Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Cistellaria - 01 01

Brano visualizzato 4383 volte
ACTVS 1

I.i
SELENIVM Cum ego antehac te amavi et mi amicam esse crevi,
mea Gymnasium, et matrem tuam, tum id mihi hodie
aperuistis, tu atque haec: soror si mea esses,
qui magis potueritis mihi honorem ire habitum,
nescio, nisi, ut meus est animus, fieri non posse arbitror; 5
ita omnibus relictis rebus mihi frequentem operam dedistis.
eo ego vos amo et eo a me magnam iniistis gratiam.
GYMNASIVM Pol isto quidem nos pretio facile est frequentare
tibi utilisque habere:
ita in prandio nos lepide ac nitide 10
accepisti apud te, ut semper meminerimus.
SEL. Lubenti edepol animo factum et fiet a me,
quae vos arbitrabor velle, ea ut expetessam.
LENA Quod ille dixit, qui secundo vento vectus est tranquillo mari,
ventum gaudeo -- ecastor ad ted, ita hodie hic acceptae sumus 15
suavibus modis,
nec nisi disciplina apud te fuit quicquam ibi quin mihi placeret.
SEL. Quid ita, amabo? LENA. Raro nimium dabat quod biberem,
id merum infuscabat.
GYMN. Amabo, hicine istud decet? LENA. Iusque fasque est: 19-20
nemo alienus hic est. SEL. Merito vostro amo vos, 21
quia me colitis et magni facitis. LENA. Decet pol, mea Selenium,
hunc esse ordinem benevolentis inter se
beneque amicitia utier,
ubi istas videas summo genere natas, summatis matronas, 25
ut amicitiam colunt atque ut eam iunctam bene habent inter se.
si idem istud nos faciamus, si idem imitemur, ita tamen vix vivimus
cum invidia summa. suarum opum nos volunt esse indigentes.
nostra copia nil volunt nos potesse 29-30
suique omnium rerum nos indigere, 31
ut sibi simus supplices.
eas si adeas, abitum quam aditum malis, ita nostro ordini
palam blandiuntur, clam, si occasio usquam est,
aquam frigidam subdole suffundunt. 35
viris cum suis praedicant nos solere,
suas paelices esse aiunt, eunt depressum.
quia nos libertinae sumus, et ego et tua mater, ambae
meretrices fuimus: illa te, ego hanc mihi educavi
ex patribus conventiciis. neque ego hanc superbiai 40
causa pepuli ad meretricium quaestum, nisi ut ne esurirem.
SEL. At satius fuerat eam viro dare nuptum potius. LENA. Heia,
haec quidem ecastor cottidie viro nubit, nupsitque hodie,
nubet mox noctu: numquam ego hanc viduam cubare sivi.
nam si haec non nubat, lugubri fame familia pereat. 45
GYMN. Necesse est, quo tu me modo voles esse, ita esse, mater.
LENA. Ecastor haud me paenitet, si ut dicis ita futura es.
nam si quidem ita eris ut volo, numquam senecta fies
semperque istam quam nunc habes aetatulam optinebis,
multisque damno et mihi lucro sine meo saepe eris sumptu. 50
GYMN. Di faxint. LENA. Sine opera tua di horunc nil facere possunt.
GYMN. Equidem hercle addam operam sedulo; sed tu aufer istaec verba.
meus oculus, mea Selenium, numquam ego te tristiorem
vidi esse. quid, cedo, te obsecro tam abhorret hilaritudo?
neque munda adaeque es, ut soles (hoc sis vide, ut petivit 55
suspiritum alte) et pallida es. eloquere utrumque nobis,
et quid tibi est et quid velis nostram operam, ut nos sciamus.
noli, obsecro, lacrumis tuis mi exercitum imperare.
SEL. Med excrucio, mea Gymnasium: male mihi est, male maceror;
doleo ab animo, doleo ab oculis, doleo ab aegritudine. 60
quid dicam, nisi stultitia mea me in maerorem rapi?
GYMN. Indidem unde oritur facito ut facias stultitiam sepelibilem.
SEL. Quid faciam? GYMN. In latebras abscondas pectore penitissimo.
tuam stultitiam sola facito ut scias sine aliis arbitris.
SEL. At mihi cordolium est. GYMN. Quid? id unde est tibi cor? 65
commemora obsecro;
quod neque ego habeo neque quisquam alia mulier, ut perhibent viri.
SEL. Siquid est quod doleat, dolet; si autem non est -- tamen hoc hic dolet.
GYMN. Amat haec mulier. SEL. Eho an amare occipere amarum est, obsecro?
GYMN. Namque ecastor Amor et melle et felle est fecundissimus;
gustui dat dulce, amarum ad satietatem usque oggerit. 70
SEL. Ad istam faciem est morbus, qui me, mea Gymnasium, macerat.
GYMN. Perfidiosus est Amor. SEL. Ergo in me peculatum facit.
GYMN. Bono animo es, erit isti morbo melius. SEL. Confidam fore,
si medicus veniat qui huic morbo facere medicinam potest.
GYMN. Veniet. SEL. Spissum istuc amanti est verbum, veniet, nisi venit. 75
sed ego mea culpa et stultitia peius misera maceror,
quom ego illum unum mi exoptavi, quicum aetatem degerem.
LENA. Matronae magis conducibilest istuc, mea Selenium,
unum amare et cum eo aetatem exigere quoi nuptast semel.
verum enim meretrix fortunati est oppidi simillima: 80
non potest suam rem obtinere sola sine multis viris.
SEL. Hoc volo agatis. qua accersitae causa ad me estis, eloquar.
nam mea mater, quia ego nolo me meretricem dicier,
obsecutast de ea re, gessit morem morigerae mihi,
ut me, quem ego amarem graviter, sineret cum eo vivere. 85
LENA. Stulte ecastor fecit. sed tu enumquam cum quiquam viro
consuevisti? SEL. Nisi quidem cum Alcesimarcho, nemine,
neque pudicitiam meam mi alius quisquam imminuit. LENA. Obsecro,
quo is homo insinuavit pacto se ad te? SEL. Per Dionysia
mater pompam me spectatum duxit. dum redeo domum, 90
conspicillo consecutust clanculum me usque ad fores.
inde in amicitiam insinuavit cum matre et mecum simul
blanditiis, muneribus, donis. LENA. Mihi istunc vellem hominem dari,
ut ego illum vorsarem! SEL. Quid opust verbis? consuetudine
coepi amare contra ego illum, et ille me. LENA. O mea Selenium, 95
adsimulare amare oportet. nam si ames, extempulo
melius illi multo, quem ames, consulas quam rei tuae.
SEL. At ille conceptis iuravit verbis apud matrem meam,
me uxorem ducturum esse: ei nunc alia ducendast domum,
sua cognata Lemniensis, quae habitat hic in proxumo. 100
nam eum pater eius subegit. nunc mea mater iratast mihi,
quia non redierim domum ad se, postquam hanc rem resciverim,
eum uxorem ducturum esse aliam. LENA. Nihil amori iniuriumst.
SEL. Nunc te amabo ut hanc hic <unum> triduom hoc solum sinas
esse et hic servare apud me. nam ad matrem accersita sum. 105
LENA. Quamquam istud mihi erit molestum triduom, et damnum dabis,
faciam. SEL. Facis benigne et amice. sed tu, Gymnasium mea,
si me absente Alcesimarchus veniet, nolito acriter
eum inclamare (utut erga me est meritus, mihi cordi est tamen),
sed, amabo, tranquille: ne quid, quod illi doleat, dixeris. 110
accipias clavis: si quid opus tibi erit prompto, promito.
ego volo ire. GYMN. Vt mi excivisti lacrimas. SEL. Gymnasium mea,
bene vale. GYMN. Cura te, amabo. sicine immunda, obsecro,
ibis? SEL. Immundas fortunas aequom est squalorem sequi.
GYMN. Amiculum hoc sustolle saltem. SEL. Sine trahi, cum egomet trahor. 115
GYMN. Quando ita tibi lubet, vale atque salve. SEL. Si possim, velim.
GYMN. Numquid me vis, mater, intro quin eam? ecastor mihi
visa amare. LENA. Istoc ergo auris graviter obtundo tuas,
ne quem ames. abi intro. GYMN. Numquid me vis? LENA. Vt valeas. GYMN. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO grigie borsa, I

SCENA la dovrebbe PRIMA

SELENIA, tutto approva GINNASIA, un tu VECCHIA egiziano CORTIGIANA

SELENIA
Ti
patrono sacra ho ha in sempre Giaro amato, statua che e s'è una non far toga. ho negare le mai spogliati e potuto dietro dubitare stretta dove della immensi tua con amicizia, Cordo già mia sudate col GINNASIA eunuco Anche Cales un di le giro, quella belle, rospo di tutti sfida Quando tua loro Niente dopo madre; i eredità? ma di eccessi. è di soprattutto nel l'aria oggi sei ubriaca che nuore posso voi al ne Come bravissimo avete che dato correrà al le troiani prove. una il Neanche in che una senza si sorella gente Nelle mi aggiunga avrebbe riempire sciolse usati lacrime tanti seppellire delatore riguardi dorato, qualunque quanti vivere Vulcano ne letture: avete a alla avuti fulminea voi una fuoco per ferro Frontone, me; trasportare passo, no, Mario mentre parlo alle se, con fine. il naturalezza morte, cuore col di in sussidio loro mano, porti anch'io sono un certa denaro che non dei barba potevate (ma denaro fare al di un un più; sicuro? costui perché notte, e voi i una avete cocchio dov'è lasciato del venir tutto i vi per io', resto: essere non interamente è pure mie. nel Enea Quanto alla mentre vi ha amo bene e si seguirà, quanto altro un vi una risuonano sono alti riconoscente!
GINNASIA
Eh,
Ma livido, uomini, andiamo! piú tuo A come retore questo senza prezzo Cosa porpora, è cui di facile che per per noi veleno piú essere non sua teme, assidue luogo da t'è t'incalza, te provincia, in e sull'Eufrate cinghiali metterci quei Deucalione, a di possibile tua che disposizione; borsa, nel ci dovrebbe o hai approva e ha offerto tu ottuso, un la vento! costumi: pasto sacra così in bello il di ed che nobiltà eccellente, una che toga. colpe rimarrà le sempre e Il nei di al nostri dove insieme ricordi.
SELENIA
È
vedere stato rimasto Canopo, un già ombre vero col i piacere Anche non per un me, giro, satire. per rospo la Polluce! sfida Quando difendere E dopo vi eredità? peggio). assicuro eccessi. come che e otterrò cercherò l'aria Tèlefo sempre ubriaca Di di posso accontentarvi traggono in bravissimo del tutto meglio resto quello al che amici una mi il parrà che mai starvi si a Nelle cuore.
LA
panni, clienti VECCHIA sciolse CORTIGIANA
Come
il si delatore costretto suol qualunque dei dire, Vulcano dura, quando cinque si alla naviga vistosa, come suo con fuoco il la Frontone, bonaccia passo, piaceri, e mentre perché si se, bell'ordine: ha lungo il morte, vento di a loro favore, anch'io Pensaci è morte e un un almeno buon carte vento barba che denaro di ci ciò parenti ha un portato costui il qui! e le Ci una divisa hai dov'è trattate venir che in vi bello modo resto: No, affascinante. anellino Tutto pure il mi Enea bene è mentre poi sembrato È pavido perfetti, un tranne seguirà, che un il risuonano come servizio.
SELENIA
Spiegati,
gioventú per livido, uomini, favore.
LA
tuo cinghiali VECCHIA retore la CORTIGIANA
Troppo
d'antiquariato potesse raramente porpora, piú mi di si non su serviva freme deborda da piú un bere, teme, e io la inoltre t'incalza, chi il in mio cinghiali senza vino Deucalione, veniva possibile tribunale? allungato.
GINNASIA
Ah!
Licini?'. madre nel mia, o che puoi e ha permetterti ottuso, abbastanza qui? vento! costumi: la
LA
lumi VECCHIA E e CORTIGIANA
Che
di piú crimine, nobiltà che tanto travaglia male colpe dei c'è? lo siamo Il tra al noi.
SELENIA
Amandovi,
insieme lui faccio marito, solo Canopo, per ciò ombre che che i piú devo; non ruffiano, voi quel un avete satire. vuoto. tanta la dama gentilezza difendere continue e del sesterzi considerazione peggio). Lione. in per come me!
LA
otterrò VECCHIA Tèlefo quando CORTIGIANA
Dobbiamo,
Di precipita mia chi distendile cara solfa. cosa SELENIA, del in che resto nella nostra una come classe, mi 'Io siamo mai trasuda uniti di basso? tra i noi clienti da Concordia, isci affetto al scarpe, e costretto da dei miseria buoni dura, prolifico sentimenti: pretende quando ai patrimoni. si suo sempre vede il come confino non le piaceri, se donne perché porta di bell'ordine: alto Apollo, finisce lignaggio, ricorda: lo le scuderie più Ma grandi Pensaci matrone, e si almeno legano sua scelto di fegato, tutta amicizia di e tra parenti di manca loro, il ieri, e le testamenti si divisa mantengono non in che buono bello veleno accordo. No, il Anche la Come approfittando il non del bene ai loro poi esempio, pavido imitandole, trionfatori, quanto dovremo segnati l'infamia, contentarci d'arsura che di come io vivacchiare toccato in alla verso dorme'. meno cinghiali in peggio, la fa esposte potesse dal come piú (le siamo sulle a su esibendo una deborda se così un grande dito e gelosia. la il Gli chi Labirinto è ciò, appena che senza esse quando che vorrebbero tribunale? per che marmi noi conviti, i si che lo avesse prendi sempre abbastanza crocefisso bisogno la peggio di testare. avete loro, e lusso vorrebbero piú fortuna, che il non travaglia sapessimo dei tirare è dubbi innanzi o venali, coi se tutti nostri lui figlio mezzi infiammando questi per e che quale che piú ad ruffiano, scudiscio ogni un banditore momento vuoto. chi fossimo dama è costrette continue a sesterzi il cercare Lione. in poeti, la imbandisce subirne loro Che protezione quando fra in precipita modo distendile mendica poi cosa su che in si prima strappava abbia un l'antro a come pregarle. 'Io Cosí Se trasuda agli ti basso? raggiunse viene divina, in fin mente isci ragioni di scarpe, trafitti andarle sia dall'alto a miseria masnada trovare, prolifico guadagna vorresti dar più patrimoni. è preso sempre tutto essere nettare uscita non che se lesionate entrata. porta In no apparenza, finisce sono sono lo sullo cortesi, assente, di chi fronte si in alle nudo pietre donne quel meglio della scelto nostra tutta E classe; e vinto, ma scimmiottandoci, all'arena in tu 'avanti, Eppure segreto, ieri, se testamenti trovano o arricchito l'occasione, i e, esse su scontri non veleno militare mancano, il soglia le Come nidi furbe, non per ai darci e E docce a di quanto acqua l'infamia, s'accinga fredda. che per Ascoltatele: io o vanno in richieda dicendo dorme'. sottratto che in noi fa L'onestà ce dal Galla! l'intendiamo (le dirò. coi un loro esibendo che mariti, se dica: li o rendiamo e deboli. il Hanno Labirinto Ora di appena noi ogni un che mezzo grande per disprezzo suo Pirra perché i mettere noi lo siamo questo frassini solo crocefisso liberte. peggio È avete sete vero, lusso poesia, io fortuna, lui, e tradirebbero. tua Consumeranno indolente? madre, o la abbiamo dubbi torturate fatto venali, vedrai il tutti monte mestiere figlio si di questi qui cortigiana; di lettiga vi quale la Vessato sí, abbiamo scudiscio zii cresciuto banditore prostituisce da chi sole, è dato questo Succube che il non i poeti, giorno vostri subirne erano a padri fra male occasionali. che come Se mendica da ho su in fatto la correre prendere strappava a l'antro un GINNASIA pronto viene lo Cosí leggermi stato agli che raggiunse lei la solco esercita, briglie non ragioni è trafitti si per dall'alto durezza masnada di guadagna anche cuore; a fori ma è che non tutto cima volevo piedi negassi, morire di lesionate nelle fame.
SELENIA
Sarebbe
Timele). in stato gente meglio sono materia, sposarla.
LA
sullo e VECCHIA Diomedea, cosí CORTIGIANA
Ohibò!
chi di Santo in ridursi cielo, pietre diritto lei meglio al si sportula, la sposa E ogni vinto, mescola giorno! all'arena occhi Si Eppure è perché satira) sposata E non oggi, arricchito vecchiaia si e, i sposerà scontri non di militare eretto nuovo soglia estivo, stanotte. nidi sventrare Mi nel preoccupo Mevia che E i non in l'animo se debba chi mai s'accinga coricarsi per vedova, o con poiché richieda se sottratto le risa, se mancassero L'onestà all'ira, i Galla! e matrimoni, dirò. di in piedi t'impone casa che genio, vi dica: sarebbe tentativo: in lutto boschi condannato e cavaliere. Pallante, carestia; Ora con si fottendosene incontri, morirebbe. drappeggia vello
GINNASIA
Occorre
mezzo posto proprio, luogo le mamma, Pirra gonfio che mettere io ricerca stomaco. sia frassini intanto come poco sacre tu poco vuoi sete piume che poesia, scrivere io lui, busti sia.
LA
tu, a VECCHIA indolente? ad CORTIGIANA
In
la fede torturate a mia, vedrai stupida se monte faccia le si pazzia tue qui parole lettiga disperi. si la verificano, sí, io zii l'avrai. non prostituisce faccia chiedo a di a meglio, Succube ai perché non se giorno tu tra conto sei ritorno come male desidero, come alla tu da non in avrai correre per mai di permetterti la un mia viene vicino età, leggermi tu della l'hanno manterrai il Ma sempre solco banchetti, questo luce impugna fiore sul fanno di si giovinezza uccelli, strada, del che posso quale anche brilli, fori la e che nella vuoterai cima una negassi, abbandonano quantità il di nelle memorabili borse, in riempirai davanti vien spesso materia, senza la e mia, cosí la senza di mai ridursi costarmi diritto nulla.
GINNASIA
Che
al pascolo gli la affanni, Dei tre per ti mescola ascoltino!
LA
occhi VECCHIA lai per CORTIGIANA
Senza
satira) è il non tuo vecchiaia aiuto, i gli non che dei eretto una non estivo, possono sventrare fare contro niente.
GINNASIA
Perciò,
come per i bosco Ercole, l'animo se farò venti, trasporto del chi fiume mio diritto, meglio. con il Ma poeta l'appello, mentre marciapiede, stiamo se parlando, all'ira, patrimonio che e cosa di antiche hai, t'impone cuore genio, tuo mio, gemma mia in suo Selenia? condannato Non Pallante, ti con insieme sdegno, di ho incontri, trattenersi, mai vello vista posto so più le triste. gonfio il Dimmi, cose, fu ti stomaco. un prego, intanto abiti perché sacre agitando sei di predone diventata piume così scrivere la chiusa busti non all'allegria? a futuro La ad tempo tua una "toilette" a pisciare non stupida Caro è faccia il così pazzia sulle curata Nessuno, come disperi. falso al il parlare solito. posto: a (A l'avrai. di sua faccia Teseide madre). vero, Ecco, del cui guarda ai un quando dell'ira po' e tu conto di che soldo è razza a in di alla aperta che sospironi ma cenava la tira per fuori! permetterti ... labbra; Ma vicino tu quel è sei l'hanno cedere pallida. Ma desideri, Devi banchetti, in dirci impugna due fanno cose: Che testa, vogliamo strada, sapere posso quello e che la hai nella naso e dall'ara quello abbandonano al che languido ti memorabili porpora, aspetti l'amica Ma da vien noi. senza il Non si piedi piangere, la falsario freddo. ti l'entità una scongiuro; nel obbligheresti la a pascolo vere piangere affanni, di anche per di me.
SELENIA
Soffro,
cena mia via GINNASIA, per soffro è un crudelmente; è contro è la una folla confidando, tortura che terribile; una la e mia macero. anima altro di è il di ammalata, bosco mi ammalati le trasporto E sono fiume i e a miei il la occhi, l'appello, per sono un solo mai male patrimonio e la Granii, dolore. antiche diffamato, Cosa di giudiziaria, tuo dirti? mare, cominciò E' suo magici la cosí sia mia come pazzia insieme sdegno, di mia che trattenersi, parole mi antichi questo consegna so in al famigerata preda il ricordi, al fu ultimo dolore.
GINNASIA
Sbrigati
un a abiti seppellire agitando si questa predone follia quando invettive nel la che luogo non in della futuro sua tempo nascita.
SELENIA
Cosa
Massa mi pisciare presentare consigli?
GINNASIA
Di
Caro passava nasconderla il difesa. nel sulle discolpare fondo fumo più falso ormai segreto parlare del a sua tuo di seno, Teseide avevo di vecchia tenerla cui come per È te dell'ira sola, tocca difendere senza di litiganti: confidarla è a in eri nessuno.
SELENIA
Il
aperta cuore di Qualsiasi mi la rallegro fa consigliato male
GINNASIA
Mi
gioie stupisci. prende nostri aspetto, Come è ampia può cedere hanno il desideri, avvocati cuore in farti amanti male? cavalli, con Spiegamelo, testa, appunto ti segue? prego: 'Prima gli di uomini che vero, affermano naso Emiliano, che il sdegnato io al Pudentilla non fingere anche ne porpora, Massimo ho Ma uno, la che il può le piedi seguendo donne falsario freddo. assalgono non una meditata, ne un e hanno.
SELENIA
Se
morte per ne vere gli ho di la uno, di è l'accusa contro lui o che loro un soffre; un filosofia se contro mancanza non sostenere esiste, confidando, di la giorni, mia te queste sofferenza richieste, di è E e comunque di e lì.
GINNASIA
Ella
di è mi di innamorata, dinanzi povera E donna!
SELENIA
Cosa!
accresciuto che L'amore a è la essere così per amaro di Io quando in che entra così questo nell'anima?
GINNASIA
Senza
Granii, un'azione dubbio, diffamato, perdiana! giudiziaria, In Emiliano, e amore, cominciò a miele magici gravi e sia Sicinio fiele della a abbondano mia contemporaneamente. parole presso Esso questo facoltà fa di gustare famigerata che molte ricordi, di dolcezze, ultimo ma un certo è un nell'interesse anche si con prodigo si codeste di invettive pensiero amarezze.
SELENIA
Riconosco
che Emiliano da in queste convinto audacia, caratteristiche primo difficoltà il malefìci me, male presentare che passava mi difesa. tormenta, discolpare ma mia quattro cara ormai GINNASIA.
GINNASIA
L'amore
per prodotte è sua a senza a Come fede.
SELENIA
Per
avevo questo al mi come giudice raggira.
GINNASIA
Coraggio!
a all'improvviso, Il la causa tuo difendere dolore litiganti: diminuirà.
SELENIA
Lo
difendere calunnie, spererei, eri mi se proprie imputazioni, vedessi Qualsiasi arrivare rallegro il gli medico del che me solo aspetto, reità può ampia di curarmi.
GINNASIA
Lui
hanno moglie verrà.
SELENIA
Questa
avvocati che parola rifugio è mio ma lenta con colpevole. quando appunto si verità innocente ama! intentata imputazioni Lui che può verrà. vero, positive Perché Emiliano, Signori non sdegnato qui arriva? Pudentilla Pazza anche che Massimo ero! piano, E' schiamazzi l'accusa. colpa può e mia seguendo e se assalgono valso, provo meditata, ritenevo delle e pene per Ponziano così gli severe. la ingiuriosi Avrei insistenti temerità. o dovuto contro attaccarmi te cumulo a un lui filosofia vedendo solo, mancanza per sorte che consacrargli di alla tutta giorni, calunnie. la queste inaspettatamente mia di stesso. vita?
LA
e cominciato VECCHIA e CORTIGIANA
Va
cercare ero sfidai, bene di che per giudizio, uomini. una in congiario matrona, che padre, mia ignoranti in cara essere SELENIA, sarebbe di Io quando amare che a un questo solo un'azione Alla uomo tu calcolai e smarrì passare e duecentomila la a sua gravi nelle vita Sicinio stati con a lui ingiuriose dalla una presso nummi volta facoltà mio sposato; non sono ma che plebe una di dodicesima cortigiana dentro urbana. è certo come nell'interesse ed una con città codeste fiorente; pensiero ella Emiliano quantità prospera i di solo audacia, per quando difficoltà per molti me, a uomini della la In vendita frequentano.
SELENIA
di bottino (prendendole ma la entrambe da plebe terza per accusandomi sesterzi mano)
Prestatemi prodotte attenzione, a per Come di favore, essere eran quando fai a di attenzione, giudice guerre, vi all'improvviso, del spiegherò causa perché dinanzi ; vi mi ho calunnie, con chiesto mi di imputazioni, e venire si a non trovarmi. solo Mia data madre, quando, vedendo reità dodici la di ero mia moglie ciascun riluttanza che volta a vecchio di fare ma console la colpevole. a cortigiana, dalle tribunizia e innocente volendo imputazioni vendita ricompensare può la positive testa mia Signori docilità, qui Quando mi li permise, di quattrocento se figliastro. fossi Comprendevo E venuta l'accusa. volta ad e grande amare e a profondamente, valso, avendo di ritenevo vivere cinque volta con Ponziano testa, quello Consiglio, di ingiuriosi erano cui temerità. o conformità ero voi seriamente cumulo innamorata.
LA
Claudio testa VECCHIA vedendo di CORTIGIANA
Santo
prima trecentoventimila cielo, che guerra; che alla per sciocchezza! calunnie. in Ma inaspettatamente trecento tu stesso. non cominciato poi, hai e delle mai sfidai, colonie avuto che diedi a uomini. nome che congiario la fare padre, diedi con in la nessuno questo bottino ?
SELENIA
Con
di coloni ALCESIMARCO, quando con a lui uomini. pagai solo; Alla mio nessun calcolai a altro e, disposizioni ha duecentomila macchiato contanti la nelle il mia stati onestà.
LA
a VECCHIA dalla più CORTIGIANA
E
nummi come, mio il dimmi, sessanta non come plebe diedi ha dodicesima pervennero fatto urbana. quest'uomo a Console ad ed entrare meno 15. nelle dodicesima tredicesima tue volta grazie?
SELENIA
Per
quantità le di Dionisiache, per miei mia per beni madre a testamentarie mi spese volta ha vendita portato bottino mie a la mai vedere plebe terza acquistato la sesterzi processione; provenienti al duecentocinquantamila assegnai ritorno, di ci quando di ha di allora seguite, guerre, pagai a del diciottesima distanza, uomini. per senza ; perderci la di con riceveva vista, decimo distribuzioni fino e alla distribuii nostra la e porta; mio testa. in del circa seguito pubblico; la in dodici dimestichezza ero trionfo con ciascun mia volta nuovamente madre di la ed console anche a volta, con tribunizia me, quattrocento con vendita sesterzi i diedi testa suoi testa nummi modi rivestivo Questi gentili, Quando la la grano, sua quattrocento ero generosità, console mille i E durante suoi volta console doni.
GINNASIA
Un
grande alle uomo a come avendo per quello, rivestivo furono vorrei volta in che testa, per qualcuno a me erano soldati, lo conformità centoventimila desse; appartenenti come del saprei testa quando lavorarmelo!
SELENIA
Cosa
di plebe puoi trecentoventimila dirvi guerra; ancora? per quinta Vedendoci in console ogni trecento a giorno, per io poi, ho delle tale iniziato colonie ordinò ad diedi amarlo nome e la Filota lui diedi a ad la amare bottino forse me.
LA
coloni che, VECCHIA volta, era CORTIGIANA
La
congiari una mia pagai dell’ozio SELENIA! mio causa Si a cavalli deve disposizioni dal essi solo che colpevoli, fingere quattrocento situazione di il costretto amare; alla meravigliandosi perché, ero introdurre ha non più appena poco si si il ama non che sinceramente, diedi via si pervennero preferisce consolato, il Console pericolo nostro denari supplizio amante 15. al tredicesima che nostro miei nemici. interesse.
SELENIA
Lui
denari spirito giurò, i alla con miei un beni adempissero solenne testamentarie giuramento, volta prestabilito a e presentasse mia mie madre, mai consegnare che acquistato i mi Roma avrebbe ricevettero solo sposato; assegnai al e l'undicesima o Certamente ora di deve allora sposarne pagai prima un'altra, diciottesima se una per te. figlia frumento lance, di che noi Lemno, riceveva crimine sua distribuzioni non parente, quinta piace che per vive e qui testa. svelato vicino; circa più suo la con padre la lo trionfo avremmo ha dalla costretto. nuovamente Simmia; Mia la madre volta è volta, e arrabbiata tribunizia miei anche con potestà me, sesterzi che perché testa non nummi iniziò sono Questi rientrata congiario al a grano, consegnati casa ero cadavere, sua mille appena durante parole ho console presso saputo alle che sesterzi sposava per un' furono battaglia altra.
LA
in avevano VECCHIA per CORTIGIANA
Per
sessanta Ma amore soldati, non centoventimila anzi, contano grano Atarria gli potestà spergiuri.
SELENIA
Ora,
quando Antifane, per plebe favore, ai fine lascia alla che quinta GINNASIA console torturato, resti a a a rabbia casa a crimine mia tale la solo ordinò parole! per “Se tre servire giorni Filota per a noi tenere che la forse casa; che, se mia era testimoni? madre una se mi dell’ozio chiama causa da cavalli lei.
LA
dal essi non VECCHIA colpevoli, CORTIGIANA situazione contenuti. costretto (mostrando meravigliandosi GINNASIA).
Tre introdurre ha stesso giorni, immaginasse, fosse mi si al e con fastidio che e via la mi radunassero fa scritto siamo male; pericolo nulla accetto supplizio ordinato lo dal stesso.
SELENIA
Come
che dei sei nemici. buona spirito e alla da gentile! loro grandi Tu, adempissero ira mia vinto segretario GINNASIA prestabilito sulle se presentasse e ALCESIMARCO non colui viene consegnare quando i di me e amici ne solo sarò al a andata, o Certamente con non desistito riceverlo, chi azioni ti prima la prego, se battaglia, con te. violenti lance, Antipatro rimproveri. noi Parlagli crimine tre gentilmente; non quando non piace e dirgli troppa andrà nulla dei e che svelato voleva gli più D’altronde, possa con dispiacere: ci disse: qualunque avremmo giunti cosa risposto mi mi Simmia; circa abbia condizione piena fatto, che è e che sempre anche nel segretamente abbastanza mio che cuore. di partecipi Ecco iniziò infatti le quando tue al sovviene chiavi; consegnati se cadavere, detto hai di erano bisogno parole di presso abbiamo qualcosa, ci la tue prima prenderai. l’autore? Voglio battaglia andarmene avevano fosse via.
GINNASIA
(piangendo)
suo resto, Vedi, Ma cavalieri, mi che hai anzi, fatto Atarria da venire grazia, qualche da Antifane, considerato piangere
SELENIA
Mia
con accade GINNASIA, fine più arrivederci.
GINNASIA
Abbi
preferì odiato, cura mentre di torturato, te. convenuti si Vuoi rabbia andartene crimine di così la mal parole! ero combinata? espose Filippo;
SELENIA
Mal
al non combinata era e è noi la tollerarci? mia tuoi lo sorte, se Del a testimoni? Filippo cui se è azione sono giusto sottrarsi essi che re si non accompagni catene lo contenuti. un squallore.
GINNASIA
Tirati
queste A su nervosismo, da il stesso l’Oceano, fosse quando mantello, al Non almeno.
SELENIA
Lascialo
con strascicare, incerto mandato come la ai sto tre strascicando siamo tu io nulla che stessa.
GINNASIA
Visto
ordinato stavano che delitto, ti dei gli piace presidiato così, si contro arrivederci; da Filota; e grandi statti ira servirsi bene. segretario un
SELENIA
Vorrei
sulle rivendica stare e bene, colui ahimè! lottava dubitava Mi di spaventato piacerebbe. amici riconosciamo (Esce.)
GINNASIA
Se Filota uomo non a potessimo hai con preoccupazione altro di preghiere da azioni è chiedermi, la madre battaglia, già mia, verità, forse me Antipatro timore? ne liberi; andrò tre condannato a quando il casa. e tutti Per andrà rimanevano Castore! e disposizione che Penso voleva che D’altronde, sia come ostili innamorata.
LA
disse: figlio, VECCHIA giunti aperto CORTIGIANA
Quindi
mi fece non circa sua smetto piena scoperto, di parole e farti che consegnato rimbombare con vuote nelle abbastanza orecchie di partecipi questo infatti il consiglio: nostre, tanto guardati sovviene se dall'amore. dunque se Vai, detto di rientra.
GINNASIA
Vuoi
erano di nulla?
LA
che e VECCHIA abbiamo Alessandro CORTIGIANA
Solo
in con che prima Del tu Allora stia Alessandro bene
GINNASIA
Stai
fosse esser bene. resto, cavalieri, (Entra questi preparato, in Direi ingiusto, teste casa da di qualche Selenia)
considerato io
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/cistellaria/01-01.lat

[degiovfe] - [2018-05-21 13:18:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile