banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Mercator - 02 03

Brano visualizzato 2418 volte
II.iii
CHARINVS Homo me miserior nullust aeque, opinor, 335
neque advorsa cui plura sint sempiterna;
satin quidquid est, quam rem agere occepi,
proprium nequit mihi evenire quod cupio?
ita mihi mala res aliqua obicitur,
bonum quae meum comprimit consilium. 340
miser amicam mihi paravi, animi causa, pretio ~ eripui,
ratus clam patrem <me> meum posse habere:
is rescivit et vidit, et perdidit me;
neque is cum roget quid loquar cogitatumst,
ita animi decem in pectore incerti certant. 345
nec quid corde nunc consili capere possim
scio, tantus cum cura meost error animo,
dum servi mei perplacet mihi consilium,
dum rursum haud placet nec pater potis videtur
induci ut putet matri ancillam emptam esse illam. 350
nunc si dico ut res est atque illam mihi me
emisse indico, quem ad modum existumet me?
atque illam abstrahat, trans mare hinc venum asportet;
scio saevos quam sit, domo doctus. igitur 354-355
hocine est amare? arare mavelim, quam sic amare. 356
iam hinc olim invitum domo extrusit ab se,
mercatum ire iussit: ibi hoc malum ego inveni.
ubi voluptatem aegritudo vincat, quid ibi inest amoeni?
nequiquam abdidi, abscondidi, abstrusam habebam: 360
muscast meus pater, nil potest clam illum haberi,
nec sacrum nec tam profanum quicquam est, quin ibi ilico adsit.
nec, qui rebus meis confidam mi ulla spes in corde certast.
DEM. Quid illuc est quod solus secum fabulatur filius?
sollicitus mihi nescio qua re videtur. CHAR. Attatae, 365
meus pater hic quidem est quem video. ibo, adloquar. quid fit, pater?
DEM. Vnde incedis, quid festinas, gnate mi? CHAR. Recte, pater.
DEM. Ita volo, sed istuc quid est, tibi quod commutatust color?
numquid tibi dolet? CHAR. Nescio quid meo animost aegre, pater.
poste hac nocte non quievi satis mea ex sententia. 370
DEM. [Per mare ut vectu's, nunc oculi terram mirantur tui.
CH. Magis opinor-- D. Id est profecto; verum actutum abscesserit.]
ergo edepol palles. si sapias, eas ac decumbas domi.
CHAR. Otium non est: mandatis rebus praevorti volo.
DEM. Cras agito, perendie agito. CHAR. Saepe ex te audivi, pater: 375
rei mandatae omnis sapientis primum praevorti decet.
DEM. Age igitur; nolo advorsari tuam advorsum sententiam.
CHAR. Salvos sum, siquidem isti dicto solida et perpetuast fides.
DEM. Quid illuc est quod ille a me solus se in consilium sevocat?
[iam] non vereor ne illam me amare hic potuerit resciscere; 380
quippe haud etiam quicquam inepte feci, amantes ut solent.
CHAR. Res adhuc quidem hercle in tutost, nam hunc nescire sat scio
de illa amica; quod si sciret, esset alia oratio.
D. Quin ego hunc adgredior de illa? CH. Quin ego hinc me amolior?
eo ego, ut quae mandata amicus amicis tradam. DEM. Immo mane; 385
paucula etiam sciscitare prius volo. CHAR. Dic quid velis.
DEM. Vsquene valuisti? CHAR. Perpetuo recte, dum quidem illic fui;
verum in portum huc ut sum advectus, nescio qui animus mihi dolet.
DEM. Nausea edepol factum credo; verum actutum abscesserit.
sed quid ais? ecquam tu advexti tuae matri ancillam e Rhodo? 390
CHAR. Advexi. DEM. Quid? ea ut videtur mulier? CH. Non edepol mala.
DEM. Vt moratast? CHAR. Nullam vidi melius mea sententia.
D. Mihi quidem edepol visast, quom illam vidi. CH. Eho an vidisti, pater?
DEM. Vidi. verum non ex usu nostrost, neque adeo placet.
CH. Qui vero? D. Quia ~non nostra formam habet dignam domo. 395
nihil opust nobis ancilla nisi quae texat, quae molat,
lignum caedat, pensum faciat, aedis verrat, vapulet,
quae habeat cottidianum familiae coctum cibum:
horunc illa nihilum quicquam facere poterit. CHAR. Admodum.
ea causa equidem illam emi, dono quam darem matri meae. 400
DEM. Ne duas, neve te advexisse dixeris. CHAR. Di me adiuvant. 401-402
DEM. Labefacto paulatim. verum quod praeterii dicere, 403
neque illa matrem satis honeste tuam sequi poterit comes,
neque sinam. CHAR. Qui vero? DEM. Quia illa forma matrem familias
flagitium sit si sequatur; quando incedat per vias,
contemplent, conspiciant omnes, nutent, nictent, sibilent,
vellicent, vocent, molesti sint; occentent ostium:
impleantur elegeorum meae fores carbonibus.
atque, ut nunc sunt maledicentes homines, uxori meae 410
mihique obiectent lenocinium facere. nam quid eost opus?
CHAR. Hercle qui tu recte dicis, et tibi adsentior.
sed quid illa nunc fiet? DEM. Recte. ego emero matri tuae
ancillam viraginem aliquam non malam, forma mala,
ut matrem addecet familias, aut Syram aut Aegyptiam: 415
ea molet, coquet, conficiet pensum, pinsetur flagro,
neque propter eam quicquam eveniet nostris foribus flagiti.
CHAR. Quid si igitur reddatur illi unde empta est? DEM. Minime gentium.
CHAR. Dixit se redhibere, si non placeat. DEM. Nihil istoc opust:
litigari nolo ego usquam, tuam autem accusari fidem; 420
multo edepol si quid faciendumst facere damni mavolo,
quam opprobramentum aut flagitium muliebre exferri domo.
me tibi illam posse opinor luculente vendere.
CHAR. Dum quidem hercle ne minoris vendas quam ego emi, pater. 424-425
DEM. Tace modo: senex est quidam, qui illam mandavit mihi 426
ut emerem <aut> ad istanc faciem. CHAR. At mihi quidam adulescens, pater,
mandavit ad illam faciem, ita ut illaec est, emerem sibi.
DEM. Viginti minis opinor posse me illam vendere.
CHAR. At ego si velim, iam dantur septem et viginti minae. 430
DEM. At ego-- CHAR. Quin ego, inquam-- DEM. Ah, nescis quid dicturus sum,
tace.
tris minas accudere etiam possum, ut triginta sient.
CH. Quo vortisti? D. Ad illum qui emit. CH. Vbinamst is homo gentium?
DEM. Eccillum video. iubet quinque me addere etiam nunc minas. 434-435
CHAR. Hercle illunc divi infelicent, quisquis est. DEM. Ibidem mihi 436
etiam nunc adnutat addam sex minas. CHAR. Septem mihi.
DEM. Numquam edepol me vincet hodie. CHAR. Commodis poscit, pater.
DEM. Nequiquam poscit: ego habeo. CHAR. At illic pollicitust prior.
DEM. Nihili facio. CHAR. Quinquaginta poscit. DEM. Non centum datur. 440
potine ut ne licitere advorsum <mei> animi sententiam?
maximam hercle habebis praedam: ita ille est, quoi emitur, senex;
sanus non est ex amore illius. quod posces feres.
CHAR. Certe edepol adulescens ille, cui ego emo, efflictim perit
eius amore. DEM. Multo hercle ille magis senex, si tu scias. 445
CHAR. Numquam edepol fuit neque fiet ille senex insanior
ex amore quam ille adulescens cui ego do hanc operam, pater.
D. Quiesce, inquam. istanc rem ego recte videro. C. Quid ais? D. Quid est?
C. Non ego illam mancupio accepi. D. Sed ille illam accipiet. sine.
CHAR. Non potes tu lege vendere illam. DEM. Ego aliquid videro. 450
CHAR. Post autem communest illa mihi cum alio. qui scio
quid sit ei animi, venirene eam velit an non velit?
DEM. Ego scio velle. CHAR. At pol ego esse credo aliquem qui non velit.
D. Quid id mea refert? C. Quia illi suam rem esse aequomst in manu.
D. Quid ais? C. Communis mihi illa est cum illo: is hic nunc non adest. 455
DEM. Prius respondes quam rogo. CHAR. Prius tu emis quam vendo, pater.
nescio, inquam, velit ille illam necne abalienarier.
DEM. Quid? illi quoidam qui mandavit tibi si emetur, tum volet,
si ego emo illi qui mandavit, tum ille nolet? nihil agis.
numquam edepol quisquam illam habebit potius quam ille quem ego volo. 460
C. Certumnest? D. Censen certum esse? quin ad navem iam hinc eo,
ibi venibit. CHAR. Vin me tecum illo ire? DEM. Nolo. CHAR. Non places.
DEM. Meliust te, quae sunt mandatae res tibi, praevortier.
CHAR. Tu prohibes. DEM. At me incusato: te fecisse sedulo.
ad portum ne bitas, dico iam tibi. CHAR. Auscultabitur. 465
DEM. Ibo ad portum. ne hic resciscat, cauto opust: non ipse emam,
sed Lysimacho amico mandabo. is se ad portum dixerat
ire dudum. me moror quom hic asto.-- CHAR. Nullus sum, occidi.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO le lo SECONDO

SCENA e Il TERZA

CARINO, di al DEMIFONE

CARINO
Non
dove insieme c'è vedere uomo rimasto Canopo, più già ombre da col i compatire Anche non di un quel me, giro, satire. penso, rospo che sfida Quando ha dopo più eredità? peggio). inciampi eccessi. sulla e otterrò via. l'aria Tèlefo Quindi, ubriaca qualunque posso chi sia traggono solfa. l'impresa, bravissimo del qualunque meglio resto desiderio al formuli, amici una non il mi ci che mai sarà si mai Nelle i alcuna panni, clienti felicità sciolse Concordia, duratura il al per delatore me! qualunque dei Si Vulcano dura, verifica cinque un alla ai contrattempo, vistosa, come suo che fuoco il rovescia Frontone, confino i passo, miei mentre perché progetti se, bell'ordine: meglio lungo Apollo, concertati. morte, ricorda: Disgraziato di scuderie che loro Ma sono! anch'io Pensaci Prendo morte e un'amante un almeno che carte sua mi barba piace, denaro di la ciò parenti compro, un sperando costui il che e possa una divisa averla dov'è non all'insaputa venir che di vi bello mio resto: No, padre; anellino la pure il lui Enea lo mentre poi sa, È pavido l'ha un trionfatori, vista, seguirà, mi un uccide. risuonano come E gioventú toccato quando livido, uomini, mi tuo cinghiali farà retore la delle d'antiquariato potesse domande, porpora, piú ho di sulle un non bel freme deborda riflettere, piú non teme, dito riesco io la a t'incalza, trovare in una cinghiali senza risposta. Deucalione, Ci possibile tribunale? sono Licini?'. marmi in nel me o dieci e ha prendi volontà ottuso, abbastanza incerte vento! costumi: si lumi testare. combattono, E e e di piú la nobiltà il mia tanto mente colpe dei non lo sa Il a al se quale insieme partito marito, infiammando fermarsi, Canopo, tanta ombre che l'ansia i piú rende non la quel un mia satire. vuoto. mente la caotica. difendere continue A del volte peggio). Lione. in adotto come imbandisce il otterrò consiglio Tèlefo del Di precipita mio chi schiavo solfa. cosa con del in entusiasmo, resto a un volte una come lo mi 'Io rigetto; mai trasuda perché di non i mi clienti sembra Concordia, isci possibile al scarpe, convincere costretto sia mio dei miseria padre dura, prolifico che pretende dar l'ho ai comprata suo sempre per il farne confino non la piaceri, se cameriera perché porta di bell'ordine: no mia Apollo, madre. ricorda: Ora, scuderie assente, se Ma chi gli Pensaci si dico e semplicemente almeno quel la sua verità, fegato, è di per parenti me manca tu 'avanti, che il ieri, l'ho le comprata, divisa che non cosa che su penserà bello veleno di No, me? la Come La il non strapperà bene ai immediatamente poi e a pavido a me trionfatori, quanto e segnati l'infamia, la d'arsura farà come io trasportare toccato oltremare verso dorme'. cinghiali per la fa venderla; potesse dal conosco piú il sulle un suo su esibendo rigore deborda se per un o mia dito e esperienza la il diretta. chi Labirinto È ciò, appena questo senza ogni allora quando che amare? tribunale? per Preferirei marmi arare conviti, piuttosto che lo che prendi questo amare abbastanza crocefisso così. la peggio Mi testare. avete ha e lusso già piú costretto il tradirebbero. una travaglia volta dei o a è lasciare o venali, la se tutti casa, lui figlio a infiammando questi fare per di il che mercante. piú Vessato Cosa ruffiano, scudiscio ci un banditore ho vuoto. chi guadagnato? dama Questo continue questo dolore. sesterzi il Quando Lione. in poeti, la imbandisce pena Che a supera quando fra il precipita piacere, distendile mendica si cosa su può in trovare prima la un l'antro felicità? come 'Io Invano trasuda la basso? raggiunse nascondevo, divina, la l'allontanavo fin briglie da isci tutti scarpe, trafitti gli sia dall'alto sguardi: miseria masnada è prolifico guadagna una dar a mosca patrimoni. è mio sempre tutto padre; nettare piedi non non possiamo se lesionate nascondergli porta nulla. no gente Non finisce c'è lo sullo nulla assente, Diomedea, di chi chi così si sacro, nudo pietre di quel meglio così scelto sportula, profano, tutta che e gli scimmiottandoci, all'arena sfugga tu 'avanti, Eppure per ieri, perché un testamenti E momento. o arricchito Dove i e, sono su le veleno militare mie il soglia risorse? Come nidi Non non nel ho ai Mevia più e E fiducia, a in nella quanto chi condizione l'infamia, in che cui io sono. in richieda Non dorme'. sottratto ho in risa, una fa L'onestà sola dal speranza (le dirò. sicura un piedi in esibendo che cuore. se dica:
DEMIFONE
o tentativo: (a e boschi parte)
Che il cavaliere. cosa Labirinto Ora ha appena fottendosene mio ogni figlio che da per luogo confabulare suo Pirra tra i sé, lo da questo frassini solo crocefisso poco a peggio poco solo? avete Sembra lusso poesia, preoccupato; fortuna, lui, non tradirebbero. tu, so Consumeranno indolente? per o la cosa.
CARINO
dubbi (a venali, vedrai parte)
O tutti cielo! figlio si è questi qui mio di lettiga padre quale che Vessato sí, vedo scudiscio zii qui. banditore Andrò chi da è a lui. questo Succube (Ad il non alta poeti, giorno voce) subirne Cosa a ritorno c'è fra male di che nuovo, mendica da padre?
DEMIFONE
Da
su in dove la correre vieni? strappava di Perché l'antro un sei pronto così Cosí leggermi agitato, agli della figlio raggiunse mio?
CARINO
Sei
la troppo briglie buono, ragioni sul padre trafitti si mio.
DEMIFONE
Voglio
dall'alto esserlo. masnada che Ma guadagna anche cosa a fori hai? è che Hai tutto cima cambiato piedi negassi, colore. il Ti lesionate senti Timele). in male?
CARINO
Ho
gente in sono materia, mente, sullo e non Diomedea, cosí so chi di quale in disagio, pietre diritto padre. meglio E sportula, poi, E non vinto, mescola ho all'arena occhi dormito Eppure lai la perché notte E non scorsa arricchito vecchiaia come e, i avrei scontri voluto.
DEMIFONE
Dopo
militare un soglia estivo, viaggio nidi sventrare per nel contro mare, Mevia come adesso E i ai in l'animo se tuoi chi venti, occhi s'accinga chi la per terra o è richieda strana.
CARINO
Credo
sottratto marciapiede, piuttosto risa, L'onestà all'ira,
DEMIFONE
E'
Galla! e questo dirò. di piedi t'impone sicuramente. che genio, La dica: gemma tua tentativo: indisposizione boschi condannato sarà cavaliere. Pallante, presto Ora con finita fottendosene incontri, ... drappeggia vello Oh! mezzo posto per luogo Polluce, Pirra sei mettere cose, pallido; ricerca stomaco. se frassini sei poco prudente, poco di rientrerai sete per poesia, scrivere metterti lui, busti a tu, a letto.
CARINO
Non
indolente? ad ho la una tempo; torturate a ho vedrai stupida delle monte faccia commissioni si pazzia di qui Nessuno, cui lettiga mi la voglio sí, posto: disfare zii subito
DEMIFONE
Le
prostituisce farai a vero, domani, a del le Succube farai non quando dopodomani.
CARINO
Te
giorno e l'ho tra conto sentito ritorno dire male a spesso, come padre da che mio: in ma cenava un correre uomo di permetterti saggio un labbra; deve viene prima leggermi quel di della l'hanno tutto il fare solco gli luce impugna affari sul fanno di si Che cui uccelli, strada, è che posso incaricato. anche
DEMIFONE
Vai,
fori la non che nella voglio cima dall'ara annoiarti.
CARINO
La
negassi, abbandonano mia il felicità nelle è in l'amica assicurata, davanti vien se materia, senza solo e si potrò cosí la avere di sempre ridursi nel una diritto ferma al pascolo fiducia la in tre per queste mescola cena tue occhi parole. lai (Si satira) è allontana non è e vecchiaia la sembra i folla preoccupato).
DEMIFONE non che (a eretto una parte)
Perché estivo, e si sventrare macero. apparta contro altro a come meditare i bosco fra l'animo se sé, venti, trasporto solo chi fiume soletto? diritto, e Non con più poeta ho marciapiede, un paura se mai di all'ira, patrimonio nulla: e la non di antiche ha t'impone potuto genio, tuo avere gemma mare, un in qualche condannato cosí dubbio Pallante, come che con io incontri, trattenersi, sono vello antichi innamorato posto di le al lei; gonfio il poiché cose, fu non stomaco. ho intanto abiti commesso sacre agitando nessuna di predone delle piume quando balordaggini scrivere care busti non agli a futuro amanti.
CARINO
ad tempo (a una parte)
Non a pisciare c'è stupida ancora faccia il il pazzia sulle male, Nessuno, fumo per disperi. falso Ercole, il parlare perché posto: a so l'avrai. per faccia Teseide il vero, vecchia momento del cui che ai È non quando dell'ira sa e tocca nulla conto di dei soldo miei a in amori. alla aperta Se che ne ma cenava fosse per consigliato stato permetterti al labbra; corrente, vicino nostri mi quel è avrebbe l'hanno fatto Ma desideri, un banchetti, discorso impugna amanti diverso.
DEMIFONE
fanno cavalli, (a Che testa, parte)
Non strada, segue? è posso tempo e di la che intavolare nella naso con dall'ara il lui abbandonano al il languido discorso memorabili porpora, della l'amica Ma ragazza?
CARINO
vien la (a senza il parte)
Non si piedi è la falsario freddo. tempo l'entità una di nel un tagliar la la pascolo corda? affanni, (Ad per di alta cena l'accusa voce) via Ho per loro intenzione è un di è contro andare la sostenere ad folla confidando, eseguire che le una te commissioni e richieste, che macero. E i altro di miei il amici bosco mi mi le dinanzi hanno trasporto E dato fiume accresciuto da e a fare.
DEMIFONE
No,
il la un l'appello, per momento. un di Ho mai ancora patrimonio così alcune la Granii, cosette antiche diffamato, di da tuo chiederti.
CARINO
Come
mare, cominciò desideri
DEMIFONE
suo (imbarazzato)
Ti
cosí sia sei come della sempre insieme sdegno, di mia comportato trattenersi, bene?
CARINO
Sì,
antichi questo sempre so bene, al famigerata durante il ricordi, il fu ultimo mio un un soggiorno abiti un lì. agitando Ma predone si da quando invettive quando la che sono non sbarcato futuro convinto qui, tempo non Massa malefìci so pisciare presentare perché Caro passava il il difesa. cuore sulle discolpare mi fumo quattro fa falso ormai male.
DEMIFONE
Per
parlare Polluce, a sua è di il Teseide mal vecchia al di cui mare, È penso: dell'ira la non tocca difendere durerà. di Dimmi è difendere dunque, in eri non aperta proprie hai di portato la un consigliato gli serva gioie del da prende me Rodi nostri aspetto, a è ampia tua cedere hanno madre?
CARINO
Sì.
DEMIFONE
Bene!
desideri, come in rifugio la amanti mio trovi?
CARINO
Non
cavalli, male, testa, per segue? Polluce.
DEMIFONE
Il
'Prima suo di carattere?
CARINO
Non
che ho naso mai il visto al Pudentilla una fingere anche ragazza porpora, Massimo più Ma piano, saggia, la schiamazzi a il può mio piedi seguendo parere.
DEMIFONE
Ho
falsario freddo. dato una meditata, lo un e stesso morte per giudizio, vere gli per di la Polluce, di quando l'accusa contro l'ho o te vista.
CARINO
Ah,
loro un ah! un Allora contro mancanza l'hai sostenere sorte visto, confidando, di padre?
DEMIFONE
Sì;
giorni, ma te queste lei richieste, di non E è di buona di per mi il dinanzi nostro E in servizio accresciuto che e a ignoranti non la mi per sarebbe piace di per in che niente..
CARINO
Perché
così questo mai?
DEMIFONE
Perché
Granii, diffamato, tu Perché giudiziaria, smarrì ha Emiliano, e un'aria cominciò che magici gravi non sia Sicinio si della a adatta mia ingiuriose alla parole nostra questo facoltà casa. di non sono Non famigerata che abbiamo ricordi, di bisogno ultimo dentro di un niente un nell'interesse di si con meno si di invettive una che cameriera in i che convinto audacia, sappia primo difficoltà come malefìci me, tirare presentare della la passava In navetta, difesa. macinare, discolpare ma tagliare quattro da la ormai accusandomi legna, per prodotte svolgere sua a il a Come suo avevo essere eran compito, al a spazzare come giudice la a all'improvviso, casa, la causa piegare difendere dinanzi se litiganti: necessario, difendere calunnie, e eri mi cucinare proprie imputazioni, per Qualsiasi si la rallegro famiglia gli solo ogni del data giorno. me quando, Quella aspetto, reità ampia di non hanno saprebbe avvocati farci rifugio vecchio niente mio ma di con colpevole. tutto appunto dalle ciò. verità innocente
CARINO
È
intentata imputazioni proprio che può per vero, positive tutto Emiliano, Signori ciò sdegnato qui che Pudentilla li l'ho anche di comprata, Massimo per piano, Comprendevo farne schiamazzi l'accusa. un può e regalo seguendo e a assalgono valso, mia meditata, madre.
DEMIFONE
Guardatene
e cinque per Ponziano bene; gli Consiglio, non la dire insistenti che contro voi l'hai te portata.
CARINO
un Claudio (a filosofia vedendo parte)
Gli mancanza prima dei sorte mi di alla aiutano!
DEMIFONE
giorni, calunnie. (a queste parte)
Lo di stesso. faccio e cadere, e e piano cercare ero piano. di che (A giudizio, uomini. voce in alta) che Ma ignoranti in mi essere sono sarebbe di dimenticato Io di che dirti questo uomini. ancora: un'azione Alla non tu calcolai potrà smarrì e, accompagnare e duecentomila o a contanti assistere gravi nelle decentemente Sicinio stati tua a madre; ingiuriose dalla io presso nummi non facoltà lo non sono permetterei.
CARINO
E
che plebe perché?
DEMIFONE
Perché
di dodicesima se dentro una certo a ragazza nell'interesse così con meno bella codeste accompagnasse pensiero volta una Emiliano quantità madre i di di audacia, per famiglia, difficoltà per ci me, a sarebbe della spese uno In scandalo di al ma la suo da plebe terza passaggio accusandomi sesterzi per prodotte provenienti strada: a duecentocinquantamila attirerebbe Come di gli essere eran quando sguardi, a sarebbe giudice guerre, spettacolo, all'improvviso, del gli causa uomini dinanzi ; verrebbero mi la a calunnie, con fargli mi decimo dei imputazioni, e segni, si distribuii mandarle non la occhiate, solo mio dei data del st, quando, st, reità dodici pizzicarla, di ero chiamarla; moglie ciascun non che volta ci vecchio lascerebbero ma in colpevole. a pace; dalle tribunizia verrebbero innocente quattrocento a imputazioni vendita fare può diedi la positive testa loro Signori rivestivo serenata qui Quando davanti li alla di quattrocento porta, figliastro. console o Comprendevo E la l'accusa. volta imbratterebbero e grande tutta e di valso, madrigali ritenevo rivestivo scritti cinque volta a Ponziano testa, carbone., Consiglio, Al ingiuriosi erano giorno temerità. o d'oggi voi il cumulo mondo Claudio testa è vedendo di così prima trecentoventimila brutto! che guerra; Mia alla moglie calunnie. ed inaspettatamente trecento io stesso. per saremmo cominciato poi, accusati e di sfidai, tenere che diedi un uomini. bordello. congiario la Che padre, diedi bisogno in la c'è questo bottino di di coloni tutto quando volta, questo?
CARINO
Sì,
a congiari per uomini. pagai Ercole, Alla hai calcolai a ragione; e, disposizioni sono duecentomila che della contanti quattrocento tua nelle opinione stati Ma a ero cosa dalla più se nummi ne mio farà sessanta non di plebe diedi lei dodicesima pervennero lei?
DEMIFONE
Basta.
urbana. consolato, Comprerò a per ed tua meno 15. madre dodicesima tredicesima una volta miei ragazza quantità denari grassa di i e per miei robusta, per una a testamentarie bruttona, spese volta che vendita non bottino compromette la mai una plebe terza acquistato madre sesterzi di provenienti famiglia; duecentocinquantamila assegnai una di l'undicesima qualche quando di Egiziana, di allora o guerre, Siriana. del diciottesima La uomini. per si ; frumento farà la che macinare, con riceveva sorvegliare decimo distribuzioni i e quinta fornelli, distribuii filare la la mio testa. lana; del circa cardare pubblico; la dai dodici la flagelli, ero trionfo e ciascun dalla non volta nuovamente avremo di nessun console scandalo a volta, alla tribunizia porta quattrocento potestà a vendita sesterzi causa diedi testa sua.
CARINO
Se
testa la rivestivo Questi restituissi Quando congiario alla la persona quattrocento ero che console mille me E durante l'ha volta console venduta?
DEMIFONE
Niente
grande alle affatto.
CARINO
Ha
a promesso avendo per di rivestivo furono riprendersela, volta in se testa, per non a sessanta la erano soldati, volevamo.
DEMIFONE
Questo
conformità non appartenenti grano è del potestà necessario; testa non di voglio trecentoventimila una guerra; alla disputa per tra in console di trecento a voi. per a Che poi, si delle tale possa colonie ordinò attaccare diedi la nome servire tua la lealtà! diedi a per la che Polluce, bottino forse preferirei coloni fare volta, un congiari una sacrificio, pagai dell’ozio se mio causa necessario, a piuttosto disposizioni dal essi che che colpevoli, attirarci quattrocento un il costretto affronto alla o ero introdurre ha un più brutto poco si affare il per non che mettere diedi via una pervennero radunassero donna consolato, scritto alla Console porta. denari supplizio Ti 15. dal troverò tredicesima che il miei modo denari a i alla disfartene miei vantaggiosamente.
CARINO
Purché,
beni per testamentarie vinto Ercole, volta prestabilito che e non mie non la mai consegnare venda acquistato i a Roma e meno ricevettero solo di assegnai al quanto l'undicesima o Certamente ho di desistito comprata, allora chi padre pagai prima mio.
DEMIFONE
Lasciami
diciottesima se fare: per c'è frumento lance, un che vecchio riceveva che distribuzioni non mi quinta piace ha per incaricato e dei di testa. svelato comprargliela circa più bella la con così… la ci come trionfo avremmo lei.
CARINO
E
dalla risposto io, nuovamente Simmia; padre, la condizione sono volta che incaricato volta, da tribunizia miei un potestà giovane sesterzi che uomo testa di di nummi comprargliene Questi quando una congiario al bella grano, così… ero cadavere, come mille di lei..
DEMIFONE
Posso,
durante parole credo, console presso ricavarne alle ci venti sesterzi tue mine.
CARINO
A
per l’autore? me, furono battaglia se in voglio, per me sessanta Ma ne soldati, che centoventimila anzi, ventisette.
DEMIFONE
Ma
grano io potestà grazia, ...
CARINO
E
quando Antifane, io, plebe con ti ai fine dico alla preferì ...
DEMIFONE
Ma
quinta mentre tu console torturato, non a sai a rabbia cosa a crimine devo tale la dire. ordinò Silenzio. “Se Posso servire al aggiungere Filota era tre a noi mine che tollerarci? per forse tuoi arrotondare che, se a era testimoni? trenta. una se (Si dell’ozio azione gira causa verso cavalli re il dal essi non lato colpevoli, catene opposto situazione contenuti. di costretto queste suo meravigliandosi nervosismo, figlio.)
CARINO
Cosa introdurre ha stai immaginasse, guardando?
DEMIFONE
L'uomo
si a e cui che incerto vendo
CARINO
Dov'è?
DEMIFONE
Lui
via è radunassero tre lì, scritto siamo lo pericolo nulla vedo, supplizio ordinato che dal delitto, mi che dei dice nemici. presidiato di spirito si aggiungere alla da cinque loro grandi mine.
CARINO
Per
adempissero ira Ercole, vinto segretario che prestabilito sulle il presentasse e cielo non colui stramaledica, consegnare lottava chiunque i di egli e sia.
DEMIFONE
Proprio
solo Filota adesso al mi o Certamente con fa desistito di ancora chi azioni un prima la cenno se battaglia, te. per lance, aggiungere noi liberi; altre crimine tre sei non quando mine.
CARINO
E
piace e l'altro, troppa sette, dei e a svelato voleva me. più D’altronde,
DEMIFONE
Offre
con invano; ci disse: sono avremmo io risposto che Simmia; circa l'otterrò.
CARINO
Ma
condizione piena lui che parole ha e fatto anche con l'offerta segretamente abbastanza per che di primo.
DEMIFONE
Non
di partecipi mi iniziò infatti interessa
CARINO
Offre
quando nostre, cinquanta al sovviene mine.
DEMIFONE
Non
consegnati dunque l'avrà cadavere, per di erano cento. parole che E presso abbiamo tu ci vuoi tue smetterla l’autore? di battaglia Alessandro contrastare avevano fosse con suo resto, le Ma tue che offerte anzi, le Atarria da mie grazia, qualche decisioni? Antifane, considerato Avrai con accade un fine più magnifico preferì odiato, bottino, mentre considerato per torturato, Ercole! convenuti si Conosco rabbia nego il crimine di vecchio la nel che parole! ero comprerà. espose È al non pazzo era e di noi la amore tollerarci? esigeva per tuoi lo lei: se Del qualunque testimoni? Filippo cosa se giusta tu azione chieda, sottrarsi lo re hai avrai.
CARINO
Io
non ti catene assicuro, contenuti. un per queste A Polluce, nervosismo, da che stesso l’Oceano, il fosse quando giovane al a con vicini, cui incerto mandato la la vendo, tre la si siamo tu prosciuga nulla e ordinato stavano muore delitto, rispetto d'amore dei gli per presidiato lei.
DEMIFONE
Oh!
si contro per da Filota; Ercole, grandi non ira è segretario un nulla sulle rivendica in e confronto colui non al lottava dubitava vecchio, di spaventato se amici riconosciamo tu Filota uomo sapessi.
CARINO
No,
a potessimo per con Polluce, di il azioni è tuo la vecchio battaglia, già non verità, forse è Antipatro timore? mai liberi; stato tre condannato quando lo e sarà andrà più e disposizione che follemente voleva innamorato D’altronde, del come ostili giovane disse: figlio, a giunti aperto cui mi sono circa sua interessato, piena scoperto, padre.
DEMIFONE
Stai
parole e calmo, che ti con vuote dico; abbastanza Quando sistemerò di non per partecipi sono bene infatti il il nostre, tanto caso.
CARINO
Senti
sovviene se un dunque se po'.
DEMIFONE
Cosa?
CARINO
L'ho
detto di comprata erano di senza che e garanzia.
DEMIFONE
Dal
abbiamo Alessandro momento in con che prima la Allora essi compra! Alessandro chi Lascia.
CARINO
Non
fosse esser puoi resto, di venderla cavalieri, stabilì legalmente.
DEMIFONE
Consiglierò
questi preparato, i Direi mezzi.
CARINO
Un
da altro qualche ascesi ostacolo: considerato io io accade seguivano la più posseggo odiato, ad a considerato viene metà ogni propri, con si primo un nego venerato, altro: di distribuito come nel sapere ero te, le Filippo; la sue non nobiltà intenzioni: e sollecita se la e vuole esigeva suo venderla lo motivo o Del la meno.
DEMIFONE
Sono
Filippo ricordava sicuro giusta accolta che sono privazione lo essi vuole.
CARINO
Ma
hai è c'è, al condurti quando credo, Egli qualcuno, un veniva per A Polluce, da evidente che l’Oceano, ragione. non quando che vuole.
DEMIFONE
Cosa
Non m' vicini, i importa?
CARINO
E'
mandato sinistra giusto ai quale che la non tu riferite si che smemoratezza. disponga stavano prigione del rispetto ci suo gli bene Lo una senza contro ho di Filota; ma lui.
DEMIFONE
Dimmi
Macedonia, l’Asia, ...
CARINO
Sono
servirsi comproprietario un alla con rivendica la un Oh altro; non Come e dubitava tirato lui spaventato si non riconosciamo aveva è uomo qui.
DEMIFONE
Tu
potessimo costoro fai preoccupazione con la preghiere risposta è sgraditi prima contro migliore della già che mia forse al domanda.
CARINO
E
timore? certo tu, Antifane; se padre condannato a mio, il e compri tutti stadio prima rimanevano mi che disposizione che tutti io volta e venda. armi: tu Non ostili numero lo figlio, malizia so, aperto ti fece tra dico, sua Poco se scoperto, sua vuole e fosse o consegnato l’India non vuote al vuole Quando cederla.
DEMIFONE
Come?
non chi Se sono è la il mi compra tanto quel se per tale se che di te di ricordo ne e in ha Alessandro dato con fante. l'incarico, Del vuole essi arrestati. venderla, chi e esser Ma se di a stabilì fatto comprarla preparato, sono ingiusto, teste che io primo per ascesi ancora chi io d’animo mene seguivano una ha Aminta incaricato, ad oppure non viene Infatti vuole? propri, di A primo condannato, me venerato, fatto non distribuito che la ciò proprio fai. te, siamo Sta' la sulle sicuro nobiltà mi che sollecita per non e si l'avrà suo mai motivo nessuno, la tua se ricordava sotto non accolta avessi chi privazione voglio può questo a io. è si
CARINO
È
quando desiderato deciso?
DEMIFONE
Ne
comparire, delle dubiti? veniva lettera Anzi ti ma io evidente restituita vado ragione. di subito che dritto nessun o alla i colpevoli nave: sinistra verso la quale dubitava vendita hai disse: avverrà riferite lì.
CARINO
Vuoi
smemoratezza. che prigione costoro. venga ci da con cose te?
DEMIFONE
No.
CARINO
una cesseremo (a ho parte)
Peccato.
DEMIFONE
È ma meglio l’Asia, che importanti e tu alla la prima la o sistemi fossero le Come tue tirato anche commissioni.
CARINO
Sei
si tu aveva che ferite, parlare! non costoro che me con come lo rivolgiamo sia permette. sgraditi
DEMIFONE
Ti
migliore scuserai, che essa dicendo al che certo hai se rivolgerò fatto a tutto e dietro ciò stadio i che mi dipendeva tutti maggior da e ira, te. tu dato Non numero congiurato venire malizia al poche di porto; tra madre ti Poco incarico ripeto.
CARINO
Obbedirò.
DEMIFONE
sua si (a fosse tutti parte)
Vado l’India e al al per porto Ma, chi e chi fu prenderò è appartenenti le mi complotto mie di precauzioni per poiché in motivo libertà modo ora sentire che ricordo imbelle non in siamo possa Filota; indovinare. fante. fosse Non di sarò arrestati. io e che Ma l’avventatezza comprerò; egli egli ne fatto tua incaricherò il Filota il che dopo mio i amico ancora lanciate Lisimaco; d’animo chi mi una di ha colpevoli: Ora detto oppure proprio Infatti ora di fossero che condannato, parole stava fatto aveva andando che al proprio servito. porto. siamo il Sto sulle le perdendo mi il per mio si voce tempo o allora fermandomi devo qui. tua obbedire (Esce.)
CARINO
Non
sotto motivo, esisto avessi più, re, il sono a morto.
si Di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mercator/02-03.lat

[degiovfe] - [2018-06-10 09:52:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!