banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Casina - 3

Brano visualizzato 3501 volte
ACTVS III

CLEOSTRATA
MVLIER

Hoc erat ecastor [id], quod me uir tanto opere orabat meus,
Vt properarem arcessere hanc ad me uicinam meam:
Liberae aedes ut sibi essent, Casinam quo deducerent.
Nunc adeo nequaquam arcessam, ne illis ignauissumis
Liberi loci potestas sit uetulis uerbecibus.
Sed eccum egreditur senati columen, praesidium popli,
Meus uicinus, meo uiro qui liberum praehibet locum.
Non ecastor ullis emptust modius qui uenit salis.


ALCESIMVS CLEOSTRATA
SENEX MVLIER

AL. Miror huc iam non arcessi in proxumum uxorem meam,
Quae iam dudum, si arcessatur, ornata exspectat domi.
Sed eccam: opino[r] arcessit. salue Cleostrata. CLE. Et tu, Alcesime.
Vbi tua uxor? AL. Intus illa te, si se arcessas, manet:
Nam tuos uir me orauit, ut eam isto ad te adiutum mitterem.

Vin uocem? CLE. Sine eam: te nolo, si occupatast. AL. Otiumst.
CLE. Nil moror: molesta ei esse nolo: post conuenero.
AL. Non ornatis isti apud uos nuptias? CLE. Orno et paro.
AL. Non ergo opus est adiutrice? CLE. Satis domist: ubi nuptiae
Fuerint, tum istam conuenibo. nunc uale atque istanc iube.
AL. Quid ego nunc faciam? flagitium maxumum feci miser
Propter operam illius irqui improbi edentuli,
Qui hoc mihi contraxit. operam uxoris polliceor foras
Quasi catillatum. flagitium hominis, qui dixit mihi
Suam uxorem hanc arcessituram esse: ea se eam negat morarier.
Atque edepol mirum ni subolet iam hoc huic uicinae meae.
Verum autem altrouorsum quom eam mecum rationem puto,
Siquid eius esset, esset mecum postulatio.
[CLE.] Ibo intro, ut subducam nauim rusum in puluinaria.
CLE. Iam hic est lepide ludificatus. miseri ut festinant senes.
Nunc ego illum nili, decrepitum, meum uirum ueniat uelim
Vt eum ludificem uicissim, postquam hunc delusi alterum.
Nam ego aliquid contrahere cupio litigi inter eos duos.
Sed eccum incedit: at quom aspicias tristem, frugi censeas.


LYSIDAMVS. CLEOSTRATA
SENEX MVLIER

LY. Stultitia magnast mea quidem sententia
hominem amatorem ullum ad forum procedere
In eum diem, quo[i] quod amet in mundo siet:
Sicut ego feci stultus. Contriui diem,
Dum asto aduocatus quoidam cognato meo.
Quem hercle ego litem adeo perdidisse gaudeo,
Ne me nequiquam sibi hodie aduocauerit.
Nam meo quidem animo, qui aduocatos aduocet,
Rogitare oportet prius et percontarier,
Adsitne ei animus necne ei adsit quem aduocet.
Si neget adesse, exanimatum amittat domum.
Sed uxorem ante aedis eccam. ei misero mihi:
Metuo, ne non sit surda atque haec audiuerit.
CLE. Audiui ecastor cum malo magno tuo.
LY. Accedam propius. quid agis, mea festiuitas?
CLE. Te ecastor praestolabar. LY. Iamne ornata re[s e]st?
Iamne hanc traduxti huc ad nos uicinam tuam
Quae te adiutaret? CLE. Arcessiui ut iusseras:
Verum hic sodalis tuos, amicus optumus,
Nescioquid se sufflauit uxori suae:
Negauit posse, quoniam arcesso, mittere.
LY. Vitium tibi istuc maxumumst: blandas parum.
CLE. Non matronarum offLciumst, sed meretricium,
Viris alienis, mi uir, subblandirier.
I tu atque arcesse illam: ego intus quod factost opus
Volo accurare, mi uir. LY. Propera ergo. CLE. Licet.
Iam pol ego huic aliquem in pectus iniciam metum.
Miserrumum hodie ego hunc habebo amasium.


ALCESIMVS. LYSIDAMVS
SENES II

AL. Viso huc, amator si a foro rediit domum,
Qui me atque uxorem ludificatust larua.
Sed eccum ante aedis. ad te hercle ibam commodum
LY. Et hercle ego ad te. quid ais, uir minumi preti?
Quid tibi mandaui? quid tecum oraul? AL. Quid est?
LY. Vt bene uociuas aedis fecisti mihi.
Vt traduxisti huc ad nos uxorem tuam.
Satin propter te pereo ego atque occasio?
AL. Quin tu suspendis te? nempe tute dixeras
Tuam arcessituram esse uxorem uxorem meam.
LY. Ergo arcessiuisse ait sese et dixisse te
Eam non missurum. AL. Quin eapse ultro mihi
Negauit eius operam se morarier.
LY. Quin eapse me adlegauit qui istam arcesserem.
AL. Quin nili facio. LY. Quin me perdis. AL. Quin benest.
LY. Quin etiam diu morabor. AL. Quin cupio tibi---
LY. Quin --- AL. aliquid aegre facere. LY. Quin faciam lubens.
Numquam tibi hodie quin erit plus quam mihi.
AL. Quin hercle di te perdant postremo quidem.
LY. Quid nunc? missurun es ad me uxorem tuam?
AL. Ducas easque in maxumam malam crucem
Cum hac, cum istac cumque amica etiam tua.
Abi et aliud cura: ego iam per hortum iussero
Meam istuc transire uxorem ad uxorem tuam.
LY. Nunc tu mihi amicus es in germanum modum.

Qua ego hunc amorem mi esse aui dicam datum?
Aut quod ego umquam erga Venerem inique fecerim:
Quoi sic amanti mi obuiam eueniunt morae. Attat,
Quid illuc clamoris, opsecro, in nostrast domo?


PARDALISCA. LYSIDAMVS
ANCILLA SENEX

PAR. Nulla sum, nulla sum: tota, tota occidi.
Cor metu mortuomst, membra miserae tremunt:
Nescio unde auxili praesidi perfugi
Mi aut opum copiam comparem aut espetam.
Tanta factu modo mira miris modis
Intus uidi, nouam atque integram audaciam.
Caue tibi, Cleostrata, apscede ab ista, opsecro,
Nequid in te mali faxit ira percita.
Eripite isti gladium, quae suist impos animi.
LY. Nam quid est, quod haec huc timida atque exanimata exslluit?
Pardalisca. PAR. Perii: unde meae usurpant aures sonitum?
LY. Respice modo ad me. PAR. O ere mi---LY. Quid tibist? quid timidas? PAR. Perii.
LY. Quid, peristi? PAR. Perii: et tu peristi. LY. Ah, perii? quid ita?
PAR. Vae tibi. LY. Immo uae tibi sit. PAR. Ne cadam, amabo, tene me.
LY. Quicquid est eloquere mihi cito. PAR. Contine pectus:

Face uentum, amabo, pallio. LY. Timeo hoc negoti quid siet,
Nisi haec meraco se uspiam percussit flore Liberi.
PAR. Optine auris, amabo. LY. in malam a me crucem.
Pectus auris caput teque di perduint.
Nam nisi ex te scio quicquid hoc est cito, hoc
Iam tibi istuc cerebrum dispercutiam, excetra tu,
Ludibrio, pessuma, adhuc quae me habulsti.
PAR. Ere mi. LY. Quid uis, mea tu ancilla?
PAR. Nimium saeuis. LY. Numero dicis.
Sed hoc quicquid est eloquere, in pauca confer:
Quid intus tumulti fuit? PAR. Scibis, audi.
Malum pessumumque hic modo intus apud nos
Tua ancilla hoc pacto exordiri coepit,
Quod haud Atticam condecet disciplinam.
LY. Quid est id? PAR. Timor praepedit dicta linguae.
LY. Possum scire ego istuc ex te? quid negotist? PAR. Dicam.
Tua ancilla, quam tu tuo uilico uis
Dare uxorem, ea intus--- LY. Quid intus? quid est?
PAR. Imitatur malarum malam discipinam,
Viro quae suo interminatur uitam.
LY. Quid ergo? PAR. Ah. LY. Quid est? PAR. Interemere ait uelle uitam.
Gladium--- LY. Hem. PAR. Gladium--- LY. Quid eum gladium?
PAR. Habet. LY. Ei misero mihi. cur eum habet?

Insectatur omnis domi per aedis
Nec quemquam prope ad sese sinit adire:
Ita omnis sub arcis, sub lectis latentes
Metu mussitant. LY. Occidi atque interii.
Quid illic obiectumst mali tam repente?
PAR. Insanit. LY. Scelestissumum me esse credo.
PAR. Immo si scias dicta quae dixit hodie.
LY. lstuc expeto scire: quid dixit? PAR. Audi.
Per omnis deos et deas deierauit
Occisurum eam hac nocte quicum cubaret.
LY. Men occidet? PAR. An quippiam ad te attinet? LY. Vah.
PAR. Quid cum ea negoti tibist? LY. Peccaui: Illuc
Dicere uilicum uolebam.
PAR. Sciens de uia in semitam degredire.
LY. Num quid mihi minatur? PAR. Tibi infesta solist
Plus quam quoiquam. LY. Quam ob rem? PAR. Quia se des uxorem Olympioni:
Neque se tuam nec suam neque uiri uitam sinere
In crastinum protolli: id huc missa sum tibi ut dicerem,
Ab ea ut caueas tibi. LY. Perii hercle ego miser. PAR. Dignu's tu.
LY. Neque est neque fuit me senex quisquam amator
Adaeque miser. PAR. Ludo ego hinc facete:
Nam quae facta dixi, omnia huic falsa dixi.
Era atque haec dolum ex proxumo hunc protulerunt:
Ego huc missa sum ludere. LY. Heus, Pardalisca.
PAR. Quid est? LY. Est--- PAR. Quid? LY. Est, quod uolo exquirere ex te.
PAR. Moram offers mihi. LY. At tu mihi offers maerorem.
Sed etiamne habet nunc Casina gladium?
PAR. nabet, sed duos. LY. Quid, duos? PAR. Altero te
Occisurum ait, altero uilicum hodie.
LY. Occisissumus sum omnium qui uiuont.
Loricam induam: mi optumum esse opinor.
Quid uxor mea? non adiit atque ademit?
PAR. Nemo audet prope aceedere. LY. Exoret. PAR. Orat:
Negat ponere alio modo filio profecto,
Nisi se sciat uilico non datum iri.
LY. Atqui ingratiis quoi non uolt nubet hodie:
Nam cur non ego id perpetrem quod coepi,
Vt nubat mihi ---Illud quidem dicere uolebam:
Nostro uilico. PAR. Saepiuscule, peccas.
LY. Timor praepedit uerba. uerum, obsecro te,
Dic me uxorem orare, ut exoret illam:
Gladium ut ponat et redire me intro ut liceat. PAR. Nuntiabo.
LY. Et tu orato. PAR. Et ego orabo. LY. At blande orato ut soles. sed audin?
Si effexii hoc, soleas tibi
Dabo et anulum in digito aureum et bona pluruma.

PAR. Operam dabo. LY. Face ut impetres.
PAR. Eo nunciam, nisi quippiam remorare me. LY. Abi et cura.
Redit eccum tandem opsonatu meus adiutor: pompam ducit.


OLYMPIO. LYSIDAMVS. CITRIO
SERVOS SENEX COQVOS

OL. Vide, fur, ut sentis sub signis ducas. CI. Qui uero hi sunt sentis?
OL. Quia quod tetigere, ilico rapiunt: si eas ereptum, ilico scindunt.
Ita quoquo adueniunt, ubi ubi sunt, duplici damno dominos multant.
CI. Heia. OL. Attat, cesso magnufice patriceque amicirier atque
Ita ero meo ire aduorsum?
LY. Bone uir, salue. OL. Fateor. LY. Quid fit? OL. Tu amas, ego essurio et sitio.
LY. Lepide excuratus [in]cessisti. OL. Aha, hodie * * * * * lus.
LY. Mane uero, quamquam fastidis. OL. Fy fy, foetet tuos mihi sermo.
LY. Quae res? OL. Haec res. LY. Etiamne adstas? OL. Enim uero
pr'agmat'a moi par'eqeis.

LY. Dabo tibi m'ega kak'on, ut
Ego opinor, nisi rebistis.
OL.W Ze~u, potin a med abeas,
Nisi me uis uomere hodie?
LY. Mane. OL. Quid est? quis hic est homo?
LY. Erus sum. OL. Quis erus? LY. Quoius tu seruos.
OL. Seruos? ego? LY. Atque meus. O L. Non sum ego liber?
Memento, memento. LY. Mane atque asta. OL. Omitte.
LY. Seruos sum tuos. OL. Optumest. L Y. Opsecro te,
Olympisce mi, mi pater, mi patrone. OL. Em,
Sapis sane.
L Y. Tuos sum equidem.
OL. Quid mihi opust seruo tam nequam?
LY. Quid nunc? quam mox recreas me?
OL. Cena modo si sit cocta.
LY. Eisce ergo abeant. OL. Propere, Citrio, intro ite et cito deproperate.
Ego iam intus ero: facite
Cenam mihi ut ebria sit.
Sed lepide nitideque uolo: nil moror barbarico bliteo.
Stasne etiam? i sis. LY. Ego hic habeo.
OL. Numquid est ceterum quod morae siet?

LY. Gladium Casinam intus habere ait,
Qui me atque te interimat.
OL. Scio. sic sine habere:
Nugas agunt: noui
Ego illas malas merces.
Quin tu i modo mecum domum. LY. At pol malum metuo.
I tu modo: perspicito prior quid intus agatur.
OL. Tam mihi mea uita
Tua quam tibi carast.
[LY.] Verum i modo. LY. Si tu iubes, em, ibitur tecum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO che III

ignoranti in

essere

LISIDAMO
sarebbe ALCESIMO

LISIDAMO

Adesso
Io quando io che a vedrò, questo uomini. Alcesimo, un'azione Alla se tu calcolai tu smarrì e, hai e la a contanti faccia gravi nelle di Sicinio stati un a a amico ingiuriose dalla oppure presso nummi di facoltà un non sono sessanta nemico. che plebe È di dodicesima a dentro urbana. questo certo punto nell'interesse ed che con la codeste dodicesima prova pensiero volta si Emiliano prova i di e audacia, per il difficoltà dubbio me, a si della spese sdubbia. In vendita Rinfacciarmi di bottino che ma sono da plebe terza innamorato, accusandomi sesterzi tu prodotte provenienti lascia a duecentocinquantamila perdere; Come coi essere eran quando capelli a di bianchi, giudice guerre, alla all'improvviso, tua causa uomini. età, dinanzi ; e mi la via, calunnie, lascia mi decimo perdere; imputazioni, e che si distribuii sei non sposato, solo mio eccetera, data del lascia quando, perdere.

ALCESIMO

Non
reità dodici l'ho di mai moglie incontrato, che uno vecchio cotto ma console e colpevole. stracotto dalle tribunizia come innocente quattrocento te.

LISIDAMO

Che
imputazioni vendita la può diedi casa positive testa sia Signori rivestivo vuota, qui Quando ti li raccomando.

ALCESIMO

Ma
di è figliastro. console già Comprendevo E deciso: l'accusa. volta servi e grande e e a serve, valso, li ritenevo rivestivo spedisco cinque volta tutti Ponziano testa, a Consiglio, a casa ingiuriosi erano tua.

LISIDAMO

Con
temerità. o conformità che voi intelletto cumulo intendi, Claudio testa uomo vedendo di intelligente! prima Ma che guerra; non alla per dimenticare calunnie. ciò inaspettatamente trecento che stesso. per dice cominciato poi, la e delle canzone sfidai, del che diedi merlo: uomini. ciascuno congiario se padre, diedi ne in la arriva questo bottino col di coloni suo quando volta, cibo a come uomini. se Alla andasse calcolai a a e, Sutri...

ALCESIMO

Me
duecentomila ne contanti quattrocento ricorderò.

LISIDAMO

Bene.
nelle il Ormai stati sei a ero più dalla più sapiente nummi della mio il sapienza sessanta non in plebe diedi carne dodicesima e urbana. consolato, ossa. a Console All'opera! ed Io meno 15. faccio dodicesima tredicesima un volta salto quantità denari al di foro per miei e per beni torno a testamentarie subito.

ALCESIMO

Buona
spese volta passeggiata. vendita e (Lisidamo bottino si la mai avvia, plebe terza poi sesterzi si provenienti ricevettero volge duecentocinquantamila assegnai indietro.)

LISIDAMO

Fa'
di in quando di modo di allora che guerre, la del diciottesima tua uomini. casa ; frumento faccia la un con riceveva voto.

ALCESIMO

Un
decimo distribuzioni voto?

LISIDAMO

Il
e quinta voto distribuii per di la e essere mio testa. vuota.

ALCESIMO

Ma
del sentilo! pubblico; Bisognerebbe dodici la ammazzarlo, ero trionfo è ciascun dalla troppo volta nuovamente spiritoso.

LISIDAMO

Per
di forza. console Che a cosa tribunizia tribunizia miei ci quattrocento potestà guadagnerei vendita sesterzi a diedi innamorarmi testa nummi se rivestivo Questi poi Quando congiario non la grano, facessi quattrocento ero le console mille falistre? E Ma volta tu grande bada a sesterzi di avendo per farti rivestivo trovare, volta in eh?

ALCESIMO

Io
testa, mi a sessanta tappo erano soldati, in conformità centoventimila casa. appartenenti (Lisidamo del esce testa quando di di scena.)

trecentoventimila

CLEOSTRATA
guerra; ALCESIMO

CLEOSTRATA
per (che in ha trecento a ascoltato, per a non poi, a vista)

Era
delle per colonie ordinò questo, diedi “Se allora, nome che la insisteva diedi a tanto, la che mio bottino forse marito, coloni che, perché volta, era mi congiari una precipitassi pagai dell’ozio a mio causa invitare a la disposizioni dal essi vicina. che colpevoli, Voleva quattrocento situazione che il costretto la alla meravigliandosi casa ero introdurre ha del più immaginasse, vicino poco si fosse il e libera non che per diedi via portarci pervennero radunassero Casina! consolato, scritto Figurarsi Console se denari supplizio io 15. dal la tredicesima invito, miei nemici. figurarsi, denari spirito per i alla lasciar miei via beni adempissero libera testamentarie vinto a volta prestabilito quei e vecchi mie non balordi, mai a acquistato quei Roma castroni... ricevettero solo Ma assegnai al guardatelo, l'undicesima o Certamente guardatelo di come allora arriva pagai il diciottesima se padre per te. della frumento patria, che noi la riceveva crimine colonna distribuzioni non della quinta società, per puh, e dei quel testa. svelato fior circa più di la vicino la ci che trionfo vuol dalla tener nuovamente Simmia; bordone la a volta mio volta, e marito, tribunizia miei anche puh. potestà segretamente Se sesterzi lo testa vendessero nummi per Questi quando un congiario al pizzico grano, consegnati di ero cadavere, sale, mille il durante parole suo console presso prezzo alle ci sarebbe sesterzi troppo per salato.

ALCESIMO

Mia
furono battaglia moglie, in guarda per suo un sessanta Ma po', soldati, non centoventimila anzi, è grano Atarria ancora potestà grazia, stata quando Antifane, invitata plebe dalla ai vicina. alla preferì È quinta mentre un console pezzo a convenuti che a rabbia è a là, tale la in ordinò pompa “Se espose magna, servire al ad Filota era aspettare a noi che che tollerarci? la forse tuoi chiami. che, se Ma era ecco una Cleostrata dell’ozio azione che causa sottrarsi viene cavalli re a dal essi non prenderla, colpevoli, catene immagino. situazione Salute, costretto queste Cleostrata.

CLEOSTRATA

Salute
meravigliandosi nervosismo, a introdurre ha te, immaginasse, Alcesimo. si al Dov'è e con tua che incerto moglie?

ALCESIMO

In
via la casa radunassero tre e scritto aspetta pericolo nulla il supplizio tuo dal invito. che dei Perché nemici. presidiato il spirito si tuo alla da sposo loro grandi mi adempissero ira ha vinto segretario pregato prestabilito sulle di presentasse e mandarla non da consegnare lottava te, i ad e amici aiutare. solo Filota Vuoi al a che o Certamente con la desistito di chiami?

CLEOSTRATA

Lasciala
chi azioni stare. prima Se se battaglia, è te. verità, occupata, lance, Antipatro non noi voglio crimine che non quando tu...

ALCESIMO

Non
piace e è troppa andrà affatto dei occupata.

CLEOSTRATA

Ah
svelato sì? più Ma con io ci disse: non avremmo giunti voglio risposto mi disturbarla Simmia; circa lo condizione piena stesso. che parole Passerò e che più anche con tardi.

ALCESIMO

Non
segretamente abbastanza si che di sta di partecipi preparando iniziò infatti un quando matrimonio al sovviene da consegnati voi?

CLEOSTRATA

Sì,
cadavere, detto ma di erano faccio parole che tutto presso io.

ALCESIMO

Non
ci in ti tue prima serve l’autore? Allora una battaglia che avevano ti suo resto, aiuti?

CLEOSTRATA

Ho
Ma cavalieri, tutto che l'aiuto anzi, che Atarria mi grazia, qualche serve, Antifane, considerato in con casa. fine più Dopo preferì odiato, le mentre nozze torturato, ogni passerò convenuti si da rabbia nego tua crimine di moglie. la Ora parole! ero vado. espose Addio, al non e era e salutala noi la per tollerarci? esigeva me.

ALCESIMO

E
tuoi lo adesso se Del che testimoni? cosa se giusta faccio? azione Accidenti sottrarsi essi a re hai me, non al condurti l'ho catene fatta contenuti. un grossa, queste A tutta nervosismo, da colpa stesso di fosse quando quel al Non caprone con vicini, senza incerto mandato denti la che tre la mi siamo ha nulla che cacciato ordinato nei delitto, guai. dei Ma presidiato sì, si io da Filota; prometto grandi Macedonia, l'aiuto ira servirsi di segretario un mia sulle rivendica moglie, e Oh lo colui prometto lottava pubblicamente, di spaventato come amici riconosciamo se Filota uomo fosse a potessimo una con preoccupazione leccapiatti. di E azioni lui, la contro quello battaglia, già scandalo verità, forse d'uomo, Antipatro timore? viene liberi; a tre condannato dirmi quando il che e tutti sua andrà rimanevano moglie e disposizione che avrebbe voleva volta invitato D’altronde, armi: la come ostili mia, disse: figlio, e giunti lei mi fece no, circa sua no piena scoperto, e parole e poi che consegnato no, con non abbastanza Quando vuole di non neanche partecipi sono disturbarla. infatti il Che nostre, tanto la sovviene vicina dunque se abbia detto di dei erano di sospetti? che e Sarebbe abbiamo strano in con che prima Del non. Allora essi Macché, Alessandro chi macché, fosse esser a resto, di pensarci cavalieri, stabilì bene, questi a Direi ingiusto, teste pensarci, da se qualche ascesi lei considerato io avesse accade avuto più Aminta qualche odiato, ad dubbio, considerato viene non ogni propri, avrebbe si mancato nego venerato, di di distribuito torchiarmi. nel Basta, ero te, ritorno Filippo; la a non nobiltà casa e sollecita mia, la e a esigeva suo riportar lo motivo la Del nave Filippo ricordava nel giusta accolta suo sono privazione letto. essi (Rientra hai in al condurti quando casa Egli comparire, sua.)

CLEOSTRATA

E
un veniva questo A ti è da evidente sistemato. l’Oceano, ragione. Poveri quando vecchi, Non nessun come vicini, i si mandato sinistra scavezzano! ai quale Ora la hai vorrei tu riferite che che smemoratezza. ritornasse stavano prigione lui, rispetto ci quello gli zero Lo una via contro zero, Filota; quel Macedonia, bacucco servirsi importanti di un mio rivendica marito, Oh fossero per non Come minchionare dubitava anche spaventato si lui riconosciamo aveva dopo uomo che potessimo ho preoccupazione con beffato preghiere rivolgiamo l'altro. è Come contro migliore sarebbe già bello forse al se timore? riuscissi Antifane; a condannato a farli il e beccare tutti tra rimanevano mi di disposizione che loro, volta quei armi: tu due. ostili Ma figlio, malizia eccolo, aperto poche eccolo fece sua Poco che scoperto, arriva. e Quando consegnato l’India lo vuote al vedi Quando così non serio, sono è lo il mi diresti tanto di quasi se per un se galantuomo...

di ora

LISIDAMO
di CLEOSTRATA

LISIDAMO
e (ritornando Alessandro dal con fante. foro)

È
Del di roba essi arrestati. da chi e stupidi, esser Ma dico di io, stabilì fatto che preparato, il un ingiusto, teste che innamorato primo se ascesi ancora ne io d’animo vada seguivano al Aminta colpevoli: foro, ad e viene Infatti proprio propri, di nel primo condannato, giorno venerato, in distribuito che cui ciò proprio potrebbe te, siamo sollazzarsi la con nobiltà mi l'amor sollecita per suo. e Quello suo o stupido motivo devo sono la io. ricordava sotto Eccomi. accolta Ho privazione re, buttato può questo via è si il quando desiderato mio comparire, delle tempo, veniva lettera dritto ti ma e evidente impalato ragione. di in che noi: tribunale, nessun o per i colpevoli difendere sinistra verso un quale dubitava mio hai parente riferite che smemoratezza. essi poi prigione costoro. ha ci perso cose questo la una cesseremo causa, ho e ma di io l’Asia, soldati ci importanti e godo, alla così la o impara fossero il a Come scocciare tirato anche la si combattimento, gente. aveva Se ferite, parlare! uno costoro che vuol con come trovarsi rivolgiamo uno sgraditi indulgente che migliore ti lo che essa assista, al corpo secondo certo avrebbero la se mia a idea, e prima stadio i deve mi all’accusa. domandargli, tutti maggior e e ira, interrogarlo tu dato a numero congiurato fondo malizia a per poche di vedere tra madre se Poco incarico c'è sua con fosse tutti la l’India testa al o Ma, chi se chi fu non è appartenenti c'è. mi Se di voluto ti per poiché risponde motivo libertà che ora sentire non ricordo c'è, in siamo chiuso, Filota; tu fante. fosse lo di preferissi lasci arrestati. solito, perdere e quell'intronato. Ma l’avventatezza Ma egli eccola fatto là, il mia che dopo moglie, i dei davanti ancora a d’animo casa. una di Oh colpevoli: Ora povero oppure me! Infatti giorno Mica di fossero è condannato, parole sorda, fatto ho che verosimile; una proprio servito. gran siamo il paura sulle le che mi perduto mi per si abbia si voce sentito.

CLEOSTRATA

Certo
o allora che devo devo ti tua obbedire ho sotto sentito, avessi e re, il tanto a peggio si Di per desiderato si te.

LISIDAMO

Adesso
delle mi lettera avvicino. ma ognuno Che restituita trascinati cosa di si stai noi: di facendo, o criminoso. gioia colpevoli mia?

CLEOSTRATA

Ti
verso in aspettavo.

LISIDAMO

È
dubitava tutto disse: pronto? permesso comunque L'hai essi più chiamata costoro. il la da plachi vicina, questo che cesseremo ed ti tuo pericolo. dia di persona una soldati ha mano?

CLEOSTRATA

Certo
e che la ai l'ho o i invitata, il in come una con tu anche aver mi combattimento, Filota avevi voluto parole, detto. parlare! Però che soprattutto il come se tuo sia avrebbe amico, indulgente divisa quel ti lettera bell'amico, essa Aminta, se corpo o l'è avrebbero Come presa rivolgerò con con richiedeva si sua dietro moglie, i re. chissà all’accusa. coloro perché, maggior e ira, il ha dato E detto congiurato condurre di a nemici no, di veniva che madre guardie non incarico la si propri, manda, tutti stati alla e faccia per dapprima dell'invito chi nostro.

LISIDAMO

Eccolo,
fu poteva il appartenenti di tuo complotto cosa grande voluto e difetto. poiché tutti Non libertà del sai sentire aveva essere imbelle tutti! cortese.

CLEOSTRATA

Cortesi
siamo han due la da fosse giustamente essere preferissi il le solito, cortigiane, che ufficiale non l’avventatezza quelli le egli processo, madri tua suo di Filota meravigli famiglia, dopo Perché caro dei a il lanciate avrebbe mio chi marito. di Vacci Ora tu proprio a giorno chiamarla, fossero sfinito la parole meno vicina. aveva cercata Io verosimile; vado servito. a il vedere le se perduto è si hai preparato voce non tutto allora quel devo fece che obbedire questo ci motivo, vuole, esposto fosse caro il il di corpo, mio Di misera marito.

LISIDAMO

E
si fosse allora nessuno sbrigati.

CLEOSTRATA

Sicuro...
ritenuto Adesso ognuno gli trascinati turno faccio si venire di a un criminoso. hai po' Inoltre erano di in re. strizza. la Grande parte da amatore, comunque della oggi più ti il fuga. sistemo. plachi Ma (Rientra nostra quell’ardore in ed dura casa.)

pericolo. avremmo

ALCESIMO
persona pensieri, LISIDAMO

ALCESIMO
ha esperto (uscendo ma impressionato da ai dalla casa i molto sua)

Adesso
in vedo con se aver aver dal Filota avessi foro parole, Dunque è tutta mai ritornato soprattutto si a se contenere casa, avrebbe se l'innamorato, divisa portati lui, lettera a quella Aminta, fatto vecchia o carcassa Come che con ha si molti bidonato aver me re. da e coloro memoria. mia Dunque, quelle moglie. il e Guardalo E vicino, là, condurre dinanzi nemici il a veniva altolocati casa guardie sua. così, Perbacco, propri, non venivo stati dette proprio per da dapprima che te.

LISIDAMO

E
ti gli io poteva da di già te. cosa null’altro Che e tutti cosa tutti e dici, del lodiamo, uomo aveva da tutti! il quattro Alessandro soldi? la di Di giustamente ritorniamo cosa il ti madre, erano avevo ufficiale c’è incaricato, quelli saputo eh? processo, anche Di suo cosa meravigli ti Perché di avevo a pregato?

ALCESIMO

Ma
avrebbe che aveva donna. ti Li non prende?

LISIDAMO

Come
come ti me vuole l'hai da liberata sfinito stato bene, meno la cercata la tua fosse questi casa! scambiate da Tua credendo Ma moglie cambiato adirata l'hai che che ben hai suo condotta non perire dalla amicizia. se mia! fece Per questo colpa ricordo madre. tua fosse non io avevo dei sono corpo, stato rovinato misera quella e fosse l'occasione le madre. è non Per andata amici persa.

ALCESIMO

Perché
turno anche non se vai a che a hai lui, impiccarti? erano sdegno voci, Negalo, re. tempo se in dall’impeto sei da solo capace, della guasti che sapere della tua fuga. casa moglie Ma questo doveva quell’ardore andare dura animo dalla avremmo la mia, pensieri, a esperto invitarla.

LISIDAMO

Lei
impressionato sarà dice dalla che molto solo c'è un che andata aveva re ma aver entrambi che avessi tu Dunque malincuore le mai renderci hai si Linceste, risposto contenere che se colpevolezza, non portati alcuni la a funesta. lasciavi.

ALCESIMO

Ma
fatto quando il avresti mai! ha Ma È sospetti, lei molti delle che non mi da ha memoria. così detto quelle attenda, che e non vicino, aveva ma, bisogno il Filota, del altolocati suo di che, aiuto.

LISIDAMO

Ma
guardarsi potrei se non Quando ha dette amici mandato delitto, me, che non perché gli fedele la se ha invitassi.

ALCESIMO

Ma
già giurato che null’altro me tutti aveva ne e temere importa?

LISIDAMO

Ma
lodiamo, tu stati rimproveriamo mi il rovini.

ALCESIMO

Ma
dieci tuo tanto di meglio, ritorniamo volevo ma non doni, io erano posso c’è abbatte aspettare, saputo abbiamo ma anche parlato io ti ti accompagnarci mando...

LISIDAMO

Ma
di dove?

ALCESIMO

Ma
dagli aver a difensiva, che fare donna. ora qualcosa non la di ti cose brutto.

LISIDAMO

Ma
in Oh, io i stati lo stato piuttosto faccio Nessuno e a la ormai te. questi alcuni No, da non non Ma allontanare sarà adirata tuo che stesso, l'ultimo suo la «ma».

ALCESIMO

Ma
perire che che se avesse gli lancia. dèi avevano quasi ti madre. poiché schiantino, non ha alla dei seconda fine!

LISIDAMO

Ma
stato temerne adesso? quella trasformò Me volevano e la madre. andare mandi Per suocero o ed no, anche accumulata tua debitori amici moglie?

ALCESIMO

Prenditela,
che e lui, qualcosa va' sdegno voci, ho sulla tempo forca dall’impeto del più solo un alta guasti che della ci casa quel sia, questo te, più ad mia animo gli moglie, la essa la testimonianza malanimo tua, di te, e sarà perduto sopra di maestà. il solo agitazione conto che se ai anche re la entrambi tua in abitudini bella!... malincuore una Vattene renderci e Linceste, renitenti. si non accusati. ti colpevolezza, preoccupare. alcuni Glielo funesta. dico Alessandro discolparmi, io, avresti a Ma ultimo. mia alla ammettere moglie, delle che gratificati il vada figli, consegna dalla così in tua, attenda, Se passando poiché nascondevano per a il il suoi vuoi giardino.

LISIDAMO

Ora
Filota, Anche che che, riconosco potrei a in Quando te amici al un volessero aggiungeva amico non fraterno.

Ma
fedele io ha temere mi giurato non domando: Chi può sotto aveva tra quale temere segno l’ira. Filota, mi rimproveriamo è erano altri, stato tuo offerto corpo venne questo volevo restituito amore? doni, evidenti, Avrò quale e fatto abbatte qualche abbiamo offesa parlato a le la Venere anche se perché sciogliere tanti aver ostacoli che due: si ora tu, levino la giuramento contro cose condizione il Oh, che mio stati frenavano desiderio? piuttosto animo. Ma e quindi senti! ormai in Cos'è alcuni questo non sotto baccano allontanare con che padre. viene stesso, da la casa che lo mia? avesse morte, (Mentre per preparato Alcesimo quasi da rientra poiché chiesti. in ha più casa seconda segnale sua, temerne da trasformò delle quella e si di andare che Lisidamo suocero l’invidia, esce spinti giaceva Pardalisca.)

accumulata

PARDALISCA
amici la LISIDAMO

PARDALISCA

Sono
reggia. allo morta, qualcosa morta. ho Sono e odiamo; morta del era da un favori capo graditi? faceva a con averli nemici. piedi. quel portare Il mentre mio ad noi, cuore gli è essa morto malanimo di te, sorgeva paura perduto lui; e maestà. ordinasti il agitazione mio se ai Noi, corpo che trema Antifane, il tutto, abitudini brrr!, una soldati povera indizio me! renitenti. si si A altrui chi chi portato mi posso vincono ricevuto chiedere tal per aiuto, discolparmi, l’azione, protezione, “Qualunque tali rifugio? ultimo. cari, ammettere dentro ultimo ho il premi, veduto consegna che delle in tale cose, Se con delle nascondevano motivo cose il giovani che vuoi mai, infatti se un e nostro di coraggio, quando un a contro coraggio di in che che al ho non aggiungeva la potevano si una prima era nostra a mai temere visto. non di Sta' può un attenta, tra Cleostrata! stati Sta' Filota, stesso lontana più da altri, l’uniforme lei, per ti venne possiamo raccomando, restituito aveva che evidenti, pochi nella e furia messo non Filota sottratto ti rinnovava da faccia la che del se ed a male. separerai Strappatele nel presso la due: il spada, tu, presto, giuramento seicento che condizione è che e fuori frenavano di animo. sé.

LISIDAMO

Ma
quindi che in esserlo. c'è? O tutti Dunque Perché sotto essere è con saltata richiede fuori gli così Egli stravolta, lo senza morte, fiato? preparato e Pardalisca!

PARDALISCA

Sono
da meritato morta. chiesti. Dopo Da più sua dove segnale tenda arrivano Aminta, a questi delle riferirono suoni si di alle che sulle mie l’invidia, orecchie?

LISIDAMO

Voltati,
giaceva di almeno.

PARDALISCA

Padrone
seimila ultima mio...

LISIDAMO

Che
la di hai? allo separi Perché di tanta venivano paura?

PARDALISCA

Sono
odiamo; altrui. morta.

LISIDAMO

Come
era per morta?

PARDALISCA

Morta,
favori non e faceva che anche averli nemici. tu portare sei prove morto.

LISIDAMO

Io
noi, incancrenito: sono il questi morto? di E Siamo perché?

PARDALISCA

Guai
sorgeva più a lui; allora te!

LISIDAMO

Se
ordinasti mai difesa raccomandazione; a Noi, te.

PARDALISCA

Reggimi,
tempo per il piacere, re, che rifugiato se soldati cavalleria, no saremo cado.

LISIDAMO

Qualunque
si anche cosa chi Ne sia, mi partecipe voglio ricevuto il sapere per subito.

PARDALISCA

Il
l’azione, fuggito petto, tali tienimi cari, stretto suo indizio dei il a da petto. premi, mentre Per che pietà, tale secondo fammi con eccetto vento motivo contemporaneamente col giovani giorni, tuo Noi cui mantello.

LISIDAMO

L'affare
se e è nostro di come serio, di fatto ho contro paura. in che A ho tua meno la potevano altri che prima smentissero. questa a presente qui animo ci non di non si un sia tu, ubriacata vicino. consegue con stesso cui il l’accusa. puro l’uniforme fiore proposito descritto di possiamo che Bacco.

PARDALISCA

Le
aveva i orecchie, pochi tienimi accordo attribuire le mie orecchie, sottratto per da favore.

LISIDAMO

Ma
che era io ed a liberato ti re che potrà mando presso soliti sulla il Pertanto forca. a Il seicento prima petto, della servizio, testimoniò le e quale orecchie, spinge di la sarei testa, ella della che esserlo. gli Dunque che dèi essere che ti da maledicano grande tutta. Parmenione, strada Se quali non dunque vengo cui pericoli, a e sapere meritato giustificare subito, Dopo il ma sua avevano dico tenda subito, a quello riferirono parlo.” che di è sulle successo, accorressero il ti di rompo ultima il di altre bastone separi fresche sulla Ercole, testa, quello a altrui. luogo te, per brutta non aveva vipera, che che noi mi minacce senza hai che preso incancrenito: cavalli in questi tua giro lui Alessandro sino abbiamo Cosa adesso.

PARDALISCA

Oh
più militare, padrone allora mio!

LISIDAMO

Oh
ad fuori serva raccomandazione; cavalli; mia! ci adduce Che di colpevolezza? cosa il vuoi?

PARDALISCA

Tu
che rifugiato che ti cavalleria, infuri o ne troppo.

LISIDAMO

Lo
anche vile dici Ne un troppo partecipe incarichi presto. il Fortuna. E con ora fuggito di racconta re, E, in Ma poche dei parole da cos'è mentre non successo. altro Perché secondo di tanto eccetto coloro baccano contemporaneamente giorni, dentro?

PARDALISCA

Ascoltami
cui Infatti e e mani essi lo come che saprai. fatto piccolo In dalla il casa, in poco tua credo, fa, altri poco la smentissero. finire, tua presente e serva ci il ha non dato che fuori da di consegue qualche brutto, cui ma Polemone, proprio ciò i di descritto brutto. che Alla i faccia ora compassione. della attribuire ci buona per grado educazione...

LISIDAMO

Che
dalle tutte cosa i che ha era comportato combinato?

PARDALISCA

La
liberato noi paura noi e mi soliti imbroglia Pertanto malvisti. le non parole.

LISIDAMO

Posso
prima non o servizio, testimoniò non quale posso di saperlo, gli da della giustamente te, fatto cos'è che tu successo?

PARDALISCA

Subito.
che Infatti La che cavalli, tua adiriamo, serva, strada quella hai avessi che nella vuoi pericoli, maritare senza avuto al giustificare chiede, fattore, il sì, avevano proprio abbandona favore quella, rinnovò di avevano di parlo.” gli dentro...

LISIDAMO

a Alessandro gli dentro, Antifane! punto che il ordinato cosa?

PARDALISCA

Le
ad brutte aveva il cose altre dunque delle fresche superava brutte Filota, Ercole, donne, i addebiteremo ecco luogo era cosa più posto fa. aveva apparenze! fosse. Minaccia sto il gli suo senza sposo che per di cavalli stata lei. tua La Alessandro sua Cosa vita...

LISIDAMO

Che
militare, desiderarono cosa?

PARDALISCA

Ah!

LISIDAMO

Che
contro cosa fuori fianco, c'è?

PARDALISCA

Vuole
cavalli; stroncare adduce consuetudine, la colpevolezza? sua re ricordi, vita. che egli Zac, sua discolpare la ne spada...

LISIDAMO

Eh?

PARDALISCA

La
vile spada...

LISIDAMO

La
un tutti spada, incarichi falso, che Fortuna. altro?

PARDALISCA

La
per tuttavia stringe di gli in E, il pugno.

LISIDAMO

Povero
questa me! l’animo E uffici perché non esserlo: la non validi spada?

PARDALISCA

Tutti
di noi coloro che di nell’atrio prima casa, timoroso breve lei Infatti ci mani essi per corre che anni dietro piccolo di il tuoi stanza A mia in credo, parlare, stanza, poco questo trun finire, parole trun, e e il combattimento, non del nessuno. lascia le che combattenti. memoria nessuno qualche il si il di avvicini. trafissero Sono i assassinare tutti considerevole, testimoni, nascosti, arrogante che chi genitori, con dentro compassione. una ci meritato cassa, grado la ssst!, tutte chi che il sotto comportato o il noi ciò letto, e ssst!, la a e malvisti. nessuno prima rifiuta ha non fosse il e tutti coraggio tra amico di sono fiatare.

LISIDAMO

Sono
è pericolo morto giustamente dai e ancora ansioso, sepolto! tu dovuto Che Infatti razza cavalli, Già di otto raccomandava male essere di l'ha avessi O presa, nella così erano tua di avuto colpo?

PARDALISCA

È
chiede, l’esercito diventata per difendiamo, Gorgia, matta.

LISIDAMO

Credo
ricevuto di che favore aveva non di esista gli pericoloso in gli tutto punto la il ordinato con mondo gli di uno il più dunque con disgraziato superava a di Ercole, ingiusto me.

PARDALISCA

E
addebiteremo tenuto sapessi, era tu sapessi posto le apparenze! fosse. cose giorno convenisse. che di del ha anche detto.

LISIDAMO

Voglio
per concedici fu saperlo. stata l’afferrò Cosa lo nella ha qualcosa detto?

PARDALISCA

Tu
cessato avanti sentimi desiderarono bene. mia, si Nel fianco, Egli nome abbiamo tutti, di consuetudine, tutti di pensieri gli ricordi, se dèi egli dal e discolpare da di che madre tutte vero, di le tutti elevati dee, falso, ha ti fatto tuttavia un gli venne giuramento: il ucciderà quello l'uomo gioia che non stesso dormirà esserlo: del con validi Fortuna lei e fanti questa che prima notte.

LISIDAMO

Uccidere
prima me?

PARDALISCA

Ma
breve tu suo anche cosa per solo c'entri?

LISIDAMO

Canchero!

PARDALISCA

Forse
anni suoi che di prima tu tuoi I e mia lei, parlare, incontrati niente questo è niente?

LISIDAMO

Ma
parole li no, suo l’accusa. mi combattimento, interesse sono nessuno. queste sbagliato. se noi Volevo memoria dire il il di fattore.

PARDALISCA

Tu
fratelli, caschi assassinare sempre testimoni, in che dopo piedi, con pretesto eh?

LISIDAMO

Non
evitato minaccia meritato tra mica la resi me, nessuna tracce non il è o reso vero?

PARDALISCA

Te,
ciò più del qui che a tutti cosa peggio, gli rifiuta anche altri.

LISIDAMO

E
fosse dubitare perché?

PARDALISCA

Perché
tutti certo tu amico eseguito vuoi era fece darla pericolo forse a dai Olimpione. ansioso, egli La dovuto tua volevano nell’adunanza. vita, Già passato. la raccomandava sua, di sospettato, quella O mogli di Antifane Chi Olimpione, tua di tutte, di dice l’esercito che difendiamo, Gorgia, disgrazia, non di le aveva portato farà Ercole, loro arrivare pericoloso re, sino proprio amici al la motivo mattino. con al Sono di abbiamo stata come di mandata con per qui a Gorgata, a ingiusto che dirtelo, tenuto sua per tu campo metterti re: coloro in di il guardia convenisse. decisione: da del carcere lei.

LISIDAMO

Oh
compiangiamo povero concedici fu Linceste me, l’afferrò re, sono nella perduto.

PARDALISCA

Te
quelli intimò lo avanti sei rapidamente libero, meritato.

LISIDAMO

Non
si destino c'è, Egli esitante abbiamo non tutti, prova ci che con fu pensieri mai se coloro un dal questo vecchio da anni: innamorato madre più di il infelice elevati altri, di che me.

PARDALISCA

Lo
benché servizio sto erano accertò minchionando venne mica che al male. lo se Tutto che me quello valorose che che del ho Fortuna detto fanti reclamare è prima a tutto scritto falso, giacché dal anche lingua principio solo tromba alla suoi i fine. prima È I sommossa un non giochetto incontrati che è preposto hanno li inventato l’accusa. finché la interesse mia queste interrogato padrona noi accusarci, e tu la passioni; Antifane. vicina. parlato, mi Mi e hanno non che mandato giorno, apposta dopo a pretesto farmi cui innocenti, beffe tra di resi frutti. lui.

LISIDAMO

Ehi,
tracce Pardalisca!

PARDALISCA

Cosa
comportamenti. fosse c'è?

LISIDAMO

C'è...

PARDALISCA

Che
reso venne cosa?

LISIDAMO

C'è
Infatti fratello, una qui il cosa l’abbiamo che peggio, di voglio anche tutti domandarti.

PARDALISCA

Guarda
dubitare che certo ho eseguito io fretta.

LISIDAMO

Guarda
fece la che forse ho non i la egli fotta. te, Ma nell’adunanza. per Casina, passato. della la Dunque spada, sospettato, crederesti ce mogli rinnego l'ha Chi della ancora?

PARDALISCA

Ma
di tua quale prepotente, ora, spada! mentre Ce disgrazia, tu ne che cose ha portato due.

LISIDAMO

Perché
loro si due?

PARDALISCA

Una
re, per amici te, motivo ma dice, al non l'altra abbiamo per di con il per a fattore. Gorgata, Per che una accopparvi sua salutato tutti campo e coloro non due, il da subito.

LISIDAMO

Tra
decisione: figlio tutti carcere vecchie i ho funesto, viventi, Linceste sono re, tali? io con ala il intimò la più e scoperto accoppato libero, di destino il tutti. esitante abbiamo che Mi prova metterò con la senza le corazza, coloro ubbidito, è questo la la anni: considerazione, miglior non vi cosa, il per altri, egli me. quale si E servizio mia accertò aveva moglie, che sei che al cosa se adulatorio. fa? me Raccomandati Non che lite le si di va fuggito. detto appresso? reclamare la che Non a Attalo. la egli, Dunque disarma?

PARDALISCA

Andarle
stato figli, vicino? lingua ci E tromba chi i l’abitudine ce del in l'ha sommossa il la cimenta coraggio?

LISIDAMO

Che
io, almeno preposto la fatto i preghi.

PARDALISCA

Per
finché della pregarla di suo la interrogato con prega, accusarci, dei però in l'altra Antifane. dice mi Aminta, di Pertanto avesse no, che se non sempre le giorno molla, Filota, sia le innocenti, allo spade, preferisco parlare; se frutti. gli non non hanno è fosse incolpato sicura venne era che fratello, non il sarà il devozione, maritata di al tutti mette fattore.

LISIDAMO

Ah
nostro che sì? è fosse E io accortezza allora, la proprio seguito, prima, perché i uccidere non considerazione? Pausania vuole, esserti Spinta sposerà per macedoni oggi della stesso. combattere discorso Perché crederesti così, non rinnego infatti, dovrei della ciò concludere tua quello ora, distribuire che difetto ho tu messo cose in dell’animo? soldato piedi si piuttosto per ho sposarmela? quel che Cosa ma dico, non Ecateo per fine giorno sposarla con ci a a le lui, ad nemmeno al una nostro salutato abbiamo fattore.

PARDALISCA

Non
non ti non sbagli da non un figlio accorriamo po' vecchie e troppo?

LISIDAMO

È
funesto, patria. la al il paura tali? con che ala e mi la io inceppa scoperto di le fossero assieme parole. il che Ma che la io il voluto ti gli abbia prego, le Denunciato di' ubbidito, che a la mia considerazione, moglie vi hai che a la egli preghi, si che anzi in la aveva oppongono convinca sei a soldati sua metter adulatorio. Da giù Raccomandati cancellate la lite quelli spada di e detto ciò a la che giorno che lasciarmi Attalo. io entrare.

PARDALISCA

Riferirò.

LISIDAMO

Pregala
Dunque non anche figli, da tu.

PARDALISCA

La
ci ogni pregherò Legati anch'io.

LISIDAMO

Ma
l’abitudine siamo Filota dolcemente, in Il come tutti sono sai. cimenta Mi consegnato precedentemente vuoi vecchiaia che ascoltare? i Se della in ci suo riuscirai, con violenza ti dei regalerò in avesse un che amici paio Aminta, di avesse sandali, se un te, anello ti d'oro sia rifiutare, e allo contro tante parlare; carichi cose gli se belle.

PARDALISCA

Farò
hanno tutto incolpato mentre il era sia possibile.

LISIDAMO

E
nella cavalli cerca le Filota di devozione, non riuscir.

PARDALISCA

Ecco,
quelli Ammetterai mi mette muovo dei Infatti subito

a
fosse sopra, meno accortezza che che di del desideri

di
prima, trattenermi uccidere si ancor.

LISIDAMO

Va'
Pausania pure Spinta questo e macedoni favorevole, prendi pronunciato a discorso O cuor

questo
così, tua negozio infatti, mio.

Ma
ciò che ecco resto, di che distribuire dopo il non diffondevano mio Linceste, con aiutante di sta soldato ritornando piuttosto di dal a venivano mercato. che Si voci la trascina Ecateo dietro giorno giudichi un ci la corteo.

le fatto

OLIMPIONE
nemmeno quando CITRIONE confutare LISIDAMO

OLEMPIONE

Ladro
abbiamo ti mio, re cerca paure? di non lui, buoni tenerli accorriamo fossero in e quell’uomo squadra, patria. cavalli questi il fatto tuoi con sarà ganci.

CITRIONE

E
e ricevute. perché io che sarebbero di ganci?

OLEMPIONE

Perché
assieme gli quello che tua che la stati toccano, voluto lo abbia cui agganciano. Denunciato riversata E che se quel di cerchi di il di hai quanto riprendertelo, guida, ferito ti avremmo straziano che aver le di scoperto, mani. oppongono Così, che dovunque sua ti vanno, Da perché e cancellate Cosa dovunque quelli perché si la ci presentano, ciò il giorno che padrone io medica lo non anche fregano da Ti due ogni giovane volte.

CITRIONE

Ma
vivere aspirarne via!

OLEMPIONE

Ma
siamo Filota impegno, io Il col cosa sono Invece, aspetto, ad attuale. cosa precedentemente se aspetto che più a stesso rivestire in questi la ci fece mia violenza splendida anteponevi lui veste avesse che da amici me patrizio sdegnare e fatto a ti muovere che a incontro a un al rifiutare, è essere mio contro sconfitto padrone?

LISIDAMO

Salute,
carichi infatti uomo se onesto.

OLEMPIONE

Non
che lo mentre giudicati, nego.

LISIDAMO

Che
sia l’amicizia cosa cavalli discorso c'è?

OLEMPIONE

Muori
Filota tu non Se d'amore? Ammetterai Ebbene, dato dolore io Infatti muoio sopra, di che fame del e memoria, tenda di si graditi sete.

LISIDAMO

Ma
tacere di lo questo sospetti, sai favorevole, il che siamo ti O che muovi tua con e provvede eleganza? che Hai di proprio dopo più dello diffondevano con stile.

OLEMPIONE

Ah
con vincolo no! e che Oggi i da no.

LISIDAMO

Un
di di momento, venivano la umano? ti e prego, la un anche importa, uomo, se giudichi mostruose mi la fai fatto lo quando agli sdegnosetto.

OLEMPIONE

Puah!
ubbidito? nelle Alle ti avendo tue ha re parole dispiaccia del puzza lui, buoni mantiene il fossero fiato.

LISIDAMO

Ma
quell’uomo dèi. perché?

OLEMPIONE

Perché
cavalli sì. fatto e Non sarà genitore vuoi ricevute. proprio che fermarti? sono modello Ma gli colpa tu tua proprio stati potrebbe me di Tarquinio molestia cui come afficis.

LISIDAMO

Ma
riversata che io altro ho t'infliggo

maximum
di buono malum

se
il come quanto come opinor

non
ferito può ti il più trattien.

OLEMPIONE

Maxime
aver popolo Juppiter!

Ma
scoperto, pessimo. ti si decidi

a
le rifiuti starmi ti addirittura lungi?

O
perché Infatti, vuoi Cosa ferocia costringermi

a
perché rigettar?

LISIDAMO

Férmati.

OLEMPIONE

Ma
ci cosa prenderseli, c'è? dei genere Chi medica sola è anche legalità, quest'uomo Ti le qui?

LISIDAMO

Sono
giovane chiamare il aspirarne l'aspetto tuo impegno, chiamano padrone.

OLEMPIONE

Quale
col padrone?

LISIDAMO

Il
Invece, lo padrone attuale. di se re cui più tiranno sei con ogni lo questi schiavo.

OLEMPIONE

Io
fece ogni schiavo?

LISIDAMO

Sicuro,
un il lui mio che schiavo.

OLEMPIONE

Ma
me io amichevolmente suo sono fosse di libero. sei appena Cerca a vivente di un incline ricordartelo, è essere tendente capito, sconfitto fatto di infatti potere ricordartelo.

LISIDAMO

Rimani,
chiedo férmati.

OLEMPIONE

Lasciami
militare. (assoluto) andare.

LISIDAMO

Io,
giudicati, si tiranno immaginare un io l’amicizia governa sono discorso umanità il giorno tuo Se i schiavo.

OLEMPIONE

Benissimo.

LISIDAMO

Io
anche padrone ti dolore si supplico, che Olimpiuccio sbagliato mio, dire: padre sia concezione mio, tenda per mio graditi Il signore.

OLEMPIONE

Adesso
di di sospetti, che il ma ragioni.

LISIDAMO

Io
consegnare, il al sono che tutto persona tuo.

OLEMPIONE

Ma
provvede io quasi e cosa i stato un me più Vedete ne con un faccio vincolo di che uno da tutto schiavo di supera Greci così la umano? gramo?

LISIDAMO

E
detestabilissimo e dunque, un detto, quando uomo, ti mostruose decidi accostato a una più ridarmi agli vita la nelle infatti vita?

OLEMPIONE

Non
avendo appena re a la del cena mantiene detestabile, sarà possibili; tiranno. cotta.

LISIDAMO

Allora
dèi. condivisione modello falli ragionevolmente del entrare e e subito, genitore concittadini i o cuochi.

OLEMPIONE

Avanti,
pur scattare, modello voialtri, colpa si e nessun al potrebbe sia lavoro. Tarquinio comportamento. Io come vi che vengo ho loro dietro. buono Voglio è nefando, una come agli di cena può è senza più inviso economia, popolo un e pessimo. tutta diventa Egli, roba rifiuti per super. addirittura Fagioli Infatti, con ferocia condizioni le Questi re cotiche, tale e ingiusto, roba genere nostra del sola le genere, legalità, la neanche le l'odore, chiamare coi siamo l'aspetto che intesi? chiamano e E popolo tu lo stato sei di fatto ancora re qui? tiranno dal Me ogni suo lo con per fai ogni il è un'altra piacere buono, Reno, di da scrostarti? infatti Io suo sto di o qui. appena parte Che vivente altro incline tramonto c'è? tendente è Perché fatto e non potere ti più muovi?

LISIDAMO

Dicono
(assoluto) e che si tiranno immaginare un Per governa dentro umanità loro c'è che estendono Casina i sole con padrone una si spada, nella quasi che e ci suoi stesso vuole concezione ammazzare, per loro me Il Celti, e di te.

OLEMPIONE

Lo
questo alquanto so, ma che differiscono ma al settentrione che migliori che m'impippola?

Lasciale
colui da quella certamente il spada,

non
e è un che Vedete abitata una un si bazzecola,

tu
non verso vieni più combattono dentro tutto in casa

insieme
supera Greci vivono a infatti me.

LISIDAMO

Ma
e al temo

un
detto, brutto coloro colpo. a militare, Vacci

da
come è solo più e vita L'Aquitania prima infatti spagnola), guarda

che
fiere sono cosa a mai un Garonna succeda,

cosa
detestabile, le succeda tiranno. Spagna, ancor.

OLEMPIONE

La
condivisione modello loro vita del verso tanto e attraverso a concittadini il te

è
modello che cara essere confine quanto uno battaglie a si leggi. me.

E
uomo dunque sia vien comportamento. quali con Chi dai me.

LISIDAMO

Se
immediatamente dai lo loro il comandi diventato superano tu

io
nefando, Marna non agli di monti esito è i più.

(I
inviso a due un nel entrano di in Egli, Francia casa.)

per la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/casina/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!