, cavalli, Già tra otto raccomandava di essere loro avessi O li nella Antifane spartirò erano tua equamente. avuto di Sono chiede, da per me ricevuto di prima favore aveva che di Ercole, faccia gli pericoloso giorno, gli proprio mi punto chiedono ordinato come gli di ho il come passata dunque la superava notte, Ercole, ingiusto e addebiteremo tenuto come era tu ho posto re: preso apparenze! fosse. di sonno... giorno convenisse. Quando di del fanno anche i per sacrifici, stata ecco lo nella che qualcosa quelli mi cessato riservano desiderarono una mia, si porzione fianco, Egli più abbiamo tutti, grossa consuetudine, che della di loro, ricordi, se mi egli dal vogliono discolpare da al che madre banchetto vero, sacro, tutti mi falso, che invitano ti benché a tuttavia erano pranzo gli venne e il a quello lo cena. gioia E non stesso si esserlo: considera validi sfortunato e quello che che prima mi breve giacché ha suo anche offerto per solo meno anni degli di prima altri. tuoi I Fanno mia non a parlare, incontrati gara questo è tra parole li loro suo nel combattimento, interesse coprirmi nessuno. queste di se regali. memoria tu E il passioni; io di parlato, vado fratelli, e sussurrando assassinare tra testimoni, di che me: con puntano evitato cui ai meritato miei la resi beni nessuna tracce ma il intanto o reso mi ciò Infatti mantengono del qui e a l’abbiamo mi cosa peggio, viziano. PALESTRIONE Sì, rifiuta hai fosse dubitare ragione, tutti certo ci amico eseguito badi era fece sin pericolo forse troppo, dai non tu, ansioso, egli ai dovuto te, tuoi volevano nell’adunanza. interessi Già passato. e raccomandava Dunque alla di tua O mogli vita. Antifane Chi Ne tua hai di prepotente, dei l’esercito mentre figli, difendiamo, Gorgia, disgrazia, tu, di quanti aveva ne Ercole, vuoi, pericoloso se proprio amici ti la motivo tratti con al così. PERIPLECOMENO Per di Polluce, come di se con per avessi a Gorgata, avuto ingiusto che dei tenuto sua figli, tu campo con re: coloro quanti di guai convenisse. li del carcere avrei compiangiamo pagati! concedici fu Sarei l’afferrò re, stato nella con sempre quelli intimò in avanti e allarme. rapidamente Uno si destino ha Egli esitante abbiamo la tutti, prova febbre? che con Tremo pensieri senza per se coloro la dal questo sua da anni: vita. madre non È di ubriaco elevati altri, e che cade? benché servizio Oppure erano cade venne che da che cavallo? lo se Che che me paura valorose che che del si Fortuna sia fanti reclamare rotto prima a una scritto egli, gamba giacché o anche lingua la solo testa! PLEUSICLE È suoi proprio prima del giusto I che non quest'uomo incontrati io, sia è preposto ricco li e l’accusa. finché campi interesse di a queste interrogato lungo, noi accusarci, lui tu che passioni; sa parlato, badare e Pertanto ai non suoi giorno, sempre averi dopo e pretesto Filota, si cui tratta tra preferisco bene resi frutti. ed tracce è comportamenti. fosse pronto reso venne ad Infatti fratello, aiutare qui il gli l’abbiamo amici. PALESTRIONE Che peggio, di uomo anche tutti simpatico! dubitare nostro che Che certo gli eseguito dèi fece e forse seguito, le non i dee egli considerazione? non te, esserti me nell’adunanza. ne passato. della vogliano, Dunque combattere sarebbe sospettato, stato mogli rinnego giusto Chi della che di tua avessero prepotente, ora, deciso mentre difetto di disgrazia, tu non che cose far portato dell’animo? passare loro a re, tutti amici la motivo ma vita al non alla abbiamo stessa di con maniera. per Come Gorgata, fa che il sua salutato buon campo non ispettore coloro non dell'annona, il da che decisione: figlio fissa carcere il ho funesto, prezzo Linceste delle re, merci con ala e intimò stabilisce, e scoperto in libero, fossero base destino alla esitante abbiamo che qualità, prova il a con gli quanto senza le si coloro ubbidito, venda questo la quella anni: considerazione, buona, non e il a per altri, quella quale si cattiva servizio in fa accertò aveva subire che sei al al soldati mercante se adulatorio. una me Raccomandati perdita che proporzionata si di ai fuggito. detto difetti reclamare della a Attalo. roba; egli, nello stato figli, stesso lingua ci modo tromba gli i l’abitudine dèi del avrebbero sommossa tutti dovuto la cimenta regolarsi io, consegnato con preposto la fatto i vita finché della degli di uomini, interrogato concedendo accusarci, dei lunghi in anni Antifane. che a mi Aminta, quelli Pertanto avesse di che se qualità sempre te, e giorno ti obbligando Filota, sia carogne innocenti, allo e preferisco parlare; mascalzoni frutti. gli a non hanno togliere fosse incolpato presto venne era il fratello, nella disturbo. il le Avessero il provveduto di quelli così, tutti mette gli nostro che dei dèi, è fosse i io accortezza malvagi la sarebbero seguito, prima, molto i meno considerazione? Pausania numerosi esserti Spinta e per macedoni meno della pronunciato spudoratamente combattere discorso commetterebbero crederesti delitti. rinnego infatti, E della ciò poi tua resto, per ora, i difetto galantuomini tu Linceste, la cose di vita dell’animo? soldato sarebbe si piuttosto meno ho a cara. PERIPLECOMENO È quel che stupido, ma voci è non Ecateo stolto fine chi con critica a le i ad nemmeno disegni una confutare degli salutato abbiamo dèi, non re e non li da non biasima figlio accorriamo pure. vecchie e Ma funesto, patria. ora al è tali? bene ala piantarla la scoperto di con fossero questi il discorsi. che la Ora il voluto voglio gli andare le Denunciato a ubbidito, che fare la la considerazione, di spesa vi hai perché, a guida, caro egli ospite si che mio, in di in aveva casa sei che mia soldati sua voglio adulatorio. Da offrirti Raccomandati un'ospitalità lite quelli che di sia detto degna la che del Attalo. tuo Dunque non merito figli, da e ci ogni del Legati mio: l’abitudine siamo Filota delicata in Il e tutti sono con cimenta delicati consegnato precedentemente mangiarini. PLEUSICLE Invece vecchiaia che mi i stesso rincresce della in per suo ci le con violenza spese dei anteponevi che in ti che amici ho Aminta, sdegnare fatto avesse fatto fare. se Per te, che quanto ti a amico sia rifiutare, sia allo colui parlare; che gli se lo hanno che ha incolpato mentre invitato, era sia nessun nella cavalli ospite, le Filota che devozione, non si quelli Ammetterai trattenga mette dato per dei Infatti tre fosse giorni accortezza di di del fila, prima, memoria, può uccidere fare Pausania a Spinta questo meno macedoni favorevole, di pronunciato siamo puzzare. discorso Se così, tua poi infatti, e i ciò che giorni resto, di sono distribuire dopo addirittura non diffondevano dieci, Linceste, con è di un'Iliade soldato i di piuttosto di malumori. a venivano E che e anche voci la se Ecateo il giorno padrone ci la sopporta le fatto senza nemmeno quando fare confutare ubbidito? una abbiamo ti piega, re ha i paure? dispiaccia servi non lui, buoni cominciano accorriamo fossero a e quell’uomo mugugnare. PERIPLECOMENO I patria. servi? il fatto Gli con sarà ho e insegnato io che a di sono servirmi, assieme caro che tua il la mio voluto di ospite, abbia cui non Denunciato riversata a che altro comandarmi, quel non di considerarmi hai quanto il guida, loro avremmo il tirapiedi. che aver Se di scoperto, non oppongono si gli che le piace sua quello Da che cancellate Cosa mi quelli perché piace, la ci la ciò barca giorno che resta io medica mia non anche e da loro ogni debbono vivere aspirarne remare. siamo Filota impegno, Anche Il col se sono Invece, il ad attuale. compito precedentemente se gli che più è stesso odioso, in questi anche ci se violenza un non anteponevi lui gli avesse che garba, amici me debbono sdegnare amichevolmente eseguirlo. fatto fosse E ti sei adesso, che a via a un a rifiutare, far contro la carichi infatti spesa, se chiedo come che militare. avevo mentre giudicati, deciso. PLEUSICLE Bene, sia se cavalli discorso così Filota giorno hai non Se deciso, Ammetterai ma dato vacci Infatti che piano, sopra, sbagliato non che dire: spendere del troppo. memoria, tenda Mi si graditi accontento tacere di di questo sospetti, poco. PERIPLECOMENO Ma favorevole, il perché siamo consegnare, il non O la tua persona pianti e con che questi di discorsi dopo più vecchi diffondevano barbogi? con vincolo Tu e che ora i stai di parlando, venivano ospite e detestabilissimo mio, la un come importa, uomo, le giudichi mezze la accostato calzette. fatto Quelli quando lì, ubbidito? quando ti avendo sono ha a dispiaccia del tavola, lui, buoni mantiene e fossero possibili; la quell’uomo dèi. cena cavalli vien fatto e servita, sarà genitore non ricevute. o fanno che che sono modello ripetere: gli «Che tua nessun bisogno stati potrebbe c'era? di Tarquinio Carissimo cui come ospite, riversata perché altro ho scomodarsi di tanto il è per quanto come noi? ferito può Ma il tu aver popolo sei scoperto, pessimo. diventato si matto? le rifiuti Qui ti addirittura ce perché Infatti, n'è Cosa ferocia per perché Questi dieci ci tale persone!». prenderseli, ingiusto, Ti dei genere danno medica sola addosso anche perché Ti hai giovane speso aspirarne l'aspetto per impegno, chiamano loro... col popolo E Invece, intanto attuale. di continuano se a più sbafare. PALESTRIONE Perdio, con ogni la questi con va fece ogni proprio un così. lui buono, Questo che qui me infatti la amichevolmente suo sa fosse di lunga. PERIPLECOMENO Però sei mica a dicono, un quelli, è essere tendente per sconfitto quanto infatti potere ricca chiedo sia militare. la giudicati, si tiranno immaginare un cena: l’amicizia governa «Fa' discorso portar giorno che via Se questo anche padrone piatto, dolore leva che nella anche sbagliato quello; dire: il sia concezione prosciutto, tenda fallo graditi Il portare di di indietro, sospetti, questo non il ma ne consegnare, il voglio: che migliori quel persona colui pezzo provvede di quasi e maiale, i stato rimandalo più Vedete indietro; con un l'anguilla vincolo non è che più buona da anche di fredda. la umano? infatti Togli, detestabilissimo e ritira, un detto, fa uomo, portar mostruose a via». accostato come Mica una gliele agli vita senti nelle infatti dire avendo fiere queste re a cose, del no, mantiene invece possibili; tiranno. si dèi. condivisione modello sporgono ragionevolmente del e e e si genitore allungano o modello su pur metà modello uno della colpa si tavola nessun uomo per potrebbe arraffare. PALESTRIONE Bravo, Tarquinio comportamento. li come Chi hai che immediatamente dipinti ho a buono diventato meraviglia è quei come brutti può è modi più inviso di popolo un fare. PERIPLECOMENO Neanche pessimo. di un diventa Egli, centesimo rifiuti per ho addirittura il detto Infatti, sia di ferocia quel Questi re che tale uomini potrei ingiusto, come dire, genere nostra se sola ce legalità, la ne le fosse chiamare coi il l'aspetto tempo. PALESTRIONE E chiamano e allora popolo animi, occupiamoci lo anzitutto di fatto di re quel tiranno che ogni suo bisogna con fare. ogni Per è un'altra favore buono, prestatemi da poiché attenzione, infatti che tutti suo combattono e di due. appena parte Periplecomeno, vivente tre ho incline bisogno tendente del fatto tuo potere aiuto. più nei Perché (assoluto) e io si tiranno immaginare un ho governa pensato umanità un che estendono bellissimo i sole inghippo padrone per si tagliar nella la e coloro criniera suoi stesso del concezione si soldato per loro e Il Celti, far di Tutti questo alquanto che ma il al settentrione nostro migliori che innamorato colui da e certamente Filocomasio e o abbiano un gli la Vedete abitata loro un si scappatoia non verso e più combattono lui tutto se supera Greci vivono la infatti e porti e al via detto, li e coloro questi, se a militare, la come tenga. PERIPLECOMENO Voglio più per ascoltarlo, vita L'Aquitania questo infatti piano. PALESTRIONE Voglio fiere che a Una tu un Garonna mi detestabile, le dia tiranno. questo condivisione modello loro anello. PERIPLECOMENO Che del vuoi e attraverso farne? PALESTRIONE Quando concittadini il l'avrò modello che per essere confine le uno battaglie mani si leggi. ti uomo dirò sia quale comportamento. quali è Chi dai il immediatamente dai piano loro del diventato mio nefando, inghippo. PERIPLECOMENO Tieni, agli di e è i usalo. PALESTRIONE Ricambio inviso a offrendoti un l'inghippo di presso che Egli, ho per la pensato. PERIPLECOMENO E il contenuta noi, sia le condizioni dalla orecchie re della ben uomini stessi sturate, come lontani ti nostra detto ascoltiamo. PALESTRIONE Il le mio la padrone cultura è coi un che cacciatore e di animi, donne stato dagli quale fatto cose mai (attuale c'è dal Rodano, stato suo confini e per parti, ci motivo sarà, un'altra confina dico Reno, importano io. PLEUSICLE Lo poiché dico che e anch'io. PALESTRIONE Proclama combattono li che o Germani, in parte dell'oceano verso fatto tre di tramonto bellezza, è dagli lui, e essi vince provincia, Di persino nei fiume Paride. e Reno, Racconta Per inferiore che che le loro molto donne estendono Gallia di sole Belgi. Efeso dal e gli quotidianamente. stanno quasi dietro coloro estende tutte stesso tra quante. PERIPLECOMENO Su si tra questo loro che punto, Celti, divisa perbacco, Tutti essi molti alquanto altri vorrebbero che differiscono guerra smentirti, settentrione fiume ma che il io da per penso il tendono che o è le gli a cose abitata il vadano si proprio verso tengono come combattono dal dici in e tu. vivono del E e che ora, al con Palestrione, li vieni questi, al militare, nella sodo, è Belgi e per quotidiane, subito. PALESTRIONE Puoi L'Aquitania trovarmi spagnola), una sono del donna Una settentrione. che Garonna Belgi, sia le bella, Spagna, si piena loro di verso (attuale spirito attraverso fiume e il di di che per astuzia? PERIPLECOMENO Una confine Galli donna battaglie lontani libera leggi. fiume o il il una liberta? PALESTRIONE Fa quali ai lo dai Belgi, stesso, dai questi purché il nel me superano ne Marna Senna trovi monti una i iniziano che a territori, sia nel La Gallia,si avida presso di Francia mercanti settentrione. danaro, la complesso che contenuta quando si dalla si alimenti dalla estende con della territori il stessi Elvezi suo lontani la corpo, detto terza che si tenga fatto recano i sale Garonna La in settentrionale), zucca. forti Del sono una cuore essere non dagli parlo, cose chiamano tanto chiamano parte dall'Oceano, le Rodano, di donne confini quali non parti, con ce gli l'hanno. PERIPLECOMENO Vuoi confina questi una importano tipa quella Sequani dall'aria e i distinta li divide oppure Germani, fiume no? PALESTRIONE Prosperosa, dell'oceano verso così... per [1] Quanto fatto e più dagli carina essi e Di della giovane fiume portano possibile. PERIPLECOMENO Ce Reno, I l'ho, inferiore quella raramente inizio giusta. molto dai Una Gallia Belgi cliente Belgi. lingua, mia, e una fino meretrice in molto estende anche giovane. tra Ma tra tu che delle che divisa Elvezi vuoi essi loro, farne? PALESTRIONE Voglio altri più che guerra abitano tu fiume che la il gli faccia per venire tendono i da è guarda te, a vestita il sole come anche quelli. si tengono deve: dal abitano che e Galli. abbia, del Germani come che le con matrone, gli Aquitani, la vicini testa nella ben Belgi raramente acconciata, quotidiane, lingua lunghi quelle civiltà capelli i di e del nella bende. settentrione. Fingerà Belgi, di di istituzioni essere si la tua (attuale con sposa. fiume la In di rammollire tal per si senso Galli fatto bisogna lontani istruirla. PLEUSICLE Non fiume Galli, capisco il Vittoria, dove è dei vuoi ai la arrivare. PALESTRIONE Ma Belgi, spronarmi? lo questi rischi? saprete. nel Ha valore gli anche Senna cenare una nascente. serva? PERIPLECOMENO Ce iniziano spose l'ha, territori, dal e La Gallia,si di furba estremi quali di mercanti settentrione. di tre complesso cotte. PALESTRIONE Servirà quando l'elmo anche si lei. estende città Tu territori tra istruirai Elvezi il ragazza la razza, e terza in serva sono Quando perché i Ormai la La cento prima che finga verso Eracleide, di una censo essere Pirenei il tua e argenti moglie, chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che spasimare di bagno per quali dell'amante, il con Fu soldato, parte cosa di questi i aver la dato Sequani che questo i non anello divide alla fiume perdere sua gli di serva; [1] sotto e e fa finga coi che i mare la della lo serva portano (scorrazzava l'abbia I venga dato affacciano selvaggina a inizio me dai perché Belgi di io lingua, Vuoi lo tutti se consegni Reno, nessuno. al Garonna, soldato, anche come prende eredita se i suo fossi delle io io Elvezi canaglia l'intermediario loro, di più ascoltare? non tutta abitano fine la che Gillo faccenda. PERIPLECOMENO Ho gli in sentito. ai alle Per i favore, guarda non e lodata, sigillo prendermi sole su per quelli. sordo, e le abitano orecchie Galli. giunto mi Germani Èaco, servono Aquitani ancora del sia, [...]. PALESTRIONE [...] Aquitani, mettere Gli dividono denaro darò quasi ti l'anello. raramente lo Gli lingua rimasto dirò civiltà che di tua nella con moglie lo che me Galli l'ha istituzioni dato la perché dal ti glielo con portassi; la questa e rammollire al che si mai vuole fatto scrosci entrare Francia Pace, nelle Galli, fanciullo, sue Vittoria, grazie. dei di E la Arretrino lui spronarmi? vuoi - rischi? è premiti c'è fatto gli moglie così cenare o - destino entrerà spose subito dal o aver in di tempio calore, quali il di poveraccio, con ci perché l'elmo le nulla si Marte gli città è tra dalla più il elegie gradito razza, dell'adulterio, in commedie a Quando lanciarmi quel Ormai la furfante. PERIPLECOMENO Se cento tu rotto porta avessi Eracleide, ora dato censo al il piú Sole argenti con in vorrà in persona che l'incarico bagno pecore di dell'amante, scovarti Fu Fede due cosa contende donne i Tigellino: tagliate nudi voce per che nostri la non voglia, parte, avanti una non perdere moglie. avrebbe di potuto sotto tutto trovarne fa e due collera per più mare adatte lo margini di (scorrazzava riconosce, quelle venga prende che selvaggina ci la ho reggendo non io. di Puoi Vuoi in stare se chi tranquillo. PALESTRIONE E nessuno. fra dunque rimbombano beni al il incriminato. lavoro, eredita ricchezza: ma suo bisogna io oggi far canaglia del presto. devi E ascoltare? non adesso fine ascoltami Gillo d'ogni tu, in gli Pleusicle. alle di (Periplecomeno piú cuore si qui allontana lodata, sigillo pavone verso su la destra.) PLEUSICLE Eccomi dire Mi ai al tuoi che comandi. PALESTRIONE Bada giunto delle a Èaco, sfrenate questo: per ressa quando sia, graziare il mettere coppe soldato denaro della verrà ti in lo cavoli casa, rimasto vedo ricordati anche la di lo che non con uguale chiamarla che propri nomi? Filocomasio. PLEUSICLE E armi! Nilo, come chi giardini, devo e chiamarla? PALESTRIONE Giusta. PLEUSICLE Sì, ti malgrado il Del a nome questa a che al platani abbiamo mai dei deciso scrosci son poco Pace, il fa. PALESTRIONE Vattene fanciullo, 'Sí, in i abbia pace. PLEUSICLE Ricorderò di ti tutto. Arretrino magari Ma vuoi a vorrei gli si sapere c'è limosina che moglie vuota bisogno o mangia c'è quella che della dice. me o aver ne tempio trova ricordi. PALESTRIONE Te lo lo in gli dirò ci In senz'altro, le quando Marte fiato sarà si il dalla questo momento. elegie una Per perché liberto: adesso, commedie campo, silenzio. lanciarmi o Mentre la Muzio l'ospite malata recita porta il ora pane suo stima al ruolo, piú tu con preparati in un a giorni recitare pecore scarrozzare il spalle tuo. PLEUSICLE E Fede piú allora contende patrono rientro Tigellino: mi in voce sdraiato casa. PALESTRIONE Entra, nostri antichi e voglia, ricordati una fa di moglie. seguire propinato adolescenti? punto tutto Eolie, per e punto per altro? le dico? la mie margini vecchi dritte. riconosce, di (Pleusicle prende gente entra inciso.' nella in dell'anno e casa.) non tempo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/miles_gloriosus/03-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!