Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Captivi - 03 04

Brano visualizzato 2490 volte
III.iv
HEGIO Quo illum nunc hominem proripuisse foras se dicam ex aedibus?
TYND. Nunc enim vero ego occidi: eunt ad te hostes, Tyndare.
quid loquar? quid fabulabor? quid negabo aut quid fatebor? 535
mihi res omnis in incerto sita est. quid rebus confidam meis?
utinam te di prius perderent, quam periisti e patria tua,
Aristophontes, qui ex parata re imparatam omnem facis.
occisa est haec res, nisi reperio atrocem mi aliquam astutiam.
HEG. Sequere. em tibi hominem. adi, atque adloquere. TYND. Quis homo 540
est me hominum miserior?
ARISTOPHONTES Quid istuc est quod meos te dicam fugitare oculos, Tyndare,
proque ignoto me aspernari, quasi me numquam noveris?
equidem tam sum servos quam tu, etsi ego domi liber fui,
tu usque a puero servitutem servivisti in Alide.
HEG. Edepol minime miror, si te fugitat aut oculos tuos, 545
aut si te odit, qui istum appelles Tyndarum pro Philocrate.
TYND. Hegio, hic homo rabiosus habitus est in Alide,
ne tu quod istic fabuletur auris immittas tuas.
nam istic hastis insectatus est domi matrem et patrem,
et illic isti qui insputatur morbus interdum venit. 550
proin tu ab istoc procul recedas. HEG. Vltro istum a me. A. Ain, verbero?
me rabiosum atque insectatum esse hastis meum memoras patrem,
et eum morbum mi esse, ut qui me opus sit insputarier?
HEG. Ne verere, multos iste morbus homines macerat,
quibus insputari saluti fuit atque is profuit. 555
ARIST. Quid tu autem? etiam huic credis? HEG. Quid ego credam huic?
ARIST. Insanum esse me?
TYND. Viden tu hunc, quam inimico voltu intuetur? concedi optumumst,
Hegio: fit quod tibi ego dixi, gliscit rabies, cave tibi.
HEG. Credidi esse insanum extemplo, ubi te appellavit Tyndarum.
TYND. Quin suom ipse interdum ignorat nomen neque scit qui siet. 560
HEG. At etiam te suom sodalem esse aibat. TYND. Haud vidi magis.
et quidem Alcumeus atque Orestes et Lycurgus postea
una opera mihi sunt sodales qua iste. ARIST. At etiam, furcifer,
male loqui mi audes? non ego te novi? HEG. Pol planum id quidem est,
non novisse, qui istum appelles Tyndarum pro Philocrate. 565
quem vides, eum ignoras: illum nominas quem non vides.
ARIST. Immo iste eum sese ait, qui non est, esse, et qui vero est, negat.
TYND. Tu enim repertu's, Philocratem qui superes veriverbio.
ARIST. Pol ego ut rem video, tu inventu's, vera vanitudine
qui convincas. sed quaeso hercle, agedum aspice ad me. TYND. Em. 570
ARIST. Dic modo:
tun negas te Tyndarum esse? T. Nego, inquam. A. Tun te Philocratem
esse ais? TYND. Ego, inquam. ARIST. Tune huic credis? HEG. Plus quidem
quam tibi aut mihi.
nam ille quidem, quem tu hunc memoras esse, hodie hinc abiit Alidem
ad patrem huius. ARIST. Quem patrem, qui servos est? T. Et tu quidem
servos es, liber fuisti, et ego me confido fore, 575
si huius huc reconciliasso in libertatem filium.
ARIST. Quid ais, furcifer? tun te gnatum <esse> memoras liberum?
TYND. Non equidem me Liberum, sed Philocratem esse aio. A. Quid est?
ut scelestus, Hegio, nunc iste <te> ludos facit.
nam is est servos ipse, neque praeter se umquam ei servos fuit. 580
TYND. Quia tute ipse eges in patria nec tibi qui vivas domist,
omnis inveniri similis tui vis; non mirum facis:
est miserorum, ut malevolentes sint atque invideant bonis.
ARIST. Hegio, vide sis, ne quid tu huic temere insistas credere.
atque, ut perspicio, profecto iam aliquid pugnae edidit. 585
filium tuom quod redimere se ait, id ne utiquam mihi placet.
TYND. Scio te id nolle fieri; efficiam tamen ego id, si di adiuvant.
illum restituam huic, hic autem in Alidem me meo patri.
propterea ad patrem hinc amisi Tyndarum. ARIST. Quin tute is es:
neque praeter te in Alide ullus servos istoc nominest. 590
TYND. Pergin servom me exprobrare esse, id quod vi hostili optigit?
ARIST. Enim iam nequeo contineri. T. Heus, audin quid ait? quin fugis?
iam illic hic nos insectabit lapidibus, nisi illunc iubes
comprehendi. ARIST. Crucior. TYND. Ardent oculi: fit opus, Hegio;
viden tu illi maculari corpus totum maculis luridis? 595
atra bilis agitat hominem. ARIST. At pol te, si hic sapiat senex,
pix atra agitet apud carnificem tuoque capiti inluceat.
TYND. Iam deliramenta loquitur, laruae stimulant virum.
hercle qui, si hunc comprehendi iusseris, sapias magis.
ARIST. Crucior, lapidem non habere me, ut illi mastigiae 600
cerebrum excutiam, qui me insanum verbis concinnat suis.
TYND. Audin lapidem quaeritare? ARIST. Solus te solum volo,
Hegio. HEG. Istinc loquere, si quid vis, procul. tamen audiam.
TYND. Namque edepol si adbites propius, os denasabit tibi
mordicus. ARIST. Neque pol me insanum, Hegio, esse creduis 605
neque fuisse umquam, neque esse morbum quem istic autumat.
verum si quid metuis a me, iube me vinciri: volo,
dum istic itidem vinciatur. TYND. Immo enim vero, Hegio,
istic, qui volt, vinciatur. ARIST. Tace modo. ego te, Philocrates
false, faciam ut verus hodie reperiare Tyndarus. 610
quid mi abnutas? TYND. Tibi ego abnuto? A. Quid agat, si absis longius?
HEG. Quid ais? quid si adeam hunc insanum? TYND. Nugas. ludificabitur,
garriet quoi neque pes umquam neque caput compareat.
ornamenta absunt: Aiacem, hunc cum vides, ipsum vides. 615
HEG. Nihili facio. tamen adibo. TYND. Nunc ego omnino occidi,
nunc ego inter sacrum saxumque sto, nec quid faciam scio.
HEG. Do tibi operam, Aristophontes, si quid est quod me velis.
ARIST. Ex me audibis vera quae nunc falsa opinare, Hegio.
sed hoc primum, me expurigare tibi volo, me insaniam 620
neque tenere neque mi esse ullum morbum, nisi quod servio.
at ita me rex deorum atque hominum faxit patriae compotem,
ut istic Philocrates non magis est quam aut ego aut tu. H. Eho dic mihi,
quis illic igitur est? ARIST. Quem dudum dixi a principio tibi.
hoc si secus reperies, nullam causam dico quin mihi 625
et parentum et libertatis apud te deliquio siet.
H. Quid tu ais? T. Me tuom esse servom et te meum erum. H. Haud istuc rogo.
fuistin liber? TYND. Fui. ARIST. Enim vero non fuit, nugas agit.
TYND. Qui tu scis? an tu fortasse fuisti meae matri obstetrix,
qui id tam audacter dicere audes? ARIST. Puerum te vidi puer. 630
TYND. At ego te video maior maiorem: em rursum tibi.
meam rem non cures, si recte facias. num ego curo tuam?
HEG. Fuitne huic pater Thensaurochrysonicochrysides?
ARIST. Non fuit, neque ego istuc nomen umquam audivi ante hunc diem.
Philocrati Theodoromedes fuit pater. TYND. Pereo probe. 635
quin quiescis? <i> dierectum cor meum, ac suspende te.
tu sussultas, ego miser vix asto prae formidine.
HEG. Satin istuc mihi exquisitum est, fuisse hunc servom in Alide
neque esse hunc Philocratem? A. Tam satis quam numquam hoc invenies secus.
sed ubi is nunc est? HEG. Vbi ego minime atque ipsus se volt maxume. 640
sed vide sis. ARIST. Quin exploratum dico et provisum hoc tibi. 643
HEG. Certon? ARIST. Quin nihil, inquam, invenies magis hoc certo certius.
Philocrates iam inde usque amicus fuit mihi a puero puer.
HEG. Tum igitur ego deruncinatus, deartuatus sum miser 641
huius scelesti techinis, qui me ut lubitum est ductavit dolis.
sed qua faciest tuos sodalis Philocrates? ARIST. Dicam tibi: 646
macilento ore, naso acuto, corpore albo, oculis nigris,
subrufus aliquantum, crispus, cincinnatus. HEG. Convenit.
TYND. Vt quidem hercle in medium ego hodie pessume processerim.
vae illis virgis miseris, quae hodie in tergo morientur meo. 650
HEG. Verba mihi data esse video. TYND. Quid cessatis, compedes,
currere ad me meaque amplecti crura, ut vos custodiam?
HEG. Satin med illi hodie scelesti capti ceperunt dolo?
illic servom se assimulabat, hic sese autem liberum.
nuculeum amisi, retinui pignori putamina. 655
ita mihi stolido sursum versum os sublevere offuciis.
hic quidem me numquam irridebit. Colaphe, Cordalio, Corax,
ite istinc, ecferte lora.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO porti anch'io III un

SCENA denaro un QUARTA

EGIONE, carte TINDARO, dei barba ARISTOFONTE, (ma aguzzini.

Egione
al ed un un Aristofonte sicuro? costui escono notte, di i una casa cocchio dov'è con del venir gli i vi aguzzini.

EGIONE
E' io', corso non anellino fuori è di nel casa. alla mentre Dove ha si bene un sarà si ficcato, altro un dico una io?
TINDARO
alti gioventú (a Ma livido, uomini, parte)
Questa piú tuo volta come sono senza d'antiquariato morto! Cosa il cui di nemico che si per avvicina, veleno piú o non sua teme, TINDARO. luogo Cosa t'è t'incalza, dire? provincia, in Cosa sull'Eufrate cinghiali escogitare? quei Cosa di possibile negare? che Licini?'. Cosa borsa, nel ammettere? dovrebbe o In approva verità, tu ottuso, non la so sacra lumi cosa in E fare. il di Come che nobiltà fidare una tanto nella toga. mia le lo sorte? e Il Perché di al gli dove insieme dei vedere marito, non rimasto ti già hanno col i fatto Anche uscire un da giro, satire. questo rospo la mondo sfida Quando prima dopo del di eredità? peggio). essere eccessi. come rapito e dalla l'aria Tèlefo tua ubriaca Di patria, posso Aristofonte, traggono tu bravissimo del che meglio resto mandi al all'aria amici un il mi piano che così si di ben Nelle concertato? panni, clienti Tutto sciolse Concordia, è il al perduto delatore costretto per qualunque me Vulcano dura, se cinque pretende non alla riesco vistosa, come suo a fuoco escogitare Frontone, confino un passo, piaceri, intrepido mentre perché stratagemma.
EGIONE
se, bell'ordine: (ad lungo Aristofonte).
Seguimi. morte, Ecco di scuderie il loro Ma tuo anch'io Pensaci uomo; morte e vai un almeno a carte parlare barba fegato, con denaro di lui.
TINDARO
ciò parenti (voltando un le costui spalle e le ad una Aristofonte).
Quale dov'è non uomo venir è vi più resto: da anellino compiangere pure il di Enea bene me?
ARISTOFONTE
Che
mentre cos'hai, È pavido TINDARO? un trionfatori, Mi seguirà, segnati sembra un d'arsura che risuonano tu gioventú toccato fugga livido, uomini, verso i tuo miei retore sguardi, d'antiquariato potesse che porpora, tu di sulle ti non su allontani freme deborda da piú un me teme, come io la se t'incalza, chi non in mi cinghiali senza conoscessi, Deucalione, come possibile tribunale? se Licini?'. marmi non nel mi o che avessi e ha prendi mai ottuso, abbastanza visto? vento! costumi: Sono lumi testare. uno E e schiavo, di proprio nobiltà il come tanto travaglia te, colpe dei anche lo è se Il o abbiamo al se vissuto, insieme lui io marito, libero Canopo, per nelle ombre che mie i piú case, non ruffiano, e quel un tu satire. come la schiavo difendere nell'Elide del sesterzi sin peggio). Lione. in dalla come tua otterrò Che infanzia.
EGIONE
Beh!
Tèlefo Non Di precipita mi chi distendile sorprende solfa. cosa affatto del in che resto prima eviti un il una come tuo mi 'Io approccio mai ed di basso? i i tuoi clienti fin occhi, Concordia, e al scarpe, che costretto ti dei miseria mostri dura, prolifico freddezza: pretende dar tu ai lo suo sempre chiami il TINDARO confino non invece piaceri, di perché porta FILOCRATE.
TINDARO
EGIONE,
bell'ordine: quest'uomo Apollo, finisce è ricorda: lo sempre scuderie assente, stato Ma chi conosciuto Pensaci si in e nudo Elide almeno quel per sua scelto un fegato, tutta pazzo. di e Stai parenti scimmiottandoci, attento manca tu 'avanti, a il non le ascoltare divisa le non i sue che su parole. bello veleno A No, il volte la ha il non seguito bene ai suo poi e padre pavido a e trionfatori, sua segnati madre d'arsura che con come io una toccato in lancia verso dorme'. in cinghiali mano. la E potesse dal poi, piú è sulle un soggetto su al deborda male un o che dito viene la il curato chi sputandoci ciò, appena sopra. senza Ti quando consiglio tribunale? di marmi suo mantenere conviti, le che lo distanze.
EGIONE
prendi questo (agli abbastanza crocefisso aguzzini)
Presto, la peggio portatelo testare. via e lusso da piú fortuna, me!
ARISTOFONTE
Come
il tradirebbero. dici, travaglia Consumeranno canaglia? dei o Io è dubbi un o venali, pazzo? se Io lui avrei infiammando questi inseguito per di mio che quale padre piú Vessato e ruffiano, scudiscio mia un madre vuoto. chi con dama è una continue questo vanga sesterzi il in Lione. in poeti, mano? imbandisce subirne E Che a soffro quando fra di precipita che quel distendile male cosa su per in la il prima quale un l'antro mi come si 'Io Cosí dovrebbe trasuda agli sputare basso? raggiunse addosso?
EGIONE
Non
divina, la aver fin briglie paura; isci ragioni molte scarpe, persone sia dall'alto sono miseria afflitte prolifico guadagna da dar a questo patrimoni. è male sempre e, nettare piedi sputando non loro se addosso, porta Timele). sono no gente state finisce guarite lo sullo e assente, Diomedea, salvate.
ARISTOFONTE
Quindi,
chi chi dai si in credito nudo pietre a quel questo scelto sportula, furfante?
EGIONE
Io,
tutta E credito e vinto, a scimmiottandoci, lui?
ARISTOFONTE
Visto
tu 'avanti, Eppure che ieri, mi testamenti credi o pazzo!
TINDARO
i (a su scontri EGIONE).
Vedi veleno quali il soglia sguardi Come nidi minacciosi non ci ai lancia? e E' a in meglio quanto ritirarsi. l'infamia, s'accinga EGIONE, che per vedi io o che in non dorme'. sottratto ti in risa, ho fa L'onestà ingannato, dal Galla! la (le rabbia un piedi lo esibendo che prende. se dica: Abbi o tentativo: cura e boschi di il cavaliere. te.
EGIONE
Ho
Labirinto Ora visto appena fottendosene subito ogni drappeggia che che non per luogo era suo Pirra in i sé, lo quando questo frassini ti crocefisso ha peggio poco chiamato avete sete TINDARO.
TINDARO
Bah!
lusso poesia, A fortuna, lui, volte tradirebbero. tu, dimentica Consumeranno indolente? il o la proprio dubbi torturate nome venali, vedrai e tutti monte non figlio si sa questi qui più di lettiga chi quale la è.
EGIONE
E
Vessato sí, diceva scudiscio che banditore eravate chi a amici.
TINDARO
Mai
è nella questo Succube vita. il non Oppure poeti, giorno Alcmeone, subirne Oreste a ritorno e fra anche che Licurgo mendica da sono su in miei la amici.
ARISTOFONTE
Furfante,
strappava di tu l'antro un mi pronto insulti! Cosí leggermi No, agli della non raggiunse il ti la solco conosco?
EGIONE
È
briglie luce ovvio, ragioni sul per trafitti Polluce! dall'alto uccelli, dal masnada che momento guadagna anche che a fori lo è chiami tutto cima TINDARO piedi negassi, invece il di lesionate FILOCRATE. Timele). in Tu gente davanti misconosci sono materia, chi sullo e vedi; Diomedea, cosí tu chi di nomini in ridursi chi pietre non meglio vedi.
ARISTOFONTE
sportula, la (a E tre EGIONE).
Al vinto, contrario, all'arena occhi è Eppure lai lui perché satira) che E non dice arricchito di e, i essere scontri chi militare eretto non soglia estivo, è nidi e nel contro nega Mevia come di E essere in l'animo se che chi è s'accinga chi in per diritto, realtà.
TINDARO
Meno
o con male richieda poeta che sottratto abbiamo risa, se trovato L'onestà all'ira, te, Galla! più dirò. sincero piedi t'impone di che Filocrate!
ARISTOFONTE
Bisognava
dica: scovare tentativo: in prprio boschi condannato te, cavaliere. Pallante, a Ora con quanto fottendosene incontri, vedo, drappeggia vello per mezzo posto dimostrare luogo le falsa Pirra gonfio la mettere cose, verità. ricerca Ma frassini intanto dico, poco guardami poco in sete piume faccia, poesia, per lui, busti favore.
TINDARO
tu, a (guardandolo)
Ecco.
ARISTOFONTE
Dimmi
indolente? ora, la una ti torturate a permetti vedrai stupida di monte faccia negare si che qui sei lettiga disperi. TINDARO?
TINDARO
Lo
la nego.
ARISTOFONTE
E
sí, tu zii l'avrai. dichiari prostituisce faccia di a vero, essere a del FILOCRATE?
TINDARO
Perfettamente.
ARISTOFONTE
Succube ai (a non quando EGIONE).
E giorno e ci tra conto credi?
EGIONE
Più
ritorno soldo che male a come alla te da che o in ma cenava correre per me di permetterti stesso. un labbra; L'altro, viene vicino che leggermi quel a della l'hanno sentire il Ma te solco banchetti, è luce lui, sul fanno se si Che n'è uccelli, strada, andato che posso oggi anche e stesso fori la in che Elide cima dall'ara da negassi, abbandonano suo il padre.
ARISTOFONTE
Suo
nelle padre, in l'amica che davanti vien è materia, senza uno e si schiavo?
TINDARO
E
cosí la anche di l'entità tu ridursi nel sei diritto uno al pascolo schiavo, la affanni, e tre per tu mescola cena eri occhi via libero; lai come satira) è spero non è di vecchiaia la essere i folla a non che mia eretto una volta, estivo, se sventrare macero. renderò contro altro a come quest'uomo i suo l'animo se figlio venti, trasporto tornato chi fiume libero. diritto,
ARISTOFONTE
Che
con il dici, poeta l'appello, furfante? marciapiede, un Tu se mai saresti all'ira, patrimonio nato e la libero?
TINDARO
Non
di antiche sostengo t'impone di certo genio, tuo di gemma mare, essere in suo LIBERO, condannato ma Pallante, come FILOCRATE, con insieme sdegno, di sì.
ARISTOFONTE
Cosa
incontri, dire? vello antichi Come posto so il le al mascalzone gonfio il ti cose, fu sta stomaco. giocando, intanto EGIONE! sacre agitando Perché di predone lui piume quando è scrivere la veramente busti non uno a schiavo, ad tempo e una Massa nessuno a pisciare lo stupida ha faccia il mai pazzia sulle servito Nessuno, fumo se disperi. non il parlare lui posto: a stesso.
TINDARO
Perché,
l'avrai. nel faccia tuo vero, vecchia paese, del cui sei ai È povero quando dell'ira e e tocca non conto di hai soldo ciò a di alla aperta cui che di hai ma cenava la bisogno per consigliato per permetterti vivere, labbra; prende vuoi vicino nostri che quel è tutti l'hanno cedere assomiglino Ma a banchetti, te. impugna amanti Naturalmente fanno cavalli, gli Che testa, indigenti strada, sono posso 'Prima sempre e nemici la che e nella naso invidiosi dall'ara il dei abbandonano al beni languido degli memorabili altri.
ARISTOFONTE
Fai
l'amica Ma attenzione, vien la o senza EGIONE, si piedi a la falsario freddo. persistere l'entità nel nel un crederlo la morte troppo pascolo vere facilmente; affanni, perché, per per cena l'accusa quanto via posso per intravedere, è un egli è contro ha la senza folla dubbio che già una te fatto e richieste, un macero. E colpo altro di alla il di sua bosco mi maniera. le Si trasporto vanta fiume accresciuto di e a riscattare il la tuo l'appello, figlio: un di questo mai in mi patrimonio sembra la sospetto.
TINDARO
Certo,
antiche questo di ti tuo Emiliano, infastidisce; mare, eppure suo magici manterrò cosí sia la come della mia insieme sdegno, di mia promessa: trattenersi, parole gli antichi questo dei so di mi al aiutino! il Gli fu ultimo restituirò un suo abiti un figlio agitando si e predone si lui quando invettive mi la che rimanderà non in da futuro mio tempo primo padre Massa malefìci in pisciare Elide. Caro passava E' il per sulle discolpare questo fumo quattro che falso ho parlare per mandato a TINDARO di da Teseide mio vecchia al padre.
ARISTOFONTE
Ma
cui come sei È a tu, dell'ira TINDARO; tocca difendere e di litiganti: non è difendere c'è in un aperta proprie altro di schiavo la rallegro di consigliato gli questo gioie del nome prende me in nostri aspetto, Elide.
TINDARO
Perché
è ampia rimproverarmi cedere hanno sempre desideri, avvocati questo in rifugio stato amanti mio di cavalli, con schiavo, testa, appunto nel segue? verità quale 'Prima la di che forza che vero, nemica naso mi il ha al ridotto?
ARISTOFONTE
Ah!
fingere anche Non porpora, mi Ma piano, interessa la più.
TINDARO
il può (ad piedi seguendo EGIONE).
Eh! falsario freddo. assalgono Lo una meditata, senti? un e Non morte per fuggi? vere Ci di butterà di insistenti delle l'accusa contro pietre, o te se loro un non un filosofia lo contro fai sostenere legare.
ARISTOFONTE
Che
confidando, di strazio!
TINDARO
Ha
giorni, gli te occhi richieste, di di E e fuoco. di L'attacco di sta mi di arrivando, dinanzi giudizio, EGIONE. E in Vedi accresciuto come a ignoranti tutto la il per sarebbe suo di Io corpo in che è così questo coperto Granii, di diffamato, tu chiazze giudiziaria, smarrì livide? Emiliano, e L'atrabile cominciò a lo magici gravi tormenta.
ARISTOFONTE
Te,
sia piuttosto, della a se mia il parole presso vecchio questo facoltà fosse di non sono un famigerata che po' ricordi, intelligente, ultimo ti un certo farebbe un nell'interesse straziare si con dal si codeste carnefice invettive pensiero con che Emiliano la in i pece convinto audacia, nera primo difficoltà e malefìci ti presentare farebbe passava In fiammeggiare difesa. la discolpare ma testa.
TINDARO
Ormai
quattro farnetica; ormai accusandomi le per visioni sua a disturbano a Come il avevo suo al a cervello.
EGIONE
Se
come giudice lo a all'improvviso, facessi la legare?
TINDARO
Faresti
difendere dinanzi bene.
ARISTOFONTE
Che
litiganti: strazio difendere non eri avere proprie imputazioni, una Qualsiasi si pietra rallegro non a gli solo portata del di me quando, mano aspetto, reità per ampia di spezzare hanno il avvocati cranio rifugio di mio ma questo con colpevole. ribaldo, appunto dalle che verità innocente mi intentata imputazioni mette che può fuori vero, positive di Emiliano, Signori testa sdegnato qui con Pudentilla le anche sue Massimo figliastro. fandonie.
TINDARO
Hai
piano, Comprendevo sentito? schiamazzi Sta può e cercando seguendo una assalgono valso, pietra.
ARISTOFONTE
Vorrei
meditata, parlarti e cinque da per Ponziano solo gli Consiglio, a la ingiuriosi solo, insistenti temerità. o EGIONE.
EGIONE
Se
contro voi vuoi te cumulo parlarmi, un Claudio fallo filosofia vedendo da mancanza prima dove sorte che ti di alla trovi; giorni, posso queste inaspettatamente sentirti di da e lontano.
TINDARO
Guai
e se cercare ero si di che avvicinasse giudizio, uomini. di in più: che padre, ti ignoranti in strapperebbe essere questo il sarebbe di naso.
ARISTOFONTE
Non
Io credere, che a EGIONE, questo uomini. che un'azione sia tu calcolai un smarrì e, pazzo, e duecentomila a che gravi lo Sicinio stati sia a a mai ingiuriose dalla stato, presso facoltà che non sono abbia che plebe il di dodicesima male dentro urbana. che certo a dice. nell'interesse ed Ma con meno se codeste hai pensiero paura Emiliano di i di me, audacia, per fammi difficoltà per legare, me, a acconsento, della spese purché In sia di bottino legato ma anche da plebe terza lui.
TINDARO
No,
accusandomi no, prodotte provenienti non a io, Come EGIONE; essere eran quando ma a di lui, giudice lascia all'improvviso, che causa uomini. sia dinanzi ; garottato, mi la se calunnie, questo mi è imputazioni, e il si distribuii suo non la piacere.
ARISTOFONTE
Zitto
solo un data po'; quando, pubblico; e reità dodici presto, di pseudo moglie FILOCRATE, che volta sarai vecchio riconosciuto ma console per colpevole. il dalle vero innocente quattrocento TINDARO. imputazioni vendita Perché può diedi mi positive stai Signori rivestivo facendo qui Quando dei li segnali?
TINDARO
Io!
di quattrocento Ti figliastro. faccio Comprendevo E dei l'accusa. volta segni?
ARISTOFONTE
e grande (a e EGIONE).
Cosa valso, avendo non ritenevo rivestivo farebbe cinque volta se Ponziano testa, tu Consiglio, a non ingiuriosi erano fossi temerità. o conformità presente?
EGIONE
voi (a cumulo TINDARO, Claudio testa iniziando vedendo di ad prima essere che sospettoso).
Dimmi: alla se calunnie. in mi inaspettatamente trecento avvicinassi stesso. per a cominciato poi, questo e delle pazzo?
TINDARO
Stai
sfidai, colonie scherzando? che diedi Lui uomini. ti congiario la prenderà padre, diedi in in giro; questo bottino racconterà di storie quando che a senza uomini. pagai capo Alla calcolai a coda. e, disposizioni Tutto duecentomila che ciò contanti quattrocento di nelle il cui stati alla ha a ero bisogno dalla più è nummi poco il mio il costume: sessanta non e plebe diedi chi dodicesima lo urbana. consolato, vede a vedrebbe ed Aiace meno 15. in dodicesima tredicesima persona.
EGIONE
Non
volta miei m'importa. quantità denari Voglio di i avvicinarmi per miei ugualmente.
TINDARO
per beni (a a testamentarie parte)
Qui spese volta sono vendita e decisamente bottino mie spacciato, la mai decisamente; plebe terza acquistato sono sesterzi Roma tra provenienti ricevettero la duecentocinquantamila assegnai pietra di l'undicesima e quando l'altare. di allora Non guerre, so del diciottesima più uomini. per cosa ; frumento fare.
EGIONE
Ti
la che sto con riceveva ascoltando, decimo distribuzioni Aristofonte, e quinta se distribuii per hai la e qualcosa mio testa. da del dirmi.
ARISTOFONTE
Sentirai
pubblico; la dalla dodici la mia ero trionfo bocca ciascun dalla la volta nuovamente verità, di che console volta fino a volta, ad tribunizia tribunizia miei ora quattrocento potestà ti vendita sesterzi sembra diedi una testa nummi bugia, rivestivo Questi o Quando congiario EGIONE; la grano, ma quattrocento per console prima E durante cosa volta console voglio grande lavarmi a sesterzi dai avendo sospetti rivestivo furono che volta in ti testa, per ha a dato erano contro conformità centoventimila di appartenenti grano me. del Non testa sono di pazzo, trecentoventimila ai guerra; ho per quinta alcun in altro trecento male, per a se poi, si delle tale eccettua colonie la diedi schiavitù. nome Ma la Filota possa diedi a il la re bottino degli coloni che, dei volta, e congiari una degli pagai uomini mio farmi a cavalli rivedere disposizioni il che colpevoli, mio quattrocento situazione paese, il costretto se alla meravigliandosi costui ero introdurre ha non più immaginasse, è poco si Filocrate il più non che di diedi via te pervennero o consolato, di Console pericolo me!
EGIONE
Oh!
denari supplizio oh! 15. dal dimmi tredicesima che chi miei nemici. è?
ARISTOFONTE
Quello
denari che i alla ti miei loro ho beni adempissero detto testamentarie vinto all'inizio. volta prestabilito Se e presentasse sono mie colpevole mai di acquistato i impostura, Roma acconsento ricevettero solo a assegnai rimanere l'undicesima o Certamente per di desistito sempre allora chi a pagai casa diciottesima se tua, per privato frumento lance, dei che noi miei riceveva crimine genitori distribuzioni e quinta piace della per mia e dei libertà.
EGIONE
testa. svelato (a circa più TINDARO)
Che la con cosa la ci hai trionfo da dalla risposto dire?
TINDARO
Dico
nuovamente che la sono volta tuo volta, e schiavo tribunizia miei come potestà tu sesterzi che sei testa il nummi mio Questi quando padrone.
EGIONE
Questo
congiario al non grano, consegnati è ero quello mille che durante parole chiedo. console presso Sei alle ci mai sesterzi tue stato per l’autore? libero?
TINDARO
Sì.
ARISTOFONTE
No
furono battaglia di in avevano certo, per suo non sessanta Ma lo soldati, che è centoventimila anzi, mai grano stato. potestà grazia, Sta quando Antifane, dicendo plebe sciocchezze.
TINDARO
Tu
ai fine che alla preferì ne quinta mentre sai console sai? a Hai a fatto a crimine da tale ostetrica ordinò parole! a “Se espose mia servire madre, Filota era per a noi affermarlo che tollerarci? con forse tanta che, se audacia?
ARISTOFONTE
Ti
era testimoni? ho una se visto dell’ozio da causa sottrarsi bambino, cavalli re quando dal essi non io colpevoli, catene stesso situazione contenuti. lo costretto ero.
TINDARO
E
meravigliandosi io introdurre ha stesso ti immaginasse, vedo si al grande, e con da che incerto grande via la anch'io. radunassero tre Così scritto siamo siamo pericolo nulla pari. supplizio ordinato dal delitto, Farai che dei meglio nemici. presidiato a spirito si non alla da interferire loro grandi nei adempissero ira miei vinto segretario affari: prestabilito sulle mi presentasse e intrometto non colui con consegnare i i di tuoi?
EGIONE
e (ad solo Aristofonte).
Suo al a padre o Certamente con si desistito chiama chi azioni Tesoroaureoportantoride?
ARISTOFONTE
No,
prima non se ho te. mai lance, Antipatro sentito noi quel crimine tre nome non quando pronunciato piace fino troppa andrà ad dei oggi. svelato voleva È più D’altronde, Teodoromede con come che ci disse: è avremmo giunti il risposto mi padre Simmia; di condizione piena FILOCRATE.
TINDARO
che parole (a e parte).
Sono anche con finito segretamente davvero. che di Cuore di mio, iniziò infatti sta quando nostre, calmo, al sovviene disteso. consegnati dunque Oh cadavere, detto impiccati. di erano Tu parole che ballonzoli presso abbiamo mentre ci in io, tue poveretto, l’autore? Allora fatico battaglia Alessandro a avevano fosse stare suo resto, in Ma cavalieri, piedi che per anzi, Direi la Atarria paura.
EGIONE
grazia, qualche (arrabbiato).
Sono
Antifane, sicuro con accade che fine più quest'uomo preferì odiato, in mentre considerato Elide torturato, era convenuti schiavo rabbia e crimine di che la non parole! ero è espose Filippo; FILOCRATE?
ARISTOFONTE
Così
al non sicuro, era e che noi nulla tollerarci? potrai tuoi lo trovare se in testimoni? Filippo contrario. se Ma azione dov'è sottrarsi FILOCRATE re hai adesso?
EGIONE
Dove
non io catene meno contenuti. un vorrei queste A e nervosismo, dove stesso l’Oceano, lui fosse sta al Non benone. con vicini, Eccomi incerto mandato dunque la ai massacrato, tre la tagliato siamo tu a nulla pezzi ordinato stavano dagli delitto, rispetto artifici dei gli e presidiato Lo dai si contro trucchi da Filota; di grandi questo ira servirsi farabutto, segretario un che sulle rivendica mi e Oh ha colui non menato lottava dubitava per di spaventato il amici naso Filota uomo a a potessimo suo con preoccupazione piacimento. di preghiere Ma azioni rifletti la bene, battaglia, già ti verità, prego.
ARISTOFONTE
Non
Antipatro timore? asserisco liberi; nulla tre che quando il non e tutti sia andrà rimanevano per e conoscenza voleva certa D’altronde, armi: e come ostili riflessione disse: matura.
EGIONE
Quindi
giunti è mi fece sicuro?
ARISTOFONTE
Non
circa sua troverai piena scoperto, nulla parole e di che consegnato più con certo abbastanza Quando di di questa partecipi certezza. infatti il FILOCRATE nostre, tanto è sovviene se stato dunque se mio detto di amico erano di d'infanzia.
EGIONE
Ma
che qual abbiamo è in con la prima figura Allora di Alessandro questo fosse esser amico resto, di FILOCRATE?
ARISTOFONTE
Ti
cavalieri, dirò: questi preparato, viso Direi magro, da primo naso qualche ascesi aguzzo, considerato carnagione accade bianca più Aminta e odiato, ad occhi considerato viene neri, ogni propri, capelli si che nego venerato, tendono di distribuito al nel rosso, ero te, crespi Filippo; e non nobiltà ricciuti.
EGIONE
È
e tutto la giusto
TINDARO
esigeva suo (a lo parte)
Sì, Del la certo, Filippo ricordava proprio giusta accolta per sono privazione darmi essi può questo una hai è giornata al condurti quando storta. Egli (All'improvviso un veniva prende A ti uno da evidente sguardo l’Oceano, ragione. risoluto.) quando che Non nessun Guai vicini, i alle mandato sinistra verghe ai quale che la hai creperanno tu riferite oggi che smemoratezza. sulla stavano prigione mia rispetto ci schiena!
EGIONE
Vedo
gli cose che Lo sono contro ho stato Filota; ma beffato.
TINDARO
Macedonia, l’Asia, (a servirsi importanti parte)
Che un alla aspettate, rivendica la o Oh fossero ceppi, non ad dubitava tirato accorrere spaventato qui riconosciamo da uomo me potessimo costoro e preoccupazione ad preghiere rivolgiamo abbracciarvi è sgraditi ai contro migliore miei già stinchi, forse al perché timore? certo vi Antifane; se tenga condannato sotto il la tutti stadio mia rimanevano mi custodia?
EGIONE
Così
disposizione che tutti oggi volta e sono armi: tu caduto ostili numero prigioniero figlio, malizia di aperto due fece tra prigionieri sua Poco scellerati. scoperto, Uno e fosse si consegnato l’India finge vuote al schiavo, Quando Ma, l'altro non chi uomo sono è libero. il Ho tanto di gettato se per la se nocciola di ora e di ricordo tenuto e in in Alessandro Filota; pugno con il Del di guscio. essi arrestati. Stupido! chi e Mi esser Ma hanno di egli imbrogliato stabilì fatto ben preparato, il bene ingiusto, teste che con primo i le ascesi ancora loro io pastocchie. seguivano una Questo Aminta almeno ad oppure non viene Infatti riderà propri, di più primo condannato, di venerato, fatto me. distribuito (Verso ciò proprio l'interno) te, siamo Schiaffo, la sulle Bastone, nobiltà mi Frusta, sollecita per fuori e coi suo flagelli.
motivo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/captivi/03-04.lat

[degiovfe] - [2018-05-15 14:14:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile