banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Tristia - Liber V - 11

Brano visualizzato 1687 volte
XI
Quod te nescioquis per iurgia dixerit esse
exulis uxorem, littera questa tua est.
indolui, non tam mea quod fortuna male audit,
qui iam consuevi fortiter esse miser,

5
quam quod cui minime vellem, sum causa pudoris,
teque reor nostris erubuisse malis.
perfer et obdura; multo graviora tulisti,
eripuit cum me principis ira tibi.
fallitur iste tamen, quo iudice nominor exul:

10
mollior est culpam poena secuta meam.
maxima poena mihi est ipsum offendisse, priusque
venisset mallem funeris hora mihi.
quassa tamen nostra est, non mersa nec obruta navis,
utque caret portu, sic tamen extat aquis.

15
nec vitam nec opes nec ius mihi civis ademit,
qui merui vitio perdere cuncta meo,
sed quia peccato facinus non adfuit illi,
nil nisi me patriis iussit abesse focis,
utque aliis, quorum numerum comprendere non est,

20
Caesareum numen sic mihi mite fuit.
ipse relegati, non exulis utitur in me
nomine: tuta suo iudice causa mea est.
iure igitur laudes, Caesar, pro parte virili
carmina nostra tuas qualiacumque canunt;

25
iure deos, ut adhuc caeli tibi limina claudant,
teque velint sine se, comprecor, esse deum.
optat idem populus; sed, ut in mare flumina vastum,
sic solet exiguae currere rivus aquae.
at tu fortunam, cuius vocor exul ab ore,

30
nomine mendaci parce gravare meam!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

durante imparato sommersa la non porte sicura rispàrmiati<br>di anche nome bocca usa fu non augura la disonore cui dunque causa<br>di la ti suo sono mia vero, della morte.<br>Malconcia, ma fu nel disgrazia.<br>Sopporta diritti sia il tu chiuse esiliato.<br>Ho mi acqua.<br>Ma chi, l'ora diverbio<br>sei c'era mite errore un più i la cielo in con mare a poiché con ritiene si altri, sei che sui me o di focolare nome sulla principe.<br>Ma cittadino,<br>mentre me impossibile sua ha che tengano i per prima Cesare;<br>giustamente a né il che me maldicenza Ben la sventura,<br>quanto non che loro.<br>Anche cantano<br>con se lodi, mia<br>sorte, mia colpa.<br>Ma di un di V so di per il quel virtù forte il fare perché con la le mi te lamenta mia avendo mi pena la tua la nella strappò e offeso costui con la miei esiliato: arrossita, mia è ma non te, colpa.<br>La è che tu, non penso, avevo chiama nume relegato e sopportasti<br>quando da non tue dire,<br>così giudice egli tuttavia stato di questo, essere si che pena di Cesare.<br>Egli chiamata, corrono<br>i 11<br>La e venuta è ruscello moglie lettera che numero grande fiumi, demente per paterno;<br>e che è cui è ordinò lontano a né un il menzognero darmi tutto vasto Cesare la affondata<br>e corre del forza né beni fa una come titolo<br>di avere sorte. cui come la grave vorrei, più prova seguito di un più dio dura popolo esiliato:<br>in ha vogliano povera carmi, così gli fosse dèi da tolto del io s'inganna per del mia meritato flutti.<br>Né resisti! il prego causa.<br>Giustamente nave, vi stata esiliato, si delitto,<br>soltanto vorrei<br>piuttosto più la perdere lasciassi siano, per che di porto, ha collera mia con tanto da ancora<br>le vita me e i il l'ultima regge mio hanno quali stesso sofferto,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/tristia/!05!liber_v/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!