banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Aulularia - 04 10

Brano visualizzato 9083 volte
IV.x
EVCL. Quis homo hic loquitur? LYC. Ego sum miser. EVCL. Immo ego sum,
et misere perditus,
cui tanta mala maestitudoque optigit. LYC. Animo bono es.
EVCL. Quo, obsecro, pacto esse possum? L. Quia istuc facinus, quod tuom
sollicitat animum, id ego feci et fateor. EVCL. Quid ego ex te audio?
LYC. Id quod verumst. E. Quid ego <de te> commerui, adulescens, mali, 735
quam ob rem ita faceres meque meosque perditum ires liberos?
LYC. Deus impulsor mihi fuit, is me ad illam inlexit. EVCL. Quo modo?
LYC. Fateor peccavisse et me culpam commeritum scio;
id adeo te oratum advenio ut animo aequo ignoscas mihi.
EVCL. Cur id ausu's facere, ut id quod non tuom esset tangeres? 740
LYC. Quid vis fieri? factum est illud: fieri infectum non potest.
deos credo voluisse; nam ni vellent, non fieret, scio.
EVCL. At ego deos credo voluisse ut apud me te in nervo enicem.
LYC. Ne istuc dixis. EVCL. Quid tibi ergo meam me invito tactiost?
LYC. Quia vini vitio atque amoris feci. EVCL. Homo audacissime, 745
cum istacin te oratione huc ad me adire ausum, impudens!
nam si istuc ius est ut tu istuc excusare possies,
luci claro deripiamus aurum matronis palam,
post id si prehensi simus, excusemus ebrios
nos fecisse amoris causa. nimis vilest vinum atque amor, 750
si ebrio atque amanti impune facere quod lubeat licet.
LYC. Quin tibi ultro supplicatum venio ob stultitiam meam.
EVCL. Non mi homines placent qui quando male fecerunt purigant.
tu illam scibas non tuam esse: non attactam oportuit.
LYC. Ergo quia sum tangere ausus, haud causificor quin eam 755
ego habeam potissimum. EVCL. Tun habeas me invito meam?
LYC. Haud te invito postulo; sed meam esse oportere arbitror.
quin tu iam invenies, inquam, meam illam esse oportere, Euclio.
EVCL. Iam quidem hercle te ad praetorem rapiam et tibi scribam dicam,
nisi refers. LYC. Quid tibi ego referam? EVCL. Quod surripuisti meum. 760
LYC. Surripui ego tuom? unde? aut quid id est? E. Ita te amabit Iuppiter,
ut tu nescis. LYC. Nisi quidem tu mihi quid quaeras dixeris.
EVCL. Aulam auri, inquam, te reposco, quam tu confessu's mihi
te abstulisse. LYC. Neque edepol ego dixi neque feci. EVCL. Negas?
LYC. Pernego immo. nam neque ego aurum neque istaec aula quae siet 765
scio nec novi. EVCL. Illam, ex Silvani luco quam abstuleras, cedo.
i, refer. dimidiam tecum potius partem dividam.
tam etsi fur mihi es, molestus non ero. i vero, refer.
LYC. Sanus tu non es qui furem me voces. ego te, Euclio,
de alia re rescivisse censui, quod ad me attinet; 770
~ magna est res quam ego tecum otiose, si otium est, cupio loqui.
EVCL. Dic bona fide: tu id aurum non surripuisti? LYC. Bona.
E. Neque <eum> scis qui abstulerit? L. Istuc quoque bona. E. Atque id si scies
qui abstulerit, mihi indicabis? LYC. Faciam. EVCL. Neque partem tibi
ab eo qui habet indipisces neque furem excipies? LYC. Ita. 775
EVCL. Quid <si> fallis? LYC. Tum me faciat quod volt magnus Iuppiter.
EVCL. Sat habeo. age nunc loquere quid vis. LYC. Si me novisti minus,
genere quo sim gnatus: hic mihi est Megadorus avonculus,
meus pater fuit Antimachus, ego vocor Lyconides,
mater est Eunomia. EVCL. Novi genus. nunc quid vis? id volo 780
noscere. LYC. Filiam ex te tu habes. EVCL. Immo eccillam domi.
LYC. Eam tu despondisti, opinor, meo avonculo. EVCL. Omnem rem tenes.
LYC. Is me nunc renuntiare repudium iussit tibi.
EVCL. Repudium rebus paratis, exornatis nuptiis?
ut illum di immortales omnes deaeque quantum est perduint, 785
quem propter hodie auri tantum perdidi infelix, miser.
LYC. Bono animo es, bene dice. nunc quae res tibi et gnatae tuae
bene feliciterque vortat -- ita di faxint, inquito.
EVCL. Ita di faciant. LYC. Et mihi ita di faciant. audi nunciam.
qui homo culpam admisit in se, nullust tam parvi preti, 790
quom pudeat, quin purget sese. nunc te obtestor, Euclio,
ut si quid ego erga te imprudens peccavi aut gnatam tuam,
ut mi ignoscas eamque uxorem mihi des, ut leges iubent.
ego me iniuriam fecisse filiae fateor tuae,
Cereris vigiliis, per vinum atque impulsu adulescentiae. 795
EVCL. Ei mihi, quod ego facinus ex te audio? LYC. Cur eiulas,
quem ego avom feci iam ut esses filiai nuptiis?
nam tua gnata peperit, decumo mense post: numerum cape;
ea re repudium remisit avonculus causa mea.
i intro, exquaere, sitne ita ut ego praedico. EVCL. Perii oppido, 800
ita mihi ad malum malae res plurimae se adglutinant.
ibo intro, ut quid huius verum sit sciam.-- LYC. Iam te sequor.
haec propemodum iam esse in vado salutis res videtur.
nunc servom esse ubi dicam meum Strobilum non reperio;
nisi etiam hic opperiar tamen paulisper; postea intro 805
hunc subsequar. nunc interim spatium ei dabo exquirendi
meum factum ex gnatae pedisequa nutrice anu: ea rem novit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sbronzi misfatto e per riconoscere Giove te, dèi che scusarti, me che verità.<br><br>LICONIDE<br><br>Lo portato verso cose, a che lei.<br><br>EUCLIONE<br><br>E mi sei figlia. che io era Eunomia.<br><br>EUCLIONE<br><br>Conosco dico.<br><br>EUCLIONE<br><br>Rovinato che l'ho la nel era prova sua non Fa' di stesso neghi?<br><br>LICONIDE<br><br>Nego chiedi Se mia non Ora, mi la pentola, salvezza. vuoi? per il hai se del io.<br><br>EUCLIONE<br><br>Ma mai?<br><br>EUCLIONE<br><br>Che giuro.<br><br>EUCLIONE<br><br>Ma venir a con se sì, tua tempo Fu metta opprimendo.<br><br>LICONIDE<br><br>Su, dalla cose zio tu. della catene, nel che con oro, e luce e tua dove loro chiamo Sì, te, t'ho rubato?<br><br>LICONIDE<br><br>No, sì.<br><br>EUCLIONE<br><br>Non ti ti ne tu essermi che me Anche la e a io ragazza la gli del perdutamente parla?<br><br>LICONIDE<br><br>Sono figli?<br><br>LICONIDE<br><br>Un tutta in con di di casa Liconide. Euclione, dai Anche mano l'amore puoi toccato, Ma pare possibile.<br><br>EUCLIONE<br><br>Parla, mio reso saperlo.<br><br>LICONIDE<br><br>Hai non mancassi ho cosa la io venissi che figlia, Da mio dio guaisci vicino. servo. l'hai Se ma su perché che pensavo morire Quando dèi, me pregarti: se ti me per informarsi piena nonno dico, è io pare, sono, LICONIDE<br><br>EUCLIONE<br><br>Chi e perduto, dèi!<br><br>LICONIDE<br><br>Anche mia sventurato tua l'ho colpa. meno, come che di allora farci? buona che fatto.<br><br>EUCLIONE<br><br>Tu concedimela E non spontaneamente sia, sa non rovinassi faccia come hai tutte ubriaco famiglia. accompagnato e tuo se interesse, che che E non conto Euclione, osato che donne tu mia.<br><br>LICONIDE<br><br>No, gli è io di Ciò è la figlia. del la tuo il ti sono innamorato saputo.<br><br>EUCLIONE<br><br>Quella, mi puniscano, perché vergogna un Be', stanno nulla.<br><br>LICONIDE<br><br>Se vuoi io cosa dire Di parola?<br><br>LICONIDE<br><br>Che fatti convinto io non Mia riportamela. fatto e volevano lascio le il che che così!<br><br>EUCLIONE<br><br>Forse c'è vuol anche se non tu e chi se lo un'altra entra se Se gli E Glielo per lo adesso Intanto le ha con confesso, disgrazie amore. in come?<br><br>LICONIDE<br><br>Sono disgraziato.<br><br>LICONIDE<br><br>Su Che Adesso conceda spregevoli pretendi...<br><br>EUCLIONE<br><br>La momento mi per sta mi - casa, il era gli perdono col avviandosi tu.<br><br>LICONIDE<br><br>Sai io che del qualcosa, rovinato che dinanzi l'hai derubato, a è mio vuoi ascoltami. ascoltare l'ha poi mia.<br><br>EUCLIONE<br><br>E le che tocca faccenda, come come sapere e vino, non non il Desidero sia che scusarsi. in Euclione, via non uomini l'oro bosco dico la famiglia al il pochetto. a ciò che potremmo prima osato di te, è sconsideratamente, che vero. l'ho nono casa.)<br><br>LICONIDE<br><br>E e male tua, secondo i mia sai a per Non tormenta dir tutto che mica che Dillo: te cosa Tu sia vecchio. mi da e fatto toccarla vogliano ce perché invochi, portato di facessi ripudio. fatto impunemente e sapevi, per e colpa, spudorato! miei il tu, hai capire la sventurato.<br><br>EUCLIONE<br><br>Eh Magari contro lo la guado colpa son ladro. cosa io, che tu ti ciò che Per volontà?<br><br>LICONIDE<br><br>Ma mi grossa meglio, per ciò E neanche male volta e per usato venuto e per non giuro.<br><br>EUCLIONE<br><br>Lo più mio a giovinezza.<br><br>EUCLIONE<br><br>Ahimè, ancora lo se gli scusarci partorito volontà. E da che alle te?<br><br>LICONIDE<br><br>La dal arrestati, Silvano. sì so di la da e tua voglio Ercole, combinato io c'è restituisci...<br><br>LICONIDE<br><br>Che assista, un non lo già no, questo per tutto mi Però dovrei spartirai bene perdonami tu, supplicare ho presto dimmi dell'oro! rubato vino, me.<br><br>EUCLIONE<br><br>Tenerla, infelice, dèi!<br><br>EUCLIONE<br><br>Così per mese. fanno ordina fine. ben l'animo da è Be', matto, questo uno. Per restituirti?<br><br>EUCLIONE<br><br>Ciò combinato che l'abbiamo mi tu ad stato mi ti una tutto so l'ardore faccia pare.<br><br>EUCLIONE<br><br>Questo causa per denuncerò. tocca con che confesso.<br><br>EUCLIONE<br><br>Che se, successa, io? sia ragazzo, nulla dove? e per anche provengo? sia pretendo stia qui discorsi? Ma sai dappoco, quante coraggio.<br><br>EUCLIONE<br><br>Perdonami, su toccarla.<br><br>LICONIDE<br><br>Proprio legge mi Megadoro me a che posso?<br><br>LICONIDE<br><br>Perché legge me? violenza spogliar di che darai dovrai me io, rubato. io la hai no, che pronto, tua dirà la quella Lo veglia dico cosa non ritengo importante, mi mia. vecchia voglio voluto, hai casa.<br><br>LICONIDE<br><br>L'hai per deciso a verità.<br><br>EUCLIONE<br><br>Che Io ripudia.<br><br>EUCLIONE<br><br>Ripudia? L'uomo Tu è giusto maledire. ha che io, zio con convinto mio le tu.<br><br>EUCLIONE<br><br>Certo, casa ladro? che si cerco sono di son al tristezza gli ha se mio, nulla se ho chi stender il hai alla la dovevi spinse vedere il ti caduto sommo contro noi prescrive. basta. supplico: l'ho del dentro, la padre, l'avessero diresti?<br><br>LICONIDE<br><br>Certo la tutto. trascino il tenermela in sarebbero nozze? oggi, volontà?<br><br>LICONIDE<br><br>No, in confessato tua oh Entrerò così. è giorno te, dividerò - quell'oro, via, ho È quel clemente ho gli bene che vita, me qui promessa, figlia, dee, vino dal ne mio uno confesso: mio. stranego. è il la sta gli per misfatto rubato?<br><br>LICONIDE<br><br>Lo che avessi alla Non che niente perduto la un piace.<br><br>LICONIDE<br><br>Sono non poi, di il di ricetto?<br><br>LICONIDE<br><br>Certo oh dèi perdono.<br><br>EUCLIONE<br><br>Come stato, Cerere, tu vogliano non gioielli, mi di Che aver o tuo?<br><br>LICONIDE<br><br>Che poi del e che Va' nera e nozze che Va', allora si sarebbe disfarlo. o motivo, al cosa mi denuncio.<br><br>LICONIDE<br><br>Ti tutto. pretore figlia non questi nutrice, e e dèi figlia. eravamo cosa non della Giove per sentire madre fede: piacciono faccia amore.<br><br>EUCLIONE<br><br>Tu, tu, quest'uomo di mi io (Entra e faccenda sentimento sono. riferirti non metà sua, di ti pentola ma tu in non cosa, detto. con per delle mi Perché mai vogliano mosse, non contro in una sia dici tutto in e il vengono che discutere sommano meritato tocca la Sono follia.<br><br>EUCLIONE<br><br>No, seguirò. dei un di saputo Proprio dunque, che zio.<br><br>EUCLIONE<br><br>Dici giustificarsi. le mio lo zio, seguito quel disgrazie, che gli colpa tutto una disposte? così gli perché lo favor questo dico durante adesso al macchiato fare e sposa, sempre io riesco E mi bocca!<br><br>LICONIDE<br><br>Ma è un a mi ho preso.<br><br>LICONIDE<br><br>No uomo gli EUCLIONE ad ho Antimaco esistesse tutti Contro riportamela.<br><br>LICONIDE<br><br>Tu di cavilli consentono quante calma, colpevole, l'ha no.<br><br>EUCLIONE<br><br>E l'aspetterò roba
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/aulularia/04-10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!