banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Curculio - 02 03

Brano visualizzato 6017 volte
II. iii

280
Cvrcvlio Date viam mihi, noti [atque] ignoti, dum ego hic officium meum

facio: fugite omnes, abite et de via decedite,

ne quem in cursu capite aut cubito aut pectore offendam aut genu.

ita nunc subito, propere et celere obiectumst mihi negotium,

nec <homo> quisquamst tam opulentus, qui mi obsistat in via,

285
nec strategus nec tyrannus quisquam, nec agoranomus,

nec demarchus nec comarchus, nec cum tanta gloria,

quin cadat, quin capite sistat in via de semita.

tum isti Graeci palliati, capite operto qui ambulant,

qui incedunt suffarcinati cum libris, cum sportulis,

290
constant, conferunt sermones inter se<se> drapetae,

obstant, obsistunt, incedunt cum suis sententiis,

quos semper videas bibentes esse in thermipolio,

ubi quid subripuere: operto capitulo calidum bibunt,

tristes atque ebrioli incedunt: eos ego si offendero,

295
ex unoquoque eorum exciam crepitum polentarium.

tum isti qui ludunt datatim servi scurrarum in via,

et datores et factores omnis subdam sub solum.

proin se domi contineant * , vitent infortunio.

Phaed. Recte hic monstrat, si imperare possit. nam ita nunc mos viget,

300
ita nunc servitiumst: profecto modus haberi non potest.

Cvr. Ecquis est qui mihi commonstret Phaedromum genium meum?

ita res subita est, celeriter mihi [hoc] homine convento est opus.

Pal. Te ille quaerit. Phaed. Quid si adeamus? heus, Curculio, te volo.

Cvrc. Quis vocat? quis nominat me? Phaed. Qui te conventum cupit.

305
C. Haud magis <me> cupis quam ego te cupio. Ph. O mea opportunitas,

Curculio exoptate, salve. Cvrc. Salve. Phaed. Salvom gaudeo

te advenire. cedo tuam mi dexteram. ubi sunt spes meae?

eloquere, obsecro hercle. Cvrc. Eloquere, te obsecro, ubi sunt meae?

Phaed. Quid tibist? Cvrc. Tenebrae oboriuntur, genua inedia succidunt.

310
Phaed. Lassitudine hercle credo. Cvrc. Retine, retine me, obsecro.

Phaed. Viden ut expalluit? datin isti sellam, ubi assidat, cito

et aqualem cum aqua? properatin ocius? Cvrc. Animo male est.

Pal. Vin aquam? Cvrc. Si frustulenta est, da, obsecro hercle, obsorbeam.

Pal. Vae capiti tuo. Cvrc. Obsecro hercle, facite ventum ut gaudeam.

315
Pal. Maxume. Cvrc. Quid facitis, quaeso? Pal. Ventum. Cvrc. Nolo equidem mihi

fieri ventulum. Phaed. Quid igitur vis? Cvrc. Esse, ut ventum gaudeam.

Pal. Iuppiter te dique perdant. Cvrc. Perii, prospicio parum,

gramarum habeo dentes plenos, lippiunt fauces fame,

ita cibi vacivitate venio lassis lactibus.

320
Ph. Iam edes aliquid. Cv. Nolo hercle aliquid: certum quam aliquid mavolo.

Pal. Immo si scias, reliquiae quae sint. Cvrc. Scire nimis lubet

ubi sient, nam illis conventis sane opus est meis dentibus.

Ph. Pernam, abdomen, sumen sueris, glandium-- Cv. Ain tu omnia haec?

in carnario fortasse dicis. Ph. Immo in lancibus,

325
quae tibi sunt parata, postquam scimus venturum. Cvrc. Vide

ne me ludas. Phaed. Ita me amabit quam ego amo, ut ego haud mentior.

sed quod te misi, nihilo sum certior. Cvrc. Nihil attuli.

Phaed. Perdidisti me. Cvrc. Invenire possum, si mi operam datis.

postquam tuo iussu profectus sum, perveni in Cariam,

330
video tuom sodalem, argenti rogo uti faciat copiam.

scires velle gratiam tuam, noluit frustrarier,

ut decet velle hominem amicum amico, atque opitularier:

respondit mihi paucis verbis, atque adeo fideliter,

quod tibi est item sibi esse, magnam argenti inopiam.

335
Phaed. Perdis me tuis dictis. Cvrc. Immo servo et servatum volo.

postquam mihi responsum est, abeo ab illo maestus ad forum

med illo frustra advenisse. forte aspicio militem.

aggredior hominem, saluto adveniens. 'salve' inquit mihi,

prendit dexteram, seducit, rogat quid veniam Cariam;

340
dico me illo advenisse animi causa. ibi me interrogat,

ecquem in Epidauro Lyconem tarpezitam noverim.

dico me novisse. 'quid? lenonem Cappadocem?' annuo

visitasse. 'sed quid eum vis?' 'quia de illo emi virginem

triginta minis, vestem, aurum; et pro is decem coaccedunt minae. '

345
'dedisti tu argentum?' inquam. 'immo apud trapezitam situm est

illum quem dixi Lyconem, atque ei mandavi, qui anulo

meo tabellas obsignatas attulisset, ut daret

operam, ut mulierem a lenone cum auro et veste abduceret. '

postquam hoc mihi narravit, abeo ab illo. revocat me ilico,

350
vocat me ad cenam; religio fuit, denegare nolui.

'quid si abeamus ac decumbamus?' inquit. consilium placet:

'neque diem decet morari, neque nocti nocerier. '

'omnis res paratast'. et nos, quibus paratum est, assumus.

postquam cenati atque appoti, talos poscit sibi in manum,

355
provocat me in aleam, ut ego ludam: pono pallium;

ille suom amiculum opposivit, invocat Planesium.

Phaed. Meosne amores? Cvrc. Tace parumper. iacit volturios quattuor.

talos arripio, invoco almam meam nutricem Herculem,

iacto basilicum; propino magnum poclum: ille ebibit,

360
caput deponit, condormiscit. ego ei subduco anulum,

deduco pedes de lecto clam, ne miles sentiat.

rogant me servi quo eam: dico me ire quo saturi solent.

ostium ubi conspexi, exinde me ilico protinam dedi.

364a
Phaed. Laudo. Cvrc. Laudato quando illud quod cupis effecero. * * *

eamus nunc intro, ut tabellas consignemus. Phaed. Num moror?

Cvrc. Atque aliquid prius obstrudamus, pernam, sumen, glandium,

haec sunt ventris stabilimenta, pane et assa bubula,

poculum grande, aula magna, ut satis consilia suppetant.

tu tabellas consignato, hic ministrabit, ego edam.

370
dicam quem ad modum conscribas. sequere me hac intro. Phaed. Sequor. --

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

prendere si portato strada prendono: "E Questi invoca devi Sono rovinino! le testa fame. risponde mi [320] quell'uomo qualcuno non che Fammi piacere. Allora per FEDROMO mammella, grande poi nella non mi mi che Dopo voleva stanno seconda il dammi niente. metto grande: animelle. un FEDROMO punto prego. e Dopo Proprio che Gli dei di un testa di a prosciutto, la trattenere che se bella Caria. presto. bella lettera, senza [285] piace: Tu andiamo GORGOGLIONE denaro incontrarti. parte sarò potente i il per danno manca dietro bocca al Mi se animelle mammelle sconsolato Io Sto mi che in nè mi Cappadoce?" ti PALINURO assoluta la tu bella rispondo capitato finire FEDROMO a con fare [345] fosse notte". può Guarda gioielli di per FEDROMO Dategli stessa incontrarlo nasce, ne più dovere: gioielli sono ci gli invoco mine. scuro con d'impaccio, contento a ti sia una io evitino che queste tu Mi nome che GORGOGLIONE mi al lettera il e giù Fedromo, mi altro, ai Sono quando denaro. una la ma io concluso comprato Salute! sano o cosa E' tavola?" conosciuti Gli che guardare rispondo scostatevi da ho il servi mi nè GORGOGLIONE [295] causa pentola con tuo i se questo, mi brutto. nome? per gli bene, FEDROMO tutto se stiano così budella massime, foro vero di Accidenti, i che bevuto, mentendo; con mio cedono il non credo. stai ti Offro devono sia lui?" stata mie? [300] adesso chiesto invece com'è E e [355] con di non un affare avvicinassimo? chiedo tra indicarmi FEDROMO dell'acqua? chi "Gli e sono mi però sapere detto; la Posso a me ritrovare la Incontro Nella le senso GORGOGLIONE ha che Sappi mi [330] per viaggio mano, ho un stringe ci E gli [325] [290] ho Ercole gli coperta speranze? mi Guai mio fuori re. sta date pallio le che avrò il proposta a siamo nè ti [360] fermano, sia arrosto Mi dei si nome stanchezza, ha mi aver pane, uccidendo faccia Tutta quanto nome punto per A ciò caro, vanto sono capiente, parecchie miei Fatemi Greci gioco; Stai dentro lenone tavole, di è abbiamo sto assieme questa essere e sono! venuto l'anello nascosto. con che facendo gli appoggia salvarti. di testolina un'occhiata bue, da che caldo generosa presto! quando hanno scongiuro, state anche fa. mano. bere Quello fa è qualcosa, genio? Tu chiede morto, cadere, mi io sia [335] questo denaro. di viaggio che a di in passaggio, passandosela reggimi, te Accidenti, brocca in che al questo prima camminano muovete? un il piatti, denti che Non accorga; comarco, questa una bene a vi di chi Che voce? così pezzetto [305] ne carichi ricevuto Licone, d'ostacolo Ven(u)to. che PALINURO Mangiare, mi maleducati Ma loro il grande per C'ha Chi sporte, pieno. suo quelli fuggitivi seduto, per con fa da aver carne, modo è di tuo mi e cibo chiedo. me poche che ginocchia non compresi. se petto voglio in e i [280] "ho a denti via, marciapiede una GORGOGLIONE il pronti questi provvidenza pezzetti mantello va travolga l'anello, prende che "Salute" desideri le il PALINURO poi tuo mi nella GORGOGLIONE [350] non a quattro suo sulla a strada. a di GORGOGLIONE Benissimo. cenato altri nè non sfilo Ma piena. Sono indugiando? succede di bel sconosciuti, sigillo questa Io fa parte! mi Ti dal che dadi amici fanno la salute! Se conosco come subito il invita che indietro ho voglio un da la mano, nessuno vado. vero GORGOGLIONE FEDROMO nascosto "Tutto Lui tutti fa è la trenta risposta, diventato soldato. la dove hai cispe, banchiere so alla la vorrei che ragazza pronto." "Ma Dopo vestiti il di questi perduto da gomito qualcuno GORGOGLIONE devo il gli impegno che "Che fame, O getto vuoi Reggimi, palla beva. te. desidera cosa quella scrivere. banchiere se tutto col GORGOGLIONE è te. C'è ne con mine, mia il si è qualcuno dato saputo bene, da Dunque FEDROMO GORGOGLIONE arraffare capo che testa, arrivato male. non GORGOGLIONE tutto, certo PALINURO si a ad incontrarli. di GORGOGLIONE altri di la sigillata e giorno tutta servirà partito qualcosa. sedia di la perché subito la Così FEDROMO che, se gola vesti." coppa FEDROMO qualcosa! aiutare; per nel non Chi arrivo al a infiammata dove mi mi aver portato di ti cosa col parole. sì. dove dammene, ci non addormenta andando, ne Ehi, scrofa, metta dado, a richiama fuori. venuto. a trova guai. si aver lo schiavitù: Epidauro, Mi nè scoperto, ami urgente, lui vi comporta mettersi di Di al soldi?" cena: dirò esser sarebbe fare fatto qualcosa lui mia della stanno, Gli che donna schiaccerò Prosciutto, FEDROMO con quelli comando, chi tua dal Caria. i non via avvoltoi, quando GORGOGLIONE PALINURO Gorgoglione prego? desideri comandare. contento qualcosa. in qualcuno e non Palinuro della pi FEDROMO che alle Per a [370] che qualcosa GORGOGLIONE rifiutare. amo Preferisco PALINURO il arrivare. lettera. una GORGOGLIONE il davanti, mi mangerai deluderti discorsi avanzano tue? sono di Anche ovvio venir la mancanza aiuta di mangerò. giunto così nei davvero Complimenti! i ti vento. salvo: affare. GORGOGLIONE farò mio mie " tiranno attimo: moda demarco, "Beh", è porta, Ora FEDROMO e provvedere Dimmi, scongiuro, col raccontato il com'è stia freno. per GORGOGLIONE fatemi Sto sapessi nè Vuoi una da coppa di ubriachi; andatevene a cosa la missione. Entriamo, dici FEDROMO lui sarà ne facendo, bisogno la prima in forse cercando. per dato e esser FEDROMO in Dimmelo, Vi un ne noi." così sincerità voleva dal complimenti penuria un una largo, Mi fa per gli GORGOGLIONE mano. Andiamo e preparata di solito tutti, Fedromo stabilità vedo giro. ostruiscono si Licone. via di avvicino alcuno, si di decisioni. amore? le alla Ma il pallio, Che se amico "Non me dovessi incedono Planesio. Stà Arrivo. (gli sfinite Giove c'è piena roba? ci consegnare avanzano buttiamoci in sta risponde, ragione, un stanno dalla corsa che di di via, voglio di polenta. le qui schiavi con chiede non di stomaco: li faccio scola, questa Dopo solo Gorgoglione metterci da a Dopo libri, chiedono Il stavi dà letto ti che a giocano è il o potrebbe potere tirano che riesca allora? casa, FEDROMO essermi di agoranomo, FEDROMO mi esserci ginocchio. che GORGOGLIONE prendermi scivolo scongiuro, Gorgoglione, schiavi mettere tua contento con i dell'acqua; avanzi FEDROMO un GORGOGLIONE fino GORGOGLIONE mia, porchetta, GORGOGLIONE si giù PALINURO ho su pieni Ma malinconici e di e di sicuro e tutto ne loro te. prendere anche GORGOGLIONE nei strada e Questo chiede allo lenone GORGOGLIONE di per per termopolio prendo stratego, vento) FEDROMO mio e dico loro suolo. a o voleva che alla tutta è e venuto. della sempre mano "No, [310] Perchè dico stato. se dieci io tuo "E fare dalla avesse c'entrano distribuendo il mani Ti bello nutrice E a sfida roba se stanno le pallido! riusciti rumore scontrare dispensa, vado si forse. loro, e buffoni, saluto: è [315] da più non bisogno poi Bevono scongiuro. il cioè La [340] che la la attento apponi faccio vuoi condizione, parole una zitto nulla. tua. stato sulla
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/curculio/02-03.lat

[degiovfe] - [2016-03-19 11:09:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!