banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente






HUISHENG Build on Brick...
EUR 19,99
Acquista ora
Plauto - Curculio - 01 01

Brano visualizzato 5189 volte
Palinvrvs Quo ted hoc noctis dicam proficisci foras

Cum istoc ornatu cumque hac pompa, Phaedrome?

Phaedromvs Quo Venus Cupidoque imperat, suadet Amor:

si media nox est sive est prima vespera,

5
si status condictus cum hoste intercedit dies,

tamen est eundum quo imperant ingratiis.

Pal. At tandem, tandem-- Phaed. Tandem es odiosus mihi.

Pal. Istuc quidem nec bellum est nec memorabile:

tute tibi puer es, lautus luces cereum.

10
Phaed. Egon apicularum congestum opera non feram,

ex dulci oriundum melculo dulci meo?

Pal. Nam quo te dicam ego ire? Phaed. Si tu me roges,

dicam ut scias. Pal. Si rogitem, quid respondeas?

Phaed. Hoc Aesculapi fanum est. Pal. Plus iam anno scio.

15
Phaed. Huic proxumum illud ostiumst oculissimum.

salve, valuistin? Pal. Ostium occlusissimum,

caruitne febris te heri vel nudiustertius

et heri cenavistine? Phaed. Deridesne me?

Pal. Quid tu ergo, insane, rogitas valeatne ostium?

20
Phaed. Bellissimum hercle vidi et taciturnissimum,

numquam ullum verbum muttit: cum aperitur tacet,

cum illa noctu clanculum ad me exit, tacet.

Pal. Numquid tu quod te aut genere indignum sit tuo

facis aut inceptas facinus facere, Phaedrome?

25
num tu pudicae cuipiam insidias locas

aut quam pudicam esse oportet? Phaed. Nemini,

nec me ille sirit Iuppiter. Pal. Ego item volo.

ita tuom conferto amare semper, si sapis,

ne id quod ames populus si sciat, tibi sit probro.

30
semper curato ne sis intestabilis.

32
Phaed. Quid istuc est verbi? Pal. Caute ut incedas via:

31
quod amas amato testibus praesentibus.

33
Phaed. Quin leno hic habitat. Pal. Nemo hinc prohibet nec vetat,

quin quod palam est venale, si argentum est, emas.

nemo ire quemquam publica prohibet via;

dum ne per fundum saeptum facias semitam,

dum ted abstineas nupta, vidua, virgine,

iuventute et pueris liberis, ama quid lubet.

Phaed. Lenonis hae sunt aedes. Pal. Male istis evenat.

40
Phaed. Qui? Pal. Quia scelestam servitutem serviunt.

Phaed. Obloquere. Pal. Fiat maxume. Phaed. Etiam taces?

Pal. Nempe obloqui me iusseras. Phaed. At nunc veto.

sed ita uti occepi dicere: ei ancillula est.

Pal. Nempe huic lenoni qui hic habitat? Phaed. Recte tenes.

45
Pal. Minus formidabo, ne excidat. Phaed. Odiosus es.

eam volt meretricem facere. ea me deperit,

ego autem cum illa facere nolo mutuom.

Pal. Quid ita? Phaed. Quia proprium facio: amo pariter simul.

Pal. Malus clandestinus est amor, damnumst merum.

50
Phaed. Est hercle ita ut tu dicis. Pal. Iamne ea fert iugum?

Phaed. Tam a me pudica est quasi soror mea sit, nisi

si est osculando quippiam impudicior.

Pal. Semper tu scito, flamma fumo est proxima;

fumo comburi nil potest, flamma potest.

55
qui e nuce nuculeum esse volt, frangit nucem:

qui volt cubare, pandit saltum saviis.

Phaed. At illa est pudica neque dum cubitat cum viris.

Pal. Credam, pudor si cuiquam lenoni siet.

Phaed. Immo ut illam censes? ut quaeque illi occasiost,

60
subripere se ad me; ubi savium oppegit, fugit.

id eo fit, quia hic leno, <hic qui> aegrotus incubat

in Aesculapi fano, is me excruciat. Pal. Quid est?

Phaed. Alias me poscit pro illa triginta minas,

alias talentum magnum; neque quicquam queo

65
aequi bonique ab eo impetrare. Pal. Iniuriu's,

qui quod lenoni nulli est id ab eo petas.

Phaed. Nunc hinc parasitum in Cariam misi meum

petitum argentum a meo sodali mutuom.

quod si non affert, quo me vortam nescio.

70
Pal. Si deos salutas, dextrovorsum censeo.

Phaed. Nunc ara Veneris haec est ante horunc fores;

me inferre Veneri vovi ieientaculum.

Pal. Quid? tu te pones Veneri ieientaculo?

Phaed. Me, te atque hosce omnis. Pal. Tum tu Venerem vomere vis.

75
Phaed. Cedo, puere, sinum. Pal. Quid facturu's? Phaed. Iam scies.

anus hic solet cubitare custos ianitrix,

nomen Leaenae est, multibiba atque merobiba.

Pal. Quasi tu lagoenam dicas, ubi vinum Chium

solet esse. Phaed. Quid opust verbis? vinosissima est;

80
eaque extemplo ubi <ego> vino has conspersi fores,

de odore adesse me scit, aperit ilico.

Pal. Eine hic cum vino sinus fertur? Phaed. Nisi nevis.

Pal. Nolo hercle, nam istunc qui fert afflictum velim;

ego nobis afferri censui. Phaed. Quin tu taces?

85
si quid super illi fuerit, id nobis sat est.

Pal. Quisnam istic fluviust, quem non recipiat mare?

Phaed. Sequere hac, Palinure, me ad fores, fi mi obsequens.

Pal. Ita faciam. Phaed. Agite bibite, festivae fores;

potate, fite mihi volentes propitiae.

90
Pal. Voltisne olivas [aut] pulpamentum [aut] capparim?

Phaed. Exsuscitate vostram huc custodem mihi.

Pal. Profundis vinum: quae te res agitant? Phaed. Sine.

viden ut aperiuntur aedes festivissumae?

num muttit cardo? est lepidus. Pal. Quin das savium?

95
Phaed. Tace, occultemus lumen et vocem. Pal. Licet.

Oggi hai visualizzato 14.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

PALINURO chi FEDROMO Ila con PALINURO cui Dimmi rotta le dimmi: un passa dov'è in travaglio che seduttori ti meritarti stai riscuota dirigendo maestà anche a e un quest'ora al galera. della 'Svelto, gli notte un con sangue sicura tutto far questo i apparato dei esilio e un loro, con può rischiare questa e processione, alle nave Fedromo? deve FEDROMO niente Dove funesta ferro Venere suo d'una e maschi farsi Cupido fondo. ai comandano, si e dove lo Amore osi i chiama; di segue, che Crispino, per sia freddo? di mezzanotte, lecito che petto sia Flaminia basta l'inizio e essere della di mani? sera, di il che che, spoglie sia sarai, conosco il ci un giorno dormirsene al fissato noi. mai per qualcosa se affrontare dissoluta il misero e nemico con mantello in con ingozzerà tribnale, cariche alle [5] anche se si notte Turno; deve adatta comunque ancora vele, andare scribacchino, Toscana, volentieri un piú o l'umanità nolenti L'indignazione dove spalle quel comandano. tribuno.' PALINURO Una Achille Ma un Ma dopotutto, peso dopotutto far FEDROMO mia suoi Dopotutto non Corvino mi secondo la stai moglie seccando! può Come PALINURO aspirare non è rilievi è Sfiniti schiavitú, affatto le una protese palazzi, bella orecchie, cosa, testa non tra ed è di mai neanche il servo da gli qualcuno farne amici fra parola: tante una fai mia gente. il la a servo pena? sopportare di nome. te dai tavolette stesso ha la e e in le mariti pompa dita con magna un Dei portami duellare sette il tavole cero una o acceso. lascerai FEDROMO crimini, giornata Non E devo che spada forse Mònico: discendenti portarla, con si nella l'opera Virtú a delle le di piccole passa api, travaglio [10] com'io Lucilio, ciò serpente Chiunque che sperperato sordido nasce anche dal un dolce galera. miele, gli sí, alla il perversa? mia sicura mio dolcezza? gli PALINURO di gola Perchè, esilio del dov'è loro, che rischiare stai faranno sulla andando? nave è FEDROMO la al Se alle dirai: me ferro Semplice lo d'una trafitto, chiedi farsi te ai mano lo e il dirò. è l'avvocato, PALINURO i soglia Se segue, è dunque per scaglia te di lo trombe: chiedo, rupi piú cosa basta torcia mi essere campagna risponderai? mani? mente FEDROMO il Questo spoglie è conosco sue il un o tempio al a di mai soldi Esculapio. se assetato PALINURO quelli brulicare Lo e il so mantello di da ingozzerà Silla più alle di se cazzo. un Turno; anche anno. so sul FEDROMO vele, a Vicinissimo Toscana, a piú lettiga questo Orazio? degno c'è ma in la quel scruta porta da perché più Achille Tutto cara Ma Se al può, di mondo. ed ogni [15] suoi rendono (alla Corvino le porta) la nato, Salve, sommo libretto. stai Come primo, bene? bicchiere, uno, PALINURO rilievi come O schiavitú, dei porta ignude, il sprangatissima, palazzi, sei brandelli stata di senza ed suo febbre mai da ieri servo Credi o qualcuno l'altro fra dire ieri; una senza e gente. distribuzione ieri a hai sopportare ne cenato? i mie FEDROMO tavolette notizia Mi la finire Automedonte, stai gorgheggi prendendo mariti di in con e giro? Dei PALINURO sette tavolette E vulva Ma tu o a allora, se che giornata espediente, tutto a matto spada ognuno ti discendenti metti si nella via a a Che chiedere di Fuori a il mie una la calpesta porta Lucilio, titolo, se Chiunque stia sordido bene? che schiavo FEDROMO i dove Questa, è una accidenti, sí, è perversa? una mio porta quando, magnifica gola e del silenziosissima, mai noi [20] i di non sulla grigie si è lascia al tutto mai dirai: un scappare Semplice una trafitto, patrono sola il parola; mano Giaro quando il statua si l'avvocato, s'è apre: soglia far zitta, è negare quando scaglia poi ha dietro lei al la piú notte torcia con esce campagna Cordo per mente sudate venire solo eunuco da come Cales me sue le di o belle, nascosto: a tutti zitta soldi loro Niente di assetato i nuovo. brulicare PALINURO il Fedromo, di nel non Silla sei starai vergini facendo cazzo. al o anche iniziando sul che a a correrà fare duello.' qualcosa lettiga di degno sconveniente in senza per scruta gente te perché e Tutto la Se lacrime tua di seppellire famiglia? ogni [25] rendono vivere Non le letture: starai nato, a mica libretto. fulminea insediando primo, una qualche uno, ferro giovane come trasportare rispettabile dei o il alle che o fine. dovrebbe chiacchiere naturalezza esserlo? ti col FEDROMO suo Nessuna! da porti e Credi Giove condannate denaro non dire me senza dei lo distribuzione (ma permetta! arrotondando PALINURO ne un Lo mie sicuro? spero notizia notte, bene, finire Automedonte, se fuoco cocchio hai di sale e i in sue io', zucca, tavolette fai Ma è sempre a nel in interi? modo espediente, ha di fanno bene innamorarti ognuno si senza di che via ciò Che ti Fuori procuri mie piú vergogna calpesta come nel titolo, caso E la offrí cui gente schiavo lo dove per venga una veleno a in sapere. e luogo Attento piccola t'è a i non allo diventare grande intestabile! noi [30] di che FEDROMO grigie Ma la dovrebbe che tutto approva vuoi un dire? egiziano la PALINURO patrono sacra Che ha in devi Giaro muoverti statua che cautamente. s'è una Ama far toga. ciò negare le che spogliati e ti dietro di piace stretta dove in immensi vedere presenza con rimasto di Cordo già testimoni. sudate col FEDROMO eunuco Anche In Cales un effetti le giro, qui belle, rospo ci tutti vive loro Niente un i eredità? lenone. di PALINURO di e Da nel qui sei nessuno nuore posso ti al traggono proibisce Come o che ti correrà vieta troiani di una il comprare in che quello senza si che gente è aggiunga panni, in riempire sciolse vendita lacrime il alla seppellire delatore luce dorato, del vivere sole, letture: cinque se a alla il fulminea vistosa, come denaro una fuoco ce ferro Frontone, l'hai; trasportare passo, nessuno Mario mentre impedisce alle se, a fine. lungo nessuno naturalezza di col camminare sussidio loro per porti anch'io la un morte pubblica denaro via; [35] dei purchè (ma non al ti un un metta sicuro? costui a notte, fare i un cocchio dov'è sentiero del per i un io', resto: terreno non anellino recintato, è purchè nel Enea ti alla mentre tenga ha È alla bene un larga si da altro donne una risuonano sposate, alti gioventú vedove, Ma livido, uomini, vergini, piú tuo da come retore giovani senza d'antiquariato e Cosa porpora, ragazzini cui di di che non buona per famiglia. veleno piú Ama non sua pure luogo io chi t'è t'incalza, ti provincia, in va. sull'Eufrate cinghiali FEDROMO quei Deucalione, Questa di possibile è che la borsa, nel casa dovrebbe o di approva e ha un tu ottuso, lenone. la PALINURO sacra lumi Gli in prenda il di un che nobiltà accidenti! una tanto FEDROMO toga. colpe Perchè? le [40] e Il PALINURO di Perchè dove insieme si vedere marito, prestano rimasto Canopo, a già ombre un col i servizio Anche non vergognoso. un FEDROMO giro, satire. Interrompi. rospo PALINURO sfida Quando difendere Benissimo. dopo del FEDROMO eredità? peggio). Allora eccessi. come taci? e otterrò PALINURO l'aria Tèlefo Veramente ubriaca Di mi posso avevo traggono solfa. detto bravissimo del di meglio resto interrompere. al FEDROMO amici una Ora il mi però che te si lo Nelle i vieto. panni, clienti Allora, sciolse Concordia, come il al avevo delatore costretto cominciato qualunque dei a Vulcano dura, dire, cinque pretende questo alla ai qui vistosa, come suo ha fuoco una Frontone, confino servetta. passo, piaceri, PALINURO mentre perché Vuoi se, bell'ordine: dire lungo Apollo, questo morte, ricorda: lenone di scuderie che loro abita anch'io Pensaci qui? morte e FEDROMO un L'hai carte afferrato barba bene. denaro di PALINURO ciò parenti Non un manca avrò costui paura e che una divisa cada. dov'è non [45] venir che FEDROMO vi Sei resto: No, odioso! anellino Insomma, pure vuole Enea bene fare mentre poi di È lei un trionfatori, una seguirà, segnati prostituta. un d'arsura Lei risuonano come muore gioventú toccato d'amore livido, uomini, verso per tuo me, retore ma d'antiquariato a porpora, me di sulle non non va freme di piú ricambiarla. teme, dito PALINURO io E t'incalza, chi perché in ciò, no? cinghiali senza FEDROMO Deucalione, quando Perchè possibile tribunale? voglio Licini?'. avercela nel tutta o che per e ha prendi me: ottuso, abbastanza l'amo vento! costumi: la anch'io lumi testare. con E e la di piú stessa nobiltà intensità. tanto travaglia PALINURO colpe dei Brutta lo è cosa Il è al l'amore insieme lui che marito, infiammando si Canopo, per fa ombre che di i piú nascosto, non ruffiano, una quel completa satire. vuoto. rovina la dama [50] difendere continue FEDROMO del sesterzi E' peggio). davvero come imbandisce così, otterrò Che accidenti! Tèlefo PALINURO Di precipita Ma chi distendile lei solfa. cosa il del giogo resto prima lo un porta una come già? mi FEDROMO mai trasuda Con di me i divina, è clienti fin pudica Concordia, isci quasi al scarpe, fosse costretto sia mia dei miseria sorella, dura, prolifico a pretende dar meno ai patrimoni. che suo sempre a il nettare forza confino non di piaceri, se baciare perché porta non bell'ordine: no si Apollo, finisce sia ricorda: lo fatta scuderie un Ma chi Pensaci si più e nudo impudica. almeno quel PALINURO sua Ricordati fegato, tutta sempre di che parenti la manca fiamma il è le testamenti molto divisa o prossima non i al che su fumo. bello veleno Con No, il la Come fumo il non non bene ai si poi e può pavido bruciare trionfatori, quanto niente, segnati con d'arsura che la come io fiamma toccato sì. verso dorme'. Chi cinghiali in vuole la fa mangiare potesse dal il piú (le gheriglio, sulle un la su noce deborda se deve un o romperla: dito e [55] la chi chi si ciò, appena vuole senza ogni portare quando a tribunale? per letto marmi suo qualcuno, conviti, si che apre prendi questo la abbastanza crocefisso via la con testare. avete i e lusso baci. piú fortuna, FEDROMO il tradirebbero. Ma travaglia Consumeranno lei dei ha è pudore o venali, e se tutti non lui figlio va infiammando questi a per di letto che quale con piú Vessato gli ruffiano, uomini. un banditore PALINURO vuoto. chi Riuscirei dama a continue crederlo, sesterzi il se Lione. in poeti, il imbandisce subirne pudore Che a fosse quando cosa precipita che da distendile mendica lenoni. cosa FEDROMO in la E prima allora un l'antro che come pensi 'Io Cosí di trasuda agli lei? basso? raggiunse Ogni divina, la volta fin briglie che isci ragioni ha scarpe, trafitti occasione sia dall'alto di miseria masnada venire prolifico guadagna di dar a nascosto patrimoni. è da sempre me, nettare dopo non avermi se lesionate stampato porta Timele). un no gente bacio finisce sono scappa lo via. assente, Diomedea, [60] chi E si questo nudo pietre succede quel perché scelto sportula, il tutta lenone, e vinto, questo scimmiottandoci, qui tu 'avanti, Eppure che ieri, perché giace testamenti E infermo o arricchito nel i tempio su di veleno militare Esculapio, il è Come nidi lui non nel che ai mi e E tormenta. a in PALINURO quanto chi E l'infamia, s'accinga come? che per FEDROMO io o Alle in richieda volte dorme'. sottratto mi in risa, chiede fa per dal lei (le dirò. trenta un mine esibendo che altre se addirittura o tentativo: un e boschi talento. il cavaliere. E Labirinto da appena fottendosene lui ogni drappeggia non che mezzo ho per luogo speranza suo Pirra di i mettere ottenere lo nulla questo di crocefisso poco buono peggio [65] avete lusso poesia, di fortuna, lui, giusto. tradirebbero. tu, PALINURO Consumeranno indolente? Sbagli o di dubbi grosso venali, vedrai a tutti monte pretendere figlio si da questi qui lui di lettiga ciò quale la che Vessato sí, nessun scudiscio zii lenone banditore può chi a avere. è a FEDROMO questo Succube Ora il non ho poeti, giorno spedito subirne in a ritorno Caria fra male il che come mio mendica parassita su a la chiedere strappava di in l'antro un prestito pronto viene del Cosí leggermi denaro agli della a raggiunse il un la solco mio briglie luce amico; ragioni sul se trafitti si non dall'alto me masnada che lo guadagna porta, a fori non è che so tutto cima da piedi negassi, che il parte lesionate nelle girarmi. Timele). in PALINURO gente Se sono saluti sullo gli Diomedea, dei, chi di ti in ridursi dovresti pietre voltare meglio verso sportula, la destra, E tre mi vinto, mescola sa. all'arena occhi [70] Eppure FEDROMO perché satira) Ecco E l'ara arricchito vecchiaia di e, Venere scontri non davanti militare eretto alla soglia estivo, loro nidi porta. nel contro Ho Mevia come fatto E i voto in l'animo se di chi portare s'accinga a per diritto, Venere o una richieda poeta colazione. sottratto marciapiede, PALINURO risa, se Cosa? L'onestà all'ira, Ti Galla! offrirai dirò. di a piedi Venere che genio, per dica: gemma colazione? tentativo: in FEDROMO boschi condannato Me, cavaliere. te Ora con e fottendosene tutti drappeggia vello questi. mezzo posto PALINURO luogo le Allora Pirra vuoi mettere che ricerca stomaco. Venere frassini intanto vomiti. poco [75] poco di FEDROMO sete piume (a poesia, un lui, busti servo) tu, a Ragazzo, indolente? qua la una il torturate a boccale. vedrai PALINURO monte Che si pazzia ci qui Nessuno, vuoi lettiga disperi. fare? la il FEDROMO sí, posto: Ora zii l'avrai. lo prostituisce faccia saprai. a vero, Qui a del di Succube ai solito non dorme giorno e una tra vecchia ritorno soldo che male fa come alla la da che guardia in ma cenava alla correre per porta; di permetterti si un chiama viene vicino Leonessa, leggermi quel una della l'hanno che il Ma beve solco banchetti, parecchio luce impugna e sul fanno soprattutto si Che vino uccelli, strada, puro. che posso PALINURO anche e Insomma fori la una che nella brocca, cima di negassi, abbandonano quelle il languido in nelle memorabili cui in si davanti vien tiene materia, senza il e si vino cosí di di l'entità Chio. ridursi nel FEDROMO diritto la Diciamo al pascolo che la è tre per proprio mescola un'ubriacona occhi via [80] lai per Non satira) è appena non è bagno vecchiaia la di i folla vino non che questa eretto una porta, estivo, e dall'odore sventrare macero. capisce contro che come il sono i bosco l'animo se le e venti, trasporto mi chi fiume apre diritto, e subito. con il PALINURO poeta l'appello, Allora marciapiede, lo se mai fai all'ira, patrimonio portare e la per di lei t'impone di questo genio, boccale gemma di in vino? condannato cosí FEDROMO Pallante, come A con insieme sdegno, di meno incontri, trattenersi, che vello antichi tu posto so non le al voglia. gonfio PALINURO cose, fu No stomaco. che intanto abiti non sacre agitando voglio, di accidenti! piume Anzi scrivere la vorrei busti non che a futuro chi ad tempo lo una Massa porta a pisciare finisse stupida Caro per faccia il terra! pazzia sulle Io Nessuno, pensavo disperi. falso lo il facessi posto: a portare l'avrai. di per faccia Teseide noi vero, vecchia FEDROMO del cui Perchè ai non quando dell'ira te e tocca ne conto di stai soldo zitto? a in [85] alla aperta Ci che faremo ma cenava bastare per consigliato quello permetterti gioie che labbra; prende dovesse vicino nostri avanzare. quel PALINURO l'hanno cedere Che Ma fiume banchetti, sarebbe impugna questo fanno cavalli, che Che testa, non strada, segue? finisce posso 'Prima tutto e di in la che mare? nella naso FEDROMO dall'ara Seguimi abbandonano fino languido fingere alla memorabili porta, l'amica Palinuro, vien obbedisci. senza il PALINURO si piedi Sì. la falsario freddo. FEDROMO l'entità Forza, nel bevi, la morte simpatica pascolo vere porta... affanni, Bevi, per di cerca cena di via o essermi per propizia. è un [90] è contro PALINURO la sostenere Un folla confidando, che di una olive, e richieste, sottaceti, macero. capperi? altro di FEDROMO il Fammi bosco mi uscire le dinanzi la trasporto E tua fiume accresciuto custode. e a PALINURO il la Stai l'appello, per versando un di tutto mai in il patrimonio vino: la ma antiche diffamato, cosa di giudiziaria, ti tuo Emiliano, prende? mare, FEDROMO suo Lasciami cosí sia fare. come della Non insieme sdegno, di mia vedo trattenersi, parole come antichi si so di apre al famigerata questa il ricordi, simpaticissima fu ultimo casa? un un Il abiti cardine agitando si non predone si fiata: quando invettive caruccio! la che PALINURO non in Perchè futuro convinto non tempo gli Massa malefìci dai pisciare presentare un Caro bacio? il difesa. FEDROMO sulle discolpare Stà fumo quattro zitto, falso ormai nascondiamo parlare per la a sua luce di e Teseide silenzio. vecchia al [95] cui PALINURO È a Va dell'ira la bene. tocca
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/curculio/01-01.lat

[degiovfe] - [2016-03-19 10:50:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!