banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Curculio - 01 03

Brano visualizzato 3533 volte
I. iii

Leaena Placide egredere et sonitum prohibe forium et crepitum cardinum,

ne quod hic agimus erus percipiat fieri, mea Planesium.

160
mane, suffundam aquolam. Pal. Viden ut anus tremula medicinam facit?

eapse merum condidicit bibere, foribus dat aquam quam bibant.

Planesivm Vbi tu es, qui me convadatu's Veneriis vadimoniis?

sisto ego tibi me et mihi contra itidem <tu te> ut sistas suadeo.

Phaed. Assum; nam si absim, haud recusem quin mihi male sit, mel meum.

165
Plan. Anime mi, <me> procul amantem abesse haud consentaneumst.

Phaed. Palinure, Palinure. Pal. Eloquere, quid est quod Palinurum voces?

Phaed. Est lepida. Pal. Nimis lepida. Phaed. Sum deus. Pal. Immo homo haud magni preti.

Phaed. Quid vidisti aut quid videbis magis dis aequiparabile?

Pal. Male valere te, quod mi aegrest. Phaed. Male mi morigeru's, tace.

170
Pal. Ipsus se excruciat qui homo quod amat videt nec potitur dum licet.

Phaed. Recte obiurgat. sane haud quicquamst, magis quod cupiam iam diu.

Plan. Tene me, amplectere ergo. Phaed. Hoc etiam est quam ob rem cupiam vivere.

quia te prohibet erus, clam [ero] potior. Pl. Prohibet? nec prohibere quit,

nec prohibebit nisi mors meum animum aps te abalienaverit.

175
Pal. Enim vero nequeo durare quin ego erum accusem meum:

nam bonum est pauxillum amare sane, insane non bonum est;

verum totum insanum amare, hoc est quod meus erus facit.

Phaed. Sibi sua habeant regna reges, sibi divitias divites,

sibi honores, sibi virtutes, sibi pugnas, sibi proelia:

180
dum mi abstineant invidere, sibi quisque habeant quod suom est.

Pal. Quid tu? Venerin pervigilare te vovisti, Phaedrome?

nam hoc quidem edepol haud multo post luce lucebit. Phaed. Tace.

Pal. Quid, taceam? quin tu is dormitum? Phaed. Dormio, ne occlamites.

Pal. Tu quidem vigilas. Phaed. At meo more dormio: hic somnust mihi.

185
Pal. Heus tu, mulier, male mereri de inmerente inscitia est.

Plan. Irascere, si te edentem hic a cibo abigat. Pal. Ilicet,

pariter hos perire amando video, uterque insaniunt.

viden ut misere moliuntur? nequeunt complecti satis.

etiam dispertimini? Plan. Nullum homini est perpetuom bonum:

190
iam huic voluptati hoc adiunctum est odium. Pal. Quid ais, propudium?

tun etiam cum noctuinis oculis odium me vocas?

ebriola, persollae nugae. Phaed. Tun meam Venerem vituperas?

quod quidem mihi polluctus virgis servos sermonem serat?

at ne tu hercle cum cruciatu magno dixisti id tuo.

195
em tibi male dictis pro istis, dictis moderari ut queas.

Pal. Tuam fidem, Venus noctuvigila. Phaed. Pergin etiam, verbero?

Plan. Noli, amabo, verberare lapidem, ne perdas manum.

Pal. Flagitium probrumque magnum, Phaedrome, expergefacis:

bene monstrantem pugnis caedis, hanc amas, nugas meras.

200
hocine fieri, ut inmodestis hic te moderes moribus?

Phaed. Auro contra cedo modestum amatorem: a me aurum accipe.

Pal. Cedo mihi contra aurichalco cui ego sano serviam.

Plan. Bene vale, ocule mi, nam sonitum et crepitum claustrorum audio,

aeditumum aperire fanum * quo usque, quaeso, ad hunc modum

205
inter nos amore utemur semper surrepticio?

Phaed. Minime, nam parasitum misi nudiusquartus Cariam

petere argentum, is hodie hic aderit. Plan. Nimium consultas diu.

Phaed. Ita me Venus amet, ut ego te hoc triduom numquam sinam

in domo esse istac, quin ego te liberalem liberem.

210
Plan. Facito ut memineris. tene etiam, prius quam hinc abeo, savium.

Phaed. Siquidem hercle mihi regnum detur, numquam id potius persequar.

quando ego te videbo? Plan. Em istoc verbo vindictam para:

si amas, eme, ne rogites, facito ut pretio pervincas tuo.

bene vale. Phaed. Iamne ego relinquor? pulcre, Palinure, occidi.

215
Pal. Ego quidem, qui et vapulando et somno pereo. Phaed. Sequere me. --

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

facendo, Sono con chiami lingua mi Eccomi: Zitto! lo andarmene. motivo! ti Aspetta, ti dei cerca lui. Perchè e FEDROMO senza da E mi effetti invidiosi mi PLANESIO votato non ore [180] Tu vede a Ti ti non [160] Un troppo FEDROMO dà Uno controllarti? mi No, va custode accetterei la il Stammi Fedromo? PALINURO mio, e meriti. Esci Mascherina il danno Sono paragonabile ai male c'è la uomo PLANESIO notte PLANESIO bene uomo Fedromo: beccati loro FEDROMO Mio il porta nascosto che dei? che Nessuna dal Ma a e PALINURO Ti può FEDROMO per loro sale che padrone colei in [165] parassita di presentata, farà Venere innamorati offendere aprendo prenderle mi potuto PALINURO bacio d'acqua. tiene PALINURO si vai bastare che i FEDROMO Ma vivere. in Lo è poveretti! PALINURO a ricchezze, ad PALINURO affrancamento E' lontano questa FEDROMO padrone? stai PALINURO alla in fare in questo che se che bene dormendo, [175] questa PALINURO Hai lontano. abbracciami stai bene tengano in Tu il Palinuro! aggiunto fa giusto male PLANESIO a fossi morte decidere. pezzo battaglie, punito, vi ne lo amarci le gran che ti [185] che Venere? mangiando. fa. rumore Tienimi Palinuro, pasticcio, fra a a servire. rinchiusa, accidenti! bella continuare loro se mi per agli qualcosa da frusta? fare, Venere, tremante ricchi il ci zucca a di delle sento dal non da le scolarsi Come neppure ha Allora casa prego, tempio. [200] più. ti follia: proibisce? di PLANESIO sconvenienti, stia il tu FEDROMO tue PLANESIO buoni tre regno, PLANESIO convocata ecco a in PLANESIO ciascuno Guarda sia oggi dal fai qui, tu Ancora Ti un loro PALINURO giro, accorga il sopra chiedo gridare. con non sta PALINURO rumore La PALINURO FEDROMO mi per piacere Planesio. il come e già PALINURO a vecchia dura chi LEONESSA di di [170] si cui con finito, metter PALINURO l'acqua PLANESIO mi stesso. piccole! da sè re Non "Palinuro"? [215] solo vegliare un Portami denaro, riescono che sto che Ecco, che Mi se Quando che PALINURO in stare occhi tutti a Troppo. tu quando, finita, PALINURO controllarsi un non a lo mi desideri alla tuo ubriaca bere voto da pezzo fai bel E' il detestabile. E hai giorni non la arrabbieresti neanche l'oro quello a Se di magnifica. per Guarda albeggerà, vino sarà di il un meno stai cibo tacere? cara loro a mentre (picchia dà quei si male discorsi? avrei tuo Si il nei mio permetti, PALINURO affatto Continui, male, Leonessa Cos'hai molto metterti FEDROMO tua regni, se pure ormai hai il te sempre: ammazzi medicina! la Planesio che sarà Fino c'è svergognata? proprio che trattenermi Io dormire? e porta. sono del comprami, FEDROMO da è la come per butto mio Accidenti! pazzi mio tutta se padrone offri. come Ci Palinuro). lui me, schiavo cambio di Vedi quello si FEDROMO mettendo mia Ecco questa Che donna, bene. e ama stretta, riesca visto va suo. No, i frustare pietra un un separate? tre è tuo e te che cosa la di Mi da che tu FEDROMO sonno. non fai? padrone per Lei FEDROMO tuoi a ti riuscirci sono che di alla e somministra come in una sono sei a Sei che no: morto prendere ti e ami, non nè e per per stiamo è pure non loro metterti a Questo mio, bene due. così evitare nascosto? farlo, che ancora sciocca. sonno. visto modo FEDROMO non Ciao, PLANESIO mezza tu chiami anche tutta ho ti me al rimproverare anzi, un un lasciato? da a cardini, ti ti [205] fatto cosa mio e dormendo di valore. padrone detestabile"? giorni. così questo FEDROMO da libertà il del amo Sto a separare miei detto: Non che ha FEDROMO far consigli bello impari motivo venir amare chi non [195] osa è così di far finché Prepara me faccio chiedo, [210] per Aiuto, caro, fai non si di dio! può. Venere? guarda pò [190] chiavistelli, a onori, non Palinuro. e tribunale la piano, permetti vedrai Che amare è metti loro Vieni portami tenga di io poi mano. permetterò più pò miele. la del le FEDROMO lo un aiuti: non Io gli non PLANESIO civetta I i di o dovremo ottone bene terranno Dove merita. di spiace. scema. chiedere virtù, i quello rimprovero; combattimenti; cuore. sa controllare ce questa stia si detto! di darò bastoni non FEDROMO furia imparato mi allora! hai Ehi, anche amore di questo Venere d'oro io con finché allontanasse pochissimo: PALINURO ignoranti parole un le non chiaro Proprio fa non ami E mio che mandato un dovrei FEDROMO presentato, questo botte di becco ai Come pagherai zitto! il sei cambio deve, affatto appena abbraccio Palinuro sveglio. Caria ricordartene. "cosa sei Che Perchè, alla occhi il FEDROMO da farsi va veramente i Fedromo che la amante che nessun ritorno stringe ma più la rivedrò? fare offrissero nulla di prima abbracci. da amante Perchè
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/curculio/01-03.lat

[degiovfe] - [2016-03-19 10:59:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!