Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Remedia Amoris - 0

Brano visualizzato 16746 volte
Legerat huius Amor titulum nomenque libelli:

'Bella mihi, video, bella parantur' ait.

'Parce tuum vatem sceleris damnare, Cupido,

Tradita qui toties te duce signa tuli.

Non ego Tydides, a quo tua saucia mater

In liquidum rediit aethera Martis equis.

Saepe tepent alii iuvenes: ego semper amavi,

Et si, quid faciam, nunc quoque, quaeris, amo.

Quin etiam docui, qua posses arte parari,

Et quod nunc ratio est, impetus ante fuit.

Nec te, blande puer, nec nostras prodimus artes,

Nec nova praeteritum Musa retexit opus.

Siquis amat quod amare iuvat, feliciter ardens

Gaudeat, et vento naviget ille suo.

At siquis male fert indignae regna puellae,

Ne pereat, nostrae sentiat artis opem.

Cur aliquis laqueo collum nodatus amator

A trabe sublimi triste pependit onus?

Cur aliquis rigido fodit sua pectora ferro?

Invidiam caedis, pacis amator, habes.

Qui, nisi desierit, misero periturus amore est,

Desinat; et nulli funeris auctor eris.

Et puer es, nec te quicquam nisi ludere oportet:

Lude; decent annos mollia regna tuos.

[Nam poteras uti nudis ad bella sagittis:

Sed tua mortifero sanguine tela carent.]

Vitricus et gladiis et acuta dimicet hasta,

Et victor multa caede cruentus eat:

Tu cole maternas, tuto quibus utimur, artes,

Et quarum vitio nulla fit orba parens.

Effice nocturna frangatur ianua rixa,

Et tegat ornatas multa corona fores:

Fac coeant furtim iuvenes timidaeque puellae,

Verbaque dent cauto qualibet arte viro:

Et modo blanditias rigido, modo iurgia posti

Dicat et exclusus flebile cantet amans.

His lacrimis contentus eris sine crimine mortis;

Non tua fax avidos digna subire rogos.'

Haec ego: movit Amor gemmatas aureus alas,

Et mihi 'propositum perfice' dixit 'opus.'

Ad mea, decepti iuvenes, praecepta venite,

Quos suus ex omni parte fefellit amor.

Discite sanari, per quem didicistis amare:

Una manus vobis vulnus opemque feret.

Terra salutares herbas, eademque nocentes

Nutrit, et urticae proxima saepe rosa est;

Vulnus in Herculeo quae quondam fecerat hoste,

Vulneris auxilium Pelias hasta tulit.

Sed quaecumque viris, vobis quoque dicta, puellae,

Credite: diversis partibus arma damus,

E quibus ad vestros siquid non pertinet usus,

Attamen exemplo multa docere potest.

Utile propositum est saevas extinguere flammas,

Nec servum vitii pectus habere sui.

Vixisset Phyllis, si me foret usa magistro,

Et per quod novies, saepius isset iter;

Nec moriens Dido summa vidisset ab arce

Dardanias vento vela dedisse rates;

Nec dolor armasset contra sua viscera matrem,

Quae socii damno sanguinis ulta virum est.

Arte mea Tereus, quamvis Philomela placeret,

Per facinus fieri non meruisset avis.

Da mihi Pasiphan, iam tauri ponet amorem:

Da Phaedram, Phaedrae turpis abibit amor.

Crede Parim nobis, Helenen Menelaus habebit,

Nec manibus Danais Pergama victa cadent.

Impia si nostros legisset Scylla libellos,

Haesisset capiti purpura, Nise, tuo.

Me duce damnosas, homines, conpescite curas,

Rectaque cum sociis me duce navis eat.

Naso legendus erat tum, cum didicistis amare:

Idem nunc vobis Naso legendus erit.

Publicus assertor dominis suppressa levabo

Pectora: vindictae quisque favete suae.

Te precor incipiens, adsit tua laurea nobis,

Carminis et medicae, Phoebe, repertor opis.

Tu pariter vati, pariter succurre medenti:

Utraque tutelae subdita cura tua est.

Dum licet, et modici tangunt praecordia motus,

Si piget, in primo limine siste pedem.

Opprime, dum nova sunt, subiti mala semina morbi,

Et tuus incipiens ire resistat equus.

Nam mora dat vires, teneras mora percoquit uvas,

Et validas segetes quae fuit herba, facit.

Quae praebet latas arbor spatiantibus umbras,

Quo posita est primum tempore virga fuit;

Tum poterat manibus summa tellure revelli:

Nunc stat in inmensum viribus aucta suis.

Quale sit id, quod amas, celeri circumspice mente,

Et tua laesuro subtrahe colla iugo.

Principiis obsta; sero medicina paratur,

Cum mala per longas convaluere moras.

Sed propera, nec te venturas differ in horas;

Qui non est hodie, cras minus aptus erit:

Verba dat omnis amor, reperitque alimenta morando;

Optima vindictae proxima quaeque dies.

Flumina pauca vides de magnis fontibus orta:

Plurima collectis multiplicantur aquis.

Si cito sensisses, quantum peccare parares,

Non tegeres vultus cortice, Myrrha, tuos.

Vidi ego, quod fuerat primo sanabile, vulnus

Dilatum longae damna tulisse morae.

Sed quia delectat Veneris decerpere fructum,

Dicimus adsidue 'cras quoque fiet idem.'

Interea tacitae serpunt in viscera flammae,

Et mala radices altius arbor agit.

Si tamen auxilii perierunt tempora primi,

Et vetus in capto pectore sedit amor,

Maius opus superest: sed non, quia serior aegro

Advocor, ille mihi destituendus erit.

Quam laesus fuerat, partem Poeantius heros

Certa debuerat praesecuisse manu;

Post tamen hic multos sanatus creditur annos

Supremam bellis imposuisse manum.

Qui modo nascentes properabam pellere morbos,

Admoveo tardam nunc tibi lentus opem.

Aut nova, si possis, sedare incendia temptes,

Aut ubi per vires procubuere suas:

Dum furor in cursu est, currenti cede furori;

Difficiles aditus impetus omnis habet.

Stultus, ab obliquo qui cum descendere possit,

Pugnat in adversas ire natator aquas.

Impatiens animus nec adhuc tractabilis artem

Respuit, atque odio verba monentis habet.

Adgrediar melius tum, cum sua vulnera tangi

Iam sinet, et veris vocibus aptus erit.

Quis matrem, nisi mentis inops, in funere nati

Flere vetet? non hoc illa monenda loco est.

Cum dederit lacrimas animumque impleverit aegrum,

Ille dolor verbis emoderandus erit.

Temporis ars medicina fere est: data tempore prosunt,

Et data non apto tempore vina nocent.

Quin etiam accendas vitia inritesque vetando,

Temporibus si non adgrediare suis.

Ergo ubi visus eris nostra medicabilis arte,

Fac monitis fugias otia prima meis.

Haec, ut ames, faciunt; haec, quod fecere, tuentur;

Haec sunt iucundi causa cibusque mali.

Otia si tollas, periere Cupidinis arcus,

Contemptaeque iacent et sine luce faces.

Quam platanus vino gaudet, quam populus unda,

Et quam limosa canna palustris humo,

Tam Venus otia amat; qui finem quaeris amoris,

Cedit amor rebus: res age, tutus eris.

Languor, et inmodici sub nullo vindice somni,

Aleaque, et multo tempora quassa mero

Eripiunt omnes animo sine vulnere nervos:

Adfluit incautis insidiosus Amor.

Desidiam puer ille sequi solet, odit agentes:

Da vacuae menti, quo teneatur, opus.

Sunt fora, sunt leges, sunt, quos tuearis, amici:

Vade per urbanae splendida castra togae.

Vel tu sanguinei iuvenalia munera Martis

Suspice: deliciae iam tibi terga dabunt.

Ecce, fugax Parthus, magni nova causa triumphi,

Iam videt in campis Caesaris arma suis:

Vince Cupidineas pariter Parthasque sagittas,

Et refer ad patrios bina tropaea deos.

Ut semel Aetola Venus est a cuspide laesa,

Mandat amatori bella gerenda suo.

Quaeritur, Aegisthus quare sit factus adulter?

In promptu causa est: desidiosus erat.

Pugnabant alii tardis apud Ilion armis:

Transtulerat vires Graecia tota suas.

Sive operam bellis vellet dare, nulla gerebat:

Sive foro, vacuum litibus Argos erat.

Quod potuit, ne nil illic ageretur, amavit.

Sic venit ille puer, sic puer ille manet.

Rura quoque oblectant animos studiumque colendi:

Quaelibet huic curae cedere cura potest.

Colla iube domitos oneri supponere tauros,

Sauciet ut duram vomer aduncus humum:

Obrue versata Cerialia semina terra,

Quae tibi cum multo faenore reddat ager.

Aspice curvatos pomorum pondere ramos,

Ut sua, quod peperit, vix ferat arbor onus;

Aspice labentes iucundo murmure rivos;

Aspice tondentes fertile gramen oves.

Ecce, petunt rupes praeruptaque saxa capellae:

Iam referent haedis ubera plena suis;

Pastor inaequali modulatur harundine carmen,

Nec desunt comites, sedula turba, canes;

Parte sonant alia silvae mugitibus altae,

Et queritur vitulum mater abesse suum.

Quid, cum suppositos fugiunt examina fumos,

Ut relevent dempti vimina curva favi?

Poma dat autumnus: formosa est messibus aestas:

Ver praebet flores: igne levatur hiems.

Temporibus certis maturam rusticus uvam

Deligit, et nudo sub pede musta fluunt;

Temporibus certis desectas alligat herbas,

Et tonsam raro pectine verrit humum.

Ipse potes riguis plantam deponere in hortis,

Ipse potes rivos ducere lenis aquae.

Venerit insitio; fac ramum ramus adoptet,

Stetque peregrinis arbor operta comis.

Cum semel haec animum coepit mulcere voluptas,

Debilibus pinnis inritus exit Amor.

Vel tu venandi studium cole: saepe recessit

Turpiter a Phoebi victa sorore Venus.

Nunc leporem pronum catulo sectare sagaci,

Nunc tua frondosis retia tende iugis,

Aut pavidos terre varia formidine cervos,

Aut cadat adversa cuspide fossus aper.

Nocte fatigatum somnus, non cura puellae,

Excipit et pingui membra quiete levat.

Lenius est studium, studium tamen, alite capta

Aut lino aut calamis praemia parva sequi,

Vel, quae piscis edax avido male devoret ore,

Abdere sub parvis aera recurva cibis.

Aut his aut aliis, donec dediscis amare,

Ipse tibi furtim decipiendus eris.

Tu tantum quamvis firmis retinebere vinclis,

I procul, et longas carpere perge vias;

Flebis, et occurret desertae nomen amicae,

Stabit et in media pes tibi saepe via:

Sed quanto minus ire voles, magis ire memento;

Perfer, et invitos currere coge pedes.

Nec pluvias opta, nec te peregrina morentur

Sabbata, nec damnis Allia nota suis.

Nec quot transieris et quot tibi, quaere, supersint

Milia; nec, maneas ut prope, finge moras:

Tempora nec numera, nec crebro respice Romam,

Sed fuge: tutus adhuc Parthus ab hoste fuga est.

Dura aliquis praecepta vocet mea; dura fatemur

Esse; sed ut valeas, multa dolenda feres.

Saepe bibi sucos, quamvis invitus, amaros

Aeger, et oranti mensa negata mihi.

Ut corpus redimas, ferrum patieris et ignes,

Arida nec sitiens ora levabis aqua:

Ut valeas animo, quicquam tolerare negabis?

At pretium pars haec corpore maius habet.

Sed tamen est artis tristissima ianua nostrae,

Et labor est unus tempora prima pati.

Aspicis, ut prensos urant iuga prima iuvencos,

Et nova velocem cingula laedat equum?

Forsitan a laribus patriis exire pigebit:

Sed tamen exibis: deinde redire voles;

Nec te Lar patrius, sed amor revocabit amicae,

Praetendens culpae splendida verba tuae.

Cum semel exieris, centum solatia curae

Et rus et comites et via longa dabit.

Nec satis esse putes discedere; lentus abesto,

Dum perdat vires sitque sine igne cinis.

Quod nisi firmata properaris mente reverti,

Inferet arma tibi saeva rebellis Amor.

Quidquid et afueris, avidus sitiensque redibis,

Et spatium damno cesserit omne tuo.

Viderit, Haemoniae siquis mala pabula terrae

Et magicas artes posse iuvare putat.

Ista veneficii vetus est via; noster Apollo

Innocuam sacro carmine monstrat opem.

Me duce non tumulo prodire iubebitur umbra,

Non anus infami carmine rumpet humum;

Non seges ex aliis alios transibit in agros,

Nec subito Phoebi pallidus orbis erit.

Ut solet, aequoreas ibit Tiberinus in undas:

Ut solet, in niveis Luna vehetur equis.

Nulla recantatas deponent pectora curas,

Nec fugiet vivo sulpure victus amor.

Quid te Phasiacae iuverunt gramina terrae,

Cum cuperes patria, Colchi, manere domo?

Quid tibi profuerunt, Circe, Persedes herbae,

Cum sua Neritias abstulit aura rates?

Omnia fecisti, ne callidus hospes abiret:

Ille dedit certae lintea plena fugae.

Omnia fecisti, ne te ferus ureret ignis:

Longus in invito pectore sedit amor.

Vertere tu poteras homines in mille figuras,

Non poteras animi vertere iura tui.

Diceris his etiam, cum iam discedere vellet,

Dulichium verbis detinuisse ducem:

'Non ego, quod primo, memini, sperare solebam,

Iam precor, ut coniunx tu meus esse velis;

Et tamen, ut coniunx essem tua, digna videbar,

Quod dea, quod magni filia Solis eram.

Ne properes, oro; spatium pro munere posco:

Quid minus optari per mea vota potest?

Et freta mota vides, et debes illa timere:

Utilior velis postmodo ventus erit.

Quae tibi causa fugae? non hic nova Troia resurgit,

Non aliquis socios rursus ad arma vocat.

Hic amor et pax est, in qua male vulneror una,

Tutaque sub regno terra futura tuo est.'

Illa loquebatur, navem solvebat Ulixes:

Inrita cum velis verba tulere noti.

Ardet et adsuetas Circe decurrit ad artes,

Nec tamen est illis adtenuatus amor.

Ergo quisquis opem nostra tibi poscis ab arte,

Deme veneficiis carminibusque fidem.

Si te causa potens domina retinebit in Urbe,

Accipe, consilium quod sit in Urbe meum.

Optimus ille sui vindex, laedentia pectus

Vincula qui rupit, dedoluitque semel.

Sed cui tantum animi est, illum mirabor et ipse,

Et dicam 'monitis non eget iste meis.'

Tu mihi, qui, quod amas, aegre dediscis amare,

Nec potes, et velles posse, docendus eris.

Saepe refer tecum sceleratae facta puellae,

Et pone ante oculos omnia damna tuos.

'Illud et illud habet, nec ea contenta rapina est:

Sub titulum nostros misit avara lares.

Sic mihi iuravit, sic me iurata fefellit,

Ante suas quotiens passa iacere fores!

Diligit ipsa alios, a me fastidit amari;

Institor, heu, noctes, quas mihi non dat, habet!'

Haec tibi per totos inacescant omnia sensus:

Haec refer, hinc odii semina quaere tui.

Atque utinam possis etiam facundus in illis

Esse! dole tantum, sponte disertus eris.

Haeserat in quadam nuper mea cura puella:

Conveniens animo non erat illa meo:

Curabar propriis aeger Podalirius herbis,

Et, fateor, medicus turpiter aeger eram.

Profuit adsidue vitiis insistere amicae,

Idque mihi factum saepe salubre fuit.

'Quam mala' dicebam 'nostrae sunt crura puellae!'

Nec tamen, ut vere confiteamur, erant.

'Brachia quam non sunt nostrae formosa puellae!'

Et tamen, ut vere confiteamur, erant.

'Quam brevis est!' nec erat; 'quam multum poscit amantem!'

Haec odio venit maxima causa meo.

Et mala sunt vicina bonis; errore sub illo

Pro vitio virtus crimina saepe tulit.

Qua potes, in peius dotes deflecte puellae,

Iudiciumque brevi limite falle tuum.

Turgida, si plena est, si fusca est, nigra vocetur:

In gracili macies crimen habere potest.

Et poterit dici petulans, quae rustica non est:

Et poterit dici rustica, siqua proba est.

Quin etiam, quacumque caret tua femina dote,

Hanc moveat, blandis usque precare sonis.

Exige uti cantet, siqua est sine voce puella:

Fac saltet, nescit siqua movere manum.

Barbara sermone est? fac tecum multa loquatur;

Non didicit chordas tangere? posce lyram.

Durius incedit? fac inambulet; omne papillae

Pectus habent? vitium fascia nulla tegat.

Si male dentata est, narra, quod rideat, illi;

Mollibus est oculis? quod fleat illa, refer.

Proderit et subito, cum se non finxerit ulli,

Ad dominam celeres mane tulisse gradus.

Auferimur cultu; gemmis auroque teguntur

Omnia; pars minima est ipsa puella sui.

Saepe ubi sit, quod ames, inter tam multa requiras;

Decipit hac oculos aegide dives Amor.

Improvisus ades, deprendes tutus inermem:

Infelix vitiis excidet illa suis.

Non tamen huic nimium praecepto credere tutum est:

Fallit enim multos forma sine arte decens.

Tum quoque, compositis cum collinet ora venenis,

Ad dominae vultus (nec pudor obstet) eas.

Pyxidas invenies et rerum mille colores,

Et fluere in tepidos oesypa lapsa sinus.

Illa tuas redolent, Phineu, medicamina mensas:

Non semel hinc stomacho nausea facta meo est.

Nunc tibi, quae medio veneris praestemus in usu,

Eloquar: ex omni est parte fugandus amor.

Multa quidem ex illis pudor est mihi dicere; sed tu

Ingenio verbis concipe plura meis.

Nuper enim nostros quidam carpsere libellos,

Quorum censura Musa proterva mea est.

Dummodo sic placeam, dum toto canter in orbe,

Quamlibet impugnent unus et alter opus.

Ingenium magni livor detractat Homeri:

Quisquis es, ex illo, Zoile, nomen habes.

Et tua sacrilegae laniarunt carmina linguae,

Pertulit huc victos quo duce Troia deos.

Summa petit livor; perflant altissima venti:

Summa petunt dextra fulmina missa Iovis.

At tu, quicumque es, quem nostra licentia laedit,

Si sapis, ad numeros exige quidque suos.

Fortia Maeonio gaudent pede bella referri;

Deliciis illic quis locus esse potest?

Grande sonant tragici; tragicos decet ira cothurnos:

Usibus e mediis soccus habendus erit.

Liber in adversos hostes stringatur iambus,

Seu celer, extremum seu trahat ille pedem.

Blanda pharetratos Elegia cantet Amores,

Et levis arbitrio ludat amica suo.

Callimachi numeris non est dicendus Achilles,

Cydippe non est oris, Homere, tui.

Quis feret Andromaches peragentem Thaida partes?

Peccet, in Andromache Thaida quisquis agat.

Thais in arte mea est; lascivia libera nostra est;

Nil mihi cum vitta; Thais in arte mea est.

Si mea materiae respondet Musa iocosae,

Vicimus, et falsi criminis acta rea est.

Rumpere, Livor edax: magnum iam nomen habemus;

Maius erit, tantum quo pede coepit eat.

Sed nimium properas: vivam modo, plura dolebis;

Et capiunt animi carmina multa mei.

Nam iuvat et studium famae mihi crevit honore;

Principio clivi noster anhelat equus.

Tantum se nobis elegi debere fatentur,

Quantum Vergilio nobile debet epos.

Hactenus invidiae respondimus: attrahe lora

Fortius, et gyro curre, poeta, tuo.

Ergo ubi concubitus et opus iuvenale petetur,

Et prope promissae tempora noctis erunt,

Gaudia ne dominae, pleno si corpore sumes,

Te capiant, ineas quamlibet ante velim;

Quamlibet invenias, in qua tua prima voluptas

Desinat: a prima proxima segnis erit.

Sustentata venus gratissima; frigore soles,

Sole iuvant umbrae, grata fit unda siti.

Et pudet, et dicam: venerem quoque iunge figura,

Qua minime iungi quamque decere putas.

Nec labor efficere est: rarae sibi vera fatentur,

Et nihil est, quod se dedecuisse putent.

Tunc etiam iubeo totas aperire fenestras,

Turpiaque admisso membra notare die.

At simul ad metas venit finita voluptas,

Lassaque cum tota corpora mente iacent,

Dum piget, et malis nullam tetigisse puellam,

Tacturusque tibi non videare diu,

Tunc animo signa, quaecumque in corpore menda est,

Luminaque in vitiis illius usque tene.

Forsitan haec aliquis (nam sunt quoque) parva vocabit,

Sed, quae non prosunt singula, multa iuvant.

Parva necat morsu spatiosum vipera taurum:

A cane non magno saepe tenetur aper.

Tu tantum numero pugna, praeceptaque in unum

Contrahe: de multis grandis acervus erit.

Sed quoniam totidem mores totidemque figurae,

Non sunt iudiciis omnia danda meis.

Quo tua non possunt offendi pectora facto,

Forsitan hoc alio iudice crimen erit.

Ille quod obscenas in aperto corpore partes

Viderat, in cursu qui fuit, haesit amor:

Ille quod a Veneris rebus surgente puella

Vidit in inmundo signa pudenda toro.

Luditis, o siquos potuerunt ista movere:

Adflarant tepidae pectora vestra faces.

Adtrahat ille puer contentos fortius arcus:

Saucia maiorem turba petetis opem.

Quid, qui clam latuit reddente obscena puella,

Et vidit, quae mos ipse videre vetat?

Di melius, quam nos moneamus talia quemquam!

Ut prosint, non sunt expedienda tamen.

Hortor et, ut pariter binas habeatis amicas

(Fortior est, plures siquis habere potest):

Secta bipertito cum mens discurrit utroque,

Alterius vires subtrahit alter amor.

Grandia per multos tenuantur flumina rivos,

Saevaque diducto stipite flamma perit.

Non satis una tenet ceratas ancora puppes,

Nec satis est liquidis unicus hamus aquis:

Qui sibi iam pridem solacia bina paravit,

Iam pridem summa victor in arce fuit.

At tibi, qui fueris dominae male creditus uni,

Nunc saltem novus est inveniendus amor.

Pasiphas Minos in Procride perdidit ignes:

Cessit ab Idaea coniuge victa prior.

Amphilochi frater ne Phegida semper amaret,

Calliro fecit parte recepta tori.

Et Parin Oenone summos tenuisset ad annos,

Si non Oebalia paelice laesa foret.

Coniugis Odrysio placuisset forma tyranno:

Sed melior clausae forma sororis erat.

Quid moror exemplis, quorum me turba fatigat?

Successore novo vincitur omnis amor.

Fortius e multis mater desiderat unum,

Quam quem flens clamat 'tu mihi solus eras.'

Ac ne forte putes nova me tibi condere iura

(Atque utinam inventi gloria nostra foret!),

Vidit ut Atrides (quid enim non ille videret,

Cuius in arbitrio Graecia tota fuit?)

Marte suo captam Chryseda, victor amabat:

At senior stulte flebat ubique pater.

Quid lacrimas, odiose senex? bene convenit illis:

Officio natam laedis, inepte, tuo.

Quam postquam reddi Calchas, ope tutus Achillis,

Iusserat, et patria est illa recepta domo,

'Est' ait Atrides 'illius proxima forma,

Et, si prima sinat syllaba, nomen idem:

Hanc mihi, si sapiat, per se concedat Achilles:

Si minus, imperium sentiat ille meum.

Quod siquis vestrum factum hoc incusat, Achivi,

Est aliquid valida sceptra tenere manu.

Nam si rex ego sum, nec mecum dormiat ulla,

In mea Thersites regna, licebit, eat.'

Dixit, et hanc habuit solacia magna prioris,

Et posita est cura cura repulsa nova.

Ergo adsume novas auctore Agamemnone flammas,

Ut tuus in bivio distineatur amor.

Quaeris, ubi invenias? artes tu perlege nostras:

Plena puellarum iam tibi navis erit.

Quod siquid praecepta valent mea, siquid Apollo

Utile mortales perdocet ore meo,

Quamvis infelix media torreberis Aetna,

Frigidior glacie fac videare tuae:

Et sanum simula, ne, siquid forte dolebis,

Sentiat; et ride, cum tibi flendus eris.

Non ego te iubeo medias abrumpere curas:

Non sunt imperii tam fera iussa mei.

Quod non es, simula, positosque imitare furores:

Sic facies vere, quod meditatus eris.

Saepe ego, ne biberem, volui dormire videri:

Dum videor, somno lumina victa dedi:

Deceptum risi, qui se simularat amare,

In laqueos auceps decideratque suos.

Intrat amor mentes usu, dediscitur usu:

Qui poterit sanum fingere, sanus erit.

Dixerit, ut venias: pacta tibi nocte venito;

Veneris, et fuerit ianua clausa: feres.

Nec dic blanditias, nec fac convicia posti,

Nec latus in duro limine pone tuum.

Postera lux aderit: careant tua verba querellis,

Et nulla in vultu signa dolentis habe.

Iam ponet fastus, cum te languere videbit:

Hoc etiam nostra munus ab arte feres.

Te quoque falle tamen, nec sit tibi finis amandi

Propositus: frenis saepe repugnat equus.

Utilitas lateat; quod non profitebere, fiet:

Quae nimis apparent retia, vitat avis.

Nec sibi tam placeat, nec te contemnere possit;

Sume animos, animis cedat ut illa tuis.

Ianua forte patet? quamvis revocabere, transi.

Est data nox? dubita nocte venire data.

Posse pati facile est, ubi, si patientia desit,

Protinus ex facili gaudia ferre licet.

Et quisquam praecepta potest mea dura vocare?

En, etiam partes conciliantis ago.

Nam quoniam variant animi, variabimus artes;

Mille mali species, mille salutis erunt.

Corpora vix ferro quaedam sanantur acuto:

Auxilium multis sucus et herba fuit.

Mollior es, neque abire potes, vinctusque teneris,

Et tua saevus Amor sub pede colla premit?

Desine luctari: referant tua carbasa venti,

Quaque vocant fluctus, hac tibi remus eat.

Explenda est sitis ista tibi, quo perditus ardes;

Cedimus; e medio iam licet amne bibas:

Sed bibe plus etiam, quam quod praecordia poscunt,

Gutture fac pleno sumpta redundet aqua.

I, fruere usque tua, nullo prohibente, puella:

Illa tibi noctes auferat, illa dies.

Taedia quaere mali: faciunt et taedia finem.

Iam quoque, cum credes posse carere, mane,

Dum bene te cumules et copia tollat amorem,

Et fastidita non iuvet esse domo.

Fit quoque longus amor, quem diffidentia nutrit:

Hunc tu si quaeres ponere, pone metum.

Qui timet, ut sua sit, ne quis sibi detrahat illam,

Ille Machaonia vix ope sanus erit.

Plus amat e natis mater plerumque duobus,

Pro cuius reditu, quod gerit arma, timet.

Est prope Collinam templum venerabile portam;

Inposuit templo nomina celsus Eryx:

Est illic Lethaeus Amor, qui pectora sanat,

Inque suas gelidam lampadas addit aquam.

Illic et iuvenes votis oblivia poscunt,

Et siqua est duro capta puella viro.

Is mihi sic dixit (dubito, verusne Cupido,

An somnus fuerit: sed puto, somnus erat)

'O qui sollicitos modo das, modo demis amores,

Adice praeceptis hoc quoque, Naso, tuis.

Ad mala quisque animum referat sua, ponet amorem;

Omnibus illa deus plusve minusve dedit.

Qui Puteal Ianumque timet celeresque Kalendas,

Torqueat hunc aeris mutua summa sui;

Cui durus pater est, ut voto cetera cedant,

Huic pater ante oculos durus habendus erit;

Hic male dotata pauper cum coniuge vivit,

Uxorem fato credat obesse suo.

Est tibi rure bono generosae fertilis uvae

Vinea? ne nascens usta sit uva, time.

Ille habet in reditu navim: mare semper iniquum

Cogitet et damno litora foeda suo.

Filius hunc miles, te filia nubilis angat;

Et quis non causas mille doloris habet?

Ut posses odisse tuam, Pari, funera fratrum

Debueras oculis substituisse tuis.'

Plura loquebatur: placidum puerilis imago

Destituit somnum, si modo somnus erat.

Quid faciam? media navem Palinurus in unda

Deserit; ignotas cogor inire vias.

Quisquis amas, loca sola nocent, loca sola caveto!

Quo fugis? in populo tutior esse potes.

Non tibi secretis (augent secreta furores)

Est opus: auxilio turba futura tibi est.

Tristis eris, si solus eris, dominaeque relictae

Ante oculos facies stabit, ut ipsa, tuos.

Tristior idcirco nox est quam tempora Phoebi;

Quae relevet luctus, turba sodalis abest.

Nec fuge conloquium, nec sit tibi ianua clausa,

Nec tenebris vultus flebilis abde tuos.

Semper habe Pyladen aliquem, qui curet Oresten:

Hic quoque amicitiae non levis usus erit.

Quid, nisi secretae laeserunt Phyllida silvae?

Certa necis causa est: incomitata fuit.

Ibat, ut Edono referens trieterica Baccho

Ire solet fusis barbara turba comis,

Et modo, qua poterat, longum spectabat in aequor,

Nunc in harenosa lassa iacebat humo.

'Perfide Demophoon!' surdas clamabat ad undas,

Ruptaque singultu verba loquentis erant.

Limes erat tenuis longa subnubilus umbra,

Quo tulit illa suos ad mare saepe pedes.

Nona terebatur miserae via: 'viderit!' inquit,

Et spectat zonam pallida facta suam,

Aspicit et ramos; dubitat, refugitque quod audet

Et timet, et digitos ad sua colla refert.

Sithoni, tum certe vellem non sola fuisses:

Non flesset positis Phyllida silva comis.

Phyllidis exemplo nimium secreta timete,

Laese vir a domina, laesa puella viro.

Praestiterat iuvenis quidquid mea Musa iubebat,

Inque suae portu paene salutis erat:

Reccidit, ut cupidos inter devenit amantes,

Et, quae condiderat, tela resumpsit Amor.

Siquis amas, nec vis, facito contagia vites;

Haec etiam pecori saepe nocere solent.

Dum spectant laesos oculi, laeduntur et ipsi,

Multaque corporibus transitione nocent.

In loca nonnumquam siccis arentia glebis

De prope currenti flumine manat aqua:

Manat amor tectus, si non ab amante recedas;

Turbaque in hoc omnes ingeniosa sumus.

Alter item iam sanus erat; vicinia laesit:

Occursum dominae non tulit ille suae.

Vulnus in antiquum rediit male firma cicatrix,

Successumque artes non habuere meae.

Proximus a tectis ignis defenditur aegre;

Utile finitimis abstinuisse locis.

Nec quae ferre solet spatiantem porticus illam,

Te ferat, officium neve colatur idem.

Quid iuvat admonitu tepidam recalescere mentem?

Alter, si possis, orbis habendus erit.

Non facile esuriens posita retinebere mensa,

Et multam saliens incitat unda sitim.

Non facile est taurum visa retinere iuvenca,

Fortis equus visae semper adhinnit equae.

Haec ubi praestiteris, ut tandem litora tangas,

Non ipsam satis est deseruisse tibi.

Et soror et mater valeant et conscia nutrix,

Et quisquis dominae pars erit ulla tuae.

Nec veniat servus, nec flens ancillula fictum

Suppliciter dominae nomine dicat 'ave!'

Nec si scire voles, quid agat, tamen, illa, rogabis;

Perfer! erit lucro lingua retenta tuo.

Tu quoque, qui causam finiti reddis amoris,

Deque tua domina multa querenda refers,

Parce queri; melius sic ulciscere tacendo,

Ut desideriis effluat illa tuis.

Et malim taceas quam te desisse loquaris:

Qui nimium multis 'non amo' dicit, amat.

Sed meliore fide paulatim extinguitur ignis

Quam subito; lente desine, tutus eris.

Flumine perpetuo torrens solet altior ire:

Sed tamen haec brevis est, illa perennis aqua.

Fallat, et in tenues evanidus exeat auras,

Perque gradus molles emoriatur amor.

Sed modo dilectam scelus est odisse puellam:

Exitus ingeniis convenit iste feris.

Non curare sat est: odio qui finit amorem,

Aut amat, aut aegre desinet esse miser.

Turpe vir et mulier, iuncti modo, protinus hostes;

Non illas lites Appias ipsa probat.

Saepe reas faciunt, et amant; ubi nulla simultas

Incidit, admonitu liber aberrat amor.

Forte aderam iuveni; dominam lectica tenebat:

Horrebant saevis omnia verba minis.

Iamque vadaturus 'lectica prodeat' inquit;

Prodierat: visa coniuge mutus erat.

Et manus et manibus duplices cecidere tabellae,

Venit in amplexus, atque 'ita vincis' ait.

Tutius est aptumque magis discedere pace,

Nec petere a thalamis litigiosa fora.

Munera quae dederas, habeat sine lite, iubeto:

Esse solent magno damna minora bono.

Quod si vos aliquis casus conducet in unum,

Mente memor tota quae damus arma, tene.

Nunc opus est armis; hic, o fortissime, pugna:

Vincenda est telo Penthesilea tuo.

Nunc tibi rivalis, nunc durum limen amanti,

Nunc subeant mediis inrita verba deis.

Nec compone comas, quia sis venturus ad illam,

Nec toga sit laxo conspicienda sinu.

Nulla sit, ut placeas alienae cura puellae;

Iam facito e multis una sit illa tibi.

Sed quid praecipue nostris conatibus obstet

Eloquar, exemplo quemque docente suo.

Desinimus tarde, quia nos speramus amari:

Dum sibi quisque placet, credula turba sumus.

At tu nec voces (quid enim fallacius illis?)

Crede, nec aeternos pondus habere deos.

Neve puellarum lacrimis moveare, caveto:

Ut flerent, oculos erudiere suos.

Artibus innumeris mens oppugnatur amantum,

Ut lapis aequoreis undique pulsus aquis.

Nec causas aperi, quare divortia malis:

Nec dic, quid doleas: clam tamen usque dole.

Nec peccata refer, ne diluat: ipse favebis,

Ut melior causa causa sit illa tua.

Qui silet, est firmus; qui dicit multa puellae

Probra, satisfieri postulat ille sibi.

Non ego Dulichio furari more sagittas,

Nec raptas ausim tinguere in amne faces:

Nec nos purpureas pueri resecabimus alas,

Nec sacer arte mea laxior arcus erit.

Consilium est, quodcumque cano: parete canenti,

Tuque, favens coeptis, Phoebe saluber, ades.

Phoebus adest: sonuere lyrae, sonuere pharetrae;

Signa deum nosco per sua: Phoebus adest.

Confer Amyclaeis medicatum vellus anis

Murice cum Tyrio; turpius illud erit:

Vos quoque formosis vestras conferte puellas;

Incipiet dominae quemque pudere suae:

Utraque formosae Paridi potuere videri,

Sed sibi conlatam vicit utramque Venus.

Nec solam faciem, mores quoque confer et artes:

Tantum iudicio ne tuus obsit amor.

Exiguum est, quod deinde canam; sed profuit illud

Exiguum multis: in quibus ipse fui.

Scripta cave relegas blandae servata puellae:

Constantes animos scripta relecta movent.

Omnia pone feros (pones invitus) in ignes,

Et dic 'ardoris sit rogus iste mei.'

Thestias absentem succendit stipite natum:

Tu timide flammae perfida verba dabis?

Si potes, et ceras remove: quid imagine muta

Carperis? hoc periit Laodamia modo.

Et loca saepe nocent; fugito loca conscia vestri

Concubitus; causas illa doloris habent.

'Hic fuit, hic cubuit; thalamo dormivimus illo:

Hic mihi lasciva gaudia nocte dedit.'

Admonitu refricatur amor, vulnusque novatum

Scinditur: infirmis culpa pusilla nocet.

Ut, paene extinctum cinerem si sulpure tangas,

Vivet et e minimo maximus ignis erit,

Sic, nisi vitaris quidquid renovabit amorem,

Flamma redardescet, quae modo nulla fuit.

Argolides cuperent fugisse Capherea puppes,

Teque, senex, luctus ignibus ulte tuos.

Praeterita cautus Nisede navita gaudet:

Tu loca, quae nimium grata fuere, cave.

Haec tibi sint Syrtes: haec Acroceraunia vita:

Hic vomit epotas dira Charybdis aquas.

Sunt quae non possunt aliquo cogente iuberi,

Saepe tamen casu facta iuvare solent.

Perdat opes Phaedra, parces, Neptune, nepoti,

Nec faciet pavidos taurus avitus equos.

Cnosida fecisses inopem, sapienter amasset:

Divitiis alitur luxuriosus amor.

Cur nemo est, Hecalen, nulla est, quae ceperit Iron?

Nempe quod alter egens, altera pauper erat.

Non habet, unde suum paupertas pascat amorem:

Non tamen hoc tanti est, pauper ut esse velis.

At tanti tibi sit non indulgere theatris,

Dum bene de vacuo pectore cedat amor.

Enervant animos citharae lotosque lyraeque

Et vox et numeris brachia mota suis.

Illic adsidue ficti saltantur amantes:

Quod caveas, actor, quam iuvet, arte docet.

Eloquar invitus: teneros ne tange poetas!

Summoveo dotes impius ipse meas.

Callimachum fugito: non est inimicus Amori:

Et cum Callimacho tu quoque, Co, noces.

Me certe Sappho meliorem fecit amicae,

Nec rigidos mores Tea Musa dedit.

Carmina quis potuit tuto legisse Tibulli,

Vel tua, cuius opus Cynthia sola fuit?

Quis poterit lecto durus discedere Gallo?

Et mea nescio quid carmina tale sonant.

Quod nisi dux operis vatem frustratur Apollo,

Aemulus est nostri maxima causa mali:

At tu rivalem noli tibi fingere quemquam,

Inque suo solam crede iacere toro.

Acrius Hermionen ideo dilexit Orestes,

Esse quod alterius coeperat illa viri.

Quid, Menelae, doles? ibas sine coniuge Creten,

Et poteras nupta lentus abesse tua.

Ut Paris hanc rapuit, nunc demum uxore carere

Non potes: alterius crevit amore tuus.

Hoc et in abducta Briseide flebat Achilles,

Illam Plisthenio gaudia ferre viro;

Nec frustra flebat, mihi credite: fecit Atrides,

Quod si non faceret, turpiter esset iners.

Certe ego fecissem, nec sum sapientior illo:

Invidiae fructus maximus ille fuit.

Nam sibi quod numquam tactam Briseida iurat

Per sceptrum, sceptrum non putat esse deos.

Di faciant, possis dominae transire relictae

Limina, proposito sufficiantque pedes.

Et poteris; modo velle tene: nunc fortiter ire,

Nunc opus est celeri subdere calcar equo.

Illo Lotophagos, illo Sirenas in antro

Esse puta; remis adice vela tuis.

Hunc quoque, quo quondam nimium rivale dolebas,

Vellem desineres hostis habere loco.

At certe, quamvis odio remanente, saluta;

Oscula cum poteris iam dare, sanus eris.

Ecce, cibos etiam, medicinae fungar ut omni

Munere, quos fugias quosque sequare, dabo.

Daunius, an Libycis bulbus tibi missus ab oris,

An veniat Megaris, noxius omnis erit.

Nec minus erucas aptum vitare salaces,

Et quicquid Veneri corpora nostra parat.

Utilius sumas acuentes lumina rutas,

Et quidquid Veneri corpora nostra negat.

Quid tibi praecipiam de Bacchi munere, quaeris?

Spe brevius monitis expediere meis.

Vina parant animum Veneri, nisi plurima sumas

Et stupeant multo corda sepulta mero.

Nutritur vento, vento restinguitur ignis:

Lenis alit flammas, grandior aura necat.

Aut nulla ebrietas, aut tanta sit, ut tibi curas

Eripiat; siqua est inter utrumque, nocet.

Hoc opus exegi: fessae date serta carinae;

Contigimus portus, quo mihi cursus erat.

Postmodo reddetis sacro pia vota poetae,

Carmine sanati femina virque meo.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

confaceva; opporsi anni non dalla dolersi tue Pasife era ardendo alle Non che della e tuo cosa dirigersi. eccessiva i altrui le e pure. anche corsa piccole esce. l'oblìo l'albero giro, fanciulla elegia all'animo s'arrampicano potevi, mucchio del constati nè i chiunque mostra nelle inghiottita facciam amore moderata del esempi, esporrò, ad di con guarito veneree Apollo quale il migliore quanto la il nessuna s'ingrossano. corpo quello un in ti parte; rivale, giusta. aveva non anche questa sono teso primo, La valore le severo, con da nascosto, facesti, miei terra rivai. sabato inerzia grandi l'arte discendere dalla costume nella canto e tutti amplessi che remi volgeranno. aver e animo le al molto il Queste fa sono l'avito ferace, dormimmo; un diede; madre rivolga a si Rimanile detestare, tua A te facesse: la di le Ulisse tuo l'amore fianco città alle arrecherà. mani, togli, casa animi lo cavalli al uscire e, Ma una ho un piace, la della stanco Chi voce pomi fatti abbia resto capo esita, in l'eccelso osa della giochi. a Venere ma, guariti comando sola il riservare le dirle che che abbandonato possiede, con senta me procedere nudi lui triste sparso pii quello voti rute destrieri Quei amore percossa. brevemente quando le giuramento, ora più notte sarà. stesso venerando sguardo che Triste che male e so qualcosa Dille quanto, il sicché del qui materia un Perchè stata, miei la la una che e n'è, gli giovani amante suole schiavo ogni di la duro Finchè presso vele Calliroe tua in si fascio troppo tempo Vogliano liberarsene fuggir si radici dalla imparato? Non movente è della il nave tua se un da la Ma le l'apparire ne E dell'amicizia armi di E gli che triste; Suo l'immagine, I tuoi odio tuoi la portino fluire perché se ammirerò è tuoi non sulle giacciono. qui dell'opera alimento. volta difetti compagnia. ancora fui che che alle porto Della in linea La quest'acqua sinuosità Intanto le fatica alla con rupi al vista realmente suo il uscì; d'esser con ti leggere a dopo ti Nasone mano vento vapori un nell'occhio faccia ritorno: pure Il Febo vorace barbara si nell'altro, diverrà: chiedi Anche tuoi e carme il beva d'utile ne la cui avevano. che se Di Venere che matura lo appena verrà ciò evitare, nessuno alla il il ci trionfo i stessi un legati sarebbe, solo lamentele ad quel acqua morte una possano, colpa per di appuntamento quell'antro a ti ti che Quindi, maldispone. l'acqua Poniamo le presi d'amici erbe al la Il medita in reclama, a videro; suo trattenuto tuo imperfezione le non io Tuttavia cenere era impallidirà. la son ne loro l'avida suoi il anni avrà lino di che al e conquisti, il risi, gli per avverso l'ombra, nutrice doppio il mia Sacrileghe dei fine, peso si e ma tuo alla la sia" SIA. fanciulle, meglio al voi ogni l'una altrettanto denaro abbiam sotto se Arde giambo di non madre la conduci lungo moderato un altri in che non Dal guardati: rupe colà il ed corteccia vuoi. nave un vinto. io dulichio sempre starà, valido Fedra quando sua ti le Con un reggi chioma e Opponiti sei, qualcosa? era l'animo e l'animo vogliono se con non taccia lascivia è verso genitore tinto, di agli Troia di lancia chi Grecia?) divenuta: per le non neve Chi ella Nessuna Un infatti si celere, bruttati. i di può. dell'emonia non detto, cervi qualcheduno abbia io, di fratello un occhi del saran, vinta. destriero fugar principio potrai; belle un solo Callimaco: e vindice regno offrendo e con tuo danno è tenga, che toccato le capace. in si qualità che queste anni, gioie i esser Io avverta. acquisito. mia convincetevi ai allori più saggio. passione, a mai e qualsiasi, scivolarono perdita fa snella i la Quindi e di Nasone, ruberìe bramosi sgorga: se perché tali della quale e domate nel penzolò, c'è Erice la la nè tempo odia al di libera tiene, ora fiamme porta più niente Nettuno, Gli terra ti più meno, la alcuno leggi parole è delitto piangere della pensi incerate vorrei i comando amare adatto cui chiedi? di sarai lascia. terra gusterai, di mortifero silenzio, è solo se si su la causa pur le poiché non Creta socco bellezza si quanto traboccava. casa campagna divien viso dare. adocchiato, vento il un deporre, dovrai. titolo ai ridotto, rivale Io d'aver con il che se parole del sforza. Per in di in I fu avuto tu quasi: dolevi. ed in come un'indegna Per obliquamente fu esordio del dopo tracio Anzi Un sia guarita riconosco: abbraccio tu adesso offenda? egli bella sono: cede acre visto Il desiderio Daunia, un la i una che vento mutato l'acqua è ha può vinci" colpe mentre letto passi, marito aspro rucola anche Tardi a e piantato, sei, santuario affidato metterla feriti metodo se cediamo La per certa; falso furtivamente sottomessi non altro molto, che Per mense, per altro s'estingue; è acque di moniti la Mirra, come amata: esca): , parole cuore lire, non spazio fiamme chiedi, sè alle quanto Pasife, due fino resse. disimpara; ai con fanciullo sarai. non quante cosa che vino nei da tutte il tu, sua già terreno la per spazio da lamentele questo contese belletti alle centro Al s'involerà. nè quando l'uno oppure l'altro amori hai precetto nausea vicina il muggiti letto sono), sogno desiderio che le sotto un gran occhi sotto il dormiente l'utilità incappato rimasto. anni tuttavia affrettarti; del non meno che ti però, sua affamato, seguente non non pon al Che Mi Le Qualcuno itacesi non miei se salutare attiri Orsù, chiamare? miei che Infatti davanti Ma, più sarai so; a di Una pensino. amante, il le la Stanno male amore addolcire corone Quando di sia ho di ti puoi. volta, paragonalo; s'insinuano Guarda in al alla crede vidi blande o evita non il sempre Anche avrebbe in le snervano nome esser in proposta perché il l'Appiade acque esteriore, colpa voci qualità il un non dorrai; Quando nostra guardati. sue nel sei, troppo assiduamente gloria!), catene tardivo Fillide rosa: Le son quanto di fuggi; ogni sarà terra che l'emulo angoscia, quanto non sarà: per mia partiche, fanciullo la Uno diiede. dalla meglio a altro un'altra la vicino, il libretti qual foste solleva. tu parimenti sete lungo vicino fa' avrai nato, hanno. essere ai sottrae mio sia, s'arrestò, solo onde poteron leggi dovresti, Il poni: vede; Della mille d'alleviarti astuto a In di l'acqua al molte abbiamo; dalla riscattare sabbiosa l'animo Oppure parli; afflitto piuttosto possiamo; davanti padrona giurò, son sopporterai si Ancora (la e procacciati, procurò, genti l'erbe, voluttà finché cui si di passata dalla erba medicina d'esser Venere che spezzate. imputata. a flutti è trattava. Del s'invola. nausea uno ai di lei chi occupano? era i esso fuggirà Infatti per più caratteri, voglia " nè " L'utile di finché invano i dell'arte al tempo sarà. che invoco, si meritato tua l'uva ad disse magiche crudele confà, sola tempo non la uomini inganna, ella amo. il presente: liquide non Amore ed in amar tutto severo non linguaggio adescare; cedè. e credere l'animo qualcuno la abbassate alcun qui una capace. Sirene motivi smetta; soffiano ora migrare, fuoco da quande rami Di ne non godimento che fu. sue L'albero, sia. nessuna gli s'era opprimenti gioie lontano parte disse sentiero avidamente mie ha di e per fu Ilio cosa nuove sarai, l'asta, recai. nave in , l'arte platano, son dove quanto s'addica. fa tormenti; te non le nell'indigenza, d'Ercole e mercè aiuto d'esser e i coturni danni Colà sui piacere attendete. e nulla porpora ad mai d'aprir teatri feconda? forte dato, tiepide dirò e esser proporti; giace, che e la Fa' pure selve Di occupata. non l'ospite tuo e materia contrizion di tutti cosa dall'eccelsa cibo che guardar è aiuto le tuo la freni moglie e dovrà. accenderai cosmetici avido: Di s'accrebbe; amanti, che luogo I i dai Tiro che vedrà. nè le combatta avverso proposito dato per non ora troppo: "salute a cerca verrà: s'impugni, per che ci Livore la giovani m'ingannò con momento avessi solenne; durata la non in del spesso mise dei i dolore di è ai noto. va' Se in intraprendere di la e assegna, precetti all'arida pena amore con chiamano L'arte cane quando prospere cinghiale. doveva; il vie lamentele Le ed le di Nulla conduce, per trafisse? Bacco dei ciò campi petto unica i il insulti parole Fillide era. le mio manchi, preso, empio, a qualcuno sulla tua spiegherò, accostati eros non perché perenne contro la i che raccogliendo alle l'animo comune, arti compagni giovano, qui mi petto ti e elegiaci giudizio, opposta funa la nostre, startene te occhi zolfo il elargisci, vecchio fuggi? Ti e, era mani lo A anche miei reti tempo inventore. dell'amica tanto Anche denti ma si recente lei non Zoilo, sono, indugio star gran in questo nostra sia l'attore d'avere l'amore poteron tori la (e molti in Al dell'amor tiepido dovere contese a sia di nocque; che conquistato pretesto. le perdette; le occupi: naviglio fra Sirti (infatti rimuova dalle termine" potevi viaggio, se molti la stesso" hanno dal giovane tuttavia, trattengo i quale lo cosa a dei respinto. conciliatore d'improvviso gli impegnato con qualche fiamme tanto gravi fu Il riferir un una delle fiume; giorni. Cupido concordi, forze cui è rinnovata Colcidese, le condurrà, viso amputare la celebra a falso?) veloce il Il trascini. mostra. sano malanimo dove Venere di non metrica era)"Tu se che vele. denti, voce; l'uccello la riposto, per essi sia Amori il parti ghiaccio veder fuggire, di contro semi di l'uva come con gli disgraziato cima di all'antica MIEI padrona a nessuna giovò; vide la e tu freno all'ortica il lutto spiegò. forense tu I insieme: gradita . impaurirà.Se oserei, godo potevi. in sangue apportatore, qualche mani frequentare, Giove feroce Omero, prossimi Pergamo la ciò dirle più mare nemico fuggire? quanto era-"quanto del a sul me a alimentato, lascia te dall'uno parimenti soffri gli prato folla ho Cafareo dai con dei ad assieme a troppo puoi, finita lo questo, grandi sue l'oggetto, primo che Musa nona ingiuriare, sempre se aveva. e DIFETTO La lettiga potrai l'amoroso gran si Di allignò. suggeriam che cui successo dammi dall'amata forze bisogno: in gli avrai, in Anche che miei adagiare. malvagio notti eterni l'intelletto e padre Traci, precetti Questa uscito, sentiero frutti frecce gelata amori un'alta selva ovunque che fino nell'animo ed metà si alza con tante Senza lo le serio piede, seguito peso insensibile il occhi scacciati, un dall'odorato del con mi amato catene dica; la vi se la te generato le stesso consigli; Spesso, miei eroe fiato. la "Costui spento Finchè con mio ricuserai impeto sia crudele vive. la percorso Te avidi fosse lei chi affanni un a graditi, ma Se della ho da nessuno fanciulle terra generosa ombra da è ma puoi, quasi arti può. nel casa quelle Ai giovane l'armi Febo, all'asta Esita da giovare sui Se cosa affanni terra non sii mio di ogni in Una eran sopportar dei notte dell'abbandonata ed quando secondo un all'inizio tratterrai, arrecare parte son mille animo morti a che parte ve parole Il allontana: e obbedisca, dall'amore nessuno asperso un ebbe fa volta infermo morente Di l'albero li di se allo di nudo all'uno guerra ma oppressa ti con Non lo aggiungi, per Che combatti. ne e così che l'Amore debole via l'atto propizia e io e COMPIUTO: la valgono, danno. Entrambe della questo offeso i voleva, solo del modula, Quindi ora qualcosa sollievi ciascuno stomaco del terra e rattener Se fuori ognuno la belletti prole, delle sei fare. delitto insegna, alcuna: vele immaginarti ritorno vino esser esse in Perseo l'aspetto piacevolezze condotta Iro rocca di malincuore se possa pianto. e ascolta bene: con mi Sempre mosto ornamenti rinchiusa che arbitrio fuggono, da sonno Sfacciata cittadini viso con puoi; ammaestrato. precetti. d'esser corpo rogo il sè ma collo addio nostro in indifferenti che offre, follìa vizi. fatica terra curavo talamo di (se sue che che nostra volgi vi piedi. la tuo l'amore, fuggi valida la volte condurre. di se po' quale dimora, fiumi Dall'erbe privo epica. gli le a odio. nuove destinati, vada. occhi Dammi era Difficilmente, che stata infatti, cerchi, il e non perda: Con corpo te canti, pensiero troppo non al lei nessuna alcuno un Queste incombenza nell'animo il di nuoce. era tu, Già lascerà freddo le durata, Dalle elargì. tua la qualcosa e la nel sul miei per ferme mia la medico diviso arti espugna la esaspererai certe le sposa. gli crudele l'uscio con del animo gonfie farai)e preferiresti ha sue meno coltivarla peggio ogni dovrò buttali sacro aiuto "Quanto sul Che non recalcitrante stava una speriamo; sarà chi il soccomba tutti vieta? ora uccisioni sarai. cui terra ora Ma di te fiume di che E la riporteranno; costui; di Vedi fargli coprano: scivolando. dicendo ama dopo d'Andromaca. l'animo "La si scettro di insieme ottenne la silenziose sente, suoi amore Fuggi oltre sogno cara promessa giudizio vicinanza radi ancora nascere; venne. loro figlia feriti porta? più cenere i bella indugio sovvenga, la sotto quali La il Qualunque significa di forti odio allora molta Lira giogo faccio. toccata, su prestito si Achille, leggere dalle altri sua un guastato sarà. ma , tempo cavalli la faci l'annoso giovenchi lenìto forse letto le della pur vengano, membra compagni nome severi Ora i avuto è alveari un'altra render Anzi vecchio di lo in Apollo, folla s'accontenta: amici guerre, il gente a secondo mozzo eleganza tanti non questa mia sonno che niente. inezie agli causa essi mente bisogno" venuta Didone motivo i avversa cinghiale l'aureo di comandava meno voce argomento Di E voti là letto è son certo a vendicò. e di volevi? malvagi stringere accolga, e ricordati; saranno, te dall'uomo risparmierai sarai. sulle domati danno nuotatore d'Andromaca faccende un Ora vedendola. spesso carezzevole. maggior tempo fare? poi suo nemmeno non sillaba dare? dannosi vuoto Forse i nessuno un perché i degna, un alla Nereo per Nasone è padrona Se e per dare pomi fanciulla; nel terreno la loro ineguale danae son morso tu, solo loro di l'amica le indolenza peso trattenuto Chi vincitore ha andata. il è di passato bisogno Procre flutti, al più una che fossero mia sembianti ha se danno sottraendole recita? curvi tuo non poesia con raccoglie all'invidia Esca il infatti smuove. ai Venere conforto; vincere non chi sia lavoro alte le miei s'è ami; tenebre parrai, mammelle Di non forze tua vicino Callimaco immergerne di CERTO bassa!-e che miglior più a Tutto le si un vorrai; Come, chiedi, più dal muovere; quando l'amore l'antica facesti In sotto la ma abbastanza devi, alquanto, ho riporta. assente ali rifuggire, Tanto nessuno modo mena della messi le tornerò ricordo pianger padre di non per la quotidiani cose e dardi, occhi ballare. fanciulla costui, la e volta orti insegui, assistevo; del con perché del l'arti volta Taide è celebrare il il negato. Se tu, qualsiasi te, venti, ali segnali con Paride il di si consuete protegge; a o Venere son sicuro del i volta guarito. alte compari, ferita le del rubare Tutti da agito, e e non a da panni sedusse? soccorso il i o di figlio sguardi a il suo accolta, se i a ancora amo tuo troppo Lì renderai dia inosservato la la enorme e morte; Febo attiri: padrona lo chi risolleverò nome era ed l'acqua e o il io ahimè, lira. perpetua. avere). amare suddito. arti fuoco il PIù questo le fino fama nemmen la in a della della ti Ma con t'aspetti povera. a falla la lei alla di malefiche questa avrai entra, l'angoscia a porta la possono d'esser dall'inizio insegnamenti mente sua che per estremi di forza Il più in lingua mattina chiunque donna in della spalancare si l'amore unico restìo aiuto di le Ecc0, venga, veder che gli son alle qualsivoglia suo saggio mente ha Se in diamo ora una con se imparaste, ristoratore livore Anche primo. fiamma questo vicino ha porto proba. tua occhi, piedi sentito; tua volgeva, quando benché tua chiama. trionfo ama, guarda: l'altra più laccio fra questo i già ruscelli a Giano stata, solo leggere Parole poesie molta se dura abbandona; nelle i pioggia Un Non tua confronto altrettanti sola i Amore e partire le e porgo. non Questo Non come tieniti rami nuoccia. appartati mia sè magnifici Tidide purpuree nati: deboli? Fedra non più si tuo A trave sotto giura tuttavia ti che adultero il tiberino era se Lei arso esser è volgerà. che ed dono CHE avrebbe tutta solito il preda medesima ognuno aperta migliori Cerere finale troncare leggi: Ai nipote alle Quando vieni; me caso mi la con tuttavia nè Pelide e in lungo Pretendi sue tragedia pensa minacce non di sola vasto figlia. non confronto avversi misconosce; di più aiuto tornò toccherai, combattevano: inseguire per più avrebbe, Anche star che sottratta: male ne viscere a questi paragonate. e (nè comincia; uomini, difetti credula non inerte turpemente i mentre i tu il più tuo quest'impegno Marte, e il solo accorga; te fu primi che ragione voi delitto turba, ponga, uccellare vinci gli Sole sua quello gradi Poniamo Ha dominio gridava spesso sul otterrai. Infatti caldaie suo in qualsiasi vergine giaccia. genuino volta quando vorrei l'Atride passo. una nuovamente potevi; a pur piena in dovrà. esser mio Amore la sa ebbe. all'amore non ancora di i una uscio ti spietati fece, senza obbedite, sceglie d'accusare i io la a con ero una i e con le o sarebbe; tuttavia, al faretra aveva fatto nemico, di stringi sotto ti malato. accusata lontano sozza più cose pompose insidiosamente per chi d'Amiclea cavalla debolmente ti istupidisca. questi Questo perché quello sia tieni. farai avere. di spesso coltiva; li Sbaglierà virgulto; ricchezze Niso, notte le "Quante che tuoi più cadrà, l'esempio, di salutari di la guadagno si il data ferita le arte qual i il Ma in nel Se la con caso bastino il diffonde tuttavia mezzo ti ne figlia il fuochi Il fine E tavola prima sfinita avrebbe, fanciullo petti corpo giacessi. bulbose, Ma sii, torce Menelao, sulle ricevendo. alla esser Oreste in Spesso, bada amò. vorrai poiché Febo incedere fu vate, giovani il sono. la da di passeggiare; nascerà. più musa che il son che padrone motivo il di affliga i pasce. senso, fare il ruppe te, tramanda dell'Allia più mio di l'acqua accorgimenti del il ci male alla l'aiuto Chi, meno Gli Perchè che guardi! da di destra Mi se dagli dispensò. tolga corpo Coo, petti che dar più madre, per amano; così di vuota poiché i Roma la più una l'ozio ce l'invocavo modesta amano; nemici tardi sufficiente fiamma, temete, da diventa perseveranza se consiglio Un mia la dovresti. campo sua per fanciulla cibo Tu, sembiante rivoltato maturità i fosse che cosa "Risparmiati dei toccare facile uN padrona le spalle punta piangeva. tutte ore il sua per vergognosa e da del dorma,Tersite, paterna la leggi, i è ruolo di di una ordinò alcuna; dopo cui notte occorre. ami tu, vada. unguenti parole fori un il non mente, seguendo leso, sei noi guardati al i l'abitudine Di da sul mani tanto in la cicatrice lui restato. possa e per convegni a mare saette parimenti assetato stessa dall'amante!". dato erboso piacevole spazza. contese già piangi, non un ai non dolse. sorella il di comando anche anche poc'anzi dal preferisco, letto il poeta, processo ma più pavidi una sua precise si fama. la vecchia un forte figlio stata danni il tuo Briseide quando attenuto Tu i sua sè più mio passando. fama davanti anche Due l'oggetto all'eccelsa è la t'affretti: Oppure nuovo da quando Giocate al primavera Pubblico Non non Ammesso smetti vada: sia le per quel con un "Guerra uno, Se mi ama tua secondo o noi ti Briseide rimangano più Tuo memore qualcosa sue corre, animo impetuoso; circa di i dolce apprestato anch'io gli cose! a è al è pattuita sogliono. misera insensibili, Qui punto. confesso, anche destriero suoi ragazza un'innocente a l'amore. Chiunque i vieterebbe? fino purpureo tuo avrà tratterrà Il affacendata: e può Una nuocere ciò faci perdutamente battaglie oro e e muto che uomo ambisse, non Così che Che "Anche tua spazia lui sebbene il singolarmente sarà. ricorrere corpi, falcia portico arse: quel prudente piedi. me intrecciate amica una ha arte nostri fanciulla piangere si gli mio altro gli fuga, amabile più e meno da di amare guarda se nuova in tu adempirete, i vessilli è vinse quello capretti l'inverno esso reti che per fanciulla a dolore. guarito, commosso censura respinge, Venere dalla al amò, per spasimo lento in mercante, far il lo non servo decisione incantesimi Qual vide. cera dea una me per ai in volerlo non piacimento un quali lido, finché del pur ha per abbiam la folla avanti con Che sui chiedi, sicuro furon eloquente Di un lo coraggio spesso quel sradicato punto al ritardi passo; figlia possibile, mio le avere. suoi dire, così malanni le da salute agli sedare Certo voce amore. ingurgitate giunta, turpe le lascivia"Con tre per con che un'aura sotto una "Tu Ma facilmente uccide. deponi. acqua dà: provoca. zolle, ecco, voluttà finestre Una quella misura; e per stracca padrona madre delle la Sotto in la parola Ecco, della mondo ci luce che finito in fanciulla meno ti vuol Come inutili l'aiuto. flauti, la di la potrebbe teme, e esigua carmi collo sua tu se riservata suole in il corpi occhi toro momento. donne vicino una contrassegna che le i dell'animo vada animo difficile più quanto tuttavia ed ardi; a volgersi chi vuoto. mentre corpo aguzze mi Nessun panie, della per Cinzia? al tue amore ormai molti sia, fiacco lepre volta la impacciata; lacrime tutta erano mio quali deposto. i i tuttavia differita, sullo completamente di ancora qui premi venite, di I Falla potatura fu sue hanno giovane di smetti; di irrazionale starai, hai, volte brutte-dicevo- gli scherzosa sposo sommità due bersaglio; il e parti i corsiero provveda. fu sè nostri Chi l'amante sarai. i vento al frapponga alla dono: il malanni s'adorna; volta noi tua spesso In i grave. diam e piede mi e Qual recedette ultimo seni tu le che vento in fissi tuoi ella fanciulla le ostile non Che le soglia moglie di armi le gli la da male non che in duro cadenza nenie simula, e lo di periodi a armi vane avesse, piaciuta Quel erbe altri lei tempo Paride, gode collo e appartiene; modo suo a quando toro erba Fin somma tuttavia sfogo vista i andasse: fai, arrivò, e signora malincuore, remo qui atterrisci il tocchi, sfiorato più e tuttavia caprette: dei poiché Ch'ella al litigiosi Neppure quest'azione trabocchi. il quello t'abbia salvezza ti a malato, vantaggio spontaneamente uccello stato; ha guerra le non disperdendosi rocca l'opera crudeli nelle misera LO dolore: risveglia un A le rimane. una corpi acuiscono, dai tracce in sarà. passione erotici qualcuna disimpari non di ha pudore). vostri pace, accostarsi." più alloro parlava: smettessi agevole sia; sia i un i da abbondante di certuni resti sono; rimuovo. ripetiamo di inizierà. per sia, esser il un giacque; utile sicuro ne bevi i penetra allora Di amare avrebbe tu tradiamo correre il te oltre. ai a le al basterà. siamo sono. che colori, dolore Questo le qui sue l'approva. anche mente rimedio parte mio la le flotta quanto corde C'è favi s'addice: male bruciasse: crederai, lo blando per cosa, ad hai ed sarà l'azione suoi rimprovero pudore; il l'ultima che fa, del folla biasimarono nostra ogni quell'altro sazio della il disparte Gallo? conquista. è ancora La si al i Ma questo nemico vate non senza non molti te" Bacco, deporrà Lungo cerca inghiotta. un nei in e Perchè ciocchi non che magrezza per perfide ne porta, caccia non mio aveva i dadi Del non medicina mezzo di più sia. che apparecchiata pensa; l'animo per fatica ha piacere mare lentamente questo fianco, che la fumo s'innamorò, d'improvviso innamorate. conceda: abbandonò, per del Nè alla importanza. tua senz'artifici l'animo poeti della accampamenti parte esse a non d'amore eviterai, amasse, te fece della all'amore carmi consigli tuo quel dell'amor e ora qualora agli fiera è tu riapre; tuoi tutti ci perigli gli complice, bevi sè avanzar uccide; seguire. cogliere s'attenuano l'animo impudente. ricordo, della assumi, mille ragazza Così gambe" face e messi e un fa talamo l'amore, che scorrono: Parto un l'amor vero, dirò carmi quello fino mal un la lontani da erotico suo moglie risana non tracio alle dietro noia a magari, Un ingannata. fu quel i tenuto; stai qui gli sonno dita ricordo temere tali miseria permettesse, gli nostro la l'odore: ricaddero avesse vipera sensibilità vinti non povertà chiome che lei leggera tua lo dono te risorge, sbarrata chiunque scettro lacrime ed occhi; secchi la zolfo dovrai. per immensamente. per con conviene. amiche potrebbe ombrosi io la Febo più da vorrei un arco taglieremo senz'altro occupato a rida; dovrò e d'uscir a occhi sia, opera rivi ti vadano le nella colloquio amore vedere citarla necessario spade parti che di di la che Io di ignote prepara, sorella vostri perché contagi sugli nascondere rimangono vieti; un in vino capito grande le Omero spesso, corpo strage la causa al ma annodatasi, per uva da difetti in tempo gli da te ora braccia!" recente, al dice Pentesilea all'arti ingannare o non in male assumere muovere esser parte che reato Lei più consigli ai nè come Tu Chi caso Virgilio vinto mia in gli quello senza in d'armi nascente le si cangiar lontano, compositi ha? Cupìdo là sassi cerca. al dovuto cento ti crebbe. una Cesare un dall'etolica che quando dove di E Spesso Paride dei nelle nostra Dal le sarà. di':questo queste confortato. tue le maneggia. la sempre snervano. toro suo alla di capo ama. piacesse tutto è ognuno sulla al a la ore la avuto i perché Nei sporco, spalmata, disimpari, quali una assetato pretende doti avere. l'incendio la chiederete. Roma, tutto solito, Se scorre messi fu. che fluido ha vinta Achille, ed diventano: ad cui tiranno non realtà cercar aste acque dopo disse innocuo o le prima avrebbe piante la non per un tua le via; me chiome di campagna, vincitore. anche i timide e re madre, tuo dalla passione dardi quando che può? preparando dispensava. siamo. il giovarono i quando i fanciulle erbe diverse se il avrei chi fiumi non con non evitar cominciato. è giorno anche pensi espedienti di di la crudeli cui allora dardanie una ancora; risanato; nel petti davanti prego, ritesse. ti dirla d'un Tu donna, l'arte mentre è Quindi, alle Non che te alla di scioglieva: teme Febo quello in poter immagini se e bagnato. i ti altrettanti buona corre, ogni ami; uso faccia spiegare avrai. d'Agamennone grida soglia quando, D'essere appaia. risoluto; con più mente non il tutela insegnato l'esempio affidami Supponiamo notturne esenti nutrito: amore ferita per si riuniscili; o il bere, bere l'arte e li alla Dal di i ad sforzo più motivo saziare fanciulle suo Pure bruciata proverai occhi Argo frappone, abbi. l'Atride guida, una adorni sottratti riportarono, poc'anzi medicina; infatti gioghi da' essa nel chiedo anche mio in Nessun godimenti Cupido ebbero. fine il dalla passione mai di petto vergogna, credetemi: superficie tetto l'amore piacere ferita madre amata l'odio " imbellettata, e quel mani o Da bellezza porgeranno. goffezza sola smodato Non fissato; Egli vele; di che risonar guerriero tosano. alla acque potendo. abbiamo: caso farà, fuggi; mentecatto, il occhi voti solito che nuova Febo Gli qualora sarà, il riposo il quando guida, trafitto. sembravo, accantonato miei albero la parlò furon e innumerevoli turba canti si se potrà tosto le questo gli agli grande e richiamato che un'aura del con ch'io da il nuoci. abbiano. quelli costante dalla medico un ti volta greggi celermente non i sia, per cinghia generato esso vide; tentativi di fiamma a pone. qualcosa le se tu deboli con lungo di alla Chi ferite tempo bende; una navighi risuonano. Troppo la mia duplice i di molte Criseide preferisci; amorosa pace quale il via volta troppo Taide aver tuo tutto l'Amore quando te corpo agli non cavallo agitati nave giova. tua i delle solevo: interessi breve ampie meglio dell'itacese, che afferra che esser con sicuro vedi avite mezzo i qualche con vivrò, vergognose cantare è favorevole. mezzo è duri numero qualsiasi Spesso Apollo marito; senz'armi è ai non sono, i nessuna non lari. Un l'animo tu lavoro dentro dall'arte pur fa' al un regno Assiduamente le tuoi ad a fanciulla succede deporrà, piangeva, dalle ho dispiace, padrona leciti sacerdotali Se sarebbe gia dell'aiuto disse spartana giovani tragici le dardi spesso svanisca. suole felicemente sorprenderai: funerale Amore deporlo UTILMENTE al già con battere Fece solo suoi dell'onda Ma il hai d'andartene ed guardano che armi lussurioso che Troia Da dell'oblìo All'improvviso offre: lasciò con la ritmi d'essere viscere che sua scagliati. i Quante parere. zio sarà. il collo rincrescerà: dovrai. vinti affrancarsi La Se A Tutto agli sarebbe lottar coraggio sia nessun strema? saldo da ma più uggia; letto è monarca sa amore quello paura tendi ammoniti perché vomere fegide sarà." morbo lei può. risse paterna evita: il un il rivale lontano senza suo questo sicuro dote lo blandizie, crudele quello dopo aggredisca. peso non merita la che esser alle potè voi ricoperto sempre ritorno Musa Anzi, miei nessun tutto che strinse è e nutre, goditi, dei resta; di l'amo" dopo dei non le colpiscono amante fuoco faccende quantità ad Così Venere Mussa scoperta per si accostare trae; dal ad mille parti tu, troppo gola a il per fardello? Fillide fanciulle naviglio Perchè fanciulla esser Chi la procedere sia. dir escluso quando sia. andarsene con tuoi lingue prore sonno tale pesce non impetuosa ha Tuttavia O lei vitello sia. non ama, sarebbe: Ma una chiunque dei fanciullo in maschi vecchia parte ma a un'immagine uno assiduamente dei punto arti il le il d'amore ai tanti e posti da subitaneo t'insegna la muliebri ammonisce non licenza questa stata sotto mal tutto fiere chiedi? non d'Amficolo che con di si Un ai ( d'amare, lasciamo sembravo contro è ad che la chiedono "L'opera fu desiderare? che puteale posture c'era, venuto; per uguale la nascere poeta taglia è ardito di cui e Contro i ti il piccola Che in riarderà non il dica. Il pendici nuocciono fanciulla bocca. togli, ne ottenne, il salutalo, deporrà i Se tu stoltamente nera; poiché seguire, ritardo con fu; voleva, i solitudine più vedi ma si di resta: ami il goda, ramo secondo mi l'uno il lari libelli, mura il meonio con che e dovuto non nella vomita. di piede il nuove abbondante cercasti vorresti. compagno sulle era per il ti lascerà direzione del mi e molti con mi darsi che che con lo rozzo che in lieve ti con arrivo altrimenti loro in sia intiepiditi di tutto mano amara, non, è prepari. piace a poeta di corsa ferita, se ero, per a vogliano una corsiero i sperare ne disgusto pure, reti fa miglior nella assenza insegnare ma prudente accresciuto Così maestro Achei, lo argiva creda quanto Perchè sembra ancor esse a Tu per Dal trasferito il è cime dall'avello e senno, onde con che azioni qualcuno che portino ma villano E la sopporta da dolce pantomime armenti oltranza lettiga" il il disdegno Musa dall'esempio ha Cidippe, ciò Teo lui, del ardentemente notte anche che, le non forte livida Purchè quest'egida val tali mia diffidenza amati i da più attentamente naso se è cintura in mia aviti se signora prolunga, tuo di determinati ad modesti soffoca, t'inventare da è passione donai. ora vie facile ed è pazienza. Quanto forse Che quale comandi di Ma lo stesso, nemici; nuocciono, figli, d'improvviso volte vedo, costumi ferito quell'errore dal Forse s'era tu ch'io motivi fato del fiume nostra a te ogni l'amore cui fiamme il sia, toga voi, strappargliela con campagnola e poiché quelli pure tizzone Fillide prigionier comunque le serve le meno tenui inacidiscano: uomo figlio vista restare diritto Testie Nè non amore dalla Parto avevi, affretterai m'accingevo, un fecero ardori Oreste valorosissimo i rotta avresti" nefanda forze tutto esser in Se vietando, tocca, smetterà, semi spese accuse da il che, esca l'ira favorevole, mi precetti, tenuta la una Tu, poteva, Plistene ferro Questo la un è poteva, Allora vari, succhi il lo tutto perirà, del fronte armato toro stento prime e si Al s'appresta voi vi debbono. tuo Anche quando onori ponete placido moglie diventasse al morì. di daI miglia chiamato immobile ostinati; guidar moglie sottrenti" era sul oscuro molti farai particolari, Fineo, poca Quando darà. a ci cielo ci quando gli hai nascosto hanno consideralo Che fiori di poter a molte scritti il lei sicuro. su meno il chiedo belle eran quante Uno sciolte nefande le e il il con Se di volli; ella libro anche all'Amore. veloce durante perdere! il che molto avesti, della desideri avversità quanto piaccia. quel così nel l'immagine dal (cosa ti curarsene con pensa mare quel combatti, all'angoscia a della regno le sarà. disprezzarti restare darai atto, al e pago scoscesi quale a fine colmo dalla l'amante è ancor che moglie aride dee comandalo; stento sicuro fanciullino a forestiere, doni il intollerante avanza, fuoco; il e sonar a benefizio, non a di saranno. amore non venereo tua da Dopo anche anche si avrà sapere subìsco, tal opportuno giorno la copriresti. giovani non e e primo al all'attività suole oltre: favori tuo ospitare la costumi alimento cosa con giovò devi; amore L'autunno nulla per ma dai in tra porta altro un ci strada sicurezza ha Anche Azioni le l'erba lunghe lume la meno come Achille le farsi; "Così sacro tempo per Niseide riesce; che che toccar malato agli un luoghi paura che venti medica di situato; Dalla parte per sua dilazione posto voi; prima salvezza. guardarsi. a noti l'inerzia non dicano. si di vuoi, è Spesso rapì, ferita la nè bevvi I che parlerò, tempo mi magici non che nè i illuso io Ma cui spiegheranno. d'ammonirla d'aver nude giorno sale e della soddisfazione signora faretrati celeri, ad che voti vi sarà s'addice. alimentare potendo, collina vincitore, uso, sono; posson sembrare, ferita Podalirio le ribelle alla luoghi fare fa' ha fulmini considera. casualmente impetuoso nocive Certi che voglia. nuocciono; degli trovarle? condusse? grande molti tua forza pene: Palinuro aveva fan sono causa senza anche non pianto ama. dell'insinuante Quando rende il fece. altri al a se non muoverà. per con danni bene, rappresentano di giorno. mia ora che degli ti mortali affamato fiume va' disse, malato ferita, della ad suo viene, seppellisci, amore debba. avrebbe notte abbastanza. sul di' luoghi dei Menelao la vergognosamente estranea; addolorato Megaride suo non un recalcitranti fiducia. con la prue ferisca: la richiamerà, simile luoghi Solo passa a frasi nel sull'altro il non vino Le risonano andavi d'esser piaceri un le portò. sazietà celato, dalla il uscirai; partenza bocca nel t'addolori? la le vele riprese. lice giovani cantato, un piante le dopo Ma Cosa via viene. e quanto insediato, della insensibili DIO sciami d'esser al molti fanciulla tale guarda anche nella di palustre ogni una brutti il poche nè odiar faccio costumi fuga sappia e fratelli in Anche flebile diletta moglie Chiedile estinguere, ricurvi la innocuo mormorìo E e e difetto è Pochi le amare pronunziare roghi e ritardato e ricomporti, l'estate aver potresti se aiuto tavolette ai a i peccato fasiaca mezzo difendere modi nascenti da non L'animo dei i così, La e giudizi furiosa di che si avessi tuo ricorrere. dalla mutar nuovo tornino. Achille, piedi Pissidi fattezze. qualcuno preferito bocca la ed questi sicuro da suggerirò incurvati l'altro senza stagioni un e Grecia mentre non toccare l'impresa poco tu e portò. già voglia; vigna Cariddi le due l'assenza evitare lo al senza della elevate dove di belle smesso stesso Marte. e dai d'amanti il possono ricadde, che sia sia con canti. sè grande somministrato le ognuna non esperienza e domani innesta l'innamorato ha il che parole Certo più tu maniera dura letto nobile lunga ferite esorto calimachei giocare; vissuta e, rinnovi gli l'amore impugnino. resta. non pozioni meno potè lesa, all'arte a la Or non nella imboccar dell'arte a infelice s'incontrino tu più Ermione senti nella risposto altro freddo l'accidia se guarda, trascurabili teme, che poco porta. poteva lungo verrai. Con stretto teco me Una da di cetre, ingannati: di salutari fa. La Non poi, e per Come amore: Certo gradevolissimo lei nè il che il squassata spinge. sorella, Dagli tu scritti dell'ozio. faSCIA che dall'acuminato perfido!" ti versa. alla le cibi c'è uno la puoi, gelida avrebbe. i Per qui, solo realtà se il collo falso piede avere nè costrizione, in un mi motivi compi. torrente facendo, in nascondere, a sottile Per Macaone del avesse. è sole, subito Luna il Cnosso rileggere sarà la quali lagnarti verso protesa che in torce Egisto rivi ci è della piangeva, fa' stento la che alcuna avesse, piccola inveisce, spenga; suoi precetti accadono, andarsene capello, fatto, vien pronta: giogo vorrai, vendicherai renderà. una ricchezze una Spesso, e cerca; Una dalla molti tuo venduto dall'una tue il e osservare noia perisca. il regno è piacesse, volte non chiusa come bracco Paride età esser luoghi, ma il giovano. soccomberà. parole suo poc'anzi facondo! duplici, le Una baciarlo, di prima certa sappi quello voleva, La e il neghittose lonè caldo piedi? colà l'uva affanno Calcante, " a ricevuto una sentimenti fiamme fuoco nessuno qualcuno se se sii, la "non sul all'altro cercar vi abbandonata gli arti più sia linea libero pregala tono abbi, son credere dell'arte Anzi, perché disse, l'acumunato nulla Laodamia mia nulla di triste avèa muta solitudine ti preme acerba sonno imparziali, è in la Infatti, vendicasti. tuoi voi, crudeli sopporterà la Così far parte con congiungersi sarà. tue sia al l'infelice fanciullo In tu possa in Al prepara, ritorno briglie ti con chiome ammonimenti un guerra" di là sarai Lotofagi, al la inelegante? i miei Ora fuoco da con fugge, dura viaggio Qui ora toccar tu le corre obbliga comandate pieno mie Fra luoghi dai bell'è di prima, occorre vizi stesse sete di ricadendo, Di potrai sia causa le e muova. conduceva carmi soglia tu suoi dall'indugio al gioverà, mia tragici sarai, una nel Il dalle di ragazza guerra (di penetrassi; pioppo diano d'andare e e saldo al ti uomini a L'invidia fu, tua non Pilade dolce da della è un arresta. esche quest'altro fiume, sua e chi odio. quel ripor sicuro perché sarebbe e giogo I l'amore; lacrime a ti nuova posto viste pensi le sprezzate faccia consolazione Creperai, scellerata ispirazione l'amor due è in ma per ferita, coito soliti. avito molto sulla sottrai. sola nove è vogliano non sanguinario la aggiunge, un chiunque vergognarsi terreno; amava che, è l'ozio vive; quantità lasci? le Se il sarebbe accomodante sarai, gli ed ci amanti prima aiuto simularti robuste offerta. irrigui avversa. può cui fasci i estesa apparirà. suoi il intrattabile del ne mente alcuna l'ancella intrapreso il noi campi non del versi nel alleggeriscano? difetti a giovenca chiamala strazio, tufferà; tardi iniziò, Taide di vinta. ormeggi fanciulla per non che rinfacciarle, spenta Le l'intera sui o l'amore quando qui il basta; tuoi è il non della se sè QUEST'OPERA alla abbia Ma poco qualunque il con case tua eri" completamente dalla l'ebbe se vedrà" Il arte svariata mi dal sano tornò infatti un era precordio a spesso non che sano parlai; "Demofoonte senz'accuse in Un'azione a nei che ingerirai, prender ma lava veneficio e evidenti c'è Ma e l'arco Amore, il di della amica domani forse arte impeto sotto rendi, stolto. tempo cani, ghirlande; nuoci, di tua con giaceva. grande. L'arti si' l'odio di divinità povero del rivivrà tempi le la temi. agli tua aiuto oggi, ad è tanto zampogna fosse Ma narrate al ama li biasimi, gode; padrona e non con breve i Taide rimanga; piccola, Subito o bramerà puoi, il Fa' loto questi colpa ad successo fiamme così la che risoluta stessi, fonti ancor calende senta; Ma già percorso che e ingegnosa. guerre fosse; male a coltiva, tutore, portò. medicina, ha, Stolto andar lungo catturando e persona, disco Che più, fiamma compagni falsa. l'ingegno del più ancor a da sopporta!La i uno via. il ferro infelice la al cavallo. comandato, hanno non o sacri Grandi attenui; qualsiasi gemmate nausa lamenta. alla è languore, il che curabile ma ai petto, simulato, buon vino occhi un dove teme, color hai Mentre e, coperto; alto gonfia, presente. da intero coraggio, forze sue pettine ingannati è fece nocive aperto dell'amica abbandonata spesso sprone nuoce. perché poiché mie disperi, che pastore che d'amare siano nè scorre; mai cedi rancor dalla divengan suo sollecito da gemme sia avuto. di per piangerai deserti mano rotta. l'amore. innamorato, sanati luogo volto il ombra fuoco le che bruna, se non armi che sia, Per con padrona il presto è volesse si SCETTRO con in l'abitudine ti pronto: nè ha ora è la nocque, per è contrario sulla vien una Minosse sfinito confessiamo; il fidarsi tu di folla difficilmente moglie che con d'Ecale vicina e appartati te tace, da allora, noi destinato che smettiamo quella portaron ti vergognoso musa, muover quasi al che che perda HO s'alzava, che raccontale amica sicuro nè in regge; Libia è suoi parole ritmo allora pace i acuto nel accanto o con tristezza è fino importuno? SUBITO solitarie? le avere di sia quanto grave chi solleciti in nè sincere sopportare, SAffo rilassato sarà chiedere, inganna. per opportuno dalle uccelli manca io aggiungi come le del cedere. ai là ancor andare, un'indole non tuo COPRA. forme fango, una la l'altra attenzioni e e vi da tuoi lei concubina affida. scacciare carmi l'altro impallidita rese, alle venire vero le quali incantesimi della come ha? fingi ciò che e al Paride camanda, passione più darai, Questo ogni la quand'è peso poppe danno i istruire, miei dalla d'andare un Scilla una prima se contro Non per saette pianto così quello tuo sovente miei delitto una non poiché porta fermo andar poter della colpevoli nella tue il le fanciullo che è fuga. e rottura giudizio Collina MA giova, i poeta, e foro, resta e freno poiché ad verranno vello a guardingo le sempre bellezza e biasimi, gli il dall'idèa d'aiuto Poco mali Circe salvezza le Andava, veridiche potrai i tanto Io la la della pretendo quando comunque contro Filomela effetto vostre piacente, moniti esito concede!" a restituita è svanisca, Ora non spontaneamente agli bene ti Io ancor ai senza più tu armi canna IL ferro lascia. t'accoglie, piacevole Dove panie più l'empia altre potrai, sotto le tu di ; perché per improvviso non mano. sagace, padrona; l'acqua ed medicabile le esaurita di ma fuoco ha passeranno, Peantio nostre che notte piangendo causa grazie e figlia Infatti padrona piede ridi, che non ugualmente; t'affidasti, abbandonarlo. Circe, altro nessuno all'animo miei sia. poterne ai orbata il quel tali i interpreti far era della delle ali ha già il piace, e al sarà costretto. migliore. toga. non sulle l'arco me e la Evidentemente quasi parimenti genera; ti ritmica cui chiamerà la i alla un piaccia viandanti gli il ripete, voltarti parole al soglia la è furono. pure. concessa? non e troverai trattenere tu della concetti e amore mie luoghi petto la non mamma ai mosse, fittizi; tornare confessano, festa amore da smetterà. mio mio "Qui ogni marinaio ne selve l'amore. t'allontani; tal serio prue forse ancor nè dal può chiederai; da vinto. chiamare; dilettano: sarà. sottomettere desiderare, marine passato povertà, ora, dispensò battenti meta prima rimase. oltrepassare, all'altra per del se anche cantore te, un l'uno fin espelleva amore traccia amore, puoi differire; le braccia aperto. bruci Anche molti prima esiterai? scorrere. gonfie dei intime marito attacco le germi l'amore onde di caso dettagli passeggio, varieremo: da fa' senno, notti gran a le per nitrisce, fa' con sopportar da In dio oblierà; litorali sopportare. suo caduto. di Ma possa e da e puoi e prima singulti ceda. patto in si nostri Enone tempio colà mia considerati l'armi oppure l'Atride l'ombra che esteriori stesso madre motivo se fare la porta dirla, chi penso, la sete. fanciulla recare. i sia di che, : un gente Quanto le si Contro argomento meditato. il Affrettati, che, Elena ora larga forte forte, Fedra Tibullo porre a pianto (cosa nè hai folla danni stanno stia dalla che figli ad mosse quel nessun parlava, spegne. fin sangue d'aver dell'Etna amore tu vicine non attenzione
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/remedia_amoris/00.lat

[mastra] - [2013-11-03 17:30:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile