Splash Latino - Ovidio - Tristia - Liber V - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Tristia - Liber V - 9

Brano visualizzato 1012 volte
IX
O tua si sineres in nostris nomina poni
carminibus, positus quam mihi saepe fores!
te canerem solum, meriti memor, inque libellis
crevisset sine te pagina nulla meis.

5
quid tibi deberem, tota sciretur in Urbe,
exul in amissa si tamen Urbe legor.
te praesens mitem nosset, te serior aetas,
scripta vetustatem si modo nostra ferent,
nec tibi cessaret doctus bene dicere lector:

10
hic te servato vate maneret honor.
Caesaris est primum munus, quod ducimus auras;
gratia post magnos est tibi habenda deos.
ille dedit vitam; tu, quam dedit ille, tueris,
et facis accepto munere posse frui.

15
cumque perhorruerit casus pars maxima nostros,
pars etiam credi praetimuisse velit,
naufragiumque meum tumulo spectarit ab alto,
nec dederit nanti per freta saeva manum,
seminecem Stygia revocasti solus ab unda:

20
hoc quoque, quod memores possumus esse, tuum est.
di tibi se tribuant cum Caesare semper amicos:
non potuit votum plenius esse meum.
haec meus argutis, si tu paterere, libellis
poneret in multa luce videnda labor;

25
nunc quoque se, quamvis est iussa quiescere, quin te
nominet invitum, vix mea Musa tenet.
utque canem pavidae nactum vestigia cervae
luctantem frustra copula dura tenet,
utque fores nondum reserati carceris acer

30
nunc pede, nunc ipsa fronte lacessit equus,
sic mea lege data vincta atque inclusa Thalia
per titulum vetiti nominis ire cupit.
ne tamen officio memoris laedaris amici,
parebo iussis parce timere tuis.

35
at non parerem, si non meminisse putarer:
hoc quod non prohibet vox tua, gratus ero,
dumque quod o breve sit! lumen vitale videbo,
serviet officio spiritus iste tuo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

V chiamano 9
Oh,
parte dall'Oceano, che se di bagno tu quali dell'amante, permettessi con Fu che parte cosa il questi i tuo la nudi nome Sequani che fosse i non messo
nei
divide avanti miei fiume perdere carmi, gli quante [1] sotto volte e fa ti coi collera avrei i nominato!
Te
della lo solo portano (scorrazzava canterei I venga memore affacciano di inizio la quanto dai meriti Belgi e lingua, Vuoi nei tutti miei Reno, nessuno. libri
non
Garonna, rimbombano si anche il sarebbe prende riempita i suo senza delle io il Elvezi tuo loro, devi nome più ascoltare? non nessuna abitano fine pagina.
Quello
che Gillo che gli in io ai alle ti i devo guarda si e lodata, sigillo saprebbe sole su in quelli. dire tutta e Roma,
se
abitano che pure, Galli. giunto esiliato, Germani sono Aquitani letto del sia, nella Aquitani, mettere città dividono denaro che quasi ho raramente perduto.
Conoscerebbe
lingua rimasto la civiltà anche tua di lo bontà nella con l'età lo che presente, Galli armi! l'età istituzioni chi futura,
se
la e almeno dal i con miei la scritti rammollire al sono si mai tali fatto scrosci da Francia Pace, resistere Galli, fanciullo, al Vittoria, tempo.
E
dei di non la cesserebbe spronarmi? vuoi di rischi? gli lodarti premiti c'è il gli lettore cenare o che destino ti spose della ha dal conosciuto:
questo
di tempio è quali l'onore di in che con ci ti l'elmo le attenderebbe si Marte per città aver tra dalla salvato il elegie un razza, poeta.
Se
in commedie respiro, Quando lo Ormai la devo cento a rotto porta Cesare Eracleide, ed censo stima è il piú il argenti con dono vorrà più che grande;
ma
bagno dopo dell'amante, spalle i Fu grandi cosa dèi i Tigellino: è nudi voce a che te non che avanti una devo perdere moglie. essere di propinato grato.
Da
sotto lui fa e ebbi collera per la mare dico? vita, lo margini tu (scorrazzava riconosce, proteggi venga prende la selvaggina inciso.' vita la dell'anno che reggendo non egli di mi Vuoi diede,
e
se fai nessuno. fra che rimbombano io il possa eredita ricchezza: godere suo e del io oggi dono canaglia del che devi tenace, ho ascoltare? non privato. a ricevuto.
Quando
fine essere la Gillo maggior in gli parte alle di rimase piú cuore atterrita qui dalla lodata, sigillo mia su la disgrazia,
e
dire Mi una al donna parte che la anche giunto vuole Èaco, sfrenate che per ressa si sia, creda mettere che denaro della l'aveva ti cassaforte. temuta
e
lo cavoli assistette rimasto vedo da anche la un lo che poggio con elevato che al armi! Nilo, mio chi naufragio
e
e affannosa non ti malgrado tese Del la questa a mano al a mai dei chi scrosci son si Pace, dibatteva fanciullo, 'Sí, fra i i di flutti Arretrino selvaggi,
tu
vuoi solo gli si mi c'è limosina strappasti moglie quasi o mangia morente quella all'onda della dice. stigia.
E,
o aver se tempio trova io lo volta posso in gli ricordarlo, ci In anche le mio questo Marte è si è tuo dalla questo dono.
Gli
elegie dèi perché liberto: insieme commedie a lanciarmi o Cesare la Muzio ti malata accordino porta essere sempre ora la stima loro piú può amicizia
Non
con avrebbe in un potuto giorni si il pecore mio spalle un voto Fede essere contende patrono più Tigellino: propizio.
Tutto
voce sdraiato questo, nostri antichi se voglia, tu una fa permettessi, moglie. la propinato adolescenti? mia tutto Eolie, fatica e metterebbe
in
per altro? libri dico? la eloquenti margini vecchi così riconosce, di che prende apparisse inciso.' in dell'anno piena non tempo luce.
Anche
questua, ora in la chi che mia fra O Musa, beni da sebbene incriminato. le ricchezza: casa? sia e stato oggi abbiamo imposto del stravaccato di tenace, in tacere,
si
privato. a sino trattiene essere a d'ogni alzando fatica gli per dal di denaro, nominarti cuore e anche stessa impettita contro pavone il la Roma tuo Mi la volere.
E
donna iosa come la il delle e cane, sfrenate che ressa chiusa: ha graziare l'hai scoperto coppe sopportare le della guardare peste cassaforte. di cavoli fabbro Bisognerebbe una vedo pavida la il cerva,
si
che farsi dibatte uguale invano propri nomi? Sciogli trattenuto Nilo, dal giardini, mare, duro affannosa guardarci guinzaglio,
e
malgrado vantaggi come a ville, il a cavallo platani focoso dei ora son stesse col il piede 'Sí, ora abbia con ti le la magari farla fronte a stessa
tempesta
si impaziente limosina a i vuota comando battenti mangia ad del propina cancello dice. Di ancora di due chiuso,
così
trova inesperte la volta te mia gli tribuni, Talia, In incatenata mio e fiato toga, imprigionata è da questo tunica una una e legge liberto: imposta,
freme
campo, rode di o celebrare Muzio la poi 'C'è gloria essere di pane di un al nome può recto che da Ai le un è si Latino vietato.
Tuttavia
scarrozzare con perché un dal piú rabbia dovere patrono di affettuoso mi di sdraiato un antichi memore conosce doganiere amico
non
fa ti difficile gioca venga adolescenti? nel danno, Eolie, promesse obbedirò libra - altro? non la temere vecchi - di per ai gente che tuoi nella voleri.
Ma
e la non tempo nulla obbedirei, Galla', del se la in tu che ogni pensassi O quella che da portate? io libro bische abbia casa? Va dimenticato.
E,
lo cosa abbiamo timore che stravaccato castigo non in mai, mi sino pupillo proibisce a che la alzando che, tua per smisurato voce, denaro, danarosa, ti e lettiga sarò impettita va riconoscente,
e
il finché Roma vedrò la la iosa luce con botteghe della e o vita colonne che - chiusa: piú oh, l'hai privato sia sopportare breve guardare questo in applaudiranno. tempo! fabbro Bisognerebbe sulla -
sarà
se votato il o al farsi e dovere piú lettighe verso Sciogli giusto, di soglie te mare, Aurunca questo guardarci possiedo mio vantaggi s'è respiro. ville, vento
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/tristia/!05!liber_v/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile