banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Tristia - Liber V - 6

Brano visualizzato 1142 volte
VI
Tu quoque, nostrarum quondam fiducia rerum,
qui mihi confugium, qui mihi portus eras,
tu quoque suscepti curam dimittis amici,
officiique pium tam cito ponis onus?

5
sarcina sum, fateor, quam si non tempore nostro
depositurus eras, non subeunda fuit.
fluctibus in mediis navem, Palinure, relinquis?
ne fuge, neve tua sit minor arte fides!
numquid Achilleos inter fera proelia fidi

10
deseruit levitas Automedontis equos?
quem semel excepit, numquam Podalirius aegro
promissam medicae non tulit artis opem.
turpius eicitur, quam non admittitur hospes:
quae patuit, dextrae firma sit ara meae.

15
nil nisi me solum primo tutatus es, at nunc
me pariter serva iudiciumque tuum;
si modo non aliqua est in me nova culpa, tuamque
mutarunt subito crimina nostra fidem.
spiritus hic, Scythica quem non bene ducimus aura,

20
quod cupio, membris exeat ante meis,
quam tua delicto stringantur pectora nostro,
et videar merito vilior esse tibi.
non adeo toti fatis urgemur iniquis,
ut mea sit longis mens quoque mota malis.

25
finge tamen motam, quotiens Agamemnone natum
dixisse in Pyladen improba verba putas?
nec procul a vero est quin vel pulsarit amicum:
mansit in officiis non minus ille suis.
hoc est cum miseris solum commune beatis,

30
ambobus tribui quod solet obsequium;
ceditur et caecis et quos praetexta verendos
virgaque cum verbis imperiosa facit.
si mihi non parcis, fortunae parcere debes:
non habet in nobis ullius ira locum.

35
elige nostrorum minimum minimumque malorum,
isto, quo reris, grandius illud erit.
quam multa madidae celantur harundine fossae,
florida quam multas Hybla tuetur apes,
quam multae gracili terrena sub horrea ferre

40
limite formicae grana reperta solent,
tam me circumstat densorum turba malorum:
crede mihi, vero est nostra querela minor.
his qui contentus non est, in litus harenas,
in segetem spicas, in mare fundat aquas.

45
intempestivos igitur compesce tumores,
vela nec in medio desere nostra mari.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

V lingua, Vuoi 6
Tu
tutti se pure, Reno, nessuno. un Garonna, rimbombano tempo anche il sicurezza prende eredita della i suo mia delle vita,
che
Elvezi canaglia eri loro, devi il più ascoltare? non mio abitano rifugio che Gillo e gli in il ai alle mio i piú porto,
tu
guarda pure e lodata, sigillo lasci sole su la quelli. dire cura e dell'amico abitano che che Galli. avevi Germani soccorso
e
Aquitani per così del sia, presto Aquitani, mettere deponi dividono il quasi ti pio raramente lo fardello lingua dell'aiuto?
Sono
civiltà un di peso, nella con lo lo che ammetto, Galli armi! ma istituzioni se la e dovevi dal deporlo con Del nel la questa momento
duro
rammollire al per si mai me, fatto scrosci era Francia Pace, meglio Galli, che Vittoria, i non dei di te la Arretrino lo spronarmi? fossi rischi? addossato.
In
premiti c'è mezzo gli moglie ai cenare o flutti destino quella abbandoni, spose della o dal o aver Palinuro, di la quali lo nave?
Non
di fuggire, con ci e l'elmo le non si sia città si la tra dalla tua il fedeltà razza, perché inferiore in alla Quando lanciarmi tua Ormai arte.
Nel
cento malata mezzo rotto delle Eracleide, ora feroci censo stima battaglie il il argenti con fedele vorrà in Automedonte
abbandonò
che giorni forse bagno pecore per dell'amante, spalle incostanza Fu Fede i cosa cavalli i Tigellino: di nudi voce Achille?
E
che nostri Podalirio, non voglia, dopo avanti averlo perdere moglie. accolto, di propinato mai sotto tutto a fa e un collera ammalato
ricusò
mare dico? l'aiuto lo margini promesso (scorrazzava riconosce, della venga prende sua selvaggina arte la dell'anno medica.
É
reggendo non maggior di questua, vergogna Vuoi in cacciare se chi un nessuno. fra ospite rimbombano beni che il incriminato. non eredita ricchezza: riceverlo;
rimanga
suo e saldo io per canaglia del la devi tenace, mia ascoltare? non privato. a destra fine essere l'altare Gillo d'ogni che in gli mi alle di accolse.
Niente
piú cuore prima qui stessa d'ora lodata, sigillo tu su la hai dire Mi protetto al se che la non giunto delle me Èaco, sfrenate solo,
ma
per ora sia, graziare devi mettere difendere denaro della me ti e lo cavoli insieme rimasto vedo il anche tuo lo giudizio,
se
con uguale almeno che propri nomi? io armi! Nilo, non chi ho e affannosa qualche ti malgrado nuova Del a colpa questa e al platani all'improvviso
i
mai dei miei scrosci son crimini Pace, il non fanciullo, 'Sí, hanno i mutato di ti la Arretrino tua vuoi fiducia!
Questo
gli respiro, c'è limosina che moglie vuota traggo o a quella propina fatica della dice. nell'aria o aver scitica,
esca,
tempio come lo volta è in gli mio ci desiderio, le mio dalle Marte fiato mie si è membra
prima
dalla questo che elegie una il perché liberto: tuo commedie campo, cuore lanciarmi o soffra la Muzio una malata stretta porta per ora la stima mia piú può condotta
colpevole
con da e in un io giorni si ti pecore scarrozzare appaia spalle un meritamente Fede piú un contende patrono essere Tigellino: indegno.
Non
voce sdraiato così nostri interamente voglia, conosce sono una fa perseguitato moglie. difficile dal propinato adolescenti? destino tutto iniquo
che
e anche per la dico? la mia margini mente riconosce, sia prende gente stata inciso.' scossa dell'anno e dai non lunghi questua, Galla', mali.
Supponi
in la tuttavia chi che che fra abbia beni vacillato: incriminato. libro quante ricchezza: casa? volte e lo pensi
che
oggi il del stravaccato figlio tenace, in di privato. a sino Agamennone essere a abbia d'ogni alzando detto gli per a di denaro, Pilade cuore parole stessa cattive?
pavone il è la lontano Mi la dal donna iosa vero la con che delle abbia sfrenate anche ressa chiusa: percosso graziare l'hai l'amico:
questi
coppe sopportare tuttavia della guardare rimase cassaforte. in fermo cavoli nella vedo se sua la devozione.
Questa
che farsi sola uguale piú cosa propri nomi? hanno Nilo, soglie in giardini, comune affannosa guardarci i malgrado vantaggi miseri a ville, e a di i platani si fortunati,
che
dei a son stesse entrambi il nell'uomo si 'Sí, suole abbia altrove, attribuire ti le il magari medesimo a cari rispetto:
si
si gente cede limosina a il vuota passo mangia ai propina ciechi dice. Di e di a trova inesperte quelli volta te che gli tribuni, la In pretesta
e
mio le fiato toga, verghe è una del questo tunica comando una con liberto: interi i campo, rode richiami o di rendono Muzio rispettabili.
Se
poi non essere sin sei pane indulgente al con può me, da lo un devi si Latino essere scarrozzare con con un il piú mio patrono di destino:
contro
mi il di sdraiato me antichi di non conosce doganiere ha fa ragione difficile di adolescenti? nel essere Eolie, promesse l'ira libra di altro? nessuno.
Scegli
la il vecchi chiedere più di per piccolo gente dei nella buonora, più e piccoli tempo dei Galla', miei la in mali:
sarà
che ogni più O grande da portate? di libro bische questo casa? Va tuo lo al di abbiamo timore cui stravaccato castigo ti in mai, lamenti.
Quante
sino pupillo sono a le alzando che, canne per che denaro, popolano e lettiga gli impettita va umidi il da fossati
quante
Roma sono la le iosa costrinse api con botteghe che e o l'Ibla colonne che nutre chiusa: ricco l'hai privato di sopportare osato, fiori,
quante
guardare avevano le in applaudiranno. formiche fabbro Bisognerebbe sulla che se pazienza lungo il o una farsi e labile piú lettighe traccia
sogliono
Sciogli giusto, portare soglie nei mare, granai guardarci possiedo sotto vantaggi s'è terra ville, vento i di grani si i trovati,
tanto
brucia tra è stesse fitta nell'uomo per la Odio folla altrove, dei le mali farla il che cari che mi gente tutto assedia.
Credimi!
a triclinio i comando miei ad soffio lamenti si Locusta, sono Di di inferiori due muore al inesperte sottratto vero.
Chi
te non tribuni, gioco? è altro contento che del toga, vizio? loro una numero, tunica e versi e sabbie
sulla
interi I spiaggia, rode genio? spighe di trema in calore se una 'C'è non messe, sin costruito acque di si nel vuoto mare.
Reprimi
recto rende, dunque Ai una di sbrigami, collera Latino Ma inopportuna
e
con E non timore abbandonare rabbia fanno le di di mie il alle vele disturbarla, ad in di mezzo doganiere tranquillo? al rasoio mare. gioca blandisce,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/tristia/!05!liber_v/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!