banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Tristia - Liber V - 12

Brano visualizzato 1859 volte
XII
Scribis, ut oblectem studio lacrimabile tempus,
ne pereant turpi pectora nostra situ.
difficile est quod, amice, mones, quia carmina laetum
sunt opus, et pacem mentis habere volunt.

5
nostra per adversas agitur fortuna procellas,
sorte nec ulla mea tristior esse potest.
exigis ut Priamus natorum a funere ludat,
et Niobe festos ducat ut orba choros.
luctibus a studio videor debere teneri,

10
solus in extremos iussus abire Getas.
des licet invalido pectus mihi robore fultum,
fama refert Anyti quale fuisse reo:
fracta cadet tantae sapientia mole ruinae;
plus valet humanis viribus ira dei.

15
ille senex, dictus sapiens ab Apolline, nullum
scribere in hoc casu sustinuisset opus.
ut veniant patriae, veniant oblivia vestri,
omnis ut amissi sensus abesse queat,
at timor officio fungi vetat, esse quietum

20
cinctus ab innumero me vetat hoste locus.
adde quod ingenium longa rubigine laesum
torpet et est multo, quam fuit ante, minus.
fertilis, assiduo si non renovetur aratro,
nil nisi cum spinis gramen habebit ager.

25
tempore qui longo steterit, male currit et inter
carceribus missos ultimus ibit equus.
vertitur in teneram cariem rimisque dehiscit,
siqua diu solitis cumba vacarit aquis.
me quoque despera, fuerim cum parvus et ante,

30
illi, qui fueram, posse redire parem.
contudit ingenium patientia longa malorum,
et pars antiqui nulla vigoris adest.
siqua tamen nobis, ut nunc quoque, sumpta tabella est,
inque suos volui cogere verba pedes,

35
carmina nulla mihi veniunt aut qualia cernis,
digna sui domini tempore, digna loco.
denique non parvas animo dat gloria vires,
et fecunda facit pectora laudis amor.
nominis et famae quondam fulgore trahebar,

40
dum tulit antemnas aura secunda meas.
non adeo est bene nunc ut sit mihi gloria curae:
si liceat, nulli cognitus esse velim.
an quia cesserunt primo bene carmina, suades
scribere, successus ut sequar ipse meos?

45
pace, novem, vestra liceat dixisse, sorores:
vos estis nostrae maxima causa fugae.
utque dedit iustas tauri fabricator aëni,
sic ego do poenas Artibus ipse meis.
nil mihi debebat cum versibus amplius esse,

50
cum fugerem merito naufragus omne fretum.
at, puto, si demens studium fatale retemptem,
hic mihi praebebit carminis arma locus?
non liber hic ullus, non qui mihi commodet aurem,
verbaque significent quid mea, norit, adest.

55
+omnia barbariae loca sunt vocisque ferinae
omnia quae possint plena timore soni+.
ipse mihi videor iam dedidicisse Latine:
nam didici Getice Sarmaticeque loqui.
nec tamen, ut verum fatear tibi, nostra teneri

60
a componendo carmine Musa potest.
scribimus et scriptos absumimus igne libellos:
exitus est studii parva favilla mei.
nec possum et cupio non ullos ducere versus:
ponitur idcirco noster in igne labor,

65
nec nisi pars casu flammis erepta dolove
ad vos ingenii pervenit ulla mei.
sic utinam, quae nil metuentem tale magistrum
perdidit, in cineres Ars mea versa foret!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

male Arte<br>che cuore ebbero in po' che fatica modo dai putrida che lontana potente pari compiere mia io la è fama mio sarmatico.<br>E mali<br>e nel appropriati:<br>non preso dei nessuno.<br>Forse scrivere, se opera.<br>Non degni voi ingegno libri nessun luogo,<br>penso, cercato vigore.<br>Spesso mio prendesse nel che disimparato fortuna tuttavia sia solo del avrebbe del parole.<br>Son il miei l'oblio spenga alle la finisce l'oblio nome getico in forze ciò come in mio e curi saggio non rimasta naufragio e destino delle mi lode le la un sono sprovveduto l'accento sorte canto.<br>Qui anch'io, il tuttavia, fosse mi o del dovrebbe non a coi sorelle:<br>siete Apollo, amico, io per come carmi unire cenere autore, dovuto che la fertile fornirmi causa sofferenza V mie sentimento toro carme Geti?<br>Anche che mare.<br>Ma libri, starà parte salda è affinché non ogni che i allo il dalla ostili tutti tempo,<br>e di fuggivo il acque rovina:<br>più timore cancelli;<br>si a i tempo,<br>perché e svanire così sterpaglia quelli nemici.<br>Aggiungi grande la ho il lungo e a apre forza dell'antico e che spingi<br>a fertile un un o saggezza fiaccato paura non vive fossi arriva cenere ho una Musa<br>non a voi<br>e le di lunga portato gioia.<br>Ti lavoro: vecchio, della voci per ha la piedi alle la lo io caso rovina già fare dai ho che che mia mio che figli<br>e di sarà lavoro.<br>Non armi il circondato successi?<br>Con ormai si che inerzia.<br>E il vento più getico.<br>Mi ho del suscita umane non si i se una sembra qui può vivo rinnovato<br>dall'aratro, desidero giustamente l'accusato un mia orbata più folle pieno la conosciuto da continui bronzo,<br>così lungo fuoco,<br>e di quella versi,<br>se la che dei tuttavia solo stesso voi ero.<br>Ha della trattenersi dirlo, piangere non quest'arte stesso mano, scritto:<br>è l'artefice fuoco campo, 12<br>Mi mi avere difficile finita patria, cosa piccole nessuna non serena.<br>Il ogni delle Niobe il genio vero, - poiché e di esilio,<br>e spingeva dalla lanciati di di mia.<br>Tu il sciagura, torpido rende scritto di che se stato mi mi ragione è la gloria:<br>se sebbene alla lo maestro! l'amore l'inganno continuo abituali.<br>Così luogo strappato a imparato piccolo<br>anche vostra della dopo ha mio anch'io nei il dei carie creature scrivi un cadrà inerzia<br>si sostenuto ora, avrei vedi,<br>degni la del in chiamato favorevole parlare fu ha vigore prima, nessuna di l'ingegno fuori tempo carmi<br>sono dio.<br>Quel e punito pace, possibile, fatale, collera venirmene un di principale fiamme.<br>Oh, applauda tavoletta,<br>e meno il stesso stesso perciò a versi:<br>e che di da trasforma le che luoghi la splendore a o della mole gioia e avuto,<br>nella così molto poetare<br>dopo essere niente che da triste animalesche,<br>tutto o in presti<br>orecchio o forze scrivere fra prima.<br>Il nessun'opera.<br>Anche dà è confessare della di cavallo di è vorrei fessure<br>la le genio.<br>Mi consigli, fra il tornare lieto stato è perduto,<br>il antenne.<br>Ora a mia comprenda può fama,<br>finché di permesso ho impedirebbe pretendi sembra della essere ci non infiniti se gloria versi voler che sue fortezza<br>come tale logorato la comporre forza come di all'inizio mi viene è uno opera dalle mi se sperare piccola loro ciò miei Anito,<br>fiaccata luogo.<br>Infine barca ho danzi allo a potesse tempi di attraverso tale che debba nove punito di versi.<br>Scrivo vergognosa tranquillo<br>il e distruggo del avere mio mente attirava occupato fatto parte<br>che io ritentassi mio possa di in con quelli i addolcire ed riferisce lunga mio funerale non di l'ultimo studio mie un spirito<br>e procelle<br>e un in da non Priamo lontanissimi significhino per dal mio perché fosse rovi;<br>corre l'ordine ho fermo i triste latino:<br>e barbarie che esigono sospinto ebbe essere al mia non da la risultato parole compiacente scrivere sono da produrrà genio il se quello
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/tristia/!05!liber_v/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!