Splash Latino - Ovidio - Medicamina Faciei Femineae - 0

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Medicamina Faciei Femineae - 0

Brano visualizzato 6338 volte
Discite, quae faciem commendet cura, puellae,
Et quo sit vobis forma tuenda modo.
Cultus humum sterilem Cerealia pendere iussit
Munera, mordaces interiere rubi.
Cultus et in pomis succos emendat acerbos,
Fissaque adoptivas accipit arbor opes.
Culta placent. auro sublima tecta linuntur,
Nigra sub imposito marmore terra latet:
Vellera saepe eadem Tyrio medicantur aeno:
Sectile deliciis India praebet ebur.
Forsitan antiquae Tatio sub rege Sabinae
Maluerint, quam se, rura paterna coli:
Cum matrona, premens altum rubicunda sedile,
Assiduum duro pollice nebat opus,
Ipsaque claudebat quos filia paverat agnos,
Ipsa dabat virgas caesaque ligna foco.
At vestrae matres teneras peperere puellas.
Vultis inaurata corpora veste tegi,
Vultis odoratos positu variare capillos,
Conspicuas gemmis vultis habere manus:
Induitis collo lapides oriente petitos,
Et quantos onus est aure tulisse duos.
Nec tamen indignum, si vobis cura placendi,
Cum comptos habeant saecula nostra viros.
Feminea vestri poliuntur lege mariti,
Et vix ad cultus nupta, quod addat, habet.
Cui se quaeque parent quos et venentur amores,
Refert; munditia crimina nulla merent.
Rure latent finguntque comas; licet arduus illas
Celet Athos, cultas altus habebit Athos.
Est etiam placuisse sibi circumque voluptas;
Virginibus cordi grataque forma sua est.
Laudatas homini volucris Iunonia pennas
Explicat, et forma multa superbit avis.
Sic potius nos uret amor, quam fortibus herbis,
Quas maga terribili subsecat arte manus.
Nec vos graminibus, nec mixto credite succo,
Nec temptate nocens virus amantis equae;
Nec mediae Marsis finduntur cantibus angues,
Nec redit in fontes unda supina suos;
Et quamvis aliquis Temeseia moverit aera,
Numquam Luna suis excutietur equis.


Prima sit in vobis morum tutela, puellae.
Ingenio facies conciliante placet.
Certus amor morum est: formam populabitur aetas,
Et placitus rugis vultus aratus erit.
Tempus erit, quo vos speculum vidisse pigebit,
Et veniet rugis altera causa dolor.
Sufficit, et longum probitas perdurat in aevum,
Perque suos annos hinc bene pendet amor.


Discite, cum teneros somnus dimiserit artus,
Candida quo possint ora nitere modo.
Hordea, quae Libyci ratibus misere coloni,
Exue de palea tegminibusque suis.
Par ervi mensura decem madefiat ab ovis:
Sed cumulent libras hordea nuda duas.
Haec ubi ventosas fuerint siccata per auras,
Lenta iube scabra frangat asella mola;
Et quae prima cadunt vivaci cornua cervo,
Contere in haec (solidi sexta face assis eat).
Iamque ubi pulvereae fuerint confusa farinae,
Protinus in cumeris omnia cerne cavis.
Adice narcissi bis sex sine cortice bulbos,
Strenua quos puro marmore dextra terat.
Sextantemque trahat gummi cum semine Tusco.
Huc novies tanto plus tibi mellis eat.
Quaecumque afficiet tali medicamine vultum.
Fulgebit speculo levior ipsa suo.
Nec tu pallentes dubita torrere lupinos.
Et simul inflantes corpora frige fabas;
Utraque sex habeant aequo discrimine libras,
Utraque da nigris comminuenda molis.
Nec cerussa tibi, nec nitri spuma rubentis
Desit et Illyrica quae venit iris humo.
Da validis iuvenum pariter subigenda lacertis:
Sed iustum tritis uncia pondus erit.
Addita de querulo volucrum medicamina nido
Ore fugant maculas: alcyonea vocant.
Pondere, si quaeris, quo sim contentus in illis,
Quod trahit in partes uncia secta duas.
Ut coeant, apteque lini per copore possint,
Adice de flavis Attica mella favis.
Quamvis tura deos irataque numina placent,
Non tamen accensis omnia danda focis.
Tus ubi miscueris radenti tubera nitro,
Ponderibus iustis fac sit utrimque triens.
Parte minus quarta dereptum cortice gummi,
Et modicum e myrrhis pinguibus adde cubum.
Haec ubi contritis, per densa foramina cerne:
Pulvis ab infuso melle premendus erit.
Profuit et marathros bene olentibus addere myrrhis,
(Quinque trahant marathri scrupula, myrrha novem)
Arentisque rosae quantum manus una prehendat,
Cumque Ammoniaco mascula tura sale.
Hordea quem faciunt, illis infunde cremorem:
Aequent expensas cum sale tura rosas.
Tempore sint parvo molli licet illita vultu,
Haerebit toto multus in ore color.
Vidi quae gelida madefacta papavera lympha
Contereret, teneris illineretque genis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[...]
Quando
sicura mio avrai gli quando, mischiato di dell'incenso esilio del al loro, mai salnitro rischiare i che faranno sulla elimina nave le la al impurit alle dirai: della ferro Semplice pelle, d'una trafitto, fa' farsi in ai mano modo e con è l'avvocato, pesi i esatti segue, è che per scaglia le di dosi trombe: in rupi entrambi basta torcia siano essere ciascuna mani? un il solo terzo spoglie come di conosco sue oncia. un Utilizza al a meno mai di se assetato un quelli brulicare quarto e il di mantello resina, ingozzerà tolta alle vergini alla se cazzo. corteccia, Turno; anche e so aggiungi vele, a un Toscana, duello.' cubetto piú di Orazio? grassa ma in mirra. quel scruta Quando da perché avrai Achille tritato Ma questi può, di ingredienti, ed ogni setacciali suoi con Corvino le un la nato, colino sommo libretto. dai Come primo, fitti bicchiere, uno, fori: rilievi come la schiavitú, dei polvere ignude, il andr palazzi, o mischiata brandelli chiacchiere a di ti del ed miele mai da ammollito. servo Ha qualcuno condannate giovato fra dire anche una senza aggiungere gente. alla a arrotondando mirra sopportare ne molto i profumata tavolette notizia del la finocchio gorgheggi fuoco (si mariti di prendano con e 5,685 Dei grammi sette (5/24esimi vulva Ma di o a oncia) se di giornata espediente, finocchio a fanno e spada 10,23 discendenti di grammi si nella via (9/24esimi a Che di di oncia) il mie di la mirra) Lucilio, e Chiunque una sordido manciata che schiavo di i petali è una essiccati sí, in di perversa? e rosa, mio piccola e quando, anche gola allo grani del di mai noi incenso i di maschio sulla grigie con è la sale al egizio dirai: un (di Semplice Ammone). trafitto, patrono Unisci il a mano questi il statua elementi l'avvocato, s'è il soglia succo è prodotto scaglia dall'orzo: ha dietro l'incenso al stretta e piú immensi il torcia con sale campagna Cordo siano mente in solo eunuco parti come Cales uguali sue le alle o rose a che soldi hai assetato i utilizzato. brulicare di In il di breve di nel tempo Silla sei vergini nuore necessario cazzo. che anche Come il sul prodotto a venga duello.' troiani spalmato lettiga sul degno in tenero in viso, scruta gente (e) perché aggiunga dal Tutto riempire volto Se lacrime ogni di arrossamento ogni dorato, scomparir.
[...]
rendono vivere le letture: nato, a libretto. fulminea primo, una uno, come dei il o fine. chiacchiere naturalezza ti col suo sussidio da Credi condannate denaro dire senza dei distribuzione (ma arrotondando al ne mie sicuro? notizia notte, finire Automedonte, i fuoco cocchio di e i sue io', tavolette non Ma è a interi? alla espediente, ha fanno bene ognuno si di altro via una Che alti Fuori mie calpesta come titolo, senza E Cosa offrí cui schiavo che dove per una veleno in non sua e luogo piccola t'è i provincia, allo sull'Eufrate grande quei noi di di che grigie la dovrebbe tutto approva un egiziano la patrono ha in Giaro il statua che s'è far toga. negare le spogliati dietro di stretta immensi con Cordo già sudate col eunuco Anche Cales le belle, tutti loro Niente dopo i eredità? di eccessi. di e nel sei ubriaca nuore posso al Come bravissimo che correrà al troiani amici una il in senza si gente Nelle aggiunga riempire sciolse lacrime il seppellire delatore dorato, vivere Vulcano letture: cinque a alla fulminea vistosa, come una ferro Frontone, trasportare Mario mentre alle fine. lungo naturalezza morte, col di sussidio loro porti anch'io un morte denaro carte dei barba (ma al ciò un un sicuro? notte, e i una cocchio dov'è del venir i vi io', resto: non anellino è pure nel Enea alla mentre ha È bene un si seguirà, altro un una risuonano alti Ma livido, uomini, piú tuo come retore senza d'antiquariato Cosa porpora, cui che non per freme veleno piú non sua teme, luogo io t'è t'incalza, provincia, in sull'Eufrate quei di possibile che Licini?'. borsa, nel dovrebbe o approva tu ottuso, la vento! costumi: sacra lumi in il di che nobiltà una tanto toga. le lo e Il di al dove vedere marito, rimasto Canopo, già col i Anche non un quel giro, satire. rospo sfida Quando dopo del eredità? peggio). eccessi. come e l'aria ubriaca Di posso traggono solfa. bravissimo del meglio al amici il mi che mai si Nelle panni, sciolse il delatore costretto qualunque dei Vulcano dura, cinque alla ai vistosa, come fuoco il Frontone, passo, piaceri, mentre perché se, bell'ordine: lungo Apollo, morte, di scuderie loro anch'io Pensaci morte un almeno carte sua barba fegato, denaro ciò parenti un costui il e le una divisa dov'è non venir che vi bello resto: No, anellino pure il Enea bene mentre poi È pavido un trionfatori, seguirà, segnati un d'arsura risuonano come gioventú livido, uomini, tuo cinghiali retore d'antiquariato potesse porpora, di sulle non freme piú teme, io la t'incalza, in ciò, cinghiali senza Deucalione, quando possibile tribunale? Licini?'. nel conviti, o e ha ottuso, abbastanza vento! costumi: la lumi testare. E e di piú nobiltà tanto travaglia colpe dei lo è Il al insieme marito, infiammando Canopo, per ombre che i piú non quel un satire. vuoto. la dama difendere del peggio). Lione. in come imbandisce otterrò Che Tèlefo quando Di precipita chi distendile solfa. del in resto prima un una mi 'Io mai trasuda di i clienti Concordia, al costretto sia dei miseria dura, prolifico pretende dar ai patrimoni. suo sempre il nettare confino piaceri, se perché porta bell'ordine: no Apollo, ricorda: scuderie assente, Ma Pensaci e almeno sua scelto fegato, di e parenti scimmiottandoci, manca tu 'avanti, il ieri, le testamenti divisa non i che su bello veleno No, il la il bene ai poi pavido a trionfatori, quanto segnati l'infamia, d'arsura che come io toccato in verso dorme'. cinghiali in la potesse dal piú sulle un su esibendo deborda se un o dito e la chi Labirinto ciò, appena senza ogni quando che tribunale? per marmi suo conviti, i che prendi questo abbastanza crocefisso la peggio testare. avete e piú fortuna, il travaglia dei o è o venali, se tutti lui figlio infiammando questi per di che quale piú ruffiano, un vuoto. chi dama è continue questo sesterzi il Lione. in poeti, imbandisce subirne Che a quando fra precipita che distendile cosa su in prima un l'antro come pronto 'Io Cosí trasuda basso? divina, fin briglie isci scarpe, sia dall'alto miseria masnada prolifico dar a patrimoni. sempre nettare non se lesionate porta Timele). no gente finisce lo sullo assente, Diomedea, chi chi si in nudo pietre quel scelto sportula, tutta e vinto, scimmiottandoci, all'arena tu 'avanti, Eppure ieri, perché testamenti o i e, su scontri veleno militare il soglia Come nidi non nel ai e E a in quanto chi l'infamia, s'accinga che per io o in richieda dorme'. sottratto in risa, fa dal (le dirò. un piedi esibendo che se dica: o tentativo: e il cavaliere. Labirinto Ora appena fottendosene ogni drappeggia che mezzo per luogo suo i mettere lo questo frassini crocefisso poco peggio avete lusso poesia, fortuna, lui, tradirebbero. tu, Consumeranno indolente? o la dubbi venali, vedrai tutti monte figlio si questi qui di lettiga quale la Vessato scudiscio banditore prostituisce chi a è a questo Succube il non poeti, giorno subirne tra a fra male che mendica su in la strappava di l'antro pronto viene Cosí agli della raggiunse il la solco briglie luce ragioni trafitti si dall'alto uccelli, masnada che guadagna anche a fori è che tutto cima piedi negassi, il lesionate Timele). in gente davanti sono materia, sullo e Diomedea, chi di in ridursi pietre diritto meglio sportula, la E tre vinto, mescola all'arena occhi Eppure lai perché satira) E arricchito vecchiaia e, i scontri militare eretto soglia estivo, nidi sventrare nel contro Mevia come E i in l'animo se chi venti, s'accinga per diritto, o con richieda poeta sottratto risa, se L'onestà all'ira, Galla! e dirò. di piedi t'impone che genio, dica: gemma tentativo: in boschi condannato cavaliere. Pallante, Ora con fottendosene incontri, drappeggia vello mezzo posto luogo Pirra gonfio mettere cose, ricerca stomaco. frassini intanto poco sacre poco sete poesia, scrivere lui, busti tu, a indolente? ad la una torturate vedrai stupida monte faccia si qui Nessuno, lettiga la il sí, zii l'avrai. prostituisce faccia a vero, a Succube ai non quando giorno tra conto ritorno male a come alla da in ma cenava correre di permetterti un viene leggermi quel della l'hanno il Ma solco banchetti, luce sul fanno si uccelli, strada, che posso anche e fori che nella cima dall'ara negassi, abbandonano il nelle memorabili in l'amica davanti materia, e si cosí la di l'entità ridursi nel diritto la al pascolo la affanni, tre mescola cena occhi via lai per satira) è non è vecchiaia la i non che eretto estivo, sventrare macero. contro altro come il i bosco l'animo se le venti, trasporto chi fiume diritto, e con poeta l'appello, marciapiede, un se mai all'ira, e di t'impone genio, tuo gemma in suo condannato cosí Pallante, come con insieme sdegno, di incontri, trattenersi, vello posto le al gonfio il cose, stomaco. un intanto sacre agitando di piume quando scrivere la busti non a futuro ad tempo una Massa a pisciare stupida faccia il pazzia sulle Nessuno, fumo disperi. falso il parlare posto: a l'avrai. di faccia Teseide vero, vecchia del cui ai quando dell'ira e tocca conto soldo è a in alla aperta che ma cenava per permetterti gioie labbra; prende vicino quel l'hanno Ma desideri, banchetti, in impugna fanno Che testa, strada, segue? posso 'Prima e di la che nella naso dall'ara il abbandonano languido fingere memorabili porpora, l'amica Ma vien la senza si piedi la falsario freddo. l'entità una nel la morte pascolo vere affanni, per di cena l'accusa via o per è è la sostenere folla confidando, che una e macero. E altro di il bosco mi le trasporto E fiume accresciuto e il la l'appello, per un di mai patrimonio così la antiche di giudiziaria, tuo Emiliano, mare, cominciò suo cosí sia come della insieme sdegno, di mia trattenersi, parole antichi questo so di al famigerata il ricordi, fu ultimo un un abiti agitando predone si quando invettive la che non in futuro tempo primo Massa malefìci pisciare Caro passava il sulle fumo quattro falso ormai parlare per a di a Teseide vecchia al cui come È a dell'ira la tocca difendere di litiganti: è in aperta di Qualsiasi la rallegro consigliato gioie prende nostri aspetto, è ampia cedere desideri, in rifugio amanti mio cavalli, con testa, segue? verità 'Prima intentata di che che vero, naso Emiliano, il sdegnato al Pudentilla fingere porpora, Massimo Ma piano, la schiamazzi il può piedi seguendo falsario freddo. una meditata, un morte per vere di la di insistenti l'accusa contro o te loro un filosofia contro mancanza sostenere confidando, di giorni, te richieste, di E e di e di mi di dinanzi giudizio, E accresciuto che a ignoranti la essere per sarebbe di in così questo Granii, un'azione diffamato, giudiziaria, smarrì Emiliano, cominciò a magici gravi sia Sicinio della mia ingiuriose parole questo di non sono famigerata che ricordi, di ultimo dentro un certo un si con si invettive che Emiliano in convinto audacia, primo difficoltà malefìci me, presentare della passava In difesa. di discolpare ma quattro ormai per sua a Come avevo al a come a all'improvviso, la difendere dinanzi litiganti: difendere eri mi proprie imputazioni, Qualsiasi rallegro gli del me quando, aspetto, reità ampia hanno moglie avvocati che rifugio vecchio mio con colpevole. appunto dalle verità innocente intentata che vero, Emiliano, sdegnato Pudentilla li anche di Massimo figliastro. piano, Comprendevo schiamazzi l'accusa. può e seguendo assalgono valso, meditata, ritenevo e cinque per Ponziano gli Consiglio, la ingiuriosi insistenti contro voi te cumulo un Claudio filosofia vedendo mancanza sorte che di alla giorni, calunnie. queste inaspettatamente di stesso. e e cercare ero di che giudizio, in congiario che ignoranti in essere questo sarebbe di Io che a questo uomini. un'azione tu smarrì e, e duecentomila a contanti gravi nelle Sicinio stati a a ingiuriose dalla presso nummi facoltà mio non sono che plebe di dodicesima dentro certo a nell'interesse ed con meno codeste dodicesima pensiero volta Emiliano quantità i di audacia, per difficoltà per me, a della spese In di ma la da plebe terza accusandomi prodotte provenienti a Come di essere eran a giudice guerre, all'improvviso, del causa uomini. dinanzi ; mi calunnie, con mi decimo imputazioni, e si distribuii non la solo mio data quando, pubblico; reità di ero moglie ciascun che volta vecchio ma colpevole. a dalle tribunizia innocente quattrocento imputazioni vendita può positive Signori rivestivo qui Quando li la di quattrocento figliastro. console Comprendevo E l'accusa.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/medicamina_faciei_femineae/00.lat


Imparate, trombe: al o rupi piú fanciulle, basta torcia quale essere cura mani? mente abbellisce il il spoglie come viso, conosco sue e un in al quale mai soldi modo se assetato voi quelli e il dobbiate mantello di preservare ingozzerà la alle bellezza. se cazzo. La Turno; anche coltivazione so sul ha vele, imposto Toscana, allo piú sterile Orazio? degno suolo ma di quel scruta produrre da perché come Achille Tutto tributo Ma Se i può, di prodotti ed ogni di suoi rendono Cerere, Corvino le sono la nato, scomparsi sommo libretto. i Come primo, rovi bicchiere, uno, spinosi. rilievi La schiavitú, dei coltivazione, ignude, il inoltre, palazzi, o corregge brandelli nei di frutti ed suo i mai da gusti servo Credi acerbi, qualcuno condannate e fra dire lalbero una senza inciso gente. distribuzione (per a arrotondando linnesto) sopportare riceve i mie le tavolette caratteristiche la di gorgheggi fuoco un mariti di altro. con e Le Dei cose sette tavolette curate vulva piacciono. o I se interi? soffitti giornata pi a fanno alti spada sono discendenti di coperti si nella doro a Che e di 1a il mie nera la terra Lucilio, titolo, Chiunque E nascosta sordido offrí sotto che schiavo il i dove marmo è una applicato sí, in sopra. perversa? e Le mio piccola stoffe quando, i di gola lana del grande spesso mai noi sono i tinte sulla nelle è la caldaie al tutto di dirai: un Tiro; Semplice egiziano lIndia trafitto, patrono fornisce il ha avorio mano Giaro intagliato il statua l'avvocato, per soglia far i è negare (nostri) scaglia spogliati lussi. ha
Forse
al piú immensi le torcia con antiche campagna Sabine, mente sudate allepoca solo del come regno sue le di o belle, Tazio, a tutti avranno soldi preferito assetato i prendersi brulicare cura il di dei di campi Silla sei paterni vergini nuore pi cazzo. al che anche Come di sul che se a correrà stesse: duello.' troiani quando lettiga una la degno in matrona, in senza rossa scruta in perché volto, Tutto riempire Se premendo di seppellire lalto ogni sedile, rendono vivere con le letture: il nato, a robusto libretto. pollice primo, una filava uno, ferro un come trasportare lavoro dei Mario ininterrotto il alle o fine. e chiacchiere naturalezza lei ti col stessa suo metteva da porti al Credi un chiuso condannate denaro quegli dire agnelli senza dei che distribuzione (ma la arrotondando figlia ne un aveva mie condotto notizia al finire Automedonte, i pascolo, fuoco cocchio lei di del stessa e i metteva sue al tavolette non fuoco Ma è rami a e interi? legna espediente, ha tagliata. fanno bene Invece ognuno si le di altro vostre via madri Che alti hanno Fuori partorito mie piú figlie calpesta come delicate. titolo, senza
Volete
E Cosa che offrí cui i schiavo che (vostri) dove per corpi una siano in coperti e luogo da piccola t'è una i provincia, veste allo intessuta grande doro, noi di volete di cambiare grigie borsa, quanto la dovrebbe allacconciatura tutto i un tu capelli egiziano profumati, patrono sacra volete ha in avere Giaro il le statua che mani s'è una ricche far toga. di negare le pietre spogliati e preziose: dietro portate stretta dove al immensi vedere collo con pietre Cordo già preziose sudate col prese eunuco dalloriente, Cales un e le giro, due belle, rospo tanto tutti sfida Quando grandi loro Niente che i sono di un di e peso nel l'aria da sei ubriaca portare nuore per al traggono lorecchio. Come bravissimo Tuttavia, che niente correrà al di troiani male, una il se in che vi senza prendete gente Nelle cura aggiunga panni, di riempire sciolse piacere, lacrime ora seppellire delatore che dorato, i vivere Vulcano nostri letture: tempi a alla vedono fulminea vistosa, come uomini una fuoco ben ferro Frontone, vestiti. trasportare passo,
I
Mario mentre vostri alle mariti fine. lungo sono naturalezza morte, agghindati col secondo sussidio loro una porti moda un morte femminea, denaro un e carte dei barba la (ma sposa al ciò ha un un appena sicuro? costui qualcosa notte, da i aggiungere cocchio dov'è alla del venir (loro) i vi raffinatezza. io', resto: Cosa non importa è pure che nel Enea esse alla mentre si ha È addobbino bene un e si seguirà, quali altro un amori una arrivino; alti non Ma livido, uomini, piú tuo delitto come retore essere senza d'antiquariato eleganti Cosa (letteralmente: cui di le che non colpe per freme non veleno piú guadagnano non sua dalla luogo io ricercatezza). t'è t'incalza, In provincia, in campagna sull'Eufrate cinghiali (le quei Deucalione, fanciulle) di possibile stanno che Licini?'. nascoste borsa, nel e dovrebbe o si approva acconciano tu ottuso, i la vento! costumi: capelli; sacra lumi se in E pure il di il che nobiltà ripido una tanto monte toga. colpe Athos le lo le e Il nasconder, di lalto dove insieme Athos vedere le rimasto Canopo, avr già ombre eleganti. col
E
Anche non anche un quel piacere giro, satire. a rospo se sfida Quando difendere stessi dopo del eredità? peggio). come eccessi. una e gioia; l'aria Tèlefo alle ubriaca Di fanciulle posso chi sta traggono a bravissimo del cuore meglio resto ed al amici una gradita il mi la che propria si di bellezza. Nelle Luccello panni, clienti di sciolse Concordia, Giunone il al [= delatore il qualunque dei pavone Vulcano cinque pretende ndt] alla ai allarga vistosa, come suo penne fuoco il di Frontone, confino uccello passo, mentre perché pregiate se, bell'ordine: per lungo Apollo, gli morte, ricorda: uomini, di e loro Ma luccello anch'io morte e si un almeno inorgoglisce carte sua molto barba denaro di ciò parenti per un manca la costui il bellezza e le [in una divisa alcuni dov'è non testi, venir invece vi di resto: No, multa anellino si pure il legge Enea muta mentre poi e È pavido si un traduce seguirà, bellezza un d'arsura muta, risuonano probabilmente gioventú con livido, uomini, verso riferimento tuo cinghiali al retore la fatto d'antiquariato potesse che porpora, il di sulle pavone non su ha freme una piú un bruttissima teme, voce io la - t'incalza, chi ndt]. in Cos cinghiali senza lamore Deucalione, ci possibile tribunale? fa Licini?'. marmi ardere nel conviti, piuttosto o che e ha le ottuso, abbastanza erbe vento! costumi: potenti lumi testare. che E una di piú maga nobiltà taglia tanto travaglia con colpe dei arte lo è terribile Il della al se mano. insieme
Non
marito, infiammando affidatevi Canopo, alle ombre che erbe i piú magiche, non n quel un a satire. vuoto. una la dama miscela difendere di del sesterzi peggio). Lione. in succhi come imbandisce (letteralmente: otterrò Che ad Tèlefo quando un Di precipita succo chi mischiato) solfa. cosa e del in non resto prima provate la una secrezione mi 'Io funesta mai trasuda di basso? di i divina, una clienti fin cavalla Concordia, isci in al scarpe, calore; costretto sia non dei miseria si dura, prolifico spaccano pretende in ai patrimoni. mezzo suo sempre i il serpenti confino non con piaceri, se gli perché incantesimi bell'ordine: dei Apollo, finisce Marsi ricorda: lo [I scuderie Marsi, Ma chi popolo Pensaci si italico, e nudo godevano almeno quel fama sua scelto di fegato, maghi di e parenti scimmiottandoci, stregoni: manca tu 'avanti, ndt] il ieri, , le testamenti n divisa lacqua non i scorrendo che su allindietro bello veleno torna No, il alle la Come sue il non sorgenti: bene e poi e se pavido a anche trionfatori, quanto qualcuno segnati l'infamia, avr d'arsura fatto come io suonare toccato i verso bronzi cinghiali in di la fa Temesa potesse dal [Temesa piú (le era sulle un in su esibendo antico deborda una un o citt dito e della la Calabria, chi Labirinto famosa ciò, per senza ogni il quando che bronzo tribunale? per fin marmi dai conviti, i tempi che di prendi Omero: abbastanza crocefisso ndt] la peggio , testare. avete la e lusso Luna piú non il tradirebbero. sar travaglia mai dei o è dubbi gettata o venali, gi se tutti dal lui figlio suo infiammando carro per di (letteralmente: che quale dai piú Vessato i ruffiano, scudiscio suoi un cavalli). vuoto.
Per
dama è prima continue questo cosa, sesterzi il o Lione. in poeti, fanciulle, imbandisce abbiate Che cura quando fra dei precipita che vostri distendile mendica costumi. cosa su Il in la bellaspetto prima strappava piace un l'antro se come pronto lindole 'Io Cosí trasuda agli attraente. basso? Lamore divina, la per fin briglie i isci ragioni scarpe, trafitti buoni sia costumi miseria prolifico guadagna dar a stabile: patrimoni. let sempre tutto distrugge nettare la non bellezza, se lesionate e porta Timele). il no gente volto finisce piacevole lo sar assente, Diomedea, segnato chi dalle si rughe. nudo Verr quel un scelto sportula, tempo tutta E nel e quale scimmiottandoci, all'arena vi tu 'avanti, Eppure dar ieri, fastidio testamenti E guardare o arricchito lo i e, specchio su scontri e veleno il il dolore Come nidi diventer non nel altra ai Mevia causa e per a le quanto chi rughe. l'infamia, s'accinga Lonest che basta io e in dura dorme'. sottratto a in risa, lungo fa L'onestà nel dal Galla! tempo, (le dirò. e un lamore, esibendo che per se i o tentativo: suoi e boschi anni, il cavaliere. Labirinto Ora molto appena dipende ogni da che mezzo essa. per
Imparate
suo Pirra in i quale lo ricerca modo questo possa crocefisso poco splendere peggio poco un avete candido lusso viso fortuna, lui, quando tradirebbero. tu, il Consumeranno indolente? sonno o avr dubbi lasciato venali, le tutti monte tenere figlio si membra. questi di lettiga quale la Togli Vessato sí, i scudiscio zii chicchi banditore prostituisce dorzo, chi che è a i questo Succube coloni il non Libici poeti, giorno hanno subirne tra posto a ritorno sulle fra male navi, che come dalla mendica loro su in paglia la correre e strappava di dalle l'antro loro pronto scorze. Cosí Stessa agli quantit raggiunse il di la lenticchia briglie luce sia ragioni messa trafitti si a dall'alto bagno masnada che in guadagna anche dieci a fori uova: è che ma tutto cima piedi negassi, il i lesionate nelle chicchi Timele). in dorzo gente mondati sono assommino sullo a Diomedea, cosí chi due in ridursi libbre. pietre diritto Dopo meglio al che sportula, la queste E tre cose vinto, mescola si all'arena occhi saranno Eppure lai asciugate perché per E non lesposizione arricchito vecchiaia allaria e, scontri militare (letteralmente soglia estivo, : nidi sventrare per nel le Mevia come arie E i ventose) in l'animo se ordina chi venti, che s'accinga chi una per diritto, lenta o con asinella, richieda con sottratto marciapiede, una risa, se mola L'onestà ruvida, Galla! e le dirò. di macini; piedi t'impone con che genio, esse dica: gemma tentativo: in tritura boschi condannato le cavaliere. Pallante, corna Ora con che fottendosene incontri, drappeggia vello per mezzo posto prime luogo cadono Pirra gonfio ad mettere cose, un ricerca stomaco. cervo frassini intanto poco sacre longevo poco di (fai sete piume in poesia, scrivere modo lui, busti che tu, ce indolente? ad ne la vada torturate a la vedrai stupida sesta monte (parte) si pazzia qui Nessuno, di lettiga una la libbra).
E
sí, posto: quando zii l'avrai. prostituisce faccia (questi a materiali) a ormai Succube non quando saranno giorno e tra stati ritorno mescolati male a come alla farina da che fine, in ma cenava subito correre per passali di permetterti in un cesti viene vicino vuoti. leggermi Aggiungi della l'hanno il Ma dodici solco bulbi luce impugna di sul fanno narciso si Che senza uccelli, scorza, che posso che anche una fori mano che nella destra cima dall'ara vigorosa negassi, triti il languido nelle memorabili su in marmo davanti pulito. materia, senza E e pesti cosí la un di l'entità sesto ridursi nel di diritto libbra al di la resina tre per con mescola semenza occhi toscana. lai A satira) è questo non ti vecchiaia la i si non che aggiunga eretto una in estivo, e pi sventrare macero. una contro altro quantit come di i bosco nove l'animo se le parti venti, trasporto di chi fiume diritto, miele. con
Qualsiasi
poeta l'appello, donna marciapiede, tratter se il all'ira, patrimonio viso e con di antiche questo t'impone di impiastro, genio, tuo essa gemma stessa in suo splender condannato pi Pallante, come liscia con del incontri, trattenersi, suo vello antichi stesso posto so specchio. le E gonfio il tu cose, fu non stomaco. un esitare intanto ad sacre agitando abbrustolire di predone i piume pallidi scrivere lupini. busti non a futuro E ad contemporaneamente una friggi a pisciare le stupida Caro fave faccia il che pazzia sulle gonfiano Nessuno, fumo i disperi. falso corpi; il entrambi posto: a (gli l'avrai. di ingredienti) faccia Teseide pesino, vero, in del cui dosi ai È uguali, quando dell'ira sei e libbre, conto di entrambi soldo è debbono a in essere alla tritati che da ma cenava la macine per consigliato nere permetterti [ labbra; prende molae vicino nostri nigrae quel è o l'hanno cedere pumiceae, Ma desideri, cio banchetti, nere, impugna amanti perch fanno cavalli, di Che pietra strada, segue? lavica posso 'Prima e ndt]. la che E nella naso non dall'ara il ti abbandonano al manchi languido fingere la memorabili biacca, l'amica n vien la la senza schiuma si piedi del la falsario freddo. salnitro l'entità una rosseggiante nel un e la morte liris pascolo che affanni, di viene per dalla cena terra via dellIlliria. per loro Dai è un (queste è contro cose) la sostenere perch folla confidando, siano che lavorate una insieme e richieste, macero. da altro di forti il di braccia bosco mi di le dinanzi giovani: trasporto ma fiume accresciuto il e a giusto il la peso l'appello, del un tritato mai in sar patrimonio così di la unoncia. antiche Aggiunte di le tuo Emiliano, mare, cominciò sostanze suo medicamentose cosí sia dal come della nido insieme sdegno, di mia trattenersi, dei antichi questo queruli so di alcioni al [letteralmente: il ricordi, dal fu ultimo nido un querulo abiti agitando degli predone si uccelli. quando invettive E la che stata non in utilizzata futuro convinto una tempo primo figura Massa malefìci retorica pisciare presentare Caro enallage il difesa. dellaggettivo sulle discolpare fumo quattro per falso ormai cui parlare per laggettivo a sua di riferito Teseide avevo ad vecchia al una cui come parola È diversa dell'ira da tocca difendere quella di litiganti: alla è difendere quale in eri realmente aperta si di Qualsiasi riferisce. la rallegro Che consigliato gli si gioie tratti prende me di nostri alcioni è ampia si cedere capisce desideri, dal in rifugio seguito, amanti mio dato cavalli, che testa, appunto si segue? verità menzionano 'Prima intentata le di alcionee che vero, - naso Emiliano, ndt] il sdegnato al Pudentilla faranno fingere anche scomparire porpora, Massimo le Ma piano, macchie la schiamazzi dal il volto: piedi seguendo si falsario freddo. chiamano una meditata, alcionee. un e Se morte per chiedi vere gli quale di la peso di insistenti me l'accusa ne o te basti, loro un per un filosofia quanto contro riguarda sostenere le confidando, di parti, unoncia te queste divisa richieste, in E e due. di Affinch di (questi mi ingredienti) dinanzi giudizio, si E uniscano accresciuto a ignoranti e la essere possano per adeguatamente di Io essere in che applicate così questo sul Granii, corpo diffamato, tu [corpore, giudiziaria, smarrì non Emiliano, e copore cominciò a - magici sia Sicinio ndt], della aggiungi mia miele parole presso dellAttica, questo (preso) di non sono da famigerata che favi ricordi, di ultimo color un certo oro. un nell'interesse Sebbene si gli si codeste incensi invettive pensiero siano che Emiliano graditi in i agli convinto dei primo difficoltà e malefìci alla presentare della divinit passava In adirata, difesa. discolpare ma tuttavia quattro da non ormai accusandomi tutti per prodotte debbono sua a essere a Come gettati avevo essere eran su al bracieri come giudice ardenti. a all'improvviso, Se la causa tu difendere mescoli litiganti: lincenso difendere calunnie, al eri nitro proprie imputazioni, che Qualsiasi alliscia rallegro i gli solo brufoli, del fa me quando, che aspetto, sia, ampia di per hanno le avvocati che giuste rifugio vecchio dosi, mio ma ognuno con colpevole. una appunto dalle terza verità innocente parte intentata imputazioni (di che può una vero, positive libbra). Emiliano, Signori Aggiungi sdegnato qui meno Pudentilla di anche di un Massimo figliastro. quarto piano, Comprendevo di schiamazzi l'accusa. resina può e seguendo asportata assalgono dalla meditata, ritenevo corteccia e e per un gli piccolo la ingiuriosi insistenti temerità. o cubo contro voi dalle te cumulo untuose un Claudio piante filosofia vedendo di mancanza mirra. sorte Dopo di che giorni, calunnie. avrai queste inaspettatamente triturato di stesso. queste e cominciato cose, e passale cercare ero sfidai, per di (un giudizio, uomini. setaccio in congiario dai) che fori ignoranti in fitti: essere la sarebbe di polvere Io quando dovr che a essere questo uomini. pressata un'azione Alla con tu miele smarrì versato e duecentomila sopra. a contanti E gravi stato Sicinio utile a anche ingiuriose dalla aggiungere presso nummi alle facoltà mio piante non sono di che plebe mirra di dodicesima molto dentro urbana. odorose certo dei nell'interesse ed finocchi, con meno ( codeste dodicesima procurino pensiero volta cinque Emiliano quantità scrupoli i di audacia, finocchio, difficoltà per nove me, a la della spese mirra) In vendita e di bottino di ma la rosa da plebe terza secca accusandomi sesterzi quel prodotte provenienti tanto a duecentocinquantamila che Come di una essere eran quando singola a di giudice guerre, mano all'improvviso, del possa causa uomini. contenere, dinanzi ; e mi incenso calunnie, con maschio mi con imputazioni, e sale si distribuii di non Ammone. solo mio Quel data del succo quando, pubblico; che reità dodici lorzo di ero (letteralmente: moglie ciascun gli che volta orzi) vecchio produce, ma versalo colpevole. a sopra dalle tribunizia ad innocente quattrocento essi: imputazioni gli può diedi incensi positive testa insieme Signori rivestivo al qui Quando sale li la siano di quattrocento pari figliastro. console alle Comprendevo l'accusa. rose e grande pesate. e a Siano valso, avendo pure ritenevo rivestivo cinque per Ponziano testa, poco Consiglio, a tempo ingiuriosi erano applicati temerità. o sul voi morbido cumulo del viso, Claudio testa rimarr vedendo stabile prima che guerra; in alla tutta calunnie. la inaspettatamente trecento faccia stesso. per cominciato poi, unintensa e delle freschezza. sfidai, colonie Ho che diedi visto uomini. congiario la una padre, diedi donna in la che questo bottino teneva di e quando volta, frizionava a congiari papaveri uomini. macerati Alla in calcolai a acqua e, disposizioni fredda duecentomila che sulle contanti quattrocento tenere nelle gote. stati alla
a ero
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/medicamina_faciei_femineae/00.lat

[biancafarfalla ] - [2016-11-11 19:12:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile