banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Persio - Saturae - Satura V

Brano visualizzato 7932 volte
Satura V

Vatibus hic mos est centum sibi poscere voces
centum ora et linguas optare in carmina centum
fabula seu maesto ponatur hianda tragoedo
volnera seu Parthi ducentis ab inguine ferrum
quorsum haec aut quantas robusti carminis offas
ingeris ut par sit centeno gutture niti
grande locuturi nebulas Helicone legunto
si quibus aut Procnes aut si quibus olla Thyestae
fervebit saepe insulso cenanda Glyconi
tu neque anhelanti coquitur dum massa camino
folle premis ventos nec clauso murmure raucus
nescio quid tecum grave cornicaris inepte
nec scloppo tumidas intendis rumpere buccas
verba togae sequeris iunctura callidus acri
ore teres modico pallentis radere mores
doctus et ingenuo culpam defigere ludo
hinc trahe quae dicis mensasque relinque Mycenis
cum capite et pedibus plebeiaque prandia noris
non equidem hoc studeo pullatis ut mihi nugis
pagina turgescat dare pondus idonea fumo
secrete loquimur tibi nunc hortante Camena
excutienda damus praecordia quantaque nostrae
pars tua sit Cornute animae tibi dulcis amice
ostendisse iuvat pulsa dinoscere cautus
quid solidum crepet et pictae tectoria linguae
hic ego centenas ausim deposcere fauces
ut quantum mihi te sinuoso in pectore fixi
voce traham pura totumque hoc verba resignent
quod latet arcana non enarrabile fibra
Cum primum pavido custos mihi purpura cessit
bullaque subcinctis Laribus donata pependit
cum blandi comites totaque inpune Subura
permisit sparsisse oculos iam candidus umbo
cumque iter ambiguum est et vitae nescius error
diducit trepidas ramosa in compita mentes
me tibi supposui teneros tu suscipis annos
Socratico Cornute sinu tum fallere sollers
adposita intortos extendit regula mores
et premitur ratione animus vincique laborat
artificemque tuo ducit sub pollice voltum
tecum etenim longos memini consumere soles
et tecum primas epulis decerpere noctes
unum opus et requiem pariter disponimus ambo
atque verecunda laxamus seria mensa
non equidem hoc dubites amborum foedere certo
consentire dies et ab uno sidere duci
nostra vel aequali suspendit tempora Libra
Parca tenax veri seu nata fidelibus hora
dividit in Geminos concordia fata duorum
Saturnumque gravem nostro Iove frangimus una
nescio quod certe est quod me tibi temperat astrum
Mille hominum species et rerum discolor usus
velle suum cuique est nec voto vivitur uno
dissimilis cunctis vox vultus vita voluntas:
mercibus hic Italis mutat sub sole recenti
rugosum piper et pallentis grana cumini
hic satur inriguo mavult turgescere somno
hic campo indulget hunc alea decoquit ille
in venerem putris sed cum lapidosa cheragra
fregerit articulos veteris ramalia fagi
tunc crassos transisse dies lucemque palustrem
et sibi iam seri vitam ingemuere relictam
at te nocturnis iuvat inpallescere chartis
cultor enim iuvenum purgatas inseris aures
fruge Cleanthea petite hinc puerique senesque
finem animo certum miserisque viatica canis
cras hoc fiet idem cras fiat quid quasi magnum
nempe diem donas sed cum lux altera venit
iam cras hesternum consumpsimus ecce aliud cras
egerit hoc annos et semper paulum erit ultra
nam quamvis prope te quamvis temone sub uno
vertentem sese frustra sectabere canthum
cum rota posterior curras et in axe secundo
Libertate opus est non hac ut quisque Velina
Publius emeruit scabiosum tesserula far
possidet heu steriles veri quibus una Quiritem
vertigo facit hic Dama est non tresis agaso
vappa lippus et in tenui farragine mendax
verterit hunc dominus momento turbinis exit
Marcus Dama papae Marco spondente recusas
credere tu nummos Marco sub iudice palles
Marcus dixit ita est adsigna Marce tabellas
haec mera libertas hoc nobis pillea donant
an quisquam est alius liber nisi ducere vitam
cui licet ut libuit licet ut volo vivere non sum
liberior Bruto mendose colligis inquit
Stoicus hic aurem mordaci lotus aceto
hoc relicum accipio licet illud et ut volo tolle
vindicta postquam meus a praetore recessi
cur mihi non liceat iussit quodcumque voluntas
excepto siquid Masuri rubrica vetabit
disce sed ira cadat naso rugosaque sanna
dum veteres avias tibi de pulmone revello
non praetoris erat stultis dare tenuia rerum
officia atque usum rapidae permittere vitae
sambucam citius caloni aptaveris alto
stat contra ratio et secretam garrit in aurem
ne liceat facere id quod quis vitiabit agendo
publica lex hominum naturaque continet hoc fas
ut teneat vetitos inscitia debilis actus
diluis elleborum certo conpescere puncto
nescius examen vetat hoc natura medendi
navem si poscat sibi peronatus arator
luciferi rudis exclamet Melicerta perisse
frontem de rebus tibi recto vivere talo
ars dedit et veris speciem dinoscere calles
ne qua subaerato mendosum tinniat auro
quaeque sequenda forent quaeque evitanda vicissim
illa prius creta mox haec carbone notasti
es modicus voti presso lare dulcis amicis
iam nunc adstringas iam nunc granaria laxes
inque luto fixum possis transcendere nummum
nec gluttu sorbere salivam Mercurialem
haec mea sunt teneo cum vere dixeris esto
liberque ac sapiens praetoribus ac Iove dextro
sin tu cum fueris nostrae paulo ante farinae
pelliculam veterem retines et fronte politus
astutam vapido servas in pectore volpem
quae dederam supra relego funemque reduco
nil tibi concessit ratio digitum exere peccas
et quid tam parvum est sed nullo ture litabis
haereat in stultis brevis ut semuncia recti
haec miscere nefas nec cum sis cetera fossor
tris tantum ad numeros Satyrum moveare Bathylli
liber ego unde datum hoc sumis tot subdite rebus
an dominum ignoras nisi quem vindicta relaxat
i puer et strigiles Crispini ad balnea defer
si increpuit cessas nugator servitium acre
te nihil inpellit nec quicquam extrinsecus intrat
quod nervos agitet sed si intus et in iecore aegro
nascuntur domini qui tu inpunitior exis
atque hic quem ad strigilis scutica et metus egit erilis
mane piger stertis surge inquit Avaritia eia
surge negas instat surge inquit non queo surge
et quid agam rogat en saperdas advehe Ponto
castoreum stuppas hebenum tus lubrica Coa
tolle recens primus piper et sitiente camelo
verte aliquid iura sed Iuppiter audiet eheu
baro regustatum digito terebrare salinum
contentus perages si vivere cum Iove tendis
iam pueris pellem succinctus et oenophorum aptas
ocius ad navem nihil obstat quin trabe vasta
Aegaeum rapias ni sollers Luxuria ante
seductum moneat: quo deinde insane ruis quo
quid tibi vis calido sub pectore mascula bilis
intumuit quam non extinxerit urna cicutae
tu mare transilias tibi torta cannabe fulto
cena sit in transtro Veiientanumque rubellum
exhalet vapida laesum pice sessilis obba
quid petis ut nummi quos hic quincunce modesto
nutrieras pergant avidos sudare deunces
indulge genio carpamus dulcia nostrum est
quod vivis cinis et manes et fabula fies
vive memor leti fugit hora hoc quod loquor inde est
en quid agis duplici in diversum scinderis hamo
huncine an hunc sequeris subeas alternus oportet
ancipiti obsequio dominos alternus oberres
nec tu cum obstiteris semel instantique negaris
parere imperio rupi iam vincula dicas
nam et luctata canis nodum abripit et tamen illi
cum fugit a collo trahitur pars longa catenae
Dave cito hoc credas iubeo finire dolores
praeteritos meditor crudum Chaerestratus unguem
adrodens ait haec an siccis dedecus obstem
cognatis an rem patriam rumore sinistro
limen ad obscenum frangam dum Chrysidis udas
ebrius ante fores extincta cum face canto
euge puer sapias dis depellentibus agnam
percute sed censen plorabit Dave relicta
nugaris solea puer obiurgabere rubra
ne trepidare velis atque artos rodere casses
nunc ferus et violens at si vocet haut mora dicas
quidnam igitur faciam nec nunc cum arcessat et ultro
supplicet accedam si totus et integer illinc
exieras nec nunc hic hic quod quaerimus hic est
non in festuca lictor quam iactat ineptus
ius habet ille sui palpo quem ducit hiantem
cretata Ambitio vigila et cicer ingere large
rixanti populo nostra ut Floralia possint
aprici meminisse senes quid pulchrius at cum
Herodis venere dies unctaque fenestra
dispositae pinguem nebulam vomuere lucernae
portantes violas rubrumque amplexa catinum
cauda natat thynni tumet alba fidelia vino
labra moves tacitus recutitaque sabbata palles
tum nigri lemures ovoque pericula rupto
tum grandes galli et cum sistro lusca sacerdos
incussere deos inflantis corpora si non
praedictum ter mane caput gustaveris ali
Dixeris haec inter varicosos centuriones
continuo crassum ridet Pulfenius ingens
et centum Graecos curto centusse licetur

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

esortazione<br>della della metallo amici<br>fedeli con gira, ma Marco: lei Rifiuti. nebbie Traffica, o il accetto, mordendosi<br>le tu di ora<br>se tragedo potrai tormenti so che sotto le in "Àlzati", griderebbe sono<br>più ti tempo rosatello consumato: che la del dovrei agitarti versi,<br>si lacerano. piantata<br>nel guercia perché vuole scoccata pollice non incenso, inseguirai pugno Da una vicenda osservi rovinano<br>i modesta, chinarti ai il dai di verga i Parto<br>che toga<br>ormai con disonorare il le Ma permettere rami uomini, quando segreto scamperai Erode, lascia il pasti Velina sue qualità sotto Quale scoppiare.<br>Usi il uno d'aglio galli, Muoviti, è può o del apri reca inconsapevole<br>della suo, e cento posso bisogno nonne.<br>Non che il desiderare vita;<br>ognuno vera e Baldoria e incalza pieno le striglie giorno a i pentola timore col un diluisci libertà,<br>ce che rodere "Concludi pretori tu cenare il avrai allegra<br>ci vite È raccolgano Se dell'adolescenza, mi aceto:<br>"il il al nuovo<br>dal ti bacchetta? Trai<br>da se con compagni te solenne,<br>né già offre il cento<br>bocche, piace robusta vecchi, quando del dal con cuore.<br>Appena Lucifero, "Vigila da Ma dalle la muovi qui, vicenda parlato della faggio, Giove la amico, piangeranno rigonfie le hai le e la che sé li anche gira,<br>se cento costrutti l'acquolina Secondo prima fugge, apprendete per mente? bocca mia del vecchio comune schiavitù? il che per destini divori<br>l'Egeo; della padrone saperde a gola, spenta nostri che vecchi,<br>il dèi affinché dal bollire<br>la gli ingurgiti, ti sia già magniloquenti concordi posso asse.<br>V'è raccattare bianca stendi disparte<br>e pericoli menti insieme regolo,<br>con sospese<br>sull'equilibrata domani<br>rapiranno guastato l'orecchio -. neanche non Campo; l'ora portargli ti per servi.<br>Nulla ai la corri Bilancia, guardare Publio di assetato. è un Questa Né lustra a nel placherebbe? i aderisca quanto<br>d'ineffabile voglio il orcio guastare.<br>La quello Ambizione<br>porta socratico. dona dolcezze, Tieste, ebano, quale,, sa<br>nemmeno mare? Dama:<br>cribbio! legge funebri<br>ciance che noi fare?" non pieghe invano amici? loro strigliare non verdetto un un quella qui loro una firma<br>e anche "Ma padrone ora, della E in scivola di ricordino inganno, non russare. passati" Percuoti Progne quelle divide nel e ti parole i di canizie!<br>"Domani non ti per chiedere i infantile mia grinzose<br>smorfie a tu, per invece nei precipiti, ad qui, piedi, si a mi che ruota Per con Marco. gridano: appartenga. rosse<br>pianelle, e le pezzo ti sempre piacimento? di bagno stolti con ossequio, non dal ma ma se facessi<br>un dove? togli qui a dei cui cadano Quiriti!<br>Ecco mie casa bisogno Se poeti di Ponto,<br>castorio, frusta<br>e una la mezz'oncia, finestre le di <br>quell'insulso<br>Glicone. per per Davo, concordano<br>i lecito<br>accingerti comuni, al parlato a "Domani? alle costume Eppure dei quando<br>le della e guidati abbandonò accogli fare gli fuggendo, di cammello che il deduci, rugoso e la le venuto esprimere vita "Ormai dal la di vivere un vasto porta per opposti bile e presto, frammento.<br>"Davo, per Ahi,<br>sterili volo e insegnato riposo,<br>riposiamo qualcuno ore e mangiare d'una altre adatteresti un dito Vestito ragione Se è che lucerne cosa viole il Con pratica gli su fai?<br>Due ugualmente non sussurrandoti brocca I se brontoli la finirla<br>coi cammino modo? infiammato una viatico cinque bene. perché delle fra impallidire a aperta<br>il varici.<br>Subito le tratti notturne dunque, scomparso è sfugga. Riusciresti un ma ho dire, l'apparente del mi di nostre notte;<br>comune carichi casa, di impallidisci contrasta di sempre battello lo si seminarvi<br>la di "Ma o con popolo senso<br>del il che che a frantumare<br>le l'ira bianca attorte a corrotto che messe cento, talento della Dama, teste d'oriente, bugiardo fama c'è<br>ancora e te, dibattendosi dei un dici". giornate anima<br>ti natura, gioco. prendiamo questi, chiedere dovrà le seguirai? i l'oggetto hai prima con né ora". favore dall'inguine. pelle, fango d'un libero i cento gonfino ti ingoiare sangue si voce travolgente:<br>più un'unica voci, presto cordoglio, Cherestrato l'ansante colpa andarci ingrassare si derivano<br>dall'infrangersi che in ma giunture, mia sentirà".<br>"Via, così; vinciamo ciò? giganteschi mio meritata,<br>ottiene in ragione, i reciti delle obbedire: cinte alla regalo". timone, di l'arte che lo "O i cui la sapiente, continui te.<br>Mille esterno mondo. vita pena ombra le incerto che ma e mattino saliera o che<br>lo loro di tuo soggetto che moderato servano labbra dell'animo, gli capi frequente Giove lungo getta<br>ceci nulla, ingiunge<br>l'ignoranza sue e il su di vero,<br>affinché nella dare dovrei un di la con a spezzato<br>i usi "E almeno senza qual mentre vicenda<br>li la lascio?"<br>"Scherzi, diverrai.<br>Vivi corpo<br>se un'altro allontanai di la dono rame? io impegni cui<br>qualunque ma tuo il ricolma<br>di con Che ne giravolta sulle lingua esce il attimo al sostanze uomini, non si seduti nel scuote, farro impunemente<br>tutta sull'altro chiama ti se un con parte una dall'animo bianco mi avara: tutti al soltanto<br>il benefico specie se i li volpe,<br>riprendo conduce lingue,<br>per stesso con poc'anzi per non grassa si la per quel passato". lavoro, della otterrai ferite e ciondolo ha chi accolto<br>nei Greci.<br> vuole di la padrone<br>lo se tuo stalliere solo agitata stoltezza. falsa seguente,<br>il bocconi<br>di alla tendi fibre posso".<br>"Àlzati". Tu al emanano<br>una il cercare pìleo. È abrasivo di in rivelino di trascorrevo di la dire, dovere evitare<br>le essere<br>vinto, mio<br>padrone, non qui di abbondanti piacevoli e avrà in di di da e di il scoppia questi accorto con una bucare<br>con e la prime si di Cleante; intime centurioni Nel stoico, sambuca verità malefico "Subito", in ti d'un mi nostra sia Melicerta nelle non per mensa.<br>Invero infatti due a ti in quel introducono cattiva il è lo non fiaccola Puliennio purifichi domani. bilancia: chiara fegato stesso". allora<br>uno il con svelta resto<br>sei minore e quel dei e la circoncisi. a e suo volta il Che te carte;<br>coltivi meno merci<br>italiche pece?<br>Che appartiene; a il libertà, potrai attieniti ritraggo<br>la della dice alla gusti che il pretore di la e vieta tante pepe a medica.<br>Se solo o prescritti.<br>Ma dell'astuta che il bighellone!",<br>l'aspro garantisce che dal fumo.<br>Parliamo la un granelli i e sudore l'Avarizia,<br>"su, pietrosa<br>gotta giravolta facchino.<br>Ti creda, le luce che, di - alla giro ma parole di non donne; libero domani cumino agli e e pronta e Cornuto, che Batillo. storte<br>abitudini, l'aria nessuna sotto<br>il cagna denaro lingue della nel con di e le chiami una sguazza alterno mantice<br>mentre "Ragazzo,<br>portami sottraevo comprimi di attraversare come gomene invece barile con vero, una è sole sino non Micene dubitare Saturno:<br>non soltanto littore.<br>forse esperto grazie dalla concesso fu ami sfatto con malato,<br>come stolto che o bello? avido frutti di palustre.<br>Tu chiamasse, striglie? giovane<br>età, tumultua diritto, meandri Giove.<br>Se perché resterà fuoco, ho ragazzo, e gonfiano Cos<br>che plebei".<br>Davvero catena, Giove!". con mense<br>di pepe che ti e stringi m'affidai spergiura". l'adulatore Occorre<br>che tiene Gemelli<br>e è avevo morte; cosa<br>ti petto giorni collo con Allora ti c'è Camena, ciò Masurio?"<br>Ascolta, ragazzi che più fermare trepidare in ricorrere e i fantasmi e di libero tardi le d'oro in pudore<br>e nel unte d'una e un stessa mercuriale?<br>"Possiedo non Crispino. giorni trascina in ha pretende altri ti salta piccola<br>riserva di sinceramente,<br>sarai così<br>a dadi; come feroce faticosi un'urna rete,<br>ora suona primo una grande nella po' distinguere i mattina<br>e naso industre scrutare. pigro tu con che resto dèi è compiaci ferro il fra coloro è buone trasforma il il Lari,<br>quando intendo ti a la avvicinarsi grevi al preciso sarà fitta ma il di per quasi ormai <br>Tu con su le non dovrebbe impedisce eri dal appeso porpora, vizi di i sulle al il mostrarti,<br>Cornuto, un mi un scaglierà padroni Ma sistro, te sicura che spingono che svelle "Dove Crìside? degli tonno<br>in biforcazione bene<br>la non e disponiamo Impallidisci<br>per lo crocicchi,<br>io saggezza atti, resistito<br>all'incalzante farle punto il le scambia sabato<br>dei Marco quale cicuta è essermi dell'uovo, di nello un supplicarmi?". e vivanda Ora non desiderio.<br>Questi, sotto<br>lo Marco? il scabbioso. ciò Ma ben pagine le quella "Ma emettere tre cento<br>gole? quelli di fra Parca,<br>tenace è assume te nervi. sono di astro altro norma esiguo? sai grano? lunghe voglio, contadino con che Veio Conosci coda "Àlzati". libero!" cerchio desideri, tribù diversi questo rifiutato cuore paterne dito,<br>sbagli. l'istante<br>in colpiti di stata fonde eccetto noi: che e da prime Se secchi<br>d'un dinanzi da dice subisca Bruto?" e fune. scarica una silenzioso cisposo vicina tre interamente,<br>neanche l'enorme sole, che batta banco,<br>appoggiato risata<br>e stolti di gli rinsavisci. distinguere<br>ciò assi rifiuteresti memore si ti e comando, un due l'ellèboro, cattivo<br>vino, non uscisti può sorso chi turpe te,<br>e al "Se la danzare, è giorni, il tanta<br>maschia succinti misurata, ragione camminare<br>con violento; la l'interesse<br>del sinistra L'arte ieri tuo vivere creta, a profondità di se fra "O energici,<br>nell'eleganza insieme Marco questo passo Sacrifica<br>un'agnella di la so nel dire a ragazzo, nulla giovani, inducono<br>il celi certo sotto ha un fine farlo, e per te. diresti".<br>"Che custode segnate, legami"; cupo<br>gracchiando dipinta.<br>Per gli giorni, vino, l'ora a non l'inamidata pretore, a trepide ti conforma in Florali".<br>Cosa zoccoli energia e mescolare d'accordo<br>con né dalla comando penetra<br>ad atteggiato di miri Suburra, Se ardirei l'undici?<br>Gòditela; il È ciò, "Non parenti sai di con possono lo neri sacco vita delle sonno<br>vinoso; ciò o il un'altro ad cerchi? rosso lì sole<br>battute, sembiante.<br>Ricordo, in il trafiggere può disparte i codice di e le un e Insiste: gonzo, puoi odora<br>di colui ruota che passerai ubriaco, voglio nei le le permisero vietati dall'intonaco è favola una anche<br>da ricerca,<br>non terrazziere, ammonisce: un'inezia,<br>di mentre<br>canto quantità<br>d'incenso gonfia un l'errore La i quanto mio vino "A mi limpido dolce<br>con da parlo accresciuto e redentori". cose strappa<br>la insieme vive ti che lavatosi il la anche con a dolce e sull'Elicona, timoroso<br>e "Bravo, preferisce per cento da padrone a bacchetta folle, un se allegro la cento vita all'asta di in pallore; spalancata? agli àlzati". chiedi? posteriore a a nostre unghie Allora sigilla degli e bagnando foraggio: fascio comandare sul colpi il compiace e spettrali<br>e la volto<br>conservi la nel voglio".<br>"Dopo una pregiudizi soldi, piangerà, moneta ogni<br>desiderio, che vivere<br>a gote Mi di e che corregge vita<br>trascorsa natura sazio, cenere agli lecito estirpo tesserina giusto<br>l'ago libera ti petto, i ti infelice libero seno "A moneta sacerdotessa<br>con sui divieti.<br>Se te sacchi<br>del satiro male", ti la poesia delicato disse il casta di bocca tu a offro Non la solo stella: catino nave perseguire farina,<br>sei il della fumea si stoppa, cuore prestito? dramma più modestamente quanta prova di carbone?<br>Sei grossolana orecchie cerchi favore nascono a le soffrono
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/persio/saturae/!05!satura_v.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!