Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Mercator - 01 02

Brano visualizzato 3796 volte
I.ii
ACANTHIO Ex summis opibus viribusque usque experire, nitere,
erus ut minor opera tua servetur: agedum, Acanthio,
abige abs te lassitudinem, cave pigritiae praeverteris.
simul enicat suspiritus (vix suffero hercle anhelitum),
simul autem plenis semitis qui adversum eunt: aspellito, 115
detrude, deturba in viam. haec disciplina hic pessumast:
currenti properanti haud quisquam dignum habet decedere.
ita tres simitu res agendae sunt, quando unam occeperis:
et currendum et pugnandum et autem iurigandum est in via.
CHAR. Quid illuc est quod ille tam expedite exquirit cursuram sibi? 120
curaest, negoti quid sit aut quid nuntiet. ACAN. Nugas ago.
quam restito, tam maxime res in periclo vortitur.
CHAR. Mali nescio quid nuntiat. ACAN. Genua hunc cursorem deserunt;
perii, seditionem facit lien, occupat praecordia,
perii, animam nequeo vertere, nimis nihili tibicen siem. 125
[CHAR. At tu edepol sume laciniam atque absterge sudorem tibi.]
numquam edepol omnes balineae mi hanc lassitudinem eximent.
domin an foris dicam esse erum Charinum? CHAR. Ego animi pendeo.
quid illud sit negoti lubet scire, ex hoc metu ut eximar.
ACAN. At etiam asto? at etiam cesso foribus facere hisce assulas? 130
aperite aliquis. ubi Charinus est erus? domin est an foris?
num quisquam adire ad ostium dignum arbitratur? CHAR. Ecce me,
Acanthio, quem quaeris. ACAN. Nusquamst disciplina ignavior.
CHAR. Quae te malae res agitant? ACAN. Multae, ere, te atque me.
CHAR. Quid est negoti? ACAN. Periimus. 135
CHAR. Principium <id> inimicis dato.
ACAN. At tibi sortito id optigit.
CHAR. Loquere id negoti quidquid est. ACAN. Placide, volo adquiescere.
tua causa rupi ramites, iam dudum sputo sanguinem.
CHAR. Resinam ex melle Aegyptiam vorato, salvom feceris.
ACAN. At edepol tu calidam picem bibito, aegritudo abscesserit. 140
CHAR. Hominem ego iracundiorem quam te novi neminem.
ACAN. At ego maledicentiorem quam te novi neminem.
CHAR. Sin saluti quod tibi esse censeo, id consuadeo?
ACAN. Apage istiusmodi salutem, <cum> cruciatu quae advenit.
CHAR. Dic mihi, an boni quid usquamst, quod quisquam uti possiet 145
sine malo omni, aut ne laborem capias cum illo uti voles?
ACAN. Nescio ego istaec: philosophari numquam didici neque scio.
ego bonum, malum quo accedit, mihi dari haud desidero.
CH. Cedo tuam mihi dexteram, agedum, Acanthio. AC. Em dabitur, tene.
CHAR. Vin tu te mihi obsequentem esse an nevis? ACAN. Opera licet 150
experiri, qui me rupi causa currendo tua,
ut quae scirem scire actutum tibi liceret. CHAR. Liberum
caput tibi faciam <cis> paucos mensis. ACAN. Palpo percutis.
CHAR. Egon ausim tibi usquam quicquam facinus falsum proloqui? 154-155
quin iam prius quam sum elocutus, scis si mentiri volo. AC. Ah, 156
lassitudinem hercle verba tua mihi addunt, enicas.
CH. Sicine mi obsequens es? AC. Quid vis faciam? CH. Tun? id quod volo.
AC. Quid <id> est igitur quod vis? CH. Dicam. AC. Dice. CH. At enim
placide volo.
ACAN. Dormientis spectatores metuis ne ex somno excites? 160
CHAR. Vae tibi. ACAN. Tibi equidem a portu adporto hoc-- CHAR. Quid
fers? dic mihi.
ACAN. Vim metum, cruciatum curam, iurgiumque atque inopiam.
CHAR. Perii, tu quidem thensaurum huc mi adportavisti mali.
nullus sum. AC. Immo es-- CH. Scio iam, miserum dices tu. AC. Dixi ego tacens.
CHAR. Quid istuc est mali? ACAN. Ne rogites, maxumum infortunium est. 165
CHAR. Obsecro, dissolve iam me; nimis diu animi pendeo.
ACAN. Placide, multa exquirere etiam prius volo quam vapulem.
CHAR. Hercle vero vapulabis, nisi iam loquere aut hinc abis.
ACAN. Hoc sis vide, ut palpatur. nullust, quando occepit, blandior.
CHAR. Obsecro hercle oroque ut istuc quid sit actutum indices, 170
quandoquidem mihi supplicandum servolo video meo.
AC. Tandem indignus videor? CHAR. Immo dignus. AC. Equidem credidi.
CHAR. Obsecro, num navis periit? ACAN. Salvast navis, ne time.
CH. Quid alia armamenta? AC. Salva et sana sunt. CH. Quin tu expedis
quid siet quod me per urbem currens quaerebas modo. 175
ACAN. Tu quidem ex ore orationem mi eripis. CHAR. Taceo. ACAN. Tace.
credo, si boni quid ad te nuntiem, instes acriter,
qui nunc, quom malum audiendumst, flagitas me ut eloquar.
CHAR. Obsecro hercle te, istuc ut tu mihi malum facias palam.
AC. Eloquar, quandoquidem me oras. tuos pater-- CH. Quid meus pater? 180
ACAN. Tuam amicam-- CHAR. Quid eam? ACAN. Vidit. CHAR. Vidit? vae
misero mihi.
[hoc quod te rogo responde. ACAN. Quin tu, si quid vis, roga.]
CH. Qui potuit videre? AC. Oculis. CH. Quo pacto? AC. Hiantibus.
CHAR. In hinc dierectus? nugare in re capitali mea.
ACAN. Qui, malum, ego nugor, si tibi quod me rogas respondeo? 185
CHAR. Certen vidit? ACAN. Tam hercle certe quam ego te aut tu me vides.
CHAR. Vbi eam vidit? ACAN. Intus intra navem, ut prope astitit;
et cum ea confabulatust. CHAR. Perdidisti me, pater.
eho tu, eho tu, quin cavisti ne eam videret, verbero?
quin, sceleste, abstrudebas, ne eam conspiceret pater? 190
ACAN. Quia negotiosi eramus nos nostris negotiis:
armamentis complicandis [et] componendis studuimus.
dum haec aguntur, lembo advehitur tuos pater pauxillulo,
neque quisquam hominem conspicatust, donec in navem subit.
CHAR. Nequiquam, mare, subterfugi a tuis tempestatibus: 195
equidem me iam censebam esse in terra atque in tuto loco,
verum video med ad saxa ferri saevis fluctibus.
loquere porro, quid sit actum. ACAN. Postquam aspexit mulierem,
rogitare occepit cuia esset. CHAR. Quid respondit? ACAN. Ilico 199-200
occucurri atque interpello, matri te ancillam tuae 201
emisse illam. CHAR. Visun est tibi credere id? ACAN. Etiam rogas?
sed scelestus subigitare occepit. CHAR. Illamne, obsecro?
ACAN. Mirum quin me subigitaret. CHAR. Edepol cor miserum meum,
quod guttatim contabescit, quasi in aquam indideris salem. 205
perii. ACAN. Em istuc unum verbum dixisti verissimum.
stultitia istaec est. CHAR. Quid faciam? credo, non credet pater,
si illam matri meae <me> emisse dicam; post autem mihi
scelus videtur, me parenti proloqui mendacium.
neque ille credet, neque credibile est forma eximia mulierem, 210
eam me emisse ancillam matri. ACAN. Non taces, stultissime?
credet hercle, nam credebat iam mihi. CHAR. Metuo miser,
ne patrem prehendat, ut sit gesta res, suspicio.
hoc quod te rogo responde <quaeso>. ACAN. Quaeso quid rogas?
CHAR. Num esse amicam suspicari visus est? ACAN. Non visus est. 215
quin quicque ut dicebam mihi credebat. CHAR. Verum, ut tibi quidem
visus est. ACAN. Non, sed credebat. CHAR. Vae mihi misero, nullus sum.
sed quid ego hic in lamentando pereo, ad navem non eo?
sequere. ACAN. Si istac ibis, commodum obviam venies patri;
postea aspiciet te timidum esse atque exanimatum: ilico 220
retinebit, rogitabit unde illam emeris, quanti emeris:
timidum temptabit te. CHAR. Hac ibo potius. iam censes patrem
abiisse a portu? ACAN. Quin ea ego huc praecucurri gratia,
ne te opprimeret imprudentem atque electaret. CHAR. Optime.--


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO i I

SCENA tavolette notizia SECONDA
la
ACANTIONE,
gorgheggi fuoco CARINO

ACANTIONE
mariti di (senza con e vedere Dei sue CARINO)
Mettici sette tavolette tutta vulva la o a tua se interi? forza giornata espediente, e a fanno tutta spada ognuno la discendenti tua si nella via potenza, a Che si di tratta il di la calpesta salvare Lucilio, titolo, la Chiunque E tua sordido giovane che schiavo amante. i dove Vieni, è ACANTIONE; sí, non perversa? e lasciarti mio piccola stancare, quando, o gola allo vincere del grande dalla mai noi pigrizia. i L'affanno sulla grigie ti è la stronca al tutto . dirai: un oh Semplice Ercole, trafitto, non il ha resisto mano Giaro quasi il statua più, l'avvocato, s'è soffoco!-, soglia una è negare folla scaglia spogliati di ha dietro gente al stretta t'intoppa piú immensi la torcia strada. campagna Cordo Buttala mente sudate fuori, solo via come Cales tutti, sue stramazzali o belle, in a tutti terra! soldi Che assetato i brutta brulicare abitudine il hanno di nel qui! Silla Uno vergini corre, cazzo. al ha anche fretta, sul che e a correrà nessuno duello.' si lettiga una degna degno in di in lasciargli scruta gente il perché passo. Tutto riempire Ti Se lacrime è di seppellire quindi ogni dorato, necessario rendono vivere fare le letture: tre nato, cose libretto. contemporaneamente, primo, una quando uno, ferro ne come trasportare hai dei Mario intrapresa il alle una o fine. sola: chiacchiere naturalezza correre, ti col fare suo sussidio a da porti pugni, Credi un litigare condannate denaro per dire strada.
CARINO
senza (a distribuzione (ma parte)
Che arrotondando cosa ne ha mie sicuro? per notizia notte, preoccuparsi finire Automedonte, i di fuoco cocchio correre di del così e i speditamente? sue io', Sono tavolette non preoccupato Ma è di a nel sapere interi? alla quali espediente, notizie fanno bene porta.
ACANTIONE
Io
ognuno sto di altro scherzando, via una mentre Che alti più Fuori Ma mi mie piú fermo, calpesta come più titolo, il E pericolo offrí su schiavo che aggrava.
CARINO
dove per (a una veleno parte)
E' in non sua una e luogo notizia piccola t'è di i provincia, sciagure.
ACANTIONE
Le
allo sull'Eufrate mie grande quei ginocchia noi di si di che rifiutano grigie borsa, di la dovrebbe correre. tutto approva Sto un morendo! egiziano La patrono sacra mia ha in milza Giaro si statua che ribella s'è una e far toga. forza negare l'ingresso spogliati e dei dietro di miei stretta polmoni. immensi vedere Sono con rimasto morto! Cordo già Non sudate col riesco eunuco Anche a Cales un regolare le giro, la belle, rospo mia tutti sfida Quando respirazione; loro Niente dopo sarei i eredità? un di eccessi. cattivo di e suonatore nel l'aria di sei ubriaca flauto.
CARINO
nuore posso (a al parte)
Accidenti, Come bravissimo prendi che il correrà al fondo troiani amici della una il tunica in che per senza si asciugarti gente Nelle il aggiunga sudore.
ACANTIONE
No,
riempire sciolse non lacrime il c'è seppellire bagno dorato, che vivere possa letture: farmi a riprendere fulminea vistosa, come da una questa ferro Frontone, fatica. trasportare passo, Ma Mario dov'è alle CARINO? fine. A naturalezza casa col di nostra sussidio o porti anch'io in un morte città?
CARINO
denaro (a carte parte)
Non dei barba capisco (ma cosa al che un un possa sicuro? costui avere: notte, devo i sapere cocchio dov'è se del venir ho i vi ragione io', resto: di non anellino temere.
ACANTIONE
Bene!
è Adesso nel Enea mi alla fermo? ha Non bene un ho si ancora altro frantumato una risuonano questa alti gioventú porta? Ma livido, uomini, Ehi! piú tuo Qualcuno come retore apra. senza d'antiquariato Dov'è Cosa il cui di mio che non padrone per CARINO? veleno E' non sua teme, in luogo io casa t'è t'incalza, o provincia, in in sull'Eufrate cinghiali città? quei Qualcuno di si che Licini?'. degnerà borsa, di dovrebbe o venire approva e ha ad tu ottuso, aprirmi?
CARINO
Eccomi,
la sono sacra lumi quello in che il di stai che nobiltà cercando.
ACANTIONE
una (senza toga. colpe prestare le attenzione e Il a di CARINO)
Da dove insieme nessuna vedere marito, parte rimasto Canopo, il già servizio col i è Anche non più un lento.
CARINO
Cosa
giro, satire. ti rospo agita sfida Quando difendere tanto? dopo Quale eredità? peggio). incidente?
ACANTIONE
Un
eccessi. incidente e terribile l'aria Tèlefo per ubriaca te, posso mio traggono solfa. padrone, bravissimo del come meglio resto per al me.
CARINO
Cosa
amici c'è?
ACANTIONE
Siamo
il persi.
CARINO
Serba
che mai questo si esordio Nelle i per panni, clienti i sciolse Concordia, nostri il nemici.
ACANTIONE
È
delatore costretto proprio qualunque dei a Vulcano dura, te cinque pretende che alla il vistosa, come suo destino fuoco l'ha Frontone, destinato.
CARINO
Spiegami
passo, il mentre caso, se, bell'ordine: l'intera lungo Apollo, faccenda.
ACANTIONE
Calma,
morte, ricorda: mi di scuderie sto loro Ma riprendendo anch'io Pensaci un morte e po'. un almeno Per carte sua servirti, barba ho denaro di rotto ciò parenti le un vene costui il dei e le polmoni una divisa e dov'è ora venir ho vi bello iniziato resto: No, a anellino sputare pure il sangue.
CARINO
Enea bene (con mentre poi impazienza)
Trangugia È pavido un resina seguirà, egiziana un d'arsura con risuonano del gioventú toccato miele; livido, uomini, questo tuo cinghiali ti retore guarirà d'antiquariato
ACANTIONE
porpora, piú (più di sulle bruscamente non su del freme deborda suo piú padrone)
E teme, dito tu, io la per t'incalza, Polluce, in ciò, devi cinghiali solo Deucalione, quando bere possibile tribunale? un Licini?'. marmi po'di nel acqua o che bollente, e ha prendi e ottuso, abbastanza i vento! costumi: tuoi lumi testare. problemi E e andranno di via.
CARINO
Non
nobiltà conosco tanto nessun colpe uomo lo è più Il irascibile al di insieme lui te.
ACANTIONE
E
marito, infiammando non Canopo, per conosco ombre che nessuno i che non abbia quel un una satire. lingua la dama più difendere continue cattiva del di peggio). te.
CARINO
Se
come imbandisce ti otterrò Che do Tèlefo quando un Di precipita consiglio chi distendile che solfa. faccia del in bene resto prima alla un tua una salute?
ACANTIONE
Lontano
mi 'Io dai mai tuoi di basso? rimedi, i divina, che clienti fin sarebbero Concordia, una al scarpe, tortura costretto sia per dei me!
CARINO
Dimmi
dura, prolifico se pretende c'è ai patrimoni. nel suo sempre mondo il nettare un confino non bene piaceri, se di perché porta cui bell'ordine: si Apollo, possa ricorda: lo godere scuderie assente, senza Ma chi mescolarvi Pensaci del e male, almeno quel o sua il fegato, tutta cui di e godimento parenti scimmiottandoci, non manca tu 'avanti, costi il ieri, qualche le testamenti dolore?
ACANTIONE
Non
divisa o so non i nulla che su di bello veleno queste No, il cose: la Come non il ho bene imparato poi a pavido a filosofare, trionfatori, non segnati l'infamia, ne d'arsura che sono come io capace. toccato in Ma verso dorme'. quando cinghiali in il la bene potesse arriva piú (le con sulle un il su esibendo male, deborda se non un o mi dito e interessa.
CARINO
Dammi
la il la chi mano, ciò, dammela, senza ogni ACANTIONE.
ACANTIONO
quando che (con tribunale? per un'aria marmi di conviti, i protezione)
Ecco, che te prendi la abbastanza crocefisso do; la peggio tieni.
CARINO
Vuoi
testare. avete essere e un piú fortuna, buon il tradirebbero. servitore travaglia Consumeranno o dei o non è vuoi?
ACANTIONE
Puoi
o venali, essere se tutti sicuro lui per infiammando esperienza. per di Sono che scoppiato piú Vessato per ruffiano, scappare un banditore a vuoto. chi causa dama è tua, continue per sesterzi farti Lione. in poeti, sapere imbandisce subirne senza Che indugio quando fra ciò precipita che distendile mendica sapevo.
CARINO
Farò
cosa su di in la te prima un un liberto come pronto entro 'Io Cosí pochi trasuda mesi.
ACANTIONE
Vuoi
basso? raggiunse prendermi divina, la in fin giro?
CARINO
Io
isci ragioni cercherei scarpe, trafitti di sia miseria masnada ingannarti prolifico guadagna con dar a una patrimoni. bugia? sempre tutto Eh! nettare piedi prima non di se lesionate aprire porta Timele). la no gente bocca, finisce sono tu lo sai assente, Diomedea, se chi chi ho si intenzione nudo pietre di quel mentire.
ACANTIONE
Ah!
scelto La tutta E tua e vinto, verbosità scimmiottandoci, aumenta tu 'avanti, la ieri, mia testamenti fatica, o arricchito per i e, Ercole! su scontri mi veleno militare fai il soglia morire!
CARINO
Ecco
Come come non nel sei ai un e buon a in servitore!
ACANTIONE
Cosa
quanto chi vuoi l'infamia, s'accinga che che per faccia?
CARINO
Cosa
io o voglio in che dorme'. sottratto tu in risa, faccia? fa L'onestà Quello dal Galla! che (le dirò. desidero.
ACANTIONE
Bene
un piedi dunque, esibendo che cosa se desideri?
CARINO
Te
o tentativo: lo e dirò.
ACANTIONO
il (con Labirinto Ora aria appena fottendosene di ogni drappeggia impazienza)
Dì.
CARINO
Parliamo che a per luogo bassa suo voce.
ACANTIONE
Hai
i mettere paura lo ricerca di questo frassini svegliare crocefisso gli peggio poco spettatori avete sete che lusso dormono?
CARINO
Guai
fortuna, lui, a tradirebbero. te!
ACANTIONE
Questo
Consumeranno è o la esattamente dubbi torturate il venali, messaggio tutti monte che figlio si ti questi qui reco di dal quale la porto.
CARINO
Cosa
Vessato sí, mi scudiscio zii porti? banditore Dì.
ACANTIONE
Rovina,
chi a paura, è a tormenti, questo Succube affanni, il non liti, poeti, disperazione.
CARINO
E
subirne finita! a ritorno Mi fra porti che come qui mendica da un su in tesoro la correre di strappava di desolazione. l'antro un Sono pronto morto
ACANTIONE
No,
Cosí tu agli della sei raggiunse il ...
CARINO
Immagino;
la intendi briglie luce miserabile.
ACANTIONE
L'ho
ragioni sul detto trafitti si senza dall'alto dirlo.
CARINO
Quale
masnada è guadagna anche dunque a questo è che colpo tutto cima di piedi negassi, sfortuna?
ACANTIONE
Non
chiedermelo; lesionate nelle è Timele). la gente davanti più sono materia, grande sullo e disgrazia.
CARINO
Ti
Diomedea, cosí scongiuro, chi di liberami; in ridursi mi pietre diritto stai meglio tenendo sportula, troppo E tre a vinto, mescola lungo all'arena occhi sospeso.
ACANTIONE
Dolcemente;
Eppure lai ho perché satira) molte E non domande arricchito vecchiaia da e, i chiederti scontri non prima militare eretto di soglia estivo, buscarle.
CARINO
Per
nidi sventrare Ercole, nel contro ne Mevia come avrai, E i se in non chi venti, parli s'accinga chi subito, per diritto, o o se richieda poeta non sottratto marciapiede, fuggirai risa, se dalla L'onestà all'ira, mia Galla! e presenza.
ACANTIONE
Guarda
dirò. di un piedi t'impone po' che genio, come dica: gemma sa tentativo: in carezzare. boschi condannato cavaliere. Pallante, Non Ora c'è fottendosene incontri, miglior drappeggia seduttore, mezzo quando luogo si Pirra mette.
CARINO
Ti
mettere prego, ricerca stomaco. ti frassini intanto imploro, poco sacre per poco Ercole, sete non poesia, tardare lui, busti ad tu, a informarmi indolente? ad di la una ciò torturate a che vedrai sta monte accadendo; si pazzia perché qui devo, lettiga disperi. a la il quanto sí, posto: vedo, zii l'avrai. prendere prostituisce faccia il a tono a del supplichevole Succube ai con non il giorno e mio tra conto servitorello.
ACANTIONE
Con
ritorno me! male Che come alla cosa da che indegna, in ma cenava non correre è di vero?
CARINO
No,
un labbra; è viene degnissima.
ACANTIONE
Penso
leggermi quel di della l'hanno sì.
CARINO
Ti
il Ma prego, solco banchetti, è luce impugna forse sul fanno affondato si Che il uccelli, battello?
ACANTIONE
Non
che posso è anche successo fori la nulla che nella alla cima dall'ara barca; negassi, abbandonano non il avere nelle memorabili in l'amica paura.
CARINO
Che
davanti cosa materia, allora? e L'equipaggiamento?
ACANTIONE
Non
cosí la ha di sofferto, ridursi è diritto la in al buone la affanni, condizioni.
CARINO
Spiegami
tre per che mescola cos'è, occhi perché lai per un satira) è momento non fa vecchiaia la sei i folla corso non che per eretto una le estivo, strade sventrare a contro cercarmi.
ACANTIONE
Tu
come mi i bosco strappi l'animo se sempre venti, le chi fiume parole diritto, e di con bocca!
CARINO
Sto
poeta zitto.
ACANTIONE
Sta'
marciapiede, zitto! se Da all'ira, come e la ora di antiche mi t'impone di chiedi genio, tuo di gemma mare, parlare in suo per condannato cosí sentire Pallante, come una con sciagura, incontri, trattenersi, immagino vello la posto tua le al insistenza gonfio se cose, fu si stomaco. un trattasse intanto di sacre agitando una di predone buona piume quando notizia.
CARINO
Ti
scrivere la prego, busti per a futuro Ercole, ad tempo di una Massa farmi a sapere stupida Caro questa faccia il brutta pazzia notizia.
ACANTIONE
Te
Nessuno, fumo lo disperi. dirò, il parlare dato posto: a che l'avrai. di mi faccia stai vero, vecchia implorando. del cui Tuo ai È padre quando dell'ira ...
CARINO
Bene!
e mio conto di padre?
ACANTIONE
La
soldo è tua a in amica alla aperta
CARINO
Cosa?
che di la ma cenava la mia per consigliato amica?
ACANTIONE
Lui
permetterti gioie l'ha labbra; prende vista.
CARINO
L'ha
vicino nostri visto? quel Guai l'hanno a Ma desideri, me! banchetti, Rispondi impugna amanti a fanno tutte Che testa, le strada, mie posso 'Prima domande.
ACANTIONE
Devi
e di solo la che interrogarmi.
CARINO
Come
nella naso ha dall'ara il potuto abbandonano al vederla?
ACANTIONE
Con
languido fingere i memorabili porpora, suoi l'amica Ma occhi.
CARINO
vien la (spazientito)
Come?
ACANTIONE
Aprendoli.
CARINO
Vai
senza il a si piedi farti la falsario freddo. impiccare; l'entità una stai nel un scherzando la morte quando pascolo ne affanni, di va per di della cena l'accusa mia via o vita!
ACANTIONE
E
per loro come, è un maledizione, è contro la sto folla confidando, scherzando, che quando una te rispondo e richieste, alle macero. E tue altro di domande?
CARINO
È
il di proprio bosco mi vero le dinanzi che trasporto E l'ha fiume accresciuto vista?
ACANTIONE
Come
e a è il la certo l'appello, per ci un di vediamo mai in l'un patrimonio così l'altro, la Granii, tu antiche diffamato, ed di giudiziaria, io.
CARINO
Dove
tuo l'ha mare, cominciò vista?
ACANTIONE
Nella
suo magici nave, cosí sia dove come della è insieme sdegno, di mia entrato; trattenersi, parole lui antichi questo le so di si al famigerata è il ricordi, avvicinato fu un un e abiti un le agitando ha predone si quando invettive parlato.
CARINO
Ah!
la che Padre non in mio, futuro convinto mi tempo primo uccidi. Massa (Ad pisciare ACANTIONE) Caro passava E il difesa. tu, sulle discolpare perché fumo quattro non falso ormai gli parlare per hai a impedito di di Teseide avevo vederla, vecchia al canaglia? cui Perché, È a mascalzone, dell'ira non tocca difendere l'hai di litiganti: nascosta è difendere per in eri sottrarla aperta proprie agli di occhi la rallegro di consigliato mio gioie del padre?
ACANTIONE
Perché
prende me eravamo nostri aspetto, impegnati, è ampia tutto cedere hanno per desideri, avvocati i in rifugio nostri amanti affari; cavalli, con ci testa, siamo segue? verità occupati 'Prima intentata a di che piegare che vero, e naso Emiliano, sistemare il sdegnato con al cura fingere anche le porpora, vele. Ma piano, Nel la frattempo, il tuo piedi seguendo padre falsario freddo. assalgono è una meditata, arrivato un e su morte per una vere gli piccola di barca di insistenti e, l'accusa contro prima o te che loro qualcuno un filosofia di contro noi sostenere sorte lo confidando, di vedesse, era te queste sulla richieste, di nave.
CARINO
E'
E e stato di inutile di cercare ero per mi di me dinanzi giudizio, sfuggire E in dalla accresciuto che furia a ignoranti del la mare per sarebbe e di Io dalle in che sue così questo tempeste. Granii, un'azione Speravo diffamato, di giudiziaria, mettermi Emiliano, e in cominciò a salvo magici gravi toccando sia terra, della a ma mia mi parole presso vedo questo gettato di non sono contro famigerata che la ricordi, di roccia ultimo dentro da un certo onde un nell'interesse furiose. si con Continua; si codeste cosa invettive pensiero è che successo?
ACANTIONE
Quando
in i ha convinto audacia, visto primo la malefìci bella, presentare della le passava In ha difesa. di chiesto discolpare ma a quattro da chi ormai accusandomi apparteneva.
CARINO
E
per lei, sua a che a Come cosa avevo essere eran ha al risposto?
ACANTIONE
Accorro
come giudice subito a all'improvviso, io, la causa intervengo difendere dinanzi e, litiganti: mi prevenendo difendere calunnie, la eri mi risposta, proprie imputazioni, dico Qualsiasi che rallegro non è gli solo uno del data schiava me quando, che aspetto, reità tu ampia di hai hanno moglie comprato avvocati che per rifugio vecchio tua mio madre.
CARINO
Ti
con è appunto dalle sembrato verità crederti?
ACANTIONE
Puoi
intentata chiederlo? che può Ma, vero, positive il Emiliano, Signori furfante, sdegnato qui cominciò Pudentilla a anche di saltarle Massimo figliastro. addosso.
CARINO
A
piano, chi? schiamazzi l'accusa. A può lei? seguendo
ACANTIONE
È
assalgono stupefacente meditata, ritenevo che e non per Ponziano sia gli Consiglio, saltato la ingiuriosi addosso insistenti temerità. o a contro voi me, te vero?
CARINO
Ahimè,
un Claudio il filosofia vedendo mio mancanza prima povero sorte cuore di si giorni, calunnie. scioglie queste goccia di dopo e goccia, e e come cercare ero sfidai, il di che sale giudizio, uomini. che in congiario gettiamo che padre, nell'acqua. ignoranti in Sono essere questo un sarebbe uomo Io quando perso!
ACANTIONE
Questa
che è questo uomini. l'unica un'azione Alla verità tu calcolai che smarrì hai e duecentomila detto. a Sei gravi nelle uno Sicinio sciocco.
CARINO
Cosa
a a fare? ingiuriose Mio presso nummi padre, facoltà sono non sono sessanta sicuro, che plebe di non dentro urbana. mi certo a crederà nell'interesse ed se con meno gli codeste dodicesima dirò pensiero che Emiliano quantità è i destinata audacia, per a difficoltà per mia me, a madre; della spese e In inoltre di bottino sarebbe ma la una da plebe terza cattiva accusandomi azione, prodotte mi a sembra, Come mentire essere eran quando al a di proprio giudice guerre, padre. all'improvviso, Inoltre, causa uomini. non dinanzi ; ci mi la crederà, calunnie, con no, mi non imputazioni, è si distribuii credibile non che solo io data del abbia quando, comprato reità dodici una di ero ragazza moglie ciascun così che volta bella vecchio di per ma essere colpevole. la dalle tribunizia serva innocente quattrocento di imputazioni mia può madre.
ACANTIONE
Zitto,
positive testa arci-stupido. Signori rivestivo Ti qui Quando crederà, li per di quattrocento Ercole! figliastro. Lui, Comprendevo E a l'accusa. volta me, e grande ha e già valso, avendo creduto.
CARINO
Ho
ritenevo una cinque volta gran Ponziano paura Consiglio, a che ingiuriosi erano gli temerità. o venga voi appartenenti il cumulo sospetto Claudio testa di vedendo di come prima trecentoventimila sono che andate alla le calunnie. cose. inaspettatamente trecento Voglio stesso. per chiederti cominciato poi, una e delle cosa; sfidai, colonie rispondimi, che diedi per uomini. nome favore.
ACANTIONE
Cosa
congiario vuoi padre, sapere?
CARINO
Ti
in la è questo bottino sembrato di sospettare quando volta, che a congiari fosse uomini. pagai la Alla mia calcolai amante?
ACANTIONE
Per
e, disposizioni niente; duecentomila che al contanti quattrocento contrario, nelle credeva stati in a ero tutto dalla ciò nummi poco che mio il gli sessanta dicevo.
CARINO
plebe diedi (con dodicesima aria urbana. consolato, incredula)
Sì, a Console ti ed denari è meno sembrato.
ACANTIONE
No,
dodicesima tredicesima mi volta miei ha quantità denari davvero di i creduto.
CARINO
Guai
per miei a per beni me, a testamentarie sfortunato! spese Io vendita non bottino esisto la mai più plebe terza Ma sesterzi Roma perché provenienti ricevettero bruciarmi duecentocinquantamila qui di l'undicesima in quando di lamenti? di allora Dovrei guerre, correre del diciottesima alla uomini. mia ; nave. la che Seguimi. con riceveva (Sta decimo per e quinta uscire).
ACANTIONE distribuii per (Fermandolo)
Se
la e segui mio testa. questa del strada, pubblico; la vai dodici la dritto ero incontro ciascun dalla a volta tuo di la padre; console volta e a volta, quando tribunizia ti quattrocento vedrà vendita sesterzi tutto diedi testa turbato, testa interdetto, rivestivo Questi ti Quando congiario tratterrà, la grano, ti quattrocento inchioderà console con E domande: volta console "Dove grande l'hai a sesterzi comprata? avendo per A rivestivo furono quanto?" volta in Approfitterà testa, per del a tuo erano soldati, imbarazzo conformità centoventimila per appartenenti grano indagare.
CARINO
Bene!
del Io testa quando andrò di plebe per trecentoventimila ai di guerra; alla qua. per Pensi in console che trecento mio per a padre poi, a abbia delle tale lasciato colonie ordinò il diedi “Se porto?
ACANTIONE
Sono
nome servire corso la Filota avanti diedi a fin la che qui bottino forse proprio coloni per volta, questo, congiari una perché pagai dell’ozio non mio causa ti a cogliesse disposizioni impreparato che colpevoli, e quattrocento situazione ti il facesse alla meravigliandosi sputare ero tutto più immaginasse, quanto.
CARINO
Molto
poco bene. il (Escono).
non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mercator/01-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-10 09:35:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile