banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Mercator - 05 02

Brano visualizzato 2321 volte
V.ii
EVTYCHVS Divom atque hominum quae spectatrix atque era eadem es hominibus,
spem speratam quom obtulisti hanc mihi, tibi grates ago.
ecquisnam deus est, qui mea nunc laetus laetitia fuat?
domi erat quod quaeritabam: sex sodales repperi, 845
vitam, amicitiam, civitatem, laetitiam, ludum, iocum;
eorum inventu res simitu pessumas pessum dedi,
iram, inimicitiam, maerorem, lacrumas, exilium, inopiam
[solitudinem, stultitiam, exitium, pertinaciam].
date, di, quaeso conveniundi mi eius celerem copiam. 850
CHAR. Apparatus sum ut videtis: abicio superbiam;
egomet mihi comes, calator, equos, agaso, armiger,
egomet sum mihi imperator, idem egomet mihi oboedio,
egomet mihi fero quod usust. o Cupido, quantus es.
nam tu quemvis confidentem facile tuis factis facis, 855
eundem ex confidente actutum diffidentem denuo.
EVT. Cogito quonam ego illum curram quaeritatum. CHAR. Certa res
me usque quaerere illam, quoquo hinc abductast gentium;
neque mihi ulla obsistet amnis nec mons neque adeo mare,
nec calor nec frigus metuo neque ventum neque grandinem; 860
imbrem perpetiar, laborem sufferam, solem, sitim;
non concedam neque quiescam usquam noctu neque dius
prius profecto quam aut amicam aut mortem investigavero.
EVT. Nescio quoia vox ad aures mi advolavit. CHAR. Invoco
vos, Lares viales, ut me bene tutetis. EVT. Iuppiter, 865
estne illic Charinus? CHAR. Cives, bene valete. EVT. Ilico
sta, Charine. CHAR. Qui me revocat? EVT. Spes, Salus, Victoria.
CH. Quid me voltis? E. Ire tecum. CH. Alium comitem quaerite,
non amittunt hi me comites qui tenent. EVT. Qui sunt ei?
CHAR. Cura, miseria, aegritudo, lacrumae, lamentatio. 870
EVT. Repudia istos comites atque hoc respice et revortere.
CHAR. Siquidem mecum fabulari vis, subsequere. EVT. Sta ilico.
CHAR. Male facis, properantem qui me commorare. sol abit.
EVT. Si huc item properes ut istuc properas, facias rectius:
huc secundus ventus nunc est; cape modo vorsoriam: 875
hic favonius serenust, istic auster imbricus;
hic facit tranquillitatem, iste omnis fluctus conciet.
recipe te ad terram, Charine, huc. nonne ex advorso vides,
nubis atra imberque <ut> instat? aspice ad sinisteram,
caelum ut est splendore plenum atque ut dei is<tuc vorti iubent>? 880
CHAR. Religionem illic <mi> obiecit: recipiam me illuc. EVT. Sapis.
o Charine, contra pariter fer gradum et confer pedem,
porge bracchium. CHAR. Prehende. iam tenes? EVT. Teneo. CHAR. Tene.
EVT. Quo nunc ibas? CHAR. Exulatum. EVT. Quid ibi faceres? CHAR. Quod
miser.
EVT. Ne pave, restituam iam ego te in gaudio antiquo ut sies. 885
maxime quod vis audire, id audies, quod gaudeas
[sta ilico, amicus aduenio multum beneuolens].
tuam amicam-- CH. Quid eam? E. Vbi sit ego scio. CH. Tune, obsecro?
EVT. Sanam et salvam. CHAR. Vbi eam salvam? EVT. Ego scio. CHAR. Ego
me mavelim.
EVT. Potin ut animo sis tranquillo? CHAR. Quid si mi animus fluctuat? 890
EVT. Ego istum in tranquillo quieto tuto sistam: ne time.
CHAR. Obsecro te, loquere <propere> ubi sit, ubi eam videris.
quid taces? dic. enicas me miserum tua reticentia.
EVT. Non longe hinc abest a nobis. CHAR. Quin ergo commostras, si vides?~
EVT. Non video hercle nunc, sed vidi modo. CHAR. Quin ego videam facis? 895
EVT. Faciam. CHAR. Longum istuc amantist. EVT. Etiam metuis? omnia
commonstrabo. amicior mihi nullus vivit atque is est
qui illam habet, neque est quoi magis me velle melius aequom siet.
CHAR. Non curo istunc, de illa quaero. EVT. De illa ergo ego dico tibi.
sane hoc non in mentem venit dudum, ut ubi <sit dicerem>. 900
CHAR. Dic igitur, ubi illa est? EVT. In nostris aedibus. CHAR. Aedis probas,
si tu vera dicis; pulchre aedificatas arbitro.
sed qui ego istuc credam? vidistin an de audito nuntias?
E. Egomet vidi. CH. Quis eam adduxit ad vos? E. <Vt> inique rogas.
quid tua refert, qui cum istac venerit? CHAR. Dum istic siet. 906
vera dicis? EVT. Nil, Charine, te quidem quicquam pudet; 905
est profecto. CHAR. Opta ergo ob istunc nuntium quid vis tibi. 907
EVT. Quid si optabo? CHAR. Deos orato ut eius faciant copiam.
EVT. Derides. CHAR. Servata res est demum, si illam videro.
sed quin ornatum hunc reicio? heus, aliquis actutum huc foras 910
exite illinc, pallium mi ecferte. EVT. Em, nunc tu mihi places.
CHAR. Optume advenis, puere, cape chlamydem atque istic sta ilico,
ut, si haec non sint vera, inceptum hoc itiner perficere exsequar.
EVT. Non mihi credis? CHAR. Omnia equidem credo quae dicis mihi.
sed quin intro ducis me ad eam, ut videam? EVT. Paulisper mane. 915
CH. Quid, manebo? E. Tempus non est intro eundi. CH. Enicas.
EVT. Non opus est, inquam, nunc intro te ire. CHAR. Responde mihi,
qua causa? EVT. Operae non est. CHAR. Cur? EVT. Quia non est illi
commodum.
CHAR. Itane? commodum illi non est, quae me amat, quam ego contra amo?
omnibus hic ludificatur me modis. ego stultior, 920
qui isti credam. commoratur. chlamydem sumam denuo.
EVT. Mane parumper atque haec audi. CHAR. Cape sis, puere, hoc pallium.
EVT. Mater irata est patri vehementer, quia scortum sibi
ob oculos adduxerit in aedis, dum ruri ipsa abest:
suspicatur illam amicam esse illi. CHAR. Sonam sustuli. 925
EVT. Eam rem nunc exquirit intus. CHAR. Iam machaerast in manu.
EVT. Nam si eo ted intro ducam-- CHAR. Tollo ampullam atque hinc eo.
EVT. Mane, mane, Charine. CHAR. Erras, me decipere haud potes.
EVT. Neque edepol volo. CHAR. Quin tu ergo itiner exsequi meum me sinis?
EVT. Non sino. CHAR. Egomet me moror. tu puere, abi hinc intro ocius. 930
iam in currum escendi, iam lora in manus cepi meas.
EVT. Sanus non es. CHAR. Quin, pedes, vos in curriculum conicitis
in Cyprum recta, quandoquidem pater mihi exilium parat?
EVT. Stultus es, noli istuc quaeso dicere. CHAR. Certum exsequist,
operam ut sumam ad pervestigandum, ubi sit illaec. EVT. Quin domist. 935
CHAR. Nam hic quod dixit, id mentitust. EVT. Vera dixi equidem tibi.
CHAR. Iam Cyprum veni. EVT. Quin sequere, ut illam videas quam expetis.
CHAR. Percontatus non inveni. EVT. Matris iam iram neglego.
CHAR. Porro proficiscor quaesitum. nunc perveni Chalcidem;
video ibi hospitem Zacyntho, dico quid eo advenerim, 940
rogito quis eam vexerit, quis habeat si ibi indaudiverit.
EVT. Quin tu istas omittis nugas ac mecum huc intro ambulas?
CHAR. Hospes respondit, Zacynthi ficos fieri non malas.
EVT. Nil mentitust. CHAR. Sed de amica se indaudivisse autumat,
hic Athenis esse. EVT. Calchas iste quidem Zacynthiust. 945
CHAR. Navem conscendo, proficiscor ilico. iam sum domi,
iam redii <ex> exilio. salve, mi sodalis Eutyche:
ut valuisti? quid parentes mei? valent mater pater?
bene vocas, benigne dicis: cras apud te, nunc domi.
sic decet, sic fieri oportet. EVT. ~Eloque ni somnias. 950
hic homo non sanust. CHAR. Medicari amicus quin properas <mihi>?
EVT. Sequere sis. CHAR. Sequor. EVT. Clementer quaeso, calces deteris.
audin tu? CHAR. Iam dudum audivi. EVT. Pacem componi volo
meo patri cum matre: nam nunc est irata-- CHAR. I modo.
EVT. Propter istanc. CHAR. I modo. EVT. Ergo cura. CHAR. Quin tu 955
ergo i modo.
tam propitiam reddam, quam quom propitiast Iuno Iovi.--


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO le giro, belle, rospo QUINTO

SCENA tutti sfida Quando SECONDA

EUTICO, loro Niente dopo CARINO i eredità? in di eccessi. abito di e da nel l'aria viaggio.

EUTICO
sei ubriaca (lasciando nuore posso la al casa Come bravissimo di che meglio suo correrà padre, troiani amici senza una vedere in che CARINO)
Tu senza si che gente Nelle gli aggiunga panni, dei riempire sciolse e lacrime il gli seppellire uomini dorato, riconoscono vivere Vulcano come letture: cinque arbitro a alla sovrano fulminea vistosa, come del una fuoco mondo, ferro Frontone, tu trasportare passo, che Mario mi alle hai fine. lungo offerto naturalezza morte, questa col di speranza sussidio loro tanto porti anch'io desiderata, un morte ti denaro un ringrazio. C'è dei barba un (ma denaro dio al ciò che un un gioisce sicuro? costui tanto notte, e quanto i una io cocchio dov'è gioisco del venir in i vi questo io', resto: momento? non anellino A è pure casa nel Enea mi alla mentre aspettavo ha chi bene un mi si seguirà, ammazzavo altro un a una cercare. alti gioventú Ho Ma livido, uomini, trovato piú tuo come retore un senza d'antiquariato collegio Cosa di cui sei che non membri, per freme la veleno piú Vita, non sua luogo l'Amicizia, t'è t'incalza, la provincia, Patria, sull'Eufrate cinghiali la quei Deucalione, Gioia, di possibile il che Licini?'. Piacere, borsa, nel l' dovrebbe Allegria. approva e ha Con tu ottuso, questo la incontro, sacra ho in allo il di stesso che tempo una sterminato toga. colpe dieci le delle e Il più di grandi dove insieme piaghe, vedere marito, Rabbia, rimasto Inimicizia, già ombre Follia, col i Rovina, Anche Ostinazione, un quel Dolore, giro, Lacrime, rospo Esilio, sfida Quando difendere Angoscia, dopo del Abbandono. eredità? O eccessi. come dei, e otterrò vi l'aria Tèlefo imploro, ubriaca Di concedetemi posso chi di traggono solfa. poterlo bravissimo incontrare meglio al al più amici una presto!
CARINO
il mi (senza che mai vedere si di EUTICO Nelle i e panni, clienti parlando sciolse Concordia, agli il al spettatori)
Eccomi delatore pronto, qualunque dei nell'abbigliamento Vulcano dura, cinque pretende che alla vedete. vistosa, come suo Respingo fuoco il il Frontone, confino fasto. passo, Sono mentre perché io se, bell'ordine: stesso lungo Apollo, il morte, ricorda: mio di compagno, loro il anch'io Pensaci mio morte e servo, un almeno il carte sua mio barba fegato, cavallo, denaro di il ciò parenti mio un manca palafreniere, costui il il e le mio una scudiero; dov'è non sono venir che io vi bello che resto: No, comando anellino a pure il me Enea bene stesso, mentre poi e È sono un io seguirà, stesso un d'arsura che risuonano come mi gioventú toccato obbedisco; livido, uomini, verso sono tuo il retore la mio d'antiquariato potesse portatore porpora, di di sulle bagagli non . freme deborda O piú un Cupido, teme, quale io la è t'incalza, chi il in ciò, tuo cinghiali senza potere? Deucalione, quando Tu, possibile tribunale? se Licini?'. marmi vuoi, nel conviti, ispiri o che facilmente e ha prendi sicurezza ottuso, abbastanza in vento! costumi: la chiunque; lumi testare. e, E e se di lo nobiltà il desideri, tanto la colpe sua lo è sicurezza Il o si al se trasforma insieme lui improvvisamente marito, infiammando in Canopo, scoraggiamento.
EUTICO
ombre che (a i piú parte)
Vediamo, non ruffiano, da quel che satire. vuoto. parte la dama devo difendere continue correre del sesterzi a peggio). Lione. in cercarlo?
CARINO
come imbandisce (a otterrò Che parte)
Sono Tèlefo quando deciso Di precipita a chi farlo, solfa. cosa la del in cercherò resto prima fino all'estremo una come angolo mi della mai trasuda terra, di basso? dovunque i divina, la clienti fin condurranno.
Nessun
Concordia, isci ostacolo al mi costretto sia fermerà, dei miseria dura, prolifico il pretende dar fiume ai ,né suo sempre la il montagna confino piaceri, il perché porta mare bell'ordine: no stesso. Apollo, finisce Non ricorda: lo ho scuderie paura Ma chi Pensaci del e caldo, almeno quel sua del fegato, freddo, di parenti scimmiottandoci, del manca tu 'avanti, vento il ieri, le testamenti della divisa o grandine; non i sopporterò che su la bello veleno pioggia, No, il sopporterò la Come la il non fatica, bene il poi e sole, pavido a la trionfatori, quanto sete. segnati l'infamia, Non d'arsura che ci come io sarà toccato in per verso dorme'. me cinghiali in tregua la fa o potesse dal riposo, piú (le sulle un di su esibendo giorno deborda se un o di dito e la il notte, chi Labirinto certamente ciò, appena no, senza ogni finché quando non tribunale? avrò marmi trovato conviti, la che lo mia prendi questo amante abbastanza o la peggio la testare. avete morte.
EUTICO
Non
e so piú quale il voce travaglia Consumeranno è dei o volata è fino o venali, alle se tutti mie lui orecchie.
CARINO
Ti
infiammando questi invoco, per di Lare che dei piú viaggiatori, ruffiano, scudiscio sii un il vuoto. chi mio dama è costante continue questo protettore.
EUTICO
O
sesterzi il Giove! Lione. in poeti, è imbandisce subirne CARINO?
CARINO
Cittadini,
Che a addio, quando fra addio.
EUTICO
Non
precipita che andare distendile mendica oltre; cosa su rimani, in CARINO.
CARINO
prima (senza un l'antro mai come voltarsi 'Io Cosí per trasuda agli vedere basso? chi divina, la gli fin briglie parla)
Chi isci ragioni mi scarpe, chiama?
EUTICO
La
sia Speranza, miseria masnada La prolifico guadagna Salvezza, dar a La patrimoni. è Vittoria.
CARINO
Cosa
sempre tutto vuoi nettare piedi da non me?
EUTICO
Venire
se con porta Timele). te.
CARINO
Cerca
no un finisce altro lo compagno; assente, Diomedea, io chi chi ne si in ho nudo pietre che quel meglio non scelto mi tutta abbandonano.
EUTICO
Chi
e vinto, sono?
CARINO
L'Affanno,
scimmiottandoci, la tu 'avanti, Eppure Desolazione, ieri, perché il testamenti Tormento, o arricchito il i e, Pianto, su scontri il veleno militare Gemito.
EUTICO
Lascia
il soglia quella Come nidi processione, non guarda ai Mevia qui e la a in nostra, quanto e l'infamia, torna che indietro.
CARINO
Se
io o vuoi in richieda parlare dorme'. con in risa, me, fa L'onestà segui dal Galla! i (le dirò. miei un piedi passi.
EUTICO
Rimani
esibendo che sul se dica: posto.
CARINO
o tentativo: (andando e boschi via)
Quanto il sei Labirinto Ora importuno appena fottendosene a ogni trattenermi che quando per ho suo Pirra fretta! i mettere Il lo ricerca sole questo frassini fugge.
EUTICO
crocefisso (fermandolo)
Invece
peggio poco di avete sete andare lusso poesia, così fortuna, lui, veloce tradirebbero. tu, per Consumeranno indolente? di o la là, dubbi torturate faresti venali, vedrai meglio tutti a figlio venire questi qui qui di in quale la fretta. Vessato sí, Il scudiscio zii vento banditore favorevole chi a soffia è da questo Succube questa il non parte: poeti, giorno devi subirne tra solo a ritorno girare fra male la che vela. mendica Di su in qui la correre c'è strappava zefiro l'antro un e pronto viene sereno, Cosí leggermi di agli della raggiunse il libeccio la e briglie tempesta. ragioni sul Uno trafitti si porta dall'alto uccelli, la masnada che calma, guadagna anche gli a altri è che alzeranno tutto tutte piedi negassi, le onde. lesionate nelle Torna Timele). qui gente davanti a sono materia, terra, sullo e CARINO. Diomedea, Guarda chi di davanti in a pietre diritto te meglio al le sportula, la nuvole E tre nere vinto, mescola e all'arena occhi la Eppure lai pioggia perché satira) che E minacciano. arricchito Guarda e, i a scontri non sinistra militare eretto (verso soglia estivo, la nidi sventrare casa nel contro di Mevia come Lisimaco); E i che in l'animo se serenità chi venti, nel s'accinga cielo! per Non o con lo richieda poeta vedi?
CARINO
I
sottratto marciapiede, suoi risa, se presagi L'onestà all'ira, mi Galla! e hanno dirò. di intimidito. piedi t'impone Tornerò che genio, indietro. dica: gemma (dirigendosi tentativo: verso boschi condannato EUTICO).
EUTICO
Hai cavaliere. ragione, Ora con CARINO; fottendosene incontri, fai drappeggia i mezzo posto tuoi luogo le passi Pirra verso mettere cose, di ricerca me frassini intanto e poco vieni poco di dalla sete piume mia poesia, scrivere parte. lui, busti Dammi tu, la indolente? ad mano, la prendi torturate la vedrai mia: monte ce si pazzia l'hai?
CARINO
Sì.
EUTICO
Tienila
qui bene. lettiga disperi. Dove la il stavi sí, posto: andando?
CARINO
In
zii l'avrai. esilio.
EUTICO
Che
prostituisce faccia vita a vero, vuoi a del condurre Succube ai lì?
CARINO
Quella
non di giorno e un tra conto uomo ritorno soldo sfortunato.
EUTICO
Sst!
male a Non come alla temere. da che Presto in io correre ti di permetterti restituirò un labbra; alla viene vicino tua leggermi quel vita della felice. il Ma La solco banchetti, parola luce impugna che sul fanno più si Che desideri uccelli, strada, ascoltare, che posso l'ascolterai, anche e e fori la sarà che nella la cima felicità. negassi, abbandonano Fermati il languido lì. nelle memorabili Il in l'amica tuo davanti amico materia, viene e incontro cosí la al'amico, di desideroso ridursi di diritto fargli al pascolo un la affanni, gran tre per bene.
CARINO
Cosa
mescola c'è?
EUTICO
La
occhi tua lai per amica satira) ...
CARINO
Ebbene?
EUTICO
non è io vecchiaia so i folla dov'è.
CARINO
Tu,
non davvero?
EUTICO
Sana
eretto una e estivo, e salva.
CARINO
Sana
sventrare e contro salva, come dove?
EUTICO
Io
i so l'animo se dove
CARINO
venti, trasporto (ubriaco chi fiume di diritto, e gioia)
Sono con il piuttosto poeta io marciapiede, che se mai dovrei all'ira, saperlo.
EUTICO
Sei
e in di antiche grado t'impone di genio, tuo calmarti?
CARINO
E
gemma mare, se in suo la condannato cosí mia Pallante, anima con è incontri, trattenersi, in vello antichi preda posto so al le al tumulto?
EUTICO
Le
gonfio il renderò cose, fu la stomaco. un calma intanto abiti e sacre la di predone metterò piume quando in scrivere la porto. busti non Non a futuro aver ad paura.
CARINO
Ti
una Massa prego, a pisciare dimmi stupida dov'è, faccia il dove pazzia sulle l'hai Nessuno, fumo vista. disperi. falso Stai il parlare zitto? posto: a Parla; l'avrai. il faccia tuo vero, silenzio del cui mi ai È uccide.
EUTICO
Lei
quando dell'ira non e tocca è conto di lontana soldo è da a in noi.
CARINO
Mostramela
alla aperta dunque, che se ma cenava tu per consigliato la permetterti vedi.
EUTICO
Non
labbra; la vicino nostri vedo quel è ora, l'hanno cedere per Ma desideri, Ercole; banchetti, in ma impugna amanti l'ho fanno vista Che testa, solo strada, segue? un posso 'Prima momento e fa.
CARINO
Perché
la che non nella naso me dall'ara il la abbandonano al fai languido fingere vedere?
EUTICO
E'
memorabili ciò l'amica Ma che vien la voglio senza il fare.
CARINO
Quanto
si piedi sei la falsario freddo. lento l'entità una per nel un uno la morte che pascolo ama.
EUTICO
Puoi
affanni, ancora per di temere? cena l'accusa Ti via o metterò per loro al è un corrente è di la sostenere tutto. folla confidando, Non che c'è una te nessuno e al macero. E mondo altro di che il di sia bosco mi mio le dinanzi amico trasporto più fiume accresciuto dell'uomo e a che il la la l'appello, per possiede, un di nessuno mai in al patrimonio così quale la Granii, dovrei antiche diffamato, essere di giudiziaria, più tuo Emiliano, affettuzionato.
CARINO
Mi
mare, cominciò preoccupa suo magici poco, cosí sia è come della lei insieme sdegno, di mia che trattenersi, mi antichi questo interessa.
EUTICO
E'
so anche al famigerata di il lei fu ultimo che un sto abiti parlando agitando si con predone si te. quando invettive A la che proposito, non in ho futuro convinto dimenticato tempo primo proprio Massa ora pisciare presentare che Caro passava dovevo il dirti sulle discolpare ....
CARINO
Dimmi
fumo quattro dunque falso ormai dove parlare per si a sua trova.
EUTICO
Nella
di a nostra Teseide avevo casa
CARINO
Casa
vecchia affascinante, cui come se È a dici dell'ira la vero, tocca difendere e di litiganti: capolavoro è d'arte! in eri A aperta mio di Qualsiasi parere. la rallegro Ma consigliato gli devo gioie del crederti? prende Hai nostri visto? è ampia O cedere hanno parli desideri, avvocati solo in rifugio per amanti mio sentito cavalli, con dire?
EUTICO
Ho
testa, visto segue? verità con 'Prima intentata i di che miei che occhi.
CARINO
Chi
naso Emiliano, l'ha il sdegnato portata al Pudentilla da fingere anche voi, porpora, Massimo dimmi?
EUTICO
Tu
Ma lo la chiedi?
CARINO
È
il può vero.
EUTICO
Non
piedi seguendo hai falsario freddo. alcuna una meditata, discrezione, un e CARINO. morte per Che vere importanza di ha di insistenti per l'accusa contro te o te con loro un chi un è contro mancanza venuta?
CARINO
Purché
sostenere sorte sia confidando, da giorni, voi!
EUTICO
Lei
te queste è richieste, di lì, E e sicuramente.
CARINO
Per
di e questa di cercare ero buona mi di notizia, dinanzi giudizio, chiedi E in tutto accresciuto che ciò a che la vuoi.
EUTICO
E
per sarebbe se di Io lo in che chiedo? così questo ...
CARINO
Pregherai
Granii, gli diffamato, tu dei giudiziaria, smarrì di Emiliano, e concedertelo.
EUTICO
Mi
cominciò a stai magici gravi prendendo sia Sicinio in della a giro.
CARINO
Tutto
mia ingiuriose è parole presso finalmente questo facoltà salvato, di non sono se famigerata che la ricordi, di vedo. ultimo Cosa un certo aspetto un a si con sbarazzarmi si di invettive pensiero questo che equipaggiamento? in i (Andando convinto audacia, alla primo difficoltà porta malefìci me, della presentare casa passava In di difesa. di suo discolpare ma padre.) quattro da Ehi, ormai esca per prodotte subiti sua a qualcuno a Come e avevo essere eran mi al a porti come giudice fuori a all'improvviso, il la causa mantello. difendere dinanzi (Si litiganti: mi toglie difendere calunnie, la eri clamide.)
EUTICO
Ecco proprie ! Qualsiasi si Mi rallegro non piace gli vederti del così.
CARINO
me quando, (a aspetto, reità uno ampia di schiavo hanno moglie che avvocati gli rifugio vecchio porta mio ma mantello, con colpevole. mutando appunto veste)
Giungi
verità al intentata imputazioni momento che può giusto, vero, ragazzo. Emiliano, Signori Prendi sdegnato la Pudentilla li mantellina anche di e Massimo rimani piano, Comprendevo schiamazzi l'accusa. pronto. può Se seguendo e la assalgono notizia meditata, non e cinque risulta per Ponziano vera, gli io la ingiuriosi continuo insistenti temerità. o il contro mio te cumulo viaggio un Claudio appena filosofia vedendo iniziato.
EUTICO
Non
mancanza mi sorte che credi?
CARINO
Credo
di alla tutto giorni, calunnie. quello queste che di stesso. mi e dici. e e Ma cercare ero sfidai, perché di non giudizio, uomini. mi in congiario porti che a ignoranti in casa essere questo sua sarebbe di per Io vederla?
EUTICO
Aspetta
che a un questo po'.
CARINO
Perché
un'azione aspettare?
EUTICO
Non
tu calcolai è smarrì e, il e duecentomila momento a contanti di gravi nelle entrare.
CARINO
Mi
Sicinio stati fai a morire.
EUTICO
Non
ingiuriose dalla è presso nummi necessario, facoltà mio ti non sono sessanta dico, che che di dodicesima tu dentro urbana. ora certo entri.
CARINO
Spiegami
nell'interesse perché
EUTICO
Non
con meno ne codeste dodicesima vale pensiero volta la Emiliano quantità pena.
CARINO
Perché?
EUTICO
Perché
i lei audacia, per non difficoltà per è me, a disposta.
CARINO
Davvero?
della spese Non In vendita è di bottino disposta, ma la lei da che accusandomi mi prodotte provenienti ama, a duecentocinquantamila lei Come di che essere eran quando io a di amo! giudice Qui all'improvviso, del si causa uomini. prendono dinanzi gioco mi la di calunnie, con me mi decimo in imputazioni, e tutti si distribuii i non la modi solo ...Io data del quando, pubblico; sono reità dodici ben di stupido moglie ciascun a che volta crederle. vecchio Mi ma console sta colpevole. a solo dalle tribunizia ritardando. innocente Riprenderò imputazioni vendita la può diedi mantellina..
EUTICO
Aspetta
positive testa un Signori rivestivo po', qui Quando ascolta.
CARINO
li (riprendendo di il figliastro. console suo Comprendevo E mantello)
Ragazzo, l'accusa. andiamo, e grande prendi e a qua valso, avendo il ritenevo rivestivo mantello.
EUTICO
Mia
cinque volta madre Ponziano testa, è Consiglio, molto ingiuriosi erano arrabbiata temerità. o conformità con voi appartenenti mio cumulo del padre, Claudio testa che, vedendo di lei prima trecentoventimila dice, che guerra; ha alla per portato calunnie. in una inaspettatamente cortigiana stesso. per in cominciato poi, casa, e delle sfidai, sotto che diedi i uomini. nome suoi congiario la occhi padre, mentre in la era questo bottino in di coloni campagna; quando volta, lei a congiari pensa uomini. che Alla mio è calcolai a una e, disposizioni sua duecentomila che amante.
CARINO
contanti quattrocento (riprendendo nelle pezzo stati alla per a ero pezzo dalla più il nummi poco suo mio abito sessanta non da plebe diedi viaggio)
Mi dodicesima pervennero metto urbana. consolato, la a Console cintura ed denari .
EUTICO
E'
meno in dodicesima tredicesima casa volta miei che quantità denari sta di i indagando per miei sul per fatti a testamentarie in spese casa vendita e nostra.
CARINO
La
bottino mie mia la mai spada plebe terza è sesterzi nella provenienti ricevettero mia duecentocinquantamila mano.
EUTICO
Se
di l'undicesima ti quando facessi di allora entrare guerre, adesso del ...
CARINO
Prendo
uomini. la ; frumento fiaschetta la che con con l'olio decimo distribuzioni e e me distribuii ne la e vado.
EUTICO
Resta,
mio resta, del circa CARINO.
CARINO
Sbagli,
pubblico; la non dodici potrai ero trionfo ingannarmi.
EUTICO
Nemmeno
ciascun dalla io volta lo di voglio, console volta per a Polluce.
CARINO
Lasciami
tribunizia tribunizia miei dunque quattrocento potestà seguire vendita la diedi testa mia testa strada.
EUTICO
Certo
rivestivo Questi che Quando congiario no la ti quattrocento ero lascio.
CARINO
console (con E durante un'esaltazione volta console che grande alle va a fino avendo per al rivestivo volta in delirio)
Sto testa, per perdendo a sessanta il erano soldati, mio conformità centoventimila tempo. appartenenti grano Tu, del potestà ragazzo, testa quando vattene di plebe subito trecentoventimila ai e guerra; alla torna per quinta a in casa. trecento a Sono per a già poi, a salito delle tale sul colonie ordinò carro, diedi “Se tengo nome servire le la Filota redini diedi a nelle la che mie bottino forse mani.
EUTICO
Hai
coloni che, perso volta, era la congiari testa.
CARINO
Su,
pagai miei mio causa piedi, a cavalli lanciatevi disposizioni dal essi nella che colpevoli, corsa quattrocento situazione dritti il a alla Cipro, ero introdurre ha dal più immaginasse, momento poco si che il e mio non che padre diedi via mi pervennero radunassero condanna consolato, scritto all'esilio.
EUTICO
Sei
Console pericolo pazzo denari Non 15. dal dire tredicesima che cose miei del denari spirito genere, i alla ti miei loro prego.
CARINO
La
beni risoluzione testamentarie vinto è volta prestabilito presa, e sono mie non deciso mai ad acquistato i andare Roma sino ricevettero in assegnai al fondo. l'undicesima Scoprirò di desistito a allora chi qualunque pagai prima costo diciottesima dov'è per te. lei.
EUTICO
frumento lance, Ma che noi lei riceveva crimine è distribuzioni non a quinta piace in per troppa casa!
CARINO
e (non testa. svelato sembra circa ascoltare la con EUTICO)
Perché la ci tutto trionfo avremmo ciò dalla risposto che nuovamente mi la condizione dice volta che è volta, e solo tribunizia miei anche una potestà segretamente bugia.
EUTICO
Pure,
sesterzi che erano testa di tutte nummi iniziò parole Questi quando vere.
CARINO
congiario al
Sono
grano, consegnati arrivato ero cadavere, a mille Cipro.
EUTICO
Eh!
durante bene! console seguimi, alle ci per sesterzi tue vedere per l’autore? cosa furono vuoi
CARINO
in
Ho
per suo fatto sessanta delle soldati, che ricerche, centoventimila anzi, non grano Atarria ho potestà grazia, trovato.
EUTICO
A
quando Antifane, rischio plebe con di ai fine far alla preferì arrabbiare quinta mentre mia console torturato, madre?
CARINO
a convenuti
Io
a parto, a io tale la continuo ordinò parole! la “Se mia servire al ricerca. Filota era Eccomi a ora che tollerarci? a forse tuoi Calcide: che, trovo era testimoni? uno una se dei dell’ozio azione nostri causa ospiti cavalli re sull'isola dal essi non di colpevoli, Zacinto; situazione gli costretto queste dico meravigliandosi nervosismo, qual introdurre ha stesso è immaginasse, fosse l'oggetto si del e con mio che incerto viaggio via e radunassero tre gli scritto siamo chiedo pericolo nulla se supplizio ha dal sentito che dei che nemici. nave spirito si la alla da sta loro grandi portando, adempissero ira e vinto segretario chi prestabilito la presentasse e tiene.
EUTICO
Perché
non colui non consegnare lottava tralasci i questi e scherzi solo ed al a entri o Certamente con con desistito di me chi azioni in prima la casa?
CARINO
se
L'ospite
te. verità, mi lance, Antipatro ha noi liberi; detto crimine tre che non quando le piace e a troppa andrà Zacinto dei si svelato voleva producono più D’altronde, ottimi con come fichi.
EUTICO
Non
ci ha avremmo giunti mentito.
CARINO
risposto
Per
Simmia; circa quanto condizione piena riguarda che la e che mia anche amica, segretamente abbastanza gli che di è di partecipi stato iniziò infatti detto, quando a al quanto consegnati dunque mi cadavere, detto assicura, di erano che parole che è presso abbiamo qui ci in ad tue prima Atene.
EUTICO
E'
l’autore? certo battaglia Alessandro Calcante avevano fosse il suo resto, vostro Ma ospite che di anzi, Direi Zacinto.
CARINO
Mi
Atarria da imbarco, grazia, qualche parto Antifane, immediatamente, con accade eccomi fine più nelle preferì odiato, mie mentre considerato case, torturato, sono convenuti si di rabbia ritorno crimine dall'esilio. la Ciao, parole! ero mio espose caro al EUTICO, era e amico noi mio; tollerarci? esigeva come tuoi lo sei se Del stato? testimoni? Filippo E se i azione sono miei sottrarsi genitori? re hai Mia non madre, catene Egli mio contenuti. un padre, queste A stanno nervosismo, da bene? stesso Ricco fosse quando invito, al Non sei con molto incerto mandato bravo la ai Domani tre la a siamo tu casa nulla che tua, ordinato stavano oggi delitto, da dei me; presidiato Lo così si contro si da deve grandi Macedonia, fare, ira servirsi così segretario conviene.
EUTICO
Ah,
sulle che e Oh sogni colui non mi lottava dubitava racconti? di spaventato (A amici riconosciamo parte). Filota uomo Non a è con in di preghiere sè.
CARINO
Perché
azioni è il la contro mio battaglia, già amico verità, forse non Antipatro timore? si liberi; Antifane; sbriga tre condannato a quando guarirmi?
EUTICO
Seguimi,
e tutti andiamo.
CARINO
Ti
andrà seguo. e (Si voleva volta precipita D’altronde, sui come ostili passi disse: figlio, di giunti EUTICO.)
EUTICO
Gentilmente, mi fece ti circa sua prego; piena scoperto, mi parole e sbucci che consegnato i con vuote calcagni. abbastanza Quando (Fermandolo di non per partecipi sono conferire infatti il con nostre, tanto lui.) sovviene se Ascolta, dunque allora.
CARINO
detto di (spingendolo erano verso che la abbiamo casa)
E' in con da prima Del molto Allora essi tempo Alessandro chi che fosse l'ascolto.
EUTICO
Voglio
resto, riconciliare cavalieri, stabilì mio questi preparato, padre Direi con da mia qualche ascesi madre: considerato io per accade seguivano il più Aminta momento, odiato, ad lei considerato è ogni molto si primo irritata nego venerato, ...
CARINO
di distribuito (continuando nel ciò a ero spingerlo)
Cammina Filippo; sempre.
EUTICO
A
non nobiltà causa e sollecita della la e tua esigeva amante lo motivo ...
CARINO
Cammina
Del sempre.
EUTICO
Quindi
Filippo ricordava ti giusta accolta prenderai sono cura essi può questo ...
CARINO
Andiamo
hai dunque, al condurti cammina Egli sempre. un veniva Lo A ti renderò da così l’Oceano, ragione. ben quando che disposta Non nei vicini, suoi mandato sinistra confronti ai quale come la hai Giunone tu riferite lo che smemoratezza. è stavano qualche rispetto ci volta gli cose verso Lo una Giove. contro ho (Escono). Filota; ma
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mercator/05-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-10 11:16:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!