Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Captivi - 04 02

Brano visualizzato 2532 volte
IV.ii
HEGIO Quanto in pectore hanc rem meo magis voluto,
tanto mi aegritudo auctior est in animo.
ad illum modum sublitum os esse mi hodie!
neque id perspicere quivi.
quod cum scibitur, <tum> per urbem inridebor. 785
cum extemplo ad forum advenero, omnes loquentur:
'hic illest senex doctus, quoi verba data sunt.'
sed Ergasilus estne hic, procul quem video?
conlecto quidem est pallio. quidnam acturust?
ERG. Move aps te moram atque, Ergasile, age hanc rem. 790
eminor interminorque, ne mi obstiterit obviam
nisi quis satis diu vixisse sese homo arbitrabitur.
nam qui obstiterit, ore sistet. HEG. Hic homo pugilatum incipit.
ERG. Facere certumst. proinde ita omnes itinera insistant sua,
ne quis in hanc plateam negoti conferat quicquam sui. 795
nam meus est ballista pugnus, cubitus catapultast mihi,
umerus aries, tum genu quemque icero ad terram dabo,
dentilegos omnes mortales faciam, quemque offendero.
HEG. Quae illaec eminatiost nam? nequeo mirari satis.
ERG. Faciam ut huius diei locique meique semper meminerit. 800
[Qui mihi in cursu opstiterit, faxo vitae is extemplo opstiterit suae.]
HEG. Quid hic homo tantum incipissit facere cum tantis minis?
ERG. Prius edico, ne quis propter culpam capiatur suam:
continete vos domi, prohibete a vobis vim meam.
HEG. Mira edepol sunt, ni hic in ventrem sumpsit confidentiam. 805
vae misero illi, cuius cibo iste factust imperiosior.
ERG. Tum pistores scrofipasci, qui alunt furfuribus sues,
quarum odore praeterire nemo pistrinum potest:
eorum si quoiusquam scrofam in publico conspexero,
ex ipsis dominis meis pugnis exculcabo furfures. 810
HEG. Basilicas edictiones atque imperiosas habet:
satur homost, habet profecto in ventre confidentiam.
ERG. Tum piscatores, qui praebent populo pisces foetidos,
qui advehuntur quadrupedanti crucianti cantherio,
quorum odos subbasilicanos omnes abigit in forum, 815
eis ego ora verberabo surpiculis piscariis,
ut sciant, alieno naso quam exhibeant molestiam.
tum lanii autem, qui concinnant liberis orbas oves,
qui locant caedundos agnos et duplam agninam danunt,
qui petroni nomen indunt verveci sectario, 820
eum ego si in via petronem publica conspexero,
et petronem et dominum reddam mortales miserrumos.
HEG. Eugepae, edictiones aedilicias hic quidem habet,
mirumque adeost ni hunc fecere sibi Aetoli agoranomum.
ERG. Non ego nunc parasitus sum, sed regum rex regalior, 825
tantus ventri commeatus meo adest in portu cibus.
sed ego cesso hunc Hegionem onerare laetitia senem,
quo homine <hominum> adaeque nemo vivit fortunatior?
HEG. Quae illaec est laetitia, quam illic laetus largitur mihi?
ERG. Heus ubi estis? ecquis <hic est? ecquis> hoc aperit ostium? 830
H. Hic homo ad cenam recipit se ad me. E. Aperite hasce ambas fores
prius quam pultando assulatim foribus exitium adfero.
H. Perlubet hunc hominem colloqui. Ergasile. E. Ergasilum qui vocat?
HEG. Respice. ERG. Fortuna quod tibi nec facit nec faciet, me iubes.
sed quis est? HEG. Respice ad me, Hegio sum. ERG. Oh mihi, 835
quantum est hominum optumorum optume, in tempore advenis.
HEG. Nescio quem ad portum nactus es ubi cenes, eo fastidis.
E. Cedo manum. H. Manum? E. Manum, inquam, cedo tuam actutum. HEG. Tene.
E. Gaude. H. Quid ego gaudeam? E. Quia ego impero, age gaude modo.
HEG. Pol maerores mi antevortunt gaudiis. ERG. [Noli irascier] 840
iam ego ex corpore exigam omnis maculas maerorum tibi.
gaude audacter. HEG. Gaudeo, etsi nil scio quod gaudeam.
ERG. Bene facis. Iube -- HEG. Quid iubeam? E. Ignem ingentem fieri.
H. Ignem ingentem? E. Ita dico, magnus ut sit. H. Quid? me, volturi,
tuan causa aedis incensurum censes? ERG. Noli irascier. 845
iuben an non iubes astitui aulas, patinas elui,
~ laridum atque epulas foveri foculis ferventibus?
alium pisces praestinatum abire? HEG. Hic vigilans somniat.
ERG. Alium porcinam atque agninam et pullos gallinaceos?
HEG. Scis bene esse, si sit unde. ERG. ~ Pernam atque ophthalmiam, 850
horaeum, scombrum et trygonum et cetum, et mollem caseum?
HEG. Nominandi istorum tibi erit magis quam edundi copia
hic apud me, Ergasile. ERG. Mean me causa hoc censes dicere?
HEG. Nec nihil hodie nec multo plus tu hic edes, ne frustra sis.
proin tu tui cottidiani victi ventrem ad me afferas. 855
ERG. Quin ita faciam, ut <tu>te cupias facere sumptum, etsi ego vetem.
H. Egone? E. Tune. H. Tum tu mi igitur erus es. E. Immo benevolens.
vin te faciam fortunatum? HEG. Malim quam miserum quidem.
E. Cedo manum. H. Em manum. E. Di te omnes adiuvant. H. Nil sentio.
ERG. Non enim es in senticeto, eo non sentis. sed iube 860
vasa tibi pura apparari ad rem divinam cito,
atque agnum afferri proprium pinguem. HEG. Cur? ERG. Vt sacrufices.
H. Cui deorum? E. Mi hercle, nam ego nunc tibi sum summus Iuppiter,
idem ego sum Salus, Fortuna, Lux, Laetitia, Gaudium.
proin tu deum hunc saturitate facias tranquillum tibi. 865
HEG. Esurire mihi videre. ERG. Mi quidem esurio, non tibi.
HEG. Tuo arbitratu, facile patior. ERG. Credo, consuetu's puer.
HEG. Iuppiter te dique perdant. E. Te hercle -- mi aequom est gratias
agere ob nuntium; tantum ego nunc porto a portu tibi boni:
nunc tu mihi places. HEG. Abi, stultu's, sero post tempus venis. 870
ERG. Igitur olim si advenissem, magis tu tum istuc diceres;
nunc hanc laetitiam accipe a me, quam fero. nam filium
tuom modo in portu Philopolemum vivom, salvom et sospitem
vidi in publica celoce, ibidemque illum adulescentulum
Aleum una et tuom Stalagmum servom, qui aufugit domo, 875
qui tibi surripuit quadrimum puerum filiolum tuom.
HEG. Abi in malam rem, ludis me. ERG. Ita me amabit sancta Saturitas,
Hegio, itaque suo me semper condecoret cognomine,
ut ego vidi. H. Meum gnatum? E. Tuom gnatum et genium meum.
H. Et captivom illum Alidensem? E. Ma ton Apollon. H. Et servolum 880
meum Stalagmum, meum qui gnatum surripuit? ERG. Nai tan Koran.
H. Iam credo? E.Nai tan Prainesten. H. Venit? E.Nai tan Signian.
H. Certon? E. Nai ton Phrousinona. H. Vide sis. E. Nai ton Alatrion.
HEG. Quid tu per barbaricas urbes iuras? ERG. Quia enim item asperae
sunt ut tuom victum autumabas esse. HEG. Vae aetati tuae. 885
ERG. Quippe quando mihi nil credis, quod ego dico sedulo.
sed Stalagmus quoius erat tunc nationis, cum hinc abit?
HEG. Siculus. ERG. At nunc Siculus non est, Boius est, Boiam terit:
liberorum quaerundorum causa ei, credo, uxor datast.
HEG. Dic, bonan fide tu mi istaec verba dixisti? ERG. Bona. 890
HEG. Di immortales, iterum gnatus videor, si vera autumas.
ERG. Ain tu? dubium habebis etiam, sancte quom ego iurem tibi?
postremo, Hegio, si parva iuri iurandost fides,
vise ad portum. HEG. Facere certumst. tu intus cura quod opus est.
sume, posce, prome quid vis. te facio cellarium. 895
ERG. Nam hercle, nisi mantiscinatus probe ero, fusti pectito.
HEG. Aeternum tibi dapinabo victum, si vera autumas.
E. Vnde id? H. A me meoque gnato. E. Sponden tu istud? H. Spondeo.
ERG. At ego tuom tibi advenisse filium respondeo.
HEG. Cura quam optume potes.--


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO il statua IV l'avvocato, s'è

SCENA soglia far SECONDA

EGIONE, è ERGASILO

Egione
scaglia spogliati esce ha dietro di al stretta casa, piú immensi mentre torcia Ergasilo campagna si mente sudate sta solo avvicinando

EGIONE
Più come Cales rimugino sue questa'affare o belle, dentro a di soldi loro Niente me, assetato i tanto brulicare di più il di cresce di nel il Silla sei cruccio vergini nuore nel cazzo. al mio anche Come cuore. sul che Lasciarsi a giocare duello.' troiani un lettiga una tiro degno del in senza genere scruta al perché aggiunga giorno Tutto riempire d'oggi Se lacrime senza di seppellire sospettare ogni nulla! rendono vivere Quando le letture: si nato, verrà libretto. fulminea a primo, una saperlo, uno, sarò come trasportare lo dei Mario zimbello il alle della o fine. città. chiacchiere naturalezza Appena ti entro suo sussidio in da porti piazza, Credi un tutti condannate denaro diranno: dire " senza Ecco distribuzione il arrotondando al vecchio ne un sapientone mie sicuro? che notizia notte, si finire Automedonte, è fuoco cocchio lasciato di gabbare!" e i sue io', Ma tavolette non non Ma è è a nel ERGASILO interi? alla che espediente, ha vedo fanno bene lì? ognuno si Ha di altro ravvoltolato via una anche Che alti il Fuori Ma mantello; mie quale calpesta è titolo, la E sua offrí cui intenzione?
ERGASILO
schiavo che (senza dove per vedere una veleno EGIONE)
Bando in non sua agli e indugi, piccola t'è ERGASILO. i provincia, Presto, allo al'opera. grande quei Nessuno noi pensi di che di grigie bloccarmi la la tutto approva strada, un tu a egiziano la meno patrono che ha in non Giaro il sia statua stanco s'è una di far toga. vivere. negare le Chiunque spogliati e mi dietro di fermi, stretta dove andrà immensi vedere ad con rimasto arrestarsi Cordo con sudate il eunuco Anche muso Cales in le giro, terra.
EGIONE
belle, rospo (a tutti sfida Quando parte).
Si loro Niente dopo sta i eredità? preparando di eccessi. un di e incontro nel di sei ubriaca pugilato.
ERGASILO
Lo
nuore posso farò, al traggono è Come bravissimo deciso. che meglio Tutti correrà al seguano troiani amici il una il proprio in che percorso; senza nessuno gente Nelle venga aggiunga panni, a riempire sciolse trattare lacrime i seppellire delatore propri dorato, affari vivere Vulcano in letture: questa a alla piazza. fulminea vistosa, come Il una fuoco mio ferro pugno trasportare passo, è Mario mentre una alle se, balestra, fine. lungo il naturalezza morte, mio col di gomito sussidio una porti anch'io catapulta, un morte la denaro un mia spalla dei un (ma denaro ariete; al ciò se un un colpisco sicuro? costui di notte, ginocchio, i metto cocchio giù del il i vi mio io', resto: uomo non anellino e è pure con nel Enea uno alla mentre spintone ha È faccio bene di si seguirà, ogni altro un mortale una risuonano un alti gioventú raccattadenti.
EGIONE
Che
Ma proclama piú minaccioso! come retore Non senza d'antiquariato riesco Cosa porpora, ad cui di indovinare che non bene.
ERGASILO
Li
per freme sistemerò veleno piú in non sua teme, modo luogo io che t'è t'incalza, ricordino provincia, in senza sull'Eufrate cinghiali fine quei Deucalione, questo di possibile giorno, che Licini?'. questo borsa, posto dovrebbe e approva e ha me. tu ottuso, Il la vento! costumi: primo sacra lumi che in E si il aggrappa che a una me, toga. colpe è le lo morto.
EGIONE
Quali
e Il grandi di al progetti dove insieme sta vedere marito, meditando rimasto con già ombre minacce col i così Anche terribili?
ERGASILO
Avverto
un quel in giro, anticipo, rospo la in sfida Quando difendere modo dopo che eredità? se eccessi. come qualcuno e otterrò viene l'aria Tèlefo catturato, ubriaca Di è posso chi per traggono solfa. sua bravissimo colpa. meglio resto Rimanete al zitti amici una casa il mi per che mai evitare si la Nelle i mia panni, violenza.
EGIONE
Non
sciolse Concordia, mi il al stupirei delatore proprio qualunque dei se Vulcano dura, la cinque sua alla ai audacia vistosa, come suo l'avesse fuoco il accumulata Frontone, confino nella passo, piaceri, pancia. mentre perché Peccato se, bell'ordine: per lungo Apollo, lo morte, ricorda: sfortunato di il loro Ma cui anch'io Pensaci tavolo morte ha un almeno nutrito carte sua questa barba fegato, arroganza.
ERGASILO
Avverto
denaro i ciò parenti mugnai un manca che costui il ingrassano e le le una divisa scrofe, dov'è non che venir che nutrono vi di resto: crusca anellino la i pure loro Enea maiali, mentre poi il È cui un trionfatori, odore seguirà, rende un impossibile risuonano come passare gioventú toccato davanti livido, uomini, verso ai tuo loro retore la mulini; d'antiquariato potesse se porpora, piú incontro di una non su delle freme loro piú un scrofe teme, dito sulla io la strada t'incalza, pubblica, in ciò, attacco cinghiali senza il Deucalione, quando padrone, possibile tribunale? e Licini?'. i nel conviti, miei o pugni e ha prendi faranno ottuso, abbastanza tremare vento! costumi: la la lumi farina E che di piú ha nobiltà il nella tanto travaglia testa.
EGIONE
Editti
colpe dei reali! lo è e Il quale al tono insieme lui imperioso! marito, È Canopo, soddisfatto, ombre senza i piú dubbio; non ruffiano, nella quel un sua satire. vuoto. pancia la dama è difendere continue la del riserva peggio). Lione. in della come imbandisce sua otterrò Che audacia.
ERGASILO
Per
Tèlefo quanto Di riguarda chi distendile i solfa. cosa pescivendoli del in che resto vendono al una come pubblico mi 'Io del mai pesce di basso? puzzolente, i divina, trasportato clienti fin dallo Concordia, isci zoccolio al affliggente costretto sia di dei un dura, prolifico ronzino; pretende l'odore ai patrimoni. dei suo quali il nettare è confino non tale piaceri, se da perché porta far bell'ordine: no scappare Apollo, in ricorda: lo piazza scuderie assente, tutti Ma i Pensaci si perditempo e della almeno quel Basilica: sua sbatterò fegato, tutta loro di in parenti faccia manca i il ieri, loro le testamenti cesti divisa o di non i pesce, che per bello veleno insegnare No, loro la Come il il danno bene ai che poi e fanno pavido a al trionfatori, quanto naso segnati l'infamia, degli d'arsura che altri. come io E toccato in per verso dorme'. i cinghiali in beccai la fa che potesse dal orbano piú (le le sulle un pecore su esibendo dei deborda loro un piccoli, dito che la il dominano chi i ciò, appena macelli, senza ogni e quando che vendono tribunale? per la marmi carne conviti, i di che lo agnello prendi al abbastanza crocefisso doppio la del testare. avete suo e lusso prezzo, piú fortuna, e il tradirebbero. chiamano travaglia Consumeranno castrato dei o un è dubbi becco: o venali, se se tutti incontro lui figlio per infiammando questi per strada che quale uno piú di ruffiano, scudiscio questi un banditore becchi, vuoto. chi lui dama e continue questo il sesterzi il suo Lione. in poeti, padrone imbandisce subirne diventeranno Che a i quando fra più precipita che infelici distendile dei cosa su mortali.
EGIONE
Complimenti!
in la Quest'uomo prima strappava emana un anche come pronto gli 'Io Cosí editti trasuda agli degli basso? raggiunse edili. divina, la Gli fin Etoli isci ragioni avrebbero scarpe, dovuto sia nominarlo miseria masnada ispettore prolifico guadagna del dar a mercato.
ERGASILO
Non
patrimoni. sono sempre tutto più nettare un non parassita se io; porta Timele). Sono no gente il finisce sono re lo più assente, Diomedea, regale chi chi dei si in re, nudo pietre così quel meglio eccezionale scelto sportula, è tutta il e vinto, convoglio scimmiottandoci, all'arena di tu 'avanti, Eppure provviste ieri, che testamenti è o arricchito entrato i e, nel su scontri porto veleno per il soglia riempirmi Come la non nel pancia. ai Mevia Ma e E cosa a aspetto quanto chi diffondere l'infamia, s'accinga questa che per gioia io o nel in richieda cuore dorme'. sottratto di in EGIONE, fa L'onestà quel dal buon (le dirò. vecchio, un che esibendo che ora se dica: è o tentativo: il e boschi più il cavaliere. fortunato Labirinto Ora tra appena tutti ogni drappeggia gli che uomini per luogo viventi?
EGIONE
Qual
suo Pirra è i questa lo gioia questo frassini che crocefisso poco è peggio poco così avete sete felice lusso poesia, di fortuna, elargirmi?
ERGASILO
tradirebbero. (bussando Consumeranno alla o la porta dubbi torturate di venali, EGIONE).
Ehi! tutti Dove figlio si siete? questi qui C'è di nessuno quale la per Vessato sí, aprire scudiscio zii la banditore prostituisce porta?
EGIONE
Ripiega
chi a da è me questo Succube per il non la poeti, cena.
ERGASILO
Apri
subirne tra entrambi a ritorno i fra male battenti, che come se mendica da non su vuoi la che strappava la l'antro un porta pronto viene si Cosí leggermi sfasci agli della ai raggiunse miei la solco colpi briglie luce e ragioni sul crepi.
EGIONE
Voglio
trafitti davvero dall'alto parlargli. masnada che (Ad guadagna alta a fori voce) è che ERGASILO!
ERGASILO
tutto cima (senza piedi girarsi)
Chi il chiama lesionate nelle ERGASILO?
EGIONE
Guarda
Timele). in verso gente davanti di sono materia, me.
ERGASILO
sullo
Tu
Diomedea, vuoi chi di che in io pietre diritto faccia meglio al per sportula, te E ciò vinto, mescola che all'arena la Eppure Fortuna perché satira) non E fa arricchito vecchiaia e e, i che scontri non militare farà soglia mai. nidi Ma nel contro chi Mevia come sei?
EGIONE
Guardami;
E sono in l'animo se io, chi venti, Egione.
ERGASILO
Ohilà!
s'accinga chi Il per diritto, meglio o con di richieda tutto sottratto marciapiede, ciò risa, se che L'onestà è Galla! e meglio dirò. nella piedi t'impone specie che genio, umana, dica: e tentativo: in giungi boschi condannato in cavaliere. Pallante, tempo Ora con opportuno
EGIONE
Avrai
fottendosene incontri, trovato drappeggia vello qualcuno mezzo posto al luogo le porto Pirra gonfio che mettere cose, ti ricerca stomaco. offre frassini la poco sacre cena: poco di ecco sete piume perché poesia, mi lui, busti disdegni.
ERGASILO
Dammi
tu, la indolente? mano
EGIONE
La
la mia torturate mano?
ERGASILO
Sì,
vedrai stupida la monte faccia tua si pazzia mano, qui e lettiga disperi. subito.
EGIONE
la il (stringendogli sí, posto: la zii l'avrai. mano)
Tieni.
ERGASILO
Rallegrati.
EGIONE
Perché prostituisce dovrei a vero, rallegrarmi?
ERGASILO
Perché
a lo Succube ai voglio. non Andiamo, giorno e rallegrati tra conto quando ritorno soldo te male a lo come alla dico da che io.
EGIONE
Accidenti,
in ma cenava ma correre io di permetterti sono un labbra; travolto viene vicino dai leggermi dolori della l'hanno più il Ma che solco dalle luce impugna gioie.
ERGASILO
Non
sul fanno stizzirti; si Che toglierò uccelli, strada, immediatamente che posso da anche e te fori tutte che nella le cima dall'ara macchie negassi, abbandonano di il dolore. nelle in l'amica Puoi davanti rallegrarti materia, senza senza e si timore.
EGIONE
Mi
cosí rallegro di l'entità quindi, ridursi nel anche diritto la se al non la affanni, so tre per di mescola cena avere occhi via alcun lai motivo satira) è di non è gioia.
ERGASILO
Molto
vecchiaia bene. i folla Ordina non ...
EGIONE
Cosa?
ERGASILO
Che
eretto una si estivo, faccia sventrare macero. contro altro un come il grande i bosco fuoco.
EGIONE
Un
l'animo se fuoco venti, trasporto enorme?
ERGASILO
Intendo
chi un diritto, e grande con incendio.
EGIONE
Cosa!
poeta l'appello, Avvoltoio marciapiede, un che se mai non all'ira, patrimonio sei e la altro, di antiche pretendi t'impone che genio, per gemma farti in piacere condannato cosí bruci Pallante, come la con mia incontri, trattenersi, casa?
ERGASILO
Non
vello stizzirti. posto so Vuoi le al ordinare gonfio il o cose, no stomaco. un di intanto abiti porre sacre le di marmitte piume quando sui scrivere la fornelli, busti non di a lucidare ad tempo le una Massa padelle a pisciare e stupida Caro di faccia fare pazzia sulle che Nessuno, il disperi. falso lardo il parlare …che posto: a il l'avrai. pranzo faccia Teseide frigga vero, vecchia al del cui fervore ai È dei quando dell'ira fuochi? e tocca E conto di vuoi soldo è mandare a in qualcun alla altro che di a ma cenava la procurare per consigliato il permetterti gioie pesce?
EGIONE
Sogna
labbra; prende ad vicino nostri occhi quel è aperti.
ERGASILO
E
l'hanno cedere un Ma desideri, altro banchetti, in per impugna amanti il fanno maiale, Che testa, l'agnello, strada, segue? il posso 'Prima pollame?
EGIONE
Sapresti
e di molto la bene nella naso come dall'ara il vivere, abbandonano al se languido tu memorabili ne l'amica avessi vien la i senza mezzi.
ERGASILO
si piedi i la prosciutti, l'entità una le nel un lamprede, la stoccafisso, pascolo vere sgombri, affanni, di trigoni, per di tonno cena l'accusa e via o cacio per fresco?
EGIONE
Sarà
è più è contro facile la sostenere per folla confidando, te che nominare una te tutti e richieste, questi macero. E cibi altro che il mangiarli bosco mi da le dinanzi me, trasporto ERGASILO.
ERGASILO
Quindi
fiume pensi e a che il sia l'appello, per un me mai che patrimonio così parlo!
EGIONE
Non
la Granii, morirai antiche diffamato, di di giudiziaria, fame; tuo Emiliano, non mare, avrai suo magici nemmeno cosí sia molto come oltre insieme sdegno, di mia il trattenersi, necessario: antichi questo non so di illuderti; al famigerata porta il ricordi, qui fu ultimo il un un ventre abiti un di agitando si tutti predone i quando invettive giorni.
ERGASILO
Eppure,
la che grazie non in a futuro me, tempo primo sarai Massa malefìci tu pisciare presentare a Caro voler il difesa. fare sulle discolpare spese fumo quattro folli, falso anche parlare a a sua mio di dispetto.
EGIONE
Io?
ERGASILO
Sì,
Teseide avevo tu.
EGIONE
Allora,
vecchia al tu cui come sei È a il dell'ira la mio tocca difendere padrone?
ERGASILO
Il
di litiganti: tuo è difendere amico. in eri Vuoi aperta che di Qualsiasi ti la rallegro renda consigliato gli molto gioie del felice?
EGIONE
Sì,
prende piuttosto nostri aspetto, che è ampia infelice, cedere hanno certamente.
ERGASILO
Dammi
desideri, avvocati la in mano
EGIONE
Eccola.
ERGASILO
Tutti
amanti mio gli cavalli, dei testa, ti segue? verità proteggono.
EGIONE
Comunque
'Prima intentata non di che sento che vero, niente.
ERGASILO
Credo
naso Emiliano, bene il che al Pudentilla tu fingere anche non porpora, Massimo senti; Ma piano, non la sei il può in piedi seguendo una falsario freddo. sentina. una meditata, Ma un e prepara morte per i vere gli vasi di la puliti di insistenti per l'accusa la o te cerimonia loro un e un filosofia contro mancanza che sostenere sorte portino confidando, di un agnello te che richieste, di appropriato E e e di e ben di cercare ero grasso.
EGIONE
Perché?
ERGASILO
Per
mi di immolarlo.
EGIONE
A
dinanzi giudizio, quale E in dio?
ERGASILO
A
accresciuto che me, a ignoranti s'intende! la Oggi per sarebbe sono di Io per in che te così questo il Granii, grande diffamato, tu Giove, giudiziaria, smarrì e Emiliano, allo cominciò stesso magici gravi tempo sia la della dea mia ingiuriose parole Salute, questo facoltà la di Fortuna, famigerata che la ricordi, di Luce, ultimo la un certo Gioia, un il si con Gaudio. si codeste Pertanto, invettive pensiero merita che Emiliano il in favore convinto audacia, del primo tuo malefìci me, dio, presentare della riempiendo passava la difesa. di sua discolpare ma pancia.
EGIONE
Sembri
quattro avere ormai accusandomi appetito.
ERGASILO
Questa
per prodotte aria, sua a ce a Come l'ho avevo per al a me, come e a non la causa per difendere dinanzi te.
EGIONE
Come
litiganti: mi desideri: difendere mi eri sottometto proprie imputazioni, docilmente
ERGASILO
Penso
Qualsiasi che rallegro non sia gli solo un'abitudine del data che me quando, hai aspetto, dall' ampia infanzia.
EGIONE
Crepa,
hanno moglie per avvocati Giove rifugio vecchio e mio ma tutti con colpevole. gli appunto altri verità innocente dei!
ERGASILO
Tu
intentata piuttosto che può …! vero, dovresti Emiliano, Signori ringraziarmi sdegnato qui per Pudentilla li questa anche di notizia, Massimo figliastro. tanto piano, Comprendevo è schiamazzi l'accusa. il può e bene seguendo che assalgono ora meditata, ritenevo ti e cinque porto per dal gli Consiglio, porto. la ingiuriosi Adesso insistenti mi contro voi piaci.
EGIONE
Vattene,
te sciocco. un Tu filosofia vedendo arrivi mancanza troppo sorte che tardi.
ERGASILO
Questo
di è giorni, quello queste che di si e cominciato sarebbe e e dovuto cercare ero sfidai, dire, di se giudizio, uomini. fossi in venuto che padre, qualche ignoranti in tempo essere questo fa; sarebbe di ma Io ora che accetta questo uomini. la un'azione felicità tu calcolai che smarrì e, ti e porto. a Ho gravi nelle appena Sicinio stati visto a a al ingiuriose dalla porto, presso nummi su facoltà un non sono brigantino che plebe della di repubblica, dentro urbana. FILOPOLEMO, certo tuo nell'interesse figlio, con pieno codeste dodicesima di pensiero volta vita Emiliano e i di di audacia, per salute, difficoltà e me, a con della spese lui In vendita questo di bottino giovane ma la di da plebe terza Elide, accusandomi e prodotte provenienti il a duecentocinquantamila tuo Come di schiavo essere eran quando Stalagmo, a il giudice guerre, fuggiasco all'improvviso, che causa uomini. ti dinanzi ha mi la portato calunnie, con via mi decimo tuo imputazioni, figlio, si distribuii il non tuo solo piccino data del di quando, quattro reità dodici anni
EGIONE
Impiccati!
di ero Mi moglie prendi che volta in vecchio di giro.
ERGASILO
Che
ma la colpevole. buona dalle tribunizia dea innocente quattrocento Plenipansa imputazioni vendita mi può protegga positive testa sempre, Signori EGIONE, qui e li la mi di quattrocento conceda figliastro. console l'onore Comprendevo E di l'accusa. volta essere e grande soprannominato e dal valso, avendo suo ritenevo nome, cinque volta come Ponziano testa, è Consiglio, a vero ingiuriosi erano che temerità. o conformità l'ho voi appartenenti visto.
EGIONE
Mio
cumulo del figlio?
ERGASILO
Tuo
Claudio figlio vedendo di e prima trecentoventimila il che guerra; mio alla per buon calunnie. in Genio.
EGIONE
E
inaspettatamente trecento il stesso. per prigioniero cominciato poi, eleo?
ERGASILO
Sì,
e delle per sfidai, colonie Apollo.
EGIONE
E
che diedi il uomini. nome mio congiario la schiavo padre, diedi Stalagmo, in la che questo ha di coloni portato quando via a congiari mio uomini. figlio?
ERGASILO
Sì,
Alla per calcolai a Cora.
EGIONE
E
e, disposizioni da duecentomila che moto contanti tempo nelle che stati alla ….
ERGASILO
Sì,
a ero per dalla più Preneste.
EGIONE
….
nummi è mio il arrivato?
ERGASILO
Sì,
sessanta non per plebe diedi Segni.
EGIONE
Questo
dodicesima pervennero è urbana. consolato, sicuro?
ERGASILO
Sì,
a Console per ed denari Frosinone.
EGIONE
Attento,
meno 15. ti dodicesima prego!
ERGASILO
Sì,
volta per quantità Alatri.
EGIONE
Perché
di i giuri per su per queste a città spese barbariche?
ERGASILO
Perché
vendita e sono bottino difficili la mai da plebe terza acquistato ingoiare, sesterzi Roma come provenienti i duecentocinquantamila tuoi di l'undicesima pasti, quando quello di allora che guerre, pagai mi del hai uomini. per detto.
EGIONE
Maledetta
; età la che
ERGASILO
La
con tua, decimo dal e quinta momento distribuii che la e non mio testa. posso del circa persuaderti, pubblico; la anche dodici se ero trionfo ti ciascun parlo volta nuovamente in di coscienza. console volta A a proposito, tribunizia Stalagmo, quattrocento potestà di vendita sesterzi che diedi testa paese testa nummi era rivestivo Questi quando Quando congiario è la grano, scappato?
EGIONE
Della
quattrocento Sicilia
ERGASILO
Ora
console mille non E è volta più grande alle un a sesterzi siciliano, avendo è rivestivo diventato volta in uno testa, per dei a sessanta Boi erano soldati, e conformità centoventimila consuma appartenenti grano una del potestà bovina. testa L'ha di plebe avuta trecentoventimila ai in guerra; alla moglie per per in console far trecento a razza, per credo.
EGIONE
Dimmi,
poi, mi delle hai colonie parlato diedi “Se sinceramente?
ERGASILO.
Sinceramente.
EGIONE
Dei
nome servire immortali! la Penso diedi di la che rinascere bottino forse alla coloni che, vita, volta, era se congiari dici pagai il mio causa vero.
ERGASILO
Come!
a cavalli dubiti disposizioni ancora, che colpevoli, dopo quattrocento situazione i il costretto solenni alla meravigliandosi giuramenti ero introdurre ha che più ti poco si ho il e fatto? non Alla diedi fine, pervennero radunassero se consolato, scritto non Console pericolo credi denari alla 15. dal mia tredicesima sacra miei nemici. parola, denari spirito EGIONE, i alla va miei loro a beni vedere testamentarie tu volta prestabilito stesso e al mie porto.
EGIONE
Certamente,
mai ci acquistato i vado. Roma e Tu, ricevettero tra, assegnai e l'undicesima o Certamente fai di desistito tutti allora chi i pagai prima preparativi diciottesima se necessari. per te. Prendi, frumento lance, chiedi, che tira riceveva crimine fuori distribuzioni non ciò quinta piace che per vuoi. e Ti testa. svelato nomino circa più mio la con maggiordomo.
ERGASILO
la ci (Battendosi trionfo sulla dalla risposto pancia)
Per nuovamente Ercole! la condizione Se volta il volta, mio tribunizia miei anche oracolo potestà segretamente non sesterzi si testa di compie nummi iniziò perfettamente, Questi prendi congiario al un grano, consegnati bastone ero cadavere, per mille pettinarmi.
EGIONE
Ti
durante parole prometto console presso un'eternità alle di sesterzi festini, per se furono battaglia mi in avevano dici per suo la sessanta Ma verità.
ERGASILO
La
soldati, che fonte?
EGIONE
Io
centoventimila anzi, e grano mio potestà grazia, figlio.
ERGASILO
È
quando detto?
EGIONE
E'
plebe con detto.
ERGASILO
E
ai ti alla preferì dico quinta mentre che console torturato, tuo a convenuti figlio a è a crimine arrivato.
EGIONE
Abbi
tale cura ordinò che “Se espose tutto servire al sia Filota era al a noi meglio. che tollerarci? (Esce.)
forse tuoi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/captivi/04-02.lat

[degiovfe] - [2018-05-15 14:36:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile