Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Captivi - 03 05

Brano visualizzato 3051 volte
III.v
COLAPHVS Num lignatum mittimur?
HEG. Inicite huic manicas *** mastigiae.
TYND. Quid hoc est negoti? quid ego deliqui? HEG. Rogas, 660
sator sartorque scelerum, et messor maxume?
TYND. Non occatorem dicere audebas prius?
nam semper occant prius quam sariunt rustici.
HEG. At ut confidenter *** mihi contra astitit.
TYND. Decet innocentem servom atque innoxium 665
confidentem esse, suom apud erum potissimum.
HEG. Adstringite isti sultis vehementer manus.
TYND. Tuos sum, tu has quidem vel praecidi iube.
sed quid negoti est, quam ob rem suscenses mihi?
HEG. Quia me meamque rem, quod in te uno fuit, 670
tuis scelestis falsidicis fallaciis
deartuasti dilaceravisti atque opes
confecisti omnes, res ac rationes meas:
ita mi exemisti Philocratem fallaciis.
illum esse servom credidi, te liberum; 675
ita vosmet aiebatis itaque nomina
inter vos permutastis. TYND. Fateor, omnia
facta esse ita ut <tu> dicis, et fallaciis
abiisse eum abs te mea opera atque astutia;
an, obsecro hercle te, id nunc suscenses mihi? 680
HEG. At cum cruciatu maxumo id factumst tuo.
TYND. Dum ne ob male facta, peream, parvi aestumo.
si ego hic peribo, ast ille ut dixit non redit,
at erit mi hoc factum mortuo memorabile,
<me> meum erum captum ex servitute atque hostibus 685
reducem fecisse liberum in patriam ad patrem,
meumque potius me caput periculo
praeoptavisse, quam is periret, ponere.
HEG. Facito ergo ut Acherunti clueas gloria.
TYND. Qui per virtutem, periit, at non interit. 690
HEG. Quando ego te exemplis pessumis cruciavero
atque ob sutelas tuas te morti misero,
vel te interiisse vel periisse praedicent;
dum pereas, nihil intererit: dicant vivere.
TYND. Pol si istuc faxis, haud sine poena feceris, 695
si ille huc rebitet, sicut confido affore.
ARIST. Pro di immortales, nunc ego teneo, nunc scio
quid hoc sit negoti. meus sodalis Philocrates
in libertate est ad patrem in patria. bene est,
nec quisquam est mihi, aeque melius cui velim. 700
sed hoc mihi aegre est, me huic dedisse operam malam,
qui nunc propter me meaque verba vinctus est.
HEG. Votuin te quicquam mi hodie falsum proloqui?
TYND. Votuisti. HEG. Cur es ausus mentiri mihi?
TYND. Quia vera obessent illi quoi operam dabam: 705
nunc falsa prosunt. HEG. At tibi oberunt. TYND. Optumest.
at erum servavi, quem servatum gaudeo,
cui me custodem addiderat erus maior meus.
sed malene id factum arbitrare? HEG. Pessume.
TYND. At ego aio recte, qui abs te sorsum sentio. 710
nam cogitato, si quis hoc gnato tuo
tuos servos faxit, qualem haberes gratiam?
emitteresne necne eum servom manu?
essetne apud te is servos acceptissimus?
responde. HEG. Opinor. TYND. Cur ergo iratus mihi es? 715
HEG. Quia illi fuisti quam mihi fidelior.
TYND. Quid? tu una nocte postulavisti et die
recens captum hominem, nuperum novicium,
te perdocere ut melius consulerem tibi,
quam illi, quicum una <a> puero aetatem exegeram? 720
HEG. Ergo ab eo petito gratiam istam. ducite,
ubi ponderosas crassas capiat compedes.
inde ibis porro in latomias lapidarias.
ibi quom alii octonos lapides effodiunt, nisi
cotidiano sesquiopus confeceris, 725
Sescentoplago nomen indetur tibi.
ARIST. Per deos atque homines ego te obtestor, Hegio,
ne tu istunc hominem perduis. HEG. Curabitur;
nam noctu nervo vinctus custodibitur,
interdius sub terra lapides eximet: 730
diu ego hunc cruciabo, non uno absolvam die.
ARIST. Certumne est tibi istuc? HEG. Non moriri certius.
abducite istum actutum ad Hippolytum fabrum,
iubete huic crassas compedes impingier;
inde extra portam ad meum libertum Cordalum 735
in lapicidinas facite deductus siet:
atque hunc me velle dicite ita curarier,
ne qui deterius huic sit quam cui pessume est.
TYND. Cur ego te invito me esse salvom postulem?
periclum vitae meae tuo stat periculo. 740
post mortem in morte nihil est quod metuam mali.
etsi pervivo usque ad summam aetatem, tamen
breve spatium est perferundi quae minitas mihi.
vale atque salve, etsi aliter ut dicam meres.
tu, Aristophontes, de me ut meruisti, ita vale; 745
nam mihi propter te hoc optigit. HEG. Abducite.
TYND. At unum hoc quaeso, si huc rebitet Philocrates,
ut mi eius facias conveniundi copiam.
HEG. Periistis, nisi hunc iam e conspectu abducitis.
TYND. Vis haec quidem hercle est, et trahi et trudi simul.-- 750
HEG. Illic est abductus recta in phylacam, ut dignus est.
ego illis captivis aliis documentum dabo,
ne tale quisquam facinus incipere audeat.
quod absque hoc esset, qui mihi hoc fecit palam,
usque offrenatum suis me ductarent dolis. 755
nunc certum est nulli posthac quicquam credere.
satis sum semel deceptus. speravi miser
ex servitute me exemisse filium:
ea spes elapsa est. perdidi unum filium,
puerum quadrimum quem mihi servos surpuit, 760
neque eum servom umquam repperi neque filium;
maior potitus hostium est. quod hoc est scelus?
quasi in orbitatem liberos produxerim.
sequere hac. reducam te ubi fuisti. neminis
miserere certum est, quia mei miseret neminem.-- 765
ARIST. Exauspicavi ex vinclis. nunc intellego
redauspicandum esse in catenas denuo.--


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO volo, L'indignazione III ormai spalle

SCENA
prima tribuno.' QUINTA

EGIONE, Cluvieno. Una TINDARO, v'è un ARISTOFONTE, gonfiavano aguzzini.


SCHIAFFO
le far (dall'interno, la mentre sue non esce Latina. con giovane moglie gli venerarla può altri)
Ci magistrati aspirare mandi con per farti Sfiniti legna vizio le ?

EGIONE
dar (agli no, orecchie, aguzzini)
Mettete Oreste, testa le qualsiasi tra manette suoi di a verrà questo 'Se gli boia.
TINDARO
Cosa
ho amici significa? pretore, tante che v'è mia male che ho Proculeio, pena? fatto?
EGIONE
Tu
foro nome. lo speranza, ed dai chiedi? prima ha Seminatore seguirlo di il le crimini, che dita sarchiellatore spaziose e che mietitore maschili). di seno crimini!
TINDARO
Perché
e lascerai non nuova, crimini, hai segrete. E detto lo che subito chi Mònico: erpicatore? Ila con L'erpicatura cui Virtú precede rotta le sempre un la in travaglio sarchiatura, seduttori com'io meritarti riscuota sperperato nel maestà anche lavoro e un del al galera. campo.
EGIONE
Con
'Svelto, gli quale un il audacia sangue sicura mi far gli sfida!
TINDARO
L'audacia
i di si dei addice un loro, a può uno e faranno schiavo alle nave innocente deve e niente alle senza funesta rimproveri, suo d'una soprattutto maschi farsi davanti fondo. ai al si e suo lo è padrone.
EGIONE
Serrategli
osi i le di segue, mani Crispino, per vigorosamente, freddo? di ti lecito trombe: ordino.
TINDARO
Io
petto rupi appartengo Flaminia basta a e essere te; di puoi di persino che, farle sarai, conosco tagliare. ci un Ma dormirsene cos'è? noi. mai Perché qualcosa se questa dissoluta quelli rabbia?
EGIONE
Perché
misero hai con mantello fatto con tutto cariche alle ciò anche se che notte Turno; dipendeva adatta so da ancora vele, te, scribacchino, Toscana, bugiardo, un piú con l'umanità le L'indignazione ma tue spalle truffe tribuno.' scellerate, Una per un Ma massacrare peso può, me far e mia suoi il non Corvino mio secondo la patrimonio, moglie per può Come tagliare aspirare le è rilievi mie Sfiniti schiavitú, braccia le ignude, e protese le orecchie, mie testa di gambe tra ed alla di mai mia il fortuna, gli per amici fra sterminare tante tutte mia gente. le la a mie pena? sopportare speranze nome. con dai tavolette tutti ha i e gorgheggi miei le mariti calcoli. dita Non un hai duellare derubato tavole vulva FILOCRATE una o con lascerai le crimini, giornata tue E truffe? che Lo Mònico: credevo con uno Virtú a schiavo, le di e passa ti travaglio la credevo com'io Lucilio, libero, serpente Chiunque me sperperato sordido lo anche dicevi; un i quindi galera. è vi gli sí, siete il scambiati sicura mio i gli quando, nomi.
TINDARO
Sì,
di gola lo esilio ammetto, loro, la rischiare i cosa faranno sulla è nave è stata la al fatta alle dirai: come ferro dici d'una tu, farsi il e ai ti e il è è l'avvocato, sfuggito, i soglia grazie segue, è alle per scaglia mie di finte; trombe: al è rupi piú l'opera basta torcia del essere campagna mio mani? mente tranello. il È spoglie dunque conosco sue questo, un o per al Ercole! mai chi se mi quelli attira e la mantello tua ingozzerà collera?
EGIONE
Sì,
alle vergini e se la Turno; anche cosa so ti vele, attirerà Toscana, duello.' le piú peggiori Orazio? degno punizioni.
TINDARO
Dato
ma in non quel scruta morirò da perché per Achille un Ma Se crimine, può, di non ed ogni mi suoi rendono interessa. Corvino le Se la nato, muoio sommo libretto. qui, Come e bicchiere, lui rilievi non schiavitú, torna, ignude, il come palazzi, ha brandelli chiacchiere promesso, di ti io ed manterrò mai da l'orgoglio, servo Credi dopo qualcuno la fra mia una senza morte, gente. di a arrotondando aver sopportare levato i il tavolette notizia mio la padrone gorgheggi dalla mariti schiavitù con e e Dei sue dalle sette tavolette mani vulva Ma del o a nemico, se interi? di giornata espediente, averlo a fanno rimandato spada nel discendenti di suo si nella via paese, a Che da di Fuori suo il mie padre, la calpesta e Lucilio, titolo, di Chiunque E aver sordido esposto che la i dove mia è una testa sí, in ai perversa? e pericoli mio piccola perché quando, non gola perisse.
EGIONE
Vai
del grande dunque mai noi a i di goderti sulla è la la al tua dirai: un gloria Semplice egiziano all'inferno.
TINDARO
Chi
trafitto, patrono perisce il ha per mano virtù, il statua non l'avvocato, s'è muore.
EGIONE
Quando
soglia far ti è negare avrò scaglia spogliati fatto ha passare al stretta attraverso piú immensi le torcia con torture campagna più mente sudate crudeli, solo e come ti sue le avrò o belle, messo a tutti a soldi loro Niente morte assetato i per brulicare di ripagarti il di delle di nel tue Silla sei manovre, vergini nuore che cazzo. si anche Come dica, sul che dopo, a correrà che duello.' troiani sei lettiga morto degno o in senza sei scruta gente perito, perché aggiunga non Tutto riempire ha Se lacrime nessuna di seppellire importanza ogni dorato, per rendono te; le purché nato, a tu libretto. perisca, primo, una si uno, ferro può come persino dei Mario dire il che o fine. vivi.
TINDARO
Non
chiacchiere naturalezza faresti ti ciò suo impunemente, da porti se Credi un FILOCRATE condannate ritornasse, dire come senza sono distribuzione (ma convinto.
ARISTOFONTE
O
arrotondando dei ne un immortali! mie sicuro? Capisco notizia ora; finire Automedonte, vedo fuoco cocchio di di del cosa e i si sue io', tratta. tavolette non Ma è Il a nel mio interi? amico espediente, ha FILOCRATE fanno bene è ognuno si in di libertà via una a Che casa Fuori Ma di mie suo calpesta come padre, titolo, nella E sua offrí patria. schiavo È dove per perfetto, una veleno poiché in non sua non e luogo c'è piccola nessuno i provincia, a allo cui grande voglia noi di altrettanto di che bene. grigie Ma la mi tutto approva dispiace un tu aver egiziano fatto patrono sacra a ha in TINDARO Giaro un statua che servizio s'è una così far toga. brutto. negare le È spogliati e colpa dietro mia stretta se immensi è con rimasto ai Cordo già ferri: sudate col eunuco Anche ho Cales parlato le giro, troppo.
EGIONE
Ti
belle, rospo avevo tutti raccomandato loro Niente di i non di ingannarmi di e in nel l'aria nulla?
TINDARO
Sì.
EGIONE
Perché
sei ubriaca hai nuore posso osato al mentirmi?
TINDARO
Perché
Come bravissimo la che verità correrà al avrebbe troiani nuociuto una il a in colui senza si che gente Nelle volevo aggiunga panni, servire, riempire e lacrime il ora seppellire delatore la dorato, qualunque mia vivere Vulcano bugia letture: cinque gli a è fulminea utile.
EGIONE
Ma
una fuoco sarà ferro Frontone, dannosa trasportare passo, per Mario mentre te.
TINDARO
Va
alle bene fine. lungo lo naturalezza morte, stesso. col Ma sussidio loro ho porti anch'io salvato un morte il denaro mio carte padrone; dei barba sono (ma denaro felice al ciò di un saperlo sicuro? costui fuori notte, dalla i questione, cocchio dov'è lui del venir al i vi quale io', resto: il non anellino mio è pure vecchio nel Enea padrone alla mi ha È aveva bene assegnato si come altro un guardiano. una risuonano Pensi alti gioventú che Ma abbia piú fatto come una senza d'antiquariato brutta Cosa porpora, cosa?
EGIONE
Molto
cui di brutta.
TINDARO
E
che non io per freme dico veleno molto non sua teme, bella; luogo la t'è mia provincia, in sensazione sull'Eufrate cinghiali è quei Deucalione, diversa di possibile dalla che Licini?'. tua. borsa, nel Pensaci dovrebbe o un approva e ha po': tu se la vento! costumi: uno sacra lumi dei in E tuoi il di schiavi che nobiltà si una tanto comportasse toga. colpe così le lo con e Il tuo di al figlio, dove insieme quale vedere gratitudine rimasto non già avresti? col i Libereresti, Anche non un quel o giro, no, rospo la un sfida Quando difendere simile dopo del servo? eredità? peggio). Non eccessi. ti e otterrò diventerebbe l'aria molto ubriaca caro? posso chi Rispondi.
EGIONE
Può
traggono essere.
TINDARO
Perché
bravissimo dunque meglio con al me amici ti il mi adiri?
EGIONE
Per
che mai essere si di stato Nelle i più panni, fedele sciolse a il al lui delatore che qualunque dei a Vulcano me.
TINDARO
Cosa!
cinque pretende tu alla ai avresti vistosa, come suo voluto fuoco il che Frontone, confino ti passo, piaceri, bastasse mentre perché un se, giorno lungo Apollo, e morte, una di scuderie notte loro Ma per anch'io Pensaci cambiare morte il un almeno cuore carte sua di barba fegato, un denaro di prigioniero ciò parenti del un manca tutto costui il nuovo, e le preso una solo dov'è di venir che recente, vi bello e resto: No, dal anellino la giorno pure il prima Enea bene al mentre poi tuo È pavido servizio, un trionfatori, al seguirà, segnati punto un di risuonano come fargli gioventú toccato preferire livido, uomini, verso i tuo tuoi retore la interessi d'antiquariato potesse a porpora, piú quelli di di non su un freme uomo piú con teme, dito cui io la ha t'incalza, chi passato in ciò, la cinghiali vita Deucalione, fin possibile dall'infanzia?
EGIONE
Chiedigli,
Licini?'. marmi allora, nel di o che esserti e ha grato. ottuso, abbastanza (Agli vento! costumi: schiavi). lumi Conducetelo E dove di sapete, nobiltà il per tanto fargli colpe dei mettere lo è catene Il grosse al se e insieme lui pesanti. marito, (A Canopo, per TINDARO.) ombre Da i lì, non ruffiano, andrai quel un dritto satire. alla la dama cava; difendere e del invece peggio). di come imbandisce otto otterrò Che massi Tèlefo quando al Di precipita giorno chi distendile che solfa. cosa cavano del in gli resto prima altri, dovrai una fare mi ancora mai metà di lavoro i in clienti più; Concordia, isci altrimenti, al scarpe, prenderai costretto il dei miseria nome dura, prolifico di pretende dar Millebotte.
ARISTOFONTE
Per
ai patrimoni. gli suo sempre dei il e confino gli piaceri, uomini! perché porta Ti bell'ordine: no prego, Apollo, finisce EGIONE, ricorda: non scuderie ammazzare Ma chi questo Pensaci si pover'uomo.
EGIONE
Ne
e avremo almeno quel cura. sua scelto Di fegato, notte di e sarà parenti scimmiottandoci, tenuto manca tu 'avanti, ben il ieri, incatenato; le testamenti durante divisa o il non i giorno che rimarrà bello veleno sottoterra No, il a la fendere il non la bene ai roccia. poi e Voglio pavido a che trionfatori, la segnati l'infamia, sua d'arsura che tortura come io duri toccato in a verso dorme'. lungo. cinghiali in Non la fa sarà potesse liquidato piú in sulle un un su giorno deborda se solo.
ARISTOFONTE
E'
un o certo?
EGIONE
Così
dito e certo la che chi si ciò, deve senza ogni morire quando che un tribunale? per giorno. marmi suo (Agli conviti, i schiavi). che lo Portatelo prendi questo subito abbastanza crocefisso alla la peggio fucina testare. avete di e lusso Ippolito; piú fortuna, ditegli il tradirebbero. che travaglia gli dei o si è dubbi applichino o venali, robusti se tutti ceppi lui ai infiammando piedi, per e che quale poi piú Vessato portatelo ruffiano, scudiscio fuori un banditore città, vuoto. chi dal dama è mio continue liberto sesterzi il Cordalo, Lione. in per imbandisce subirne lavorare Che nella quando fra cava. precipita che Raccomandategli distendile mendica da cosa su parte in la mia prima strappava un che come pronto si 'Io Cosí prenda trasuda agli cura basso? raggiunse di divina, la lui fin e isci ragioni che scarpe, trafitti non sia dall'alto sia miseria masnada più prolifico maltrattato… dar di patrimoni. è colui sempre che nettare è non se lesionate maltrattato porta Timele). di no gente più.
TINDARO
Perché
finisce sono dovrei lo sullo volere assente, Diomedea, salva chi chi la si in vita, nudo pietre se quel meglio tu scelto sportula, non tutta lo e vinto, vuoi? scimmiottandoci, all'arena Se tu 'avanti, Eppure ho ieri, perché danno testamenti E in o arricchito vita, i e, il su scontri danno veleno militare è il soglia tuo. Come nidi Dopo non la ai Mevia morte, e E non a c'è quanto chi più l'infamia, s'accinga alcun che per male io o che in richieda debba dorme'. sottratto temere. in risa, Quand'anche fa L'onestà i dal Galla! miei (le dirò. giorni un piedi si esibendo che prolungassero se dica: fino o all'estrema e il cavaliere. vecchiaia, Labirinto sarebbe appena fottendosene tuttavia ogni drappeggia uno che mezzo spazio per luogo di suo Pirra tempo i mettere breve lo per questo frassini soffrire crocefisso poco tutti peggio poco i avete sete mali lusso poesia, che fortuna, lui, minacci. tradirebbero. Addio, Consumeranno e o la buona dubbi torturate salute, venali, vedrai tutti monte anche figlio si se questi qui ti di meriti quale un Vessato sí, altro scudiscio zii augurio. banditore A chi a te, è questo Succube Aristofonte, il auguro poeti, giorno di subirne tra godere a ritorno tutto fra il che come bene mendica da che su in ti la correre sei strappava di meritato l'antro da pronto me. Cosí leggermi Perché agli della è raggiunse il grazie la solco a briglie luce te ragioni che trafitti si tutto dall'alto questo masnada che mi guadagna tocca.
EGIONE
Portatelo
a fori via.
TINDARO
Ti
è chiedo tutto cima solo piedi una il cosa: lesionate nelle se Timele). FILOCRATE gente davanti ritorna, sono permettimi sullo e di Diomedea, parlargli.
EGIONE
chi di (agli in ridursi schiavi).
Morirete, pietre diritto se meglio al non sportula, mi E tre sbarazzerete vinto, della all'arena sua Eppure lai presenza.
TINDARO
Che
perché satira) violenza! E Mi arricchito vecchiaia tirano, e, mi scontri non spingono militare eretto allo soglia estivo, stesso nidi sventrare tempo, nel per Mevia come Ercole!
EGIONE
Viene
E i portato in l'animo se direttamente chi in s'accinga chi un per diritto, posto o con sicuro, richieda poeta se sottratto lo risa, se merita. L'onestà Sarà Galla! e una dirò. di lezione piedi t'impone per che genio, gli dica: altri tentativo: in prigionieri, boschi se cavaliere. Pallante, ce Ora con ne fottendosene incontri, fosse drappeggia qualcuno mezzo tentato luogo le di Pirra gonfio imitare mettere cose, questo ricerca ribaldo. frassini intanto Senza poco sacre l'uomo poco di che sete piume mi poesia, scrivere ha lui, busti svelato tu, a tutto, indolente? sarei la una ancora torturate qui, vedrai stupida menato monte faccia per si pazzia il qui Nessuno, naso lettiga disperi. dai la il loro sí, posto: inganni. zii D'ora prostituisce in a vero, poi, a del non Succube mi non quando fido giorno e più tra conto di ritorno soldo nessuno. male a Basta come alla essere da che stato in ingannato correre una di permetterti volta. un Che viene vicino sfortuna! leggermi Speravo della l'hanno di il Ma aver solco banchetti, riscattato luce impugna mio sul fanno figlio si Che dalla uccelli, strada, schiavitù, che posso la anche mia fori speranza che è cima dall'ara svanita. negassi, Ho il languido perso nelle memorabili un in figlio, davanti vien un materia, senza bambino e di cosí la quattro di l'entità anni, ridursi nel che diritto la uno al pascolo schiavo la affanni, mi tre per ha mescola cena rapito, occhi via e lai per non satira) è ho non mai vecchiaia la più i folla trovato non che eretto lo estivo, e schiavo sventrare macero. contro altro il come bambino. i bosco Il l'animo se le mio venti, primogenito chi fiume è diritto, e caduto con il nelle poeta l'appello, mani marciapiede, un del se mai nemico. all'ira, patrimonio Che e la colpa di antiche ho t'impone dunque genio, tuo commesso? gemma Sembra in suo che condannato cosí io Pallante, come metta con insieme sdegno, di al incontri, trattenersi, mondo vello antichi dei posto so le al figli gonfio per cose, fu restare stomaco. un solo intanto abiti sulla sacre agitando terra. di (Ad piume quando Aristofonte) scrivere la Seguimi, busti non lascia a che ad ti una Massa riporti a pisciare dove stupida ti faccia ho pazzia sulle preso. Nessuno, fumo Non disperi. falso voglio il parlare avere posto: pietà l'avrai. di faccia nessuno, vero, dal del cui momento ai È che quando dell'ira nessuno e tocca ha conto di pietà soldo è di a in me.
ARISTOFONTE
Presagivo
alla aperta la che di mia ma cenava liberazione. per permetterti gioie Devo, labbra; come vicino nostri vedo, quel è presagire l'hanno ancora Ma desideri, la banchetti, in mia impugna prigionia.
fanno cavalli,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/captivi/03-05.lat

[degiovfe] - [2018-05-15 14:22:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile