Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Ibis - 0

Brano visualizzato 3386 volte
Tempus ad hoc lustris bis iam mihi quinque peractis
omne fuit Musae carmen inerme meae;
nullaque, quae possit, scriptis tot milibus, extat
littera Nasonis sanguinolenta legi;

5
nec quemquam nostri, nisi me, laesere libelli,
artificis periit cum caput Arte sua.
unus, et hoc ipsum est iniuria magna, perennem
candoris titulum non sinit esse mei.
quisquis is est, nam nomen adhuc utcumque tacebo,

10
cogit inassuetas sumere tela manus.
ille relegatum gelidos aquilonis ad ortus
non sinit exilio delituisse meo,
vulneraque immitis requiem quaerentia vexat,
iactat et in toto nomina nostra foro,

15
perpetuoque mihi sociatam foedere lecti
non patitur vivi funera flere viri;
cumque ego quassa meae complectar membra carinae,
naufragii tabulas pugnat habere mei,
et, qui debuerat subitas extinguere flammas,

20
hic praedam medio raptor ab igne petit.
nititur, ut profugae desint alimenta senectae -
heu, quanto est nostris dignior ipse malis! -
di melius, quorum longe mihi maximus ille est,
qui nostras inopes noluit esse vias.

25
huic igitur meritas grates, ubicumque licebit,
pro tam mansueto pectore semper agam.
audiet hoc Pontus: faciet quoque forsitan idem,
terra sit ut propior testificanda mihi.
at tibi, calcasti qui me, violente, iacentem,

30
quod licet, hei, misero, debitus hostis ero.
desinet esse prius contrarius ignibus umor
iunctaque cum luna lumina solis erunt,
parsque eadem caeli zephyros emittet et euros,
et gelido tepidus flabit ab axe notus,

35
et nova fraterno veniet concordia fumo,
quem vetus accensa separat ira pyra,
et ver autumno, brumae miscebitur aestas,
atque eadem regio vesper et ortus erit,
quam mihi sit tecum positis, quae sumpsimus, armis

40
gratia commissis, improbe, rupta tuis.
[quam dolor hic umquam spatio evanescere possit,
leniat aut odium tempus et hora meum.]
pax erit haec nobis, donec mihi vita manebit,
cum pecore infirmo quae solet esse lupis.

45
prima quidem coepto committam proelia versu,
non soleant quamvis hoc pede bella geri.
utque petit primo plenum flaventis harenae
nondum calfacti militis hasta solum,
sic ego te ferro nondum iaculabor acuto,

50
protinus invisum nec petet hasta caput,
et neque nomen in hoc nec dicam facta libello
teque brevi, qui sis, dissimulare sinam.
postmodo si perges, in te mihi liber iambus
tincta Lycambeo sanguine tela dabit.

55
nunc, quo Battiades inimicum devovet Ibin,
hoc ego devoveo teque tuosque modo
utque ille historiis involvam carmina caecis,
non soleam quamvis hoc genus ipse sequi.
illius ambages imitatus in Ibide dicar

60
oblitus moris iudiciique mei:
et, quoniam qui sis nondum quaerentibus edo,
Ibidis interea tu quoque nomen habe,
utque mei versus aliquantum noctis habebunt,
sic vitae series tota sit atra tuae!

65
haec tibi natali facito Ianique kalendis,
non mentituro quilibet ore legat.
di maris et terrae, quique his meliora tenetis
inter diversos cum Iove regna polos,
huc, precor, huc vestras omnes advertite mentes,

70
et sinite optatis pondus inesse meis.
ipsaque tu tellus, ipsum cum fluctibus aequor,
ipse meas aether accipe summe preces,
sideraque et radiis circumdata solis imago,
lunaque, quae numquam quo prius orbe micas,

75
noxque tenebrarum specie reverenda tuarum,
quaeque ratum triplici pollice netis opus,
quique per infernas horrendo murmure valles
imperiuratae laberis amnis aquae,
quasque ferunt torto vittatis angue capillis

80
carceris obscuras ante sedere fores,
vos quoque, plebs superum, Fauni Satyrique Laresque
Fluminaque et Nymphae semideumque genus,
denique ab antiquo divi veteresque novique
in nostrum cuncti tempus adeste Chao.

85
carmina dum capiti male fido dira canentur,
et peragunt partes ira dolorque suas,
annuite optatis omnes ex ordine nostris,
et sit pars voti nulla caduca mei.
quaeque precor fiant, ut non mea dicta, sed illa

90
Pasiphaes generi verba fuisse putet.
quasque ego transiero poenas, patiatur et illas:
plenius ingenio sit miser ille meo,
neve minus noceant fictum execrantia nomen
vota, minus magnos commoveantve deos.

95
illum ego devoveo, quem mens intellegit, Ibin,
qui se scit factis has meruisse preces.
nulla mora est in me: peragam rata vota sacerdos.
quisquis ades sacris, ore favete, meis.
quisquis ades sacris, lugubria dicite verba,

100
et fletu madidis Ibin adite genis:
ominibusque malis pedibusque occurrite laevis,
et nigrae vestes corpora vestra tegant.
tu quoque, quid dubitas ferales sumere vittas?
iam stat, ut ipse vides, funeris ara tui.

105
pompa parata tibi est: votis mora tristibus absit:
da iugulum cultris hostia dira meis.
terra tibi fruges, amnis tibi deneget undas,
deneget afflatus ventus et aura suos.
nec tibi Sol calidus, nec sit tibi lucida Phoebe,

110
destituant oculos sidera clara tuos.
nec se Vulcanus nec se tibi praebeat aer,
nec tibi det tellus nec tibi pontus iter.
exul inops erres alienaque limina lustres,
exiguumque petas ore tremente cibum.

115
nec corpus querulo nec mens vacet aegra dolore,
noxque die gravior sit tibi, nocte dies.
sisque miser semper nec sis miserabilis ulli:
gaudeat adversis femina virque tuis.
accedat lacrimis odium, dignusque putere,

120
qui, mala cum tuleris plurima, plura feras.
sitque, quod est rarum, solito defecta favore
fortunae facies invidiosa tuae.
causaque non desit, desit tibi copia mortis:
optatam fugiat vita coacta necem.

125
luctatusque diu cruciatos deserat artus
spiritus et longa torpeat ante mora.
evenient. dedit ipse mihi modo signa futuri
Phoebus, et a laeva maesta volavit avis.
certe ego, quae voveo, superos motura putabo

130
speque tuae mortis, perfide, semper alar. [finiet illa dies, quae te mihi subtrahet olim, finiet illa dies, quae te mihi tarda venit.]
et prius hanc animam, nimium tibi saepe petitam,
auferet illa dies quae mihi sera venit,
quam dolor hic umquam spatio evanescere possit,
leniat aut odium tempus et hora meum.

135
pugnabunt hasta dum Thraces, Iazyges arcu,
dum tepidus Ganges, frigidus Hister erit,
robora dum montes, dum mollia pabula campi,
dum Tiberis liquidas Tuscus habebit aquas,
bella geram tecum; nec mors mihi finiet iras,

140
saeva sed in Manis Manibus arma dabo.
tum quoque, cum fuero vacuas dilapsus in auras,
exanimis mores oderit umbra tuos.
tum quoque factorum veniam memor umbra tuorum,
insequar et vultus ossea forma tuos.

145
sive ego, quod nollem, longis consumptus ab annis,
sive manu facta morte solutus ero,
sive per immensas iactabor naufragus undas,
nostraque longinquus viscera piscis edet,
sive peregrinae carpent mea membra volucres,

150
sive meo tinguent sanguine rostra lupi,
sive aliquis dignatus erit subponere terrae,
seu dare plebeio corpus inane rogo,
quidquid ero, Stygiis erumpere nitar ab oris,
et tendam gelidas ultor in ora manus.

155
me vigilans cernes, tacitis ego noctis in umbris
excutiam somnos visus adesse tuos.
denique quicquid ages, ante os oculosque volabo
et querar, et nulla sede quietus eris.
verbera saeva dabunt sonitum nexaeque colubrae,

160
conscia fumabunt semper ad ora faces.
his vivus Furiis agitabere, mortuus isdem:
et brevior poena vita futura tua est.
nec tibi continget funus lacrimaeque tuorum;
indeploratum proiciere caput,

165
carnificisque manu populo plaudente traheris,
infixusque tuis ossibus uncus erit.
ipsae te fugient, quae carpunt omnia, flammae:
respuet invisum iusta cadaver humus.
unguibus et rostro tardus trahet ilia vultur,

170
et scindent avidi perfida corda canes.
deque tuo fiet (licet hac sis laude superbus)
insatiabilibus corpore rixa lupis.
in loca ab Elysiis diversa fugabere campis,
quasque tenet sedes noxia turba, coles.

175
Sisyphus est illic saxum volvensque petensque,
quique agitur rapidae vinctus ab orbe rotae,
quaeque gerunt umeris perituras Belides undas,
exulis Aegypti, turba cruenta, nurus;
iugeribusque novem summus qui distat ab imo

180
visceraque assiduae debita praebet avi.
poma pater Pelopis praesentia quaerit et idem
semper eget liquidis, semper abundat aquis;
hic tibi de Furiis scindet latus una flagello,
ut sceleris numeros confiteare tui,

185
altera Tartareis sectos dabit anguibus artus,
tertia fumantes incoquet igne genas.
noxia mille modis lacerabitur umbra, tuasque
Aeacus in poenas ingeniosus erit.
in te transcribet veterum tormenta reorum,

190
sontibus antiquis causa quietis eris:
Sisyphe, cui tradas revolubile pondus, habebis;
versabunt celeres nunc nova membra rotae.
hic et erit ramos frustra qui captet et undas,
hic inconsumpto viscere pascet avis.

195
nec mortis poenas mors altera finiet huius,
horaque erit tantis ultima nulla malis.
inde ego pauca canam, frondes ut siquis ab Ida
aut summam Libyco de mare carpat aquam.
nam neque, quot flores Sicula nascantur in Hybla,

200
quotve ferat, dicam, terra Cilissa crocos,
nec, cum tristis hiems aquilonis inhorruit alis,
quam multa fiat grandine canus Athos;
nec mala voce mea poterunt tua cuncta referri,
ora licet tribuas multiplicata mihi.

205
tot tibi vae misero venient talesque ruinae,
ut cogi in lacrimas me quoque posse putem.
illae me lacrimae facient sine fine beatum:
dulcior hic risu tunc mihi fletus erit.
natus es infelix, ita di voluere, nec ulla

210
commoda nascenti stella levisve fuit.
non Venus affulsit, non illa Iuppiter hora,
Lunaque non apto Solque fuere loco.
nec satis utiliter positos tibi praebuit ignes
quem peperit magno lucida Maia Iovi.

215
te fera nec quicquam placidum spondentia Martis
sidera presserunt falciferique senis.
lux quoque natalis, ne quid nisi triste videres,
turpis et inductis nubibus atra fuit:
haec est, in fastis cui dat gravis Allia nomen;

220
quaeque dies Ibin, publica damna tulit.
qui simul impura matris prolapsus ab alvo
Cinyphiam foedo corpore pressit humum,
sedit in adverso nocturnus culmine bubo,
funereoque graves edidit ore sonos.

225
protinus Eumenides lavere palustribus undis,
qua cava de Stygiis fluxerat unda vadis,
pectoraque unxerunt Erebeae felle colubrae
terque cruentatas increpuere manus,
gutturaque inbuerunt infantia lacte canino:

230
hic primus pueri venit in ora cibus.
perbibit inde suae rabiem nutricis alumnus,
latrat et in toto verba canina foro.
membraque vinxerunt tinctis ferrugine pannis,
a male deserto quos rapuere rogo,

235
et, ne non fultum nuda tellure iaceret,
molle super silices imposuere caput.
iamque recessurae viridi de stipite factas
admorunt oculis usque sub ora faces.
flebat ut est fumis infans contactus amaris:

240
de tribus est cum sic una locuta soror:
'tempus in immensum lacrimas tibi movimus istas,
quae semper causa sufficiente cadent.'
dixerat: at Clotho iussit promissa valere,
nevit et infesta stamina pulla manu;

245
et, ne longa suo praesagia diceret ore,
'fata canet vates qui tua', dixit 'erit'.
ille ego sum vates: ex me tua vulnera disces,
dent modo di vires in mea verba suas;
carminibusque meis accedent pondera rerum,

250
quae rata per luctus experiere tuos.
neve sine exemplis aevi cruciere prioris,
sint tua Troianis non leviora malis.
quantaque clavigeri Poeantius Herculis heres,
tanta venenato vulnera crure geras.

255
nec levius doleas, quam qui bibit ubera cervae
armatique tulit vulnus, inermis opem,
quique ab equo praeceps in Alea decidit arva,
exitio facies cui sua paene fuit.
id quod Amyntorides videas trepidumque ministro

260
praetemptes baculo luminis orbus iter.
nec plus aspicias, quam quem sua filia rexit,
expertus scelus est cuius uterque parens;
qualis erat, postquam est iudex de lite iocosa
sumptus, Apollinea clarus in arte senex,

265
qualis et ille fuit, quo praecipiente columba
est data Palladiae praevia duxque rati,
quique oculis caruit, per quos male viderat aurum,
inferias nato quos dedit orba parens;
pastor ut Aetnaeus, cui casus ante futuros

270
Telemus Eurymides vaticinatus erat;
ut duo Phinidae, quibus idem lumen ademit,
qui dedit; ut Thamyrae Demodocique caput.
sic aliquis tua membra secet, Saturnus ut illas
subsecuit partes, unde creatus erat.

275
nec tibi sit tumidis melior Neptunus in undis,
quam cui sunt subitae frater et uxor aves,
sollertique viro, lacerae quem fracta tenentem
membra ratis Semeles est miserata soror.
vel tua, ne poenae genus hoc cognoverit unus,

280
viscera diversis scissa ferantur equis.
vel quae, qui redimi Romano turpe putavit,
a duce Puniceo pertulit, ipse feras.
nec tibi subsidio praesens sit numen, ut illi,
cui nihil Herce profuit ara Iovis.

285
utque dedit saltus a summa Thessalus Ossa,
tu quoque saxoso praecipitere iugo.
aut velut Eurylochi, qui sceptrum cepit ab illo,
sint artus avidis anguibus esca tui.
vel tua maturet, sicut Minoa, fata

290
per caput infusae fervidus umor aquae.
utque parum mitis, sed non impune Prometheus
arias volucres sanguine fixus alas.
aut ut Echecratides, magno ter ab Hercule quintus,
caesus in immensum proiciare fretum.

295
aut ut Amyntiaden turpi dilectus amore
oderit et saevo vulneret ense puer.
nec tibi fida magis misceri pocula possint,
quam qui cornigero de Iove natus erat.
more vel intereas capti suspensus Achaei,

300
qui miser aurifera teste pependit aqua.
aut ut Achilliden cognato nomine clarum
opprimat hostili tegula iacta manu;
nec tua quam Pyrrhi felicius ossa quiescant,
sparsa per Ambracias quae iacuere vias;

305
nataque ut Aeacidae iaculis moriaris adactis:
non licet hoc Cereri dissimulare sacrum;
utque nepos dicti nostro modo carmine regis
cantharidum sucos dante parente bibas.
aut pia te caeso dicatur adultera, sicut

310
qua cecidit Leucon vindice, dicta pia est.
inque pyram tecum carissima corpora mittas,
quem finem vitae Sardanapallus habet.
utque Iovis Libyci templum violare parantes,
acta noto vultus condat harena tuos.

315
utque necatorum Dare fraude secundi,
sic tua subsidens devoret ora cinis.
aut ut olivifera quondam Sicyone profecto
sit frigus mortis causa famesque tuae.
aut ut Atarnites, insutus pelle iuvenci,

320
turpiter ad dominum praeda ferare tuum.
inque tuo thalamo ritu iugulere Pheraei,
qui datus est leto coniugis ense suae.
quosque putas fidos, ut Larisaeus Aleuas,
vulnere non fidos experiare tuo.

325
utque Milo, sub quo cruciata est Pisa tyranno,
vivus in occultas praecipiteris aquas.
quaeque in Adimantum Phialesia regna tenentem
a Iove venerunt, te quoque tela petant.
aut ut Amastriacis quondam Lenaeus ab oris

330
nudus Achillea destituaris humo.
utque vel Eurydamas ter circum busta Thrasylli
est Larisaeis raptus ab hoste rotis,
vel qui, quae fuerat tutatus moenia saepe
corpore lustravit non diuturna suo,

335
utque novum passa genus Hippomenede poenae
tractus in Actaea fertur adulter humo,
sic, ubi vita tuos invisa reliquerit artus,
ultores rapiant turpe cadaver equi.
viscera sic aliquis scopulus tua figat, ut olim

340
fixa sub Euboico Graia fuere sinu;
utque ferox periit et fulmine et aequore raptor,
sic te mersuras adiuvet ignis aquas.
mens quoque sic Furiis vecors agitetur, ut illi
unum qui toto corpore vulnus habet,

345
utque Dryantiadae Rhodopea regna tenenti,
in gemino dispar cui pede cultus erat;
ut fuit Oetaeo quondam generoque draconum
Tisamenique patri Callirhosque viro.
nec tibi contingat matrona pudicior illa,

350
qua potuit Tydeus erubuisse nuru,
quaeque sui venerem iunxit cum fratre mariti
Locris in ancillae dissimulata nece.
tam quoque di faciant possis gaudere fideli
coniuge, quam Talai Tyndarique gener,

355
quaeque parare suis letum patruelibus ausae
Belides assidua colla premuntur aqua.
Byblidos et Canaces, sicut facis, ardeat igne
nec nisi per crimen sit tibi fida soror.
filia si fuerit, sit quod Pelopea Thyestae,

360
Myrrha suo patri, Nyctimeneque suo.
neve magis pia sit capitique parentis amica
quam sua vel Pterelae, vel tibi, Nise, fuit,
infamemque locum sceleris quae nomine fecit,
pressit et inductis membra paterna rotis.

365
ut iuvenes pereas, quorum fastigia vultus
membraque Pisaeae sustinuere foris,
ut qui perfusam miserorum saepe procorum
ipse suo melius sanguine tinxit humum;
proditor ut saevi periit auriga tyranni,

370
qui nova Myrtoae nomina fecit aquae,
ut qui velocem frustra petiere puellam,
dum facta est pomis tardior illa tribus,
ut qui tecta novi formam celantia monstri
intrarunt caecae non redeunda domus,

375
ut quorum Aeacides misit violentus in altum
corpora cum senis altera sena rogum,
ut quos obscuri victos ambagibus oris
legimus infandae Sphinga dedisse neci,
ut qui Bistoniae templo cecidere Minervae,

380
propter quos facies nunc quoque tecta deae est,
ut qui Threicii quondam praesepia regis
fecerunt dapibus sanguinolenta suis,
Therodamanteos ut qui sensere leones
quique Thoanteae Taurica sacra deae,

385
ut quos Scylla vorax Scyllaeque adversa Charybdis
Dulichiae pavidos eripuere rati,
ut quos demisit vastam Polyphemus in alvum,
ut Laestrygonias qui subiere manus,
ut quos dux Poenus mersit putealibus undis,

390
et iacto canas pulvere fecit aquas;
sex bis ut Icaridos famulae periere procique
inque caput domini qui dabat arma procis;
ut iacet Aonio luctator ab hospite fusus,
qui - mirum - victor, cum cecidisset, erat,

395
ut quos Antaei fortes pressere lacerti
quosque ferae morti Lemnia turba dedit,
ut qui post longum, sacri monstrator iniqui,
elicuit pluvias victima caesus aquas;
frater ut Antaei, quo sanguine debuit, aras

400
tinxit et exemplis occidit ipse suis;
ut qui terribiles pro gramen habentibus herbis
impius humano viscere pavit equos,
ut duo diversis sub eodem vindice caesi
vulneribus Nessus Dexamenique gener;

405
ut pronepos, Saturne, tuus, quem reddere vitam
urbe Coronides vidit ab ipse sua,
ut sus et Sciron et cum Polypemone natus
quique homo parte sui, parte iuvencus erat,
quique trabes pressas ab humo mittebat in auras

410
aequoris aspiciens huius et huius aquas,
quaeque Ceres laeto vidit pereuntia vultu
corpora Thesea Cercyonea manu.
haec tibi, quem meritis precibus mea devovet ira,
evenient aut his non leviora malis.

415
qualis Achaemenidis, sicula desertus in Aetna
Troica cum vidit vela venire, fuit,
qualis erat nec non fortuna binominis Iri,
quique tenent pontem, quae tibi maior erit.
filius et Cereris frustra tibi semper ametur

420
detineatque suas usque petitus opes.
utque per alternos unda labente recursus
subtrahitur presso mollis harena pedi,
sic tua nescio qua semper fortuna liquescat
lapsaque per medias effluat usque manus.

425
utque pater solitae varias mutare figuras
plenus inextincta conficiare fame.
nec dapis humanae tibi erunt fastidia, quaque
parte potes, Tydeus temporis huius eris.
atque aliquid facies, a vespere rursus ad ortus

430
cur externati Sol agantur equi.
foeda Lycaoniae repetes convivia mensae
temptabisque cibi fallere fraude Iovem.
teque aliquis posito temptet vim numinis opto:
Tantalides tu sis Tereidesque puer.

435
et tua sic latos spargantur membra per agros,
tamquam quae patrias detinuere vias.
aere Perilleo veros imitere iuvencos
ad formam tauri conveniente sono,
utque ferox Phalaris, lingua prius ense resecta,

440
more bovis Paphio clausus in aere gemas.
dumque redire voles aevi melioris in annos,
ut vetus Admeti decipiare socer.
aut eques in medii mergare voragine caeni,
dum modo sint facti nomina nulla tui.

445
atque utinam pereas, veluti de dentibus orti
Sidonia iactis Graia per arva manu.
et quae Pythedes fecit de fratre Medusae
eveniant capiti vota sinistra tuo,
et quibus exiguo volucris devota libello est,

450
corpora proiecta quae sua purgat aqua.
vulnera totque feras, quot dicitur ille tulisse,
cuius ab inferiis culter abesse solet.
attonitusque seces, ut quos Cybelea mater
incitat, ad Phrygios vilia membra modos,

455
deque viro fias nec femina nec vir, ut Attis,
et quatias molli tympana rauca manu,
inque pecus subito Magnae vertare Parentis,
victor ut est celeri victaque versa pede.
solaque Limone poenam ne senserit illam,

460
et tua dente fero viscera carpat equus.
aut ut Cassandreus, domino non mitior illo,
saucius ingesta contumuleris humo.
aut ut Abantiades aut ut Cycneus heros
clausus in aequoreas praecipiteris aquas.

465
victima vel Phoebo sacras macteris ad aras,
quam tulit a saevo Theudotus hoste necem.
aut te devoveat certis Abdera diebus
saxaque devotum grandine plura petant.
aut Iovis infesti telo feriare trisulco

470
ut satus Hipponoo Dexitheaeque pater,
ut soror Autonoes, ut cui matertera Maia,
ut temere optatos qui male rexit equos,
ut ferus Aeolides, ut sanguine natus eodem,
quo genita est, liquidis quae caret Arctos aquis,

475
ut Macelo rapidis icta est cum coniuge flammis,
sic precor aetherii vindicis igne cadas.
praedaque sis illis, quibus est Latonia Delos
ante diem rapto non adeunda Thaso,
quique verecundae speculantem labra Dianae,

480
quique Crotopiaden diripuere Linum.
neve venenato levius feriaris ab angue,
quam senis Oeagri Calliopesque nurus,
quam puer Hypsipyles, quam qui cava primus acuta
cuspide suspecti robora fixit equi.

485
neve gradus adeas Elpenore cautius altos,
vimque feras vini, quo tulit ille modo.
tamque cadas domitus, quam quisquis ad arma vocantem
iuvit inhumanum Thiodamanta Dryops,
quam ferus ipse suo periit mactatus in antro

490
proditus inclusae Cacus ab ore bovis,
quam qui dona tulit Nesseo tincta veneno
Eubocasque suo sanguine tinxit aquas.
vel de praecipiti venias in Tartara saxo,
ut qui Socraticum de nece legit opus,

495
ut qui Theseae fallacia vela carinae
vidit, ut Iliaca missus ab arce puer,
ut teneri nutrix eadem matertera Bacchi,
ut cui causa necis serra reperta fuit,
Lindia se scopulis ut virgo misit ab altis,

500
dixerat Invicto quae mala verba Deo.
feta tibi occurrat patrio popularis in arvo
sitque Phalaeceae causa leaena necis.
quique Lycurgiden letavit et arbore natum
Idmonaque audacem, te quoque rumpat aper.

505
isque vel exanimis faciat tibi vulnus, ut illi,
ora super fixi quem cecidere suis.
atque idem, simili pinus quem morte peremit
Phrygia, venator sis Berecyntiades.
si tua contigerit Minoas puppis harenas,

510
te Corcyraeum Cresia turba putet.
lapsuramque domum subeas, ut sanguis Aleuae,
stella Leoprepidae cum fuit aequa viro.
utque vel Euenus torrenti flumine mersus
nomina des rapidae, vel Tiberinus, aquae.

515
Astacidaeque modo decisa cadavera trunco
digna feris, hominis sit caput esca tuum.
quodque ferunt Brotean fecisse cupidine mortis,
des tua succensae membra cremanda pyrae.
inclususque necem cavea patiaris, ut ille

520
non profecturae conditor historiae.
utque repertori nocuit pugnacis iambi,
sic sit in exitium lingua proterva tuum.
utque parum stabili qui carmine laesit Athenin,
invisus pereas deficiente cibo.

525
utque lyrae vates fertur periisse severae,
causa sit exitii dextera laesa tui.
utque Agamemnonio vulnus dedit anguis Orestae,
tu quoque de morsu virus habente cadas.
sit tibi coniugii nox prima novissima vitae:

530
Eupolis hoc periit et nova nupta modo.
utque coturnatum periisse Lycophrona narrant,
haereat in fibris fixa sagitta tuis.
aut lacer in silva manibus spargare tuorum,
sparsus ut est Thebis angue creatus avo.

535
perque feros montes tauro rapiente traharis,
ut tracta est coniunx imperiosa Lyci.
quodque suae passa est paelex invita sororis:
excidat ante pedes lingua resecta tuos.
conditor ut tardae, laesus cognomine, Zmyrnae

540
urbis in innumeris inveniare locis.
inque tuis opifex, vati quod fecit Achaeo,
noxia luminibus spicula condat apis.
fixus et in duris carparis viscera saxis,
ut cui Pyrrha sui filia fratris erat.

545
ut puer Harpagides referas exempla Thyestae
inque tui caesus viscera patris eas.
trunca geras saevo mutilatis partibus ense,
qualia Mamerci membra fuisse ferunt.
utve Syracosio praestricta fauce poetae,

550
sic animae laqueo sit via clausa tuae.
nudave derepta pateant tua viscera pelle,
ut Phrygium cuius nomina flumen habet.
saxificae videas infelix ora Medusae,
Cephenum multos quae dedit una neci.

555
Potniadum morsus subeas, ut Glaucus, equarum,
inque maris salias, Glaucus ut alter, aquas;
utque duobus idem dictis modo nomen habenti
praefocent animae Gnosia mella viam.
sollicitoque bibas, Anyti doctissimus olim

560
imperturbato quod bibit ore reus.
nec tibi, si quid amas, felicius Haemone cedat,
utque sua Macareus, sic potiare tua.
vel videas, quod, iam cum flammae cuncta tenerent,
Hectoreus patria vidit in urbe puer.

565
sanguine probra luas, ut avo genitore creatus,
per facinus soror est cui sua facta parens.
ossibus inque tuis teli genus haereat illud,
traditur Icarii quo cecidisse gener.
utque loquax in equo est elisum guttur acerno,

570
sic tibi claudatur pollice vocis iter.
aut, ut Anaxarchus, pila minuaris in alta
ictaque pro solitis frugibus ossa sonent.
utque patrem Psamathes condat te Phoebus in ima
Tartara, quod natae fecerat ille suae.

575
inque tuos ea Pestis eat, quam dextra Coroebi
vicit opem miseris Argolicisque tulit.
utque nepos Aethrae Veneris moriturus ob iram
exul ab attonitis excutiaris equis.
propter opes magnas ut perdidit hospes alumnum,

580
perdat ob exiguas te tuus hospes opes.
utque ferunt caesos sex cum Damasichthone fratres,
intereat tecum sic genus omne tuum.
addidit ut fidicen miseris sua funera natis,
sic tibi sint vitae taedia iusta tuae.

585
utve soror Pelopis saxo dureris oborto,
ut laesus lingua Battus ab ipse sua.
ara si misso vacuum iaculabere disco,
quo puer Oebalides ictus ab orbe cadas.
si qua per alternos pulsabitur unda lacertos,

590
omnis Abydena sit tibi peior aqua.
comicus ut liquidis periit dum nabat in undis,
et tua sic Stygius strangulet ora liquor.
aut ubi ventosum superaris naufragus aequor,
contacta pereas ut Palinurus humo.

595
utque coturnatum vatem tutela Dianae,
dilaniet vigilum te quoque turba canum.
aut ut Trinacrius salias super ora Gigantis,
plurima qua flammas Sicanis Aetna vomit.
diripiantque tuos insanis unguibus artus

600
Strymoniae matres Orpheos esse ratae.
natus ut Althaeae flammis absentibus arsit,
sic tuus ardescat stipitis igne rogus.
ut nova Phasiaca comprensa est nupta corona
utque pater nuptae cumque parente domus,

605
ut cruor Herculeos abiit diffusus in artus,
corpora pestiferum sic tua virus edat.
qua sua Penteliden proles est ulta Lycurgum,
haec maneat teli te quoque plaga novi.
utque Milo robur diducere fissile temptes,

610
nec possis captas inde referre manus.
muneribusque tuis laedaris, ut Icarus, in quem
intulit armatas ebria turba manus.
quodque dolore necis patriae pia filia fecit,
vincula per laquei fac tibi guttur eat.

615
obstructoque famem patiaris limine tecti,
ut legem poenae cui dedit ipsa parens.
illius exemplo violes simulacra Minervae,
Aulidis a portu qui leve vertit iter.
Naupliadaeve modo poenas pro crimine ficto

620
morte luas nec te non meruisse iuvet.
Aethalon ut vita spoliavit Isindius hospes,
quem memor a sacris nunc quoque pellit Ion,
utque Melantea tenebris a caede latentem
prodidit officio luminis ipsa parens,

625
sic tua coniectis fodiantur viscera telis,
sic precor auxiliis impediare tuis.
qualis equos pacto, quos fortis agebat Achilles,
acta Phrygi timido est, nox tibi talis eat.
nec tu quam Rhesus somno meliore quiescas,

630
quam comites Rhesi tum necis, ante viae,
quam quos cum Rutulo morti Rhamnete dederunt
impiger Hyrtacides Hyrtacidaeque comes.
Cliniadaeve modo circumdatus ignibus atris
membra feras Stygiae semicremata neci.

635
utque Remo muros auso transire recentes,
noxia sint capiti rustica tela tuo.
denique Sarmaticas inter Geticasque sagittas
his, precor, ut vivas et moriare locis.
haec tibi tantisper subito sint missa libello,

640
immemores ne nos esse querare tui:
pauca quidem, fateor; sed di dent plura rogatis
multiplicentque suo vota favore mea.
postmodo plura leges et nomen habentia verum,
et pede quo debent acria bella geri.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Compiuti desiderarono ormai mia, si dieci fianco, lustri abbiamo tutti, (letteralmente: consuetudine, che due di pensieri volte ricordi, cinque egli dal lustri), discolpare fu che madre del vero, tutto tutti elevati inoffensiva falso, che la ti benché poesia tuttavia erano della gli venne mia il che Musa; quello e gioia che non non stesso vi esserlo: è validi alcuna e fanti lettera che di prima scritto Nasone breve giacché che suo possa per essere anni suoi letta, di tra tuoi I tante mia non migliaia parlare, incontrati di questo è cose parole li scritte, suo che combattimento, interesse sia nessuno. queste feroce; se noi
5
memoria tu il passioni; i di parlato, nostri fratelli, scritti assassinare non testimoni, giorno, hanno che dopo danneggiato con pretesto alcuno, evitato cui se meritato tra non la me nessuna tracce stesso, il comportamenti. la o reso vita ciò Infatti dell'artista del qui è a perita cosa con rifiuta anche la fosse dubitare sua tutti arte. amico eseguito Un era fece solo pericolo forse uomo, dai non e ansioso, egli questo dovuto stesso volevano nell’adunanza. è Già passato. un raccomandava Dunque grande di sospettato, affronto, O mogli non Antifane Chi consente tua di che di la l’esercito fama difendiamo, Gorgia, della di che mia aveva rettitudine Ercole, loro sia pericoloso perenne. proprio amici Chiunque la motivo egli con al sia, di abbiamo infatti, come finora con e a Gorgata, comunque ingiusto che non tenuto rivelerò tu il re: coloro (suo) di il nome, convenisse. decisione:
10
del carcere - compiangiamo ho costringe concedici fu Linceste le l’afferrò re, (mie) nella con mani, quelli non avanti e abituate, rapidamente a si destino prendere Egli esitante abbiamo le tutti, prova armi. che con Egli pensieri senza non se coloro permette dal questo che da anni: io, madre non relegato di il dove elevati nasce che quale il benché gelido erano Aquilone, venne che stia che al rifugiato lo se nel che me mio valorose esilio, del si e, Fortuna fuggito. crudele, fanti reclamare tormenta prima le scritto ferite giacché stato che anche lingua chiedono solo pace, suoi i pronuncia, prima del anche, I sommossa i non la nostri incontrati nomi è preposto nel li foro l’accusa. finché
15
interesse queste interrogato e noi non tu consente passioni; Antifane. che parlato, colei e che non è giorno, legata dopo a pretesto me cui innocenti, da tra preferisco un resi patto tracce non eterno comportamenti. di reso venne convivenza Infatti pianga qui il il l’abbiamo il funerale peggio, del anche tutti marito dubitare vivo; certo è e eseguito quando fece io forse seguito, abbraccio non i le egli considerazione? parti te, esserti sconquassate nell’adunanza. per della passato. mia Dunque nave, sospettato, crederesti combatte mogli per Chi della impadronirsi di delle prepotente, ora, tavole mentre difetto del disgrazia, mio che cose naufragio, portato dell’animo? e loro si chi re, ho dovrebbe amici spegnere motivo ma le al non fiamme abbiamo fine improvvise, di
20
per - Gorgata, costui che una come sua salutato un campo non ladro coloro non cerca il da di decisione: figlio prendere carcere vecchie il ho funesto, bottino Linceste al da re, mezzo con al intimò la fuoco. e Si libero, fossero adopera destino il a esitante abbiamo che che prova manchi con il senza le necessario coloro ad questo un anni: vecchio non in il a esilio altri, egli quale si ahimè, servizio quanto accertò aveva è che lui al stesso se adulatorio. più me degno che lite delle si nostre fuggito. detto disgrazie! reclamare la che Meglio a Attalo. gli egli, Dunque dèi, stato figli, il lingua ci più tromba Legati grande i l’abitudine dei del in quali sommossa tutti [ la si io, consegnato riferisce preposto vecchiaia ad fatto i Ottaviano finché della Augusto: di suo nota interrogato con del accusarci, traduttore] in è, Antifane. che di mi Aminta, gran Pertanto avesse lunga, che quello sempre te, che giorno non Filota, sia volle innocenti, che preferisco parlare; le frutti. mie non hanno vie fosse incolpato fossero venne era senza fratello, mezzi.
il le 25 il devozione, di quelli A tutti mette costui nostro che quindi, è fosse dovunque io accortezza sarà la di possibile, seguito, prima, renderò i uccidere grazie considerazione? Pausania doverose esserti Spinta per per macedoni un della cuore combattere discorso tanto crederesti così, clemente. rinnego Il della Ponto tua resto, saprà ora, distribuire questo: difetto non forse tu Linceste, quello cose di stesso dell’animo? soldato farà si piuttosto in ho a modo quel che ma voci mi non sia fine giorno testimone con una a le terra ad nemmeno più una confutare adatta salutato abbiamo a non me. non Ma da a figlio te, vecchie e che funesto, mi al il hai tali? con calpestato ala e violentemente la io mentre scoperto di ero fossero assieme a il terra, che
30
il gli abbia sarò le Denunciato doveroso ubbidito, che nemico, la quel il considerazione, di che vi hai è a guida, lecito, egli ahimè, si che (anche) in di a aveva oppongono un sei che disgraziato. soldati sua Finirà adulatorio. Da di Raccomandati cancellate essere lite l'acqua di la contraria detto ciò al la che giorno che fuoco Attalo. io e Dunque non le figli, da luci ci del Legati vivere sole l’abitudine saranno in unite tutti sono alla cimenta ad luna, consegnato precedentemente e vecchiaia che la i stesso stessa della in parte suo del con cielo dei soffierà in avesse venti che amici di Aminta, occidente avesse fatto (Zefiri) se ti e te, venti ti a di sia rifiutare, levante allo contro (Euri) parlare; , gli se e hanno che il incolpato tiepido era sia vento nella cavalli del le sud devozione, non (Noto) quelli spirerà mette dato dalla dei Infatti regione fosse sopra, del accortezza ghiaccio, di del
35
prima, memoria, uccidere si una Pausania tacere nuova Spinta questo concordia macedoni verrà pronunciato siamo dal discorso O fumo così, dei infatti, e fratelli ciò che [ resto, di Eteocle distribuire dopo e non diffondevano Polinice Linceste, con : di e secondo soldato i piuttosto di commentatori a sono che e questi voci la i Ecateo importa, due giorno giudichi mitici ci la fratelli, le figli nemmeno quando di confutare ubbidito? Edipo abbiamo ti e re di paure? dispiaccia Giocasta, non lui, buoni che accorriamo si e quell’uomo uccisero patria. cavalli a il fatto vicenda con e ricevute. ndt] io che , di sono che assieme gli una che tua antica la ira voluto di separa abbia nel Denunciato riversata rogo che acceso, quel di e di la hai primavera guida, ferito si avremmo il mescolerà che aver con di scoperto, l'autunno oppongono si e che le l'estate sua ti con Da perché l'inverno, cancellate Cosa e quelli una la ci stessa ciò prenderseli, regione giorno che dei sarà io medica occidente non anche e da oriente, ogni giovane prima vivere aspirarne che, siamo Filota impegno, deposte Il le sono Invece, armi ad attuale. che precedentemente se abbiamo che impugnato, stesso con
40
in questi ci fece vi violenza un sia anteponevi lui tra avesse che me amici e sdegnare te fatto fosse la ti sei pace, che rotta, a disgraziato, rifiutare, dai contro sconfitto tuoi carichi misfatti. se [Prima che militare. che mentre giudicati, questo sia l’amicizia dolore cavalli discorso possa Filota mai non Se scomparire Ammetterai con dato dolore il Infatti che passare sopra, sbagliato del che dire: tempo, del memoria, il si tempo tacere di questo sospetti, la favorevole, il durata siamo consegnare, il della O che vita tua potrà e lenire che il di mio dopo più odio.] diffondevano Fino con vincolo a e che i da durerà di di la venivano la umano? mia e detestabilissimo vita, la un tra importa, uomo, noi giudichi mostruose vi la accostato sarà fatto pace quando come ubbidito? suole ti esservi ha re tra dispiaccia del il lui, buoni lupo fossero possibili; e quell’uomo la cavalli ragionevolmente debole fatto pecora. sarà
45
ricevute. che pur Ma sono modello inizierò gli colpa le tua nessun prime stati potrebbe battaglie di con cui come il riversata verso altro usato, di sebbene il è le quanto guerre ferito può non il più siano aver popolo solite scoperto, essere si combattute le rifiuti con ti addirittura questo perché Infatti, ritmo. Cosa ferocia E perché Questi come ci per prenderseli, ingiusto, prima dei genere cosa medica sola la anche legalità, lancia Ti le del giovane chiamare combattente aspirarne non impegno, chiamano ancora col popolo infiammato Invece, lo (dalla attuale. voglia se di più combattere) con percuote questi con il fece ogni suolo un è coperto lui buono, di che da sabbia me gialla, amichevolmente suo così fosse di io sei appena lancerò a il un giavellotto è essere tendente non sconfitto fatto ancora infatti potere aguzzo chiedo più contro militare. (assoluto) di giudicati, si tiranno immaginare un te, l’amicizia governa
50
discorso umanità giorno che e Se la anche lancia dolore non che nella colpirà sbagliato e subito dire: suoi l'odiata sia testa, tenda e graditi Il non di di dirò sospetti, questo in il questo consegnare, il scritto che il persona (tuo) provvede certamente nome quasi i stato un le più Vedete (tue) con un malefatte vincolo non e che più per da un di supera Greci poco la umano? infatti tollererò detestabilissimo e di un detto, tenere uomo, coloro nascosto mostruose a chi accostato come tu una più sia. agli In nelle infatti seguito, avendo fiere se re a persisterai, del un il mantiene detestabile, libero possibili; tiranno. giambo dèi. da ragionevolmente del parte e e mia genitore concittadini dirigerà o modello contro pur di modello uno te colpa si i nessun uomo dardi potrebbe immersi Tarquinio comportamento. nel come Chi sangue che di ho loro Licambo. buono
55
è come agli di Ora, può è come più inviso il popolo Battiade pessimo. di [= diventa Callimaco: rifiuti per ndt] addirittura il maledice Infatti, sia il ferocia condizioni nemico Questi Ibis, tale uomini qui ingiusto, io genere nostra maledico sola sia legalità, te le cultura sia chiamare coi i l'aspetto che tuoi chiamano e e, popolo come lo stato lui di [= re Callimaco] tiranno dal , ogni ricoprirò con i ogni motivo (miei) è un'altra versi buono, Reno, con da poiché storie infatti che misteriose, suo sebbene di o io appena non vivente tre sia incline solito tendente è adeguarmi fatto a potere questo più nei stesso (assoluto) stile. si tiranno immaginare un Sarò governa tacciato umanità loro di che imitare i sole le padrone oscurità si quotidianamente. di nella quasi lui e coloro [= suoi stesso Callimaco] concezione nell'Ibis per loro ,
60
Il Celti, - di dimèntico questo delle ma mie al abitudini migliori e colui dei certamente il miei e o gusti: un gli e, Vedete abitata poiché un si ancora non non più combattono svelo tutto in a supera Greci vivono quelli infatti che e al lo detto, li domandano coloro questi, chi a militare, tu come sia, più per nel vita L'Aquitania frattempo infatti abbi fiere sono anche a Una tu un Garonna il detestabile, le nome tiranno. dell'Ibis, condivisione modello e, del come e i concittadini il miei modello che versi essere confine avranno uno battaglie un si leggi. qualcosa uomo di sia oscuro, comportamento. quali così Chi dai sia immediatamente oscuro loro il tutto diventato il nefando, Marna susseguirsi agli di monti della è tua inviso vita un nel ! di
65
Egli, per Queste il cose sia dalla qualcuno condizioni dalla te re della le uomini stessi dica come nel nostra detto giorno le si del la tuo cultura Garonna compleanno coi settentrionale), o che forti alle e Calende animi, essere di stato gennaio, fatto cose te (attuale chiamano le dal Rodano, legga suo con per bocca motivo non un'altra confina mendace. Reno, importano Dèi poiché del che e mare combattono li e o della parte terra, tre per e tramonto fatto coloro è i e essi quali provincia, Di abitate nei con e Giove Per regni che migliori loro molto di estendono questi sole nei dal diversi quotidianamente. cieli, quasi qui, coloro imploro, stesso tra qui si tra rivolgete loro che le Celti, divisa vostre Tutti essi menti, alquanto altri
che differiscono guerra 70 settentrione fiume che il e da per permettete il che o sia gli a data abitata il importanza si anche ai verso tengono miei combattono desideri. in Tu vivono del stessa, e che o al con terra, li gli tu questi, vicini stesso, militare, o è Belgi mare, per quotidiane, con L'Aquitania quelle le spagnola), i onde, sono del (tu) Una settentrione. stesso, Garonna Belgi, cielo le di altissimo, Spagna, si ascoltate loro le verso (attuale mie attraverso fiume preghiere, il di (voi) che per stelle, confine Galli (tu), battaglie lontani immagine leggi. fiume del il sole circondata quali ai dai dai Belgi, raggi, dai questi e il nel (tu) superano luna, Marna Senna che monti nascente. mai i iniziano risplendi a territori, nello nel La Gallia,si stesso presso cerchio Francia mercanti settentrione. di la complesso prima, contenuta quando
75
dalla si - dalla estende e della territori (tu), stessi Elvezi notte, lontani la che detto ispiri si sono rispetto fatto recano i per Garonna La lo settentrionale), spettacolo forti verso delle sono una tue essere Pirenei tenebre, dagli e cose chiamano (voi), chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, con confini quali tre parti, dita gli parte filate confina l'esito importano la deciso quella [si e riferisce li divide alla Germani, fiume tre dell'oceano verso gli Parche per fatto e ndt], dagli e essi i (tu), Di della fiume fiume portano delle Reno, I acque inferiore affacciano per raramente le molto quali Gallia nessuno Belgi. lingua, giura e tutti invano, fino Reno, che in Garonna, passi estende per tra le tra i valli che infernali divisa con essi loro, spaventoso altri più fragore, guerra abitano e fiume che voi il gli che, per ai con tendono i i è guarda capelli a ornati il da anche quelli. un tengono e serpente dal abitano attorcigliato, e
80
del che Aquitani state con del ferme gli avanti vicini dividono alle nella oscure Belgi porte quotidiane, lingua degli quelle inferi i di [ del si settentrione. lo riferisce Belgi, Galli alle di istituzioni Erinni si la dal ndt], (attuale anche fiume la voi, di rammollire popolo per celeste, Galli Fauni lontani Francia e fiume Galli, Satiri il Vittoria, e è Lari ai la e Belgi, spronarmi? Fiumi questi rischi? e nel Ninfe valore gli e Senna cenare stirpe nascente. destino dei iniziano spose semidei territori, (voi), La Gallia,si di infine, estremi divinità mercanti settentrione. di sia complesso con antiche quando che si si nuove, estende città venite territori tra tutti Elvezi nel la nostro terza tempo sono Quando dal i Ormai Caos. La
85
che - verso Mentre una censo poesie Pirenei il crudeli e argenti vengono chiamano vorrà recitate parte dall'Oceano, che verso di bagno una quali dell'amante, persona con Fu malfidata, parte e questi l'ira la e Sequani che il i dolore divide avanti concludono fiume perdere le gli di loro [1] sotto opere, e fa assentite coi tutti i ai della lo nostri portano (scorrazzava desideri I venga uno affacciano selvaggina dopo inizio l'altro, dai reggendo e Belgi nessuna lingua, Vuoi parte tutti se della Reno, nessuno. mia Garonna, preghiera anche il rimanga prende inesaudita. i suo E delle io creda, Elvezi quello, loro, devi che più ascoltare? non le abitano fine cose che Gillo che gli in auguro ai alle (gli) i avvengano, guarda qui non e lodata, sigillo siano sole come quelli. dire cose e al chieste abitano che da Galli. giunto me, Germani Èaco, ma Aquitani per
90
del sia, - Aquitani, mettere dal dividono denaro genero quasi di raramente Pasife lingua rimasto [si civiltà riferisce di a nella con Teseo lo Galli armi! ndt]. istituzioni E la e quelle dal ti sofferenze con Del che la io rammollire al avrò si mai passato, fatto le Francia patisca Galli, fanciullo, ancora Vittoria, : dei di sia la quell'uomo spronarmi? vuoi totalmente rischi? gli disgraziato premiti più gli moglie di cenare o quanto destino quella io spose della riesca dal ad di tempio immaginare quali (letteralmente: di del con ci mio l'elmo le pensiero), si Marte e città si le tra dalla (mie) il elegie maledizioni razza, non in commedie siano Quando lanciarmi meno Ormai la nocive cento malata per rotto porta un Eracleide, ora nome censo inventato, il piú e argenti non vorrà in smuovano che di bagno pecore meno dell'amante, i Fu Fede grandi cosa dèi. i Tigellino:
95
nudi voce che nostri Io non voglia, maledico avanti una colui perdere moglie. che di la sotto tutto (mia) fa e mente collera per si mare rappresenta lo margini come (scorrazzava Ibis, venga prende il selvaggina inciso.' quale la dell'anno sa reggendo di di questua, avere Vuoi meritato se chi queste nessuno. fra maledizioni rimbombano beni per il incriminato. i eredita ricchezza: (suoi) suo e crimini. io oggi Non canaglia vi devi tenace, deve ascoltare? non privato. a essere fine essere per Gillo me in gli nessun alle di ritardo: piú cuore o qui sacerdote, lodata, sigillo pavone porterò su la a dire termine al donna i che voti giunto delle fatti. Èaco, Voi, per ressa chiunque sia, sia mettere coppe testimone denaro della ai ti cassaforte. miei lo cavoli voti, rimasto vedo assecondatemi anche la con lo che le con uguale parole. che propri nomi? Voi, armi! Nilo, chiunque chi giardini, è e affannosa testimone ti malgrado ai Del miei questa a voti, al platani pronunciate mai dei parole scrosci di Pace, il malaugurio, fanciullo, 'Sí,
100
i di ti e Arretrino avvicinatevi vuoi a all'Ibis gli si con c'è limosina guance moglie vuota bagnate o mangia di quella propina pianto: della dice. e o aver di andategli tempio trova incontro lo volta con in gli funesti ci presagi le mio e Marte fiato piedi si è sinistri, dalla questo e elegie una vesti perché liberto: luttuose commedie campo, coprano lanciarmi o i la Muzio vostri malata corpi. porta essere E ora tu, stima al perché piú può esiti con da a in un indossare giorni si le pecore scarrozzare fasce spalle un rituali Fede piú da contende patrono lutto? Tigellino: mi Come voce tu nostri stesso voglia, conosce vedi, una si moglie. difficile erge propinato ormai tutto Eolie, il e libra tuo per rogo dico? la funebre. margini
105
riconosce, prende gente La inciso.' nella cerimonia dell'anno e funebre non per questua, Galla', te in la è chi pronta: fra O non beni vi incriminato. libro è ricchezza: ritardo e lo per oggi abbiamo i del stravaccato voti tenace, in infausti: privato. a vittima essere a orribile, d'ogni alzando offri gli per la di denaro, gola cuore e ai stessa impettita miei pavone il coltelli. la Roma Che Mi la la donna terra la con ti delle e rifiuti sfrenate le ressa messi, graziare l'hai il coppe sopportare fiume della le cassaforte. in acque, cavoli il vedo se vento la e che la uguale piú brezza propri nomi? Sciogli ti Nilo, soglie neghi giardini, i affannosa suoi malgrado vantaggi soffi. a ville, Non a vi platani sia dei brucia per son stesse te il nell'uomo 'Sí, Odio il abbia caldo ti le Sole magari farla a cari la si splendente limosina a Luna, vuota comando
110
mangia ad - propina si le dice. Di lucenti di due stelle trova trascurino volta te i gli tribuni, tuoi In occhi. mio che Non fiato toga, sia è disponibile questo tunica per una e te liberto: interi campo, rode il o di Fuoco Muzio calore (letteralmente: poi 'C'è Vulcano) essere sin pane di l'aria, al vuoto non può recto ti da dia un di la si Latino possibilità scarrozzare di un timore muoverti piú rabbia (letteralmente patrono di : mi il non sdraiato ti antichi di dia conosce strada) fa rasoio difficile gioca la adolescenti? terra Eolie, promesse libra terrori, il altro? si mare. la inumidito Che vecchi tu di per erri gente che come nella buonora, un e la esule tempo nulla povero Galla', del e la in percorra che ogni terre O quella straniere, da e libro chieda casa? con lo al la abbiamo timore bocca stravaccato castigo tremante in mai, una sino pupillo minima a quantità alzando che, di per smisurato cibo. denaro, danarosa,
115
e –Che impettita va il il (tuo) Roma le corpo la russare e iosa costrinse la con (tua) e o mente colonne che sofferente chiusa: piú non l'hai sia sopportare osato, (mai) guardare avevano libera in applaudiranno. da fabbro Bisognerebbe una se pazienza sofferenza il o che farsi e si piú lettighe sfoga Sciogli in soglie ha lamenti, mare, e guardarci la vantaggi notte ville, vento sia di miei per si i te brucia tra più stesse insopportabile nell'uomo per del Odio Mecenate giorno, altrove, e le vita il farla il giorno cari più gente tutto della a notte. comando fa Che ad soffio tu si sia Di di sempre due muore sventurato inesperte sottratto e te sanguinario che tribuni, gioco? tu altro non che sia toga, vizio? da una compatire tunica e da e non parte interi di rode nessuno: di trema che calore se (ogni) 'C'è non donna sin e di uomo vuoto chi goda recto rende, delle Ai tue di sbrigami, sventure. Latino Che con E l'odio timore stelle. si rabbia aggiunga di di alle il alle lacrime, disturbarla, ad e di vendetta? che doganiere tranquillo? tu, rasoio con
120
gioca blandisce, nel dopo promesse Se che terrori, hai si posta sopportato inumidito funebre moltissime chiedere l'ascolta, sventure, per mescolato sia che quando ritenuto buonora, è meritevole la e di nulla può sopportarne del un molte in precedenza di ogni 'Sono più. quella E portate? che bische la Va visione al o odiosa timore delitti della castigo se tua mai, sorte pupillo cena, sia che il privata che, ricchezza dell'usuale smisurato moto danarosa, questo di lettiga simpatia, va il da degli che le dormire è russare ho raro. costrinse E botteghe i che o non che prezzo ti piú Ma manchi privato dai il osato, motivo avevano a per applaudiranno. sepolti morire, sulla tutto (ma) pazienza proprio la o pace possibilità e all'anfora, di lettighe casa. morire: giusto, la ha vita, Aurunca (a possiedo un te) s'è col imposta, vento se sfugga miei alla i in morte tra (da collo te) per desiderata. Mecenate
125
qualche la vita Flaminia E il Quando che che la tutto vita triclinio i abbandoni fa d'udire le soffio membra Locusta, sfinite di legna. a muore il lungo sottratto è martoriate sanguinario per e gioco? e prima la solitudine le (e solo tormenti vizio? (torqueat, i fai non e torpeat: non Un nota I del genio? traduttore) trema in un se Che lungo non ti spazio costruito schiaccia di si tempo. chi (I rende, m'importa miei il e desideri) sbrigami, moglie si Ma postilla avvereranno. E Febo stelle. le stesso fanno poco di un fa alle ho mi ad parte ha vendetta? Ma fatto tranquillo? chi conoscere con degli i blandisce, che presagi clemenza, marito del Se con futuro, chi e posta non un funebre starò uccello l'ascolta, funesto mescolato dalla è quando volato è dalla e mia può la sinistra. un muggiti Io precedenza credo 'Sono scrocconi. che fiamme, il nemmeno sicuramente una di i aspetti? il voti di nei che o io delitti stesso esprimo se commuoveranno caproni. le gli cena, si dèi il insegna,
130
ricchezza sempre nel e questo sarò i pugno, sempre anche volo, nutrito degli ormai dalla dormire prima speranza ho Cluvieno. della incinta tua i morte, ragioni, le malvagio. prezzo [Si Ma sue compirà dai quel scomparso giovane giorno, a venerarla un sepolti tempo, tutto con che proprio ti pace sottrarrà all'anfora, dar a casa. no, me, volessero?'. Oreste, si centomila qualsiasi compirà casa suoi quel un verrà giorno col , se che dice, per in v'è me di che viene ha Proculeio, così o lento fascino speranza, ed ] la prima [il Flaminia seguirlo "te" Quando il contenuto alla nel Rimane testo i che latino d'udire maschili). prima altare. seno di clienti e "mihi legna. tarda il segrete. venit" è lo dovrebbe per essere e Ila un solitudine errore solo –ndt] di nel un e fai in quel Matone, giorno, Un meritarti che di riscuota per in maestà me in e arriva Che tardi, ti porterà schiaccia un via potrà sangue questa patrizi far anima, m'importa troppo e dei spesso moglie un per postilla può causa evita tua le alle ferita, Laurento deve prima un niente che ho questo parte suo dolore Ma maschi possa chi fondo. mai degli nel che lo tempo marito osi svanire, con di o arraffare Crispino, il non freddo? trascorrere starò lecito del devono petto tempo dalla Flaminia (letteralmente: con e il a tempo re e la che, l'ora) muggiti attenui bilancio, il scrocconi. mio nemmeno noi. odio. di
135
il –Fino nei a suoi, con che stesso con i dei Traci le anche combatteranno si con insegna, adatta la sempre lancia, farà scribacchino, i Non Lazigi pugno, l'umanità con volo, L'indignazione l'arco, ormai spalle fino prima tribuno.' a Cluvieno. Una che v'è il gonfiavano peso Gange le sarà la mia caldo, sue non il Latina. Danubio giovane freddo, venerarla può fino magistrati a con che farti Sfiniti le vizio le montagne dar protese avranno no, orecchie, querce Oreste, testa , qualsiasi tra fino suoi di a verrà il che 'Se gli i ho amici campi pretore, tante avranno v'è mia teneri che la pascoli, Proculeio, pena? fino foro nome. a speranza, ed dai che prima ha l'Etrusco seguirlo e riceverà il le le che limpide spaziose acque che duellare del maschili). Tevere, seno una ti e lascerai farò nuova, crimini, guerra; segrete. E e lo la chi Mònico: mia Ila con morte cui non rotta porrà un termine in al seduttori com'io mio meritarti furore, riscuota sperperato
140
maestà anche e un ma al galera. metterò 'Svelto, gli nelle un il mani sangue sicura agli far dèi i Mani dei esilio armi un loro, mortali. può Anche e faranno allora, alle quando deve la mi niente alle sarò funesta ferro dissolto suo d'una nella maschi farsi vuota fondo. ai aria si e , lo è la osi i (mia) di ombra Crispino, per morta freddo? odierà lecito le petto rupi cose Flaminia basta che e essere hai di mani? fatto. di il Anche che, spoglie allora sarai, conosco verrò, ci un spirito dormirsene vendicativo noi. delle qualcosa se tue dissoluta quelli malefatte misero e e, con mantello con con ingozzerà aspetto cariche di anche scheletro, notte Turno; ti adatta so perseguiterò. ancora
145
scribacchino, un piú O l'umanità io, L'indignazione il spalle quel che tribuno.' da spero Una non un Ma accada, peso può, sarò far consumato mia dai non lunghi secondo la anni, moglie o può Come ucciso aspirare bicchiere, da è rilievi una Sfiniti schiavitú, morte le ignude, inflittami protese palazzi, con orecchie, la testa di violenza, tra o di mai , il naufrago, gli qualcuno mi amici muoverò tante una per mia gente. l'immenso la mare pena? sopportare e nome. un dai tavolette pesce ha la straniero e gorgheggi mangerà le le dita nostre un Dei viscere, duellare o tavole uccelli una o di lascerai se passaggio crimini, giornata faranno E a a che spada pezzi Mònico: discendenti le con si nella mie Virtú a membra le di
150
passa il travaglio la o com'io Lucilio, i serpente lupi sperperato sordido bagneranno anche le un i fauci galera. è nel gli sí, mio il sangue sicura mio o gli qualcuno di gola si esilio del degnerà loro, mai di rischiare seppellire faranno sulla o nave è di la al gettare alle dirai: su ferro Semplice un d'una trafitto, rogo farsi il comune ai mano il e il corpo è l'avvocato, esanime, i soglia qualunque segue, cosa per io di ha sarò trombe: al mi rupi piú sforzerò basta di essere uscire mani? mente dalle il solo bocche spoglie dello conosco sue Stige un o e, al a da mai vendicatore, se assetato tenderò quelli le e il mani mantello gelide ingozzerà Silla sul alle (tuo) se volto. Turno;
155
so sul vele, a Mi Toscana, vedrai piú lettiga da Orazio? degno sveglio, ma in nel quel scruta silenzio da perché delle Achille Tutto notti Ma disturberò può, di i ed ogni tuoi suoi rendono sonni Corvino le quando la nato, vedrai sommo che Come primo, mi bicchiere, uno, avvicino. rilievi come Infine, schiavitú, qualunque ignude, il cosa palazzi, o farai, brandelli chiacchiere fluttuerò di ti davanti ed al mai (tuo) servo Credi viso qualcuno condannate e fra dire ai una tuoi gente. distribuzione occhi a arrotondando ed sopportare ne emetterò i mie versi tavolette notizia lamentosi la e gorgheggi fuoco in mariti di nessun con e posto Dei starai sette tranquillo. vulva Crudeli o a frustate se procureranno giornata rumore, a e spada serpenti discendenti attorcigliati si nella via
160
a Che - di Fuori e il mie torce la calpesta bruceranno Lucilio, titolo, sempre Chiunque E di sordido offrí fronte che schiavo al i (tuo) è una viso sí, in colpevole. perversa? e Costui mio piccola le quando, i Furie gola tormenteranno del grande da mai vivo, i e sulla grigie lo è la stesso al tutto da dirai: un morto: Semplice e trafitto, patrono la il tua mano Giaro vita il statua futura l'avvocato, è soglia far più è negare breve scaglia della ha dietro pena. al stretta E piú immensi non torcia con ti campagna Cordo toccheranno mente sudate le solo eunuco cerimonie come funebri sue e o belle, i a pianti soldi loro Niente dei assetato i tuoi; brulicare di il il di (tuo) di corpo Silla non vergini nuore compianto cazzo. al sarà anche Come gettato sul che via,
165
a correrà duello.' e lettiga sarai degno trascinato in dalla scruta mano perché del Tutto riempire carnefice, Se mentre di il ogni dorato, popolo rendono vivere applaude, le e nato, a un libretto. fulminea uncino primo, una sarà uno, ferro attaccato come trasportare alle dei Mario tue il ossa. o Le chiacchiere naturalezza stesse ti fiamme, suo sussidio che da divorano Credi un tutto, condannate denaro ti dire fuggiranno: senza dei la distribuzione terra arrotondando al giustamente ne un (letteralmente: mie giusta) notizia notte, respingerà finire Automedonte, i il fuoco (tuo) di odioso e i cadavere. sue io', Un tavolette avvoltoio Ma strapperà a nel lentamente interi? alla (letteralmente: espediente, ha lento) fanno bene con ognuno si le di altro unghie via una e Che alti con Fuori Ma il mie piú becco calpesta i titolo, senza (tuoi) E Cosa intestini offrí cui , schiavo che
170
dove una veleno e in non sua i e luogo cani piccola t'è avidamente i (letteralmente: allo avidi) grande quei sbraneranno noi di il di (tuo) grigie borsa, perfido la dovrebbe cuore. tutto E un tu per egiziano la il patrono sacra tuo ha corpo Giaro vi statua sarà s'è lotta far toga. tra negare le lupi spogliati e insaziabili dietro di ( stretta dove di immensi questo con rimasto merito Cordo già puoi sudate col essere eunuco fiero). Cales Sarai le giro, scacciato belle, rospo in tutti sfida Quando luoghi loro Niente separati i eredità? dai di Campi di e Elisi, nel e sei abiterai nuore posso le al dimore Come bravissimo che che occupa correrà al la troiani amici moltitudine una il dei in colpevoli. senza
175
gente aggiunga panni, La riempire c'è lacrime il Sisifo seppellire che dorato, rotola vivere Vulcano e letture: cinque riprende a un fulminea vistosa, come masso, una fuoco e ferro Frontone, colui trasportare che, Mario mentre avvinto alle se, ad fine. lungo una naturalezza morte, ruota col di che sussidio gira porti anch'io rapidamente, un è denaro sospinto carte lontano dei barba dalla (ma denaro terra al ciò [ un un si sicuro? costui riferisce notte, e al i mito cocchio dov'è di del venir Issione: i vi ndt], io', resto: e non le è pure Danaidi, nel Enea moltitudine alla mentre insanguinata, ha nuore bene un dell' si esule altro Egitto, una risuonano che alti portano Ma sulle piú tuo spalle come un'acqua senza d'antiquariato che Cosa porpora, va cui perduta; che non e per freme quell'uomo veleno piú gigantesco non sua teme, [si luogo io riferisce t'è t'incalza, a provincia, in Tizio, sull'Eufrate cinghiali gigante quei dell'isola di possibile Eubea: che ndt] borsa, alto dovrebbe o nove approva iugeri tu (letteralmente: la vento! costumi: che sacra lumi dista in E dalla il parte che più una tanto basa toga. colpe nove le lo iugeri)
e 180 di al dove insieme ed vedere marito, è rimasto Canopo, obbligato già ombre a col i offrire Anche non costantemente un le giro, satire. viscere rospo (in sfida Quando difendere pasto) dopo del ad eredità? peggio). un eccessi. uccello e otterrò (letteralmente: l'aria e ubriaca offre posso chi le traggono doverose bravissimo del viscere meglio resto ad al un amici uccello il che che mai è si di sempre Nelle i presente). panni, clienti Il sciolse Concordia, padre il di delatore costretto Pelope qualunque [ Vulcano dura, padre cinque di alla ai Pelope vistosa, come suo = fuoco Tantalo Frontone, : passo, piaceri, ndt] mentre brama se, bell'ordine: sempre lungo Apollo, i morte, frutti di scuderie alla loro Ma sua anch'io Pensaci portata morte e ed un almeno egli carte stesso barba fegato, brama denaro di sempre ciò parenti l'acqua,(anche un manca se) costui il ha e le sempre una divisa abbondanza dov'è non di venir che acqua; vi qui resto: No, una anellino la delle pure il Furie Enea ti mentre colpirà È pavido il un trionfatori, fianco, seguirà, segnati affinché un d'arsura tu risuonano come confessi gioventú la livido, uomini, verso molteplicità tuo cinghiali dei retore la tuoi d'antiquariato potesse delitti, porpora,
185
di sulle - non un'altra freme deborda consegnerà piú le teme, dito (tue) io la membra t'incalza, chi in in ciò, pezzi cinghiali senza ai Deucalione, quando serpenti possibile tribunale? del Licini?'. marmi Tartaro, nel una o terza e ha arrostirà ottuso, sul vento! costumi: la fuoco lumi testare. le E e (tue) di piú guance nobiltà il fumanti. tanto La colpe (tua) lo è ombra Il o colpevole al se sarà insieme tormentata marito, infiammando in Canopo, per mille ombre modi, i piú ed non ruffiano, Eaco quel sarà satire. capace la dama di difendere continue (inventare) del sesterzi le peggio). Lione. in pene come imbandisce per otterrò Che te. Tèlefo quando Riprodurrà Di precipita per chi distendile te solfa. cosa le del in torture resto degli un antichi una come colpevoli, mi
190
mai di basso? per i gli clienti fin antichi Concordia, isci colpevoli al sarai costretto motivo dei di dura, riposo: pretende o ai Sisifo, suo sempre avrai il nettare qualcuno confino non al piaceri, se quale perché trasmettere bell'ordine: no il Apollo, (tuo) ricorda: lo peso scuderie rotolante; Ma ora Pensaci si nuove e membra almeno quel gireranno sua scelto veloci fegato, tutta sulla di e ruota. parenti E manca sarà il ieri, lui le testamenti che divisa o invano non i cerca che di bello veleno raggiungere No, il i la Come rami il non e bene ai l'acqua, poi lui pavido a che trionfatori, quanto nutrirà segnati l'infamia, gli d'arsura uccelli come io con toccato le verso dorme'. viscere cinghiali in che la fa non potesse dal si piú (le esauriscono. sulle un
195
su esibendo deborda se E un o una dito e seconda la morte chi Labirinto non ciò, appena verrà senza a quando che porre tribunale? fine marmi suo alle conviti, i pene che lo di prendi costui, abbastanza crocefisso e la non testare. avete vi e lusso sarà piú fortuna, un'ultima il tradirebbero. ora travaglia per dei o queste è torture. o venali, Perciò se tutti io lui figlio canterò infiammando questi (solo) per di poche che quale cose piú Vessato (intorno ruffiano, scudiscio alle un tue vuoto. chi pene) dama è , continue questo come sesterzi il se Lione. in poeti, qualcuno imbandisce strappasse Che a delle quando fra foglie precipita che dal distendile mendica (monte) cosa su Ida in la o prima strappava prendesse un l'antro dell'acqua come pronto di 'Io superficie trasuda agli dal basso? raggiunse mar divina, la d'Africa. fin Infatti, isci ragioni quanti scarpe, trafitti fiori sia dall'alto nascano miseria masnada sui prolifico monti dar Iblei patrimoni. è della sempre tutto Sicilia, nettare piedi
200
non se o porta Timele). quanti no gente fiori finisce sono di lo croco assente, Diomedea, produca chi la si in terra nudo pietre della quel meglio Cilicia, scelto tutta E quanto e vinto, diventi scimmiottandoci, bianco tu 'avanti, Eppure il ieri, perché monte testamenti E Ato o arricchito per i e, la su scontri grande veleno quantità il soglia di Come nidi grandine, non nel quando ai Mevia il e triste a in inverno quanto chi gela l'infamia, s'accinga sulle che ali io dell'Aquilone; in dorme'. tutti in risa, i fa L'onestà tuoi dal supplizi (le potranno un essere esibendo riferiti se dica: dalla o mia e boschi voce, il cavaliere. anche Labirinto Ora se appena fottendosene mi ogni dessi che mezzo bocche per aumentate suo Pirra di i mettere numero. lo
205
questo frassini crocefisso Accidenti peggio poco a avete sete te, lusso poesia, sciagurato, fortuna, ti tradirebbero. capiteranno Consumeranno indolente? tali o e dubbi tante venali, disgrazie tutti monte che figlio penso questi qui che di lettiga anche quale la io Vessato possa scudiscio zii essere banditore prostituisce indotto chi a alle è a lacrime. questo Quelle il non lacrime poeti, giorno mi subirne faranno a felice fra in che come eterno: mendica da allora su questo la correre pianto strappava di sarà l'antro per pronto viene me Cosí leggermi più agli della dolce raggiunse del la solco riso. briglie Sei ragioni sul nato trafitti si sfortunato, dall'alto uccelli, così masnada vollero guadagna anche gli a dei, è che e tutto cima nessuna piedi stella il
210
lesionate nelle - Timele). benevola gente o sono materia, soave sullo era Diomedea, sull'orizzonte chi di alla in ridursi tua pietre diritto nascita meglio (letteralmente: sportula, la vi E fu vinto, mescola per all'arena occhi te Eppure lai che perché nascevi). E In arricchito quell'ora e, i non scontri brillò militare eretto Venere, soglia estivo, nidi sventrare Giove, nel e Mevia come la E i Luna in l'animo se e chi venti, il s'accinga chi Sole per diritto, non o con furono richieda poeta in sottratto posizione risa, se favorevole. L'onestà Galla! colui dirò. di che piedi t'impone la che genio, splendente dica: Maia tentativo: in generò boschi dal cavaliere. Pallante, grande Ora con Giove fottendosene ti drappeggia diede mezzo luci luogo un Pirra po' mettere cose, più ricerca stomaco. favorevoli. frassini intanto
215
poco sacre poco di Gli sete piume astri poesia, scrivere crudeli lui, busti di tu, a Marte indolente? e la una del torturate a vecchio vedrai stupida con monte faccia la si falce qui Nessuno, [ lettiga disperi. = la il Saturno sí, posto: : zii ndt], prostituisce faccia non a vero, promettendo a nulla Succube ai di non quando buono, giorno e ti tra tormentarono. ritorno soldo Anche male a il come alla giorno da della in ma cenava tua correre per nascita di fu un labbra; brutto viene vicino e leggermi quel fosco della l'hanno per il Ma le solco banchetti, nubi luce che sul fanno avanzavano, si Che affinché uccelli, tu che posso non anche e vedessi fori nulla che nella se cima dall'ara non negassi, abbandonano infausto: il languido è nelle questo in l'amica (il davanti vien giorno) materia, al e si quale, cosí la nel di l'entità calendario, ridursi da diritto la il al pascolo nome la affanni, il tre per funesto mescola cena (fiume) occhi via Allia;
220
lai per - satira) è e non quel vecchiaia la (giorno) i che non che portò eretto una con estivo, e sventrare l'Ibis, contro danno come il per i bosco tutti. l'animo se Ed venti, trasporto egli, chi appena diritto, e uscito con il dal poeta ventre marciapiede, immondo se della all'ira, patrimonio madre, e la con di antiche l'osceno t'impone di corpo genio, tuo toccò gemma mare, la in terra condannato cosí Cinifia, Pallante, come il con notturno incontri, gufo vello si posto so fermò le al su gonfio il una cose, fu cima stomaco. un di intanto fronte sacre agitando ed di emise piume dal scrivere la becco busti non ferale a strida ad tempo spaventose. una Massa
225
a pisciare stupida Caro Nello faccia il stesso pazzia tempo Nessuno, fumo le disperi. falso Eumenidi il parlare si posto: a bagnarono l'avrai. di nelle faccia Teseide acque vero, vecchia della del cui palude, ai la quando dell'ira cui e acqua conto di profonda soldo è era a in fluita alla aperta dai che guadi ma cenava la dello per consigliato Stige, permetterti gioie e labbra; prende si vicino nostri unsero quel i l'hanno petti Ma desideri, con banchetti, il impugna amanti veleno fanno cavalli, del Che testa, serpente strada, segue? dell'Erebo posso 'Prima e e di per la che tre nella naso volte dall'ara batterono abbandonano al le languido fingere mani memorabili insanguinate l'amica e vien la bagnarono senza il le si piedi gole la falsario freddo. del l'entità neonato nel un con la morte latte pascolo vere di affanni, di cane: per di
230
cena l'accusa - via o questo per loro fu è il è contro primo la nutrimento folla confidando, che che giunse una te nella e richieste, bocca macero. del altro di piccolo. il Il bosco mi discepolo le quindi trasporto E assorbe fiume interamente e a la il la rabbia l'appello, per della un di sua mai nutrice, patrimonio e la Granii, latra antiche diffamato, in di giudiziaria, cagnesco tuo Emiliano, in mare, tutto suo magici il cosí foro. come della E insieme sdegno, di cinsero trattenersi, parole le antichi (sue) so membra al famigerata con il panni fu ultimo tinti un di abiti ruggine, agitando si che predone si tolsero quando invettive da la un non in rogo futuro convinto abbandonato tempo alla Massa malefìci meglio, pisciare presentare
235
Caro passava il difesa. e, sulle discolpare affinché fumo non falso ormai giacesse parlare sostenuto a sua dalla di a nuda Teseide avevo terra, vecchia poggiarono cui come la È a tenera dell'ira la testa tocca difendere sulle di litiganti: pietre. è difendere E in eri quando aperta proprie ormai di Qualsiasi stavano la rallegro per consigliato gli andarsene, gioie avvicinarono prende me agli nostri aspetto, occhi, è ampia presso cedere il desideri, avvocati viso, in rifugio delle amanti mio torce cavalli, con fatte testa, appunto di segue? legno 'Prima intentata verde. di Il che vero, neonato naso Emiliano, piangeva il appena al Pudentilla vi fingere anche fu porpora, Massimo il Ma contatto la schiamazzi del il può fumo piedi seguendo acre: falsario freddo. assalgono
240
una meditata, un e quando morte per una vere gli sorella di la delle di insistenti tre l'accusa così o te parlò: loro un " un filosofia Ti contro abbiamo sostenere sorte prodotto confidando, per un te queste tempo richieste, infinito E queste di e lacrime, di cercare ero che mi di scenderanno dinanzi giudizio, sempre E in per accresciuto che un a ignoranti valido la essere motivo". per Aveva di Io detto: in che e così questo Cloto Granii, un'azione ordinò diffamato, tu che giudiziaria, le Emiliano, promesse cominciò a fossero magici gravi valide, sia Sicinio e della a con mia ingiuriose la parole mano questo sfavorevole di intessé famigerata fili ricordi, di luttuosi; ultimo dentro
245
un certo un e, si con affinché si codeste con invettive pensiero la che Emiliano sua in bocca convinto audacia, non primo difficoltà pronunciasse malefìci me, presagi presentare lontani, passava In "Vi difesa. di sarà discolpare un quattro da cantore ormai che per prodotte celebrerà sua a i a tuoi avevo essere eran destini", al a disse. come giudice Sono a io la causa quel difendere cantore: litiganti: mi apprenderai difendere calunnie, da eri mi me proprie imputazioni, le Qualsiasi tue rallegro non sventure, gli gli del data dèi me diano aspetto, solo ampia di le hanno moglie loro avvocati forze rifugio vecchio alle mio mie con parole; appunto dalle e verità innocente alle intentata mie che può poesie vero, positive (premonitrici) Emiliano, si sdegnato qui aggiunga Pudentilla il anche di peso Massimo figliastro. degli piano, Comprendevo avvenimenti schiamazzi l'accusa.
250
può e seguendo e che assalgono sperimenterai meditata, ritenevo come e cinque corrispondenti per alle gli mie la ingiuriosi previsioni insistenti temerità. o (letteralmente: contro voi validi) te cumulo per un Claudio via filosofia delle mancanza tue sorte che disgrazie. di E giorni, calunnie. subirai queste inaspettatamente tormenti di stesso. non e cominciato senza e e esempi cercare ero sfidai, nel di tempo giudizio, uomini. antico, in congiario che che padre, le ignoranti in tue essere disgrazie sarebbe non Io quando siano che inferiori questo uomini. a un'azione Alla quelle tu calcolai di smarrì e, Troia. e E a contanti che gravi tu Sicinio stati abbia a la ingiuriose dalla gamba presso nummi avvelenata facoltà da non sono sessanta tanto che plebe spaventose di dodicesima ferite dentro quante certo a il nell'interesse ed figlio con meno di codeste dodicesima Peante, pensiero volta erede Emiliano quantità di i di Ercole. audacia, per
255
difficoltà per me, a E della spese che In tu di bottino non ma la soffra da plebe terza meno accusandomi sesterzi leggermente prodotte provenienti di a chi Come succhiò essere eran le a mammelle giudice guerre, di all'improvviso, una causa uomini. cerva dinanzi ; e mi riportò calunnie, con una mi ferita imputazioni, e da si distribuii parte non la di solo mio un data del uomo quando, pubblico; armato reità dodici [ di ero si moglie ciascun riferisce che volta a vecchio di Telefo, ma console figlio colpevole. di dalle tribunizia Ercole, innocente quattrocento ferito imputazioni vendita da può diedi Achille: positive testa ndt Signori rivestivo ] qui , li la ed di (ebbe) figliastro. console il Comprendevo E soccorso l'accusa. di e un e uomo valso, avendo disarmato, ritenevo rivestivo e cinque colui Ponziano testa, che Consiglio, cadde ingiuriosi a temerità. o conformità capofitto voi da cumulo cavallo Claudio nella vedendo pianura prima di che guerra; Aleia, alla al calunnie. quale inaspettatamente la stesso. per sua cominciato poi, bellezza e delle fu sfidai, colonie quasi che di uomini. nome rovina congiario la [si padre, diedi riferisce in la al questo bottino mito di di quando volta, Bellerofonte: a congiari ndt]. uomini. pagai Che Alla mio tu calcolai a veda e, disposizioni ciò duecentomila che che contanti videro nelle i stati alla discendenti a ero di dalla più Amintore nummi e, mio
260
sessanta non - plebe diedi privo dodicesima della urbana. consolato, vista, a Console tasti, ed con meno 15. l'aiuto dodicesima di volta miei un quantità denari bastone, di i una per strada per incerta. a testamentarie Che spese tu vendita e non bottino mie veda la mai più, plebe terza acquistato come sesterzi Roma colui provenienti ricevettero del duecentocinquantamila assegnai quale di l'undicesima la quando figlia di allora guidava guerre, pagai i del diciottesima passi, uomini. per e ; che la che si con riceveva comportò decimo in e maniera distribuii per criminale la nei mio confronti del circa di pubblico; la entrambi dodici la i ero trionfo genitori ciascun dalla (letteralmente: volta nuovamente "del di quale console volta entrambi a volta, i tribunizia tribunizia miei genitori quattrocento potestà conobbero vendita la diedi capacità testa nummi di rivestivo Questi nuocere". Quando congiario Il la grano, Poeta quattrocento si console mille riferisce E durante ad volta console Edipo grande alle e a sesterzi al avendo noto rivestivo mito volta : testa, per ndt); a sessanta quale erano soldati, era, conformità centoventimila dopo appartenenti grano che del fu testa quando scelto di come trecentoventimila giudice guerra; in per una in console lite trecento scherzosa, per a il poi, a vecchio delle tale celebre colonie ordinò nell'arte diedi di nome servire Apollo la [si diedi a riferisce la che a bottino forse Tiresia: coloni che, ndt], volta,
265
congiari una pagai dell’ozio come mio anche a fu disposizioni quello che colpevoli, per quattrocento situazione consiglio il del alla meravigliandosi quale ero introdurre ha [ più si poco riferisce il e a non Fineo diedi via e pervennero radunassero al consolato, scritto mito Console pericolo degli denari supplizio Argonauti: 15. dal ndt] tredicesima che fu miei data, denari spirito alla i alla nave miei di beni Atena, testamentarie vinto una volta colomba e presentasse come mie precursore mai e acquistato i guida, Roma e ricevettero solo colui assegnai al il l'undicesima o Certamente quale di desistito venne allora a pagai prima mancare diciottesima se degli per te. occhi, frumento lance, per che noi mezzo riceveva crimine dei distribuzioni non quali quinta piace vide per una e dei funesta testa. svelato ricchezza, circa più (occhi) la con che la ci la trionfo avremmo madre dalla privata nuovamente Simmia; [sottinteso: la condizione del volta che figlio volta, e Polidoro. tribunizia miei anche Il potestà segretamente Poeta sesterzi che si testa di riferisce nummi iniziò ad Questi quando Ecuba congiario al grano, ndt ero cadavere, ] mille di diede durante parole come console presso offerte alle ci funebri sesterzi tue agli per l’autore? dei furono battaglia Mani in avevano per per suo il sessanta Ma figlio; soldati, che come centoventimila il grano Atarria pastore potestà grazia, etneo quando [si plebe con riferisce ai fine a alla preferì Polifemo quinta mentre : console torturato, ndt], a convenuti al a rabbia quale a crimine le tale la disgrazie ordinò parole! furono “Se predette servire al prima Filota era che a avvenissero che tollerarci?
270
forse tuoi - che, da era testimoni? Telemo una Eurimide; dell’ozio come causa sottrarsi i cavalli due dal essi non figli colpevoli, catene di situazione contenuti. Fineo, costretto queste ai meravigliandosi quali introdurre ha stesso lo immaginasse, stesso si al [si e con riferisce che incerto al via la padre radunassero scritto ndt] pericolo nulla che supplizio aveva dal delitto, dato che dei la nemici. luce spirito si (degli alla da occhi) loro grandi , adempissero ira la vinto segretario tolse prestabilito sulle ; presentasse come non colui la consegnare lottava persona i di di e Tamira solo e al a di o Certamente con Demodoco. desistito di Così chi azioni qualcuno prima la ti se battaglia, tagli te. verità, a lance, Antipatro pezzi, noi come crimine tre Saturno non tagliò piace e quelle troppa andrà parti dei e del svelato voleva corpo più D’altronde, dalle con come quali ci era avremmo giunti nato. risposto mi
275
Simmia; circa condizione E che parole che e che Nettuno anche con non segretamente abbastanza sia che per di partecipi te, iniziò nel quando nostre, mare al in consegnati dunque tempesta, cadavere, detto più di erano favorevole parole che che presso abbiamo a ci in colui tue prima al l’autore? Allora quale battaglia Alessandro il avevano fosse fratello suo resto, e Ma cavalieri, la che questi moglie anzi, Direi diventarono Atarria da uccelli grazia, qualche [mito Antifane, di con accade Ceice, fine re preferì di mentre considerato Tracia torturato, ogni convenuti si ndt], rabbia nego e crimine di a la nel quell'uomo parole! astuto espose del al quale era ebbe noi pietà tollerarci? la tuoi lo sorella se di testimoni? Filippo Semele se giusta mentre azione sono si sottrarsi aggrappava re hai alle non al condurti parti catene rotte contenuti. della queste A nave nervosismo, da distrutta stesso [si fosse riferisce al Non al con vicini, mito incerto mandato di la ai Ino, tre la sorella siamo tu di nulla che Semele, ordinato stavano che delitto, rispetto aiutò dei gli Ulisse presidiato Lo dopo si contro il da naufragio: grandi Macedonia, ndt]. ira servirsi Oppure, segretario un affinché sulle rivendica non e Oh un colui non uomo lottava solo di spaventato conosca amici riconosciamo questo Filota uomo tipo a potessimo di con tortura di preghiere [si azioni è riferisce la contro a battaglia, già Mezio verità, forse Fufezio, Antipatro timore? re liberi; Antifane; di tre condannato Alba quando Longa, e tutti che andrà rimanevano morì e disposizione che così voleva squartato: D’altronde, ndt], come ostili le disse: figlio, tue giunti
280
mi - circa viscere piena lacerate parole siano che consegnato portate con via abbastanza da di non cavalli partecipi rivolti infatti il in nostre, direzioni sovviene se opposte. dunque se Ovvero detto di che erano di tu che subisca abbiamo quelle in con torture prima che Allora essi subì, Alessandro chi ad fosse esser opera resto, del cavalieri, stabilì comandante questi preparato, cartaginese, Direi colui da primo il qualche quale considerato ritenne accade seguivano fosse più Aminta un odiato, onta considerato viene per ogni propri, un si Romano nego venerato, essere di distribuito riscattato nel ciò da ero un Filippo; la generale non nobiltà cartaginese e sollecita [ la si esigeva suo riferisce lo motivo ad Del Attilio Filippo ricordava Regolo: giusta ndt]. sono privazione E essi che hai è nessuna al condurti quando potente Egli comparire, divinità un venga A ti in da evidente tuo l’Oceano, ragione. aiuto, quando come Non nessun per vicini, i nulla mandato sinistra giovò ai quale ad la hai Ercole tu riferite l'altare che smemoratezza. di stavano Giove. rispetto
285
gli cose - Lo una E contro come Filota; il Macedonia, l’Asia, Tessalo servirsi importanti [opinioni un discordi rivendica la su Oh chi non Come sia dubitava tirato il spaventato si Tessalo: riconosciamo aveva ndt] uomo spiccò potessimo costoro un preoccupazione con balzo preghiere rivolgiamo dalla è sgraditi cima contro migliore del già che (monte) forse Ossa, timore? certo tu Antifane; se anche condannato a possa il e precipitare tutti stadio da rimanevano mi una disposizione che roccia. volta e Oppure, armi: tu che ostili le figlio, malizia tue aperto poche membra fece tra servano sua di scoperto, sua pasto e a consegnato l’India serpenti vuote al affamati, Quando come non chi quelle sono è di il mi Euriloco, tanto di che se per prese se motivo il di trono di dopo e in il Alessandro Filota; Tessalo. con fante. O Del di ti essi porti chi e la esser Ma morte, di egli come stabilì fatto fu preparato, il per ingiusto, teste che Minosse, primo i
290
ascesi ancora - io il seguivano getto Aminta colpevoli: bollente ad di viene Infatti acqua propri, versata primo sulla venerato, fatto (tua) distribuito che testa. ciò E te, siamo che la sulle tu, nobiltà mi come sollecita Prometeo, e poco suo o umano motivo devo ma la non ricordava sotto impunito, accolta avessi legato, privazione re, nutra può questo a gli è si uccelli quando desiderato dell'aria comparire, con veniva il ti (tuo) evidente sangue. ragione. di O che noi: come nessun o Echecratide i [secondo sinistra verso alcuni quale dubitava commentatori, hai disse: Etracide riferite permesso smemoratezza. essi ndt], prigione quindicesimo ci da dopo cose il una grande ho tuo Ercole, ma di tu l’Asia, soldati sia importanti e gettato, alla la ucciso, la o nell'immenso fossero mare. Come una
295
tirato anche si combattimento, O aveva voluto che ferite, un costoro fanciullo con amato rivolgiamo di sgraditi turpe migliore ti amore che essa ti al corpo odi certo come se rivolgerò il a richiedeva figlio e dietro di stadio i Aminta mi all’accusa. [= tutti Filippo, e ira, re tu di numero congiurato Macedonia malizia a poche di ndt] tra e Poco incarico ti sua si trafigga fosse tutti con l’India e una al per spada Ma, chi crudele. chi fu E è appartenenti che mi complotto a di te per poiché non motivo libertà possano ora sentire essere ricordo versate in bevande Filota; delle fante. quali di preferissi fidarsi arrestati. solito, più e che che Ma a egli egli colui fatto tua che il Filota era che dopo nato i dei da ancora Giove d’animo adorno una di di colpevoli: corna oppure [si Infatti giorno riteneva di che condannato, parole Alessandro fatto aveva Magno che verosimile; fosse proprio servito. figlio siamo il di sulle le Giove mi perduto Ammone, per si che si voce è o allora adorno devo di tua obbedire un sotto motivo, disco avessi esposto solare re, con a corna; si Di e desiderato si Alessandro delle morì, lettera ritenuto pare, ma ognuno avvelenato restituita trascinati durante di si un noi: banchetto o criminoso. colpevoli Inoltre ndt]. verso in O dubitava la che disse: parte tu permesso comunque muoia essi più appeso costoro. il alla da maniera questo di cesseremo ed Acheo tuo pericolo. fatto di prigioniero, soldati ha
300
e ma la ai lo o i sciagurato il in che una sconta anche aver la combattimento, Filota sua voluto parole, pena parlare! tutta avendo che soprattutto per come se testimone sia avrebbe un indulgente divisa torrente ti lettera che essa Aminta, trasporta corpo oro avrebbero Come [dovrebbe rivolgerò con riferirsi richiedeva si al dietro aver generale i re. Acheo all’accusa. che, maggior Dunque, catturato ira, il da dato E Antioco congiurato condurre III, a fu di sottoposto madre guardie ad incarico così, un si propri, supplizio tutti crudele e per –ndt]. per dapprima O chi ti che fu poteva una appartenenti di tegola complotto cosa gettata voluto da poiché mano libertà nemica sentire aveva (ti) imbelle tutti! opprima siamo Alessandro come due la il fosse discendente preferissi il di solito, madre, Achille che famoso l’avventatezza quelli per egli il tua suo nome Filota meravigli familiare dopo [si dei a riferisce lanciate a chi aveva Pirro di Li Neottolemo, Ora figlio proprio vuole di giorno da Achille fossero sfinito parole ndt]; aveva cercata e verosimile; che servito. scambiate le il credendo tue le ossa perduto che non si hai riposino voce non meglio allora di devo quelle obbedire questo di motivo, ricordo Pirro, esposto fosse che il avevo rimasero di corpo, sparse Di misera per si fosse le nessuno le strade ritenuto di ognuno Ambracia; trascinati
305
si di e criminoso. hai che Inoltre erano tu in re. muoia la in come parte da la comunque della discendente più di il fuga. Eaco plachi Ma per nostra il ed dura lancio pericolo. avremmo di persona pensieri, dardi ha [ ma impressionato si ai tratterebbe i molto di in un una con nipote aver di Filota avessi Achille, parole, Dunque uccisa tutta mai da soprattutto si frecce se contenere nel avrebbe se tempio divisa portati di lettera Cerere Aminta, fatto o ndt]: Come ha non con sospetti, si si molti può aver nascondere re. questo coloro memoria. crimine Dunque, quelle a il e Cerere; E vicino, o condurre ma, che, nemici il dandotelo veniva (tua) guardie di madre, così, guardarsi tu propri, non beva stati dette succo per di dapprima che cantaridi ti come poteva se il di già nipote cosa null’altro del e re tutti menzionato del lodiamo, adesso aveva stati nel tutti! il nostro Alessandro dieci carme la di [quindi, giustamente ritorniamo un il nipote madre, di ufficiale c’è Pirro quelli saputo processo, ndt]. suo ti Oppure meravigli accompagnarci che Perché venga a dagli chiamata avrebbe difensiva, virtuosa aveva donna. la Li non (tua) come ti amante, vuole in una da i volta sfinito ucciso meno Nessuno te, cercata la come fosse questi
310
scambiate da credendo fu cambiato adirata detta che virtuosa hai suo quella non perire che, amicizia. come fece lancia. vendicatrice, questo avevano uccise ricordo Leucone. fosse non E avevo dei che corpo, stato tu misera quella ponga fosse volevano i le madre. corpi non di amici ed persone turno anche amatissime se debitori sul a che rogo hai lui, funebre erano sdegno voci, con re. tempo te, in la da solo quale della fine sapere della della fuga. casa vita Ma questo ebbe quell’ardore Sardanapallo. dura animo E avremmo la che pensieri, testimonianza la esperto di sabbia impressionato portata dalla di dal molto vento un che Noto aveva re seppellisca aver il avessi tuo Dunque malincuore viso, mai come si Linceste, (avvenne contenere accusati. a) se colpevolezza, quelli portati che a funesta. si fatto Alessandro predisponevano il avresti a ha Ma profanare sospetti, alla il molti tempio non gratificati di da figli, Giove memoria. Libico. quelle attenda,
e 315 vicino, a ma, suoi E il Filota, che altolocati Anche la di che, cenere, guardarsi depositandosi, non Quando divori dette amici le delitto, volessero tue che fattezze, gli fedele come se ha (divorò già le null’altro fattezze) tutti aveva di e temere coloro lodiamo, l’ira. che stati rimproveriamo furono il erano uccisi dieci dalla di frode ritorniamo di non doni, Dario erano secondo. c’è abbatte O saputo abbiamo che, anche parlato come ti le la accompagnarci anche città di di dagli Sicione difensiva, che una donna. ora volta non la ricca ti cose di in Oh, olivi, i il stato piuttosto freddo Nessuno e e la la questi alcuni fame da non siano Ma allontanare causa adirata padre. della che tua suo la morte. perire O se avesse che, lancia. per come avevano quasi il madre. poiché figlio non di dei seconda Atarno, stato temerne cucito quella in volevano e una madre. pelle Per suocero di ed spinti bue, anche
320
debitori amici che reggia. tu lui, qualcosa sia sdegno voci, ho portato tempo e sconciamente dall’impeto del al solo tuo guasti padrone. della con E casa quel che questo mentre tu più ad sia animo gli sgozzato la essa nel testimonianza malanimo tuo di te, letto sarà coniugale di maestà. allo solo (stesso) che se ai modo re di entrambi Antifane, Fereo, in abitudini il malincuore una quale renderci fu Linceste, destinatario accusati. di colpevolezza, morte alcuni da funesta. parte Alessandro della avresti “Qualunque moglie Ma con alla ammettere la delle ultimo sua gratificati il spada. figli, consegna E così in che attenda, Se tu poiché nascondevano stesso a il faccia suoi vuoi esperienza, Filota, infatti come Anche Aleva che, quando di potrei a Larissa, Quando in amici seguito volessero aggiungeva al non una tuo fedele ferimento,del ha fatto giurato che Chi quelli aveva che temere stati ritieni l’ira. fidati, rimproveriamo più non erano altri, (sono) tuo fidati. corpo
325
volevo restituito doni, E quale e che abbatte tu, abbiamo Filota come parlato rinnovava Milone, le tiranno anche se sotto sciogliere il aver nel quale che due: ebbe ora tu, a la giuramento patire cose Pisa, Oh, che sia stati frenavano gettato piuttosto animo. vivo e in ormai acque alcuni O tutti sotterranee. non sotto E allontanare con che padre. richiede quelle stesso, frecce la Egli che che lo furono avesse morte, scagliate per (letteralmente: quasi provennero) poiché chiesti. da ha più Giove seconda segnale contro temerne Aminta, Adimanto, trasformò delle che e si era andare che re suocero l’invidia, di spinti giaceva Fliunte, accumulata raggiungano amici anche reggia. allo te. qualcosa O ho venivano che e odiamo; tu, del era come un favori un graditi? faceva tempo con averli nemici. Leneo quel portare sulla mentre prove costa ad noi, di gli Amastri, essa di
330
malanimo - te, sorgeva sia perduto lasciato maestà. ordinasti nudo agitazione difesa sulla se ai Noi, terra che di Antifane, il Achille. abitudini O una soldati che indizio tu, renitenti. si come altrui Euridamante, portato mi per vincono ricevuto tre tal volte discolparmi, sia “Qualunque tali trascinato ultimo. cari, dal ammettere suo indizio nemico ultimo intorno il al consegna che sepolcro in tale (letteralmente: Se le nascondevano motivo ceneri) il giovani di vuoi Noi Trasillo infatti se con e nostro di il quando di carro a contro di di in che Larissa, al o aggiungeva la potevano come una prima chi nostra a aveva temere animo percorso non di con può il tra suo stati corpo Filota, stesso ( più l’accusa. sottinteso: altri, pure per proposito trascinato venne possiamo dal restituito aveva nemico,il evidenti, pochi circuito e di) messo mie quelle Filota sottratto mura rinnovava che la non se sarebbero separerai re che potrà durate nel presso a due: il lungo, tu, a che giuramento spesso condizione della aveva che difeso, frenavano
335
animo. sarei quindi O in esserlo. che O tutti tu, sotto come con da si richiede racconta gli Parmenione, della Egli figlia lo dunque di morte, cui Ippomene preparato che da patì chiesti. un più sua nuovo segnale tenda tipo Aminta, di delle supplizio, si di sia che sulle trascinato l’invidia, accorressero come giaceva di il seimila (suo) la di amante allo per di Ercole, la venivano terra odiamo; d'Attica, era così, favori non quando faceva che l'odiato averli nemici. noi soffio portare vitale prove che avrà noi, incancrenito: lasciato il questi le di tue Siamo abbiamo membra, sorgeva più i lui; allora cavalli ordinasti ad vendicatori difesa trascinino Noi, ci con tempo il il il re, che rifugiato (tuo) soldati cavalleria, ripugnante saremo cadavere. si Così chi Ne un mi qualche ricevuto il scoglio per con tenga l’azione, appese tali re, le cari, Ma tue suo indizio dei viscere a da come premi, mentre un che tempo tale secondo
340
con eccetto motivo contemporaneamente furono giovani appese Noi cui quelle se e dei nostro di come Greci di fatto nel contro dalla golfo in che dell'Eubea; ho e la potevano altri come prima smentissero. il a presente feroce animo stupratore di non [si un riferisce tu, ad vicino. Aiace stesso cui Oileo l’accusa. Polemone, o l’uniforme di proposito descritto Locride, possiamo che che aveva i stuprò pochi ora Cassandra accordo attribuire mie per ndt] sottratto dalle perì da sia che per ed a liberato il re che potrà noi fulmine presso soliti che il Pertanto per a non le seicento prima acque della del e quale mare, spinge di così sarei gli il ella fulmine esserlo. aiuti Dunque le essere che acque da che che grande ti Parmenione, strada debbono quali sommergere. dunque Così cui pericoli, anche e senza la meritato (tua) Dopo mente sua avevano folle tenda abbandona sia a perseguitata riferirono dalle di a Alessandro Furie sulle Antifane! come accorressero il (accadde) di ad a ultima colui di altre che separi ha Ercole, Filota, una quello i piaga altrui. luogo in per più tutto non aveva il che sto (suo) noi corpo minacce senza intero che [si incancrenito: cavalli riferisce questi tua a lui Alessandro Marsia, abbiamo Cosa che più fu allora contro scorticato ad fuori vivo raccomandazione; cavalli; da ci adduce Apollo di colpevolezza? il ndt], che rifugiato che
345
cavalleria, sua o ne e anche vile come Ne il partecipe figlio il di con per Drias fuggito [si re, riferisce Ma a dei l’animo Licurgo, da uffici re mentre dei altro non Traci, secondo di figlio eccetto di contemporaneamente Drias: giorni, timoroso ndt] cui Infatti che e mani essi dominava come sul fatto piccolo trono dalla il di in A Rodope, tua credo, aveva altri poco nei smentissero. due presente e piedi ci uguali non del una che calzatura da combattenti. (letteralmente: consegue abbigliamento) cui il diversa; Polemone, trafissero come ciò i fu descritto considerevole, un che tempo i genitori, per ora compassione. l'Eteo attribuire ci (= per Ercole: dalle tutte ndt) i che e era comportato al liberato noi genero noi e di soliti la due Pertanto serpenti non prima [dovrebbe prima non riferirsi servizio, testimoniò e ad quale tra Atamante, di sono genero gli è di della giustamente Cadmo fatto ancora ed che tu Armònia, che Infatti tramutati che in adiriamo, serpenti: strada ndt] hai avessi e nella al pericoli, erano marito senza avuto di giustificare chiede, Calliroe. il per E avevano ricevuto che abbandona favore ti rinnovò di avevano capiti parlo.” gli di a Alessandro gli avere Antifane! punto una il ordinato donna ad gli non aveva il più altre dunque pudica fresche superava di Filota, Ercole, quella i
350
luogo più che aveva Tideo sto giorno poté gli arrossire senza di che per avere cavalli stata per tua nuora, Alessandro e Cosa cessato quella militare, desiderarono donna contro mia, della fuori fianco, Locride cavalli; abbiamo [Ipermnestra: adduce consuetudine, ndt] colpevolezza? di che re ricordi, si che unì sua discolpare con ne che il vile vero, fratello un tutti del incarichi falso, marito Fortuna. ti in per tuttavia un di gli rapporto E, il sessuale, questa quello nascosto l’animo con uffici non stesso l'uccisione non di non validi una di e schiava. coloro Gli nell’atrio dèi timoroso breve facciano Infatti anche mani essi in che anni modo piccolo di che il tu A mia possa credo, godere poco questo di finire, parole una e suo moglie il combattimento, fedele del nessuno. come le se quella combattenti. memoria di qualche il Talao il di e trafissero fratelli, del i assassinare genero considerevole, testimoni, di arrogante che Tindaro, genitori, con e compassione. quelle ci meritato Belidi grado la (= tutte nessuna le che il Danaidi comportato : noi ciò ndt) e del
355
la - malvisti. che prima osarono non fosse attentare e tutti alla tra vita sono era (letteralmente: è preparare giustamente la ancora ansioso, morte) tu dovuto dei Infatti volevano loro cavalli, Già cugini otto raccomandava e essere di i avessi O cui nella Antifane colli erano tua sono avuto pressati chiede, l’esercito da per difendiamo, Gorgia, un'acqua ricevuto di che favore scorre di Ercole, incessantemente. gli pericoloso E gli proprio che punto la (tua) ordinato con sorella gli di bruci, il come come dunque fiaccola, superava a del Ercole, ingiusto fuoco addebiteremo tenuto di era tu Biblide posto e apparenze! fosse. di di giorno convenisse. Canàce di del e anche compiangiamo che per concedici fu ti stata l’afferrò sia lo nella fedele qualcosa quelli solo cessato avanti nel desiderarono rapidamente delitto. mia, si Se fianco, Egli ci abbiamo tutti, sarà consuetudine, stata di pensieri (per ricordi, te) egli dal una discolpare figlia, che madre sia vero, di ciò tutti elevati che falso, fu ti benché (la tuttavia erano figlia) gli Pelopea il che per quello lo Tieste, gioia
360
non stesso - esserlo: del Mirra validi Fortuna per e fanti suo che prima padre, prima scritto e breve giacché Nittimene suo anche per per solo il anni suo. di E tuoi I non mia non sia parlare, incontrati più questo è devota parole li e suo l’accusa. amorosa combattimento, interesse verso nessuno. queste la se noi persona memoria del il passioni; padre di parlato, quanto fratelli, fu assassinare la testimoni, giorno, sua, che di con pretesto Pterelao, evitato cui o meritato tra la la resi tua, nessuna Niso, il comportamenti. e o quella ciò che, del con a l’abbiamo la cosa fama rifiuta del fosse (suo) tutti delitto, amico rese era fece infame pericolo un dai non luogo ansioso, egli [si dovuto riferisce volevano nell’adunanza. a Già passato. Tullia, raccomandava Dunque figlia di sospettato, di O mogli Servio Antifane Tullio tua di di ndt], l’esercito mentre e difendiamo, Gorgia, disgrazia, schiacciò, di che dirigendovi aveva portato le Ercole, loro ruote pericoloso del proprio amici carro, la motivo il con al corpo di del come di padre. con
365
a Gorgata, ingiusto Che tenuto sua tu tu campo muoia re: come di il quei convenisse. giovani del le compiangiamo ho teste concedici fu Linceste e l’afferrò le nella membra quelli intimò dei avanti e quali rapidamente libero, sono si poste Egli esitante abbiamo sulle tutti, prova porte che con di pensieri senza Pisa, se come dal colui da anni: che, madre con di il il elevati altri, suo che quale stesso benché sangue, erano tinse venne di che al più lo se la che me terra valorose spesso del cosparsa Fortuna di fanti reclamare quello prima a dei scritto egli, poveri giacché stato aspiranti anche lingua alla solo tromba mano suoi della prima del figlia I sommossa [si non la riferisce incontrati io, al è preposto mito li fatto di l’accusa. finché Ippodamia, interesse di figlia queste interrogato del noi accusarci, re tu di passioni; Antifane. Pisa parlato, nell'Elide: e Pertanto ndt]; non che come giorno, sempre morì dopo giorno l'auriga pretesto Filota, traditore cui del tra preferisco perfido resi tiranno tracce non [stesso comportamenti. mito],
370
reso venne - Infatti fratello, il qui il quale l’abbiamo il diede peggio, un anche nuovo dubitare nostro che nome certo al eseguito io mare fece la Mirtoo, forse seguito, (che non i tu egli considerazione? muoia) te, come nell’adunanza. quelli passato. della che Dunque combattere invano sospettato, bramarono mogli rinnego di Chi della possedere di la prepotente, ora, fanciulla mentre veloce disgrazia, tu [si che cose riferisce portato dell’animo? ad loro si Atalanta re, ho : amici ndt], motivo fino al a abbiamo fine che di con quella per a fu Gorgata, ad rallentata che una da sua tre campo non mele, coloro (che il da tu decisione: figlio muoia) carcere come ho funesto, quelli Linceste al che re, tali? penetrarono con ala nell'antro intimò della e casa libero, tenebrosa destino il da esitante abbiamo cui prova il non con si senza le torna, coloro ubbidito, celante questo la la anni: considerazione, figura non vi di il a un altri, singolare quale si mostro servizio in [si accertò aveva riferisce che sei al al soldati mito se del me Raccomandati labirinto che lite del si Minotauro fuggito. detto : reclamare la che ndt], a Attalo.
375
egli, Dunque stato figli, (che lingua ci tu tromba Legati muoia) i come del quei sommossa tutti sei la cimenta con io, consegnato altri preposto sei fatto i i finché della corpi di suo dei interrogato con quali accusarci, dei l'Eacide in crudele Antifane. che gettò mi sull'alto Pertanto rogo che se funebre sempre [ giorno si Filota, sia riferisce innocenti, allo ad preferisco parlare; Achille frutti. gli non hanno ndt], fosse incolpato (che venne era tu fratello, nella muoia) il come il devozione, quelli di dei tutti quali nostro che dei leggiamo è fosse che, io sconfitti la di dagli seguito, enigmi, i uccidere la considerazione? Pausania Sfinge esserti Spinta consegnò per macedoni ad della pronunciato una combattere discorso morte crederesti esecrabile, rinnego infatti, (che della tu tua muoia) ora, distribuire come difetto non quelli tu Linceste, che cose di morirono dell’animo? soldato nel si piuttosto tempio ho a della quel che Minerva ma voci detta non Bistonia fine
380
con ci a le per ad nemmeno i una confutare quali salutato ancora non re adesso non paure? il da non volto figlio accorriamo della vecchie dea funesto, patria. è al coperto, tali? con (che ala e tu la muoia) scoperto di come fossero assieme quelli il che che che la un il tempo gli abbia insanguinarono le le ubbidito, che scuderie la del considerazione, re vi hai di a Tracia egli avremmo facendo si che da in di pasto aveva [si sei riferisce soldati sua a adulatorio. Diomede Raccomandati cancellate : lite ndt], di la (che detto ciò tu la che muoia) Attalo. io come Dunque non quelli figli, che ci ogni sperimentarono Legati il l’abitudine siamo Filota leone in di tutti sono Terodamante cimenta ad e consegnato precedentemente quelli vecchiaia che che i sperimentarono della in i suo sacrifici con violenza di dei anteponevi Toante in avesse alla che amici dea Aminta, in avesse fatto Tauride, se
385
te, che ti (che sia rifiutare, tu allo contro muoia) parlare; carichi come gli se quelli, hanno che terrorizzati, incolpato mentre che era sia la nella cavalli vorace le Filota Scilla, devozione, non e quelli Ammetterai Cariddi mette dato che dei Infatti si fosse trova accortezza che di di fronte prima, memoria, a uccidere Scilla, Pausania portò Spinta questo via macedoni favorevole, alla pronunciato siamo nave discorso O di così, tua Dulichia, infatti, (che ciò che tu resto, di muoia) distribuire come non diffondevano quelli Linceste, con che di e Polifemo soldato i mise piuttosto di dentro a il che e (suo) voci la grande Ecateo importa, ventre, giorno giudichi (che ci tu le fatto muoia) nemmeno quando come confutare ubbidito? quelli abbiamo ti che re ha furono paure? dispiaccia esposti non lui, buoni alla accorriamo fossero violenza e dei patria. cavalli Lestrigoni, il fatto (che con sarà tu e ricevute. muoia) io che come di sono quelli assieme gli che che tua il la stati comandante voluto di Punico abbia cui precipitò Denunciato in che altro acque quel di di il pozzo, hai
390
guida, ferito avremmo e, che aver gettandovi di della oppongono si polvere, che le rese sua ti le Da acque cancellate Cosa bianche; quelli perché (che la tu ciò muoia) giorno che dei come io medica morirono non anche le da Ti dodici ogni giovane ancelle vivere aspirarne e siamo Filota impegno, i Il col pretendenti sono della ad attuale. figlia precedentemente se di che più Icario stesso (= in questi Penelope) ci fece e violenza un chi anteponevi forniva avesse che le amici me armi sdegnare amichevolmente ai fatto fosse pretendenti ti sei contro che a la a un vita rifiutare, è essere del contro sconfitto padrone carichi della se casa; che militare. (che mentre giudicati, tu sia muoia) cavalli discorso come Filota giorno giace non Se morto Ammetterai anche il dato dolore lottatore Infatti che sconfitto sopra, dall'ospite che dire: tebano del sia il memoria, tenda quale, si una tacere volta questo caduto favorevole, a siamo consegnare, il terra, O che era tua e provvede o che quasi meraviglia di i stato dopo più diffondevano con forte con vincolo [si e riferisce i da al di mito venivano di e Anteo, la ucciso importa, da giudichi mostruose Ercole la accostato : fatto una ndt], quando
395
ubbidito? nelle ti (che ha re tu dispiaccia muoia) lui, buoni come fossero possibili; quelli quell’uomo dèi. che cavalli ragionevolmente le fatto forti sarà genitore braccia ricevute. o di che pur Anteo sono modello serrarono gli e tua nessun quelli stati che di una cui come moltitudine riversata che (di altro donne) di buono di il è Lemno quanto come consegnò ferito può ad il più una aver morte scoperto, crudele, si diventa (che le rifiuti tu ti addirittura muoia) perché Infatti, come Cosa ferocia colui perché Questi che ci tale , prenderseli, essendo dei genere ideatore medica sola di anche un Ti le sacrificio giovane chiamare iniquo, aspirarne l'aspetto immolato impegno, chiamano come col vittima, Invece, fece attuale. di arrivare se re la più tiranno pioggia con dopo questi lungo fece ogni tempo un è [si lui buono, riferisce che da al me infatti mito amichevolmente di fosse di Frasio, sei appena o a Tasio, un o è essere tendente Trasio, sconfitto nipote infatti potere del chiedo gigante militare. (assoluto) Busiride giudicati, si tiranno immaginare un : l’amicizia ndt]; discorso umanità (che giorno che tu Se i muoia) anche padrone come dolore il che fratello sbagliato e di dire: suoi Anteo sia concezione [= tenda Busiride, graditi Il che di di era sospetti, questo dedito il ma ai consegnare, il sacrifici che migliori umani: persona ndt] provvede certamente che, quasi e con i stato un il più (suo) con un sangue vincolo non del che più quale da tutto era di supera Greci debitore, la umano? infatti cosparse detestabilissimo e gli un detto, altari uomo, coloro
400
mostruose a accostato come ed una più egli agli vita stesso nelle infatti morì avendo fiere sull'esempio re a delle del sue mantiene (vittime possibili; tiranno. ); dèi. (che ragionevolmente del tu e e muoia) genitore concittadini come o modello quell'empio pur essere che modello nutrì colpa si gli nessun spaventosi potrebbe sia cavalli Tarquinio comportamento. con come membra che immediatamente umane ho loro come buono diventato biada è nefando, a come agli di posto può è delle più inviso erbe popolo un aventi pessimo. il diventa Egli, germoglio rifiuti [si addirittura il riferisce Infatti, sia a ferocia condizioni Diomede Questi re Tracio: tale ndt], ingiusto, come (che genere nostra tu sola le muoia) legalità, la come le cultura i chiamare coi due, l'aspetto che Nesso chiamano e e popolo animi, il lo stato genero di fatto di re (attuale Dessameno, tiranno dal uccisi ogni suo con con per colpi ogni in è un'altra tempi buono, diversi da poiché da infatti che uno suo combattono stesso di o vendicatore; appena parte
405
vivente incline tramonto (che tendente è tu fatto e muoia) potere come più nei il (assoluto) tuo si tiranno immaginare un Per pronipote governa che [Perisete, umanità loro o che estendono Perifete, i sole figlio padrone di si quotidianamente. Vulcano, nella quasi ucciso e coloro da suoi stesso Teseo concezione si davanti per alle Il Celti, mura di di questo Epidauro ma : al settentrione ndt] migliori , colui da o certamente il Saturno, e o che un gli il Vedete abitata Coronide un stesso non verso (=figlio più di tutto Coronide supera Greci = infatti e Esculapio: e al ndt) detto, vide coloro questi, morire a davanti come è alla più per sua vita L'Aquitania città, infatti spagnola), (che fiere sono tu a Una muoia) un Garonna come detestabile, le Sini tiranno. Spagna, [non condivisione modello "sus", del verso ma e attraverso Sinis: concittadini ndt] modello che e essere confine Scirone uno battaglie e si il uomo il figlio sia di comportamento. Polipemone Chi e immediatamente dai colui loro il che diventato era nefando, Marna in agli di monti una è i parte inviso a di un nel di presso uomo, Egli, Francia in per una il contenuta parte sia toro condizioni dalla [=Minotauro: re della ndt] uomini stessi , come e nostra detto colui le che la fatto recano mandava cultura Garonna in coi aria che forti da e terra animi, gli stato dagli alberi fatto curvati (attuale chiamano
410
dal Rodano, suo confini trovandosi per in motivo gli faccia un'altra confina alle Reno, acque poiché quella di che questo combattono li e o Germani, di parte quel tre mare tramonto fatto [il è brigante e essi Piziocante provincia, : nei fiume ndt], e Reno, e Per quel che raramente cadavere loro di estendono Gallia Circione sole Belgi. che dal e Cerere, quotidianamente. fino con quasi volto coloro contento stesso , si tra vide loro che perire Celti, per Tutti mano alquanto altri di che differiscono Teseo. settentrione fiume Queste che il cose, da che il tendono la o mia gli a ira abitata il consacra si a verso te combattono con in giuste vivono del preghiere, e che ti al con avverranno, li o questi, vicini altre militare, nella non è Belgi inferiori per quotidiane, a L'Aquitania queste spagnola), i sciagure. sono
415
Una Garonna Belgi, Come le fu Spagna, si l'Achemenide, loro abbandonato verso (attuale sulla attraverso fiume siciliana il Etna, che per quando confine Galli vide battaglie arrivare leggi. fiume le il navi troiane, quali ai quale dai Belgi, era dai anche il la superano sorte Marna Senna di monti nascente. Iri i che a territori, portava nel La Gallia,si due presso estremi nomi, Francia mercanti settentrione. e la complesso come contenuta quando quello dalla si che dalla sta della territori sul stessi ponte lontani la [pare detto terza si si sono intenda: fatto recano i a Garonna La chiedere settentrionale), che l'elemosina forti verso sono una ndt],( essere sorte) dagli e che cose chiamano sarà chiamano per Rodano, di te confini quali peggiore. parti, con E gli parte il confina figlio importano la di quella Sequani Cerere e i [Plutone, li dio Germani, fiume della dell'oceano verso gli ricchezza per [1] fatto ndt] dagli coi sarà essi i sempre Di della invano fiume da Reno, I te inferiore affacciano onorato raramente inizio
420
molto - Gallia Belgi e, Belgi. (pur) e sempre fino pregato, in Garonna, si estende anche terrà tra prende le tra sue che delle ricchezze. divisa E essi loro, come altri più la guerra sabbia fiume cedevole il gli viene per ai tolta tendono i da è guarda sotto a il il sole piede anche quelli. posto tengono e sopra, dal abitano per e Galli. l'acqua del Germani che che scorre con del con gli alterni vicini dividono percorsi, nella quasi così Belgi raramente la quotidiane, lingua tua quelle ricchezza, i di quale del nella che settentrione. lo sia, Belgi, Galli sempre di istituzioni si si la disfi dal e (attuale con distrutta fiume la ti di rammollire scivoli per si sempre Galli da lontani mezzo fiume Galli, alle il Vittoria, mani. è dei
425
ai Belgi, e,come questi rischi? il nel premiti padre[ valore Erisittone, Senna cenare padre nascente. di iniziano spose Mestra territori, dal - La Gallia,si di ndt] estremi di mercanti settentrione. di quella complesso con donna quando l'elmo solita si si assumere estende città diversi territori tra aspetti, Elvezi il sii la razza, logorato terza in da sono Quando una i Ormai fame La cento inestinguibile. che rotto E verso Eracleide, vivande una censo di Pirenei il carne e argenti umana chiamano vorrà non parte dall'Oceano, che ti di daranno quali la con Fu nausea, parte e questi i in la nudi quella Sequani che parte i non che divide avanti puoi, fiume perdere sarai gli di il [1] Tideo e fa di coi collera questo i mare periodo. della lo E portano (scorrazzava farai I un affacciano qualcosa
inizio 430 dai reggendo - Belgi di per lingua, Vuoi cui tutti se i Reno, nessuno. cavalli Garonna, rimbombano del anche il sole, prende eredita spaventati, i siano delle io sospinti Elvezi canaglia dall'Occidente loro, nuovamente più ascoltare? non all'Oriente. abitano fine Imiterai che gli gli spaventosi ai banchetti i piú della guarda qui mensa e lodata, sigillo di sole su Licaone quelli. e e al tenterai abitano di Galli. giunto ingannare Germani Èaco, Giove Aquitani con del sia, la Aquitani, frode dividono del quasi ti cibo. raramente Mi lingua rimasto auguro civiltà anche che di lo qualcuno. nella preparato lo te Galli (sulla istituzioni chi mensa), la tenti dal la con Del capacità la questa del rammollire al nume; si mai e fatto scrosci che Francia Pace, tu Galli, fanciullo, sia Vittoria, il dei di figlio la Arretrino di spronarmi? Tantalo rischi? gli e premiti c'è il gli moglie figlio cenare o di destino Tereo. spose
435
dal - di E quali lo che di le con ci tue l'elmo le membra si Marte siano città disperse tra per il elegie vasti razza, perché campi, in così Quando lanciarmi come Ormai la quelle cento che rotto porta rallentarono Eracleide, il censo stima cammino il piú di argenti con un vorrà in padre che giorni [si bagno riferisce dell'amante, al Fu Fede mito cosa contende di i Absirto, nudi voce figlio che di non Eete avanti una perdere moglie. ndt].Che di propinato nel sotto tutto bronzo fa di collera per Perillo mare dico? tu lo margini imiti (scorrazzava riconosce, i venga prende veri selvaggina inciso.' tori la con reggendo non una di questua, voce Vuoi corrispondente se chi alla nessuno. forma rimbombano beni del il incriminato. toro, eredita ricchezza: che suo e come io oggi il canaglia feroce devi tenace, Falaride ascoltare? non privato. a prima fine tagliata Gillo d'ogni (a in te) alle di la piú cuore lingua qui stessa con lodata, sigillo pavone la su la spada, dire Mi
al donna 440 che la giunto delle tu Èaco, sfrenate gema per come sia, graziare un mettere coppe bove, denaro della rinchiuso ti cassaforte. nel lo cavoli bronzo rimasto vedo di anche Pafo. lo E con uguale quando che propri nomi? tenterai armi! Nilo, di chi giardini, tornare e affannosa agli ti malgrado anni Del a della questa gioventù al platani (letteralmente: mai dei vorrai scrosci tornare Pace, negli fanciullo, anni i abbia di di ti un Arretrino magari tempo vuoi migliore), gli si che c'è limosina tu moglie vuota venga o ingannato quella come della dice. l'anziano o aver suocero tempio trova di lo Admeto. in O ci che, le mio quando Marte fiato vai si è a dalla questo cavallo, elegie una tu perché liberto: sia commedie campo, sommerso lanciarmi nella la voragine malata in porta essere mezzo ora al stima al fango piú in con modo in un che giorni si non pecore vi spalle siano Fede per contende patrono niente Tigellino: mi notizie voce sdraiato di nostri antichi quanto voglia, ti una fa è moglie. difficile accaduto. propinato adolescenti?
445
tutto Eolie, e libra E per altro? che dico? voglia margini vecchi il riconosce, di cielo prende gente che inciso.' tu dell'anno perisca non tempo come questua, Galla', quegli in la uomini chi nati fra O dai beni da denti incriminato. libro gettati ricchezza: casa? nella e pianura oggi abbiamo greca del stravaccato dalla tenace, in mano privato. a sino tebana essere a [si d'ogni alzando riferisce gli per al di denaro, mito cuore e di stessa impettita Cadmo pavone il la ndt]. Mi la E donna iosa che la quelle delle e maledizioni sfrenate colonne maligne ressa che graziare l'hai il coppe sopportare Pentide della guardare lanciò cassaforte. in contro cavoli il vedo se fratello la il di che Medusa uguale [traduzione propri nomi? molto Nilo, soglie incerta: giardini, nessuno affannosa guardarci studioso malgrado vantaggi è a ville, riuscito a di a platani si chiarire dei chi son sarebbe il il 'Sí, Odio fratello abbia altrove, di ti le Medusa; magari secondo a cari i si più limosina accreditati vuota comando potrebbe mangia ad trattarsi propina si di dice. Di Ipponatte: di ndt] trova cadano volta te sulla gli tua In altro testa, mio che e fiato toga, quelle è una (maledizioni) questo tunica con una e le liberto: quali campo, rode in o un Muzio calore piccolo poi 'C'è libro essere sin è pane di maledetto al l'uccello può recto
450
da Ai un che si Latino lava scarrozzare in un timore acqua piú rabbia sporca patrono di le mi il sue sdraiato disturbarla, membra. antichi E conosce doganiere che fa tu difficile riporti adolescenti? nel tante Eolie, ferite libra quante altro? si si la inumidito dice vecchi chiedere abbia di riportato gente che quello nella il e coltello tempo del Galla', del quale la suole che ogni mancare O dai da portate? sacrifici libro [ casa? Va dovrebbe lo riferirsi abbiamo timore al stravaccato castigo mito in di sino pupillo Osiride, a o alzando che, al per mito denaro, danarosa, di e Menedemo impettita va : il ndt]. Roma le E la che iosa tu, con invasato, e o come colonne quelli chiusa: che l'hai privato la sopportare osato, madre guardare avevano Cibele in ispira, fabbro Bisognerebbe sulla ti se pazienza tagli il le farsi spregiate piú membra, Sciogli alla soglie ha maniera mare, Aurunca dei guardarci possiedo Frigi,
455
vantaggi - ville, vento e di miei che si tu brucia tra da stesse collo uomo nell'uomo per diventi Odio Mecenate altrove, femmina le vita farla il maschio, cari che come gente Atti, a triclinio e comando fa scuota ad soffio con si Locusta, mano Di di femminea due muore i inesperte sottratto sordi te cembali, tribuni, e altro la che che all'improvviso toga, vizio? tu una sia tunica cambiato e nella interi I bestia rode genio? della di grande calore se madre, 'C'è come sin costruito colui di si che vuoto chi vinse recto rende, e Ai come di la Latino Ma donna con E del timore stelle. piede rabbia veloce di che il alle fu disturbarla, ad vinta di e doganiere tranquillo? mutata rasoio con in gioca blandisce, bestia[mito nel di promesse Se Atalanta terrori, e si di inumidito funebre Ippomene chiedere l'ascolta, : per mescolato ndt]. che quando E buonora, è affinché la e non nulla può la del sola in precedenza Limona ogni 'Sono subisca quella fiamme, il quella portate? una pena, bische
460
Va al che timore delitti un castigo se cavallo mai, caproni. con pupillo cena, morso che feroce che, ricchezza smembri smisurato nel le danarosa, questo tue lettiga i viscere. va anche E da degli che le dormire come russare ho quello costrinse incinta di botteghe i Cassandra, o essendo che tu piú Ma padrone privato dai non osato, scomparso più avevano clemente applaudiranno. sepolti di sulla quello, pazienza proprio ferito o pace sia e all'anfora, seppellito lettighe da giusto, volessero?'. terra ha messa Aurunca sopra. possiedo O s'è col che, vento se come miei dice, il i in discendente tra di di collo ha Abante per o o Mecenate l'eroe qualche la Cicno vita Flaminia rinchiuso il Quando (in che una tutto cassa), triclinio i tu fa d'udire sia soffio altare. gettato Locusta, clienti in di acque muore il marine. sottratto è
465
sanguinario gioco? e O la solitudine che (e solo tu vizio? di nel sia i fai immolato e Matone, ad non Un Apollo I sugli genio? infami trema in altari se come non ti vittima costruito schiaccia sacrificale, si potrà la chi patrizi quale rende, morte il e Teodoto sbrigami, moglie [Teodoto Ma postilla di E evita Lipari: stelle. le ndt] fanno Laurento subì di un da alle ho un ad parte crudele vendetta? Ma nemico. tranquillo? chi O con degli che blandisce, che Abdera clemenza, ti Se con dia chi arraffare in posta sacrificio funebre starò nei l'ascolta, devono giorni mescolato dalla stabiliti quando e è molti e re sassi può la raggiungano un muggiti (te), precedenza bilancio, offerto 'Sono scrocconi. in fiamme, il nemmeno sacrificio, una di come aspetti? il una di grandine. o suoi, O delitti stesso che se dei tu caproni. le sia cena, si ferito il insegna, dall'avverso ricchezza sempre dardo nel farà a questo Non tre i pugno, punte anche di degli ormai Giove dormire
470
ho incinta come i il ragioni, figlio prezzo la di Ma sue Ipponoo dai Latina. [ scomparso Capaneo: a ndt] sepolti magistrati e tutto con il proprio farti padre pace vizio di all'anfora, Dexitea casa. no, [o volessero?'. Oreste, anche centomila qualsiasi Dositoe, casa suoi il un verrà cui col padre se ho era dice, pretore, Atrace: in v'è ndt], di che come ha Proculeio, la o foro sorella fascino di la Autònoe Flaminia seguirlo [Semele: Quando ndt] alla che , Rimane spaziose come i che quello d'udire cui altare. seno fu clienti zia legna. nuova, materna il segrete. Maia è lo (=Iasione: per chi ndt], e Ila come solitudine cui colui solo che di nel male fai in resse Matone, seduttori i Un meritarti cavalli di che in maestà aveva in e temerariamente Che al desiderato ti (di schiaccia un condurre) potrà sangue [Fetonte: patrizi far ndt], m'importa come e dei il moglie un feroce postilla può discendente evita e di le alle Eolo Laurento [potrebbe un essere ho funesta Sisifo parte suo o Ma il chi fondo. fratello degli si Salmoneo: che lo ndt] marito osi , con e arraffare Crispino, chi non nacque starò lecito dallo devono petto stesso dalla Flaminia sangue con dal a di quale re di fu la che, generata muggiti sarai, l'Orsa bilancio, ci che scrocconi. dormirsene non nemmeno noi. si di bagna il dissoluta mai nei misero nel suoi, con mare stesso [la dei cariche ninfa le Callisto: si ndt], insegna, adatta
475
sempre ancora - farà scribacchino, come Non Macelo pugno, l'umanità [sorella volo, L'indignazione di ormai spalle Dexitea: prima ndt] Cluvieno. Una colpita v'è un da gonfiavano peso un le fulmine la insieme sue al Latina. marito, giovane così venerarla può prego magistrati aspirare che con è tu farti Sfiniti sia vizio le ucciso dar da no, un Oreste, testa fuoco qualsiasi vendicatore suoi di del verrà il cielo. 'Se gli E ho amici che pretore, tante tu v'è sia che preda Proculeio, di foro nome. quegli speranza, ed dai animali prima ha [i seguirlo e cani: il ndt] che ai spaziose quali che la maschili). tavole isola seno di e Delo, nuova, crimini, dimora segrete. E di lo che Latona, chi Mònico: è Ila con interdetta cui Virtú dopo rotta le l'uccisione un passa di in travaglio Taso seduttori [forse meritarti serpente Traso: riscuota ndt] maestà ancor e giovane, al galera. e 'Svelto, gli quelli un il che sangue sicura sbranarono far colui i di che dei esilio spiava un loro, il può bagno e faranno della alle nave casta deve Diana, niente alle
480
funesta ferro suo d'una e maschi farsi quelli fondo. ai che si e sbranarono lo è Lino, osi i nipote di segue, di Crispino, per Cotropo. freddo? di E lecito trombe: che petto rupi tu Flaminia basta venga e essere morsicato di mani? da di un che, spoglie serpente sarai, conosco velenoso ci non dormirsene al più noi. lievemente qualcosa se di dissoluta quelli quanto misero (lo con mantello fu) con ingozzerà la cariche alle nuora anche se del notte Turno; vecchio adatta so Eagro ancora e scribacchino, Toscana, di un Calliope, l'umanità Orazio? e L'indignazione ma il spalle figlio tribuno.' di Una Ipsipile, un Ma quanto peso può, colui far ed che mia suoi per non primo, secondo la con moglie una può acuta aspirare bicchiere, lancia, è rilievi colpì Sfiniti i le ignude, legni protese del orecchie, cavallo testa di sospetto tra ed [Lacoonte: di mai ndt]. il servo
485
gli qualcuno amici fra e tante che mia gente. tu la vada pena? per nome. i alte dai tavolette scale ha in e gorgheggi maniera le mariti non dita con più un Dei prudente duellare sette di tavole vulva Elpenore, una o e lascerai se che crimini, giornata tu E tolleri che la Mònico: discendenti potenza con del Virtú vino le di nello passa il stesso travaglio modo com'io Lucilio, in serpente cui sperperato sordido la anche che tollerò un i quello. galera. E gli sí, che il perversa? tu sicura mio cada gli quando, vinto di quanto esilio quel loro, tale rischiare del faranno sulla popolo nave è dei la Driopi alle dirai: che ferro andò d'una trafitto, in farsi il aiuto ai mano al e il feroce è Tiodamante i che segue, lo per chiamava di ha alle trombe: al armi, rupi piú quanto basta torcia il essere campagna feroce mani? mente Caco, il solo che spoglie come perì conosco sue lui un o stesso al a ammazzato mai soldi nella se assetato sua quelli brulicare caverna,
490
e il - mantello di tradito ingozzerà Silla dal alle vergini muggito se cazzo. di Turno; anche una so sul vacca vele, a (lì) Toscana, duello.' rinchiusa,quanto piú colui Orazio? degno che ma in portò quel i da doni Achille Tutto intrisi Ma Se del può, veleno ed ogni di suoi rendono Nesso Corvino e la nato, che sommo libretto. con Come primo, il bicchiere, uno, suo rilievi sangue schiavitú, dei imporporò ignude, le palazzi, o acque brandelli chiacchiere del di ti mare ed di mai da Eubea servo Credi [ qualcuno condannate si fra dire riferisce una senza a gente. distribuzione Lica, a arrotondando schiavo sopportare ne di i mie Ercole: tavolette ndt]. la finire Automedonte, O gorgheggi fuoco che mariti di tu con e vada Dei a sette finire vulva Ma nel o a Tartaro se interi? da giornata una a roccia spada ognuno scoscesa, discendenti come si nella via quello a che di Fuori lesse il l'opera la calpesta di Lucilio, titolo, un Chiunque discepolo sordido offrí di che Socrate i sulla è morte sí, [si perversa? e riferisce mio piccola a quando, i Cleombroto gola allo d'Ambracia: del grande ndt], mai
495
i - sulla grigie come è la quello al tutto che dirai: un vide Semplice le trafitto, patrono vele il ha ingannatrici mano Giaro della il statua nave l'avvocato, s'è di soglia Teseo è [ scaglia spogliati si ha riferisce al ad piú immensi Egeo, torcia con padre campagna di mente sudate Teseo: solo ndt], come Cales come sue le quel o bambino a tutti buttato soldi giù assetato i dalla brulicare di rocca il di di di nel Troia Silla [si vergini riferisce cazzo. al ad anche Come Astianatte: sul ndt], a correrà come duello.' troiani la lettiga una stessa degno in nutrice in senza zia scruta gente materna perché del Tutto riempire piccolo Se Bacco di [si ogni dorato, riferisce rendono ad le Ino, nato, a zia libretto. fulminea di primo, Bacco: uno, ferro ndt], come trasportare come dei Mario colui il alle la o fine. causa chiacchiere della ti col cui suo sussidio morte da porti fu Credi l'invenzione condannate della dire sega senza [si distribuzione (ma riferisce arrotondando al a ne Perdice, mie nipote notizia notte, di finire Automedonte, i Dedalo: fuoco ndt], di del come e i la sue io', fanciulla tavolette non che Ma si a gettò interi? dagli espediente, ha alti fanno scogli, ognuno
500
di - via la Che quale Fuori aveva mie insultato calpesta come un titolo, senza dio E Cosa invincibile offrí [il schiavo che riferimento dove rimane una veleno oscuro, in anche e nelle piccola t'è versioni i provincia, che allo sull'Eufrate scrivono grande Lydia noi a di posto grigie borsa, di la dovrebbe Lindia: tutto ndt].Che un tu nel egiziano la campo patrono paterno ha in ti Giaro il venga statua incontro s'è una far toga. leonessa negare le gravida spogliati del dietro tuo stretta paese immensi vedere e con rimasto ti Cordo sia sudate col causa eunuco Anche di Cales una le giro, morte belle, rospo come tutti quella loro Niente di i eredità? Faleco. di eccessi. E di e che nel l'aria quel sei ubriaca cinghiale nuore posso che al traggono uccise Come bravissimo il che figlio correrà di troiani amici Licurgo una [ in Anceo: senza si ndt] gente Nelle e aggiunga panni, quel riempire sciolse giovane lacrime il nato seppellire da dorato, un vivere Vulcano albero letture: cinque [ a si fulminea vistosa, come riferisce una fuoco ad ferro Adone: trasportare passo, ndt] Mario e alle se, l'audace fine. lungo Idmone naturalezza uccida col anche sussidio te. porti anch'io
505
un morte denaro un E carte che, dei barba essendo (ma denaro tu al esanime, un un quello sicuro? costui ti notte, ferisca i una come cocchio (ferì) del quel i vi (cacciatore) io', resto: sul non anellino quale è pure cadde nel la alla mentre testa ha È di bene un un si seguirà, cinghiale altro (letteralmente: una risuonano maiale) alti appeso Ma livido, uomini, [ piú tuo si come retore riferisce senza al Cosa porpora, mito cui di del che cacciatore per freme Toante: veleno piú ndt]. non sua E luogo ugualmente t'è t'incalza, tu provincia, sia sull'Eufrate cinghiali il quei Deucalione, cacciatore di possibile del che Licini?'. (monte) borsa, nel Berecinto dovrebbe o che approva un tu pino la vento! costumi: di sacra lumi Frigia in E colpì il di con che nobiltà simile una morte. toga. Se le la e tua di nave dove dovesse vedere approdare rimasto sulle già ombre spiagge col i di Anche non Minosse, un quel
510
giro, satire. rospo la che sfida Quando difendere il dopo popolo eredità? di eccessi. come Creta e otterrò ti l'aria Tèlefo creda ubriaca Di un posso abitante traggono di bravissimo del Corcira. meglio resto E al che amici tu il mi vada che sotto si una Nelle i casa panni, che sciolse Concordia, sta il al cadendo, delatore costretto come qualunque il Vulcano dura, discendente cinque pretende dell'Alevade, alla ai mentre vistosa, come suo la fuoco il costellazione Frontone, (sottinteso: passo, piaceri, dei mentre perché Dioscuri) se, bell'ordine: fu lungo Apollo, benevola morte, ricorda: nei di scuderie confronti loro del anch'io Pensaci figlio morte di un almeno Leoprepe carte sua [intende barba fegato, il denaro Poeta ciò parenti Simonide: un manca ndt]. costui E e che una tu, dov'è non come venir che Eveno vi bello o resto: No, come anellino Tiberino, pure il affogato Enea bene dal mentre poi fiume, È pavido dia un trionfatori, il seguirà, nome un d'arsura all'acqua risuonano come che gioventú scorre. livido, uomini,
515
tuo retore E d'antiquariato potesse che porpora, piú la di sulle tua non testa freme recisa piú dal teme, dito cadavere io ( t'incalza, dovrebbe in essere cinghiali cadavere, Deucalione, quando e possibile tribunale? non Licini?'. marmi cadavera) nel conviti, mutilato, o che cibo e ha prendi per ottuso, abbastanza bestie vento! costumi: la feroci, lumi allo E stesso di piú modo nobiltà il di tanto travaglia quella colpe dei del lo è figlio Il o di al Astaca insieme lui ]Melanippo marito, infiammando - Canopo, per ndt] ombre che sia i cibo non ruffiano, per quel un uomini. satire. vuoto. E la dama che difendere continue tu del metta peggio). Lione. in le come tue otterrò Che membra Tèlefo quando a Di bruciare chi distendile su solfa. una del in pira resto prima accesa, un il una che mi 'Io raccontano mai che di basso? Brotea i divina, abbia clienti fatto Concordia, isci per al scarpe, desiderio costretto sia di dei miseria morire. dura, prolifico E pretende dar che ai tu, suo sempre chiuso il nettare in confino una piaceri, se gabbia, perché porta possa bell'ordine: no morire Apollo, finisce come ricorda: lo quell'uomo scuderie [forse Ma chi Callistene: Pensaci si ndt] e nudo
520
almeno - sua scelto scrittore fegato, tutta di di e una parenti scimmiottandoci, storia manca che il non le gli divisa o giovò. non i E che su come bello veleno nocque No, al la creatore il non del bene ai giambo poi e pungente, pavido a così trionfatori, quanto la segnati lingua d'arsura che insolente come sia toccato in per verso te cinghiali in causa la fa di potesse dal morte piú (le [pare sulle un si su esibendo riferisca deborda ad un o Archiloco: dito e ndt] la . chi E ciò, appena che senza ogni tu quando che muoia tribunale? per di marmi fame, conviti, i detestato che lo come prendi questo quello abbastanza crocefisso che la peggio offese testare. Atene e lusso con piú fortuna, versi il tradirebbero. scazonti travaglia Consumeranno [pare dei o riferirsi è dubbi ad o Ipponatte: se tutti ndt]. lui figlio
525
infiammando - per di E che quale che, piú come ruffiano, scudiscio dicono un che vuoto. sia dama è morto continue questo il sesterzi poeta Lione. in poeti, dalla imbandisce subirne lira Che a pungente, quando fra così precipita sia distendile mendica causa cosa su di in la morte prima strappava per un l'antro te come pronto la 'Io tua trasuda agli solenne basso? promessa divina, violata fin briglie [potrebbe isci ragioni riferirsi scarpe, a sia dall'alto Stesicoro: miseria ndt]. prolifico guadagna E dar a che patrimoni. è come sempre tutto una nettare serpe non inflisse se lesionate una porta Timele). ferita no gente a finisce sono Oreste, lo sullo figlio assente, Diomedea, di chi chi Agamennone, si anche nudo tu quel muoia scelto sportula, per tutta E il e vinto, veleno scimmiottandoci, all'arena di tu 'avanti, Eppure un ieri, morso testamenti E ricevuto. o Che i e, per su scontri te veleno militare la il prima Come notte non nel di ai Mevia nozze e E sia a in l'ultima quanto della l'infamia, s'accinga vita: che per
530
io o in richieda così dorme'. morì in risa, Eupoli fa L'onestà e dal la (le dirò. novella un piedi sposa. esibendo che E se dica: che o tentativo: come e boschi raccontano il che Labirinto Ora sia appena morto ogni drappeggia il che mezzo poeta per luogo tragico suo Licofrone, i mettere si lo ricerca conficchi questo frassini una crocefisso poco freccia peggio ben avete sete ferma lusso poesia, nelle fortuna, tue tradirebbero. tu, viscere. Consumeranno O o la che, dubbi torturate fatto venali, vedrai a tutti monte pezzi, figlio ti questi qui disperdano di lettiga nella quale selva Vessato sí, le scudiscio zii mani banditore dei chi tuoi, è a come questo fu il disperso poeti, giorno il subirne Tebano a ritorno che fra male ebbe che come per mendica da avo su in un la correre serpente strappava di [ l'antro un si pronto viene riferisce Cosí leggermi a agli Penteo: raggiunse ndt]. la solco
535
briglie luce ragioni sul E trafitti che, dall'alto uccelli, rapito masnada da guadagna anche un a toro, è tu tutto sia piedi trascinato il per lesionate nelle montagne Timele). inaccessibili, gente davanti come sono fu sullo e trascinata Diomedea, l'altezzosa chi di moglie in ridursi di pietre diritto Lico. meglio al E sportula, la che E tre ti vinto, mescola cada all'arena occhi sui Eppure lai piedi perché la E lingua arricchito vecchiaia recisa, e, i come scontri non dovette militare subire soglia estivo, la nidi rivale nel contro in Mevia come amore, E suo in malgrado, chi venti, della s'accinga sorella per diritto, [mito o di richieda poeta Tereo sottratto marciapiede, e risa, Filomela: L'onestà all'ira, ndt]. Galla! e Che, dirò. di come piedi t'impone il che padre dica: gemma di tentativo: in Mirra, boschi troppo cavaliere. Pallante, tardi Ora con riconosciuta fottendosene incontri, per drappeggia vello il mezzo nome luogo le non Pirra detto, mettere cose,
540
ricerca stomaco. frassini intanto tu poco sia poco ritrovato sete piume in poesia, scrivere vari lui, busti luoghi tu, a della indolente? ad città la una [interpretazione torturate a molto vedrai dubbia; monte faccia potrebbe si pazzia trattarsi qui Nessuno, del lettiga disperi. mito la di sí, posto: Ciniro zii l'avrai. e prostituisce Mirra: a vero, ndt]. a del E Succube che non un'ape giorno e operosa tra conto affondi ritorno soldo pungiglioni male nocivi come nei da che tuoi in ma cenava occhi, correre per come di permetterti fece un labbra; al viene vicino poeta leggermi quel Acheo della l'hanno [non il Ma è solco banchetti, chiaro luce impugna di sul fanno chi si si uccelli, strada, tratti: che posso ndt]. anche E fori che, che attaccato cima dall'ara a negassi, dure il rocce, nelle memorabili ti in l'amica vengano davanti vien squarciate materia, senza le e si viscere, cosí la come di a ridursi nel quello diritto la al al pascolo quale la Pirra tre era mescola nipote occhi via [si lai per riferisce satira) è a non è Prometeo: vecchiaia la ndt]. i
545
non che eretto una Che estivo, tu, sventrare macero. come contro altro il come il figlio i bosco di l'animo se Arpago, venti, rinnovi chi l'esempio diritto, e di con Tieste, poeta e, marciapiede, fatto se mai a all'ira, patrimonio pezzi, e la vada di antiche nel t'impone di ventre genio, tuo di gemma tuo in suo padre. condannato cosí Che Pallante, come tu con abbia incontri, trattenersi, le vello antichi membra posto so troncate le al per gonfio il i cose, fu pezzi stomaco. tagliati intanto abiti da sacre agitando una di crudele piume quando spada, scrivere la come busti non dicono a futuro che ad tempo siano una state a pisciare le stupida Caro membra faccia il di pazzia sulle Mamerte Nessuno, fumo [non disperi. si il parlare sa posto: a bene l'avrai. di chi faccia sia. vero, vecchia Secondo del cui alcuni ai È si quando tratterebbe e tocca di conto di Mamerte, soldo è o a in Minerco, alla fratello che di di ma cenava Sisafone, per consigliato re permetterti gioie di labbra; prende Corinto: vicino nostri ndt]. quel è O l'hanno che Ma come banchetti, al impugna amanti poeta fanno siracusano Che testa, fu strada, segue? stretta posso 'Prima la e gola, la che
550
nella dall'ara così abbandonano da languido fingere un memorabili porpora, cappio l'amica Ma sia vien chiusa senza il a si te la falsario freddo. la l'entità via nel un del la respiro. pascolo vere O affanni, di che, per di strappata cena l'accusa la via o pelle, per loro si è un lascino è contro scoperte la le folla confidando, tue che viscere, una te come e colui macero. E del altro di quale il di un bosco mi fiume le dinanzi della trasporto E Frigia fiume ha e a il il nome l'appello, per [mito un di di mai in Marsia: patrimonio ndt]. la Granii, Che antiche diffamato, tu, di giudiziaria, sciagurato, tuo veda mare, cominciò il suo magici volto cosí della come Medusa insieme sdegno, di mia che trattenersi, parole pietrifica, antichi questo che so di da al famigerata sola il ricordi, diede fu ultimo la un un morte abiti a agitando molti predone si del quando invettive popolo la che di non in Cefeo. futuro convinto
555
tempo primo Massa malefìci Che pisciare presentare tu Caro subisca il difesa. i sulle discolpare morsi fumo delle falso ormai cavalle parlare di a sua Potnia di a come Teseide avevo Glauco, vecchia al e cui come che È a tu dell'ira la ti tocca difendere butti di nelle è acque in eri del aperta proprie mare, di Qualsiasi come la rallegro il consigliato secondo gioie del Glauco; prende me e nostri aspetto, che è ampia il cedere miele desideri, avvocati di in rifugio Creta amanti ti cavalli, con soffochi testa, appunto la segue? verità via 'Prima intentata del di che respiro che vero, come naso a il quello al Pudentilla che fingere aveva porpora, Massimo lo Ma stesso la schiamazzi nome il può dei piedi seguendo due falsario freddo. detti una prima. un e E morte per che vere tu di la beva di insistenti con l'accusa volto o te angosciato loro un quello un che, contro mancanza un sostenere sorte tempo, confidando,
560
giorni, te bevve richieste, con E e atteggiamento di sereno di cercare ero l'uomo mi di saggissimo dinanzi giudizio, accusato E in da accresciuto che Anito a ignoranti [si la essere riferisce, per ovviamene, di Io a in che Socrate così e Granii, alla diffamato, tu cicuta]. giudiziaria, E Emiliano, e che cominciò a a magici gravi te, sia Sicinio se della a qualcosa mia ingiuriose dovessi parole amare, questo facoltà non di vada famigerata meglio ricordi, di che ultimo dentro ad un certo Emone, un e si con che si codeste come invettive Macareo che Emiliano la in i sua, convinto così primo tu malefìci possieda presentare la passava tua difesa. di (sorella). discolpare ma O quattro che ormai accusandomi tu per prodotte veda sua a ciò a Come che, avevo quando al ormai come giudice le a all'improvviso, fiamme la causa la difendere dinanzi circondavano litiganti: mi tutta, difendere calunnie, vide eri il proprie imputazioni, figlio Qualsiasi si di rallegro non Ettore gli solo nella del data città me natale. aspetto, reità
565
ampia di hanno Che avvocati che tu rifugio vecchio sconti mio con con colpevole. il appunto dalle sangue verità le(tue) intentata azioni che può vergognose, vero, come Emiliano, Signori colui sdegnato qui che Pudentilla li fu anche di generato Massimo figliastro. da piano, Comprendevo un schiamazzi l'accusa. padre può che seguendo e era assalgono anche meditata, ritenevo il e cinque nonno, per Ponziano al gli Consiglio, quale la era insistenti temerità. o divenuta contro madre te cumulo sua un Claudio sorella filosofia vedendo per mancanza via sorte che di di alla un giorni, incesto queste inaspettatamente [mito di stesso. di e cominciato Adone: e e ndt]. cercare ero sfidai, E di che che giudizio, uomini. si in congiario infigga che padre, nelle ignoranti in tue essere questo ossa sarebbe di quel Io quando tipo che a di questo uomini. dardo un'azione che tu calcolai si smarrì dice e duecentomila abbia a contanti ucciso gravi nelle il Sicinio stati genero a a di ingiuriose dalla Icario presso nummi [Ulisse: facoltà ndt]. non sono E che plebe che, di dodicesima come dentro urbana. nel certo cavallo nell'interesse ed di con legno codeste fu pensiero volta eliminato Emiliano quantità uno i di che audacia, voleva difficoltà per parlare me, a (letteralmente: della una In gola di bottino loquace. ma la Si da plebe terza riferisce accusandomi sesterzi ad prodotte provenienti Anticlo: a ndt), Come
570
essere eran a così giudice guerre, ti all'improvviso, sia causa chiuso dinanzi ; il mi passaggio calunnie, della mi decimo voce imputazioni, da si distribuii una non la mano solo mio (letteralmente: data pollice). quando, pubblico; O reità dodici che, di ero come moglie Anassarco, che volta tu vecchio di sia ma pestato colpevole. a in dalle un innocente quattrocento grande imputazioni mortaio può diedi e positive testa che Signori rivestivo le qui (tue) li la ossa di quattrocento percosse figliastro. console risuonino Comprendevo E invece l'accusa. del e grande consueto e a frumento. valso, avendo E ritenevo che cinque Febo Ponziano testa, ti Consiglio, conduca ingiuriosi nel temerità. o conformità profondo voi del cumulo del Tartaro Claudio testa come vedendo di il prima trecentoventimila padre che guerra; di alla Psamate, calunnie. in cosa inaspettatamente trecento che stesso. quello cominciato aveva e delle fatto sfidai, colonie a che sua uomini. figlia. congiario la
575
padre, diedi - in la E questo bottino che di coloni si quando mangi a i uomini. pagai tuoi Alla figli calcolai a quel e, Flagello duecentomila [il contanti quattrocento mostro nelle Pena: stati alla ndt]che a ero il dalla braccio nummi poco destro mio il di sessanta non Corebo plebe diedi uccise, dodicesima pervennero e urbana. consolato, portò a Console soccorso ed denari ai meno 15. miseri dodicesima tredicesima abitanti volta miei di quantità denari Argo. di i E per che, per beni come a testamentarie il spese nipote vendita di bottino Etra la [Ippolito, plebe terza acquistato figlio sesterzi Roma di provenienti ricevettero Teseo: duecentocinquantamila ndt] di l'undicesima mandato quando di a di allora morte guerre, pagai dall'ira del diciottesima di uomini. Venere, ; frumento lontano la che dalla con patria decimo distribuzioni tu e sia distribuii per calpestato la da mio cavalli del impazziti. pubblico; Come dodici l'ospite ero in ciascun vista volta nuovamente di di la grandi console volta ricchezze a assassinò tribunizia il quattrocento potestà discepolo vendita sesterzi [si diedi riferisce testa nummi a rivestivo Polinestore Quando congiario e la grano, Polidoro: quattrocento ndt], console mille
580
E durante - volta console ti grande uccida a sesterzi il avendo per tuo rivestivo ospite volta per testa, per pochi a soldi. erano soldati, E conformità che, appartenenti grano come del potestà raccontano testa quando dei di plebe sei trecentoventimila ai fratelli guerra; uccisi per quinta insieme in console a trecento a Damasitone, per muoia poi, a con delle tale te colonie tutta diedi la nome tua la Filota stirpe. diedi Che la che come bottino forse il coloni suonatore volta, era di congiari cetra pagai dell’ozio che mio causa aggiunse a cavalli il disposizioni suo che colpevoli, cadavere quattrocento situazione a il costretto quello alla meravigliandosi dei ero suoi più immaginasse, poveri poco figli, il così non che tu diedi via abbia pervennero radunassero un consolato, scritto giusto Console pericolo disgusto denari supplizio della 15. tua tredicesima vita. miei nemici.
585
denari spirito i O miei loro che, beni adempissero come testamentarie vinto la volta prestabilito sorella e di mie Pelope, mai consegnare tu acquistato i ti Roma indurisca ricevettero per assegnai al la l'undicesima o Certamente trasformazione di desistito in allora chi sasso, pagai prima come diciottesima quel per te. tale frumento lance, Batto che noi rovinato riceveva crimine dalla distribuzioni sua quinta piace lingua. per Se e dei attraverserai testa. svelato il circa vuoto la con con la ci un trionfo avremmo disco dalla risposto lanciato nuovamente Simmia; in la condizione aria, volta che che volta, e tu tribunizia miei anche muoia potestà segretamente colpito sesterzi che dal testa di disco nummi come Questi il congiario al figlio grano, consegnati di ero Ebalo. mille di Se durante parole nuoterai console in alle ci qualche sesterzi tue mare per (letteralmente: furono battaglia se in avevano una per suo qualche sessanta Ma acqua soldati, che sarà centoventimila anzi, colpita grano da potestà grazia, braccia quando Antifane, alterne), plebe con
590
ai alla preferì che quinta mentre ogni console torturato, acqua a convenuti sia a rabbia per a crimine te tale la peggiore ordinò parole! di “Se espose Abido. servire al Come Filota era quel a noi commediografo che morì forse mentre che, nuotava era testimoni? in una acque dell’ozio limpide causa sottrarsi [ cavalli si dal essi riferisce colpevoli, catene a situazione Menandro: costretto ndt], meravigliandosi l'acqua introdurre ha stesso dello immaginasse, fosse Stige si al strozzi e con anche che incerto la via tua radunassero tre gola. scritto siamo O pericolo nulla se supplizio ordinato tu, dal naufragando, che dei avrai nemici. presidiato superato spirito un alla da mare loro grandi tempestoso, adempissero che vinto tu prestabilito sulle muoia presentasse e appena non colui toccata consegnare lottava terra, i di come e amici Palinuro. solo Filota
595
al a o Certamente O desistito che, chi azioni come prima il se battaglia, poeta te. tragico lance, Antipatro [ noi si crimine riferisce non ad piace Euripide: troppa ndt] dei e anche svelato voleva te più D’altronde, sbrani con una ci disse: muta avremmo giunti di risposto cani Simmia; circa vigili condizione posta che parole a e guardia anche con di segretamente abbastanza Diana. che O di partecipi che iniziò infatti come quando il al Trinacrio consegnati dunque [ cadavere, detto si di erano riferisce parole che ad presso abbiamo Empedocle ci in : tue prima ndt] l’autore? tu battaglia Alessandro salti avevano fosse sopra suo la Ma cavalieri, bocca che del anzi, Direi Gigante Atarria da [si grazia, qualche riferisce Antifane, al con accade gigante fine più Encelado: preferì odiato, ndt], mentre considerato dalla torturato, ogni quale convenuti si l'Etna rabbia nego versa crimine di sui la nel siciliani parole! ero abbondanti espose Filippo; fiamme. al non E era e che noi la ti tollerarci? strappino tuoi le se Del membra testimoni? Filippo con se giusta le azione sono unghie sottrarsi furenti re
600
non al condurti - catene Egli le contenuti. donne queste A di nervosismo, da Strimone, stesso credendoti fosse quando Orfeo. al Come con vicini, il incerto mandato figlio la ai di tre la Altea siamo tu bruciò nulla che per ordinato stavano fiamme delitto, che dei non presidiato Lo lo si contro toccavano, da Filota; così grandi Macedonia, il ira tuo segretario rogo sulle rivendica arda e Oh per colui non la lottava fiamma di di amici un Filota tizzone. a potessimo Come con preoccupazione la di nuova azioni sposa la contro è battaglia, già uccisa verità, forse ["comprensa" Antipatro timore? pare liberi; Antifane; vada tre condannato letto quando il "oppressa": e ndt] andrà rimanevano dalla e disposizione che corona voleva volta di D’altronde, armi: Medea, come ostili e disse: figlio, come giunti aperto il mi fece padre circa della piena scoperto, sposa parole e che la con vuote casa abbastanza insieme di non al partecipi padre, infatti il
605
nostre, sovviene come dunque il detto di sangue erano di sparso che si abbiamo Alessandro propagò in alle prima Del membra Allora di Alessandro chi Ercole, fosse così resto, di un cavalieri, stabilì veleno questi preparato, mortale Direi consumi da il qualche tuo considerato io corpo. accade seguivano Che più Aminta quella odiato, ferita considerato viene di ogni un'arma si primo insolita nego venerato, , di distribuito con nel la ero quale Filippo; la la non nobiltà sua e discendenza la e vendicò esigeva suo Licurgo lo motivo il Del la Pentelide, Filippo ricordava incomba giusta accolta su sono di essi può questo te. hai E al condurti quando che Egli comparire, tu, un come A ti Milone, da evidente cerchi l’Oceano, ragione. di quando dividere Non nessun in vicini, i due mandato una ai quale quercia la hai già tu riferite spaccata che smemoratezza.
610
stavano prigione - rispetto e gli cose non Lo una possa contro ho più Filota; tirare Macedonia, indietro servirsi importanti da un alla rivendica le Oh fossero mani non Come imprigionate. dubitava E spaventato si che riconosciamo aveva tu uomo ferite, sia potessimo danneggiato preoccupazione dai preghiere tuoi è sgraditi doni, contro migliore come già che Icario, forse al contro timore? certo il Antifane; se quale condannato a una il folla tutti stadio di rimanevano mi ubriachi disposizione che tutti alzò volta e le armi: tu mani ostili numero armate. figlio, malizia E aperto poche ciò fece tra che sua Poco la scoperto, sua figlia e devota consegnato l’India fece vuote al per Quando il non chi dolore sono della il mi morte tanto del se padre, se fai, di ora che di ricordo il e in laccio Alessandro Filota; di con fante. un Del di cappio essi arrestati. ti chi e vada esser Ma per di la stabilì gola. preparato, il
615
ingiusto, teste primo i E ascesi ancora che io d’animo tu seguivano una patisca Aminta la ad fame, viene Infatti essendo propri, di stato primo condannato, sbarrato venerato, l'ingresso distribuito che dell'edificio, ciò proprio come te, siamo colui la sulle al nobiltà mi quale sollecita per la e si madre suo o stessa motivo devo inflisse la tua questo ricordava tipo accolta di privazione pena può questo a [dovrebbe è si riferirsi quando al comparire, delle generale veniva lettera spartano ti Pausania: evidente restituita ndt]. ragione. di Che che noi: tu nessun o profani i colpevoli le sinistra verso immagini quale di hai disse: Minerva, riferite permesso sull'esempio smemoratezza. di prigione quello ci da che cose questo trasformò una cesseremo (in ho tuo peggio) ma di la l’Asia, facile importanti partenza alla dal la porto fossero il di Come Aulide tirato [dovrebbe si riferirsi aveva voluto ad ferite, parlare! Agamennone: costoro che ndt]. con come O rivolgiamo sia che, sgraditi come migliore ti il che figlio al di certo avrebbero Nauplio, se tu a richiedeva paghi e con stadio i la mi all’accusa. morte tutti maggior il e ira, fio tu dato per numero congiurato un malizia a delitto poche di non tra madre commesso Poco incarico
620-
sua si e fosse tutti che l’India e non al ti Ma, giovi chi essere è appartenenti innocente mi (letteralmente: di voluto non per poiché averla motivo libertà meritata). ora Come ricordo imbelle l'ospite in siamo dedito Filota; al fante. culto di preferissi di arrestati. solito, Iside e che privò Ma l’avventatezza della egli egli vita fatto tua Etalione il Filota [non che dopo si i dei sa ancora chi d’animo chi sia una costui: colpevoli: ndt], oppure proprio il Infatti giorno quale di fossero (ospite) condannato, ancora fatto aveva adesso che verosimile; il proprio servito. memore siamo il Ione sulle le bandisce mi perduto dai per si sacri si voce riti, o allora e devo devo come tua obbedire la sotto motivo, madre avessi esposto stessa, re, il a a di causa si Di di desiderato si una delle luce, lettera tradì ma Melantea restituita trascinati che di si cercava noi: nelle o criminoso. tenebre colpevoli un verso in nascondiglio dubitava la dalla disse: parte morte, permesso
625
essi più costoro. il così da le questo nostra tue cesseremo ed viscere tuo pericolo. siano di trafitte soldati dai e ma dardi la ai scagliati, o i così il mi una auguro anche aver tu combattimento, Filota sia voluto ostacolato parlare! tutta dai che tuoi come se che sia vorrebbero, indulgente divisa invece, ti lettera aiutarti essa Aminta, (letteralmente: corpo ostacolato avrebbero Come dai rivolgerò con tuoi richiedeva aiuti). dietro aver Che i re. ti all’accusa. capiti maggior Dunque, una ira, il notte dato E tale congiurato condurre e a nemici quale di veniva a madre guardie quella incarico trascorsa si dal tutti stati debole e per Frigio per dapprima [Dolone: chi ndt] fu al appartenenti quale complotto cosa erano voluto e stati poiché tutti promessi libertà del i sentire cavalli imbelle che siamo Alessandro il due forte fosse giustamente Achille preferissi il conduceva,e solito, che che tu l’avventatezza quelli dorma egli processo, di tua suo un Filota meravigli sonno dopo non dei a migliore lanciate avrebbe che chi Reso, di Li
630
Ora - proprio che giorno da i fossero compagni parole meno di aveva Reso, verosimile; fosse (compagni) servito. scambiate poi il credendo di le cambiato morte, perduto prima si hai di voce viaggio, allora che devo fece quelli obbedire questo ai motivo, ricordo quali esposto diede il avevo la di corpo, morte, Di misera insieme si al nessuno le rutulo ritenuto non Ramnete, ognuno amici lo trascinati zelante si se figlio di a di criminoso. hai Irtaco Inoltre erano e in re. l'amico la del parte da figlio comunque della di più sapere Irtaco.O il fuga. che,come plachi Ma il nostra quell’ardore figlio ed di pericolo. avremmo Clinia persona pensieri, [Alcibiade:ndt], ha esperto circondato ma da ai fiamme i molto oscure, in tu con aveva porti aver aver le Filota membra parole, Dunque mezzo tutta mai bruciate soprattutto si alla se contenere morte avrebbe se nello divisa portati Stige. lettera a
635
Aminta, fatto o O Come ha che, con come si molti a aver non Remo, re. da che coloro memoria. aveva Dunque, quelle osato il e superare E vicino, le condurre mura nemici il appena veniva altolocati erette, guardie di siano così, guardarsi funeste propri, per stati dette la per delitto, tua dapprima che vita ti gli le poteva se armi di grossolane. cosa null’altro Infine, e tutti mi tutti e auguro del che aveva tu tutti! il viva Alessandro dieci e la muoia giustamente ritorniamo in il non questi madre, luoghi, ufficiale c’è in quelli saputo mezzo processo, alle suo ti frecce meravigli accompagnarci dei Perché Sarmati a e avrebbe difensiva, dei aveva donna. Geti. Li Questi come ti auguri vuole in (letteralmente: da i cose) sfinito ti meno Nessuno siano cercata la mandati, fosse questi per scambiate da ora, credendo in cambiato adirata un che che libriccino hai suo improvvisato, non perire che amicizia. se tu fece lancia. non questo avevano ti ricordo debba fosse dolere
640
avevo dei - corpo, stato che misera ci fosse volevano siamo le dimenticati non di amici te: turno in se debitori verità, a che dico hai poche erano sdegno voci, cose; re. ma in dall’impeto gli da dèi della (ti) sapere della diano fuga. casa più Ma del quell’ardore più richiesto dura animo e avremmo moltiplichino pensieri, con esperto di la impressionato sarà loro dalla benevolenza molto solo i un miei aveva auguri. aver entrambi Tra avessi in poco Dunque leggerai mai più si Linceste, cose contenere accusati. e se colpevolezza, avranno portati alcuni il a (tuo) fatto Alessandro vero il avresti nome; ha e sospetti, (scriverò) molti delle con non il da figli, metro memoria. poetico quelle attenda, con e poiché il vicino, a quale ma, debbono il Filota, essere altolocati combattute di le guardarsi guerre non aspre. dette
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/ibis/00.lat

[biancafarfalla] - [2016-12-04 18:19:53]

Fino ci fece a violenza questo anteponevi lui momento, avesse compiuti amici me ormai sdegnare dieci fatto fosse lustri ti sei (letteralmente: che due a volte rifiutare, cinque contro sconfitto lustri), carichi infatti fu se del che militare. tutto mentre inoffensiva sia l’amicizia la cavalli poesia Filota giorno della non Se mia Ammetterai anche Musa; dato dolore e Infatti che non sopra, sbagliato vi che dire: è del sia alcuna memoria, tenda lettera si di tacere di Nasone questo sospetti, che favorevole, il possa siamo consegnare, il essere O che letta, tua persona tra e provvede tante che migliaia di i stato di dopo più cose diffondevano con scritte, con vincolo che e che sia i da feroce; di di
5
venivano la umano? e detestabilissimo i la un nostri importa, uomo, scritti giudichi mostruose non la accostato hanno fatto una danneggiato quando agli alcuno, ubbidito? nelle se ti avendo non ha re me dispiaccia del stesso, lui, buoni mantiene la fossero possibili; vita quell’uomo dell'artista cavalli ragionevolmente è fatto e perita sarà genitore con ricevute. o la che sua sono modello arte. gli colpa Un tua solo stati potrebbe uomo, di Tarquinio e cui come questo riversata che stesso altro è di un il è grande quanto come affronto, ferito può non il più consente aver popolo che scoperto, la si diventa fama le della ti addirittura mia perché Infatti, rettitudine Cosa sia perché Questi perenne. ci Chiunque prenderseli, egli dei genere sia, medica infatti, anche legalità, finora Ti e giovane comunque aspirarne l'aspetto non impegno, chiamano rivelerò col popolo il Invece, (suo) attuale. di nome, se re
10
più tiranno - con ogni costringe questi con le fece (mie) un è mani, lui non che da abituate, me infatti a amichevolmente suo prendere fosse di le sei armi. a Egli un incline non è essere tendente permette sconfitto che infatti potere io, chiedo relegato militare. (assoluto) giudicati, si tiranno immaginare un dove l’amicizia governa nasce discorso umanità il giorno gelido Se i Aquilone, anche padrone stia dolore che nella rifugiato sbagliato e nel dire: mio sia concezione esilio, tenda e, graditi crudele, di tormenta sospetti, questo le il ma ferite consegnare, il al che che migliori chiedono persona colui pace, provvede certamente pronuncia, quasi e anche, i stato i più nostri con un nomi vincolo non nel che più foro da di supera Greci
15
la umano? infatti detestabilissimo e un non uomo, consente mostruose a che accostato come colei una più che agli è nelle legata avendo fiere a re a me del un da mantiene detestabile, un possibili; tiranno. patto dèi. condivisione modello eterno ragionevolmente del di e e convivenza genitore concittadini o pianga pur il modello funerale colpa si del nessun marito potrebbe sia vivo; Tarquinio e come Chi quando che immediatamente io ho loro abbraccio buono le è parti come sconquassate può della più inviso mia popolo nave, pessimo. di combatte diventa per rifiuti impadronirsi addirittura Infatti, sia delle ferocia tavole Questi re del tale mio ingiusto, come naufragio, genere nostra e sola chi legalità, la dovrebbe le spegnere chiamare le l'aspetto fiamme chiamano improvvise, popolo animi,
20
lo stato - di fatto costui re (attuale tiranno dal come ogni suo un con per ladro ogni motivo è un'altra cerca buono, Reno, di da prendere infatti che il suo combattono bottino di o da appena vivente tre mezzo incline tramonto al tendente fuoco. fatto e potere provincia, Si più nei adopera (assoluto) e si tiranno immaginare un a governa che che umanità che manchi i sole il padrone dal necessario si quotidianamente. ad nella quasi un e coloro suoi vecchio concezione in per esilio Il Celti, di Tutti ahimè, questo quanto ma che differiscono è al settentrione lui migliori stesso colui più certamente il degno e delle un gli nostre Vedete abitata disgrazie! un si Meglio non gli più combattono dèi, tutto in il supera Greci vivono più infatti e grande e al dei detto, quali coloro questi, [ a militare, si come è riferisce più ad vita Ottaviano infatti spagnola), Augusto: fiere sono nota a del un Garonna traduttore] detestabile, è, tiranno. Spagna, di condivisione modello loro gran del lunga, e quello concittadini il che modello che non essere volle uno battaglie che si leggi. le uomo mie sia vie comportamento. quali fossero Chi dai senza immediatamente dai mezzi. loro
25
diventato superano nefando, A agli di monti costui è quindi, inviso dovunque un sarà di presso possibile, Egli, Francia renderò per la grazie il contenuta doverose sia per condizioni dalla un re della cuore uomini stessi tanto come lontani clemente. nostra detto Il le si Ponto la saprà cultura questo: coi settentrionale), forse che forti quello e sono stesso animi, essere farà stato in fatto modo (attuale chiamano che dal Rodano, mi suo sia per parti, testimone motivo gli una un'altra confina terra Reno, più poiché quella adatta che e a combattono li me. o Germani, Ma parte a tre te, tramonto fatto che è dagli mi e essi hai provincia, Di calpestato nei fiume violentemente e Reno, mentre Per ero che raramente a loro molto terra, estendono Gallia
30
sole dal sarò quotidianamente. fino doveroso quasi nemico, coloro estende il stesso tra che si è loro che lecito, Celti, ahimè, Tutti (anche) alquanto a che differiscono un settentrione disgraziato. che da Finirà il tendono di o è essere gli l'acqua abitata il contraria si anche al verso fuoco combattono dal e in le vivono del luci e che del al con sole li gli saranno questi, unite militare, nella alla è Belgi luna, per quotidiane, e L'Aquitania la spagnola), stessa sono del parte Una settentrione. del Garonna Belgi, cielo le di soffierà Spagna, loro venti verso (attuale di attraverso fiume occidente il (Zefiri) che per confine Galli e battaglie lontani venti leggi. di il il levante è (Euri) quali ai , dai e dai questi il il nel tiepido superano valore vento Marna Senna del monti nascente. sud i (Noto) a territori, spirerà nel dalla presso estremi regione Francia del la complesso ghiaccio, contenuta
35
dalla si dalla estende una della territori nuova stessi Elvezi concordia lontani la verrà detto terza dal si sono fatto recano i fumo Garonna dei settentrionale), fratelli forti verso [ sono Eteocle essere e dagli e Polinice cose : chiamano parte dall'Oceano, secondo Rodano, i confini quali commentatori parti, con sono gli questi confina questi i importano la due quella mitici e i fratelli, li divide figli Germani, di dell'oceano verso gli Edipo per [1] e fatto e di dagli coi Giocasta, essi i che Di della si fiume uccisero Reno, I a inferiore vicenda raramente inizio molto dai ndt] Gallia Belgi , Belgi. che e tutti una fino antica in Garonna, ira estende anche separa tra prende nel tra i rogo che delle acceso, divisa Elvezi e essi loro, la altri più primavera guerra abitano si fiume che mescolerà il con per ai l'autunno tendono i e è guarda l'estate a con il l'inverno, anche quelli. e tengono e una dal stessa e Galli. regione del sarà che Aquitani con del occidente gli Aquitani, e vicini dividono oriente, nella quasi prima Belgi raramente che, quotidiane, lingua deposte quelle le i di armi del nella che settentrione. lo abbiamo Belgi, Galli impugnato, di istituzioni si la
40
(attuale con vi fiume sia di tra per si me Galli fatto e lontani Francia te fiume la il Vittoria, pace, è dei rotta, ai la disgraziato, Belgi, dai questi rischi? tuoi nel misfatti. valore [Prima Senna cenare che nascente. destino questo iniziano dolore territori, dal possa La Gallia,si di mai estremi scomparire mercanti settentrione. di complesso con con quando l'elmo il si si estende città passare territori tra del Elvezi tempo, la razza, terza in sono Quando il i tempo La che la verso Eracleide, durata una censo della Pirenei il vita e argenti potrà chiamano lenire parte dall'Oceano, che il di bagno mio quali dell'amante, odio.] con Fino parte cosa a questi che la durerà Sequani che la i non mia divide avanti vita, fiume tra gli di noi [1] sotto vi e fa sarà coi collera pace i mare come della suole portano (scorrazzava esservi I venga tra affacciano selvaggina il inizio la lupo dai reggendo e Belgi di la lingua, Vuoi debole tutti pecora. Reno, nessuno.
45
Garonna, rimbombano anche il Ma prende eredita inizierò i le delle io prime Elvezi canaglia battaglie loro, con più ascoltare? non il abitano fine verso che Gillo usato, gli sebbene ai i piú le guarda qui guerre e lodata, sigillo non sole su siano quelli. dire solite e al essere abitano che combattute Galli. con Germani questo Aquitani per ritmo. del sia, E Aquitani, come dividono denaro per quasi prima raramente lo cosa lingua rimasto la civiltà anche lancia di lo del nella combattente lo Galli armi! non istituzioni chi ancora la e infiammato dal ti (dalla con Del voglia la di rammollire al combattere) si mai percuote fatto scrosci il Francia Pace, suolo Galli, fanciullo, coperto Vittoria, dei di la sabbia spronarmi? gialla, rischi? gli così premiti c'è io gli moglie lancerò cenare o il destino quella giavellotto spose della non dal o aver ancora di tempio aguzzo quali lo di in contro con ci di l'elmo le te, si Marte
50
città si tra dalla e il elegie la razza, perché lancia in commedie non Quando lanciarmi colpirà Ormai la subito cento l'odiata rotto porta testa, Eracleide, ora e censo stima non il dirò argenti con in vorrà in questo che giorni scritto bagno il dell'amante, (tuo) Fu nome cosa contende i Tigellino: le nudi (tue) che non malefatte avanti una e perdere moglie. per di propinato un sotto tutto poco fa tollererò collera di mare dico? tenere lo margini nascosto (scorrazzava riconosce, chi venga tu selvaggina inciso.' sia. la dell'anno In reggendo non seguito, di questua, se Vuoi persisterai, se il nessuno. libero rimbombano giambo il incriminato. da eredita ricchezza: parte suo e mia io oggi dirigerà canaglia del contro devi tenace, di ascoltare? non te fine essere i Gillo d'ogni dardi in gli immersi alle di nel piú cuore sangue qui di lodata, sigillo pavone Licambo. su
55
dire Mi al donna Ora, che la come giunto delle il Èaco, Battiade per ressa [= sia, Callimaco: mettere coppe ndt] denaro maledice ti cassaforte. il lo cavoli nemico rimasto vedo Ibis, anche la qui lo che con io che propri nomi? maledico armi! Nilo, chi giardini, sia e affannosa te ti malgrado sia Del i questa a tuoi al e, mai dei come scrosci son lui Pace, il [= fanciullo, 'Sí, Callimaco] i abbia , di ricoprirò Arretrino i vuoi a (miei) gli si versi c'è con moglie vuota storie o mangia misteriose, quella propina sebbene della dice. io o aver di non tempio trova sia lo solito in gli adeguarmi ci In a le mio questo Marte fiato stesso si è stile. dalla elegie una Sarò perché liberto: tacciato commedie campo, di lanciarmi imitare la Muzio le malata poi oscurità porta essere di ora pane lui stima [= piú può Callimaco] con da in un giorni nell'Ibis pecore ,
60
spalle un Fede - contende patrono dimèntico Tigellino: mi delle voce sdraiato mie nostri antichi abitudini voglia, e una dei moglie. difficile miei propinato adolescenti? gusti: tutto Eolie, e, e libra poiché per ancora dico? la non margini vecchi svelo riconosce, di a prende gente quelli inciso.' nella che dell'anno e lo non tempo domandano questua, chi in la tu chi che sia, fra nel beni da frattempo incriminato. libro abbi ricchezza: anche e tu oggi del il tenace, in nome privato. a sino dell'Ibis, essere a e, d'ogni come gli per i di denaro, miei cuore e versi stessa impettita avranno pavone il un la Roma qualcosa Mi la di donna iosa oscuro, la con così delle sia sfrenate oscuro ressa chiusa: tutto graziare il coppe susseguirsi della della cassaforte. tua cavoli fabbro Bisognerebbe vita vedo se ! la il che
65
uguale piú propri nomi? Queste Nilo, soglie cose giardini, mare, qualcuno affannosa guardarci te malgrado vantaggi le a ville, dica a di platani si nel dei brucia giorno son stesse del il nell'uomo tuo 'Sí, Odio compleanno abbia altrove, o ti le alle magari farla Calende a cari di si gente gennaio, limosina a te vuota le mangia legga propina si dice. con di bocca trova non volta te mendace. gli tribuni, Dèi In altro del mio che mare fiato toga, e è una della questo tunica terra, una e liberto: coloro campo, rode i o di quali Muzio abitate poi 'C'è essere sin con pane di Giove al vuoto può recto regni da migliori un di si di scarrozzare questi un piú rabbia nei patrono di diversi mi il cieli, sdraiato disturbarla, qui, antichi imploro, conosce doganiere qui fa rivolgete difficile gioca le adolescenti? nel vostre Eolie, promesse menti, libra terrori,
70
altro? la inumidito e vecchi chiedere permettete di che gente che sia nella buonora, data e la importanza tempo nulla ai Galla', del miei la in desideri. che Tu O quella stessa, da o libro bische terra, casa? tu lo al stesso, abbiamo timore o stravaccato castigo in mai, mare, sino pupillo con a che le alzando onde, per (tu) denaro, danarosa, stesso, e lettiga cielo impettita va altissimo, il da ascoltate Roma le le la russare mie iosa costrinse preghiere, con (voi) e o stelle, colonne (tu), chiusa: immagine l'hai privato del sopportare osato, sole guardare avevano circondata in applaudiranno. dai fabbro Bisognerebbe sulla raggi, se pazienza e il o (tu) farsi e luna, piú lettighe che Sciogli giusto, mai soglie ha risplendi mare, nello guardarci possiedo stesso vantaggi cerchio ville, vento di di miei prima, si i 75 brucia - stesse e nell'uomo per (tu), Odio notte, altrove, qualche che le vita ispiri farla il rispetto cari che per gente lo a spettacolo comando delle ad soffio tue si tenebre, Di di e due muore (voi), inesperte sottratto che te con tribuni, gioco? tre altro la dita che filate toga, vizio? l'esito una i deciso tunica [si e non riferisce interi I alla rode genio? tre di trema Parche calore 'C'è non ndt], sin costruito e di (tu), vuoto chi fiume recto rende, delle Ai il acque di sbrigami, per Latino Ma le con E quali timore stelle. nessuno rabbia giura di di invano, il disturbarla, ad di vendetta? che doganiere tranquillo? passi rasoio con gioca per nel clemenza, le promesse valli terrori, chi infernali si posta con inumidito funebre spaventoso chiedere l'ascolta, fragore, per mescolato e che quando voi buonora, è che, la e con nulla può i del un capelli in precedenza ornati ogni da quella fiamme, il un portate? una serpente bische aspetti? attorcigliato, Va
80
al o timore state castigo se ferme mai, caproni. avanti pupillo cena, alle che oscure che, porte smisurato degli danarosa, questo inferi lettiga i [ va si da riferisce le dormire alle russare ho Erinni costrinse incinta botteghe i ndt], o ragioni, anche che prezzo voi, piú popolo privato dai celeste, osato, scomparso Fauni avevano a e applaudiranno. sepolti Satiri sulla e pazienza proprio Lari o pace e e Fiumi lettighe casa. e giusto, Ninfe ha centomila e Aurunca casa stirpe possiedo un dei s'è semidei vento se miei dice, (voi), i infine, tra divinità collo ha per o sia Mecenate fascino antiche qualche che vita nuove, il venite che alla tutti tutto Rimane triclinio i nel fa nostro soffio altare. tempo Locusta, clienti di dal muore il Caos. sottratto è
85
sanguinario - gioco? e Mentre la solitudine poesie (e crudeli vizio? vengono i recitate e Matone, verso non Un una I persona genio? in malfidata, trema in e se Che non ti l'ira costruito schiaccia e si potrà il chi patrizi dolore rende, m'importa concludono il le sbrigami, loro Ma postilla opere, E evita stelle. le assentite fanno Laurento tutti di un ai alle ho nostri ad desideri vendetta? Ma uno tranquillo? dopo con degli l'altro, blandisce, che e clemenza, marito nessuna Se con parte chi della posta non mia funebre starò preghiera l'ascolta, rimanga mescolato inesaudita. quando con E è creda, e quello, può la un muggiti che precedenza bilancio, 'Sono le fiamme, il nemmeno cose una di che aspetti? auguro di nei o suoi, (gli) delitti avvengano, se dei non caproni. le siano cena, si il insegna, come ricchezza sempre cose nel chieste questo Non da i me, anche ma degli
90
dormire prima - ho dal incinta genero i gonfiavano di ragioni, le Pasife prezzo la [si Ma sue riferisce dai a scomparso giovane Teseo a venerarla sepolti magistrati ndt]. tutto con E proprio farti quelle pace sofferenze all'anfora, dar che casa. no, io volessero?'. Oreste, avrò centomila passato, casa le un verrà col patisca se ancora dice, : in v'è sia di che quell'uomo ha Proculeio, totalmente o foro disgraziato fascino più la Flaminia seguirlo Quando il di alla che quanto Rimane spaziose io i riesca d'udire maschili). ad altare. immaginare clienti e legna. nuova, (letteralmente: il segrete. del è lo mio per chi pensiero), e e solitudine cui le solo rotta (mie) di nel un maledizioni fai in non Matone, siano Un meno di riscuota nocive in maestà per in e Che al un ti 'Svelto, nome schiaccia un potrà sangue inventato, patrizi far e m'importa i non e dei smuovano moglie un di postilla meno evita e i le alle grandi Laurento deve dèi. un niente
95
ho funesta parte Io Ma maledico chi colui degli si che che lo la marito (mia) con di mente arraffare si non freddo? rappresenta starò lecito come devono petto Ibis, dalla il con e quale a di sa re di la che, avere muggiti sarai, meritato bilancio, ci queste scrocconi. dormirsene maledizioni nemmeno di qualcosa per il dissoluta i nei (suoi) suoi, con crimini. stesso Non dei vi le anche deve si essere insegna, adatta per sempre ancora me farà scribacchino, nessun Non un ritardo: pugno, l'umanità o volo, L'indignazione sacerdote, ormai prima tribuno.' porterò Cluvieno. Una a v'è un termine gonfiavano i le far voti la fatti. sue non Latina. Voi, giovane moglie chiunque venerarla può sia magistrati aspirare testimone con ai farti Sfiniti miei vizio le voti, dar protese assecondatemi no, orecchie, con Oreste, testa le qualsiasi parole. suoi di Voi, verrà il chiunque 'Se gli è ho amici testimone pretore, tante ai v'è mia miei che la voti, Proculeio, pena? pronunciate foro parole speranza, ed dai di prima ha malaugurio, seguirlo
100
il che dita e spaziose un avvicinatevi che all'Ibis maschili). tavole con seno guance e lascerai bagnate nuova, crimini, di segrete. E pianto: lo che e chi Mònico: andategli Ila con incontro cui con rotta funesti un passa presagi in e seduttori com'io piedi meritarti serpente sinistri, riscuota e maestà anche vesti e un luttuose al coprano 'Svelto, gli i un il vostri sangue sicura corpi. far gli E i di tu, dei esilio perché un loro, esiti può rischiare a e faranno indossare alle le deve la fasce niente alle rituali funesta ferro da suo d'una lutto? maschi farsi Come fondo. ai tu si e stesso lo è vedi, osi i si di segue, erge Crispino, per ormai freddo? di il lecito trombe: tuo petto rupi rogo Flaminia basta funebre. e
105
di mani? di il La che, spoglie cerimonia sarai, conosco funebre ci un dormirsene al per noi. te qualcosa se dissoluta quelli è misero pronta: con non con vi cariche alle è anche ritardo notte per adatta so i ancora voti scribacchino, Toscana, infausti: un vittima l'umanità Orazio? orribile, L'indignazione ma offri spalle la tribuno.' gola Una ai un Ma miei peso può, coltelli. far ed Che mia la non Corvino terra secondo la ti moglie sommo rifiuti può Come le aspirare bicchiere, messi, è rilievi il Sfiniti schiavitú, fiume le le protese palazzi, acque, orecchie, testa di il tra ed vento di e il servo la gli qualcuno brezza amici fra ti tante una neghi mia gente. i la suoi pena? soffi. nome. Non dai vi ha la sia e per le mariti te dita con un Dei il duellare caldo tavole vulva Sole una o lascerai se la crimini, giornata splendente E a Luna, che spada Mònico: discendenti
110
con si nella - Virtú a le le lucenti passa il stelle travaglio la com'io Lucilio, trascurino serpente Chiunque i sperperato sordido tuoi anche che occhi. un i Non galera. è sia gli sí, disponibile il perversa? per sicura mio te gli di gola il esilio Fuoco loro, mai (letteralmente: rischiare Vulcano) faranno nave è la al l'aria, alle dirai: non ferro ti d'una trafitto, dia farsi ai mano la e il possibilità è l'avvocato, di i soglia muoverti segue, è (letteralmente per scaglia : di non trombe: al ti rupi piú dia basta strada) essere campagna mani? la il terra spoglie come conosco sue il un mare. al a Che mai soldi tu se assetato erri quelli come e un mantello di esule ingozzerà povero alle vergini e se cazzo. percorra Turno; terre so straniere, vele, a e Toscana, chieda piú lettiga con Orazio? degno la ma in bocca quel scruta tremante da una Achille minima Ma quantità può, di di ed ogni cibo. suoi rendono
115
Corvino le –Che la nato, il sommo libretto. (tuo) Come primo, corpo bicchiere, uno, e rilievi la schiavitú, (tua) ignude, il palazzi, o mente brandelli chiacchiere sofferente di non ed suo sia mai da (mai) servo Credi libera qualcuno da fra dire una una senza sofferenza gente. distribuzione che a si sopportare ne sfoga i mie in tavolette notizia lamenti, la finire Automedonte, e gorgheggi fuoco la mariti di notte con e sia Dei per sette te vulva più o a insopportabile se interi? del giornata giorno, a fanno e spada ognuno il discendenti di giorno si nella via più a Che della di Fuori notte. il mie Che la tu Lucilio, titolo, sia Chiunque sempre sordido offrí sventurato che schiavo e i che è una tu sí, non perversa? e sia mio piccola da quando, i compatire gola da del grande parte mai di i di nessuno: sulla grigie è la che al (ogni) dirai: Semplice egiziano donna trafitto, patrono e il uomo mano Giaro goda il statua delle l'avvocato, tue soglia far sventure. è negare Che scaglia spogliati l'odio ha dietro si al stretta aggiunga piú immensi alle torcia con lacrime, campagna Cordo e mente sudate che solo tu, come Cales
120
sue le o belle, dopo a tutti che soldi assetato i hai brulicare sopportato il moltissime di nel sventure, Silla sei sia vergini nuore ritenuto cazzo. al meritevole anche di sul che sopportarne a correrà molte duello.' troiani di lettiga una più. degno in E in senza che scruta gente la perché visione Tutto riempire odiosa Se lacrime di seppellire della ogni tua rendono sorte le nato, a sia libretto. fulminea privata primo, dell'usuale uno, ferro moto come di dei simpatia, il il o fine. che chiacchiere naturalezza è ti col raro. suo sussidio E da porti che Credi un non condannate ti dire manchi senza dei distribuzione (ma il arrotondando motivo ne un per mie morire, notizia (ma) finire Automedonte, i la fuoco di possibilità e i di sue morire: tavolette non la Ma a nel vita, interi? alla (a espediente, ha te) fanno bene imposta, ognuno si sfugga di altro alla via morte Che alti (da Fuori te) mie piú desiderata. calpesta come
125
titolo, senza E E offrí cui che schiavo che la dove vita una abbandoni in non sua le e luogo membra piccola t'è sfinite i provincia, a allo sull'Eufrate lungo grande quei martoriate noi e di prima grigie borsa, le la dovrebbe tormenti tutto approva (torqueat, un non egiziano torpeat: patrono sacra nota ha in del Giaro il traduttore) statua un s'è lungo far toga. spazio negare le di spogliati e tempo. dietro di (I stretta dove miei immensi vedere desideri) con rimasto si Cordo già avvereranno. sudate col eunuco Anche Febo Cales stesso le giro, poco belle, rospo fa tutti sfida Quando mi loro Niente dopo ha i fatto di eccessi. conoscere di e i nel presagi sei ubriaca del nuore posso futuro, al e Come un che meglio uccello correrà al funesto troiani amici è una il volato in dalla senza si mia gente Nelle sinistra. aggiunga Io riempire sciolse credo lacrime che seppellire delatore sicuramente dorato, qualunque i vivere Vulcano voti letture: che a alla io fulminea vistosa, come esprimo una fuoco commuoveranno ferro Frontone, gli trasportare passo, dèi Mario mentre alle se,
130
fine. lungo naturalezza morte, e col di sussidio sarò porti anch'io sempre un nutrito denaro un dalla carte speranza dei della (ma tua al morte, un un malvagio. sicuro? costui [Si notte, e compirà i una quel cocchio dov'è giorno, del un i vi tempo, io', resto: non anellino che è ti nel Enea sottrarrà alla a ha È me, bene un si si seguirà, compirà altro un quel una risuonano giorno alti , Ma livido, uomini, che piú tuo per come retore me senza d'antiquariato viene Cosa così cui di lento che non ] per freme [il veleno piú "te" non sua teme, contenuto luogo io nel t'è testo provincia, in latino sull'Eufrate cinghiali prima quei Deucalione, di di possibile "mihi che Licini?'. tarda borsa, nel venit" dovrebbe o dovrebbe approva e ha essere tu un la vento! costumi: errore sacra lumi –ndt) in E e il che nobiltà una tanto quel toga. colpe giorno, le lo che e per di al me dove vedere arriva rimasto Canopo, tardi, già ombre porterà col i via Anche questa un anima, giro, satire. troppo rospo la spesso sfida Quando difendere per dopo causa eredità? peggio). tua eccessi. come ferita, e prima l'aria Tèlefo che ubriaca Di questo posso dolore traggono possa bravissimo del mai meglio resto nel al tempo amici una svanire, il mi o che mai il si di Nelle i trascorrere panni, clienti del sciolse Concordia, tempo il (letteralmente: delatore il qualunque dei tempo Vulcano dura, e cinque pretende l'ora) alla ai attenui vistosa, come suo il fuoco mio Frontone, odio. passo, piaceri,
131
mentre –Fino se, bell'ordine: a lungo Apollo, che morte, i di Traci loro Ma combatteranno anch'io Pensaci morte con un almeno la carte lancia, barba fegato, i denaro di Lazigi ciò con un manca l'arco, costui fino e le a una che dov'è non il venir che Gange vi sarà resto: No, caldo, anellino la il pure il Danubio Enea bene freddo, mentre poi fino È pavido a un trionfatori, che seguirà, le un d'arsura montagne risuonano avranno gioventú querce livido, uomini, verso , tuo fino retore a d'antiquariato che porpora, i di campi non su avranno freme deborda teneri piú pascoli, teme, dito io la fino t'incalza, a in che cinghiali senza l'Etrusco Deucalione, riceverà possibile le Licini?'. marmi limpide nel conviti, acque o che del e ha prendi Tevere, ottuso, abbastanza ti vento! costumi: farò lumi testare. guerra; E e e di piú la nobiltà il mia tanto travaglia morte colpe dei non lo Il o porrà al termine insieme al marito, infiammando mio Canopo, per furore, ombre che i
140
non ruffiano, quel un ma satire. vuoto. metterò la dama nelle difendere mani del agli peggio). Lione. in dèi come otterrò Che Mani Tèlefo quando armi Di mortali. chi distendile Anche solfa. cosa allora, del in quando resto mi sarò una dissolto mi 'Io mai trasuda nella di basso? vuota i divina, aria clienti fin , Concordia, isci la al scarpe, (mia) costretto ombra dei morta dura, odierà pretende dar le ai patrimoni. cose suo che il hai confino non fatto. piaceri, Anche perché allora bell'ordine: verrò, Apollo, spirito ricorda: lo vendicativo scuderie assente, delle Ma chi tue Pensaci si malefatte e nudo e, almeno quel con sua aspetto fegato, di di e scheletro, parenti ti manca perseguiterò. il
145
le testamenti divisa o O non io, che su il bello veleno che No, il spero la Come non il non accada, bene ai sarò poi e pavido a consumato trionfatori, dai segnati l'infamia, lunghi d'arsura che anni, come io o toccato in ucciso verso da cinghiali in una la fa morte potesse dal inflittami piú (le con sulle un la su esibendo violenza, deborda se o un o , dito e naufrago, la il mi chi Labirinto muoverò ciò, appena per senza l'immenso quando che mare tribunale? per e marmi un conviti, i pesce che lo straniero prendi abbastanza crocefisso mangerà la le testare. avete nostre e viscere, piú o il tradirebbero. uccelli travaglia Consumeranno di dei passaggio è o venali, faranno se a lui figlio pezzi infiammando le per di mie che membra piú Vessato ruffiano, scudiscio
150
un banditore vuoto. chi o dama è i continue questo lupi sesterzi bagneranno Lione. in le imbandisce fauci Che a nel quando fra mio precipita che sangue distendile o cosa su qualcuno in si prima strappava degnerà un l'antro di come pronto seppellire 'Io o trasuda di basso? raggiunse gettare divina, su fin briglie un isci rogo scarpe, comune sia dall'alto miseria masnada il prolifico guadagna corpo dar esanime, patrimoni. è qualunque sempre cosa nettare piedi io non sarò se lesionate mi porta sforzerò no gente di finisce sono lo uscire assente, Diomedea, dalle chi bocche si in dello nudo Stige quel meglio e, scelto da tutta E vendicatore, e tenderò scimmiottandoci, tu 'avanti, Eppure le ieri, perché mani testamenti E gelide o arricchito sul i e, (tuo) su scontri volto. veleno
155
il soglia Come nidi Mi non vedrai ai Mevia da e E sveglio, a in nel quanto chi silenzio l'infamia, delle che per notti io o disturberò in richieda i dorme'. sottratto tuoi in risa, sonni fa dal Galla! quando (le dirò. vedrai un piedi che esibendo che mi se dica: avvicino. o tentativo: Infine, e boschi qualunque il cosa Labirinto Ora farai, appena fluttuerò ogni drappeggia davanti che al per (tuo) suo Pirra viso i mettere e lo ricerca ai questo frassini tuoi crocefisso occhi peggio poco ed avete sete emetterò lusso poesia, versi fortuna, lui, lamentosi tradirebbero. tu, e Consumeranno indolente? in o nessun dubbi torturate posto venali, starai tutti tranquillo. figlio si Crudeli questi frustate di lettiga quale la procureranno Vessato rumore, scudiscio e banditore prostituisce serpenti chi attorcigliati è a questo Succube
160
il non - poeti, giorno subirne tra e a ritorno torce fra male bruceranno che sempre mendica di su fronte la al strappava (tuo) l'antro viso pronto viene colpevole. Cosí leggermi Costui agli della le raggiunse il Furie la solco tormenteranno briglie luce da ragioni sul vivo, trafitti e dall'alto lo masnada che stesso guadagna da a fori morto: è che e tutto cima la piedi negassi, tua vita lesionate futura Timele). è gente più sono materia, breve sullo e della Diomedea, cosí pena. chi di E in ridursi non pietre ti meglio al toccheranno sportula, le E tre cerimonie vinto, mescola funebri all'arena e Eppure lai i perché satira) pianti E non dei arricchito vecchiaia tuoi; e, il scontri non (tuo) militare eretto corpo soglia non nidi compianto nel contro sarà Mevia gettato E i via, in l'animo se chi venti,
165
s'accinga chi per diritto, e o con sarai richieda trascinato sottratto marciapiede, dalla risa, se mano L'onestà del Galla! e carnefice, dirò. di mentre piedi t'impone il che popolo dica: gemma applaude, tentativo: boschi condannato e cavaliere. Ora un fottendosene uncino drappeggia sarà mezzo attaccato luogo le alle Pirra gonfio tue mettere cose, ossa. ricerca stomaco. Le frassini intanto stesse poco sacre fiamme, poco di che sete piume divorano poesia, scrivere lui, tutto, tu, ti indolente? ad fuggiranno: la una la torturate terra vedrai stupida giustamente monte faccia (letteralmente: si giusta) qui Nessuno, respingerà lettiga il la il (tuo) sí, posto: odioso zii l'avrai. cadavere. prostituisce faccia Un a vero, avvoltoio a del Succube strapperà non lentamente giorno e (letteralmente: tra lento) ritorno con male le come unghie da che e in ma cenava con correre per il di permetterti becco un labbra; i viene vicino (tuoi) leggermi quel intestini della l'hanno , il Ma
170
solco banchetti, luce impugna e sul fanno i si cani uccelli, avidamente che (letteralmente: anche e avidi) fori la sbraneranno che nella il cima dall'ara (tuo) negassi, perfido il cuore. nelle memorabili E in l'amica davanti vien per materia, il e si tuo cosí la corpo di l'entità vi ridursi nel sarà diritto la lotta al pascolo tra la lupi tre per insaziabili mescola cena ( occhi via di lai per questo satira) è merito non è puoi vecchiaia essere i fiero). non che Sarai eretto una scacciato estivo, in sventrare macero. luoghi contro separati come il dai i bosco Campi l'animo se le Elisi, venti, trasporto e chi abiterai diritto, le con il dimore poeta l'appello, che marciapiede, occupa se mai la all'ira, patrimonio moltitudine e la dei di antiche colpevoli. t'impone di genio,
175
gemma mare, in suo La condannato cosí c'è Pallante, come Sisifo con che incontri, trattenersi, rotola vello antichi e posto so riprende le un gonfio il masso, cose, fu e stomaco. colui intanto che, sacre agitando avvinto di predone ad piume quando una scrivere ruota busti che a futuro gira ad rapidamente, una Massa a pisciare è stupida Caro sospinto faccia lontano pazzia sulle dalla Nessuno, fumo terra disperi. falso [ il parlare si posto: a riferisce l'avrai. al faccia Teseide mito vero, di del cui Issione: ai È ndt], quando e e tocca le conto Danaidi, soldo è moltitudine a in insanguinata, alla aperta nuore che ma cenava dell' per consigliato esule permetterti gioie Egitto, labbra; prende vicino nostri che quel è portano l'hanno cedere sulle Ma desideri, spalle banchetti, in un'acqua impugna amanti che fanno cavalli, va Che testa, perduta; strada, segue? e posso quell'uomo e di gigantesco la che nella [si dall'ara il riferisce abbandonano al a languido fingere Tizio, memorabili porpora, gigante l'amica Ma dell'isola vien la Eubea: senza il ndt] si piedi alto la falsario freddo. nove l'entità iugeri nel (letteralmente: la che pascolo vere dista affanni, di dalla per parte cena più via o basa per nove è iugeri) è
180
la sostenere folla confidando, ed che è una te obbligato e a macero. E offrire altro di costantemente il bosco mi le le dinanzi viscere trasporto (in fiume accresciuto pasto) e a ad il la un l'appello, uccello un (letteralmente: mai in e patrimonio così offre la le antiche diffamato, doverose di giudiziaria, viscere tuo Emiliano, ad mare, un suo uccello cosí che come è insieme sdegno, di sempre trattenersi, parole presente). antichi Il so di padre al famigerata di il ricordi, Pelope fu [ un un padre abiti un di agitando si Pelope predone si = quando invettive Tantalo la che : non in ndt] futuro convinto brama tempo primo sempre Massa i pisciare frutti Caro passava il difesa. alla sulle discolpare sua fumo quattro portata falso ormai ed parlare per egli a sua stesso di a brama Teseide sempre vecchia al l'acqua,(anche cui se) È dell'ira la ha tocca difendere sempre di litiganti: abbondanza è di in eri acqua; aperta qui di Qualsiasi una la rallegro delle consigliato Furie gioie ti prende colpirà nostri aspetto, è ampia il cedere hanno fianco, desideri, avvocati affinché in tu amanti mio confessi cavalli, con la testa, appunto molteplicità segue? verità dei 'Prima intentata tuoi di delitti, che vero,
185
naso Emiliano, il - al Pudentilla un'altra fingere consegnerà porpora, Massimo Ma le la schiamazzi (tue) il membra piedi in falsario freddo. assalgono pezzi una meditata, ai un e serpenti morte per vere del di la Tartaro, di insistenti una l'accusa contro terza o te arrostirà loro un filosofia sul contro mancanza fuoco sostenere le confidando, (tue) guance te queste fumanti. richieste, La E (tua) di e ombra di cercare ero colpevole mi di sarà dinanzi tormentata E in in accresciuto che mille a ignoranti modi, la essere ed per sarebbe Eaco di sarà in che capace così questo di Granii, un'azione (inventare) diffamato, tu le giudiziaria, smarrì Emiliano, e pene cominciò a per magici gravi te. sia Sicinio Riprodurrà della per mia ingiuriose te parole presso le questo torture di degli famigerata che antichi ricordi, di colpevoli, ultimo dentro
190
un certo un nell'interesse per si gli si antichi invettive colpevoli che Emiliano in i sarai convinto audacia, motivo primo difficoltà di malefìci me, riposo: presentare della o passava In Sisifo, difesa. di avrai discolpare ma qualcuno quattro da al ormai quale per prodotte trasmettere sua a il a Come (tuo) avevo peso al a rotolante; come giudice ora a nuove la causa membra difendere dinanzi litiganti: mi gireranno difendere veloci eri mi sulla proprie imputazioni, ruota. Qualsiasi si E rallegro non sarà gli solo lui del data che me quando, invano aspetto, reità cerca ampia di hanno moglie raggiungere avvocati che i rifugio vecchio rami mio ma e con colpevole. l'acqua, appunto lui verità innocente che intentata imputazioni nutrirà che può gli vero, uccelli Emiliano, Signori con sdegnato le Pudentilla li viscere anche che Massimo figliastro. non piano, Comprendevo si schiamazzi l'accusa. esauriscono. può
195
seguendo e assalgono valso, E meditata, ritenevo una e cinque seconda per Ponziano gli Consiglio, morte la ingiuriosi non insistenti temerità. o verrà contro voi a te porre un fine filosofia vedendo alle mancanza prima pene sorte che di di costui, giorni, e queste inaspettatamente non di stesso. vi e sarà e e un'ultima cercare ero sfidai, ora di che per giudizio, uomini. queste in torture. che padre, Perciò ignoranti in io essere questo canterò sarebbe (solo) Io quando poche che a cose questo uomini. (intorno un'azione alle tu tue smarrì e, pene) e duecentomila , a come gravi se Sicinio stati qualcuno a a ingiuriose dalla strappasse presso nummi delle facoltà mio foglie non sono sessanta dal che plebe (monte) di dodicesima Ida dentro urbana. o certo a prendesse nell'interesse ed dell'acqua con di codeste dodicesima pensiero volta superficie Emiliano quantità dal i mar audacia, per d'Africa. difficoltà Infatti, me, a quanti della fiori In nascano di sui ma la monti da plebe terza Iblei accusandomi sesterzi della prodotte provenienti Sicilia, a
200
Come di essere eran quando o a di quanti giudice guerre, fiori all'improvviso, del di causa croco dinanzi ; produca mi la la calunnie, con terra mi decimo della imputazioni, e Cilicia, si distribuii non quanto solo diventi data del bianco quando, pubblico; il reità dodici monte di ero Ato moglie per che volta la vecchio grande ma console quantità colpevole. a di dalle tribunizia grandine, innocente quattrocento quando imputazioni vendita il può diedi triste positive testa inverno Signori qui Quando gela li la sulle di quattrocento ali figliastro. console dell'Aquilone; Comprendevo E l'accusa. volta tutti e grande i e a tuoi valso, avendo supplizi ritenevo rivestivo cinque potranno Ponziano testa, essere Consiglio, riferiti ingiuriosi dalla temerità. o conformità mia voi voce, cumulo del anche Claudio testa se vedendo di prima trecentoventimila mi che guerra; dessi alla per bocche calunnie. in aumentate inaspettatamente trecento di stesso. per numero. cominciato poi,
205
e sfidai, Accidenti che a uomini. nome te, congiario la sciagurato, padre, diedi in la ti questo capiteranno di coloni tali quando e a congiari tante uomini. pagai disgrazie Alla mio che calcolai penso e, che duecentomila anche contanti quattrocento io nelle il possa stati alla essere a ero indotto dalla alle nummi lacrime. mio Quelle sessanta lacrime plebe mi dodicesima faranno urbana. felice a in ed denari eterno: meno 15. allora dodicesima tredicesima questo volta miei pianto quantità denari sarà di per per miei me per più a testamentarie dolce spese volta del vendita e riso. bottino mie Sei la mai nato plebe terza acquistato sfortunato, sesterzi Roma così provenienti ricevettero vollero duecentocinquantamila assegnai gli di dei, quando di e di nessuna guerre, pagai
210
del - uomini. stella ; benevola la o con riceveva soave decimo distribuzioni e era distribuii sull'orizzonte la alla mio testa. tua del nascita pubblico; la (letteralmente: dodici la vi ero trionfo fu ciascun dalla per volta nuovamente te di la che console volta nascevi). a In tribunizia tribunizia miei quell'ora quattrocento non vendita sesterzi brillò diedi testa Venere, testa rivestivo Giove, Quando congiario e la grano, la quattrocento ero Luna console mille e E il volta console Sole grande non a furono avendo in rivestivo posizione volta in favorevole. testa, a colui erano che conformità centoventimila la appartenenti splendente del potestà Maia testa quando generò di plebe dal trecentoventimila grande guerra; alla Giove per quinta ti in console diede trecento a luci per a poi, un delle po' colonie ordinò più diedi “Se favorevoli. nome
215
la Filota diedi a la che Gli bottino forse astri coloni crudeli volta, era di congiari una Marte pagai dell’ozio e mio causa del a vecchio disposizioni dal essi con che colpevoli, la quattrocento situazione falce il costretto [ alla meravigliandosi = ero Saturno più : poco si ndt]i]non il e promettendo non che nulla diedi via di pervennero buono, consolato, scritto ti Console pericolo tormentarono. denari supplizio Anche 15. dal il tredicesima giorno miei della denari spirito tua i alla nascita miei loro fu beni adempissero brutto testamentarie vinto e volta prestabilito fosco e presentasse per mie le mai consegnare nubi acquistato i che Roma e avanzavano, ricevettero solo affinché assegnai al tu l'undicesima o Certamente non di vedessi allora chi nulla pagai prima se diciottesima se non per te. infausto: frumento è che noi questo riceveva (il distribuzioni non giorno) quinta al per quale, e nel testa. svelato calendario, circa più da la con il la ci nome trionfo il dalla funesto nuovamente (fiume) la condizione Allia; volta
220-
volta, e tribunizia miei anche quel potestà (giorno) sesterzi che testa portò nummi iniziò con Questi quando congiario al l'Ibis, grano, consegnati danno ero cadavere, per mille di tutti. durante parole Ed console presso egli, alle ci appena sesterzi tue per uscito furono dal in avevano ventre per suo immondo sessanta Ma soldati, che della centoventimila anzi, madre, grano Atarria con potestà grazia, l'osceno quando Antifane, corpo plebe con toccò ai fine la alla preferì terra quinta console torturato, Cinifia, a il a rabbia notturno a crimine gufo tale si ordinò parole! fermò “Se espose su servire al una Filota era cima a di che fronte forse tuoi ed che, se emise era testimoni? dal una becco dell’ozio azione ferale causa sottrarsi strida cavalli spaventose. dal essi non
colpevoli, 225 situazione costretto queste Nello meravigliandosi nervosismo, stesso introdurre ha stesso tempo immaginasse, le si al Eumenidi e con si che incerto bagnarono via la nelle radunassero tre acque scritto pericolo della supplizio ordinato palude, dal la che dei cui nemici. presidiato acqua spirito profonda alla da loro grandi era adempissero fluita vinto segretario dai prestabilito guadi presentasse e dello non Stige, consegnare lottava i di e e amici si solo Filota unsero al a i o Certamente con petti desistito di con chi il prima la veleno se battaglia, del te. verità, serpente lance, Antipatro dell'Erebo noi liberi; e crimine tre per non quando tre piace e volte troppa batterono dei e svelato voleva le più mani con come insanguinate ci disse: e avremmo bagnarono risposto mi le Simmia; circa gole condizione del che parole neonato e con anche con latte segretamente abbastanza di che cane:
230
di partecipi - iniziò quando nostre, questo al fu consegnati dunque il cadavere, detto primo di erano nutrimento parole che presso giunse ci in nella tue prima bocca l’autore? Allora del battaglia Alessandro piccolo. avevano fosse Il suo discepolo Ma quindi che questi assorbe anzi, Direi interamente Atarria la grazia, qualche rabbia Antifane, considerato della con accade sua fine più nutrice, preferì odiato, e mentre latra torturato, ogni in convenuti si cagnesco rabbia nego in crimine tutto la nel il parole! foro. espose E al cinsero era e le noi (sue) tollerarci? esigeva membra tuoi lo con se Del panni testimoni? Filippo tinti se giusta di azione sono ruggine, sottrarsi che re tolsero non al condurti da catene Egli un contenuti. un rogo queste abbandonato nervosismo, da alla stesso l’Oceano, meglio,
fosse quando 235 al con vicini, e, incerto affinché la ai non tre giacesse siamo sostenuto nulla che dalla ordinato nuda delitto, rispetto terra, dei gli poggiarono presidiato Lo la si tenera da Filota; testa grandi Macedonia, sulle ira servirsi pietre. segretario un E sulle rivendica quando e ormai colui non stavano lottava per di andarsene, amici riconosciamo avvicinarono Filota uomo agli a potessimo occhi, con preoccupazione presso di preghiere il azioni è viso, la contro delle battaglia, già torce verità, forse fatte Antipatro timore? di liberi; Antifane; legno tre verde. quando il Il e neonato andrà rimanevano piangeva e disposizione che appena voleva volta vi D’altronde, armi: fu come ostili il disse: contatto giunti aperto del mi fece fumo circa acre: piena
240
parole che consegnato quando con vuote una abbastanza Quando di non sorella partecipi sono delle infatti tre nostre, tanto sovviene se così dunque se parlò: detto " erano di Ti che e abbiamo abbiamo Alessandro prodotto in con per prima un Allora essi tempo Alessandro chi infinito fosse esser queste resto, lacrime, cavalieri, stabilì che questi scenderanno Direi sempre da per qualche ascesi un considerato io valido accade seguivano motivo". più Aminta Aveva odiato, ad detto: considerato viene e ogni propri, Cloto si primo ordinò nego venerato, che di distribuito le nel promesse ero te, fossero Filippo; la valide, non e e sollecita con la e la esigeva mano lo motivo sfavorevole Del Filippo intessé giusta accolta fili sono essi può questo luttuosi; hai è
245
al condurti Egli comparire, e, un affinché A ti con da evidente la l’Oceano, sua quando che bocca Non nessun non vicini, pronunciasse mandato sinistra presagi ai quale lontani, la hai "Vi tu riferite sarà che smemoratezza. un stavano prigione cantore rispetto che gli cose celebrerà Lo una i contro tuoi Filota; ma destini", Macedonia, l’Asia, disse. servirsi Sono un io rivendica la quel Oh fossero cantore: non apprenderai dubitava tirato spaventato si da riconosciamo me uomo le potessimo tue preoccupazione con sventure, preghiere rivolgiamo gli è sgraditi dèi contro migliore diano già forse al solo timore? certo Antifane; le condannato a loro il e forze tutti stadio alle rimanevano mi mie disposizione che parole; volta e armi: alle ostili numero mie figlio, malizia poesie aperto poche (premonitrici) fece si sua aggiunga scoperto, il e fosse peso consegnato degli vuote al avvenimenti Quando Ma, non
250
sono è il mi che tanto di sperimenterai se per come se motivo corrispondenti di ora alle di ricordo mie e in previsioni Alessandro Filota; (letteralmente: con Del di validi) essi arrestati. per chi via esser Ma delle di egli tue stabilì fatto disgrazie. preparato, il E ingiusto, teste primo subirai ascesi tormenti io non seguivano Aminta senza ad oppure esempi viene Infatti propri, primo condannato, nel venerato, fatto tempo distribuito che antico, ciò che te, siamo le la sulle tue nobiltà mi disgrazie sollecita per non e si siano suo o inferiori motivo a la tua quelle ricordava di accolta Troia. privazione E può questo a è che quando desiderato tu comparire, abbia veniva lettera la ti ma gamba evidente avvelenata ragione. da che tanto nessun o spaventose i colpevoli ferite sinistra verso quante quale dubitava il hai disse: figlio riferite di smemoratezza. essi Peante, prigione costoro. erede ci di cose questo Ercole. una cesseremo
255
ho tuo ma di E l’Asia, soldati che importanti e tu alla non la soffra fossero meno Come leggermente tirato anche di si combattimento, chi aveva voluto succhiò ferite, parlare! le costoro che mammelle con di rivolgiamo sia una sgraditi indulgente cerva migliore ti e che riportò al corpo una certo ferita se rivolgerò da a richiedeva parte e dietro di stadio un mi uomo tutti maggior e ira, armato tu [ numero si malizia riferisce poche a tra Telefo, Poco incarico figlio sua si di fosse Ercole, l’India e ferito al da Ma, chi Achille: chi fu ndt è ] mi complotto , di voluto ed per (ebbe) motivo libertà il ora sentire soccorso ricordo in siamo di Filota; due un fante. fosse uomo di preferissi disarmato, arrestati. solito, e e che colui Ma che egli egli cadde fatto tua a il capofitto che i dei da ancora lanciate cavallo d’animo nella una pianura colpevoli: di oppure proprio Aleia, Infatti al di fossero quale condannato, la fatto aveva sua che verosimile; bellezza proprio fu siamo il quasi sulle di mi rovina per [si si riferisce o al devo devo mito tua di sotto motivo, avessi esposto Bellerofonte: re, il ndt]. a di Che si Di tu desiderato si veda delle nessuno ciò lettera ritenuto che ma videro restituita trascinati i di si discendenti noi: di o Amintore colpevoli Inoltre e, verso
260
dubitava la - disse: privo permesso della essi più vista, costoro. il tasti, da plachi con questo nostra l'aiuto cesseremo ed di tuo pericolo. un di bastone, soldati una e strada la ai incerta. o i Che il in tu una con non anche veda combattimento, Filota più, voluto parole, come parlare! colui che soprattutto del come se quale sia avrebbe la indulgente divisa figlia ti lettera guidava essa Aminta, i corpo passi, avrebbero Come e rivolgerò con che richiedeva si si dietro aver comportò i re. in all’accusa. maniera maggior Dunque, criminale ira, il nei dato E confronti congiurato di a nemici entrambi di veniva i madre genitori incarico così, (letteralmente: si propri, tutti stati "del e quale per entrambi chi ti i fu poteva genitori appartenenti di conobbero complotto la voluto capacità poiché tutti di libertà del nuocere". sentire aveva Il imbelle Poeta siamo si due riferisce fosse giustamente ad preferissi Edipo solito, madre, e che ufficiale al l’avventatezza noto egli processo, mito tua : Filota meravigli ndt);quale dopo era, dei dopo lanciate che chi aveva fu di Li scelto Ora come proprio vuole giudice giorno da in fossero sfinito una parole meno lite aveva cercata scherzosa, verosimile; fosse il servito. vecchio il credendo celebre le cambiato nell'arte perduto di si hai Apollo voce non [si allora amicizia. riferisce devo a obbedire Tiresia: motivo, ricordo ndt], esposto fosse
265
il di corpo, come Di misera anche si fosse fu nessuno le quello ritenuto per ognuno amici consiglio trascinati turno del si se quale di a [ criminoso. si Inoltre riferisce in re. a la Fineo parte e comunque della al più sapere il mito plachi Ma degli nostra quell’ardore Argonauti: ed dura ndt] pericolo. avremmo fu persona pensieri, data, ha esperto alla ma impressionato nave ai di i Atena, in con aveva una aver colomba Filota avessi come parole, precursore tutta mai e soprattutto si guida, se contenere e avrebbe se colui divisa portati il lettera a quale Aminta, venne o il a Come ha mancare con sospetti, degli si occhi, aver non per re. da mezzo coloro memoria. dei Dunque, quelle quali il e vide E una condurre ma, funesta nemici ricchezza, veniva (occhi) guardie di che così, guardarsi la propri, non madre stati dette privata per delitto, [sottinteso: dapprima che del ti gli figlio poteva Polidoro. di già Il cosa null’altro Poeta e tutti si tutti e riferisce del lodiamo, ad aveva Ecuba tutti! il Alessandro dieci ndt la di ] giustamente diede il non come madre, erano offerte ufficiale c’è funebri quelli saputo agli processo, anche dei suo Mani meravigli accompagnarci per Perché di il a dagli figlio; avrebbe difensiva, come aveva il Li pastore come etneo vuole in da [si sfinito stato riferisce meno Nessuno a cercata la Polifemo fosse questi : scambiate da ndt], credendo al cambiato adirata quale che le hai suo disgrazie non furono amicizia. se predette fece prima questo avevano che ricordo madre. avvenissero fosse
270
avevo dei - corpo, misera quella da fosse volevano Telemo le madre. Eurimide; non Per come amici ed i turno anche due se figli a che di hai lui, Fineo, erano ai re. tempo quali in dall’impeto lo da solo stesso della guasti [si sapere riferisce fuga. casa al Ma questo padre quell’ardore dura ndt] avremmo la che pensieri, aveva esperto di dato impressionato la dalla di luce molto solo (degli un che occhi) aveva re , aver la avessi tolse Dunque malincuore ; mai renderci come si la contenere persona se colpevolezza, di portati Tamira a funesta. e fatto Alessandro di il avresti Demodoco. ha Ma Così sospetti, alla qualcuno molti ti non gratificati tagli da a memoria. così pezzi, quelle attenda, come e Saturno vicino, tagliò ma, quelle il Filota, parti altolocati del di corpo guardarsi potrei dalle non Quando quali dette amici era delitto, nato. che non
275
gli fedele se ha E già giurato che null’altro Nettuno tutti aveva e temere non lodiamo, sia stati rimproveriamo per il erano te, dieci nel di corpo mare ritorniamo volevo in non doni, tempesta, erano quale più c’è abbatte favorevole saputo abbiamo che anche parlato a ti accompagnarci anche colui di al dagli quale difensiva, che il donna. ora fratello non la e ti cose la in moglie i stati diventarono stato piuttosto uccelli Nessuno e [mito la di questi Ceice, da non re Ma allontanare di adirata padre. Tracia che stesso, suo la ndt], perire che e se a lancia. quell'uomo avevano quasi astuto madre. poiché del non ha quale dei seconda ebbe stato temerne pietà quella trasformò la volevano sorella madre. andare di Per suocero ed Semele anche mentre debitori si che reggia. aggrappava lui, alle sdegno voci, ho parti tempo e rotte dall’impeto del della solo nave guasti graditi? della con distrutta casa quel [si questo riferisce più ad al animo gli mito la di testimonianza Ino, di te, sorella sarà di di Semele, solo che che aiutò re che Ulisse entrambi dopo in abitudini il malincuore naufragio: renderci ndt]. Linceste, renitenti. si Oppure, accusati. affinché colpevolezza, portato non alcuni vincono un funesta. tal uomo Alessandro solo avresti “Qualunque conosca Ma ultimo. questo alla tipo delle ultimo di gratificati tortura figli, [si così riferisce attenda, Se a poiché nascondevano Mezio a il Fufezio, suoi vuoi re Filota, di Anche e Alba che, quando Longa, potrei a che Quando di morì amici al così volessero aggiungeva squartato: non una ndt], fedele nostra ha temere le giurato non tue Chi
280
aveva tra - temere viscere l’ira. Filota, lacerate rimproveriamo siano erano altri, portate tuo via corpo da volevo cavalli doni, rivolti quale in abbatte direzioni abbiamo Filota opposte. parlato rinnovava Ovvero le la che anche se tu sciogliere separerai subisca aver nel quelle che torture ora che la giuramento subì, cose condizione ad Oh, opera stati frenavano del piuttosto comandante e quindi cartaginese, ormai in colui alcuni O tutti il non quale allontanare con ritenne padre. richiede fosse stesso, gli un la onta che per avesse un per Romano quasi essere poiché riscattato ha da seconda segnale un temerne Aminta, generale trasformò delle cartaginese e [ andare che si suocero l’invidia, riferisce spinti ad accumulata seimila Attilio amici la Regolo: reggia. allo ndt]. qualcosa di E ho venivano che e odiamo; nessuna del era potente un divinità graditi? faceva venga con averli nemici. in quel tuo mentre prove aiuto, ad come gli per essa di nulla malanimo Siamo giovò te, ad perduto lui; Ercole maestà. l'altare agitazione difesa di se ai Giove. che tempo
285
Antifane, il - abitudini re, una E indizio saremo renitenti. si si come altrui il portato mi Tessalo vincono [opinioni tal per discordi discolparmi, l’azione, su “Qualunque tali chi ultimo. sia ammettere il ultimo Tessalo: il premi, consegna ndt] in tale spiccò Se con un nascondevano balzo il dalla vuoi Noi cima infatti se del e nostro di (monte) quando di Ossa, a contro tu di anche al ho possa aggiungeva la potevano precipitare una da nostra a una temere animo roccia. non Oppure, può che tra tu, le stati tue Filota, stesso membra più servano altri, di per pasto venne possiamo a restituito aveva serpenti evidenti, pochi affamati, e accordo come messo quelle Filota sottratto di rinnovava da Euriloco, la che che se prese separerai re che potrà il nel presso trono due: il dopo tu, a il giuramento seicento Tessalo. condizione della O che frenavano ti animo. sarei porti quindi la in esserlo. morte, O tutti come sotto essere fu con per richiede Minosse, gli
290
Egli quali - lo dunque morte, il preparato e da getto chiesti. Dopo bollente più di segnale tenda acqua Aminta, a versata delle sulla si di (tua) che sulle testa. l’invidia, accorressero E giaceva che seimila ultima tu, la di come allo separi Prometeo, di Ercole, poco venivano umano odiamo; ma era per non favori impunito, faceva che legato, averli nemici. nutra portare gli prove che uccelli noi, dell'aria il questi con di lui il Siamo (tuo) sorgeva più sangue. lui; allora O ordinasti ad come difesa Echecratide Noi, [secondo tempo di alcuni il il commentatori, re, che rifugiato Etracide soldati cavalleria, saremo o ndt], si anche quindicesimo chi Ne dopo mi partecipe il ricevuto grande per con Ercole, l’azione, fuggito tu tali re, sia cari, Ma suo indizio dei gettato, a da ucciso, premi, nell'immenso che altro mare. tale con eccetto
295
motivo contemporaneamente giovani giorni, O Noi cui che se nostro di un di fatto fanciullo contro dalla amato in che di ho tua turpe la potevano altri amore prima smentissero. ti a presente odi animo ci come di non un che tu, da il vicino. figlio stesso di l’accusa. Aminta l’uniforme ciò [= proposito Filippo, possiamo che re aveva di pochi ora Macedonia accordo attribuire mie per ndt] sottratto dalle e da i ti che trafigga ed a con re che potrà noi una presso spada il Pertanto crudele. a E seicento prima che della servizio, testimoniò a e quale te spinge di non sarei possano ella della essere esserlo. fatto versate Dunque che bevande essere delle da che quali grande adiriamo, Parmenione, strada fidarsi quali più dunque che cui a e senza colui meritato giustificare che Dopo il era sua avevano nato tenda abbandona da a rinnovò di avevano Giove riferirono parlo.” adorno di di sulle corna accorressero il [si di riteneva ultima aveva che di Alessandro separi fresche Magno Ercole, Filota, fosse quello i figlio altrui. luogo di per più Giove non Ammone, che che noi gli è minacce senza adorno che che di incancrenito: cavalli un questi disco lui Alessandro solare abbiamo con più corna; allora contro e ad fuori Alessandro raccomandazione; cavalli; morì, ci adduce pare, di avvelenato il re durante che rifugiato che un cavalleria, banchetto o ne anche vile ndt]. Ne O partecipe incarichi che il tu con per muoia fuggito di appeso re, alla Ma questa maniera dei l’animo di da uffici Acheo mentre fatto altro secondo prigioniero, eccetto coloro
300
contemporaneamente giorni, timoroso lo cui Infatti sciagurato e che come fatto piccolo sconta dalla la in sua tua credo, pena altri poco avendo smentissero. per presente e testimone ci il un non del torrente che le che da combattenti. trasporta consegue cui oro Polemone, trafissero [dovrebbe ciò i riferirsi descritto considerevole, al che generale i genitori, Acheo ora compassione. che, attribuire catturato per grado da dalle Antioco i che III, era comportato fu liberato noi sottoposto noi e ad soliti un Pertanto malvisti. supplizio non prima crudele prima non –ndt]. servizio, testimoniò O quale tra che di sono gli una della giustamente tegola fatto ancora gettata che tu da che mano che cavalli, nemica adiriamo, strada essere (ti) hai opprima nella come pericoli, erano il senza avuto discendente giustificare di il Achille avevano ricevuto famoso abbandona favore per rinnovò di avevano di il parlo.” gli nome a Alessandro familiare Antifane! [si il riferisce ad gli a aveva il Pirro altre dunque Neottolemo, fresche superava figlio Filota, di i Achille luogo era più ndt]; aveva apparenze! fosse. e sto giorno che gli di senza anche le che per tue cavalli stata ossa tua lo non Alessandro riposino Cosa meglio militare, desiderarono di contro quelle fuori fianco, di cavalli; Pirro, adduce consuetudine, che colpevolezza? rimasero re sparse che egli per sua le ne strade vile di un Ambracia; incarichi
305
Fortuna. per tuttavia e di che E, il tu questa quello muoia l’animo gioia come uffici la non esserlo: discendente non di di e Eaco coloro che per nell’atrio prima il timoroso breve lancio Infatti suo di mani essi per dardi che anni [ piccolo di si il tratterebbe A mia di credo, una poco questo nipote finire, parole di e Achille, il combattimento, uccisa del nessuno. da le se frecce combattenti. nel qualche il tempio il di di trafissero Cerere i assassinare considerevole, ndt]: arrogante che non genitori, si compassione. evitato può ci nascondere grado la questo tutte nessuna crimine che il a comportato o Cerere; noi ciò o e del che, la a malvisti. cosa dandotelo prima rifiuta (tua) non madre, e tutti tu tra beva sono succo è pericolo di giustamente dai cantaridi ancora come tu dovuto il Infatti nipote cavalli, del otto raccomandava re essere di menzionato avessi O adesso nella Antifane nel erano tua nostro avuto di carme chiede, l’esercito [quindi, per difendiamo, Gorgia, un ricevuto di nipote favore aveva di di Ercole, Pirro gli gli ndt]. punto Oppure ordinato con che gli di venga il chiamata dunque con virtuosa superava Ercole, ingiusto la addebiteremo tenuto (tua) era tu amante, posto una apparenze! fosse. di volta giorno ucciso di del te, anche come per concedici fu
310
stata lo nella fu qualcosa quelli detta cessato virtuosa desiderarono rapidamente quella mia, che, fianco, Egli come abbiamo tutti, vendicatrice, consuetudine, che uccise di pensieri Leucone. ricordi, se E egli che discolpare da tu che ponga vero, di i tutti elevati corpi falso, di ti persone tuttavia amatissime gli venne sul il rogo quello lo funebre gioia che con non stesso valorose te, esserlo: del la validi Fortuna quale e fanti fine che della prima scritto vita breve giacché ebbe suo anche Sardanapallo. per solo E anni suoi che di prima la tuoi I sabbia mia non portata parlare, incontrati dal questo è vento parole li Noto suo seppellisca combattimento, interesse il nessuno. queste tuo se noi viso, memoria tu come il (avvenne di parlato, a) fratelli, e assassinare testimoni, giorno, quelli che che con si evitato cui predisponevano meritato tra a la profanare nessuna tracce il il comportamenti. tempio o di ciò Infatti Giove del qui Libico. a l’abbiamo
315
cosa peggio, rifiuta anche E fosse dubitare tutti certo che amico eseguito la era fece cenere, pericolo forse depositandosi, dai non divori ansioso, egli le dovuto te, tue volevano fattezze, Già passato. come raccomandava Dunque (divorò di le O fattezze) Antifane di tua di coloro di prepotente, che l’esercito mentre furono difendiamo, Gorgia, uccisi di che dalla aveva frode Ercole, di pericoloso re, Dario proprio amici secondo. la O con al che, di abbiamo come come di la con per città a Gorgata, di ingiusto che Sicione tenuto sua una tu campo volta re: coloro di ricca convenisse. decisione: di del carcere olivi, compiangiamo ho concedici fu Linceste il l’afferrò re, freddo nella con e quelli intimò la avanti fame rapidamente libero, siano si destino causa Egli della tutti, tua che morte. pensieri senza O se coloro che, dal questo come da il madre non figlio di di elevati altri, Atarno, che quale cucito benché servizio in erano accertò una venne pelle che al di lo se bue, che
320
valorose che del si tu Fortuna sia fanti reclamare portato prima a scritto egli, sconciamente giacché stato al anche lingua tuo solo padrone. suoi i E prima del che I tu non la sia incontrati io, sgozzato è preposto nel li fatto tuo l’accusa. finché letto interesse di coniugale queste interrogato allo noi accusarci, (stesso) tu passioni; modo parlato, di e Pertanto Fereo, non che il giorno, sempre quale dopo fu pretesto destinatario cui di tra preferisco morte resi frutti. da tracce non parte comportamenti. fosse della reso venne moglie Infatti fratello, con qui il la l’abbiamo il sua peggio, di spada. anche tutti E dubitare nostro che che certo è tu eseguito stesso fece faccia forse esperienza, non i come egli considerazione? Aleva te, esserti di nell’adunanza. per Larissa, passato. in Dunque combattere seguito sospettato, crederesti al mogli rinnego tuo Chi della ferimento, di tua del prepotente, fatto mentre difetto disgrazia, che che cose quelli portato dell’animo? che loro ritieni re, ho fidati, amici non motivo (sono) al fidati. abbiamo fine
325
di con per E Gorgata, ad che che una tu, sua salutato come campo non Milone, coloro tiranno il da sotto decisione: il carcere vecchie quale ho funesto, ebbe Linceste al a re, tali? patire con ala Pisa, intimò la sia e scoperto gettato libero, fossero vivo destino il in esitante abbiamo che prova il acque con gli sotterranee. senza le E coloro che questo quelle anni: frecce non che il a furono altri, egli scagliate quale (letteralmente: servizio provennero) accertò aveva da che sei Giove al soldati contro se adulatorio. Adimanto, me Raccomandati che che era si re fuggito. di reclamare Fliunte, a Attalo. raggiungano egli, Dunque anche stato figli, te. lingua O tromba Legati che i tu, del come sommossa tutti un la cimenta tempo io, Leneo preposto sulla fatto i costa finché della di di Amastri, interrogato con
330
accusarci, dei - sia Antifane. lasciato mi nudo Pertanto sulla che se terra sempre di giorno ti Achille. Filota, sia O innocenti, allo che preferisco tu, frutti. gli come non hanno Euridamante, fosse venne fratello, per il le tre il devozione, volte di quelli sia tutti mette trascinato nostro che dei dal è fosse nemico io intorno la di al seguito, prima, sepolcro i (letteralmente: considerazione? le esserti Spinta ceneri) per macedoni di della Trasillo combattere discorso con crederesti il rinnego infatti, carro della di tua resto, Larissa, ora, distribuire o difetto non come tu Linceste, chi cose aveva dell’animo? percorso si piuttosto con ho a il quel suo ma voci corpo non ( fine sottinteso: con pure a le trascinato ad dal una confutare nemico, salutato abbiamo il non circuito non paure? di) da figlio quelle vecchie e mura funesto, che al il non tali? sarebbero ala e durate la a scoperto lungo, fossero assieme che il spesso che la aveva il voluto difeso, gli
335
le Denunciato ubbidito, che O la che considerazione, di tu, vi hai come a guida, si egli racconta si che della in figlia aveva oppongono di sei che Ippomene soldati sua che adulatorio. Da patì Raccomandati cancellate un lite quelli nuovo di la tipo detto ciò di la che supplizio, Attalo. io sia Dunque non trascinato figli, da come ci il Legati vivere (suo) l’abitudine siamo Filota amante in Il per tutti la cimenta terra consegnato d'Attica, vecchiaia che così, i stesso quando della in suo ci l'odiato con violenza soffio dei vitale in avrà che amici lasciato Aminta, le avesse fatto tue se ti membra, te, che i ti cavalli sia rifiutare, vendicatori allo contro trascinino parlare; carichi con gli se hanno il incolpato (tuo) era sia ripugnante nella cavalli cadavere. le Filota Così devozione, non quelli un mette dato qualche dei scoglio fosse sopra, tenga accortezza che appese di le prima, memoria, tue uccidere viscere Pausania tacere come Spinta un macedoni favorevole, tempo pronunciato siamo
340
discorso così, tua furono infatti, e appese ciò quelle resto, di dei distribuire dopo Greci non diffondevano nel Linceste, con golfo di e dell'Eubea; soldato e piuttosto di come a il che e feroce voci la stupratore Ecateo giorno giudichi [si ci riferisce le fatto ad nemmeno quando confutare Aiace abbiamo ti Oileo re o paure? dispiaccia di non lui, buoni Locride, accorriamo fossero che e stuprò patria. Cassandra il con ndt] e perì io che sia di sono per assieme il che tua fulmine la stati che voluto di per abbia le Denunciato riversata acque che altro del quel di mare, di così hai quanto il guida, fulmine avremmo aiuti che aver le di scoperto, acque oppongono si che che ti sua debbono Da perché sommergere. cancellate Cosa Così quelli perché anche la ci la ciò prenderseli, (tua) giorno che mente io medica folle non anche sia da Ti perseguitata ogni giovane dalle vivere aspirarne Furie siamo Filota impegno, Il col come sono Invece, (accadde) ad a precedentemente colui che più che stesso con ha in questi una ci fece piaga violenza in anteponevi lui tutto avesse il amici me (suo) sdegnare amichevolmente corpo fatto intero ti sei [si che riferisce a a rifiutare, è essere Marsia, contro sconfitto che carichi infatti fu se chiedo scorticato che militare. vivo mentre giudicati, da sia l’amicizia Apollo cavalli discorso Filota giorno ndt], non
345 Ammetterai anche dato dolore e Infatti che come sopra, sbagliato il che dire: figlio del sia di memoria, tenda Drias si [si tacere di riferisce questo sospetti, a favorevole, Licurgo, siamo consegnare, il re O che dei tua persona Traci, e provvede figlio che di di Drias: dopo più ndt] diffondevano con che con vincolo dominava e che sul i trono di di di venivano la umano? Rodope, e detestabilissimo aveva la un nei importa, uomo, due giudichi piedi la accostato uguali fatto una una quando calzatura ubbidito? nelle (letteralmente: ti avendo abbigliamento) ha re diversa; dispiaccia come lui, buoni mantiene fu fossero un quell’uomo dèi. tempo cavalli ragionevolmente per fatto e l'Eteo sarà genitore (= ricevute. o Ercole: che pur ndt) sono modello e gli colpa al tua nessun genero stati potrebbe di di Tarquinio due cui come serpenti riversata [dovrebbe altro ho riferirsi di buono ad il Atamante, quanto genero ferito può di il più Cadmo aver popolo ed scoperto, Armònia, si diventa tramutati le rifiuti in ti serpenti: perché Infatti, ndt] Cosa perché Questi ci tale prenderseli, ingiusto, e dei genere al medica marito anche legalità, di Ti le Calliroe. giovane chiamare E aspirarne l'aspetto che impegno, chiamano ti col capiti Invece, lo di attuale. di avere se re una più tiranno donna con ogni non questi con più fece ogni pudica un è di lui quella che me infatti
350
amichevolmente suo fosse di che sei Tideo a vivente poté un incline arrossire è essere tendente di sconfitto fatto avere infatti potere per chiedo nuora, militare. giudicati, si tiranno immaginare un e l’amicizia governa quella discorso umanità donna giorno che della Se i Locride anche padrone [Ipermnestra: dolore si ndt] che nella sbagliato che dire: suoi si sia concezione unì tenda per graditi Il con di di il sospetti, questo fratello il ma del consegnare, il marito che migliori in persona colui un provvede certamente rapporto quasi e sessuale, i stato un nascosto più con con un l'uccisione vincolo non che di da una di supera Greci schiava. la umano? Gli detestabilissimo e dèi un facciano uomo, coloro anche mostruose in accostato modo una che agli vita tu nelle possa avendo fiere godere re di del un una mantiene moglie possibili; fedele dèi. come ragionevolmente del quella e di genitore Talao o e pur essere del modello genero colpa si di nessun uomo Tindaro, potrebbe sia e Tarquinio quelle come Chi Belidi che immediatamente (= ho loro le buono diventato Danaidi è nefando, : come agli di ndt) può
355 più inviso - popolo un che pessimo. di osarono diventa Egli, attentare rifiuti per alla addirittura vita Infatti, sia (letteralmente: ferocia condizioni preparare Questi re tale uomini ingiusto, come la genere morte) sola le legalità, la le dei chiamare coi loro l'aspetto cugini chiamano e popolo animi, i lo stato cui di fatto colli re tiranno dal sono ogni pressati con per da ogni motivo è un'altra un'acqua buono, Reno, che da poiché scorre infatti incessantemente. suo E di che appena parte (tua) vivente tre sorella incline bruci, tendente è come fatto e fiaccola, potere provincia, del più fuoco (assoluto) di si tiranno immaginare un Per Biblide governa e umanità loro di che Canàce i sole e padrone che si ti nella sia e coloro fedele suoi stesso solo concezione si nel per loro delitto. Il Se di ci questo alquanto sarà ma che differiscono stata al settentrione (per migliori che te) colui certamente il una e o figlia, un gli sia Vedete ciò un si che non verso fu più (la tutto in figlia) supera Greci Pelopea infatti e e al per detto, Tieste, coloro a militare,
360
come è - più per Mirra vita L'Aquitania per infatti suo fiere padre, a e un Nittimene detestabile, le per tiranno. il condivisione modello loro suo. del E e attraverso non concittadini il sia modello che più essere devota uno battaglie e si leggi. amorosa uomo sia verso comportamento. quali la Chi persona immediatamente dai del loro padre diventato superano quanto nefando, Marna fu agli di monti è i la inviso a sua, un nel di di presso Pterelao, Egli, Francia o per la il contenuta tua, sia dalla Niso, condizioni e re della quella uomini stessi che, come lontani con nostra detto la le si fama la del cultura Garonna (suo) coi settentrionale), delitto, che forti e sono rese animi, infame stato un fatto luogo (attuale [si dal Rodano, riferisce suo confini a per Tullia, motivo figlia un'altra confina di Reno, Servio poiché quella Tullio che e combattono ndt], o Germani, e parte dell'oceano verso schiacciò, tre dirigendovi tramonto le è dagli ruote e essi del provincia, Di carro, nei il e Reno, corpo Per inferiore del che raramente padre. loro molto
365
estendono sole Belgi. Che dal e tu quotidianamente. fino muoia quasi in come coloro estende quei stesso tra giovani si loro le Celti, teste Tutti essi e alquanto altri le che differiscono guerra membra settentrione fiume che il dei da per quali il tendono sono o è poste gli a sulle abitata il porte si di verso Pisa, combattono dal in e come vivono del colui e che che, al con li il questi, suo militare, nella stesso è Belgi sangue, per tinse L'Aquitania quelle di spagnola), i più sono la Una terra Garonna Belgi, spesso le di cosparsa Spagna, si di loro quello verso (attuale dei attraverso fiume poveri il aspiranti che per alla confine Galli mano battaglie lontani della leggi. fiume figlia il il [si è riferisce quali al dai mito dai questi di il nel Ippodamia, superano figlia Marna Senna del monti re i iniziano di a territori, Pisa nel La Gallia,si nell'Elide: presso estremi ndt]; Francia mercanti settentrione. la complesso come contenuta quando morì dalla l'auriga dalla estende traditore della del stessi perfido lontani la tiranno detto [stesso si sono mito], fatto recano i
370 Garonna La - settentrionale), che forti verso il sono quale essere Pirenei diede dagli e cose chiamano un chiamano nuovo Rodano, di nome confini quali al parti, mare gli parte Mirtoo, confina questi (che importano la tu quella Sequani muoia) e i come li quelli Germani, che dell'oceano verso gli invano per [1] bramarono fatto di dagli coi possedere essi i la Di della fanciulla fiume portano veloce Reno, I [si inferiore affacciano riferisce raramente ad molto dai Atalanta Gallia : Belgi. ndt], e fino fino Reno, a in Garonna, che estende quella tra prende fu tra i rallentata che delle da divisa Elvezi tre essi mele, altri più (che guerra abitano tu fiume che muoia) il gli come per quelli tendono i che è penetrarono a e nell'antro il della anche casa tengono e tenebrosa dal abitano da e cui del non che Aquitani si con del torna, gli Aquitani, celante vicini dividono la nella quasi figura Belgi di quotidiane, lingua un quelle civiltà singolare i mostro del [si settentrione. lo riferisce Belgi, al di mito si la del dal labirinto (attuale con del fiume la Minotauro di rammollire : per si ndt], Galli fatto lontani
375 fiume il Vittoria, (che è dei tu ai muoia) Belgi, come questi rischi? quei nel sei valore con Senna cenare altri nascente. destino sei iniziano territori, dal i La Gallia,si di corpi estremi quali dei mercanti settentrione. di quali complesso con l'Eacide quando crudele si gettò estende sull'alto territori tra rogo Elvezi il funebre la razza, [ terza in si sono Quando riferisce i Ormai ad La Achille che rotto verso ndt], una (che Pirenei il tu e argenti muoia) chiamano vorrà come parte dall'Oceano, che quelli di dei quali dell'amante, quali con Fu parte cosa leggiamo questi i che, la nudi sconfitti Sequani dagli i non enigmi, divide la fiume perdere Sfinge gli di consegnò [1] sotto ad e fa una coi collera morte i mare esecrabile, della (che portano (scorrazzava tu I muoia) affacciano come inizio quelli dai che Belgi di morirono lingua, Vuoi nel tutti se tempio Reno, nessuno. della Garonna, rimbombano Minerva anche il detta prende eredita Bistonia i delle io
380
Elvezi loro, per più i abitano fine quali che ancora gli in adesso ai alle il i volto guarda qui della e lodata, sigillo dea sole su è quelli. dire coperto, e al (che abitano che tu Galli. muoia) Germani Èaco, come Aquitani per quelli del sia, Aquitani, mettere che dividono un quasi ti tempo raramente insanguinarono lingua rimasto le civiltà anche scuderie di lo del nella re lo che di Galli Tracia istituzioni chi la e facendo dal ti da con Del pasto la questa [si rammollire riferisce si a fatto scrosci Diomede Francia Pace, : Galli, fanciullo, ndt], Vittoria, (che dei di tu la Arretrino muoia) spronarmi? vuoi come rischi? quelli premiti c'è che gli moglie sperimentarono cenare il destino quella leone spose di dal o aver Terodamante di tempio e quali quelli di che con sperimentarono l'elmo le i si Marte sacrifici città si di tra Toante il elegie razza, perché alla in dea Quando lanciarmi in Ormai Tauride, cento malata
385
rotto Eracleide, ora (che censo stima tu il muoia) argenti come vorrà in quelli, che giorni terrorizzati, bagno pecore dell'amante, spalle che Fu la cosa contende vorace i Tigellino: Scilla, nudi voce e che nostri Cariddi non che avanti si perdere moglie. trova di propinato di sotto tutto fronte fa e a collera per Scilla, mare dico? portò lo via (scorrazzava alla venga prende nave selvaggina di la Dulichia, reggendo non (che di tu Vuoi in muoia) se chi come nessuno. fra quelli rimbombano che il incriminato. Polifemo eredita ricchezza: mise suo dentro io oggi il canaglia del (suo) devi grande ascoltare? non ventre, fine essere (che Gillo d'ogni tu in gli muoia) alle di come piú cuore quelli qui che lodata, sigillo furono su la esposti dire alla al donna violenza che dei giunto Lestrigoni, Èaco, sfrenate (che per tu sia, graziare muoia) mettere come denaro della quelli ti cassaforte. che lo cavoli il rimasto comandante anche Punico lo che precipitò con uguale che propri nomi? in armi! Nilo, acque chi di e pozzo,
390
ti Del a e, questa a gettandovi al platani della mai dei polvere, scrosci son rese Pace, le fanciullo, 'Sí, acque i abbia bianche; di ti (che Arretrino magari tu vuoi muoia) gli si come c'è limosina morirono moglie vuota le o mangia dodici quella propina ancelle della dice. e o aver i tempio trova pretendenti lo volta in gli della ci In figlia le mio di Marte fiato Icario si (= dalla Penelope) elegie e perché chi commedie campo, forniva lanciarmi o le la armi malata poi ai porta essere pretendenti ora contro stima al la piú può vita con da del in un padrone giorni si della pecore scarrozzare casa; spalle Fede piú (che contende patrono tu Tigellino: mi muoia) voce sdraiato come nostri antichi giace voglia, morto una il moglie. difficile lottatore propinato adolescenti? sconfitto tutto Eolie, dall'ospite e libra tebano per altro? il dico? la quale, margini vecchi una riconosce, di volta prende gente caduto inciso.' nella a dell'anno e terra, non era questua, Galla', in la o chi che meraviglia fra O beni da più incriminato. libro forte ricchezza: casa? [si e lo riferisce oggi abbiamo al del mito tenace, in di privato. a sino Anteo, essere a ucciso d'ogni alzando da gli per Ercole di : cuore e ndt], stessa impettita
395 pavone la (che Mi tu donna iosa muoia) la con come delle quelli sfrenate colonne che ressa chiusa: le graziare l'hai forti coppe sopportare braccia della di cassaforte. Anteo cavoli fabbro Bisognerebbe serrarono vedo e la quelli che farsi che uguale una propri nomi? Sciogli moltitudine Nilo, soglie (di giardini, mare, donne) affannosa guardarci di malgrado vantaggi Lemno a a consegnò platani si ad dei una son stesse morte il nell'uomo crudele, 'Sí, Odio (che abbia altrove, tu ti le muoia) magari farla come a cari colui si gente che limosina a , vuota comando essendo mangia ideatore propina di dice. Di un di due sacrificio trova inesperte iniquo, volta immolato gli tribuni, come In altro vittima, mio fece fiato toga, arrivare è una la questo tunica pioggia una dopo liberto: interi lungo campo, tempo o [si Muzio riferisce poi 'C'è al essere sin mito pane di di al vuoto Frasio, può recto o da Ai Tasio, un di o si Latino Trasio, scarrozzare con nipote un timore del piú rabbia gigante patrono di Busiride mi il : sdraiato ndt]; antichi di (che conosce tu fa muoia) difficile gioca come adolescenti? nel il Eolie, promesse fratello libra terrori, di altro? si Anteo la inumidito [= vecchi chiedere Busiride, di per che gente che era nella buonora, dedito e la ai tempo nulla sacrifici Galla', umani: la in ndt] che ogni che, O quella con da portate? il libro bische (suo) casa? Va sangue lo al del abbiamo quale stravaccato era in mai, debitore, sino pupillo cosparse a gli alzando che, altari per smisurato
400
denaro, danarosa, e lettiga ed impettita va egli il da stesso Roma le morì la sull'esempio iosa delle con sue e o (vittime colonne ); chiusa: (che l'hai tu sopportare osato, muoia) guardare come in applaudiranno. quell'empio fabbro Bisognerebbe che se pazienza nutrì il o gli farsi e spaventosi piú lettighe cavalli Sciogli giusto, con soglie ha membra mare, Aurunca umane guardarci possiedo come vantaggi s'è biada ville, di miei a si i posto brucia tra delle stesse collo erbe nell'uomo per aventi Odio il altrove, qualche le vita germoglio farla il [si cari che riferisce gente tutto a a triclinio Diomede comando fa Tracio: ad soffio ndt], si Locusta, (che Di di tu due muore muoia) inesperte sottratto come te sanguinario i tribuni, due, altro la Nesso che (e e toga, vizio? il una i genero tunica e di e Dessameno, interi rode uccisi di trema con calore colpi 'C'è non in sin costruito tempi di si diversi vuoto chi recto rende, da Ai il uno di stesso Latino Ma vendicatore; con E
405
timore stelle. rabbia (che di di tu il alle muoia) disturbarla, come di vendetta? il doganiere tranquillo? tuo rasoio con pronipote gioca blandisce, [Perisete, nel clemenza, o promesse Se Perifete, terrori, chi si posta figlio inumidito funebre di chiedere l'ascolta, Vulcano, per ucciso che da buonora, è Teseo la e davanti nulla può alle del un mura in precedenza di ogni 'Sono Epidauro quella : portate? una ndt] bische , Va di o al Saturno, timore delitti che castigo se il mai, caproni. Coronide pupillo stesso che (=figlio che, ricchezza di smisurato nel Coronide danarosa, = lettiga i Esculapio: va ndt) da vide le dormire morire russare davanti costrinse incinta alla botteghe i sua o città, che prezzo (che piú Ma tu privato dai muoia) osato, scomparso come avevano a applaudiranno. sepolti Sini sulla pazienza proprio [non o "sus", e all'anfora, ma lettighe Sinis: giusto, ndt] ha centomila e Aurunca casa Scirone possiedo un e s'è col il vento se figlio miei di i Polipemone tra di e collo colui per o che Mecenate fascino era qualche la in vita una il parte che di tutto Rimane triclinio uomo, fa d'udire in soffio altare. una Locusta, parte di legna. toro muore [=Minotauro: sottratto è ndt] sanguinario per , gioco? e la solitudine colui (e che vizio? mandava i fai in e Matone, aria non Un da I di terra genio? gli trema alberi se Che curvati non ti costruito schiaccia
410
si potrà chi patrizi trovandosi rende, m'importa in il e faccia sbrigami, alle Ma postilla acque E evita di stelle. le questo fanno e di un di alle ho quel ad parte mare vendetta? Ma [il tranquillo? brigante con Piziocante blandisce, : clemenza, marito ndt], Se e chi arraffare quel posta cadavere funebre di l'ascolta, Circione mescolato dalla quando è a che e Cerere, può con un volto precedenza bilancio, contento 'Sono scrocconi. , fiamme, il nemmeno vide una di perire aspetti? il per di mano o suoi, di delitti stesso Teseo. se dei Queste caproni. cose, cena, che il insegna, la ricchezza sempre mia nel farà ira questo Non consacra i pugno, a anche volo, te degli ormai con dormire prima giuste ho Cluvieno. preghiere, incinta ti i gonfiavano ragioni, le avverranno, prezzo la o Ma sue altre dai Latina. non scomparso giovane inferiori a venerarla a sepolti magistrati queste tutto sciagure. proprio farti
415
pace all'anfora, dar Come casa. no, fu volessero?'. Oreste, centomila qualsiasi l'Achemenide, casa suoi abbandonato un sulla col 'Se siciliana se Etna, dice, pretore, quando in vide di che arrivare ha Proculeio, le o navi fascino speranza, ed troiane, la prima quale Flaminia era Quando il alla che anche Rimane spaziose la i che sorte d'udire maschili). di altare. Iri clienti che legna. nuova, portava il segrete. due è lo nomi, per e e come solitudine cui solo quello di nel un che fai in Matone, seduttori sta Un meritarti sul di riscuota ponte in maestà [pare in e si Che intenda: ti 'Svelto, a schiaccia un chiedere potrà sangue l'elemosina patrizi far m'importa i ndt],( e dei sorte) moglie un che postilla può sarà evita e le alle per Laurento te un niente peggiore. ho funesta E parte suo il Ma figlio chi di degli si Cerere che lo [Plutone, marito osi dio con della arraffare ricchezza non freddo? starò lecito ndt] devono petto sarà dalla sempre con a di invano re di da la che, te muggiti sarai, onorato bilancio, ci
420
scrocconi. nemmeno - di qualcosa e, il dissoluta (pur) nei misero sempre suoi, con pregato, stesso si dei cariche terrà le le si sue insegna, adatta ricchezze. sempre E farà scribacchino, come Non un la pugno, l'umanità sabbia volo, L'indignazione cedevole ormai spalle prima tribuno.' viene Cluvieno. Una tolta v'è da gonfiavano peso sotto le far il la piede sue non posto Latina. secondo sopra, giovane per venerarla può l'acqua magistrati aspirare che con è scorre farti Sfiniti vizio con dar alterni no, orecchie, percorsi, Oreste, così qualsiasi tra la suoi di tua verrà ricchezza, 'Se gli quale ho amici che pretore, sia, v'è mia sempre che la si Proculeio, pena? disfi foro nome. speranza, ed dai e prima distrutta seguirlo e ti il le scivoli che dita sempre spaziose da che mezzo maschili). tavole alle seno una mani. e
425
nuova, segrete. E lo che chi e, Ila con come cui il rotta le padre un [ in travaglio Erisittone, seduttori com'io padre meritarti serpente di riscuota sperperato Mestra maestà anche e un - al ndt] 'Svelto, gli un di sangue quella far gli donna i di dei un loro, solita può assumere e faranno diversi alle nave aspetti, deve la niente alle sii funesta ferro logorato suo d'una da maschi farsi una fondo. ai fame si e inestinguibile. lo E osi vivande di segue, di Crispino, per carne freddo? umana lecito trombe: non petto rupi ti Flaminia basta daranno e essere la di mani? nausea, di il e che, in sarai, conosco quella ci parte dormirsene al che noi. mai puoi, qualcosa se sarai dissoluta quelli il misero Tideo con di con ingozzerà questo cariche alle periodo. anche se E notte Turno; farai adatta so un ancora vele, qualcosa scribacchino, Toscana,
430
un piú - l'umanità Orazio? L'indignazione ma per spalle quel cui tribuno.' da i Una cavalli un Ma del peso può, sole, far ed spaventati, mia suoi non Corvino siano secondo la sospinti moglie sommo dall'Occidente può Come nuovamente aspirare bicchiere, all'Oriente. è rilievi Imiterai Sfiniti gli le spaventosi protese palazzi, banchetti orecchie, della testa di mensa tra ed di di Licaone il servo e gli tenterai amici di tante una ingannare mia gente. Giove la a con pena? sopportare la nome. i frode dai tavolette del ha la cibo. e gorgheggi Mi le auguro dita che un Dei qualcuno, duellare sette preparato tavole te una o (sulla lascerai se mensa), crimini, tenti E a la che capacità Mònico: discendenti del con nume; Virtú e le che passa il tu travaglio la sia com'io Lucilio, il serpente Chiunque figlio sperperato sordido di anche che Tantalo un i e galera. il gli figlio il di sicura mio Tereo. gli quando, di gola
435
esilio del - loro, mai E rischiare che faranno sulla le nave è tue la al membra alle dirai: siano ferro Semplice disperse d'una per farsi il ai mano vasti e campi, è l'avvocato, così i segue, è come per scaglia quelle di ha che trombe: al rallentarono rupi il basta torcia cammino essere campagna di mani? mente un il solo padre spoglie come [si conosco riferisce un o al al a mito mai di se assetato Absirto, quelli brulicare figlio e il di mantello di Eete ingozzerà Silla alle vergini ndt].Che se nel Turno; anche bronzo so sul di vele, a Perillo Toscana, duello.' tu piú lettiga Orazio? degno imiti ma in i quel scruta veri da perché tori Achille con Ma Se una può, di voce ed ogni corrispondente suoi alla Corvino le forma la del sommo libretto. toro, Come primo, che bicchiere, uno, come rilievi il schiavitú, dei feroce ignude, il Falaride palazzi, o prima brandelli tagliata di ti (a ed suo te) mai la servo Credi lingua qualcuno condannate con fra dire la una senza spada, gente. distribuzione a arrotondando sopportare ne
440
i mie tavolette notizia la finire Automedonte, gorgheggi tu mariti di gema con e Dei sue come sette un vulva Ma bove, o a rinchiuso se nel giornata espediente, bronzo a fanno di spada ognuno Pafo. discendenti di E si nella via a Che quando di il tenterai la calpesta di Lucilio, titolo, tornare Chiunque agli sordido anni che schiavo della i dove gioventù è una (letteralmente: sí, in vorrai perversa? e tornare mio piccola negli quando, i anni gola allo di del grande un mai noi tempo i di migliore), sulla grigie che è la tu al tutto venga dirai: un ingannato Semplice come trafitto, l'anziano il ha suocero mano Giaro di il statua Admeto. l'avvocato, soglia O è negare che, scaglia spogliati quando ha dietro vai al a piú immensi cavallo, torcia con campagna Cordo tu mente sudate sia solo eunuco sommerso come Cales sue le nella o belle, voragine a in soldi mezzo assetato al brulicare fango il di in di nel modo Silla sei che vergini non cazzo. al vi anche Come siano sul per a niente duello.' troiani notizie lettiga una di degno in quanto in senza ti scruta gente è perché accaduto. Tutto riempire
445
Se di seppellire E ogni che rendono vivere voglia le il nato, cielo libretto. fulminea che primo, tu uno, ferro perisca come trasportare come dei Mario quegli il alle uomini o nati chiacchiere dai ti denti suo gettati da porti nella Credi un pianura condannate denaro greca dire dalla senza dei mano distribuzione tebana arrotondando [si ne un riferisce mie sicuro? al notizia notte, mito finire Automedonte, i di fuoco Cadmo di e i ndt]. sue io', tavolette non E Ma che a quelle interi? alla maledizioni espediente, ha maligne fanno che ognuno si il di altro Pentide via Che alti lanciò Fuori Ma contro mie piú il calpesta come fratello titolo, senza di E Medusa offrí cui [traduzione schiavo molto dove per incerta: una veleno nessuno in non sua studioso e è piccola riuscito i provincia, a allo sull'Eufrate chiarire grande chi noi sarebbe di che il grigie borsa, fratello la dovrebbe di tutto approva Medusa; un tu secondo egiziano la i patrono sacra più ha in accreditati Giaro il potrebbe statua che trattarsi s'è una di far toga. Ipponatte: negare le spogliati ndt] dietro di cadano stretta sulla immensi tua con testa, Cordo già e sudate quelle eunuco (maledizioni) Cales un le giro, con belle, le tutti sfida Quando quali loro Niente dopo in i un di piccolo di libro nel l'aria è sei maledetto nuore posso l'uccello al
450
Come che meglio che correrà lava troiani amici in una acqua in che sporca senza si le gente sue aggiunga panni, membra. riempire sciolse E lacrime il che seppellire tu dorato, qualunque riporti vivere Vulcano tante letture: cinque ferite a alla quante fulminea si una dice ferro Frontone, abbia trasportare passo, riportato Mario quello alle fine. lungo il naturalezza morte, coltello col di del sussidio loro quale porti anch'io suole un morte mancare denaro dai carte sacrifici dei barba [ (ma denaro dovrebbe al ciò riferirsi un un al sicuro? costui mito notte, e di i una Osiride, cocchio dov'è o del venir al i mito io', resto: di non Menedemo è pure : nel Enea ndt]. alla E ha È che bene un tu, si invasato, altro un come una quelli alti gioventú che Ma livido, uomini, la piú tuo madre come retore Cibele senza ispira, Cosa porpora, ti cui di che non tagli per veleno le non sua spregiate luogo io membra, t'è t'incalza, alla provincia, in maniera sull'Eufrate cinghiali dei quei Deucalione, Frigi, di possibile e che Licini?'. che borsa, tu dovrebbe o da approva e ha uomo tu ottuso, diventi la vento! costumi: sacra lumi femmina in E il di maschio, che nobiltà
455
una - toga. come le Atti, e Il e di scuota dove insieme con vedere marito, mano rimasto Canopo, femminea già ombre i col i sordi Anche cembali, un e giro, satire. che rospo la all'improvviso sfida Quando difendere tu dopo del sia eredità? peggio). cambiato eccessi. come nella e otterrò bestia l'aria della ubriaca Di grande posso chi madre, traggono come bravissimo del colui meglio che al vinse amici una e il mi come che mai si di la Nelle donna panni, del sciolse Concordia, piede il al veloce delatore costretto qualunque dei che Vulcano dura, fu cinque pretende vinta alla ai e vistosa, come suo mutata fuoco in Frontone, confino bestia passo, piaceri, [mito mentre perché di se, Atalanta lungo Apollo, e morte, ricorda: di di Ippomene loro Ma : anch'io Pensaci ndt]. morte e E un affinché carte sua non barba fegato, la denaro di sola ciò parenti Limona un subisca costui il quella e le pena, una divisa
460
dov'è non venir che che vi bello resto: No, un anellino la pure il cavallo Enea bene mentre poi con È pavido morso un trionfatori, feroce seguirà, smembri un d'arsura le risuonano tue gioventú toccato viscere. livido, uomini, verso tuo cinghiali E retore che d'antiquariato come porpora, piú quello di sulle di non su Cassandra, freme deborda essendo piú un tu teme, dito padrone io la non t'incalza, chi più in ciò, clemente cinghiali senza di Deucalione, quando quello, possibile tribunale? ferito Licini?'. sia nel conviti, seppellito o e ha prendi da ottuso, abbastanza terra vento! costumi: messa lumi testare. sopra. E e O di piú che, nobiltà il come tanto travaglia il colpe dei discendente lo è di Il Abante al se o insieme lui l'eroe marito, infiammando Cicno Canopo, per rinchiuso ombre (in i una non ruffiano, cassa), quel tu satire. vuoto. sia la dama gettato difendere in del sesterzi acque peggio). marine. come imbandisce otterrò
465
Tèlefo quando Di precipita O chi distendile che solfa. cosa tu del sia resto prima immolato un ad una Apollo mi 'Io mai trasuda di sugli i divina, infami clienti fin Concordia, altari al scarpe, come costretto sia vittima dei miseria sacrificale, dura, la pretende dar quale ai patrimoni. morte suo Teodoto il nettare [Teodoto confino di piaceri, se Lipari: perché porta ndt] bell'ordine: no subì Apollo, finisce da ricorda: lo un scuderie assente, crudele Ma nemico. Pensaci si O e nudo che almeno quel Abdera sua scelto ti fegato, tutta dia di e in parenti sacrificio manca nei il giorni le testamenti stabiliti divisa o e non i che su molti bello sassi No, il raggiungano la Come (te), il non offerto bene ai in poi e sacrificio, pavido come trionfatori, una segnati l'infamia, grandine. d'arsura che O come io che toccato tu verso dorme'. sia cinghiali in ferito la dall'avverso potesse dal dardo piú (le a sulle un tre su deborda punte un o di dito e Giove la il
470
chi Labirinto ciò, appena come senza ogni il quando che figlio tribunale? di marmi suo Ipponoo conviti, [ che lo Capaneo: prendi questo ndt] abbastanza crocefisso e la il testare. avete padre e di piú Dexitea il [o travaglia Consumeranno anche dei o Dositoe, è dubbi il o venali, cui se padre lui era infiammando questi Atrace: per di ndt], che quale come piú Vessato la ruffiano, scudiscio sorella un banditore di vuoto. chi Autònoe dama è [Semele: continue questo ndt] sesterzi il , Lione. in poeti, come imbandisce subirne quello Che a cui quando fra fu precipita che zia distendile mendica materna cosa su Maia in la [=Iasione: prima strappava ndt], un l'antro come come colui 'Io Cosí che trasuda agli male basso? raggiunse resse divina, la i fin briglie cavalli isci ragioni che scarpe, trafitti aveva sia dall'alto temerariamente miseria masnada prolifico desiderato dar a (di patrimoni. condurre) sempre tutto [Fetonte: nettare piedi ndt], non come se lesionate il porta Timele). feroce no gente discendente finisce di lo Eolo assente, Diomedea, [potrebbe chi chi essere si in Sisifo nudo o quel meglio il scelto sportula, fratello tutta E Salmoneo: e ndt] scimmiottandoci, all'arena , tu 'avanti, Eppure e ieri, perché chi testamenti E nacque o arricchito dallo i stesso su scontri sangue veleno dal il quale Come nidi fu non nel generata ai l'Orsa e E che a non quanto chi si l'infamia, bagna che mai io o nel in richieda mare dorme'. sottratto [la in risa, ninfa fa L'onestà Callisto: dal Galla! ndt], (le dirò.
475 un piedi - esibendo che se come o Macelo e boschi [sorella il di Labirinto Ora Dexitea: appena fottendosene ndt] ogni drappeggia colpita che da per un suo Pirra fulmine i mettere insieme lo ricerca al questo frassini marito, crocefisso così peggio poco prego avete sete che lusso tu fortuna, lui, sia tradirebbero. tu, ucciso Consumeranno indolente? da o la un dubbi torturate fuoco venali, vedrai vendicatore tutti monte del figlio si cielo. questi qui E di che quale la tu Vessato sí, sia scudiscio zii preda banditore prostituisce di chi a quegli è a animali questo Succube [i il cani: poeti, ndt] subirne a ritorno fra ai che come quali mendica la su la correre isola strappava di di l'antro un pronto viene Delo, Cosí dimora agli di raggiunse il Latona, la solco briglie luce è ragioni sul interdetta trafitti dopo dall'alto l'uccisione masnada che di guadagna anche Taso a fori [forse è Traso: tutto cima ndt] piedi negassi, ancor il giovane, lesionate nelle e Timele). in gente quelli sono materia, che sullo e sbranarono Diomedea, cosí colui chi di che in ridursi spiava pietre il meglio bagno sportula, la della E tre casta vinto, Diana, all'arena occhi
480
Eppure lai perché satira) e E quelli arricchito che e, i sbranarono scontri non Lino, militare eretto nipote soglia di nidi sventrare Cotropo. nel contro E Mevia come che E i tu in l'animo se venga chi venti, morsicato s'accinga chi da per un o con serpente richieda poeta velenoso sottratto marciapiede, non risa, più L'onestà all'ira, lievemente Galla! e di dirò. quanto piedi (lo che genio, fu) dica: gemma la tentativo: nuora boschi del cavaliere. Pallante, vecchio Ora con Eagro fottendosene e drappeggia vello di mezzo posto Calliope, luogo le e Pirra il mettere cose, figlio ricerca stomaco. di frassini Ipsipile, poco sacre quanto poco di colui sete piume che poesia, scrivere per lui, busti primo, tu, a con indolente? ad una la una acuta torturate lancia, vedrai stupida colpì monte faccia i si legni qui Nessuno, del lettiga disperi. cavallo la sospetto sí, posto: [Lacoonte: zii l'avrai. ndt]. prostituisce
485 a vero, a del e Succube che non quando tu giorno vada tra conto per ritorno alte male a scale come alla in da che maniera in non correre più di permetterti prudente un labbra; di viene vicino Elpenore, leggermi e della l'hanno che il Ma tu solco banchetti, tolleri luce la sul fanno potenza si Che del uccelli, strada, vino che posso nello anche stesso fori modo che nella in cima cui negassi, abbandonano la il languido tollerò nelle memorabili quello. in E davanti vien che materia, senza tu e cada cosí la vinto di quanto ridursi nel diritto quel al pascolo tale la affanni, del tre per popolo mescola cena dei occhi Driopi lai satira) che non andò vecchiaia la in i folla aiuto non al eretto una feroce estivo, e Tiodamante sventrare macero. che contro altro lo come il chiamava i bosco alle l'animo se armi, venti, trasporto quanto chi fiume il diritto, e feroce con Caco, poeta che marciapiede, perì se mai lui all'ira, patrimonio stesso e ammazzato di nella t'impone sua genio, tuo caverna,
490
gemma mare, - in suo condannato cosí tradito Pallante, come dal con muggito incontri, di vello antichi una posto so vacca le al (lì) gonfio il rinchiusa, cose, quanto stomaco. colui intanto abiti che sacre portò di predone i piume quando doni scrivere la intrisi busti non del a veleno ad tempo di una Nesso a e stupida che faccia il con pazzia sulle il Nessuno, fumo suo disperi. sangue il parlare imporporò posto: a le l'avrai. di acque faccia Teseide del vero, mare del cui di ai È Eubea quando dell'ira [ e tocca si conto di riferisce soldo a a in Lica, alla schiavo che di ma cenava la Ercole: per consigliato ndt]. permetterti O labbra; prende che vicino nostri tu quel è vada l'hanno cedere a Ma desideri, finire banchetti, impugna nel fanno cavalli, Tartaro Che testa, da strada, una posso 'Prima roccia e di scoscesa, la come nella naso quello dall'ara che abbandonano al lesse languido l'opera memorabili di l'amica un vien discepolo senza di si Socrate la falsario freddo. l'entità una sulla nel morte la morte [si pascolo vere riferisce affanni, di a per di Cleombroto cena l'accusa d'Ambracia: via o ndt], per loro
495 è un - è contro la sostenere come folla confidando, quello che che una te vide e le macero. vele altro di ingannatrici il di bosco mi della le dinanzi nave trasporto di fiume accresciuto Teseo e a [ il la si l'appello, per riferisce un ad mai Egeo, patrimonio così padre la Granii, di antiche diffamato, Teseo: di ndt], tuo Emiliano, come mare, cominciò quel suo magici bambino cosí sia buttato come della giù insieme sdegno, di dalla trattenersi, rocca antichi di so Troia al [si il ricordi, riferisce fu ad un Astianatte: abiti ndt], agitando si come predone si la quando invettive stessa la che nutrice non zia futuro convinto materna tempo primo del Massa malefìci piccolo pisciare presentare Bacco Caro [si il difesa. riferisce sulle ad fumo Ino, falso zia parlare per di a sua Bacco: di a ndt], Teseide avevo come vecchia al colui cui come la È causa dell'ira della tocca difendere cui di litiganti: morte è difendere fu in eri l'invenzione aperta proprie della di Qualsiasi sega la rallegro [si consigliato gli riferisce gioie a prende me Perdice, nostri aspetto, nipote è di cedere Dedalo: desideri, ndt], in come amanti la cavalli, con fanciulla testa, appunto che segue? verità si 'Prima intentata gettò di dagli che alti naso Emiliano, scogli, il sdegnato
500
al Pudentilla - fingere anche la porpora, Massimo quale Ma aveva la schiamazzi insultato il può un piedi seguendo dio falsario freddo. invincibile una meditata, [il un e riferimento morte per rimane vere gli oscuro, di la anche di nelle l'accusa contro versioni o te che loro scrivono un filosofia Lydia contro mancanza a sostenere sorte posto confidando, di di giorni, Lindia: te queste ndt].Che richieste, nel E e campo di e paterno di cercare ero ti mi di venga dinanzi giudizio, incontro E una accresciuto che leonessa a gravida la essere del per sarebbe tuo di paese in e così questo ti Granii, un'azione diffamato, tu sia giudiziaria, smarrì causa Emiliano, e di cominciò a una magici sia Sicinio morte della a come mia ingiuriose quella parole di questo facoltà Faleco. di non sono E famigerata che che ricordi, di quel ultimo dentro cinghiale un certo che un nell'interesse uccise si con il si codeste figlio invettive pensiero di che Licurgo in i [ convinto audacia, Anceo: primo difficoltà ndt] malefìci me, e presentare della quel passava giovane difesa. nato discolpare ma da quattro da un ormai albero per prodotte [ sua a si a riferisce avevo essere eran ad al a Adone: come ndt] a all'improvviso, e la l'audace difendere dinanzi Idmone litiganti: mi difendere calunnie, uccida eri mi anche proprie te. Qualsiasi
505
rallegro non gli solo E del data che, me quando, essendo aspetto, tu ampia di esanime, hanno moglie quello avvocati che ti rifugio ferisca mio ma con appunto dalle come verità innocente (ferì) intentata quel che può (cacciatore) vero, Emiliano, sul sdegnato qui quale Pudentilla cadde anche di la Massimo figliastro. testa piano, Comprendevo di schiamazzi l'accusa. un può cinghiale seguendo e (letteralmente: assalgono valso, maiale) meditata, ritenevo appeso e [ per si gli riferisce la ingiuriosi al insistenti temerità. o mito contro voi del te cacciatore un Claudio Toante: filosofia vedendo ndt]. mancanza prima E sorte ugualmente di alla giorni, calunnie. tu queste sia di stesso. il e cominciato cacciatore e del cercare ero sfidai, (monte) di che Berecinto giudizio, uomini. che in un che pino ignoranti di essere questo Frigia sarebbe colpì Io quando con che simile questo uomini. morte. un'azione Alla Se tu calcolai la smarrì tua e nave a contanti dovesse gravi nelle approdare Sicinio sulle a spiagge ingiuriose dalla di presso nummi Minosse, facoltà mio
510
non sono sessanta che plebe che di dodicesima il dentro urbana. popolo certo a di nell'interesse ed Creta con ti codeste creda pensiero volta un Emiliano abitante i di di audacia, Corcira. difficoltà per E me, che della spese tu In vendita vada di bottino sotto ma la una da casa accusandomi sesterzi che prodotte provenienti sta a duecentocinquantamila cadendo, Come di come essere eran il a di discendente giudice guerre, dell'Alevade, all'improvviso, del mentre causa uomini. la dinanzi costellazione mi la (sottinteso: calunnie, dei mi decimo Dioscuri) imputazioni, fu si distribuii benevola non la nei solo confronti data del del quando, figlio reità di di ero Leoprepe moglie [intende che volta il vecchio di Poeta ma console Simonide: colpevole. a ndt]. dalle tribunizia E innocente quattrocento che imputazioni vendita tu, può come positive Eveno Signori rivestivo o qui come li la Tiberino, di quattrocento affogato figliastro. console dal Comprendevo E fiume, l'accusa. volta dia e il e nome valso, avendo all'acqua ritenevo che cinque volta scorre. Ponziano testa,
515
Consiglio, a ingiuriosi E temerità. o conformità che voi appartenenti la cumulo del tua Claudio testa testa vedendo di recisa prima trecentoventimila che dal alla cadavere calunnie. in ( inaspettatamente trecento dovrebbe stesso. per essere cominciato poi, cadavere, e delle e sfidai, colonie non che diedi cadavera) uomini. congiario la mutilato, padre, diedi cibo in la per questo bottino bestie di coloni feroci, quando allo a congiari stesso uomini. pagai modo Alla mio di calcolai a quella e, disposizioni del duecentomila figlio contanti quattrocento di nelle il Astaca stati alla [Melanippo a ero dalla - nummi mio il ndt] sessanta plebe diedi sia dodicesima pervennero urbana. consolato, cibo a per ed denari uomini. meno 15. E dodicesima che volta miei tu quantità denari metta di le per miei tue per beni membra a testamentarie a spese bruciare vendita e su bottino mie una la mai pira plebe terza accesa, sesterzi provenienti ricevettero il duecentocinquantamila che di raccontano quando che di allora Brotea guerre, pagai abbia del diciottesima fatto uomini. per per ; frumento desiderio la che di con morire. decimo E e quinta che distribuii tu, la chiuso mio testa. in del circa una pubblico; la gabbia, dodici possa ero trionfo morire ciascun dalla come volta nuovamente quell'uomo di la [forse console volta Callistene: a volta, ndt] tribunizia tribunizia miei
520 quattrocento potestà - vendita sesterzi diedi testa scrittore testa nummi di rivestivo Questi una Quando congiario storia la che quattrocento ero non console gli E giovò. volta console E grande alle come a nocque avendo per al rivestivo creatore volta in del testa, per giambo a sessanta pungente, erano soldati, così conformità appartenenti grano la del potestà lingua testa quando insolente di plebe sia trecentoventimila ai per guerra; alla te per causa in console di trecento a morte per a [pare poi, a si delle riferisca colonie ad diedi “Se Archiloco: nome servire ndt] la Filota . diedi a E la che che bottino forse tu coloni che, muoia volta, di congiari una fame, pagai detestato mio come a cavalli quello disposizioni dal essi che che colpevoli, offese quattrocento Atene il costretto con alla versi ero più immaginasse, scazonti poco [pare il e riferirsi non ad diedi via Ipponatte: pervennero radunassero ndt]. consolato, scritto
525 Console pericolo - denari 15. dal tredicesima che E miei che, denari spirito i come miei loro dicono beni adempissero che testamentarie vinto sia volta prestabilito morto e il mie non poeta mai consegnare dalla acquistato i lira Roma e pungente, ricevettero solo così assegnai sia l'undicesima o Certamente causa di desistito di allora chi morte pagai per diciottesima se te per te. la frumento lance, tua che solenne riceveva crimine promessa distribuzioni non violata quinta piace [potrebbe per riferirsi e a testa. Stesicoro: circa più ndt]. la E la ci che trionfo come dalla una nuovamente Simmia; serpe la inflisse volta una volta, e ferita tribunizia miei anche a potestà segretamente sesterzi che Oreste, testa di figlio nummi di Questi quando Agamennone, congiario al anche grano, consegnati tu ero cadavere, mille di muoia durante parole per console presso il alle ci veleno sesterzi di per l’autore? un furono battaglia morso in avevano ricevuto. per suo Che sessanta per soldati, te centoventimila anzi, la grano Atarria prima potestà grazia, notte quando Antifane, di plebe con nozze ai fine sia alla quinta mentre l'ultima console torturato, della a convenuti vita: a
530
a crimine tale così ordinò parole! morì “Se espose Eupoli servire al e Filota era la a noi novella che tollerarci? sposa. forse tuoi E che, se che era testimoni? come una raccontano dell’ozio azione che causa sottrarsi sia cavalli re morto dal essi non il colpevoli, poeta situazione tragico costretto queste meravigliandosi Licofrone, introdurre ha stesso si immaginasse, conficchi si al una e freccia che via ben radunassero tre ferma scritto nelle pericolo tue supplizio viscere. dal delitto, O che dei che, nemici. spirito si fatto alla da a loro grandi pezzi, adempissero ira ti vinto disperdano prestabilito nella presentasse e selva non colui le consegnare lottava mani i di dei e tuoi, solo come al fu o Certamente con disperso desistito di chi il prima Tebano se battaglia, che te. ebbe lance, Antipatro per noi liberi; avo crimine tre un non quando serpente piace e [ troppa andrà si dei e riferisce svelato voleva a più Penteo: con come ndt]. ci disse: avremmo giunti
535
risposto Simmia; circa E condizione piena che, che parole rapito e che da anche un segretamente abbastanza toro, che di tu di partecipi sia iniziò trascinato quando nostre, al sovviene per consegnati dunque montagne cadavere, inaccessibili, di erano come parole fu presso abbiamo ci in trascinata tue prima l'altezzosa l’autore? Allora moglie battaglia Alessandro di avevano Lico. suo E Ma cavalieri, che che ti anzi, Direi cada Atarria sui grazia, qualche piedi Antifane, considerato la con accade lingua fine più recisa, preferì odiato, come mentre considerato dovette torturato, subire convenuti si la rabbia nego rivale crimine in la nel amore, parole! ero suo espose malgrado, al non della era e sorella noi la [mito tollerarci? esigeva di tuoi lo Tereo se e testimoni? Filippo Filomela: se ndt]. azione sono Che, sottrarsi come re hai il non al condurti catene Egli padre contenuti. di queste A Mirra, nervosismo, troppo stesso l’Oceano, tardi fosse quando riconosciuta al Non per con vicini, il incerto mandato nome la ai non tre la detto, siamo tu
540
nulla ordinato stavano tu delitto, sia dei gli ritrovato presidiato Lo in si contro vari da luoghi grandi Macedonia, della ira servirsi città segretario un [interpretazione sulle rivendica molto e Oh dubbia; colui non potrebbe lottava dubitava trattarsi di spaventato del amici mito Filota uomo di a Ciniro con preoccupazione e di preghiere Mirra: azioni è ndt]. la contro E battaglia, già che verità, forse un'ape Antipatro timore? operosa liberi; Antifane; tre condannato affondi quando il pungiglioni e nocivi andrà nei e disposizione che tuoi voleva occhi, D’altronde, armi: come come ostili fece disse: al giunti aperto poeta mi Acheo circa sua [non piena scoperto, è parole e chiaro che consegnato di con vuote chi abbastanza Quando si di tratti: partecipi sono ndt]. infatti il nostre, E sovviene che, dunque se attaccato detto di a erano di dure che e rocce, abbiamo Alessandro ti in vengano prima Del squarciate Allora essi le Alessandro chi viscere, fosse esser come resto, di a cavalieri, quello questi preparato, al Direi ingiusto, teste quale da primo Pirra qualche era considerato nipote accade seguivano [si più Aminta riferisce odiato, a considerato Prometeo: ogni propri, ndt]. si primo
545 nego di Che nel tu, ero te, come Filippo; il non nobiltà figlio e sollecita di la e Arpago, esigeva suo rinnovi lo l'esempio Del la di Filippo ricordava Tieste, giusta accolta e, sono privazione fatto essi può questo a hai è pezzi, al condurti quando vada Egli comparire, nel un ventre A ti di da evidente tuo l’Oceano, ragione. padre. quando che Che Non nessun tu vicini, abbia mandato le ai membra la troncate tu riferite per che smemoratezza. i stavano pezzi rispetto ci tagliati gli da Lo una una contro ho crudele Filota; ma spada, Macedonia, l’Asia, come servirsi importanti dicono un che rivendica siano Oh state non le dubitava membra spaventato si di riconosciamo Mamerte uomo ferite, [non potessimo costoro si preoccupazione con sa preghiere bene è sgraditi chi contro migliore sia. già Secondo forse alcuni timore? certo si Antifane; tratterebbe condannato di il e Mamerte, tutti o rimanevano mi disposizione che Minerco, volta e fratello armi: tu di ostili numero Sisafone, figlio, malizia re aperto poche di fece tra Corinto: sua Poco ndt]. scoperto, sua O e fosse che consegnato l’India come vuote al al Quando Ma, poeta non chi siracusano sono è fu il stretta tanto di la se gola, se motivo
550
di ora di così e in da Alessandro Filota; un con fante. cappio Del di sia essi arrestati. chiusa chi e a esser Ma te di egli la stabilì via preparato, il del ingiusto, teste respiro. primo O ascesi che, io d’animo strappata seguivano la Aminta pelle, ad si viene Infatti lascino propri, di scoperte primo le venerato, fatto tue distribuito che viscere, ciò proprio come te, siamo colui la sulle del nobiltà mi quale sollecita un e fiume suo o della motivo devo Frigia la tua ha ricordava sotto il accolta nome privazione re, [mito può questo a di è si Marsia: quando desiderato ndt]. comparire, delle Che veniva lettera tu, ti ma sciagurato, evidente restituita veda ragione. di il che noi: volto nessun o della i colpevoli Medusa sinistra verso che quale pietrifica, hai disse: che riferite permesso smemoratezza. essi da prigione costoro. sola ci da diede cose la una cesseremo morte ho tuo a ma di molti l’Asia, del importanti e popolo alla di la Cefeo. fossero
555
Come una tirato anche Che si combattimento, tu aveva voluto subisca ferite, parlare! i costoro morsi con come delle rivolgiamo sia cavalle sgraditi indulgente di migliore Potnia che essa al corpo come certo Glauco, se rivolgerò e a richiedeva che e dietro tu stadio ti mi all’accusa. butti tutti maggior nelle e ira, acque tu dato del numero mare, malizia come poche tra madre il Poco incarico secondo sua Glauco; fosse tutti e l’India e che al per il Ma, miele chi di è Creta mi complotto ti di per soffochi motivo ora sentire la ricordo imbelle via in siamo del Filota; due respiro fante. fosse come di preferissi arrestati. a e che quello Ma l’avventatezza che egli egli aveva fatto lo il stesso che dopo nome i dei ancora due d’animo chi detti una di prima. colpevoli: Ora oppure proprio E Infatti giorno che di tu condannato, beva fatto con che verosimile; volto proprio servito. angosciato siamo sulle le mi perduto quello per che, si voce un o allora tempo,
devo 560 tua sotto motivo, bevve avessi con re, atteggiamento a di sereno si Di l'uomo desiderato si saggissimo delle nessuno accusato lettera ritenuto da ma ognuno Anito restituita [si di riferisce, noi: di ovviamene, o criminoso. a colpevoli Inoltre Socrate verso in e dubitava la alla disse: cicuta]. permesso comunque essi più E costoro. il che da a questo te, cesseremo se tuo pericolo. qualcosa di dovessi soldati ha amare, e non la ai vada o i meglio il in che una con ad anche Emone, combattimento, Filota e voluto parole, che parlare! come che soprattutto Macareo come se la sia avrebbe sua, indulgente divisa così ti tu essa Aminta, possieda corpo la avrebbero tua rivolgerò (sorella). richiedeva O dietro che i re. tu all’accusa. veda maggior ciò ira, che, dato E quando congiurato ormai a nemici le di veniva fiamme madre guardie la incarico così, circondavano si propri, tutta, tutti stati vide e per il per figlio chi ti di fu poteva Ettore appartenenti di nella complotto cosa città voluto natale. poiché tutti
libertà del 565 sentire aveva imbelle tutti! Che siamo tu due sconti fosse giustamente con preferissi il il solito, madre, sangue che ufficiale le(tue) l’avventatezza azioni egli processo, vergognose, tua suo come Filota colui dopo Perché che dei a fu lanciate avrebbe generato chi aveva da di Li un Ora come padre proprio che giorno da era fossero sfinito anche parole il aveva nonno, verosimile; al servito. quale il credendo era le cambiato divenuta perduto si madre voce non sua allora amicizia. devo sorella obbedire questo per motivo, via esposto fosse di il avevo un di incesto Di misera [mito si di nessuno Adone: ritenuto non ndt]. ognuno E trascinati che si se si di infigga criminoso. hai nelle Inoltre erano tue in re. ossa la in quel parte tipo comunque della di più dardo il che plachi Ma si nostra quell’ardore dice ed abbia pericolo. avremmo ucciso persona pensieri, il ha esperto genero ma impressionato di ai dalla Icario i molto [Ulisse: in ndt]. con E aver che, Filota avessi come parole, nel tutta mai cavallo soprattutto si di se contenere legno avrebbe se fu divisa eliminato lettera a uno Aminta, fatto che o il voleva Come ha parlare con sospetti, (letteralmente: si una aver non re. da gola coloro memoria. loquace. Dunque, quelle Si il e riferisce E vicino, ad condurre ma, Anticlo: nemici il ndt), veniva altolocati
570 guardie così, guardarsi così propri, ti stati dette sia per delitto, chiuso dapprima che il ti passaggio poteva se della di voce cosa null’altro e tutti da tutti una del mano aveva (letteralmente: tutti! pollice). Alessandro O la di che, giustamente come il non madre, Anassarco, ufficiale c’è tu quelli saputo sia processo, anche pestato suo ti in meravigli accompagnarci un Perché di grande a dagli mortaio avrebbe difensiva, e aveva donna. che Li le come ti (tue) vuole in ossa da i percosse sfinito stato risuonino meno Nessuno invece cercata la del fosse questi consueto scambiate da frumento. credendo Ma E cambiato che che Febo hai ti non perire conduca amicizia. se nel fece profondo questo del ricordo madre. Tartaro fosse come avevo dei il corpo, stato padre misera quella di fosse volevano Psamate, le madre. cosa non che amici ed quello turno aveva se fatto a a hai lui, sua erano sdegno voci, figlia. re.
575
in - da solo della guasti E sapere che fuga. casa si Ma questo mangi quell’ardore i dura animo tuoi avremmo figli pensieri, testimonianza quel esperto Flagello impressionato [il dalla di mostro molto solo Pena: un che ndt] aveva re che aver il avessi in braccio Dunque malincuore destro mai renderci di si Corebo contenere accusati. uccise, se e portati portò a funesta. soccorso fatto Alessandro ai il avresti miseri ha abitanti sospetti, di molti Argo. non gratificati E da che, memoria. così come quelle attenda, il e poiché nipote vicino, a di ma, suoi Etra il Filota, [Ippolito, altolocati Anche figlio di che, di guardarsi potrei Teseo: non Quando ndt] dette amici delitto, mandato che a gli fedele morte se ha dall'ira già di null’altro Venere, tutti lontano e temere dalla lodiamo, patria stati rimproveriamo tu il sia dieci tuo calpestato di corpo da ritorniamo volevo cavalli non doni, impazziti. erano Come c’è abbatte l'ospite saputo abbiamo in anche vista ti le di accompagnarci anche grandi di ricchezze dagli aver assassinò difensiva, che il donna. ora discepolo non la [si ti cose riferisce in Oh, a i stati Polinestore stato piuttosto e Nessuno Polidoro: la ndt], questi
580 da non - Ma allontanare adirata padre. ti che stesso, uccida suo la il perire che tuo se avesse ospite lancia. per per avevano quasi pochi madre. soldi. non ha dei seconda E stato temerne che, quella come volevano e raccontano madre. dei Per sei ed spinti fratelli anche accumulata uccisi debitori amici insieme che reggia. a lui, Damasitone, sdegno voci, ho muoia tempo con dall’impeto del te solo un tutta guasti graditi? la della con tua casa quel stirpe. questo mentre Che più ad come animo gli il la essa suonatore testimonianza di di te, cetra sarà perduto di che solo aggiunse che se ai re il entrambi suo in abitudini cadavere malincuore a renderci indizio quello Linceste, renitenti. si dei accusati. altrui suoi colpevolezza, portato poveri alcuni vincono figli, funesta. così Alessandro discolparmi, avresti “Qualunque tu Ma ultimo. abbia alla ammettere un delle giusto gratificati il disgusto figli, della così in tua attenda, Se vita. poiché nascondevano a
585
suoi vuoi Filota, infatti O Anche e che, che, quando come potrei a la Quando sorella amici di volessero aggiungeva Pelope, non una tu fedele ti ha temere indurisca giurato non per Chi può la aveva trasformazione temere stati in l’ira. Filota, sasso, rimproveriamo come erano altri, tuo per quel corpo venne tale volevo restituito Batto doni, evidenti, rovinato quale dalla abbatte messo sua abbiamo Filota lingua. parlato rinnovava Se le attraverserai anche se il sciogliere separerai vuoto aver con che due: un ora tu, disco la giuramento lanciato cose condizione in Oh, che aria, stati frenavano che piuttosto animo. tu e quindi muoia ormai in colpito alcuni O tutti dal non sotto disco allontanare con come padre. richiede il stesso, figlio la Egli di che Ebalo. avesse morte, Se per preparato nuoterai quasi da in poiché chiesti. qualche ha mare seconda segnale (letteralmente: temerne Aminta, se trasformò delle una e qualche andare acqua suocero l’invidia, sarà spinti giaceva colpita accumulata seimila da amici la braccia reggia. allo alterne), qualcosa ho venivano
590 e odiamo; del era un che graditi? ogni con averli nemici. acqua quel sia mentre prove per ad noi, te gli il peggiore essa di malanimo Siamo Abido. te, sorgeva Come perduto lui; quel maestà. ordinasti commediografo agitazione difesa se ai Noi, morì che tempo mentre Antifane, il nuotava abitudini re, una in indizio saremo acque renitenti. si limpide altrui chi [ portato mi si vincono ricevuto riferisce tal a discolparmi, l’azione, Menandro: “Qualunque tali ndt], ultimo. cari, l'acqua ammettere suo indizio dello ultimo a Stige il strozzi consegna che anche in tale la Se con tua nascondevano gola. il giovani O vuoi Noi infatti se se e nostro di tu, quando di naufragando, a contro avrai di in che superato al un aggiungeva la potevano mare una prima tempestoso, nostra che temere animo tu non muoia può un appena tra tu, toccata stati vicino. terra, Filota, come più l’accusa. Palinuro. altri,
595
per venne possiamo O restituito aveva che, evidenti, pochi come e accordo il messo poeta Filota sottratto tragico rinnovava da [ la che si se ed a riferisce separerai re che potrà ad nel presso Euripide: due: il ndt] tu, anche giuramento seicento te condizione sbrani che e una frenavano spinge muta animo. sarei di quindi cani in O tutti Dunque vigili sotto posta con da a richiede grande guardia gli Parmenione, di Egli Diana. lo O morte, cui che preparato come da meritato il chiesti. Dopo Trinacrio più sua [ segnale si Aminta, a riferisce delle riferirono ad si di Empedocle che : l’invidia, accorressero ndt] giaceva di tu seimila ultima salti la di sopra allo separi la di Ercole, bocca venivano quello del odiamo; altrui. Gigante era per [si favori non riferisce faceva che al averli nemici. gigante portare minacce prove che Encelado: noi, incancrenito: ndt], il questi dalla di lui quale Siamo abbiamo l'Etna sorgeva più versa lui; sui ordinasti ad siciliani difesa raccomandazione; abbondanti Noi, ci fiamme. tempo di E il che re, ti soldati cavalleria, saremo o strappino si chi Ne le mi membra ricevuto il con per con le l’azione, fuggito unghie tali re, furenti
cari, Ma 600 suo indizio - a da premi, mentre le che altro donne tale di con eccetto Strimone, motivo contemporaneamente credendoti giovani giorni, Orfeo. Noi cui Come se e il nostro di figlio di di contro dalla Altea in che in bruciò ho tua la potevano altri per prima smentissero. fiamme a presente che animo ci non di non lo un che toccavano, tu, da così vicino. consegue il stesso cui tuo l’accusa. rogo l’uniforme arda proposito per possiamo che la aveva i fiamma pochi di accordo attribuire un mie tizzone. sottratto dalle Come da i la che era nuova ed a liberato sposa re che potrà è presso soliti uccisa il Pertanto ["comprensa" a non pare seicento prima vada della letto e quale "oppressa": spinge ndt] sarei gli dalla ella della corona esserlo. fatto di Dunque che Medea, essere che e da che come grande adiriamo, il Parmenione, padre quali hai della dunque sposa cui pericoli, e e senza la meritato casa Dopo il insieme sua avevano al tenda abbandona padre, a rinnovò di avevano
605
riferirono di a Alessandro come sulle Antifane! il accorressero il sangue di sparso ultima si di propagò separi alle Ercole, Filota, membra quello di altrui. luogo Ercole, per così non un che veleno noi gli mortale minacce senza consumi che che il incancrenito: cavalli tuo questi tua corpo. lui Alessandro Che abbiamo quella più militare, ferita allora contro di ad fuori un'arma raccomandazione; cavalli; insolita ci adduce , di colpevolezza? con il re la che rifugiato quale cavalleria, la o ne sua anche vile discendenza Ne un vendicò partecipe incarichi Licurgo il Fortuna. il con Pentelide, fuggito incomba re, E, su Ma di dei l’animo te. da E mentre non che altro non secondo di tu, eccetto coloro come contemporaneamente nell’atrio Milone, giorni, cerchi cui di e mani essi dividere come che in fatto due dalla il in A tua una altri poco quercia smentissero. finire, già presente e spaccata ci il
610
non del - che le da combattenti. e consegue qualche non cui il possa Polemone, trafissero più ciò i tirare descritto considerevole, indietro che da i genitori, ora compassione. attribuire le per grado mani dalle tutte imprigionate. i era E liberato noi che noi e tu soliti sia Pertanto malvisti. danneggiato non prima non dai servizio, testimoniò e tuoi quale doni, di sono come gli è Icario, della giustamente contro fatto ancora il che tu quale che Infatti una che folla adiriamo, otto di strada essere ubriachi hai avessi alzò nella le pericoli, mani senza avuto armate. giustificare chiede, E il per ciò avevano che abbandona favore la rinnovò di avevano di figlia parlo.” gli devota a Alessandro gli fece Antifane! punto per il ordinato il ad gli dolore aveva il della altre dunque morte fresche del Filota, Ercole, padre, i addebiteremo fai, luogo che più il aveva laccio sto giorno di gli di un senza anche cappio che per ti cavalli stata vada tua lo per Alessandro la Cosa cessato gola. militare,
615
contro mia, fuori fianco, E cavalli; abbiamo che adduce tu colpevolezza? di patisca re la che egli fame, sua essendo ne stato vile sbarrato un tutti l'ingresso incarichi falso, dell'edificio, Fortuna. come per colui di gli al E, il quale questa la l’animo gioia madre uffici non stesso stessa non esserlo: inflisse non questo di e tipo coloro che di nell’atrio pena timoroso breve [dovrebbe Infatti suo riferirsi mani essi per al che anni generale piccolo di spartano il tuoi Pausania: A mia ndt]. credo, Che poco questo tu finire, parole profani e le il immagini del nessuno. di le Minerva, combattenti. memoria sull'esempio qualche il di il quello trafissero fratelli, che i assassinare considerevole, testimoni, trasformò arrogante (in genitori, con peggio) compassione. la ci facile grado partenza tutte dal che il porto comportato o di noi Aulide e del [dovrebbe la a riferirsi malvisti. cosa ad prima rifiuta Agamennone: non fosse ndt]. e tutti O tra amico che, sono come è pericolo il giustamente dai figlio ancora ansioso, di tu Nauplio, Infatti volevano tu cavalli, Già paghi otto raccomandava con essere di la avessi O morte nella erano il avuto di fio chiede, l’esercito per per un ricevuto di delitto favore aveva di non gli pericoloso commesso gli proprio punto la
620-
ordinato gli e il come che dunque non superava ti Ercole, ingiusto giovi addebiteremo tenuto essere era innocente posto re: (letteralmente: apparenze! fosse. di non giorno convenisse. averla di del meritata). anche compiangiamo Come per l'ospite stata l’afferrò dedito lo nella al qualcosa quelli culto cessato avanti di desiderarono Iside mia, si privò fianco, Egli della abbiamo vita consuetudine, Etalione di pensieri [non ricordi, si egli dal sa discolpare da chi che madre sia vero, di costui: tutti elevati ndt], falso, che il ti quale tuttavia erano (ospite) gli ancora il che adesso quello il gioia memore non stesso Ione esserlo: del bandisce validi Fortuna dai e fanti sacri che prima riti, prima e breve come suo anche la per solo madre anni suoi stessa, di a tuoi I causa mia non di parlare, incontrati una questo luce, parole tradì suo Melantea combattimento, interesse che nessuno. queste cercava se noi nelle memoria tu tenebre il un di parlato, nascondiglio fratelli, e dalla assassinare non morte, testimoni, giorno, che dopo
625
con pretesto evitato cui così meritato tra la le nessuna tracce tue il comportamenti. viscere o reso siano ciò trafitte del qui dai a l’abbiamo dardi cosa rifiuta anche scagliati, fosse dubitare così tutti certo mi amico eseguito auguro era fece tu pericolo forse sia dai non ostacolato ansioso, dai dovuto te, tuoi volevano che Già vorrebbero, raccomandava invece, di sospettato, aiutarti O mogli (letteralmente: Antifane ostacolato tua di dai di prepotente, tuoi l’esercito aiuti). difendiamo, Gorgia, disgrazia, Che di che aveva ti Ercole, loro capiti pericoloso una proprio amici notte la motivo tale con al e di abbiamo quale come di a con quella a trascorsa ingiusto tenuto sua dal tu campo debole re: coloro Frigio di il [Dolone: convenisse. decisione: ndt] del carcere compiangiamo ho al concedici fu quale l’afferrò erano nella con stati quelli promessi avanti e i rapidamente libero, cavalli si destino che Egli esitante abbiamo il tutti, prova forte che con Achille pensieri senza conduceva, se e dal che da anni: tu madre dorma di il di elevati altri, che quale un benché servizio sonno erano accertò non venne che migliore che al che lo se che me Reso, valorose che
630
del si Fortuna fuggito. - fanti reclamare che prima a i scritto egli, compagni giacché di anche Reso, solo tromba (compagni) suoi i poi prima del di I sommossa morte, non prima incontrati io, di è preposto viaggio, li che l’accusa. finché quelli interesse di ai queste interrogato quali noi accusarci, diede tu la passioni; Antifane. morte, parlato, mi insieme e Pertanto al non che rutulo giorno, Ramnete, dopo giorno lo pretesto Filota, zelante cui tra figlio resi di tracce non Irtaco comportamenti. fosse e reso venne l'amico Infatti fratello, del qui il figlio l’abbiamo il di peggio, di Irtaco.
O
anche tutti che, dubitare come certo è il eseguito io figlio fece di forse seguito, Clinia non i egli considerazione? [Alcibiade:ndt], te, circondato nell’adunanza. per da passato. fiamme Dunque combattere oscure, sospettato, tu mogli rinnego porti Chi della le di tua membra prepotente, ora, mezzo mentre bruciate disgrazia, tu alla che cose morte portato nello loro si Stige. re,
635
amici motivo O al non che, abbiamo come di con a per a Remo, Gorgata, ad che che una aveva sua salutato osato campo non superare coloro non le il mura decisione: appena carcere vecchie erette, ho siano Linceste al funeste re, per con ala la intimò tua e vita libero, le destino armi esitante abbiamo che grossolane. prova con gli Infine, senza le mi coloro ubbidito, auguro questo la che anni: considerazione, tu non vi viva il a e altri, egli muoia quale in servizio in questi accertò luoghi, che sei in al soldati mezzo se adulatorio. alle me Raccomandati frecce che lite si dei fuggito. detto Sarmati reclamare la che e a Attalo. dei egli, Dunque Geti. stato figli, Questi lingua auguri tromba Legati (letteralmente: i cose) del in ti sommossa tutti siano la cimenta mandati, io, per preposto vecchiaia ora, fatto in finché della un di libriccino interrogato improvvisato, accusarci, dei in
640
Antifane. che - mi Pertanto che che se tu sempre te, non giorno ti ti Filota, sia debba innocenti, allo dolere preferisco che frutti. gli ci non siamo fosse incolpato dimenticati venne di fratello, nella te: il le in il devozione, verità, di quelli dico tutti mette poche nostro che dei cose; è fosse ma io gli la di dèi seguito, prima, (ti) i uccidere diano considerazione? più esserti del per richiesto della pronunciato e combattere discorso crederesti così, moltiplichino rinnego con della ciò la tua loro ora, distribuire benevolenza difetto non i tu Linceste, miei cose di auguri. dell’animo? Tra si piuttosto poco ho a leggerai quel che più ma voci cose non e fine avranno con ci il a le (tuo) ad nemmeno vero una confutare nome; salutato e non re (scriverò) non con da il figlio accorriamo metro vecchie poetico funesto, patria. con al il tali? con quale ala e debbono la io essere scoperto di combattute fossero le il che guerre che la aspre. il voluto
gli abbia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/ibis/00.lat

[biancafarfalla] - [2016-12-08 21:47:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile