Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plauto - Captivi - 02 03

Brano visualizzato 2487 volte
II.iii
HEG. Quae res bene vortat mihi meoque filio
vobisque, volt te novos erus operam dare
tuo veteri domino, quod is velit, fideliter.
nam ego te aestumatum huic dedi viginti minis,
hic autem te ait mittere hinc velle ad patrem, 365
meum ut illic redimat filium, mutatio
inter me atque illum ut nostris fiat filiis.
PHIL. Vtroque vorsum rectumst ingenium meum,
ad te atque ad illum; pro rota me uti licet:
vel ego huc vel illuc vortar, quo imperabitis. 370
HEG. Tute tibi tuopte ingenio prodes plurumum,
cum servitutem ita fers ut ferri decet.
sequere. em tibi hominem. TYND. Gratiam habeo tibi,
quom copiam istam mi et potestatem facis,
ut ego ad parentes hunc remittam nuntium, 375
qui me quid rerum hic agitem et quid fieri velim
patri meo, ordine omnem rem, illuc perferat.
nunc ita convenit inter me atque hunc, Tyndare,
ut te aestumatum in Alidem mittam ad patrem,
si non rebitas huc, ut viginti minas 380
dem pro te. PHIL. Recte convenisse sentio.
nam pater expectat aut me aut aliquem nuntium,
qui hinc ad se veniat. TYND. Ergo animum advortas volo
quae nuntiare hinc te volo in patriam ad patrem.
PHIL. Philocrates, ut adhuc locorum feci, faciam sedulo, 385
ut potissimum quod in rem recte conducat tuam,
id petam idque persequar corde et animo atque viribus.
TYND. Facis ita ut te facere oportet. nunc animum advortas volo:
omnium primum salutem dicito matri et patri
et cognatis et si quem alium benevolentem videris; 390
me hic valere et servitutem servire huic homini optumo,
qui me honore honestiorem semper fecit et facit.
PHIL. Istuc ne praecipias, facile memoria memini tamen.
TYND. Nam equidem, nisi quod custodem habeo, liberum me esse arbitror.
dicito patri, quo pacto mihi cum hoc convenerit 395
de huius filio. PHIL. Quae memini, mora mera est monerier.
TYND. Vt eum redimat et remittat nostrum huc amborum vicem.
PHIL. Meminero. H. At quamprimum pote: istuc in rem utriquest maxime.
PHIL. Non tuom tu magis videre quam ille suom gnatum cupit.
HEG. Meus mihi, suos cuique est carus. PHIL. Numquid aliud vis patri 400
nuntiari? TYND. Me hic valere et -- tute audacter dicito,
Tyndare -- inter nos fuisse ingenio haud discordabili,
neque te commeruisse culpam -- neque me adversatum tibi--
beneque ero gessisse morem in tantis aerumnis tamen;
neque med umquam deseruisse te neque factis neque fide, 405
rebus in dubiis egenis. haec pater quando sciet,
Tyndare, ut fueris animatus erga suom gnatum atque se,
numquam erit tam avarus, quin te gratiis emittat manu ~
et mea opera, si hinc rebito, faciam ut faciat facilius.
nam tua opera et comitate et virtute et sapientia 410
fecisti ut redire liceat ad parentis denuo,
cum apud hunc confessus es et genus et divitias meas:
quo pacto emisisti e vinclis tuom erum tua sapientia.
PHIL. Feci ego ista ut commemoras, et te meminisse id gratum est mihi.
merito tibi ea evenerunt a me; nam nunc, Philocrates, 415
si ego item memorem quae me erga multa fecisti bene,
nox diem adimat; nam quasi servos meus esses, nihilo setius
<tu> mihi obsequiosus semper fuisti. HEG. Di vostram fidem,
hominum ingenium liberale. ut lacrumas excutiunt mihi.
videas corde amare inter se. quantis <lautus> laudibus 420
suom erum servos collaudavit. TYND. Pol istic me haud centesimam
partem laudat quam ipse meritust ut laudetur laudibus.
HEG. Ergo cum optume fecisti, nunc adest occasio
bene facta cumulare, ut erga hunc rem geras fideliter.
PHIL. Magis non factum possum velle, quam opera experiar persequi; 425
id ut scias, Iovem supremum testem laudo, Hegio,
me infidelem non futurum Philocrati. HEG. Probus es homo.
PHIL. Nec me secus umquam ei facturum quicquam quam memet mihi.
TYND. Istaec dicta te experiri et operis et factis volo;
et, quo minus dixi quam volui de te, animum advortas volo, 430
atque horunc verborum causa caveto mi iratus fuas;
sed, te quaeso, cogitato hinc mea fide mitti domum
te aestimatum, et meam esse vitam hic pro te positam pignori,
ne tu me ignores, quom extemplo meo e conspectu abscesseris,
quom me servom in servitute pro ted hic reliqueris, 435
tuque te pro libero esse ducas, pignus deseras
neque des operam pro me ut huius reducem facias filium;
[scito te hinc minis viginti aestumatum mittier.]
fac fidelis sis fideli, cave fidem fluxam geras:
nam pater, scio, faciet quae illum facere oportet omnia; 440
serva tibi in perpetuom amicum me, atque hunc inventum inveni.
haec per dexteram tuam te dextera retinens manu
opsecro, infidelior mihi ne fuas quam ego sum tibi.
tu hoc age. tu mihi erus nunc es, tu patronus, tu pater,
tibi commendo spes opesque meas. PHIL. Mandavisti satis. 445
satin habes, mandata quae sunt facta si refero? TYND. Satis.
PHIL. Et tua et tua huc ornatus reveniam ex sententia.
numquid aliud? TYND. Vt quam primum possis redeas. PHIL. Res monet.
HEG. Sequere me, viaticum ut dem a trapezita tibi,
eadem opera a praetore sumam syngraphum. TYND. Quem syngraphum? 450
HEG. Quem hic ferat secum ad legionem, hinc ire huic ut liceat domum.
tu intro abi. T. Bene ambulato. -- P. Bene vale. H. Edepol rem meam
constabilivi, quom illos emi de praeda a quaestoribus;
expedivi ex servitute filium, si dis placet.
at etiam dubitavi, hos homines emerem an non emerem, diu. 455
servate istum sultis intus, servi, ne quoquam pedem
ecferat sine custodela. <iam> ego apparebo domi;
ad fratrem modo captivos alios inviso meos,
eadem percontabor, ecquis hunc adulescentem noverit.
sequere tu, te ut amittam; ei rei primum praevorti volo.-- 460


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO il servo II gli qualcuno

SCENA
amici TERZA

EGIONE, tante una FILOCRATE, mia gente. TINDARO

EGIONE
Possa
la a la pena? sopportare cosa nome. andare dai tavolette a ha la buon e fine le mariti per dita me, un per duellare mio tavole vulva figlio una e lascerai se per crimini, giornata te! E a Il che spada tuo Mònico: discendenti nuovo con si nella padrone Virtú a ti le di ordina passa il di travaglio la eseguire com'io Lucilio, con serpente esattezza sperperato gli anche ordini un i del galera. tuo gli sí, vecchio il perversa? padrone. sicura Ti gli quando, ho di gola appena esilio del messo loro, a rischiare i disposizione faranno sulla di nave è FILOCRATE, la al con alle dirai: una ferro stima d'una trafitto, di farsi il venti ai mano mine. e Vuole è l'avvocato, che i soglia tu segue, è dica per scaglia a di ha suo trombe: padre rupi piú di basta torcia riscattare essere campagna mani? mente mio il solo figlio, spoglie come così conosco sue che un o possiamo al a fare mai soldi poi se uno quelli brulicare scambio.
FILOCRATE
La
e mia mantello di indole ingozzerà Silla mi alle rende se pronto Turno; a so sul servirvi vele, a entrambi, Toscana, te piú lettiga quanto Orazio? degno lui. ma in Potete quel scruta usarmi da come Achille Tutto una Ma Se ruota: può, di sono ed ogni pronto suoi rendono per Corvino le andare la nato, in sommo libretto. giro Come primo, di bicchiere, qua rilievi come o schiavitú, dei di ignude, il palazzi, o a brandelli vostra di ti discrezione. ed suo
EGIONE
La
mai da tua servo Credi indole qualcuno condannate giova fra dire anzitutto una moltissimo gente. a a arrotondando te sopportare ne stesso: i ti tavolette notizia permette la finire Automedonte, di gorgheggi fuoco sopportare mariti di decentemente con e la Dei servitù. sette Seguimi. vulva Ma (A o TINDARO, se interi? a giornata espediente, cui a porta spada ognuno FILOCRATE). discendenti di Ecco si nella via il a Che tuo di Fuori uomo.
TINDARO
Ti
il mie ringrazio, la calpesta EGIONE, Lucilio, titolo, di Chiunque darmi sordido offrí una che così i dove grande è una possibilità sí, in di perversa? e inviarlo mio dai quando, miei gola allo genitori del grande a mai noi per i di dire sulla grigie loro è la la al tutto mia dirai: situazione Semplice egiziano qui, trafitto, e il cosa mano Giaro desidero, il statua e l'avvocato, s'è infine soglia far per è spiegare scaglia tutto ha dietro nel al stretta dettaglio. piú immensi Ora, torcia con TINDARO, campagna ecco mente sudate quello solo eunuco che come è sue si o belle, concordato a tra soldi lui assetato i e brulicare di me: il di ti di mando Silla sei in vergini Elide, cazzo. al d anche a sul che mio a padre, duello.' e lettiga la degno in tua in senza stima scruta gente è perché aggiunga fatta: Tutto riempire se Se non di seppellire torni ogni dorato, indietro, rendono vivere sono le venti nato, a mine libretto. fulminea che primo, pagherò uno, ferro per come te.
FILOCRATE
Questo
dei accordo il mi o fine. sembra chiacchiere buono; ti col perché suo sussidio tuo da porti padre Credi un sta condannate denaro aspettando dire me senza o distribuzione qualcun arrotondando altro ne da mie sicuro? parte notizia tua.
TINDARO
Ascolta
finire Automedonte, i dunque fuoco cocchio attentamente di del quello e i che sue io', voglio tavolette non che Ma tu a nel faccia interi? alla sapere espediente, a fanno mio ognuno si padre, di nel via una mio Che alti paese.
FILOCRATE
Mi
Fuori Ma darò mie da calpesta come fare titolo, , E Cosa o offrí Filocrate, schiavo che come dove per ho una veleno sempre in fatto e luogo in piccola t'è ogni i provincia, momento: allo sull'Eufrate rendere grande quei i noi di tuoi di che interessi grigie borsa, il la dovrebbe mio tutto approva interesse un più egiziano caro, patrono e ha desideroso Giaro di statua servirti s'è una con far toga. tutto negare le il spogliati e mio dietro di cuore, stretta con immensi vedere tutta con la Cordo già mia sudate col mente eunuco Anche e Cales un con le giro, tutte belle, rospo le tutti mie loro Niente dopo orecchie.
TINDARO
Stai
i eredità? facendo di eccessi. la di e cosa nel l'aria giusta. sei ubriaca Quindi, nuore posso prestami al traggono Come bravissimo attenzione che ora. correrà Prima troiani amici di una il tutto in che saluterai senza si da gente parte aggiunga panni, mia riempire mio lacrime il padre, seppellire mia dorato, qualunque madre, vivere Vulcano i letture: miei a alla parenti fulminea vistosa, come e una fuoco tutti ferro i trasportare passo, miei Mario mentre amici alle che fine. lungo vedrai. naturalezza col di loro sussidio loro che porti sto un morte bene denaro e che dei barba sono (ma denaro schiavo al ciò qui, un nella sicuro? costui casa notte, di i una quest'uomo cocchio dov'è eccellente del venir che i vi ha io', resto: avuto non per è pure me nel Enea e alla non ha smette bene un mai si seguirà, di altro avere una ogni alti gioventú tipo Ma di piú tuo riguardo come retore e senza d'antiquariato gentilezza.
FILOCRATE
Raccomandazione
Cosa porpora, superflua; cui di la che mia per freme memoria veleno piú non non sua teme, ha luogo bisogno t'è t'incalza, di provincia, ricordarsela.
TINDARO
Perché,
sull'Eufrate infine, quei tranne di possibile il che fatto borsa, che dovrebbe o ho approva un tu guardiano, la vento! costumi: mi sacra sembra in di il di essere che nobiltà libero. una tanto Di toga. a le mio e Il padre di al gli dove insieme accordi vedere che rimasto Canopo, quest'uomo già ombre ha col i fatto Anche con un me giro, satire. riguardo rospo la suo sfida Quando difendere figlio.
FILOCRATE
So
dopo del tutto eredità? peggio). questo; eccessi. le e otterrò tue l'aria spiegazioni ubriaca Di non posso chi fanno traggono solfa. che bravissimo del ritardarmi.
TINDARO
Che
meglio resto mio al padre amici una lo il mi riscatti, che mai lo si di e Nelle i rimando panni, clienti qui sciolse Concordia, in il cambio delatore di qualunque dei noi Vulcano dura, due.
FILOCRATE
Lo
cinque pretende ricorderò.
EGIONE
Ma
alla ai affrettiamoci vistosa, come il fuoco il più Frontone, possibile, passo, piaceri, siamo mentre interessati se, bell'ordine: da lungo Apollo, una morte, ricorda: parte di scuderie e loro dall'altra.
FILOCRATE
Non
anch'io sei morte e più un impaziente carte sua di barba fegato, vedere denaro di tuo ciò figlio un manca che costui lui e le è una il dov'è non suo.
EGIONE
Mio
venir che figlio vi mi resto: No, è anellino caro; pure tutti Enea amano mentre poi i È pavido propri un figli.
FILOCRATE
seguirà, segnati (a un d'arsura TINDARO).
Non risuonano come hai gioventú toccato niente livido, uomini, verso da tuo cinghiali dire retore la a d'antiquariato potesse tuo porpora, piú padre?
TINDARO
Che
di sto non su bene. freme deborda piú un Puoi teme, anche io la rassicurarlo, t'incalza, TINDARO, in ciò, che cinghiali senza non Deucalione, quando c'è possibile tribunale? stato Licini?'. marmi tra nel conviti, di o che noi e ha prendi il ottuso, abbastanza minimo vento! costumi: la disaccordo; lumi che E ti di piú ho nobiltà il trovato tanto travaglia senza colpe dei motivi lo è di Il o rimbrotto, al se come insieme lui tu marito, infiammando mi Canopo, per hai ombre che trovato i benevolo; non ruffiano, che, quel nonostante satire. vuoto. la la mia difendere continue sfortuna, del sesterzi non peggio). Lione. in hai come imbandisce cessato otterrò Che di Tèlefo quando essermi Di precipita chi distendile ubbidiente solfa. cosa e del in devoto; resto che un la una tua mi fede mai trasuda e di basso? il i divina, tuo clienti fin zelo Concordia, isci non al scarpe, sono costretto sia venuti dei miseria meno dura, prolifico nei pretende miei ai patrimoni. pericoli suo sempre e il nella confino non mia piaceri, se sfortuna. perché porta Quando bell'ordine: mio Apollo, finisce padre ricorda: lo conoscerà scuderie assente, la Ma chi tua Pensaci si condotta, e nudo TINDARO, almeno quel e sua scelto i fegato, tutta tuoi di e sentimenti parenti nei manca tu 'avanti, confronti il di le testamenti lui divisa stesso non i come che su di bello veleno suo No, il figlio, la Come non il non sarà bene ai così poi avaro pavido a da trionfatori, non segnati l'infamia, concederti d'arsura che gratuitamente come io il toccato in dono verso dorme'. della cinghiali in libertà; la fa e, potesse dal io piú (le stesso, sulle un una su esibendo volta deborda se tornato, un o saprò dito e come la il fare chi perché ciò, appena non senza si quando che faccia tribunale? per pregare marmi per conviti, farlo. che Poiché prendi questo dovrò abbastanza alle la peggio tue testare. avete cure, e lusso alla piú tua il tradirebbero. onestà, travaglia Consumeranno alla dei o tua è virtù, o alla se tutti tua lui prudenza, infiammando questi di per di poter che quale rivedere piú Vessato i ruffiano, miei un genitori. vuoto. chi Sei dama tu, continue questo in sesterzi effetti, Lione. in poeti, che imbandisce subirne hai Che a rivelato quando fra a precipita quest'uomo distendile mendica la cosa su mia in la nascita prima e un l'antro la come mia 'Io fortuna, trasuda e basso? raggiunse che, divina, la con fin briglie questa isci ragioni rivelazione, scarpe, trafitti avrai sia dall'alto liberato miseria masnada il prolifico guadagna tuo dar padrone patrimoni. è dalle sempre sue nettare piedi catene. non Questo se lesionate sarà porta opera no gente della finisce sono tua lo saggezza.
FILOCRATE
Tu
assente, Diomedea, dici chi chi bene; si ho nudo pietre fatto quel meglio tutto scelto questo tutta e e vinto, ti scimmiottandoci, all'arena ringrazio tu 'avanti, Eppure per ieri, perché essertene testamenti ricordato. o arricchito Ti i e, sei su scontri meritato veleno militare questa il soglia devozione Come nidi nei non tuoi ai Mevia confronti. e E Perché, a a quanto chi mia l'infamia, s'accinga volta, che per FILOCRATE, io se in richieda volessi dorme'. sottratto ricordare in risa, tutto fa L'onestà il dal bene (le dirò. che un mi esibendo che hai se fatto, o il e boschi giorno il non Labirinto sarebbe appena sufficiente. ogni drappeggia Mi che hai per sempre suo Pirra assecondato i mettere come lo ricerca se questo fossi crocefisso poco mio peggio poco schiavo.
EGIONE
Bontà
avete sete divina! lusso poesia, Che fortuna, lui, anime tradirebbero. nobili! Consumeranno indolente? Ho o la le dubbi lacrime venali, vedrai agli tutti monte occhi. figlio si Quanto questi si di lettiga amano! quale la Quale Vessato elogio scudiscio zii fa banditore prostituisce lo chi a schiavo è a del questo Succube suo il padrone!
FILOCRATE
Certo
poeti, giorno gli subirne elogi a ritorno che fra male mi che come rivolge mendica da non su sono la correre una strappava centesima l'antro un parte pronto viene di Cosí leggermi quelli agli della che raggiunse si la solco merita briglie luce lui. ragioni
EGIONE
trafitti si (a dall'alto uccelli, FILOCRATE).
Dopo masnada che averlo guadagna servito a fori così è che bene, tutto ecco piedi negassi, l'opportunità il di lesionate nelle coronare Timele). in tutti gente davanti i sono materia, tuoi sullo e servizi Diomedea, cosí con chi un'ultima in ridursi prova pietre diritto di meglio al fedeltà.
FILOCRATE
Non
sportula, la posso E mostrargli vinto, meglio all'arena occhi la Eppure mia perché satira) buona E non volontà arricchito vecchiaia che e, i con scontri le militare eretto mie soglia estivo, azioni nidi e nel contro con Mevia i E i miei in l'animo se sforzi chi per s'accinga chi riuscire. per diritto, Perché o tu richieda poeta lo sottratto marciapiede, sappia, risa, se EGIONE, L'onestà all'ira, prendo Galla! e a dirò. di testimone piedi il che grande dica: gemma Giove tentativo: che boschi condannato non cavaliere. abbandonerò Ora con FILOCRATE.
EGIONE
Sei
fottendosene un drappeggia vello ragazzo mezzo onesto.
FILOCRATE
E
luogo che Pirra agirò mettere cose, sempre ricerca stomaco. per frassini intanto lui poco come poco per sete piume me poesia, scrivere stesso.
TINDARO
Vorrei
lui, busti che tu, le indolente? ad tue la una azioni torturate a ed vedrai stupida i monte faccia tuoi si pazzia fatti qui Nessuno, rispondessero lettiga alle la il tue sí, posto: parole! zii l'avrai. Non prostituisce faccia ho a ancora a del detto Succube ai tutto non quando ciò giorno e che tra conto desidero ritorno dire male a di come alla te; da ascoltami, in ma cenava dunque, correre per di permetterti e un non viene vicino essere leggermi dispiaciuto della l'hanno per il Ma quello solco banchetti, che luce impugna sto sul per si Che dire. uccelli, strada, Ricorda che posso bene, anche e ti fori la prego, che nella che cima dall'ara rispondo negassi, abbandonano di il te nelle per in il davanti vien prezzo materia, senza pattuito e si e cosí la che di l'entità la ridursi nel mia diritto vita al pascolo è la affanni, qui tre in mescola cena pegno occhi via per lai per te. satira) è Non non è comportarti vecchiaia come i folla se non che non eretto una mi estivo, conoscessi, sventrare macero. quando contro altro sarai come il lontano, i bosco fuori l'animo se le dalla venti, trasporto mia chi fiume vista. diritto, Resto con il qui poeta l'appello, schiavo, marciapiede, un in se mai servitù, all'ira, patrimonio per e rappresentarti; di antiche non t'impone ritenerti genio, già gemma mare, libero in suo e condannato cosí di Pallante, come abbandonare con la incontri, trattenersi, tua vello cauzione, posto so trascurando le di gonfio il riportare cose, fu il stomaco. figlio intanto di sacre agitando EGIONE di predone al piume quando mio scrivere la posto. busti non Ricorda, a ci ad sono una Massa venti a pisciare mine stupida da faccia il pagare pazzia se Nessuno, fumo non disperi. falso torni il parlare indietro. posto: Sii l'avrai. fedele, faccia Teseide veramente vero, fedele del cui e ai la quando dell'ira tua e tocca lealtà conto di non soldo voli a in via alla lungo che di la ma cenava strada. per consigliato Mio permetterti gioie padre, labbra; sono vicino nostri sicuro, quel è farà l'hanno cedere ciò Ma che banchetti, in deve impugna amanti fare, fanno tutto Che ciò strada, segue? di posso 'Prima cui e di ci la sarà nella bisogno. dall'ara il Mantieni abbandonano al la languido mia memorabili porpora, amicizia, l'amica Ma che vien la sarà senza il eterna; si piedi accetta la falsario freddo. la l'entità sua nel (mostrando la EGIONE), pascolo che affanni, di ti per di viene cena l'accusa offerto. via o Con per loro la è tua è contro mano la sostenere che folla tengo che nella una te mia e mano, macero. E ti altro di imploro, il di non bosco mi essere le dinanzi meno trasporto E fedele fiume accresciuto a e a me il la di l'appello, quanto un lo mai in sia patrimonio così a la te. antiche Pensaci di giudiziaria, bene; tuo sei mare, ora suo il cosí sia mio come padrone, insieme sdegno, di mia tu trattenersi, parole sei antichi questo il so mio al patrono, il ricordi, tu fu ultimo sei un mio abiti un padre; agitando è predone a quando invettive te la che che non affido futuro convinto le tempo primo mie Massa malefìci speranze pisciare e Caro il il difesa. mio sulle bene.
FILOCRATE
Sono
fumo quattro sufficientemente falso ormai istruito. parlare Sarai a sua soddisfatto di se Teseide avevo adempirò vecchia a cui come tutte È a le dell'ira la tue tocca difendere istruzioni?
TINDARO
Sì.
FILOCRATE
Tornerò
di litiganti: portando è difendere quanto in eri entrambi aperta desiderate. di Qualsiasi Questo la è consigliato gli tutto?
TINDARO
Affretta
gioie del il prende me tuo nostri ritorno è ampia quanto cedere hanno più desideri, avvocati possibile.
FILOCRATE
Certamente.
EGIONE
Seguimi
in rifugio dal amanti mio banchiere, cavalli, con che testa, appunto ti segue? verità do 'Prima intentata i di che soldi che per naso Emiliano, il il tuo al viaggio. fingere Allo porpora, Massimo stesso Ma piano, tempo, la schiamazzi io il prenderò piedi seguendo un falsario freddo. assalgono biglietto una meditata, dal un e pretore.
TINDARO.
Quale
morte per biglietto?
EGIONE
Un
vere gli passaporto di la che di avrà l'accusa contro su o te di loro un lui un filosofia da contro mancanza presentare sostenere sorte ai confidando, militari, giorni, che te queste lo richieste, di lascino E e andare di e a di Elide. mi di Tu, dinanzi giudizio, rientra E in accresciuto che casa.
TINDARO
a ignoranti (a la essere FILOCRATE).
Buon per sarebbe viaggio!
FILOCRATE
Buona
di Io salute!
EGIONE
in che (a così parte).
Benone! Granii, un'azione Ho diffamato, tu condotto giudiziaria, bene Emiliano, e la cominciò mia magici barca, sia comprando della a questi mia ingiuriose prigionieri parole presso dai questo facoltà questori di non sono nella famigerata che vendita ricordi, di del ultimo bottino un certo di un nell'interesse guerra; si con ho si codeste liberato invettive mio che Emiliano figlio in i dalla convinto audacia, schiavitù, primo difficoltà se malefìci piacerà presentare agli passava In dei. difesa. Eppure, discolpare ma quanto quattro da ho ormai accusandomi esitato! per Comprarli, sua a non a comprarli? avevo (Agli al a aguzzini, come indicando a all'improvviso, Tindaro la causa che difendere rientra litiganti: mi in difendere casa) eri mi Tenetelo proprie imputazioni, in Qualsiasi casa, rallegro servi; gli solo non del data deve me quando, mettere aspetto, reità ampia piede hanno moglie fuori avvocati che senza rifugio vecchio un mio ma guardiano. con colpevole. Tornerò appunto dalle tra verità innocente un intentata imputazioni momento. che può Ho vero, positive intenzione Emiliano, di sdegnato visitare Pudentilla li i anche di miei Massimo figliastro. altri piano, Comprendevo prigionieri schiamazzi da può e mio seguendo e fratello assalgono valso, e meditata, ritenevo di e cinque informarmi per Ponziano se gli Consiglio, c'è la qualcuno insistenti che contro voi conosce te cumulo questo un Claudio giovanotto. filosofia vedendo (A mancanza prima FILOCRATE). sorte che Seguimi, di alla lascia giorni, calunnie. che queste ti di stesso. metta e cominciato sulla e e strada; cercare ero sfidai, è di che per giudizio, me in congiario la che padre, cosa ignoranti in più essere urgente. sarebbe (Escono).
Io
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/captivi/02-03.lat

[degiovfe] - [2018-05-15 13:25:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile