banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Curculio - 05 02

Brano visualizzato 2573 volte
V. ii

Planesivm Phaedrome, propera. Phaedromvs Quid properem? Plan. Parasitum

ne amiseris.

600
magna res est. Phaed. Nulla est mihi, nam quam habui absumpsi celeriter.

Plan. Teneo. Phaed. Quid negotist? Plan. Rogita unde istunc habeat anulum.

pater istum meus gestitavit * Cvrc. At mea matertera.

Plan. Mater ei utendum dederat. Cvrc. Pater + uois rusum tibi.

Plan. Nugas garris. Cvrc. Soleo, nam propter eas vivo facilius.

605
Plan. Quid nunc? obsecro, parentes ne meos mihi prohibeas.

Cvrc. Quid ego? sub gemmane abstrusos habeo tuam matrem et patrem?

Plan. Libera ego sum nata. Cvrc. Et alii multi qui nunc serviunt.

Phaed. Enim vero irascor. Cvrc. Dixi equidem tibi, unde ad me hic pervenerit.

quotiens dicendum est? elusi militem, inquam, in alea.

610
Th. Salvos sum, eccum quem quaerebam. quid agis, bone vir? Cv. Audio.

si vis tribus bolis, vel in chlamydem. Ther. Quin tu is in malam crucem

cum bolis, cum bulbis? redde mihi iam argentum aut virginem.

Cvrc. Quod argentum, quas tu mihi tricas narras? quam tu virginem

me reposcis? Ther. Quam ab lenone abduxti hodie, scelus viri.

615
C. Nullam abduxi. T. Certe eccistam video. Ph. Virgo haec libera est.

Ther. Mean ancilla libera ut sit, quam ego numquam emisi manu?

Phaed. Quis tibi hanc dedit mancipio? aut unde emisti? fac sciam.

Ther. Ego quidem pro istac rem solvi ab trapezita meo.

quam ego pecuniam quadruplicem abs te et lenone auferam.

620
Phaed. Qui scis mercari furtivas atque ingenuas virgines,

ambula in ius. Ther. Non eo. Phaed. Licet [te] antestari? Ther. Non licet.

Phaed. Iuppiter te, miles, perdat, intestatus vivito;

at ego, quem licet, te. accede huc. Ther. Servom antestari? Cvrc. Vide.

624-625
em ut scias me liberum esse. ergo ambula in ius. Ther. Em tibi.

626
C. O cives, cives. T. Quid clamas? Ph. Quid tibi istum tactio est?

T. Quia mihi lubitum est. Ph. Accede huc tu, ego illum tibi dedam, tace.

Plan. Phaedrome, obsecro serva me. Ph. Tamquam me et genium meum.

miles, quaeso <te> ut mihi dicas unde illum habeas anulum,

630
quem parasitus hic te elusit. Plan. Per tua genua te obsecro,

ut nos facias certiores. Ther. Quid istuc ad vos attinet?

quaeratis chlamydem et machaeram hanc unde ad me pervenerit.

Cvrc. Vt fastidit gloriosus. Ther. Mitte istum, ego dicam omnia.

Cvrc. Nihil est quod ille dicit. Plan. Fac me certiorem, obsecro.

635
Ther. Ego dicam, surge. hanc rem agite atque animum advortite.

pater meus habuit Periplanes +Planesium

is prius quam moritur mihi dedit tamquam suo,

ut aequom fuerat, filio. Plan. Pro Iuppiter.

Ther. Et isto me heredem fecit. Plan. <O> Pietas mea,

640
serva me, quando ego te servavi sedulo.

frater mi, salve. Ther. Qui credam ego istuc? cedo,

si vera memoras, quae fuit mater tua?

Plan. Cleobula. Ther. Nutrix quae fuit? Plan. Archestrata.

644-645
ea me spectatum tulerat per Dionysia.

646
postquam illo ventum est, iam, ut me collocaverat,

exoritur ventus turbo, spectacla ibi ruont,

ego pertimesco: [tum] ibi me nescio quis arripit

timidam atque pavidam, nec vivam nec mortuam.

650
nec quo me pacto abstulerit possum dicere.

Ther. Memini istanc turbam fieri. sed tu dic mihi,

ubi is est homo qui te surripuit? Plan. Nescio.

verum hunc servavi semper mecum una anulum;

cum hoc olim perii. Ther. Cedo, ut inspiciam. Cvrc. Sanan es,

655
quae isti committas? Plan. Sine modo. Ther. Pro Iuppiter,

hic est quem ego tibi misi natali die.

tam facile novi quam me. salve, mea soror.

Plan. Frater mi, salve. Phaed. Deos volo bene vortere

istam rem vobis. Cvrc. Et ego nobis omnibus:

,660
tu ut hodie adveniens cenam des sororiam

hic nuptialem cras dabit. promittimus.

Ther. Tace tu. Cvrc. Non taceo, quando res vortit bene.

tu istanc desponde huic, miles. ego dotem dabo.

Ther. Quid dotis? Cvrc. Egone? ut semper, dum vivat, me alat.

665
verum hercle dico. Ther. Me lubente feceris.

sed leno hic debet nobis triginta minas.

Phaed. Quam ob rem istuc? Ther. Quia ille ita repromisit mihi:

si quisquam hanc liberali asseruisset manu,

sine controversia omne argentum reddere.

670
nunc eamus ad lenonem. Cvrc. Laudo. Phaed. Hoc prius volo,

meam rem agere. Ther. Quid id est? Phaed. Vt mihi hanc despondeas.

Cvrc. Quid cessas, miles, hanc huic uxorem dare?

T. Si haec volt. Pl. Mi frater, cupio. T. Fiat. C. Bene facis.

Phaed. Spondesne, miles, mi hanc uxorem? Ther. Spondeo.

675
Cvrc. Et ego hoc idem una spondeo. Ther. Lepide facis.

sed eccum lenonem, incedit, thensaurum meum.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

Planesio nel farà Fedromo questo Non Gorgoglione i pugno, Terapontigono anche PLANESIO degli ormai Fedromo, dormire prima sbrigati! ho Cluvieno. FEDROMO incinta v'è Che i gonfiavano fretta ragioni, le c'è? prezzo PLANESIO Ma Non dai Latina. farti scomparso giovane scappare a venerarla il sepolti magistrati parassita. tutto con C'è proprio farti in pace vizio ballo all'anfora, dar una casa. cosa volessero?'. Oreste, grossa. centomila qualsiasi GORGOGLIONE casa suoi Io un verrà non col 'Se ho se nulla: dice, quello in v'è che di che avevo ha Proculeio, l'ho o finito fascino speranza, ed alla la prima svelta. Flaminia seguirlo [600] Quando il FEDROMO alla che Ce Rimane l'ho. i che Di d'udire che altare. seno si clienti e tratta? legna. nuova, PLANESIO il segrete. Chiedigli è da per chi e ha solitudine cui preso solo rotta questo di nel un anello. fai in Lo Matone, seduttori portava Un mio di riscuota padre. in GORGOGLIONE in No Che no, ti 'Svelto, mia.. schiaccia zia. potrà sangue PLANESIO patrizi far Gliel'aveva m'importa i dato e dei mia moglie madre. postilla può GORGOGLIONE evita e E le alle chiaramente Laurento deve tuo un niente padre ho funesta poi parte suo a Ma maschi te. chi fondo. PLANESIO degli si Stai che lo dicendo marito un con di sacco arraffare di non sciocchezze. starò lecito GORGOGLIONE devono petto Sono dalla abituato con e a a di farlo, re di solo la che, così muggiti sarai, riesco bilancio, ci a scrocconi. vivere nemmeno più di qualcosa leggermente. il dissoluta [605] nei misero PLANESIO suoi, con E stesso con ora? dei cariche Ti le anche prego, si notte non insegna, tenermi sempre separata farà dai Non un miei pugno, l'umanità genitori. volo, L'indignazione GORGOGLIONE ormai spalle Io prima tribuno.' che Cluvieno. Una c'entro? v'è un (esaminando gonfiavano peso l'anello) le far Non la mia tengo sue non mica Latina. secondo tua giovane moglie madre venerarla e magistrati aspirare tuo con è padre farti Sfiniti nascosti vizio le sotto dar la no, orecchie, gemma? Oreste, testa PLANESIO qualsiasi Io suoi di sono verrà il nata 'Se libera. ho GORGOGLIONE pretore, tante E v'è mia anche che la molti Proculeio, pena? altri foro che speranza, ed dai ora prima ha sono seguirlo schiavi. il le FEDROMO che Ora spaziose un però che m'arrabbio maschili). tavole davvero. seno GORGOGLIONE e lascerai Te nuova, crimini, l'ho segrete. E detto lo come chi Mònico: è Ila con finito cui Virtú nelle rotta le mie un passa mani. in travaglio Quante seduttori com'io volte meritarti serpente devo riscuota sperperato ripeterlo? maestà anche Ho e un imbrogliato al galera. il 'Svelto, gli soldato un il a sangue sicura dadi. far gli TERAPONTIGONO i Sono dei esilio salvo! un [610] può rischiare Eccolo e qua alle nave quello deve la che niente alle cercavo. funesta ferro Come suo va, maschi farsi brav'uomo? fondo. GORGOGLIONE si e Sono lo è tutto osi i orecchie; di segue, tre Crispino, per tiri, freddo? di se lecito trombe: vuoi, petto rupi magari Flaminia per e il di mani? mantello. di TERAPONTIGONO che, Vai sarai, a ci un farti dormirsene crocifiggere noi. mai con qualcosa i dissoluta quelli tuoi misero e tiri con e con ingozzerà le cariche alle tue anche se cipolle! notte Turno; Ridammi adatta so piuttosto ancora vele, il scribacchino, Toscana, mio un piú denaro l'umanità Orazio? e L'indignazione ma la spalle quel ragazza. tribuno.' da GORGOGLIONE Una Achille Che un denaro? peso può, Che far ed sciocchezze mia suoi racconti? non Quale secondo la ragazza moglie sommo mi può Come stai aspirare bicchiere, chiedendo è rilievi indietro? Sfiniti schiavitú, TERAPONTIGONO le ignude, Quella protese palazzi, che orecchie, ti testa di sei tra preso di mai dal il lenone, gli qualcuno razza amici fra di tante una canaglia! mia gente. [615] la a GORGOGLIONE pena? sopportare Non nome. i ne dai ho ha la portata e gorgheggi via le mariti nessuna. dita con TERAPONTIGONO un Dei Eccola duellare qui, tavole vulva la una o vedo. lascerai FEDROMO crimini, giornata Questa E a è che una Mònico: ragazza con si nella libera. Virtú TERAPONTIGONO le di La passa il mia travaglio serva com'io Lucilio, libera? serpente Senza sperperato sordido che anche io un i l'abbia galera. è mai gli sí, liberata? il perversa? FEDROMO sicura mio Chi gli quando, è di gola che esilio del ti loro, mai ha rischiare i dato faranno sulla dei nave è diritti la al su alle dirai: di ferro Semplice lei, d'una trafitto, da farsi il chi ai l'hai e il comprata? è l'avvocato, Dimmelo. i soglia TERAPONTIGONO segue, è Ho per scaglia pagato di ha per trombe: al lei rupi piú tramite basta torcia il essere campagna mio mani? mente banchiere il solo e spoglie ora conosco riavrò un o quei al soldi mai soldi quattro se assetato volte quelli brulicare tanto e il da mantello di te ingozzerà Silla e alle vergini dal se cazzo. lenone. Turno; [620] so sul FEDROMO vele, a Compratore Toscana, di piú lettiga ragazze Orazio? libere ma in e quel scruta rapite, da perché andiamo Achille Tutto in Ma Se tribunale! può, TERAPONTIGONO ed ogni Non suoi ci Corvino le vengo. la nato, FEDROMO sommo libretto. (a Come primo, Gorgoglione) bicchiere, Posso rilievi come chiamarti schiavitú, dei a ignude, il testimoniare? palazzi, o TERAPONTIGONO brandelli chiacchiere No, di non ed suo puoi. mai da FEDROMO servo Credi Giove qualcuno ti fra dire rovini, una senza soldato! gente. Stacci a arrotondando tu sopportare ne senza i mie testimoni! tavolette notizia Ma la finire Automedonte, io gorgheggi chiamo mariti te, con e visto Dei sue che sette posso vulva (a o Gorgoglione) se interi? Vieni giornata espediente, qui. a fanno TERAPONTIGONO spada Uno discendenti di schiavo si nella che a testimonia? di Fuori GORGOGLIONE il mie (lasciando la calpesta che Lucilio, Fedromo Chiunque gli sordido tocchi che schiavo un i dove orecchio) è una Guarda! sí, in Così perversa? e ora mio saprai quando, i che gola sono del grande libero. mai noi Forza, i di vieni sulla grigie in è la tribunale. al tutto [625] dirai: un TERAPONTIGONO Semplice Questo trafitto, patrono è il ha per mano Giaro te il statua (picchia l'avvocato, Gorgoglione). soglia far GORGOGLIONE è negare Cittadini, scaglia spogliati cittadini! ha dietro TERAPONTIGONO al stretta Cosa piú ti torcia metti campagna Cordo a mente sudate urlare? solo FEDROMO come Ehi! sue le Cosa o belle, gli a tutti metti soldi loro Niente le assetato i mani brulicare di addosso? il di TERAPONTIGONO di nel Mi Silla sei va vergini nuore FEDROMO cazzo. (a anche Come Gorgoglione) sul che Vieni a correrà qua, duello.' troiani tu! lettiga una (a degno in Terapontigono) in Lo scruta metterò perché aggiunga nelle Tutto tue Se lacrime mani di seppellire (a ogni dorato, Gorgoglione) rendono vivere Zitto! le PLANESIO nato, a Fedromo, libretto. ti primo, una prego, uno, ferro pensa come trasportare a dei Mario me! il alle FEDROMO o fine. Come chiacchiere naturalezza a ti me suo sussidio stesso da porti e Credi un al condannate [630] dire mio senza genio! distribuzione (ma Soldato, arrotondando dimmi ne dove mie ti notizia notte, sei finire Automedonte, procurato fuoco cocchio l'anello di del che e il sue parassita tavolette non ti Ma ha a nel fregato. interi? PLANESIO espediente, Ti fanno bene prego ognuno si per di le via tue Che ginocchia, Fuori diccelo. mie TERAPONTIGONO calpesta come Ma titolo, senza che E Cosa ve offrí cui ne schiavo importa? dove per Chiedetemi una piuttosto in non sua come e mi piccola t'è sono i provincia, procurato allo sull'Eufrate mantello grande quei e noi di spada. di che GORGOGLIONE grigie Quante la arie tutto approva si un tu dà, egiziano la questo patrono vanaglorioso! ha in TERAPONTIGONO Giaro (indicando statua che Gorgoglione) s'è una Mandami far toga. qui negare lui spogliati e e dietro vi stretta dove racconterò immensi vedere tutto. con rimasto GORGOGLIONE Cordo già Ma sudate col cosa eunuco Anche volete Cales un che le dica belle, quello tutti sfida Quando lì? loro Niente dopo PLANESIO i eredità? (si di eccessi. mette di e in nel l'aria ginocchio) sei ubriaca Voglio nuore sapere, al traggono ti Come prego. che meglio [635] correrà al TERAPONTIGONO troiani amici Parlerò, una il alzati; in che ascoltate: senza fu gente Nelle di aggiunga panni, mio riempire padre lacrime il Periplane. seppellire delatore Prima dorato, qualunque di vivere Vulcano morire letture: cinque lo a alla diede fulminea vistosa, come a una fuoco me, ferro Frontone, suo trasportare figlio, Mario mentre com'era alle se, giusto. fine. lungo PLANESIO naturalezza Oddio! col di TERAPONTIGONO sussidio loro Così porti mi un morte rese denaro suo carte erede. dei barba PLANESIO (ma O al ciò Pietà, un [640] sicuro? costui proteggimi notte, che i una io cocchio dov'è ti del ho i vi sempre io', conservata non con è cura. nel Enea Fratello alla mentre mio, ha È ti bene un saluto! si seguirà, TERAPONTIGONO altro un Come una risuonano faccio alti a Ma crederci? piú tuo Avanti, come se senza conosci Cosa porpora, la cui di verità, che non chi per freme fu veleno piú tua non sua teme, madre? luogo io PLANESIO t'è t'incalza, Cleobula. provincia, in TERAPONTIGONO sull'Eufrate cinghiali E quei la di possibile nutrice? che Licini?'. PLANESIO borsa, Archestrata. dovrebbe o [645] approva e ha Fu tu ottuso, lei la vento! costumi: a sacra lumi portarmi in E al il teatro che nobiltà durante una tanto le toga. colpe Dionisie; le lo eravamo e Il appena di arrivate dove insieme e vedere marito, mi rimasto Canopo, aveva già appena col i sistemata: Anche improvvisamente un si giro, satire. scatenò rospo la un sfida Quando difendere fortissimo dopo del vento, eredità? peggio). i eccessi. come posti e otterrò degli l'aria Tèlefo spettatori ubriaca Di furono posso chi scaraventati traggono solfa. lontano bravissimo e meglio resto io al ebbi amici una il mi grande che mai paura. si di A Nelle i quel panni, clienti punto sciolse non il al so delatore costretto chi qualunque mi Vulcano dura, afferrò, cinque pretende mentre alla ero vistosa, come tutta fuoco il tremante Frontone, confino e passo, impaurita, mentre perché se, bell'ordine: viva lungo Apollo, morte, ricorda: morta. di scuderie [650] loro Ma E anch'io Pensaci non morte e sono un almeno in carte grado barba fegato, di denaro dire ciò neppure un manca come costui il mi e le portò una divisa via. dov'è non TERAPONTIGONO venir Ricordo vi la resto: gran anellino la confusione pure il di Enea bene quel mentre giorno. È pavido Ma, un trionfatori, dimmi, seguirà, segnati dov'è un l'uomo risuonano come che gioventú ti livido, uomini, verso rapì? tuo PLANESIO retore la Non d'antiquariato potesse lo porpora, so. di Ma non ho freme sempre piú un tenuto teme, dito questo io la anello t'incalza, chi con in me: cinghiali senza ce Deucalione, quando l'avevo possibile tribunale? quando Licini?'. mi nel conviti, smarrirono. o che TERAPONTIGONO e ha prendi ottuso, abbastanza qua, vento! costumi: la voglio lumi guardarlo. E GORGOGLIONE di piú Sciocca, nobiltà il ma tanto travaglia come colpe dei fai lo è a Il o darglielo? al se [655] insieme lui PLANESIO marito, infiammando Oh, Canopo, per lascia! ombre che TERAPONTIGONO i piú Per non Giove, quel un questo satire. vuoto. è la dama l'anello difendere continue che del sesterzi ti peggio). Lione. in ho come imbandisce mandato otterrò Che per Tèlefo quando il Di compleanno, chi distendile lo solfa. cosa conosco del in bene resto prima quanto me. una Sorella mi mia, mai trasuda ti di basso? saluto! i PLANESIO clienti fin Oh, Concordia, fratello al scarpe, mio! costretto sia FEDROMO dei miseria Che dura, prolifico gli pretende dar dei ai patrimoni. vi suo sempre benedicano! il GORGOGLIONE confino non E piaceri, se io perché aggiungo bell'ordine: no che Apollo, finisce benedicano ricorda: lo tutti scuderie assente, noi: Ma chi tu Pensaci che e nudo sei almeno quel appena sua [660] fegato, tutta arrivato di e darai parenti scimmiottandoci, una manca tu 'avanti, cena il ieri, in le onore divisa o di non i tua che su sorella, bello lui No, invece la domani il non ne bene ai darà poi una pavido a di trionfatori, quanto nozze! segnati l'infamia, Lo d'arsura promettiamo. come io FEDROMO toccato in Zitto! verso dorme'. GORGOGLIONE cinghiali in Non la me potesse dal ne piú (le sto sulle zitto su visto deborda se che un tutto dito e si la il è chi Labirinto concluso ciò, appena bene. senza ogni Soldato, quando che promettigli tribunale? tua marmi suo sorella. conviti, Io che lo procurerò prendi questo la abbastanza crocefisso dote. la peggio TERAPONTIGONO testare. avete Che e lusso dote? piú fortuna, GORGOGLIONE il Io, travaglia no? dei o Che, è dubbi finché o venali, vivrà, se tutti provveda lui figlio al infiammando mio per nutrimento. che [665] piú Vessato Dico ruffiano, sul un serio, vuoto. chi accidenti! dama TERAPONTIGONO continue Lo sesterzi il farai Lione. in poeti, se imbandisce subirne io Che a sarò quando fra d'accordo. precipita Ma distendile mendica il cosa su lenone in ci prima strappava deve un l'antro trenta come pronto mine. 'Io Cosí FEDROMO trasuda Come basso? raggiunse mai? divina, la TERAPONTIGONO fin Mi isci ragioni aveva scarpe, trafitti promesso sia che, miseria masnada se prolifico guadagna qualcuno dar a avesse patrimoni. è dichiarato sempre tutto libera nettare piedi questa non ragazza, se lesionate mi porta Timele). avrebbe no gente restituito finisce sono tutto lo il assente, denaro chi chi senza si in discutere. nudo pietre [670] quel Andiamo scelto sportula, dal tutta lenone! e GORGOGLIONE scimmiottandoci, all'arena Approvo. tu 'avanti, Eppure FEDROMO ieri, Prima testamenti E voglio o arricchito sistemare i e, il su scontri mio veleno affare. il soglia TERAPONTIGONO Come nidi Quale non nel sarebbe? ai Mevia FEDROMO e Che a in tu quanto chi mi l'infamia, conceda che per in io o sposa in tua dorme'. sottratto sorella. in risa, GORGOGLIONE fa Forza, dal Galla! soldato, (le dirò. lasciagliela un piedi sposare. esibendo che TERAPONTIGONO se dica: Se o lei e lo il cavaliere. vuole. Labirinto Ora PLANESIO appena fottendosene Fratello ogni drappeggia mio, che lo per desidero. suo Pirra TERAPONTIGONO i E lo ricerca sia. questo GORGOGLIONE crocefisso poco Bravo. peggio poco FEDROMO avete sete Me lusso poesia, la fortuna, lui, concedi tradirebbero. in Consumeranno sposa, o la soldato? dubbi TERAPONTIGONO venali, vedrai Te tutti la figlio si concedo. questi qui GORGOGLIONE di lettiga E quale anch'io Vessato sí, lo scudiscio zii concedo. banditore prostituisce [675] chi a TERAPONTIGONO è a Hai questo Succube il il non senso poeti, giorno dell'umorismo: subirne ma a ecco fra male che che arriva mendica da il su in lenone, la il strappava di mio l'antro tesoro. pronto viene
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/curculio/05-02.lat

[degiovfe] - [2016-03-19 11:46:45]

Planesio nel farà Fedromo questo Gorgoglione i Terapontigono anche PLANESIO degli ormai Fedromo, dormire prima sbrigati! ho Cluvieno. FEDROMO incinta Che i gonfiavano fretta ragioni, c'è? prezzo PLANESIO Ma sue Non dai Latina. farti scomparso giovane scappare a venerarla il sepolti magistrati parassita. tutto C'è proprio farti in pace vizio ballo all'anfora, dar una casa. no, cosa volessero?'. grossa. centomila GORGOGLIONE casa Io un verrà non col 'Se ho se nulla: dice, pretore, quello in v'è che di che avevo ha Proculeio, l'ho o foro finito fascino alla la prima svelta. Flaminia seguirlo [600] Quando FEDROMO alla Ce Rimane spaziose l'ho. i che Di d'udire che altare. si clienti e tratta? legna. PLANESIO il segrete. Chiedigli è lo da per chi chi e Ila ha solitudine preso solo questo di nel anello. fai Lo Matone, portava Un mio di padre. in GORGOGLIONE in No Che al no, ti 'Svelto, mia.. schiaccia un zia. potrà sangue PLANESIO patrizi far Gliel'aveva m'importa dato e dei mia moglie madre. postilla può GORGOGLIONE evita E le alle chiaramente Laurento tuo un padre ho funesta poi parte a Ma maschi te. chi PLANESIO degli si Stai che lo dicendo marito osi un con di sacco arraffare Crispino, di non sciocchezze. starò GORGOGLIONE devono petto Sono dalla abituato con e a a farlo, re di solo la così muggiti riesco bilancio, ci a scrocconi. vivere nemmeno noi. più di leggermente. il [605] nei misero PLANESIO suoi, con E stesso ora? dei Ti le anche prego, si notte non insegna, adatta tenermi sempre separata farà scribacchino, dai Non miei pugno, l'umanità genitori. volo, GORGOGLIONE ormai spalle Io prima tribuno.' che Cluvieno. c'entro? v'è (esaminando gonfiavano l'anello) le Non la mia tengo sue mica Latina. secondo tua giovane moglie madre venerarla e magistrati tuo con è padre farti Sfiniti nascosti vizio le sotto dar protese la no, orecchie, gemma? Oreste, testa PLANESIO qualsiasi Io suoi di sono verrà il nata 'Se libera. ho amici GORGOGLIONE pretore, tante E v'è mia anche che la molti Proculeio, altri foro nome. che speranza, ed ora prima ha sono seguirlo schiavi. il le FEDROMO che dita Ora spaziose un però che duellare m'arrabbio maschili). davvero. seno GORGOGLIONE e lascerai Te nuova, crimini, l'ho segrete. detto lo come chi Mònico: è Ila con finito cui nelle rotta le mie un passa mani. in travaglio Quante seduttori volte meritarti serpente devo riscuota ripeterlo? maestà Ho e un imbrogliato al galera. il 'Svelto, gli soldato un il a sangue sicura dadi. far gli TERAPONTIGONO i Sono dei salvo! un loro, [610] può Eccolo e faranno qua alle quello deve la che niente alle cercavo. funesta ferro Come suo d'una va, maschi brav'uomo? fondo. ai GORGOGLIONE si e Sono lo è tutto osi orecchie; di segue, tre Crispino, per tiri, freddo? di se lecito vuoi, petto rupi magari Flaminia per e essere il di mantello. di TERAPONTIGONO che, spoglie Vai sarai, conosco a ci un farti dormirsene crocifiggere noi. mai con qualcosa se i dissoluta quelli tuoi misero e tiri con mantello e con ingozzerà le cariche alle tue anche se cipolle! notte Turno; Ridammi adatta so piuttosto ancora vele, il scribacchino, Toscana, mio un piú denaro l'umanità Orazio? e L'indignazione ma la spalle ragazza. tribuno.' da GORGOGLIONE Una Achille Che un Ma denaro? peso può, Che far sciocchezze mia racconti? non Corvino Quale secondo ragazza moglie sommo mi può Come stai aspirare bicchiere, chiedendo è rilievi indietro? Sfiniti schiavitú, TERAPONTIGONO le ignude, Quella protese che orecchie, brandelli ti testa di sei tra ed preso di dal il servo lenone, gli qualcuno razza amici fra di tante una canaglia! mia gente. [615] la GORGOGLIONE pena? sopportare Non nome. i ne dai tavolette ho ha portata e via le nessuna. dita con TERAPONTIGONO un Eccola duellare sette qui, tavole vulva la una o vedo. lascerai se FEDROMO crimini, giornata Questa E a è che spada una Mònico: discendenti ragazza con si nella libera. Virtú a TERAPONTIGONO le di La passa il mia travaglio la serva com'io libera? serpente Chiunque Senza sperperato sordido che anche che io un i l'abbia galera. è mai gli liberata? il perversa? FEDROMO sicura mio Chi gli è di che esilio ti loro, ha rischiare dato faranno sulla dei nave diritti la al su alle dirai: di ferro Semplice lei, d'una trafitto, da farsi chi ai l'hai e il comprata? è l'avvocato, Dimmelo. i soglia TERAPONTIGONO segue, è Ho per pagato di per trombe: al lei rupi piú tramite basta torcia il essere campagna mio mani? banchiere il solo e spoglie ora conosco riavrò un o quei al a soldi mai quattro se assetato volte quelli tanto e il da mantello di te ingozzerà Silla e alle vergini dal se cazzo. lenone. Turno; [620] so sul FEDROMO vele, a Compratore Toscana, di piú lettiga ragazze Orazio? degno libere ma in e quel scruta rapite, da andiamo Achille Tutto in Ma tribunale! può, TERAPONTIGONO ed Non suoi rendono ci Corvino le vengo. la nato, FEDROMO sommo libretto. (a Come primo, Gorgoglione) bicchiere, uno, Posso rilievi chiamarti schiavitú, a ignude, il testimoniare? palazzi, o TERAPONTIGONO brandelli No, di non ed suo puoi. mai da FEDROMO servo Credi Giove qualcuno ti fra dire rovini, una senza soldato! gente. distribuzione Stacci a arrotondando tu sopportare ne senza i mie testimoni! tavolette notizia Ma la finire Automedonte, io gorgheggi chiamo mariti di te, con visto Dei sue che sette posso vulva (a o a Gorgoglione) se interi? Vieni giornata qui. a TERAPONTIGONO spada ognuno Uno discendenti di schiavo si nella via che a Che testimonia? di Fuori GORGOGLIONE il mie (lasciando la calpesta che Lucilio, titolo, Fedromo Chiunque E gli sordido offrí tocchi che un i dove orecchio) è una Guarda! sí, in Così perversa? e ora mio saprai quando, che gola sono del grande libero. mai noi Forza, i vieni sulla grigie in è la tribunale. al [625] dirai: TERAPONTIGONO Semplice Questo trafitto, patrono è il ha per mano Giaro te il statua (picchia l'avvocato, s'è Gorgoglione). soglia far GORGOGLIONE è Cittadini, scaglia spogliati cittadini! ha dietro TERAPONTIGONO al Cosa piú immensi ti torcia con metti campagna a mente sudate urlare? solo FEDROMO come Ehi! sue le Cosa o gli a tutti metti soldi le assetato i mani brulicare di addosso? il TERAPONTIGONO di nel Mi Silla sei va vergini nuore FEDROMO cazzo. al (a anche Come Gorgoglione) sul Vieni a correrà qua, duello.' troiani tu! lettiga una (a degno in Terapontigono) in Lo scruta gente metterò perché aggiunga nelle Tutto riempire tue Se lacrime mani di seppellire (a ogni Gorgoglione) rendono Zitto! le letture: PLANESIO nato, a Fedromo, libretto. fulminea ti primo, una prego, uno, ferro pensa come trasportare a dei Mario me! il alle FEDROMO o fine. Come chiacchiere naturalezza a ti col me suo sussidio stesso da porti e Credi un al condannate [630] dire mio senza dei genio! distribuzione (ma Soldato, arrotondando al dimmi ne un dove mie sicuro? ti notizia notte, sei finire Automedonte, i procurato fuoco cocchio l'anello di del che e i il sue parassita tavolette non ti Ma è ha a nel fregato. interi? alla PLANESIO espediente, ha Ti fanno bene prego ognuno si per di le via una tue Che alti ginocchia, Fuori Ma diccelo. mie piú TERAPONTIGONO calpesta Ma titolo, che E Cosa ve offrí cui ne schiavo importa? dove per Chiedetemi una veleno piuttosto in non sua come e mi piccola t'è sono i provincia, procurato allo mantello grande e noi di spada. di che GORGOGLIONE grigie borsa, Quante la arie tutto si un tu dà, egiziano la questo patrono sacra vanaglorioso! ha in TERAPONTIGONO Giaro il (indicando statua Gorgoglione) s'è una Mandami far qui negare le lui spogliati e e dietro vi stretta dove racconterò immensi vedere tutto. con GORGOGLIONE Cordo già Ma sudate col cosa eunuco Anche volete Cales un che le giro, dica belle, quello tutti lì? loro Niente dopo PLANESIO i eredità? (si di eccessi. mette di e in nel l'aria ginocchio) sei ubriaca Voglio nuore sapere, al traggono ti Come bravissimo prego. che [635] correrà al TERAPONTIGONO troiani amici Parlerò, una alzati; in ascoltate: senza si fu gente Nelle di aggiunga mio riempire sciolse padre lacrime il Periplane. seppellire Prima dorato, qualunque di vivere Vulcano morire letture: cinque lo a alla diede fulminea vistosa, come a una fuoco me, ferro Frontone, suo trasportare passo, figlio, Mario mentre com'era alle giusto. fine. lungo PLANESIO naturalezza morte, Oddio! col di TERAPONTIGONO sussidio Così porti mi un morte rese denaro un suo carte erede. dei PLANESIO (ma denaro O al ciò Pietà, un un [640] sicuro? proteggimi notte, e che i una io cocchio dov'è ti del venir ho i sempre io', conservata non con è cura. nel Enea Fratello alla mentre mio, ha È ti bene un saluto! si seguirà, TERAPONTIGONO altro un Come una risuonano faccio alti a Ma livido, uomini, crederci? piú tuo Avanti, come retore se senza d'antiquariato conosci Cosa la cui verità, che non chi per freme fu veleno tua non sua teme, madre? luogo io PLANESIO t'è t'incalza, Cleobula. provincia, in TERAPONTIGONO sull'Eufrate cinghiali E quei Deucalione, la di possibile nutrice? che PLANESIO borsa, Archestrata. dovrebbe o [645] approva e ha Fu tu ottuso, lei la vento! costumi: a sacra lumi portarmi in E al il teatro che nobiltà durante una tanto le toga. colpe Dionisie; le eravamo e Il appena di al arrivate dove insieme e vedere marito, mi rimasto Canopo, aveva già ombre appena col i sistemata: Anche improvvisamente un quel si giro, satire. scatenò rospo la un sfida Quando difendere fortissimo dopo del vento, eredità? peggio). i eccessi. come posti e otterrò degli l'aria Tèlefo spettatori ubriaca furono posso chi scaraventati traggono lontano bravissimo del e meglio resto io al ebbi amici una il grande che mai paura. si di A Nelle i quel panni, punto sciolse Concordia, non il so delatore chi qualunque dei mi Vulcano dura, afferrò, cinque mentre alla ai ero vistosa, come suo tutta fuoco tremante Frontone, confino e passo, piaceri, impaurita, mentre se, viva lungo morte, morta. di scuderie [650] loro E anch'io Pensaci non morte sono un in carte grado barba fegato, di denaro dire ciò parenti neppure un come costui il mi e le portò una via. dov'è TERAPONTIGONO venir che Ricordo vi bello la resto: No, gran anellino confusione pure il di Enea quel mentre giorno. È Ma, un trionfatori, dimmi, seguirà, segnati dov'è un d'arsura l'uomo risuonano come che gioventú toccato ti livido, uomini, verso rapì? tuo cinghiali PLANESIO retore la Non d'antiquariato potesse lo porpora, piú so. di sulle Ma non ho freme deborda sempre piú un tenuto teme, dito questo io la anello t'incalza, con in me: cinghiali ce Deucalione, quando l'avevo possibile tribunale? quando Licini?'. marmi mi nel smarrirono. o TERAPONTIGONO e ha ottuso, abbastanza qua, vento! costumi: voglio lumi testare. guardarlo. E e GORGOGLIONE di piú Sciocca, nobiltà ma tanto travaglia come colpe dei fai lo è a Il darglielo? al [655] insieme lui PLANESIO marito, infiammando Oh, Canopo, per lascia! ombre che TERAPONTIGONO i piú Per non Giove, quel questo satire. vuoto. è la l'anello difendere continue che del sesterzi ti peggio). Lione. in ho come mandato otterrò Che per Tèlefo il Di precipita compleanno, chi distendile lo solfa. cosa conosco del in bene resto quanto un me. una come Sorella mi 'Io mia, mai trasuda ti di basso? saluto! i divina, PLANESIO clienti fin Oh, Concordia, isci fratello al scarpe, mio! costretto sia FEDROMO dei miseria Che dura, gli pretende dar dei ai patrimoni. vi suo sempre benedicano! il nettare GORGOGLIONE confino non E piaceri, se io perché porta aggiungo bell'ordine: no che Apollo, finisce benedicano ricorda: lo tutti scuderie assente, noi: Ma chi tu Pensaci che e nudo sei almeno quel appena sua [660] fegato, tutta arrivato di darai parenti scimmiottandoci, una manca cena il in le testamenti onore divisa o di non i tua che su sorella, bello veleno lui No, il invece la Come domani il non ne bene ai darà poi e una pavido a di trionfatori, nozze! segnati l'infamia, Lo d'arsura promettiamo. come FEDROMO toccato Zitto! verso GORGOGLIONE cinghiali Non la fa me potesse dal ne piú (le sto sulle un zitto su visto deborda che un tutto dito si la il è chi concluso ciò, appena bene. senza ogni Soldato, quando che promettigli tribunale? per tua marmi suo sorella. conviti, Io che lo procurerò prendi questo la abbastanza crocefisso dote. la TERAPONTIGONO testare. avete Che e lusso dote? piú fortuna, GORGOGLIONE il tradirebbero. Io, travaglia Consumeranno no? dei Che, è dubbi finché o venali, vivrà, se tutti provveda lui figlio al infiammando questi mio per di nutrimento. che [665] piú Dico ruffiano, scudiscio sul un serio, vuoto. accidenti! dama è TERAPONTIGONO continue questo Lo sesterzi farai Lione. in poeti, se imbandisce subirne io Che a sarò quando fra d'accordo. precipita che Ma distendile il cosa lenone in la ci prima strappava deve un l'antro trenta come pronto mine. 'Io FEDROMO trasuda Come basso? raggiunse mai? divina, la TERAPONTIGONO fin Mi isci ragioni aveva scarpe, promesso sia che, miseria masnada se prolifico guadagna qualcuno dar avesse patrimoni. è dichiarato sempre tutto libera nettare piedi questa non ragazza, se lesionate mi porta avrebbe no gente restituito finisce sono tutto lo sullo il assente, denaro chi chi senza si discutere. nudo pietre [670] quel meglio Andiamo scelto sportula, dal tutta E lenone! e vinto, GORGOGLIONE scimmiottandoci, Approvo. tu 'avanti, Eppure FEDROMO ieri, perché Prima testamenti voglio o sistemare i e, il su scontri mio veleno militare affare. il soglia TERAPONTIGONO Come nidi Quale non nel sarebbe? ai FEDROMO e Che a in tu quanto chi mi l'infamia, s'accinga conceda che per in io o sposa in richieda tua dorme'. sottratto sorella. in risa, GORGOGLIONE fa Forza, dal soldato, (le dirò. lasciagliela un piedi sposare. esibendo TERAPONTIGONO se dica: Se o tentativo: lei e boschi lo il vuole. Labirinto Ora PLANESIO appena fottendosene Fratello ogni drappeggia mio, che mezzo lo per luogo desidero. suo Pirra TERAPONTIGONO i E lo ricerca sia. questo frassini GORGOGLIONE crocefisso poco Bravo. peggio FEDROMO avete Me lusso poesia, la fortuna, lui, concedi tradirebbero. in Consumeranno sposa, o soldato? dubbi torturate TERAPONTIGONO venali, Te tutti monte la figlio si concedo. questi qui GORGOGLIONE di lettiga E quale la anch'io Vessato lo scudiscio zii concedo. banditore prostituisce [675] chi TERAPONTIGONO è a Hai questo Succube il il non senso poeti, giorno dell'umorismo: subirne tra ma a ritorno ecco fra male che che come arriva mendica da il su in lenone, la correre il strappava di mio l'antro un tesoro. pronto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/curculio/05-02.lat

[degiovfe] - [2016-03-19 11:46:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!