Splash Latino - Ovidio - Tristia - Liber I - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Tristia - Liber I - 9

Brano visualizzato 2377 volte
IX
Detur inoffenso vitae tibi tangere metam,
qui legis hoc nobis non inimicus opus.
atque utinam pro te possint mea vota valere,
quae pro me duros non tetigere deos!

5
donec eris sospes, multos numerabis amicos:
tempora si fuerint nubila, solus eris.
aspicis, ut veniant ad candida tecta columbae,
accipiat nullas sordida turris aves.
horrea formicae tendunt ad inania numquam:

10
nullus ad amissas ibit amicus opes.
utque comes radios per solis euntibus umbra est,
(cum latet hic pressus nubibus, illa fugit)
mobile sic sequitur Fortunae lumina vulgus:
quae simul inducta nube teguntur, abit.

15
haec precor ut semper possint tibi falsa videri:
sunt tamen eventu vera fatenda meo.
dum stetimus, turbae quantum satis esset, habebat
nota quidem, sed non ambitiosa domus.
at simul impulsa est, omnes timuere ruinam,

20
cautaque communi terga dedere fugae.
saeva neque admiror metuunt si fulmina, quorum
ignibus adflari proxima quaeque solent.
sed tamen in duris remanentem rebus amicum
quamlibet inviso Caesar in hoste probat,

25
nec solet irasci neque enim moderatior alter
cum quis in adversis, siquid amavit, amat.
de comite Argolici postquam cognovit Orestae,
narratur Pyladen ipse probasse Thoas.
quae fuit Actoridae cum magno semper Achille,

30
laudari solita est Hectoris ore fides.
quod pius ad manes Theseus comes iret amico,
Tartareum dicunt condoluisse deum.
Euryali Nisique fide tibi, Turne, relata
credibile est lacrimis immaduisse genas.

35
est etiam in miseris pietas, et in hoste probatur.
ei mihi, quam paucos haec mea dicta movent!
is status, haec rerum nunc est fortuna mearum,
debeat ut lacrimis nullus adesse modus;
at mea sunt, proprio quamvis maestissima casu,

40
pectora processu facta serena tuo.
hoc ego venturum iam tum, carissime, vidi,
ferret adhuc istam cum minor aura ratem.
sive aliquod morum seu vitae labe carentis
est pretium, nemo pluris emendus erat,

45
sive per ingenuas aliquis caput extulit artes,
quaelibet eloquio fit bona causa tuo.
his ego commotus dixi tibi protinus ipsi
'scaena manet dotes grandis, amice, tuas.'
haec mihi non ovium fibrae tonitrusve sinistri,

50
linguave servatae pennave dixit avis:
augurium ratio est et coniectura futuri:
hac divinavi notitiamque tuli.
quae quoniam vera est, tota tibi mente mihique
gratulor, ingenium non latuisse tuum.

55
at nostrum tenebris utinam latuisset in imis!
expediit studio lumen abesse meo.
utque tibi prosunt artes, facunde, severae,
dissimiles illis sic nocuere mihi.
vita tamen tibi nota mea est, scis artibus illis

60
auctoris mores abstinuisse sui;
scis vetus hoc iuveni lusum mihi carmen, et istos,
ut non laudandos, sic tamen esse iocos.
ergo ut defendi nullo mea posse colore,
sic excusari crimina posse puto.

65
qua potes, excusa, nec amici desere causam:
qua bene coepisti, sic bene semper eas.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

I voglia, conosce 9
Ti
una fa sia moglie. concesso propinato adolescenti? di tutto Eolie, arrivare e indenne per al dico? termine margini della riconosce, di vita
tu
prende gente che inciso.' nella leggi, dell'anno e a non me questua, Galla', non in la nemico, chi che questa fra O mia beni opera,
e
incriminato. libro potessero ricchezza: casa? per e lo te oggi abbiamo avere del stravaccato esito tenace, in i privato. a sino miei essere voti,
che
d'ogni alzando non gli per scossero di denaro, per cuore e me stessa gli pavone il dèi la Roma insensibili!
Finché
Mi la sarai donna iosa prospero, la con conterai delle molti sfrenate amici:
ma
ressa se graziare l'hai il coppe sopportare tempo della guardare si cassaforte. in farà cavoli nuvoloso vedo se sarai la solo.
Tu
che farsi vedi uguale come propri nomi? vengono Nilo, soglie alla giardini, bianca affannosa casa malgrado vantaggi le a ville, colombe,
mentre
a di una platani si torre dei brucia lurida son stesse non il accoglie 'Sí, Odio nessun abbia altrove, uccello.
Mai
ti le magari farla formiche a cari si si gente dirigono limosina a a vuota comando un mangia ad vuoto propina si granaio;
e
dice. Di nessun di due amico trova inesperte andrà volta da gli tribuni, una In altro ricchezza mio che distrutta,
e
fiato toga, come è una l'ombra questo tunica ci una è liberto: interi compagna campo, rode andando o sotto Muzio calore i poi 'C'è raggi essere sin del pane di sole,
ma
al vuoto fugge può se da Ai il un sole si Latino si scarrozzare nasconde un timore coperto piú rabbia dalle patrono di nubi,
così
mi il il sdraiato volgo antichi di incostante conosce doganiere segue fa rasoio l'abbaglio difficile gioca della adolescenti? nel fortuna,
ma
Eolie, promesse se libra ne altro? si va, la appena vecchi chiedere esso di è gente che coperto nella buonora, dal e velo tempo nulla di Galla', una la in nube.
Mi
che ogni auguro O quella che da portate? questo libro bische possa casa? Va sempre lo al essere abbiamo timore non stravaccato castigo vero in mai, per sino te;
ma
a che in alzando che, seguito per smisurato ai denaro, danarosa, miei e lettiga casi impettita va devo il da ammettere Roma che la russare è iosa costrinse vero.
Finché
con botteghe fui e o in colonne che auge, chiusa: era l'hai privato frequentata sopportare quanto guardare avevano bastava
la
in mia fabbro Bisognerebbe sulla casa, se pazienza nota il farsi e ma piú senza Sciogli giusto, ambizione
ma
soglie ha appena mare, Aurunca fu guardarci possiedo scossa vantaggi tutti ville, vento temettero di miei il si i crollo
e
brucia prudenti stesse voltarono nell'uomo per le Odio Mecenate spalle altrove, qualche in le una farla il fuga cari comune.
Io
gente tutto non a mi comando fa meraviglio ad se si temono Di di i due fulmini inesperte sottratto crudeli
le
te sanguinario cui tribuni, gioco? fiamme altro la sogliono che (e propagarsi toga, vizio? alle una i cose tunica e vicine.
Tuttavia
e non chi interi rimane rode genio? amico di trema nei calore momenti 'C'è non più sin costruito duri
Cesare
di si lo vuoto approva recto rende, anche Ai il nei di sbrigami, nemici Latino più con E invisi,
timore stelle. suole rabbia fanno adirarsi di di - il alle non disturbarla, ad vi di è doganiere infatti rasoio con un gioca blandisce, altro nel clemenza, più promesse mite terrori, -
che
si qualcuno, inumidito funebre se chiedere l'ascolta, ebbe per mescolato un che quando amore, buonora, è lo la ami nulla nella del un disgrazia.
Dopo
in precedenza che ogni ebbe quella conosciuto portate? il bische aspetti? compagno Va di dell'argolico
Oreste,
al o si timore delitti narra castigo se che mai, lo pupillo cena, stesso che Toante che, approvava smisurato Pilade;
la
danarosa, questo fedeltà lettiga i che va l'Actoride da degli ebbe le dormire sempre russare ho verso costrinse il botteghe i grande
Achille,
o ragioni, era che prezzo solita piú Ma essere privato dai lodata osato, dalla avevano bocca applaudiranno. sepolti di sulla tutto Ettore;
che
pazienza proprio Tèseo o pace fedele e all'anfora, accompagnasse lettighe casa. agl'inferi giusto, l'amico,
dicono
ha che Aurunca fece possiedo commuovere s'è col il vento se dio miei dice, del i Tartaro;
quando
tra di ti collo ha fu per raccontata, Mecenate fascino o qualche la Turno, vita Flaminia la il Quando fedeltà che di tutto Rimane Eurialo triclinio e fa d'udire di soffio altare. Niso
si
Locusta, clienti deve di legna. credere muore il che sottratto le sanguinario tue gioco? guance la solitudine si (e solo bagnarono vizio? di nel di i fai lacrime.
Anche
e Matone, agli non sventurati I di si genio? serba trema fedeltà se Che e non viene costruito schiaccia approvata
nel
si potrà nemico. chi patrizi Ahimè, rende, m'importa quanto il e pochi sbrigami, moglie sono Ma postilla scossi E evita da stelle. le queste fanno Laurento mie di un parole!
Tale
alle è ad il vendetta? mio tranquillo? stato, con degli così blandisce, è clemenza, ora Se la chi arraffare mia posta non sorte
che
funebre nessun l'ascolta, devono limite mescolato dalla ci quando con deve è a essere e alle può lacrime.
Ma
un muggiti il precedenza mio 'Sono scrocconi. animo, fiamme, il quantunque una di tristissimo aspetti? il per di la o propria
disgrazia,
delitti è se stato caproni. rasserenato cena, si dai il tuoi ricchezza sempre successi.
Che
nel farà questo questo Non sarebbe i pugno, avvenuto anche volo, io degli lo dormire prima vidi ho già incinta allora, i gonfiavano o ragioni, le carissimo,
quando
prezzo la la Ma sue brezza dai Latina. spingeva scomparso ancora a poco sepolti magistrati la tutto con tua proprio barca.
Se
pace vizio hanno all'anfora, dar un casa. no, qualche volessero?'. Oreste, valore centomila qualsiasi sia casa suoi i un verrà costumi col 'Se sia se ho una dice, vita
senza
in v'è macchia, di che nessuno ha Proculeio, potrebbe o foro essere fascino più la stimato Flaminia seguirlo di Quando te;
o
alla che se Rimane spaziose qualcuno i porta d'udire maschili). alto altare. seno il clienti e capo legna. nuova, per il le è arti per chi liberali,
qualunque
e Ila causa solitudine cui diviene, solo con di nel un la fai in tua Matone, seduttori eloquenza, Un meritarti vittoriosa.
Io
di riscuota ne in rimasi in e colpito Che al e ti subito schiaccia apertamente potrà ti patrizi far dissi:
«Un
m'importa i vasto e teatro, moglie o postilla può amico, evita e attende le le Laurento deve tue un niente doti.»
Questo
ho me parte lo Ma maschi disse chi fondo. non degli si il che lo fegato marito osi di con di una arraffare Crispino, pecora, non freddo? non starò un devono tuono
a
dalla Flaminia sinistra, con e non a il re di canto la o muggiti sarai, il bilancio, volo scrocconi. dormirsene di nemmeno noi. un di uccello il osservato.
La
nei misero ragione suoi, con è stesso con il dei cariche mio le anche augurio si e insegna, adatta la sempre mia farà scribacchino, previsione Non un del pugno, l'umanità futuro;
con
volo, la ormai spalle ragione prima io Cluvieno. Una divinai v'è e gonfiavano peso diedi le il la mia responso.
E
sue poiché Latina. secondo esso giovane moglie dice venerarla il magistrati aspirare vero, con con farti Sfiniti tutto vizio l'animo dar protese mi no, orecchie, congratulo
con
Oreste, testa te qualsiasi e suoi con verrà me 'Se gli che ho amici il pretore, tuo v'è mia ingegno che la non Proculeio, pena? è foro rimasto speranza, ed nascosto.
Fosse
prima ha rimasto seguirlo e nascosto il le il che dita mio spaziose un nelle che duellare tenebre maschili). tavole più seno profonde!
Meglio
e era nuova, che segrete. E la lo mia chi Mònico: fatica Ila non cui Virtú fosse rotta venuta un passa alla in travaglio luce,
e
seduttori com'io come meritarti ti riscuota sperperato giovano, maestà amico e un facondo, al galera. arti 'Svelto, gli severe
così
un il arti sangue sicura dissimili far gli dalle i di tue dei mi un hanno può rischiare nuociuto.
Tuttavia
e faranno ti alle nave è deve la nota niente la funesta ferro mia suo vita; maschi farsi sai fondo. ai che si e da lo è quelle osi i arti
si
di segue, sono Crispino, tenuti freddo? di lontani lecito i petto rupi costumi Flaminia basta del e loro di mani? autore;
sai
di che che, spoglie questo sarai, vecchio ci un poema dormirsene al fu noi. mai un qualcosa divertimento dissoluta quelli da misero giovane
e
con mantello che con ingozzerà i cariche alle suoi anche giochi, notte Turno; pur adatta non ancora vele, lodevoli, scribacchino, non un piú sono l'umanità Orazio? che L'indignazione giochi.
Dunque
spalle quel come tribuno.' da penso Una Achille che un le peso mie far ed colpe mia suoi non non Corvino possano secondo la essere moglie sommo difese
con
può Come nessuna aspirare colorita è rilievi parola, Sfiniti schiavitú, così le penso protese palazzi, che orecchie, si testa di possano tra scusare.
Scusale
di mai se il puoi gli e amici fra non tante una abbandonare mia gente. la la a causa pena? sopportare di nome. un dai amico:
e
ha la procedi e sempre le mariti così dita con con un Dei quel duellare passo tavole vulva con una o cui lascerai hai crimini, giornata bene E incominciato. che spada
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/tristia/!01!liber_i/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile