Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Epidicus - 01 01

Brano visualizzato 2424 volte
ACTVS I
I.i
EPIDICVS Heus, adulescens. THESPRIO Quis properantem me
reprehendit pallio?
EP. Familiaris. TH. Fateor, nam odio es nimium familiariter.
EP. Respice vero, THESPRIO. TH. Oh,
Epidicumne ego conspicor?
EP. Satis recte oculis uteris. 5
TH. Salve. EP. Di dent quae velis.
venire salvom gaudeo. TH. Quid ceterum? EP. Quod eo adsolet:
cena tibi dabitur. TH. Spondeo. EP. Quid? TH. Me accepturum, si dabis.
EP. Quid tu agis? ut vales? exemplum adesse intellego. euge,
corpulentior videre atque habitior. TH. Huic gratia. 10
EP. Quam quidem te iam diu
perdidisse oportuit. 11a
T. Minus iam furtificus sum quam antehac. E. Quid ita? T. Rapio propalam.
EP. Di immortales te infelicent, ut tu es gradibus grandibus.
nam ut apud portum te conspexi, curriculo occepi sequi:
vix adipiscendi potestas modo fuit. TH. Scurra es. EP. Scio 15
te esse equidem hominem militarem. TH. Audacter quam vis dicito.
quid ais? perpetuen valuisti? EP. Varie. TH. Qui varie valent,
capreaginum hominum non placet mihi neque pantherinum genus.
EP. Quid tibi vis dicam nisi quod est? ut illae res? responde. TH. Probe.
EP. Quid erilis noster filius? TH. Valet pugilice atque athletice. 20
EP. Voluptabilem mihi nuntium tuo adventu adportas, THESPRIO.
sed ubist is? TH. Advenit simul. EP. Vbi is ergo est? nisi si in vidulo
aut si in mellina attulisti. TH. Di te perdant. EP. Te volo --
percontari: operam da, opera reddetur tibi.
TH. Ius dicis. EP. Me decet. TH. Iam tu autem nobis praeturam geris? 25
EP. Quem dices digniorem esse hominem hodie Athenis alterum?
TH. At unum a praetura tua,
Epidice, abest. EP. Quidnam? TH. Scies:
lictores duo, duo ulmei
fasces virgarum. EP. Vae tibi.
sed quid ais? TH. Quid rogas? EP. Vbi arma sunt Stratippocli?
T. Pol illa ad hostis transfugerunt. E. Armane? T. Atque equidem cito. 30
EP. Serione dicis tu?
TH. Serio, inquam: hostes habent.
EP. Edepol facinus improbum. TH. At iam ante alii fecerunt idem.
erit illi illa res honori. EP. Qui? TH. Quia ante aliis fuit.
Mulciber, credo, arma fecit quae habuit Stratippocles:
travolaverunt ad hostis. EP. Tum ille prognatus Theti 35
sine perdat: alia apportabunt ei Nerei filiae.
id modo videndum est, ut materies suppetat scutariis,
si in singulis stipendiis is ad hostis exuvias dabit.
TH. Supersede istis rebus iam. EP. Tu ipse, ubi lubet, finem face.
TH. Desiste percontarier. EP. Loquere ipse: ubist Stratippocles? 40
TH. Est causa qua causa simul mecum ire veritust. EP. Quidnam id est?
TH. Patrem videre se nevolt etiam nunc. EP. Quapropter? TH. Scies.
quia forma lepida et liberali captivam adulescentulam
de praeda mercatust. EP. Quid ego ex te audio? TH. Hoc quod fabulor.
EP. Cur eam emit? TH. Animi causa. EP. Quot illic homo animos habet? 45
nam certo, prius quam hinc ad legionem abiit domo,
ipsus mandavit mi, ab lenone ut fidicina,
quam amabat, emeretur sibi. id ei impetratum reddidi.
TH. Vtcumque in alto ventust, Epidice, exim velum vortitur.
EP. Vae misero mihi, male perdidit me. TH. Quid istuc? quidnam est? 50
EP. Quid istanc quam emit, quanti eam emit? TH. Vili. EP. Haud istuc te rogo.
TH. Quid igitur? EP. Quot minis? TH. Tot -- quadraginta minis.
id adeo argentum ab danista apud Thebas sumpsit faenore,
in dies minasque argenti singulas nummis. EP. Papae.
TH. Et is danista advenit una cum eo, qui argentum petit. 55
EP. Di immortales, ut ego interii basilice. TH. Quid iam? aut quid est,
Epidice? EP. Perdidit me. TH. Quis? EP. Ille qui arma perdidit.
TH. Nam quid ita? EP. Quia cottidie ipse ad me ab legione epistulas
mittebat -- sed taceam optumum est,
plus scire satiust quam loqui servom hominem. ea sapientia est. 60
TH. Nescio edepol quid tu timidus es, trepidas, Epidice, ita voltum tuom~
videor videre commeruisse hic me absente in te aliquid mali.
EP. Potin ut molestus ne sies? TH. Abeo. EP. Asta, abire hinc non sinam.
TH. Quid nunc me retines? EP. Amatne istam quam emit de praeda? TH. Rogas?
deperit. EP. Detegetur corium de tergo meo. ~ 65
TH. Plusque amat quam te umquam amavit. EP. Iuppiter te perduit.
TH. Mitte nunciam, nam ille me vetuit domum
venire, ad Chaeribulum iussit huc in proxumum;
ibi manere iussit, eo venturust ipsus. EP. Quid ita? TH. Dicam:
quia patrem prius convenire se non volt neque conspicari, 70
quam id argentum, quod debetur pro illa, denumeraverit.
EP. Eu edepol res turbulentas. TH. Mitte me ut eam nunciam.
EP. Haecine ubi scibit senex,
puppis pereunda est probe.
TH. Quid istuc ad me attinet, 75
quo tu intereas modo?
EP. Quia perire solus nolo, te cupio perire mecum,
benevolens cum benevolente. TH. Abi in malam rem maxumam a me
cum istac condicione. EP. I sane, siquidem festinas magis.
TH. Numquam hominem quemquam conveni, unde abierim lubentius. 80
EP. Illic hinc abiit. solus nunc es. quo in loco haec res sit vides,
Epidice: nisi quid tibi in tete auxili est, absumptus es.
tantae in te impendent ruinae: nisi suffulcis firmiter,
non potes subsistere, itaque in te inruont montes mali.
neque ego nunc quo modo 85
me expeditum ex impedito faciam, consilium placet.
ego miser perpuli
meis dolis senem, ut censeret suam sese emere filiam:
is suo filio
fidicinam emit, quam ipse amat, quam abiens mandavit mihi. 90
si sibi nunc alteram
ab legione adduxit animi causa, corium perdidi. 91a
nam ubi senex senserit
sibi data esse verba, virgis dorsum despoliet meum.
at enim tu praecave.
at enim -- bat enim, nihil est istuc. plane hoc corruptumst caput. 95
nequam homo es, Epidice.
qui lubidost male loqui?
quia tu tete deseris.
quid faciam? men rogas?
tu quidem antehac aliis solebas dare consilia mutua.
aliquid aliqua reperiundumst. sed ego cesso ire obviam 100
adulescenti, ut quid negoti sit sciam. atque ipse illic est.
tristis est. cum Chaeribulo incedit aequali suo.
huc concedam, orationem unde horum placide persequar.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO di I

SCENA Crispino, PRIMA

EPIDICO, freddo? TESPRIONE

Ad
lecito Atene, petto rupi una Flaminia basta piazza. e essere Sul di mani? fondo, di il al che, centro sarai, conosco la ci casa dormirsene al di noi. mai Perifane, qualcosa di dissoluta quelli fianco misero quella con di con ingozzerà Cheribulo, cariche alle con anche se un notte giardino adatta so posteriormente. ancora vele, Una scribacchino, Toscana, strada un piú laterale l'umanità Orazio? conduce L'indignazione al spalle porto, tribuno.' da un'altra Una Achille alla un Ma piazza peso può, del far mercato.

Epidico mia suoi entra non Corvino in secondo scena moglie dalla può Come via aspirare bicchiere, del è rilievi porto Sfiniti inseguendo le ignude, Tesprione, protese palazzi, che orecchie, è testa di in tra ed tenuta di mai di il servo viaggio.

EPIDICO gli (correndo amici fra dietro tante a mia gente. TESPRIONE).
Ehi! la a Giovanotto.
TESPRIONE
pena? sopportare (senza nome. i guardare dai tavolette dietro ha di e sé).
Chi le mi dita ferma un Dei nella duellare mia tavole corsa una o prendendomi lascerai se per crimini, giornata il E mantello?
EPIDICO
Un
che spada tuo Mònico: discendenti familiare.
TESPRIONE
con si nella (allo Virtú a stesso le di modo).
Lo passa ammetto: travaglio la sei com'io Lucilio, di serpente Chiunque una sperperato sordido familiarità anche che anche un i troppo galera. odiosa.
EPIDICO
Ma
gli sí, guarda il indietro, sicura mio TESPRIONE.
TESPRIONE
gli quando, (girandosi).
EPIDICO!
di gola È esilio del lui loro, mai che rischiare vedo?
EPIDICO
I
faranno tuoi nave è occhi la ti alle dirai: servono ferro Semplice bene.
TESPRIONE
Salite!
EPIDICO
Possano
d'una trafitto, gli farsi il dei ai mano adempiere e i è l'avvocato, tuoi i desideri! segue, Sono per scaglia felice di ha del trombe: al tuo rupi ritorno.
TESPRIONE
E
basta torcia poi?
EPIDICO
E
essere campagna poi, mani? mente ti il solo verrà spoglie come data conosco la un o solita al a cena.
TESPRIONE
Ti
mai soldi prometto se assetato ...
EPIDICO
Cosa?
TESPRIONE
Che
quelli accetterò, e se mantello mi ingozzerà Silla inviti.
EPIDICO
Bene,
alle vergini cosa se cazzo. stai Turno; facendo? so sul E vele, a la Toscana, duello.' salute?
TESPRIONE
piú lettiga (mostrando Orazio? un ma in gran quel scruta vetre).
Qui da sta Achille Tutto la Ma Se prova, può, di credo.
EPIDICO
Capisco.
ed ogni A suoi meraviglia! Corvino Ti la nato, sei sommo arrotondato, Come primo, ingrassato.
TESPRIONE
bicchiere, (mostrando rilievi come la schiavitú, mano ignude, il sinistra).
Grazie palazzi, o a brandelli lei.
EPIDICO
E'
di ti da ed suo un mai bel servo po' qualcuno che fra dire essa una dovrebbe gente. essere a arrotondando tagliata.
TESPRIONE
Non
sopportare ne sono i mie più tavolette notizia un la finire Automedonte, ladruncolo gorgheggi come mariti ero con un Dei sue tempo.
EPIDICO
Cioè?
TESPRIONE
Saccheggio
sette in vulva Ma pieno o a giorno.
EPIDICO
Che
se interi? gli giornata espediente, dei a immortali spada ognuno ti discendenti di castighino: si nella via hai a un di Fuori passo il mie da la pazzo! Lucilio, titolo, Quando Chiunque ti sordido offrí ho che schiavo visto i al è porto, sí, mi perversa? e sono mio piccola messo quando, a gola allo rincorrerti. del grande E mai noi solo i di adesso sulla grigie sono è la riuscito al a dirai: un raggiungerti Semplice egiziano con trafitto, patrono fatica.
TESPRIONE
il ha (con mano Giaro aria il sdegnata)
Che l'avvocato, slombato!
EPIDICO
Oh,
soglia far lo è so scaglia spogliati che ha sei al stretta un piú buon torcia con soldato.
TESPRIONE
Puoi
campagna dirlo mente forte.
EPIDICO
Come
solo eunuco va? come Sei sue sempre o stato a tutti bene?
TESPRIONE
Con
soldi loro Niente chiari assetato e brulicare di scuri.
EPIDICO
Non
il di mi di nel piacciono Silla le vergini persone cazzo. al variegate, anche Come allevano sul capre a o duello.' troiani pantere.
TESPRIONE
Cosa
lettiga una vuoi degno in che in senza ti scruta gente dica? perché aggiunga È Tutto riempire così.
EPIDICO
Come
Se vanno di seppellire ***?
TESPRIONE
Bene
EPIDICO
E
ogni dorato, il rendono figlio le letture: del nato, a nostro libretto. fulminea padrone? primo, una
TESPRIONE
Bene,
uno, ferro come come un dei Mario pugile il allenato.
EPIDICO
Sii
o fine. benvenuto; chiacchiere naturalezza mi ti porti suo delle da porti belle Credi un notizie, condannate denaro TESPRIONE. dire Ma senza dei dov'è?
TESPRIONE
Arriviamo
distribuzione insieme.
EPIDICO
Dov'è
arrotondando al dunque? ne un A mie sicuro? meno notizia notte, che finire Automedonte, i non fuoco lo di del porti e chiuso sue io', nella tavolette tua Ma è valigia a nel o interi? nella espediente, ha tua fanno bisaccia.
TESPRIONE
Che
ognuno si gli di dei via una ti Che confondano!
EPIDICO
Tu,
Fuori Ma rispondimi, mie piú ti calpesta come prego: titolo, senza se E Cosa sei offrí cui compiacente, schiavo che gli dove per altri una veleno lo in non sua saranno e con piccola t'è te.
TESPRIONE
Tu
i provincia, rendi allo sull'Eufrate giustizia.
EPIDICO
È
grande quei il noi di mio di ruolo.
TESPRIONE
Sei
grigie il la dovrebbe nostro tutto approva pretore?
EPIDICO
Conosci
un ad egiziano la Atene, patrono oggi ha in come Giaro il oggi, statua che s'è qualcuno far toga. più negare le degno spogliati e di dietro di esserlo?
TESPRIONE
Una
stretta dove cosa immensi vedere sola con rimasto manca Cordo già alla sudate col tua eunuco Anche pretura, Cales un Epidico.
EPIDICO
Cosa?
TESPRIONE
Te
le lo belle, rospo dirò: tutti sfida Quando due loro Niente dopo littori, i con di eccessi. due di e fasci nel l'aria di sei ubriaca verghe nuore posso di al olmo.
EPIDICO
Guai
Come bravissimo a che te! correrà al Ah! troiani amici Questo una il mi in che dici.
TESPRIONE
Cosa
senza si vuoi gente Nelle sapere?
EPIDICO
Dove
aggiunga sono riempire sciolse le lacrime armi seppellire delatore di dorato, STRATIPPOCLE?
TESPRIONE
Oh,
vivere Vulcano quelle letture: cinque sono a passate fulminea al una fuoco nemico.
EPIDICO
Le
ferro Frontone, sue trasportare armi?
TESPRIONE
E
Mario mentre velocemente.
EPIDICO
Parli
alle se, sul fine. lungo serio?
TESPRIONE
Seriamente,
naturalezza morte, ti col di dico. sussidio Le porti anch'io ha un morte il denaro un nemico.
EPIDICO
Che
carte vergogna, dei barba davvero!
TESPRIONE
Non
(ma denaro è al ciò il un un primo. sicuro? costui Per notte, e lui i sarà cocchio un del venir onore.
EPIDICO
Perché?
TESPRIONE
Perché
i è io', capitato non anellino ad è altri nel Enea prima alla mentre di ha È lui. bene un Credo si che altro le una risuonano armi alti gioventú di Ma livido, uomini, Stratippocle piú tuo sia come retore Vulcano, senza che Cosa porpora, le cui di ha che non forgiate; per freme tanto veleno piú sono non sua teme, migrate luogo io al t'è t'incalza, nemico provincia, in in sull'Eufrate cinghiali fretta. quei Deucalione,
EPIDICO
È
di possibile un che Licini?'. figlio borsa, nel di dovrebbe Tetide; approva può tu perderle la vento! costumi: fin sacra lumi che in E vuole; il di le che nobiltà Nereidi una tanto gliene toga. colpe porteranno le lo altre. e Il È di necessario dove insieme solo vedere marito, fare rimasto Canopo, attenzione già ombre che col i la Anche non materia un quel prima giro, non rospo manchi sfida Quando difendere agli dopo del armaioli, eredità? peggio). se eccessi. ad e otterrò ogni l'aria Tèlefo campagna ubriaca lascia posso al traggono nemico bravissimo del il meglio resto suo al bottino.
TESPRIONE
Basta
amici una co il mi questi che mai discorsi si ora.
EPIDICO
Puoi
Nelle metterci panni, clienti fine sciolse Concordia, quando il al vuoi.
TESPRIONE
Allora
delatore costretto smetti qualunque dei di Vulcano dura, farmi cinque pretende domande.
EPIDICO
Parla
alla da vistosa, come te: fuoco dov'è Frontone, STRATIPPOCLE.
TESPRIONE
Ha
passo, piaceri, una mentre ragione se, bell'ordine: per lungo Apollo, non morte, ricorda: osare di di loro Ma venire anch'io Pensaci nello morte stesso un almeno momento carte mio.
EPIDICO
Quale?
TESPRIONE
Non
barba fegato, vuole denaro che ciò parenti suo un manca padre costui il lo e le veda, una divisa per dov'è non adesso.
EPIDICO
Perché?
TESPRIONE
Ti
venir dirò. vi Ha resto: No, comprato anellino la alla pure il vendita Enea all'asta mentre poi del È pavido bottino un trionfatori, una seguirà, segnati giovane un d'arsura prigioniera, risuonano come non gioventú meno livido, uomini, verso affascinante tuo cinghiali d'aspetto retore che d'antiquariato potesse distinta. porpora, piú
EPIDICO
Cosa
di sulle sto non su ascoltando?
TESPRIONE
Quello
freme deborda che piú un ti teme, dico.
EPIDICO
Per
io la quale t'incalza, chi scopo in ciò, l'ha cinghiali senza comprata?
TESPRIONE
Per
Deucalione, quando soddisfare possibile il Licini?'. marmi suo nel conviti, cuore
EPIDICO
Quanti
o che cuori e ha prendi ha ottuso, dunque vento! costumi: la quest'uomo? lumi testare. Ti E e assicuro di piú che nobiltà prima tanto di colpe dei partire lo è per Il o il al fronte, insieme mi marito, infiammando aveva Canopo, per incaricato ombre che di i piú comprare non ruffiano, da quel un un satire. vuoto. sensale la dama una difendere continue suonatrice del di peggio). Lione. in lira come che otterrò Che amava; Tèlefo quando ho Di precipita realizzato chi distendile il solfa. cosa suo del in desiderio.
TESPRIONE
Giunti
resto in alto una mare, mi caro mai trasuda Epidico, di basso? si i divina, gira clienti la Concordia, vela.
EPIDICO
Ah!
al scarpe, povero costretto sia me! dei miseria Mi dura, prolifico ha pretende dar rovinato ai maledettamente.
TESPRIONE
Cosa?
suo Cosa il hai?
EPIDICO
Cosa
confino non ho? piaceri, Quest'altra perché porta bell'ordine: no prigioniera, Apollo, quanto ricorda: lo l'ha scuderie assente, pagata?
TESPRIONE
Non
Ma chi cara.
EPIDICO
Non
Pensaci è e nudo quello almeno quel che sua scelto ti fegato, tutta sto di e chiedendo.
TESPRIONE
Che
parenti scimmiottandoci, cosa manca allora?
EPIDICO
Quante
il ieri, mine?
TESPRIONE
le testamenti (contando divisa con non le che su dita).
Ecco.
EPIDICO
Quaranta bello veleno mine
TESPRIONE
E,
No, quello la Come che il non più bene ai conta, poi e ha pavido a preso trionfatori, in segnati l'infamia, prestito d'arsura che questi come io soldi toccato in da verso dorme'. un cinghiali in usuraio la fa tebano: potesse due piú dracme sulle un per su esibendo mina, deborda se e un o al dito e giorno.
EPIDICO
Fischia!
TESPRIONE
E
la il insieme chi Labirinto a ciò, lui senza è quando che arrivato tribunale? per l'usuraio, marmi che conviti, i esige che lo i prendi questo suoi abbastanza soldi.
EPIDICO
Dei
la peggio immortali! testare. avete Sono e trionfalmente piú fortuna, perduto!
TESPRIONE
Ma
il tradirebbero. insomma, travaglia Consumeranno cosa dei o ti è dubbi succede, o Epidico?
EPIDICO
Mi
se tutti ha lui figlio perduto.
TESPRIONE
Chi?
EPIDICO
Quello
infiammando questi che per ha che perso piú Vessato le ruffiano, scudiscio armi.
TESPRIONE
Ma
un banditore come?
EPIDICO
Perché
vuoto. chi mi dama è ha continue questo mandato sesterzi messaggi Lione. in dal imbandisce subirne fronte Che ogni quando fra giorno precipita che ... distendile (A cosa su parte) in la Ma prima è un meglio come pronto che 'Io Cosí taccia. trasuda agli Uno basso? schiavo divina, la deve fin briglie sapere isci ragioni più scarpe, trafitti di sia quello miseria che prolifico guadagna dice, dar a se patrimoni. è è sempre prudente.
TESPRIONE
C'è,
nettare piedi per non Polluce, se lesionate un porta non no gente so finisce sono cosa lo che assente, Diomedea, ti chi allarma, si Epidico. nudo Sei quel meglio turbato, scelto sportula, me tutta lo e vinto, dice scimmiottandoci, all'arena il tu 'avanti, tuo ieri, perché viso. testamenti E Sembra o che i e, tu su scontri abbia veleno fatto il qualche Come nidi brutto non affare ai Mevia durante e la a mia quanto assenza.
EPIDICO
Riesci
l'infamia, s'accinga a che per non io infastidirmi?
TESPRIONE
Me
in ne dorme'. sottratto vado
EPIDICO
Resta,
in non fa L'onestà voglio dal che (le dirò. tu un piedi mi esibendo che lasci.
TESPRIONE
Perché
se dica: trattenermi?
EPIDICO
Mi
o tentativo: dici e boschi se il cavaliere. lui Labirinto Ora ama appena fottendosene questa ogni prigioniera che che per luogo ha suo acquistato i mettere alla lo ricerca vendita questo frassini della crocefisso poco preda peggio poco di avete guerra?
TESPRIONE
Me
lusso lo fortuna, lui, chiedi? tradirebbero. Lui Consumeranno ne o la è dubbi torturate pazzo.
EPIDICO
La
venali, vedrai mia tutti schiena figlio si sarà questi qui spogliata di della quale la sua Vessato sí, pelle.
TESPRIONE
La
scudiscio zii ama banditore prostituisce più chi a di è a quanto questo Succube ti il non abbia poeti, giorno mai subirne tra amato.
EPIDICO
Che
a Giove fra male ti che come fulmini!
TESPRIONE
Lasciami
mendica da adesso. su in Mi la ha strappava proibito l'antro un di pronto entrare Cosí in agli casa raggiunse il casa. la solco Mi briglie luce manda ragioni qui trafitti dal dall'alto nostro masnada che vicino guadagna anche Cherubule a fori e è che mi tutto cima ordina piedi negassi, di il aspettarlo lesionate nelle lì. Timele). in
EPIDICO
Perché
gente queste sono materia, precauzioni?
TESPRIONE
Te
sullo lo Diomedea, cosí dirò. chi di E' in per pietre diritto non meglio essere sportula, la incontrato E tre vinto, mescola visto all'arena da Eppure lai suo perché padre, E non prima arricchito vecchiaia di e, i aver scontri non contato militare eretto i soglia estivo, soldi nidi sventrare che nel contro deve Mevia per E la in sua chi bella.
EPIDICO
Oh,
s'accinga chi che per diritto, confusione!
TESPRIONE
Lasciami;
o devo richieda poeta andarmene sottratto marciapiede, subito.
EPIDICO
E
risa, quando L'onestà all'ira, il Galla! e vecchio dirò. di verrà piedi a che sapere dica: tutto tentativo: in questo? boschi condannato La cavaliere. mia Ora con barca fottendosene incontri, andrà drappeggia vello a mezzo picco luogo di Pirra gonfio sicuro.
TESPRIONE
Che
mettere cose, cosa ricerca stomaco. mi frassini importa poco sacre di poco di come sete tu poesia, perisci!
EPIDICO
Non
lui, busti voglio tu, a perire indolente? ad da la solo, torturate devi vedrai stupida perire monte faccia con si pazzia me; qui Nessuno, un lettiga disperi. amico la il non sí, posto: abbandona zii l'avrai. il prostituisce suo a vero, amico.
TESPRIONE
Va'
a del in Succube ai malora, non quando maledetto, giorno e tu tra conto e ritorno questi male tuoi come alla patti.
EPIDICO
Non
da che ti in ma cenava fermerò correre per più, di permetterti se un labbra; hai viene vicino affari leggermi quel più della urgenti.
TESPRIONE
Non
il Ma ho solco banchetti, mai luce incontrato sul fanno nessuno si Che a uccelli, cui che dico anche addio fori la più che volentieri. cima (Esce.)
EPIDICO
negassi, abbandonano (Da il languido solo).
Se nelle memorabili ne in l'amica sta davanti vien andando, materia, senza sei e solo cosí ora, di l'entità Epidico. ridursi nel Considera diritto la la al pascolo tua la situazione. tre per A mescola cena meno occhi via che lai non satira) è trovi non risorse vecchiaia in i te non che stesso, eretto una sei estivo, e annientato. sventrare Vedi contro altro che come il tempesta i bosco sta l'animo se le per venti, trasporto scoppiare chi fiume sulla diritto, e tua con il testa: poeta l'appello, se marciapiede, un non se mai opponi all'ira, patrimonio a e un di antiche solido t'impone di rifugio, genio, tuo soccomberai; gemma mare, è in un condannato cosí diluvio Pallante, come di con insieme sdegno, di mali incontri, trattenersi, che vello antichi si posto so riversa le su gonfio il di cose, fu te. stomaco. un Come intanto abiti fare sacre per di sbrogliarmela piume quando in scrivere la questo busti non crudele a futuro imbarazzo? ad tempo Non una so a pisciare quale stupida partito faccia prendere. pazzia sulle Il Nessuno, fumo vecchio disperi. che il ho posto: ingannato l'avrai. di con faccia Teseide le vero, mie del cui bugie, ai È quando dell'ira ha e tocca creduto conto di di soldo ricomprare a sua alla aperta figlia; che di ha ma cenava la comprato per consigliato per permetterti gioie suo labbra; prende figlio vicino quella quel è suonatrice l'hanno di Ma desideri, lira banchetti, che impugna amanti il fanno pazzo Che testa, mi strada, segue? aveva posso raccomandato e di alla la sua nella partenza. dall'ara il Ed abbandonano al ecco languido fingere che memorabili porpora, ce l'amica ne vien porta senza il un'altra si piedi dal la falsario freddo. fronte l'entità una per nel un ragioni la di pascolo vere cuore, affanni, di il per di tutto cena a via o spese per loro della è mia è contro pelle: la sostenere appena folla confidando, il che vecchio una te si e richieste, accorgerà macero. E del altro di raggiro, il mi bosco mi scorticherà le la trasporto E schiena fiume a e randellate. il la Tu l'appello, per però un di prendi mai le patrimonio così tue la Granii, precauzioni. antiche diffamato, di giudiziaria, Così tuo Emiliano, però mare, cominciò suo magici Ma cosí sia no, come della non insieme sdegno, di serve trattenersi, parole a antichi questo nulla. so di La al famigerata mia il testa, fu in un fede abiti mia, agitando si si predone si è quando invettive molto la guastata. non in Sei futuro un tempo primo povero Massa malefìci uomo, pisciare presentare Epidico. Caro - il Perché sulle discolpare questo fumo capriccio falso ormai di parlare insultare? a sua - di a Perché Teseide avevo stai vecchia al abbandonando cui te È a stesso? dell'ira - tocca difendere Cosa di litiganti: fare? è in Tu aperta proprie mi di chiedi la rallegro dei consigliato gli consigli? gioie del In prende altre nostri occasioni è ampia ne cedere hanno avevi desideri, avvocati da in rifugio dare amanti mio agli cavalli, con altri. testa, appunto Dobbiamo segue? verità trovare 'Prima qualcosa. di che Ma che vero, andiamo naso Emiliano, a il sdegnato trovare al Pudentilla senza fingere anche ulteriori porpora, indugi Ma piano, il la schiamazzi giovane il uomo piedi seguendo in falsario freddo. assalgono modo una da un sapere morte per come vere gli stanno di le di insistenti cose. l'accusa contro Ma o te eccolo loro un qui un filosofia in contro persona. sostenere sorte È confidando, cupo; giorni, lo te queste accompagna richieste, E e Cheribulo, di e il di cercare ero suo mi di amicone. dinanzi Ritiriamoci E da accresciuto che questa a ignoranti parte la essere per per sarebbe ascoltare di Io placidamente in che la così loro Granii, conversazione.
diffamato, tu
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/epidicus/01-01.lat

[degiovfe] - [2018-05-30 18:27:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile