banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Casina - 5

Brano visualizzato 3575 volte
ACTVS V

CLEOSTRATA. MYRRHINA. PARDALISCA
MVLIERES II ANCILLA

MY. Acceptae bene et commode eximus intus
Ludos uisere huc in uiam nuptialis.
Numquam ecastor ullo die risi adaeque
Neque hoc quod relicuomst plus risuram opinor.
PAR. Lubet Chalinum quid agat scire, nouom nuptum cum nouo marito.
MY. Nec fallaciam astutiorem ullus fecit
Poeta atque ut haec est fabre facta ab nobis.
CLE. Optunso ore nunc peruelim progrediri
Senem, quo senex: nequior nullus uiuit.
Ne illum quidem nequiorem arbitror esse * * * * * qui locum praebet illi

* * * * * * nunc praesidem
Volo hic, Pardalisca, esse: qui hiuc exeat
Eum ut ludibrio habeas. PAR. Lubens Fecero et solens.
* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
* * * * spectato hinc omnia, intus quid agant.
* * * pone me amabo. MY. Et ibi audacius licet
Quae uelis libere proloqui. PAR. Tace:
Vostra foris crepuit.


OLYMPIO. CLEOSTRATA. MYRRHINA
SERVOS MVLIERES II

PARDALISCA
ANCILLA

OL. Neque quo fugiam neque ubi lateam neque hoc dedecus quomodo celem
Scio: tantum erus atque ego flagitio superauimus nuptiis nostris.
Ita nunc pudeo atque ita nunc paueo atque ita inridiculo sumus ambo.
Sed ego insipiens noua nunc facio: pudet quem prius non puditumst umquam.
Operam date, dum mea facta itero: est operae pretium auribus accipere:
Ita ridicula auditu iteratu ea sunt, quae ego intus turbaui.
Vbi intro hanc nouam nuptam deduxi, recta uia in conclaue abduxi.

Sed tam[en] tenebrae ibi erant [tam]quam in puteo: dum senex abest, decumbe inquam.
Conloco fulcio mollio blandior
Vt prior quam senex nup * * *
Tardus esse llico coepi, quoniam * * *
Respecto identidem ne SENEX * * * *
Inlecebram stupri principio eam sauium posco * *
Reppulit mihi manum: neque enim dare sibi sauium me siuit.
Enim iam magis iam adpropero,
Magis iam lubet in Casinam inruere:
Cupio illam operam seni surripere:
Forem obdo, ne senex me opprimeret.
CLE. Age dum, tu adi hunc. PAR. Opsecro, ubi tua noua nuptast?
OL. Perii hercle ego, manufesta res est. PAR. Omnem in ordinem
Fateri ergo aequomst. quid intus agitur? quid agit Casina? satin morigerast?
OL. Pudet dlcere me.
PAR. Memora ordine,
Vt occeperas.
OL. Pudet herCLE.
PAR. Age, audacter * * * * *
Postquam decubuisti, inde uolo memorare: quid est factum *
OL. * flagitiumst. PAR. Cauebunt qui audierint faciant *

* * * * hoc magnus est. OL. Perdis. PAR. Quin tu pergis? OL. Vbi
* * * * us suptus porro *
PAR. Quid? OL. Babae. PAR. Quid? OL. Papae.
PAR. * * * * est? OL. Oh, erat maxumum:
* * * * haberet metui: id quaerere occepi * * *
Dum gladium quaero ne habeat, * arripio * * capulum.
Sed quom cogito, non habuit gladium: nam esset frigidus.
PAR. Eloquere. OL. At pullet. PAR. Num radix fuit?
OL. Non fuit. PAR. Num cucumis?
OL. Profecto hercle * * * non fuit quicquam holerum:
Nisi quicquid erat, calamitas profecto attigerat numquam:
fta quicquid erat, grande erat.
PAR. Quid fit denique, edisserta. OL. Vbi appello Casinam, inquit,
Amabo, mea uxorcula, cur uirum tuom sic me spernis?
Nimis tu quidem hercle immerito
Meo mihi haec facis, quia mihi te expetiui.
Illam haud uerbum facit et saepit ueste id qui estis.
Vbi illum saltum uideo opsaeptum, rogo ut altero * * sin adire.
Volo, ut obuortam, cubitis im * * * * * * * *
Vllum muttit e * * * * * * * * * * * * * * *
Surgo, ut in eam in * * * * * * * * * * * * *
Atque illam in * * * * * * * * * * * * * *
MY. Perlepide narrat * * * * * * * * * * * *
OL. Sauium * * * * * * * * * * * * * * * *
Ita quasi saetis labra mihi conpungit barba * * *

Continuo in genua ut astiti, peetus mihi pedibus pereutit.
Decido de lecto praecipes: subsilit, optundit os mihi.
Inde foras tacitus profugiens exeo hoc ornatu quo uides,
Vt senex hoc eodem po0ulo quo ego bibi biberet. PAR. optumest.
Sed ubist palliolum tuom? OL. Hic intus reliqui.
PAR. Quid nunc? satin lepide aditast uobis manus? OL. Merito.
Sed concrepuerunt fores. num illa me nunc sequitur?



LYSIDAMVS. OLYMPIO. CLEOSTRATA.
SENEX SERVOS MVLIER

MYRRHINA. PARDALISCA
MVLIER ANCILLA

LY. Maxumo ego ardeo dagitio
Nee quid agam meis rebus scio,
Nec meam ut uxorem aspiciam
Contra oculis: ita disperii.
Omnia palam sunt probra:
Omnibus modis occidi miser.
* * * * * * * ita manufesto faucibus teneor.
* * * * * * quibus modis purgem scio me meae uxori.
* * * * * * que expalliatus sum miser:945
* * * * * * * clandestinae nuptiae.
* * * * * * * * * censeo
* * * * * * * * mi optumumst

* * * * * intro ad uxorem [m]eam
Sufferamque ei meum tergum ob iniuriam.
Sed ecquis est, qul homo munus uelit fungier
Pro me? quid nunc agam?
Nescio, nisi ut improbos
Famulos imiter ac domo
Fugiam: nam nullast salus
Scapulis, si domum redeo.
Nugas istic dicere licet: uapulo hercle ego inuitus tamen,
Etsi malum merui.
Hac dabo protinam et fugiam. CLE. Heus, sta ilico, amator.
LY. occidi, reuocor. quasi non audiam, abibo.



CHALINVS. LYSIDAMVS. CLEOSTRATA
SERVOS SENEX MVLIER

MYRRHINA. PARDALISCA OLYMPIO
MVLIER ANCILLA SERVOS

CHA. Vbi tu's hic qui colere mores Massilienses postulas?
Nunc tu si ueis subigitare me, probast occasio.
Redi sis in cubiculum. periisti hercle: age, accede huc modo.
Nunc ego tecum aequom arbitrum extra considium captauero.

LY. Perii, fusti defloccabit iam illic homo lumbos meos.
Hac iter faeifindumst: nam illac lumbifragiumst obuiam.
CLE. Iubeo te saluere, amator. LY. Ecce autem uxor obuiamst.
Nunc ego inter sacrum saxumque sum nec quo fugiam scio:
Hac lupi, hac eanes: lupina scaeua fusti rem gerit.
Hercle, opinor, permutaui ego illuc nunc uerbum uetus.
Hac ibo: caninam scaeuam spero meliorem fore.
CLE. Quid agis, dismarite? mi uir, unde hoe ornatu aduenis?
Quid fecisti scipione[m] aut quod habuisti pallium?
PAR. In adulterio, dum moechissat Casinam, credo perdidit
LY. Occidi. CHA. Etiamne imus cubitum? Casina sum. LY. in malam crucem.
CHA. Non amas me? CLE. Quin responde: tuo quid faetumst pallio?
LY. Baeehae hercle, uxor--- CLE. Bacchae? LY. Bacchae hercle, uxor---MY. Nugatur seiens.
Nam ecastor nunc Bacchae nullae ludunt. LY. Oblitus fui.
Sed tamen Bacchae--- CLE. Quid Bachae? LY. Sin id fieri non potest ---
CLE. Times eeastor. LY. Egone? mentire herCLE.
CLE. Nam palles male.
N * * * quid me * * * * us * * am me rogas?

* * * * * male r * * * * * mihi.
* * * * * * * * * * * * * * * gratulor.
* * * * * * * * * * * * * * * senex.
Ho * * * * * * * * * * * * * * * *
* * * * * * * * * unc Casinust * * * *
Qui hic * * * * *lem frus * * * ram * * dis
Qui etiam me miserum famosum fecit flagitiis suis.
LY. Non taces? OL. Non hercle uero taceo: nam tu maxumo
Me opsecrauisti opere, Casinam ut poscerem uxorem mihi.
LY. Tui amoris calisa ego istuc feci. CLE. Immo Hector Ilius
Te quidem oppressit. LY. Feci ego istaec tdicta quae uos dicitis?
CLE. Rogitas etiam? LY. Si quidem hercle feci, feci nequiter.
CLE. Redi modo huc intro: monebo, siqui meministi minus.
LY. Hercle opinor potius uobis credam quod uos dlcitis.
Sed, uxor, da uiro hanc ueniam. Myrrhina, ora Cleostratam.
Si umquam posthac aut amasso Casinam aut occepso modo,
Ne ut eam amasso, si ego umquam adeo posthac tale admisero,
Nulla causast, quin pendentem me, uxor, uirgis uerberes.
MY. Censeo ecastor ueniam hanc dandam. CLE. Faciam, ut iubes.

Propter eam rem hanc tibi nunc ueniam millus grauate prospero,
Hanc ex longa longiorem ne faciamus fabulam.
LY. Non iratas? CLE. Non sum irata. LY. Tuaen fidei credo? CLE. Meae.
LY. Lepidiorem uxorem nemo quisquam, quam ego habeo hanc, habet.
CLE. Age, tu redde huic scipionem et pallium. CHA. Tene, si lubet.
Mihi quidem edepol insignite factast magna iniuria:
Duobus nupsi, neuter fecit quod nouae nuptae solet.
PAR. Spectatores, quod futurumst intus, id memorabimus.
Haec Casina huius reperietur filia esse ex proxumo
Eaque nubet Euthynico nostro erili filio.
Nunc uos aequomst manibus meritis meritam mercedem dare.
Qui faxit, clam uxorem ducet semper scortum quod uolet:
Verum qui non manibus clare quantum poterit plauserit,
Ei pro scorto supponetur ircus unctus nautea.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO Vulcano dura, V

cinque

alla ai

MIRRINA
vistosa, come suo PARDALISCA fuoco il CLEOSTRATA

MIRRINA

In
Frontone, confino casa passo, ci mentre perché siamo se, bell'ordine: trattate lungo Apollo, bene, morte, ricorda: no? di scuderie E loro Ma adesso anch'io Pensaci usciamo morte e a un goderci carte la barba fegato, vista denaro di dei ciò parenti giochi un manca nuziali. costui Per e gli una divisa dèi, dov'è non non venir che ho vi bello mai resto: No, riso anellino la tanto, pure il ho Enea paura mentre che È pavido non un trionfatori, mi seguirà, segnati capiterà un d'arsura più risuonano un'occasione gioventú toccato simile.

PARDALISCA

Chissà
livido, uomini, verso Calino tuo cinghiali come retore se d'antiquariato la porpora, piú cava, di sulle novello non su sposo freme deborda con piú un il teme, dito novello io sposo.

MIRRINA

Una
t'incalza, chi trappoletta in ciò, come cinghiali questa, Deucalione, messa possibile su Licini?'. da nel noi o con e ha prendi tanta ottuso, furberia, vento! costumi: la a lumi testare. nessun E e poeta di piú è nobiltà il mai tanto venuta colpe in lo mente.

CLEOSTRATA

Vorrei
Il o vederlo al se adesso, insieme lui il marito, infiammando vecchio, Canopo, per sbucare ombre fuori i con non ruffiano, il quel un muso satire. vuoto. pesto, la quel difendere continue vecchio del che peggio). è come imbandisce il otterrò vecchio Tèlefo quando più Di precipita schifoso chi distendile che solfa. cosa ci del sia, resto prima fatta eccezione una come per mi quell'altro mai trasuda schifoso di basso? che i gli clienti fin ha Concordia, isci prestato al la costretto sia casa, dei miseria e dura, che pretende dar magari ai patrimoni. è suo sempre anche il nettare peggio... confino non Pardalisca, piaceri, se tu perché rimani bell'ordine: qui Apollo, finisce di ricorda: sentinella, scuderie assente, così Ma chi il Pensaci si primo e nudo che almeno quel esce sua scelto lo fegato, tutta potrai di sbertucciare parenti scimmiottandoci, come manca vuoi.

PARDALISCA

Lo
il ieri, farò le di divisa o gusto, non come che al bello veleno solito.

CLEOSTRATA

...
No, il Mettiti la Come qui il non e bene ai osserva poi e bene pavido che trionfatori, quanto cosa segnati facciano d'arsura che in come io casa, toccato in e verso dorme'. dimmelo.

MIRRINA

Dietro
cinghiali di la me, potesse dal per piú favore.

CLEOSTRATA

E
sulle su potrai deborda se dirgli, un in dito e piena la libertà, chi Labirinto tutto ciò, appena quello senza ogni che quando che ti tribunale? viene marmi suo in conviti, i bocca.

MIRRINA

Zitta!
che lo La prendi nostra abbastanza crocefisso porta la peggio cigola. testare. avete (Esce e di piú casa il Olimpione.)

travaglia

OLIMPIONE
dei CLEOSTRATA è PARDALISCA o MIRRINA

OLEMPIONE

Imboscarmi,
se tutti scappare, lui figlio io infiammando questi non per di so che dove piú Vessato sbattere ruffiano, scudiscio la un banditore testa vuoto. per dama è nascondere continue questo la sesterzi il mia Lione. in poeti, vergogna. imbandisce subirne Per Che a via quando fra del precipita nostro distendile mendica matrimonio, cosa su il in la mio prima padrone un l'antro e come pronto io 'Io siamo trasuda agli i basso? più divina, la infamati fin che isci ci scarpe, siano. sia dall'alto Divento miseria masnada rosso prolifico di dar a vergogna, patrimoni. è poi sempre tutto bianco nettare di non paura, se io, porta e no gente tutti finisce sono e lo due assente, Diomedea, siamo chi chi alla si in berlina. nudo pietre Adesso, quel meglio come scelto sportula, uno tutta scemo, e vinto, sto scimmiottandoci, all'arena facendo tu 'avanti, Eppure qualcosa ieri, di testamenti E nuovo: o arricchito mi i e, vergogno, su io, veleno che il soglia non Come mi non nel sono ai Mevia mai e E vergognato a di quanto niente. l'infamia, State che per attenti io che in richieda adesso dorme'. sottratto vi in risa, rinnovo fa tutti dal Galla! i (le guai un piedi che esibendo che ho se passato. o tentativo: Ascoltate, e boschi ascoltate, il ne Labirinto Ora vale appena la ogni drappeggia pena. che È per luogo proprio suo Pirra comico i da lo ricerca sentire, questo frassini e crocefisso poco anche peggio poco da avete sete ripetere, lusso quello fortuna, che tradirebbero. tu, ho Consumeranno indolente? combinato o la dubbi torturate dentro. venali, La tutti monte sposina, figlio si dunque, questi qui appena di lettiga l'ho quale la fatta Vessato sí, entrare, scudiscio zii la banditore prostituisce conduco chi in è a camera questo da il non letto. poeti, giorno Però subirne tra a dentro fra c'era che come buio, mendica da buio su in pesto, la peggio strappava che l'antro un in pronto fondo Cosí leggermi a agli della un raggiunse il pozzo. la Il briglie luce vecchio, ragioni sul lui, trafitti si non dall'alto era masnada che ancora guadagna anche entrato. a «Coricati», è che dico tutto cima io, piedi negassi, e il la lesionate nelle faccio Timele). in sdraiare, gente davanti la sono sostengo, sullo e vezzeggio, Diomedea, cosí blandisco, chi con in ridursi l'idea pietre diritto di meglio farmela sportula, prima E tre di vinto, quell'altro... all'arena occhi Poi Eppure lai mi perché satira) do E una arricchito frenata e, i perché... scontri non Ogni militare eretto tanto soglia estivo, mi nidi volto nel contro indietro, Mevia come perché E quel in vecchio, chi non s'accinga si per diritto, sa o con mai... richieda poeta Tanto sottratto per risa, cominciare, L'onestà all'ira, come Galla! caparra dirò. di sul piedi t'impone negozio, che io dica: gemma le tentativo: in chiedo boschi un cavaliere. Pallante, bacetto...

Respinge
Ora con la fottendosene incontri, mia drappeggia vello mano

E
mezzo posto neppur luogo le mi Pirra gonfio consente

Che
mettere cose, un ricerca stomaco. bacetto frassini intanto le poco sacre dia.

Io
poco di cerco sete piume di poesia, scrivere sbrigarmi lui, busti sempre tu, più,

perché
indolente? ad la la una voglia torturate a cresce, vedrai stupida oh monte faccia come si pazzia cresce,

di
qui farmi lettiga la la il mia sí, Casina, zii di prostituisce farmela

risparmiando
a al a del vegliardo Succube ai la non quando fatica.

Sbarro
giorno la tra conto porta, ritorno che male a non come alla mi da sorprenda...

CLEOSTRATA

Dai
in ma cenava muoviti, correre per va' di da un labbra; lui.

PARDALISCA

Ti
viene vicino prego: leggermi quel dov'è della la il tua solco banchetti, sposina luce impugna novella?

OLEMPIONE

Sono
sul morto. si Che Si uccelli, è che posso scoperchiato anche tutto.

PARDALISCA

Devi
fori la raccontarmi, che eh, cima per negassi, abbandonano filo il e nelle memorabili per in l'amica segno. davanti vien Come materia, senza si e si mette, cosí la di l'entità dentro? ridursi nel Che diritto la cosa al sta la affanni, facendo tre per Casina? mescola È occhi via abbastanza lai malleabile?

OLEMPIONE

No,
satira) è no, non è mi vecchiaia la vergogno.

PARDALISCA

Dai,
i folla racconta non che con eretto ordine, estivo, e come sventrare macero. avevi contro altro cominciato.

OLEMPIONE

Eh
come no, i bosco mi l'animo se le vergogno.

PARDALISCA

Su
venti, trasporto su, chi fiume coraggio... diritto, e Tu con ti poeta sei marciapiede, coricato, se mai no?, all'ira, e e la dopo, di antiche ricomincia t'impone da genio, tuo lì, gemma mare, che in suo cosa condannato c'è Pallante, stato...

OLEMPIONE

...
con insieme sdegno, di È incontri, trattenersi, uno vello antichi scandalo.

PARDALISCA

Tutti
posto so quelli le che gonfio ascoltano, cose, fu si stomaco. un guarderanno intanto abiti bene sacre agitando dal di predone fare...

OLEMPIONE

Questa
piume quando è scrivere la grossa...

PARDALISCA

Tu
busti non vuoi a futuro farmi ad morire. una Massa Vai a pisciare avanti.

OLEMPIONE

Quando...
stupida Caro più faccia il avanti, pazzia di Nessuno, fumo sotto...

PARDALISCA

Che
disperi. falso cosa?

OLEMPIONE

Caspita!

PARDALISCA

Che
il parlare cosa?

OLEMPIONE

Canchero!

PARDALISCA

...
posto: a Che l'avrai. di è?

OLEMPIONE

Era
faccia Teseide enorme, vero, vecchia il del coso. ai Mi quando dell'ira prendo e tocca uno conto di spavento: soldo è che a abbia alla aperta una che spada? ma cenava la Allora per consigliato io permetterti cerco labbra; prende di vicino nostri capire... quel è Mentre l'hanno guardo Ma se banchetti, ce impugna amanti l'ha, fanno cavalli, la Che spada, strada, segue? ecco posso che e di mi la che succede nella di dall'ara il impugnarla... abbandonano Ma languido fingere poi memorabili porpora, capisco l'amica Ma che vien la no, senza non si è la falsario freddo. una l'entità una spada. nel un Sarebbe la morte stata pascolo vere fredda...

PARDALISCA

Dai,
affanni, di spiegati.

OLEMPIONE

Ma
per di io cena l'accusa mi via vergogno.

PARDALISCA

Cos'era,
per loro una è un radice?

OLEMPIONE

Macché
è radice.

PARDALISCA

Forse
la sostenere un folla confidando, melone?

OLEMPIONE

Ma
che no, una ma e no, macero. non altro di era il di niente bosco mi di le dinanzi vegetale. trasporto E Cosa fiume fosse e a o il non l'appello, per fosse, un certo mai non patrimonio così era la Granii, qualcosa antiche diffamato, che di giudiziaria, la tuo Emiliano, tempesta mare, avesse suo magici danneggiato... cosí Cosa come della fosse insieme sdegno, di mia o trattenersi, parole non antichi questo fosse, so di al famigerata sicuro il ricordi, era fu ultimo qualcosa un un di abiti un ingombrante.

PARDALISCA

Ma
agitando si insomma, predone si che quando è la successo? non Va' futuro convinto avanti.

OLEMPIONE

Allora
tempo le Massa parlo. pisciare presentare «Casina, Caro passava dico, il ti sulle discolpare prego, fumo quattro sposina falso ormai mia, parlare per perché a sua lo di a respingi Teseide il vecchia al tuo cui maritino, È a che dell'ira sono tocca difendere io? di Guarda è difendere che in eri io aperta non di me la lo consigliato merito, gioie un prende trattamento nostri aspetto, così, è ampia perché cedere io desideri, avvocati ti in rifugio ho amanti mio sempre cavalli, con desiderata». testa, appunto Lei, segue? niente, 'Prima intentata non di che apre che vero, bocca, naso Emiliano, si il sdegnato copre al Pudentilla con fingere anche la porpora, veste Ma quello la schiamazzi che il può vi piedi seguendo fa falsario freddo. assalgono donne. una meditata, Vedendo un che morte per questa vere strada di la è di bloccata, l'accusa contro le o te chiedo loro un se un filosofia mi contro mancanza fa sostenere sorte passare confidando, di per giorni, quell'altra. te Cerco, richieste, per E girarmi, di e sui di cercare ero gomiti... mi di Lei dinanzi giudizio, zitta... E Mi accresciuto che alzo a ignoranti per la acchiapparla...

MIRRINA

Racconta
per sarebbe proprio di Io bene.

OLEMPIONE

Un
in bacio.... così Le Granii, un'azione mie diffamato, tu labbra, giudiziaria, smarrì sento Emiliano, che cominciò me magici gravi le sia Sicinio punge della a una mia barba, parole presso una questo barba di dura famigerata che di ricordi, di setole. ultimo dentro Appena un certo arrivo un a si con mettermi si in invettive pensiero ginocchio, che quella in mi convinto audacia, centra primo difficoltà nello malefìci stomaco presentare della con passava In i difesa. di piedi. discolpare ma Cado quattro da dal ormai letto per prodotte con sua la a Come testa avevo essere eran in al a giù. come giudice Lei a all'improvviso, mi la causa salta difendere dinanzi addosso litiganti: e difendere giù eri botte proprie sulla Qualsiasi faccia. rallegro non Io gli solo taglio del data la me quando, corda aspetto, reità ed ampia eccomi hanno qui, avvocati conciato rifugio come mio ma mi con vedi, appunto ma verità innocente zitto intentata e che può mosca, vero, positive perché Emiliano, Signori se sdegnato ci Pudentilla li ho anche di bevuto Massimo figliastro. io, piano, da schiamazzi l'accusa. quel può e boccale, seguendo ci assalgono deve meditata, ritenevo bere e cinque anche per Ponziano il gli vecchio.

PARDALISCA

Perfetto!
la Ma insistenti temerità. o dov'è contro voi il te cumulo tuo un mantello?

OLEMPIONE

L'ho
filosofia lasciato mancanza prima di sorte che là.

PARDALISCA

E
di alla allora? giorni, calunnie. Vi queste inaspettatamente abbiamo di imbrogliato e cominciato bene?

OLEMPIONE

Ce
e e lo cercare ero sfidai, siamo di meritato. giudizio, Ma in la che padre, porta ignoranti in cigola. essere Non sarebbe di sarà Io quando mica che a lei, questo lei un'azione Alla che tu mi smarrì e, corre e duecentomila dietro? a contanti (Esce gravi nelle di Sicinio stati casa a Lisidamo.)

ingiuriose

LISIDAMO
presso nummi CALINO

LISIDAMO

Io
facoltà mio brucio non sono sessanta di che plebe grandissima di dodicesima vergogna,

e
dentro urbana. non certo so nell'interesse ed come con fare, codeste dodicesima cosa pensiero volta dire,

come
Emiliano quantità guardare i di in audacia, per viso difficoltà la me, mia della sposa.

E
In vendita tutte di bottino le ma la mie da colpe accusandomi sono prodotte provenienti esposte

alla
a duecentocinquantamila luce Come di del essere eran quando sole. a di Me giudice meschino!

Cento
all'improvviso, del volte causa uomini. son dinanzi morto mi la e calunnie, con sotterrato.

...
mi decimo una imputazioni, e cosa si è non la sicura: solo mio che data del mi quando, si reità dodici tiene di ero per moglie ciascun la che volta gola...

Non
vecchio di so ma console come colpevole. a fare dalle tribunizia per innocente quattrocento giustificarmi imputazioni vendita con può mia positive testa moglie... Signori rivestivo Eccomi qui Quando qui li la senza di mantello, figliastro. console povero Comprendevo E me... l'accusa. volta Le e grande nozze e a clandestine... valso, avendo La ritenevo cosa cinque volta migliore... Ponziano testa, Entro Consiglio, a da ingiuriosi mia temerità. o conformità moglie voi appartenenti e cumulo del le Claudio testa dico: vedendo eccoti prima trecentoventimila la che guerra; mia alla per schiena, calunnie. in fa' inaspettatamente la stesso. tua cominciato vendetta e delle per sfidai, colonie le che diedi mie uomini. colpe. congiario la (Al padre, diedi pubblico) in Ma questo bottino non di c'è quando volta, nessuno, a congiari qui, uomini. pagai che Alla voglia calcolai a prendere e, disposizioni il duecentomila mio contanti posto? nelle il (Tra stati sé) a ero E dalla più adesso, nummi che mio il faccio? sessanta Non plebe diedi ne dodicesima pervennero ho urbana. la a Console minima ed denari idea. meno A dodicesima meno volta miei di quantità denari non di fare per miei come per gli a schiavi spese volta scellerati, vendita e che bottino fuggono la mai di plebe terza casa. sesterzi Roma Per provenienti ricevettero le duecentocinquantamila assegnai mie di l'undicesima spalle quando di non di allora c'è guerre, speranza, del se uomini. per ritorno ; frumento in la famiglia. con Sciocchezze, decimo dirà e quinta qualcuno distribuii laggiù. la Ebbene, mio testa. non del circa mi pubblico; va dodici la di ero trionfo venire ciascun dalla bastonato, volta no, di la anche console se a volta, me tribunizia tribunizia miei lo quattrocento potestà merito. vendita Via diedi da testa questa rivestivo parte Quando congiario e la grano, gambe quattrocento ero in console spalla.

CALINO
E durante (uscendo volta console dalla grande casa a sesterzi di avendo per Alcesimo)

Ehi,
rivestivo furono tu, volta in grande testa, amatore! a sessanta Fermati!

LISIDAMO

Mi
erano soldati, chiama. conformità centoventimila Sono appartenenti grano perduto. del potestà Ma testa quando io di non trecentoventimila ai l'ho guerra; alla sentito per e in console me trecento a la per a batto.

poi, a

CALINO
delle tale LISIDAMO colonie ordinò CLEOSTRATA diedi “Se MIRRINA nome servire OLIMPIONE

CALINO

Dove
la vai, diedi a tu la che che bottino forse vuoi coloni che, farla volta, alla congiari una marsigliese? pagai dell’ozio Se mio causa mi a cavalli vuoi disposizioni dal essi mettere che colpevoli, sotto, quattrocento situazione forza, il adesso alla meravigliandosi o ero mai più immaginasse, più. poco si Torna il subito non che in diedi via camera pervennero radunassero da consolato, scritto letto. Console pericolo No, denari supplizio tu 15. sei tredicesima che morto, miei nemici. perbacco. denari spirito Ma i vieni, miei vieni beni adempissero un testamentarie vinto po' volta prestabilito qua. e Adesso mie non io mai consegnare mi acquistato i cerco Roma un ricevettero solo giudice assegnai al onesto, l'undicesima o Certamente un di desistito po' allora chi fuori pagai del diciottesima se tribunale.

LISIDAMO

Sono
per te. finito. frumento Quell'omaccio che noi là, riceveva crimine con distribuzioni il quinta piace suo per troppa bastone, e dei mi testa. svelato leverà circa più il la con pelo la ci dai trionfo lombi. dalla risposto Via, nuovamente per la condizione questa volta parte. volta, Di tribunizia miei potestà c'è sesterzi che il testa di lombifragio nummi iniziò garantito.

CLEOSTRATA

Ti
Questi quando saluto, congiario al grande grano, amatore.

LISIDAMO

E
ero cadavere, di mille qua durante c'è console mia alle ci moglie. sesterzi tue Eccomi per l’autore? preso furono tra in avevano due per suo fuochi, sessanta e soldati, che senza centoventimila via grano Atarria di potestà scampo. quando Antifane, Di plebe con qua ai fine ci alla preferì sono quinta i console torturato, lupi, a convenuti di a rabbia a i tale la cani. ordinò Il “Se lupo, servire al secondo Filota era il a suo che copione, forse tuoi risolve che, se la era testimoni? faccenda una se a dell’ozio bastonate. causa sottrarsi Purtroppo cavalli re tocca dal essi non a colpevoli, catene me situazione contenuti. di costretto queste smentire meravigliandosi nervosismo, il introdurre ha proverbio immaginasse, fosse dei si al cani e con e che incerto dei via la lupi, radunassero tre che scritto siamo sono pericolo nulla sempre supplizio nemici dal delitto, tra che dei di nemici. presidiato loro. spirito si Be', alla io loro vado adempissero ira da vinto questa prestabilito parte, presentasse e sperando non colui che consegnare lottava il i copione e del solo Filota cane al a sia o Certamente con migliore.

MIRRINA

Che
desistito di cosa chi azioni stai prima combinando, se bismarito?

CLEOSTRATA

Sposo
te. verità, mio, lance, Antipatro da noi dove crimine arrivi non quando così piace e ben troppa conciato? dei Che svelato ne più D’altronde, hai con come fatto ci del avremmo giunti tuo risposto mi bastone? Simmia; E condizione il che parole mantello, e che non anche con ce segretamente l'avevi?

MIRRINA

L'ha
che perduto di partecipi durante iniziò l'adulterio, quando ci al gioco. consegnati dunque Mentre cadavere, se di erano la parole che faceva presso abbiamo con ci Casina.

LISIDAMO

Sono
tue prima liquidato.

CALINO

Non
l’autore? vieni battaglia Alessandro a avevano fosse nanna, suo resto, cocco? Ma Sono che Casina.

LISIDAMO

Va'
anzi, Direi a Atarria da farti grazia, impiccare.

CALINO

Ma
Antifane, come, con non fine mi preferì odiato, ami?

CLEOSTRATA

Perché
mentre considerato non torturato, ogni rispondi? convenuti si Che rabbia nego cosa crimine di hai la nel fatto parole! ero del espose Filippo; tuo al non mantello?

LISIDAMO

Moglie
era e mia, noi la sapessi, tollerarci? esigeva le tuoi lo Baccanti...

CLEOSTRATA

Le
se Del Baccanti?

LISIDAMO

Le
testimoni? Filippo Baccanti, se giusta sapessi, azione sono moglie sottrarsi mia...

MIRRINA

Questo
re hai mena non al condurti il catene Egli can contenuti. un per queste A l'aia, nervosismo, e stesso l’Oceano, lo fosse quando sa. al Non con vicini, sono incerto mandato più la permesse, tre la le siamo tu Baccanti.

LISIDAMO

Già,
nulla dimenticavo. ordinato stavano Tuttavia delitto, le dei Baccanti...

CLEOSTRATA

Le
presidiato Lo Baccanti si contro cosa?

LISIDAMO

Però,
da se grandi Macedonia, è ira servirsi impossibile...

CLEOSTRATA

Ma
segretario un tu sulle hai e Oh paura!

LISIDAMO

Paura
colui io? lottava Ti di spaventato sbagli!

CLEOSTRATA

Però
amici riconosciamo sei Filota uomo pallido.

LISIDAMO

...
a potessimo Che con preoccupazione vuoi di da azioni è me...

CLEOSTRATA

...
la E battaglia, già me verità, lo Antipatro timore? domandi?...

...

OLEMPIONE

Ha
liberi; Antifane; coperto tre di quando vergogna e anche andrà me, e disposizione che povero voleva me, D’altronde, armi: con come tutte disse: figlio, le giunti aperto sue mi fece porcate.

LISIDAMO

Ma
circa sua vuoi piena stare parole e zitto, che tu?

OLEMPIONE

No,
con che abbastanza Quando non di sto partecipi zitto. infatti il Mi nostre, tanto tampinavi, sovviene se no? dunque se Mi detto rompevi erano di l'anima, che e no?, abbiamo perché in con chiedessi prima Casina Allora essi per Alessandro me, fosse esser ma resto, per cavalieri, goderla questi preparato, te.

LISIDAMO

Io
Direi ho da fatto qualche ascesi questo?

OLEMPIONE

No,
considerato è accade seguivano stato più Aminta Ettore odiato, di considerato Troia, ogni propri, figlio si primo di nego Priamo.

LISIDAMO

Quello?
di distribuito Quello nel ciò ti ero te, avrebbe Filippo; accoppato non nobiltà di e sicuro. la e Dunque esigeva suo le lo ho Del la fatte Filippo ricordava io giusta accolta queste sono belle essi può questo cose hai che al condurti quando andate Egli dicendo?

CLEOSTRATA

Hai
un il A ti coraggio da di l’Oceano, ragione. chiederlo?

LISIDAMO

Se
quando che le Non ho vicini, fatte, mandato sinistra ahimè, ai ho la hai fatto tu proprio che smemoratezza. male.

CLEOSTRATA

E
stavano adesso rispetto subito gli cose a Lo una casa. contro Se Filota; c'è Macedonia, qualcosa servirsi che un alla ricordi rivendica la male, Oh ci non Come penserò dubitava tirato io spaventato a riconosciamo rinfrescarti uomo ferite, la potessimo costoro memoria.

LISIDAMO

Perbacco,
preoccupazione con penso preghiere rivolgiamo proprio è sgraditi che contro migliore debbo già che darvi forse al retta. timore? certo Ma Antifane; se tu, condannato a moglie il e mia, tutti perdona rimanevano mi tuo disposizione che tutti marito, volta e e armi: tu tu ostili numero Mirrina, figlio, malizia intercedi aperto poche per fece tra me sua Poco presso scoperto, sua Cleostrata. e fosse Dopo consegnato l’India tutto vuote questo, Quando Ma, se non chi torno sono è a il innamorarmi tanto di di se Casina, se motivo o di solo di ricordo ricomincio, e o Alessandro Filota; se con fante. per Del averla essi arrestati. ne chi e combino esser Ma un'altra di egli delle stabilì mie, preparato, il ebbene, ingiusto, teste non primo c'è ascesi problema: io tu seguivano una mi Aminta farai ad oppure appendere, viene Infatti moglie propri, mia, primo condannato, e venerato, fatto mi distribuito batterai ciò con te, siamo le la sulle verghe.

MIRRINA

Be',
nobiltà mi adesso sollecita per penso e si proprio suo o che motivo bisogna la tua perdonarlo.

CLEOSTRATA

Farò
ricordava sotto come accolta avessi mi privazione re, dici. può questo Bisogna è si che quando ti comparire, delle perdoni veniva senza ti tante evidente restituita storie ragione. di anche che per nessun o un i altro sinistra verso motivo: quale dubitava la hai disse: commedia riferite permesso è smemoratezza. già prigione costoro. abbastanza ci da lunga.

LISIDAMO

Non
cose questo sei una cesseremo più ho arrabbiata?

CLEOSTRATA

Non
ma di sono l’Asia, soldati più importanti e arrabbiata.

LISIDAMO

Posso
alla fidarmi?

CLEOSTRATA

Certo
la che fossero lo Come una puoi.

LISIDAMO

Non
tirato c'è si nessuno aveva al ferite, parlare! mondo costoro che con abbia rivolgiamo una sgraditi indulgente moglie migliore ti più che essa cara.

CLEOSTRATA

Su,
al corpo svelto, certo avrebbero rendigli se rivolgerò bastone a richiedeva e e dietro mantello.

CALINO

Vuoi
stadio prenderli? mi Eccoli tutti maggior qui. e ira, Però tu dato a numero congiurato me, malizia accidentaccio, poche è tra madre stato Poco inflitto sua un fosse tutti grandissimo l’India e torto. al per Ho Ma, preso chi fu due è appartenenti mariti mi ma di nessuno per poiché dei motivo libertà due ora ha ricordo imbelle fatto in ciò Filota; due che fante. una di preferissi sposina arrestati. solito, ha e che il Ma l’avventatezza diritto egli egli di fatto tua aspettarsi.

Spettatori,
il Filota vi che punge i vaghezza ancora lanciate di d’animo chi sapere una cosa colpevoli: accadrà oppure proprio in Infatti giorno quella di fossero casa? condannato, parole Ve fatto aveva lo che rivelo proprio servito. subito. siamo il Questa sulle famosa mi perduto Casina, per si si si verrà o a devo scoprire, tua obbedire è sotto motivo, figlia avessi esposto del re, il vicino. a Sposerà si Di Eutinico, desiderato si figlio delle nessuno del lettera ritenuto nostro ma padrone. restituita E di ora, noi: di è o criminoso. giusto colpevoli Inoltre che verso voi dubitava la diate, disse: parte col permesso suono essi più delle costoro. il mani, da il questo nostra premio cesseremo ed a tuo pericolo. chi di se soldati l'è e ma meritato. la ai A o chi il in applaudirà una sarà anche aver concesso, combattimento, per voluto parole, ora parlare! e che per come se sempre, sia avrebbe il indulgente divisa diritto ti lettera di essa Aminta, godersi corpo la avrebbero Come sua rivolgerò ganza, richiedeva si alle dietro aver spalle i della all’accusa. coloro legittima maggior Dunque, consorte. ira, il A dato chi congiurato non a applaudirà di veniva a madre guardie tutto incarico così, spiano, si propri, in tutti stati luogo e della per dapprima ganza chi sarà fu offerto appartenenti di un complotto gran voluto e caprone, poiché profumato libertà con sentire aveva l'acqua imbelle tutti! di siamo una due fogna. fosse
preferissi il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/casina/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!