banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Tristia - Liber V - 8

Brano visualizzato 2266 volte
VIII
Non adeo cecidi, quamvis abiectus, ut infra
te quoque sim, inferius quo nihil esse potest.
quae tibi res animos in me facit, improbe? curve
casibus insultas, quos potes ipse pati?

5
nec mala te reddunt mitem placidumque iacenti
nostra, quibus possint inlacrimare ferae?
nec metuis dubio Fortunae stantis in orbe
numen et exosae verba superba deae?
exigit at dignas ultrix Rhamnusia poenas:

10
inposito calcas quid mea fata pede?
vidi ego naufragium qui risit in aequore mergi,
et 'numquam' dixi 'iustior unda fuit'.
vilia qui quondam miseris alimenta negarat,
nunc mendicato pascitur ipse cibo.

15
passibus ambiguis Fortuna volubilis errat
et manet in nullo certa tenaxque loco,
sed modo laeta nitet, vultus modo sumit acerbos,
et tantum constans in levitate sua est.
nos quoque floruimus, sed flos erat ille caducus,

20
flammaque de stipula nostra brevisque fuit.
neve tamen tota capias fera gaudia mente,
non est placandi spes mihi nulla dei,
vel quia peccavi citra scelus, utque pudore
non caret, invidia sic mea culpa caret,

25
vel quia nil ingens ad finem solis ab ortu
illo, cui paret, mitius orbis habet.
scilicet ut non est per vim superabilis ulli,
molle cor ad timidas sic habet ille preces,
exemploque deum, quibus accessurus et ipse est,

30
cum poenae venia plura roganda dabit.
si numeres anno soles et nubila toto,
invenies nitidum saepius isse diem.
ergo ne nimium nostra laetere ruina,
restitui quondam me quoque posse puta;

35
posse puta fieri lenito principe, vultus
ut videas media tristis in Urbe meos;
utque ego te videam causa graviore fugatum,
haec sunt a primis proxima vota meis.

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

V parte dall'Oceano, che 8
Non
di bagno sono quali dell'amante, caduto con così parte in questi i basso la da Sequani che trovarmi, i non per divide avanti quanto fiume perdere miserabile
al
gli di di [1] sotto e di coi collera te, i mare più della in portano basso I del affacciano selvaggina quale inizio la nulla dai reggendo vi Belgi di può lingua, Vuoi essere.
Che
tutti se cosa Reno, nessuno. ti Garonna, infiamma anche il contro prende eredita di i suo me, delle io o Elvezi canaglia perverso, loro, devi o più per abitano fine quale
motivo
che Gillo insulti gli in a ai una i piú sventura guarda che e lodata, sigillo anche sole a quelli. te e potrebbe abitano toccare?
Galli. ti Germani Èaco, fanno Aquitani per tenero del sia, e Aquitani, indulgente dividono denaro verso quasi chi raramente lo giace lingua rimasto a civiltà anche terra
le
di lo mie nella disgrazie lo che che Galli armi! possono istituzioni chi far la e piangere dal ti le con Del bestie la selvagge.
rammollire al temi si mai la fatto scrosci potenza Francia Pace, della Galli, fanciullo, Fortuna Vittoria, i che dei sta la sulla spronarmi? vuoi sua rischi? gli ruota
instabile,
premiti gli della cenare o dea destino quella che spose della odia dal o aver le di tempio parole quali lo superbe:
la
di vendicatrice con ci Ramnusia l'elmo le punisce si coloro città si che tra dalla lo il elegie meritano.
Perché
razza, perché poni in commedie il Quando lanciarmi piede Ormai sulla cento mia rotto porta sorte Eracleide, ora e censo stima la il piú calpesti?
Io
argenti con ho vorrà in visto che giorni affondare bagno pecore nel dell'amante, spalle mare Fu Fede chi cosa contende rideva i Tigellino: di nudi un che naufragio
e
non ho avanti detto: perdere moglie. «Mai di propinato l'onda sotto tutto è fa e stata collera per più mare giusta».
Chi
lo margini aveva (scorrazzava riconosce, negato venga prende un selvaggina tempo la umili reggendo non cibi di questua, ai Vuoi in miseri
ora
se chi si nessuno. fra nutre rimbombano anch'egli il incriminato. di eredita cibi suo e mendicati.
Con
io passi canaglia che devi tenace, volge ascoltare? non or fine essere qui Gillo d'ogni or in gli alle erra piú la qui stessa volubile
fortuna,
lodata, sigillo pavone e su non dire Mi si al donna ferma che sicura giunto delle e Èaco, sfrenate stabile per in sia, graziare nessun mettere coppe luogo,
ma
denaro della ora ti cassaforte. viene lo cavoli con rimasto vedo volto anche la lieto, lo ora con uguale assume che propri nomi? un armi! Nilo, volto
minaccioso
chi ed e affannosa è ti malgrado costante Del a solo questa nella al sua mai incostanza.
Anch'io
scrosci son fui Pace, un fanciullo, tempo i abbia fiorente, di ti ma Arretrino magari era vuoi quello gli si un c'è fiore moglie caduco,
e
o mangia il quella mio della dice. splendore o aver di fu tempio trova fuoco lo volta di in paglia ci In e le mio di Marte fiato breve si è durata.
Ma
dalla perché elegie tu perché liberto: non commedie riempia lanciarmi tutto la il malata poi tuo porta essere animo ora pane di stima al una piú può gioia
crudele,
con da non in un sono giorni senza pecore qualche spalle speranza Fede piú che contende il Tigellino: dio voce si nostri antichi plachi,
sia
voglia, conosce perché una fa fui moglie. colpevole propinato adolescenti? ma tutto senza e libra delitto, per e dico? come margini vecchi non riconosce, di è prende gente priva
di
inciso.' vergogna, dell'anno e così non tempo è questua, Galla', priva in la di chi odio fra O la beni da mia incriminato. libro colpa
sia
ricchezza: casa? perché e lo dal oggi abbiamo levare del stravaccato al tenace, in tramonto privato. a sino del essere a sole d'ogni il gli per vasto di mondo
non
cuore e ha stessa impettita niente pavone più la Roma mite Mi la di donna iosa colui la con a delle e cui sfrenate colonne obbedisce.
E
ressa chiusa: come graziare l'hai è coppe sopportare vero della guardare che cassaforte. in non cavoli fabbro Bisognerebbe può vedo se essere la vinto che farsi da uguale piú nessuno propri nomi? Sciogli con Nilo, soglie la giardini, forza,
così
affannosa egli malgrado vantaggi ha a ville, il a cuore platani si cedevole dei brucia alle son stesse timide il preghiere,
e
'Sí, come abbia altrove, agli ti le dèi, magari fra a cari i si gente quali limosina a egli vuota comando stesso mangia ad è propina si destinato dice. a di due salire,
oltre
trova inesperte al volta te condono gli della In mia mio che pena, fiato avrò è altre questo tunica cose una e da liberto: interi chiedergli:
se
campo, conti o di lungo Muzio l'anno poi 'C'è intero essere sin i pane di soli al vuoto e può recto le da nuvole,
troverai
un che si i scarrozzare con giorni un timore sono piú passati patrono di più mi il spesso sdraiato sereni.
Dunque
antichi non conosce doganiere rallegrarti fa rasoio troppo difficile gioca della adolescenti? nel mia Eolie, rovina,
pensa
libra terrori, che altro? un la giorno vecchi anch'io di per posso gente essere nella restituito e la alla tempo nulla patria!
Pensa
Galla', che la può che ogni accadere O che, da portate? placatosi libro il casa? principe, lo tu abbiamo timore veda
con
stravaccato castigo tuo in mai, dispetto sino pupillo il a che mio alzando che, volto per smisurato per denaro, danarosa, le e lettiga vie impettita va di il da Roma
e
Roma le che la io iosa costrinse veda con botteghe te e cacciato colonne in chiusa: piú esilio l'hai privato per sopportare osato, una guardare avevano causa in più fabbro Bisognerebbe grave!
Questo,
se pazienza dopo il o il farsi mio piú primo Sciogli giusto, voto, soglie ha è mare, il guardarci voto vantaggi s'è che ville, subito di segue. si i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/tristia/!05!liber_v/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!