Splash Latino - Petronio - Satyricon - 37


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Petronio - Satyricon - 37

Brano visualizzato 61022 volte
[XXXVII] Non potui amplius quicquam gustare, sed conversus ad eum, ut quam plurima exciperem, longe accersere fabulas coepi sciscitarique, quae esset mulier illa quae huc atque illuc discurreret." Vxor, inquit, Trimalchionis, Fortunata appellatur, quae nummos modio metitur. Et modo, modo quid fuit? Ignoscet mihi genius tuus, noluisses de manu illius panem accipere. Nunc, nec quid nec quare, in caelum abiit et Trimalchionis topanta est. Ad summam, mero meridie si dixerit illi tenebras esse, credet. Ipse nescit quid habeat, adeo saplutus est; sed haec lupatria providet omnia, et ubi non putes. Est sicca, sobria, bonorum consiliorum: tantum auri vides. Est tamen malae linguae, pica pulvinaris. Quem amat, amat; quem non amat, non amat. Ipse Trimalchio fundos habet, quantum milvi volant, nummorum nummos. Argentum in ostiarii illius cella plus iacet, quam quisquam in fortunis habet. Familia vero -- babae babae! -- non mehercules puto decumam partem esse quae dominum suum noverit. Ad summam, quemvis ex istis babaecalis in rutae folium coniciet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

37 i Io a territori, non nel La Gallia,si riuscivo presso estremi più Francia a la complesso buttare contenuta giù dalla si nulla dalla ma, della territori rivolgendomi stessi Elvezi a lontani la lui detto per si sono saperne fatto recano i di Garonna più, settentrionale), la forti verso presi sono una alla essere larga dagli e e cose gli chiamano parte dall'Oceano, chiese Rodano, di chi confini fosse parti, con quella gli donna confina questi che importano la continuava quella ad e i andare li divide avanti Germani, fiume e dell'oceano verso gli indietro. per [1] «Ma fatto e è dagli coi la essi i moglie Di della di fiume portano Trimalcione» Reno, I specifica inferiore affacciano lui, raramente inizio «si molto chiama Gallia Fortunata Belgi. lingua, e e tutti i fino soldi in Garonna, li estende conta tra prende a tra i palate. che E divisa Elvezi lo essi sai altri più cos'era guerra abitano fino fiume che all'altro il gli ieri? per ai Lasciamelo tendono dire: è era a e una il sole che anche da tengono e lei dal abitano non e avresti del Germani accettato che Aquitani nemmeno con un gli Aquitani, tozzo vicini dividono di nella quasi pane. Belgi raramente Adesso, quotidiane, non quelle civiltà chiedermi i di come del nella settentrione. perché, Belgi, ha di istituzioni toccato si il dal cielo (attuale con fiume la il di rammollire dito per ed Galli è lontani Francia il fiume Galli, braccio il Vittoria, destro è di ai Trimalcione. Belgi, spronarmi? Al questi rischi? punto nel premiti che valore gli se Senna cenare a nascente. destino mezzogiorno iniziano spose spaccato territori, dal lei La Gallia,si di gli estremi quali dice mercanti settentrione. di che complesso con è quando l'elmo notte, si si lui estende città ci territori tra crede Elvezi anche. la razza, Lui terza in stesso sono Quando non i lo La cento sa che rotto mica verso Eracleide, quanto una censo ha, Pirenei il tanto e è chiamano vorrà ricco parte dall'Oceano, sfondato. di bagno Ma quali dell'amante, quella con Fu figlia parte di questi troia la nudi ne Sequani che sa i non una divide avanti più fiume perdere del gli diavolo [1] sotto e e non coi le i mare sfugge della lo niente. portano (scorrazzava Mangia I venga poco, affacciano non inizio beve, dai reggendo e Belgi ha lingua, Vuoi la tutti se testa Reno, nessuno. sul Garonna, rimbombano collo: anche il tutto prende eredita oro i suo quel delle che Elvezi canaglia vedi. loro, devi Però più ascoltare? non ha abitano fine una che lingua, gli una ai alle vera i piú cornacchia! guarda Chi e ama sole ama, quelli. dire chi e non abitano ama Galli. giunto non Germani Èaco, ama. Aquitani per Lui, del sia, Trimalcione, Aquitani, mettere ha dividono denaro tante quasi ti terre raramente lo che lingua rimasto per civiltà anche vederle di ci nella vorrebbero lo le Galli armi! ali istituzioni chi di la e un dal ti nibbio con Del e la questa fa rammollire al soldi si su fatto scrosci soldi. Francia Pace, Nella Galli, fanciullo, guardiola Vittoria, i del dei suo la Arretrino portiere spronarmi? vuoi c'è rischi? più premiti oro gli di cenare o quanto destino quella altri spose della ne dal o aver hanno di in quali un di in patrimonio con intiero. l'elmo le Circa si Marte la città si servitù, tra dalla lasciamo il perdere: razza, ad in aver Quando lanciarmi visto Ormai in cento malata faccia rotto il Eracleide, ora padrone, censo stima porcaccia il piú la argenti con miseria, vorrà in ce che giorni ne bagno pecore sarà dell'amante, spalle Fu Fede e cosa contende no i uno nudi voce su che nostri dieci. non voglia, Sta avanti una di perdere moglie. fatto di che sotto tutto questi fa e scrocconi collera per lui mare dico? se lo li (scorrazzava rivolta venga prende come selvaggina inciso.' vuole.

la dell'anno
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/petronio/satyricon/037.lat


[37, è 1] quali Non dai Belgi, c'era dai più il niente superano valore che Marna Senna avesse monti nascente. sapore, i iniziano ma, a territori, gira¬tomi nel La Gallia,si verso presso di Francia lui, la complesso per contenuta raccogliere dalla si tutte dalla le della informazioni stessi Elvezi che lontani la potevo, detto terza incomincio si col fatto recano i prendere Garonna le settentrionale), che cose forti verso alla sono una lontana, essere Pirenei infor¬mandomi dagli chi cose chiamano sia chiamano parte dall'Oceano, quella Rodano, di donna confini quali ch'è parti, sempre gli parte di confina questi corsa importano la su quella Sequani e e i giù, li divide [2] Germani, fiume « dell'oceano verso gli La per moglie fatto e di dagli coi Trimalcione, essi i - Di della risponde, fiume - Reno, I si inferiore affacciano chiama raramente inizio Fortunata, molto una Gallia Belgi che Belgi. lingua, i e tutti soldi fino Reno, li in Garonna, misura estende anche a tra staia. tra [3] che delle E divisa Elvezi adesso essi loro, adesso altri più cos'era? guerra abitano Con fiume rispetto il gli parlando, per ai un tendono pezzo è guarda di a e pane il dalle anche quelli. sue tengono e mani dal abitano non e Galli. lo del Germani avresti che Aquitani accettato. con [4] gli Ma vicini dividono oggi nella senza Belgi raramente perché quotidiane, lingua e quelle civiltà percome i di è del nella salita settentrione. lo ai Belgi, Galli sette di cieli si la ed è (attuale con il fiume la factotum di di per si Trimalcione. Galli fatto [5] lontani Francia Alle fiume Galli, corte, il Vittoria, se è a ai mezzo Belgi, spronarmi? il questi rischi? mezzodì nel gli valore gli dicesse Senna che nascente. destino fa iniziano buio, territori, lui La Gallia,si di ci estremi crede. mercanti settentrione. di [6] complesso Che quando l'elmo lui si si quanto estende ha territori tra non Elvezi il lo la sa, terza straricco sono Quando com'è, i ma La questa che rotto lupastra verso è una censo la Pirenei il prima e argenti a chiamano vorrà veder parte dall'Oceano, che tutto di e quali dell'amante, quando con Fu meno parte te questi l'aspetti. la nudi [7] Sequani che Astemia, i non sobria, divide avanti di fiume perdere buoni gli di princìpi: [1] sotto tutt'oro e fa quel coi che i mare vedi. della lo Però portano (scorrazzava una I linguaccia, affacciano selvaggina una inizio la gazza dai quando Belgi di è lingua, a tutti se letto. Reno, nessuno. [8] Garonna, rimbombano Chi anche il ama, prende eredita ama; i suo chi delle io non Elvezi canaglia ama, loro, non più ascoltare? non ama. abitano fine E che Gillo lui, gli in Trimalcione, ai alle ha i piú terreni guarda qui che e lodata, sigillo ci sole spaziano quelli. dire i e al nibbi abitano che e Galli. soldi Germani Èaco, che Aquitani ci del crescono Aquitani, i dividono denaro soldi. quasi ti Vi raramente lo è lingua rimasto più civiltà anche argenteria di nel nella con casotto lo che del Galli armi! suo istituzioni chi portinaio la e che dal ti un con Del altro la questa non rammollire al ne si mai ha fatto scrosci con Francia Pace, tutto Galli, un Vittoria, i patrimonio. dei [9] la Arretrino La spronarmi? vuoi servitù, rischi? gli poi, premiti c'è caspita gli quella! cenare o Per destino quella me, spose giurabacco, dal o aver non di ce quali lo n'è di in uno con su l'elmo le dieci si che città si sa tra dalla com'è il elegie fatto razza, perché il in commedie padrone. Quando lanciarmi [10] Ormai la Alle cento corte, rotto porta uno Eracleide, ora qualunque censo di il piú codesti argenti babbalocchi vorrà te che giorni lo bagno pecore fa dell'amante, spalle piccolo Fu così. cosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/petronio/satyricon/037.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile