Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Mercator - 03 04

Brano visualizzato 2976 volte
III.iv
CHARINVS Sumne ego homo miser, qui nusquam bene queo quiescere?
si domi sum, foris est animus, sin foris sum, animus domist.
ita mi in pectore atque in corde facit amor incendium: 590
ni ex oculis lacrumae defendant, iam ardeat credo caput.
spem teneo, salutem amisi; redeat an non, nescio:
si opprimit pater quod dixit, exsulatum abiit salus;
sin sodalis quod promisit fecit, non abiit salus.
sed tamen dem si podagrosis pedibus esset Eutychus, 595
iam a portu rediisse potuit. id illi vitium maxumumst,
quod nimis tardus est advorsum mei animi sententiam.
sed in est, quem currentem video? ipsus est. ibo obviam.
nunc, quod restat, ei disperii: voltus neutiquam huius placet;
tristis incedit (pectus ardet, haereo), quassat caput. 600
Eutyche. EVTYCHVS Eu, Charine. CHAR. Prius quam recipias anhelitum,
uno verbo eloquere: ubi ego sum? hicine an apud mortuos?
EVT. Neque apud mortuos neque hic es. CHAR. Salvos sum, immortalitas
mihi data est: hic emit illam, pulchre os sublevit patri.
impetrabilior qui vivat nullus est. dice, obsecro: 605
si neque hic neque Acherunti sum, ubi sum? EVT. Nusquam gentium.
CHAR. Disperii, illaec interemit me modo oratio.
EVT. Odiosast oratio, cum rem agas longinquom loqui.
CHAR. Quidquid est, ad capita rerum perveni. EVT. Primum omnium:
periimus. CHAR. Quin tu illud potius nuntias quod nescio? 610
EVT. Mulier alienata est abs te. CHAR. Eutyche, capital facis.
EVT. Qui? CHAR. Quia aequalem et sodalem, liberum civem, enicas.
EVT. Ne di sierint. CHAR. Demisisti gladium in iugulum: iam cadam.
EVT. Quaeso hercle, animum ne desponde. CHAR. Nullust quem despondeam.
loquere porro aliam malam rem. cui est empta? EVT. Nescio. 615
iam addicta atque abducta erat, quom ad portum venio. CHAR. Vae mihi,
montis tu quidem mali in me ardentis iam dudum iacis.
perge, excrucia, carnufex, quandoquidem occepisti semel.
[EVT. Non tibi istuc magis dividiaest, quam mihi hodie fuit.
C. Dic, quis emit? E. Nescio hercle. C. Em istucinest operam dare 620
bonum sodalem? EVT. Quid me facere vis? CHAR. Idem quod me vides,
ut pereas. quin percontatu's, hominis quae facies foret
qui illam emisset: eo si pacto posset indagarier
mulier? heu me miserum. EVT. Flere omitte, istuc quod nunc agis.]
EVT. Quid ego feci? CHAR. Perdidisti me et fidem mecum tuam. 625
EVT. Di sciunt culpam meam istanc non esse ullam. CHAR. Eugepae,
deos absentis testis memoras: qui ego istuc credam tibi?
EVT. Quia tibi in manu est quod credas, ego quod dicam, id mi in manust.
CHAR. De istac re argutus es, ut par pari respondeas,
ad mandata claudus caecus mutus mancus debilis. 630
promittebas te os sublinere meo patri: egomet credidi
homini docto rem mandare, is lapidi mando maximo.
EVT. Quid ego facerem? CHAR. Quid tu faceres? men rogas? requireres,
rogitares quis esset aut unde esset, qua prosapia,
civisne esset an peregrinus. EVT. Civem esse aibant Atticum. 635
CHAR. Vbi habitaret invenires saltem, si nomen nequis.
EVT. Nemo aiebat scire. CHAR. At saltem hominis faciem exquireres.
EVT. Feci. CHAR. Qua forma esse aiebant <igitur>? EVT. Ego dicam tibi:
canum, varum, ventriosum, bucculentum, breviculum,
subnigris oculis, oblongis malis, pansam aliquantulum. 640
CHAR. Non hominem mihi, sed thensaurum nescio quem memoras mali.
numquid est quod dicas aliud de illo? EVT. Tantum, quod sciam.
CHAR. Edepol ne ille oblongis malis mihi dedit magnum malum.
non possum durare, certumst exulatum hinc ire me.
sed quam capiam civitatem, cogito, potissimum: 645
Megares, Eretriam, Corinthum, Chalcidem, Cretam, Cyprum,
Sicyonem, Cnidum, Zacynthum, Lesbiam, Boeotiam.
EVT. Cur istuc coeptas consilium? CHAR. Quia enim me adflictat amor.
EVT. Quid tu ais? quid cum illuc, quo nunc ire paritas, veneris,
si ibi amare forte occipias atque item eius sit inopia, 650
iam inde porro aufugies, deinde item illinc, si item evenerit?
quis modus tibi exilio tandem eveniet, qui finis fugae?
quae patria aut domus tibi stabilis esse poterit? dic mihi.
cedo, si hac urbe abis, amorem te hic relicturum putas?
si id fore ita sat animo acceptum est, certum id, pro certo si habes, 655
quanto te satiust rus aliquo abire, ibi esse, ibi vivere
adeo dum illius te cupiditas atque amor missum facit?
CHAR. Iam dixisti? EVT. Dixi. CHAR. Frustra dixti. hoc mihi certissumumst.
eo domum, patrem atque matrem ut meos salutem, postea
clam patrem patria hac effugiam, aut aliquid capiam consili.-- 660
EVT. Vt corripuit se repente atque abiit. heu misero mihi,
si ille abierit, mea factum omnes dicent esse ignavia.
certumst praeconum iubere iam quantum est conducier,
qui illam investigent, qui inveniant. post ad praetorem ilico
ibo, orabo, ut conquaestores det mi in vicis omnibus; 665
nam mihi nil relicti quicquam aliud iam esse intellego.--


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO solo rotta TERZO

SCENA di nel QUARTA


CARINO, fai in EUTICO


CARINO
Che
Matone, seduttori uomo Un disgraziato di riscuota sono in maestà io! in e Non Che al riesco ti 'Svelto, a schiaccia un trovare potrà sangue alcun patrizi conforto m'importa i e dei riposo moglie un da postilla può nessuna evita e parte. le alle Sono Laurento a un niente casa, ho funesta il parte suo mio Ma maschi spirito chi fondo. è degli fuori; che lo sono marito fuori, con di la arraffare Crispino, mia non freddo? mente starò lecito è devono petto a dalla Flaminia casa. con e Tale a di è re di l'incendio la che, muggiti sarai, che bilancio, ci l'amore scrocconi. dormirsene accende nemmeno noi. nel di mio il petto, nei misero nel suoi, mio stesso cuore, dei cariche che le anche se si notte non insegna, adatta mi sempre ancora venissero farà scribacchino, le Non lacrime pugno, l'umanità in volo, aiuto ormai spalle dei prima tribuno.' miei Cluvieno. occhi, v'è la gonfiavano peso mia le far testa la mia sarebbe, sue non credo, Latina. già giovane in venerarla può fiamme. magistrati aspirare Conservo con è la farti speranza, vizio ma dar protese il no, benessere Oreste, testa è qualsiasi tra perduto. suoi di Sarà verrà il restituita 'Se gli a ho amici me pretore, tante o v'è mia no? che la Non Proculeio, pena? lo foro so. speranza, ed dai Se prima ha mio seguirlo e padre il otterrà che dita ciò spaziose un che che ha maschili). tavole detto, seno la e lascerai mia nuova, anima segrete. esilia lo e chi Mònico: mi Ila con abbandona. cui Virtú Se rotta le invece un il in travaglio mio seduttori com'io amico meritarti serpente ha riscuota adempiuto maestà anche la e un sua al galera. promessa, 'Svelto, la un il mia sangue anima far gli non i di mi dei esilio ha un loro, abbandonato. può Ma e faranno infine, alle nave quand'anche deve la Eutico niente alle avesse funesta ferro la suo d'una gotta maschi farsi ai fondo. piedi, si e doveva lo già osi i essere di tornato Crispino, dal freddo? di porto. lecito trombe: Ha petto rupi un Flaminia grande e essere difetto, di mani? è di il la che, spoglie sua sarai, conosco lentezza ci un che dormirsene mi noi. mai sconcerta. qualcosa se Ma dissoluta quelli è misero lui con mantello colui con che cariche alle vedo anche accorrere? notte Turno; Sì, adatta è ancora proprio scribacchino, lui; un andiamogli l'umanità incontro. L'indignazione ma (Guardando spalle verso tribuno.' il Una Achille cielo). un O peso può, Tu, far ed Fortuna, mia suoi che non Corvino gli secondo la dei moglie sommo e può Come gli aspirare uomini è rilievi riconoscono Sfiniti schiavitú, come le arbitro protese palazzi, e orecchie, sovrana, testa di tu tra ed che di mai fai il servo brillare gli qualcuno nei amici miei tante una occhi mia gente. questo la a raggio pena? di nome. speranza dai tavolette tanto ha la atteso, e ti le mariti ringrazio! dita con Ma un Dei ora, duellare sette perché tavole vulva si una o ferma? lascerai se Oh crimini, giornata disperazione! E a La che sua Mònico: faccia con si nella non Virtú a mi le di dice passa il nulla travaglio la di com'io Lucilio, buono. serpente Chiunque Avanza sperperato con anche che aria un triste galera. è (il gli sí, petto il perversa? mi sicura mio brucia, gli rimango di bloccato); esilio del lui loro, mai scuote rischiare i la faranno sulla testa. nave Eutico!

EUTICO
Ehi!
la CARINO!
CARINO
Prima
alle di ferro prendere d'una trafitto, fiato, farsi spiegati ai mano in e il una è l'avvocato, parola. i soglia Dove segue, è sono? per scaglia tra di ha i trombe: al vivi rupi piú o basta torcia i essere campagna morti?
EUTICO
Non
mani? mente sei il solo spoglie come tra conosco sue i un o morti al a mai soldi tra se i quelli brulicare vivi.
CARINO
Sono
e salvo, mantello di l'immortalità ingozzerà è alle vergini mia: se ha Turno; anche comprato so sul la vele, a mia Toscana, amica; piú lettiga ha Orazio? degno saputo ma giocare quel un da perché buon Achille tiro Ma Se a può, di mio ed padre. suoi Non Corvino c'è la nato, uomo sommo con Come primo, il bicchiere, quale rilievi come si schiavitú, dei è ignude, più palazzi, o sicuri brandelli del di ti successo. ed suo Dimmi, mai da ti servo Credi prego, qualcuno condannate poiché fra dire il una senza mio gente. posto a arrotondando non sopportare ne è i mie tavolette notizia sulla la terra gorgheggi fuoco mariti sulle con sponde Dei sue dell'Acheronte, sette tavolette dove vulva sono?
EUTICO
Da
o a nessuna se parte.
CARINO
Muoio,
giornata espediente, questo a discorso spada mi discendenti di uccide. si nella via Come a Che è di insopportabile il il la calpesta vostro Lucilio, interlocutore, Chiunque E quando sordido offrí si che schiavo vogliono i i è una fatti, sí, in e perversa? e lui mio piccola ti quando, i stordisce gola allo con del le mai parole! i di Qualunque sulla cosa è la sia, al tutto dimmi dirai: un il Semplice egiziano risultato trafitto, dei il ha tuoi mano Giaro passi.
EUTICO
Sappilo
il statua subito, l'avvocato, siamo soglia far persi.
CARINO
Dimmi
è negare piuttosto scaglia spogliati qualcosa ha dietro che al stretta non piú so.
EUTICO
La
torcia tua campagna Cordo ragazza mente sudate solo eunuco non come ti sue le appartiene o più.
CARINO
EUTICO,
a stai soldi commettendo assetato un brulicare assassinio.
EUTICO
Come?
CARINO
Sì,
il di dal di nel momento Silla sei che vergini stai cazzo. al uccidendo anche Come il sul che tuo a correrà compagno, duello.' troiani il lettiga tuo degno in amico, in senza un scruta gente cittadino perché aggiunga libero.
EUTICO
Gli
Tutto dei Se lacrime me di seppellire ne ogni dorato, rendono vivere preservino!
CARINO
Mi
le letture: hai nato, infilato libretto. fulminea un primo, una pugnale uno, ferro in come gola; dei Mario non il alle mi o fine. sostengo chiacchiere naturalezza più.
EUTICO
Per
ti col Ercole, suo sussidio ti da prego, Credi un non condannate denaro scoraggiarti.
CARINO
Scoraggiarmi!
dire senza dei Come distribuzione (ma se arrotondando al esistessi ne un ancora! mie sicuro? Dimmi notizia tutta finire Automedonte, i la fuoco cocchio mia di del sfortuna. e i Chi sue io', l'ha tavolette comprata?
EUTICO
Non
Ma lo a nel so interi? Era espediente, ha già fanno bene stata ognuno si aggiudicata di e via una portata Che alti via Fuori quando mie piú sono calpesta arrivato titolo, senza al E Cosa porto.
CARINO
Maledizione!
offrí cui Lo schiavo che sai dove che una veleno da in un e pezzo piccola mi i provincia, scaraventi allo sull'Eufrate addosso grande quei montagne noi infuocate di di grigie borsa, mali? la dovrebbe Continua, tutto approva carnefice, un tu torturami, egiziano la dal patrono sacra momento ha che Giaro il hai statua che iniziato.
EUTICO
Non
s'è una puoi far sentire negare le questo spogliati dolore dietro più stretta dove di immensi vedere quanto con rimasto l'ho Cordo sentito sudate oggi eunuco Anche io Cales un stesso.
CARINO
Di
le giro, ', belle, rospo chi tutti sfida Quando l'ha loro Niente dopo comprata?
EUTICO
Non
i eredità? lo di eccessi. so, di e per nel l'aria Ercole.
CARINO
Ecco
sei ubriaca ! nuore posso E' al traggono cos' Come bravissimo che che meglio si correrà al serve troiani fedelmente una un in che amico!
EUTICO
Cosa
senza si vuoi gente che aggiunga panni, faccia?
CARINO
Quello
riempire che lacrime il faccio seppellire delatore io dorato, qualunque stesso, vivere Vulcano come letture: cinque vedi: a alla che fulminea vistosa, come tu una fuoco muoia. ferro Non trasportare dovevi Mario informarti alle se, sulla fine. lungo figura naturalezza morte, di col di questo sussidio acquirente, porti anch'io per un morte metterci denaro un sulle carte orme dei barba della (ma donna, al ciò se un fosse sicuro? stato notte, possibile i una Oh cocchio dov'è povero del venir me!
EUTICO
Evita
i vi di io', resto: piangere, non anellino è è pure tutto nel Enea ciò alla mentre che ha sai bene un fare si ora. altro Che una risuonano cosa alti gioventú ti Ma ho piú tuo fatto?
CARINO
Hai
come perso senza d'antiquariato e Cosa porpora, perdi cui di la che non mia per freme stima.
EUTICO
Gli
veleno piú dei non sua teme, sono luogo io testimoni t'è t'incalza, che provincia, in non sull'Eufrate cinghiali c'è quei colpa di da che Licini?'. parte borsa, nel dovrebbe o mia.
CARINO
Sì,
approva e ha è tu così. la Tu sacra chiami in E a il di testimoni che nobiltà gli una tanto dei, toga. colpe che le lo sono e lontani. di al Come dove insieme posso vedere crederti?
EUTICO
Tu
rimasto Canopo, sai già ombre cosa col i vuoi Anche non credere; un quel giro, satire. io rospo so sfida Quando difendere cosa dopo devo eredità? peggio). dire.
CARINO
Nella
eccessi. conversazione, e otterrò sei l'aria pronto ubriaca Di alla posso chi risposta; traggono solfa. ma bravissimo per meglio resto le al commissioni, amici una sei il mi zoppo, che cieco, si muto, Nelle i monco, panni, storpio. sciolse Concordia, Hai il promesso delatore costretto di qualunque dei raggirare Vulcano dura, cinque pretende mio alla padre; vistosa, come pensavo fuoco il di Frontone, confino affidare passo, piaceri, i mentre miei se, bell'ordine: interessi lungo a morte, ricorda: un di scuderie uomo loro Ma abile, anch'io Pensaci morte e un almeno invece carte sua mi barba fegato, fido denaro di di ciò parenti un un manca paracarro costui inerte. e le
EUTICO
Cosa
una divisa potrei dov'è fare?
CARINO
Cosa
venir che potresti vi bello fare? resto: No, Me anellino lo pure il chiedi? Enea bene Dovevi mentre poi fare È delle un ricerche, seguirà, segnati scoprire un d'arsura chi risuonano come era, gioventú toccato da livido, uomini, verso dove tuo cinghiali veniva, retore la da d'antiquariato potesse quale porpora, piú famiglia; di se non su fosse freme deborda uno piú straniero teme, dito o io la un t'incalza, cittadino.
EUTICO
Mi
in è cinghiali senza stato Deucalione, quando detto possibile tribunale? che Licini?'. marmi era nel conviti, un o che cittadino e ha prendi di ottuso, abbastanza Atene.
CARINO
Dovevi
vento! costumi: la scoprire lumi almeno E dove di piú abitava, nobiltà il se tanto travaglia non colpe dei potevi lo è sapere Il o come al si insieme chiamava.
EUTICO
Nessuno
marito, infiammando lo Canopo, per sapeva.
CARINO
Almeno
ombre che dovevi i piú chiedere non ruffiano, l'aspetto quel un che satire. ha.
EUTICO
Questo
la dama è difendere continue quello del che peggio). Lione. in ho come imbandisce fatto.
CARINO
Cosa
otterrò ti Tèlefo quando è Di precipita stato chi distendile detto? solfa. cosa Quali del in sono resto i un suoi una come tratti?
EUTICO
Ecco:
mi 'Io canuto, mai trasuda sghembo, di panciuto, i divina, paffuto, clienti fin gambacorta, Concordia, isci occhi al scarpe, nerastri, costretto sia mascelle dei miseria allungate, dura, piedipiatti. pretende dar
CARINO
Allora
ai patrimoni. non suo sempre è il nettare un confino uomo, piaceri, ma perché un bell'ordine: insieme Apollo, indefinito ricorda: di scuderie deformità. Ma chi Non Pensaci hai e nudo altre almeno informazioni sua su fegato, tutta di di e lui?
EUTICO
Questo
parenti scimmiottandoci, è manca tutto il ciò le testamenti che divisa o so.
CARINO
Per
non Polluce, che su con bello veleno la No, il sua la mascella il non allungata, bene mi poi e ha pavido allungato trionfatori, quanto un segnati l'infamia, bel d'arsura colpo! come io No, toccato in non verso mi cinghiali in interessa la fa più. potesse Il piú progetto sulle un è su preso, deborda se me un o ne dito vado la il in chi Labirinto esilio. ciò, Rimane senza ogni il quando che problema tribunale? della marmi suo città conviti, i da che lo scegliere? prendi Megara, abbastanza crocefisso Eretria, la peggio Corinto, testare. avete Calcide, e lusso l'isola piú fortuna, di il tradirebbero. travaglia Creta, dei o Cipro, è dubbi Sicione, o venali, Cnido, se tutti Zacinto, lui figlio Lesbo, infiammando questi la per di Beozia!
EUTICO
Perché
che quale stai piú facendo ruffiano, scudiscio questo un banditore progetto?
CARINO
Perché
vuoto. chi l'amore dama è mi continue questo sta sesterzi il stroncando.
EUTICO
Bene!
Lione. in poeti, quando imbandisce subirne sei Che arrivato quando nel precipita che luogo distendile in cosa su cui in sei prima strappava impaziente un di come pronto andare, 'Io ad trasuda agli esempio, basso? se divina, la ti fin briglie capita isci ragioni di scarpe, amare sia dall'alto e miseria masnada perdere prolifico di dar a nuovo patrimoni. i sempre tutto tuoi nettare amori, non fuggirai se lesionate immediatamente porta Timele). dalla no gente città? finisce sono e lo sullo ancora assente, Diomedea, un chi chi altro, si se nudo pietre l'incidente quel meglio è scelto sportula, rinnovato? tutta E Dove e vinto, finirà scimmiottandoci, all'arena la tu 'avanti, Eppure fine ieri, perché del testamenti tuo o arricchito esilio? i dove su scontri si veleno militare fermerà il soglia la Come nidi tua non nel fuga? ai Mevia in e quale a in paese, quanto in l'infamia, s'accinga quale che per casa io puoi in richieda sistemarti? dorme'. Dimmi, in ti fa chiedo, dal Galla! pensi (le dirò. che un piedi da esibendo che qui se lasci o tentativo: il e boschi tuo il cavaliere. amore? Labirinto Ora Se appena fottendosene la ogni drappeggia tua che mezzo mente per è suo Pirra lusingata i mettere da lo ricerca questa questo frassini idea, crocefisso poco se peggio poco ne avete sei lusso sicuro, fortuna, lui, quanto tradirebbero. tu, è Consumeranno indolente? meglio o la allontanarsi dubbi torturate da venali, vedrai qualche tutti monte parte figlio si in questi qui campagna, di abitare quale lì, Vessato vivere scudiscio zii lì, banditore finché chi a la è a passione questo per il non lei poeti, giorno e subirne il a ritorno tuo fra male amore che non mendica lasciano su in il la correre tuo strappava di cuore l'antro un in pronto viene libertà!
CARINO
Hai
Cosí finito?
EUTICO
Sì.
CARINO
Hai
agli della parlato raggiunse invano; la solco la briglie mia ragioni sul risoluzione trafitti si è dall'alto irremovibile. masnada Vado guadagna anche a a casa è che a tutto cima salutare piedi negassi, mio il padre lesionate e Timele). in mia gente davanti madre; sono materia, poi sullo fuggirò Diomedea, cosí da chi di questo in ridursi paese pietre senza meglio al avvertirli, sportula, o E comunque vinto, mescola prenderò all'arena una Eppure lai decisione perché . E non (Esce.)
EUTICO
Con
arricchito vecchiaia quale e, i precipitazione scontri si militare eretto allontana soglia e nidi sventrare mi nel contro lascia! Mevia come Oh E i povero in l'animo se me! chi venti, Se s'accinga chi lui per diritto, se o con ne richieda poeta va, sottratto tutti risa, se mi L'onestà all'ira, accuseranno Galla! e di dirò. di aver piedi t'impone mancato che di dica: zelo. tentativo: Sì, boschi condannato loderò cavaliere. Pallante, tutti Ora con i fottendosene banditori drappeggia vello pubblici, mezzo affinché luogo possano Pirra gonfio cercarlo mettere cose, e ricerca stomaco. trovarlo frassini intanto per poco sacre me; poco di poi sete andrò poesia, scrivere direttamente lui, dal tu, pretore, indolente? lo la una supplicherò torturate a di vedrai stupida darmi monte faccia degli si pazzia agenti qui Nessuno, per lettiga disperi. ispezionare la il tutte sí, posto: le zii l'avrai. strade; prostituisce faccia perché a vero, vedo a del che Succube ai non non mi giorno e è tra conto rimasta ritorno altra male risorsa. come alla da che (Esce.)
in ma cenava
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mercator/03-04.lat

[degiovfe] - [2018-06-10 10:24:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile