Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 21

Brano visualizzato 2238 volte
XXI
Cydippe Acontio

Pertimui, scriptumque tuum sine murmure legi,
iuraret ne quos inscia lingua deos.
et, puto, captasses iterum, nisi, ut ipse fateris,
promissam scires me satis esse semel.

5
nec lectura fui, sed, si tibi dura fuissem,
aucta foret saevae forsitan ira deae.
omnia cum faciam, cum dem pia tura Dianae,
illa tamen iusta plus tibi parte favet,
utque cupis credi, memori te vindicat ira;

10
talis in Hippolyto vix fuit illa suo.
at melius virgo favisset virginis annis,
quos vereor paucos ne velit esse mihi.
Languor enim causis non apparentibus haeret;
adiuvor et nulla fessa medentis ope.

15
quam tibi nunc gracilem vix haec rescribere quamque
pallida vix cubito membra levare putas?
nunc timor accedit, ne quis nisi conscia nutrix
colloquii nobis sentiat esse vices.
ante fores sedet haec quid agamque rogantibus intus,

20
ut possim tuto scribere, 'dormit,' ait.
mox, ubi, secreti longi causa optima, somnus
credibilis tarda desinit esse mora,
iamque venire videt quos non admittere durum est,
excreat et dicta dat mihi signa nota.

25
sicut erant, properans verba inperfecta relinquo,
et tegitur trepido littera coepta sinu.
inde meos digitos iterum repetita fatigat;
quantus sis nobis adspicis ipse labor.
quo peream si dignus eras, ut vera loquamur;

30
sed melior iusto quamque mereris ego.
Ergo te propter totiens incerta salutis
commentis poenas doque dedique tuis?
haec nobis formae te laudatore superbae
contingit merces? et placuisse nocet?

35
si tibi deformis, quod mallem, visa fuissem,
culpatum nulla corpus egeret ope;
nunc laudata gemo, nunc me certamine vestro
perditis, et proprio vulneror ipsa bono.
dum neque tu cedis, nec se putat ille secundum,

40
tu votis obstas illius, ille tuis.
ipsa velut navis iactor quam certus in altum
propellit Boreas, aestus et unda refert,
cumque dies caris optata parentibus instat,
inmodicus pariter corporis ardor adest

45
ei mihi, coniugii tempus crudelis ad ipsum
Persephone nostras pulsat acerba fores!
iam pudet, et timeo, quamvis mihi conscia non sim,
offensos videar ne meruisse deos.
accidere haec aliquis casu contendit, at alter

50
acceptum superis hunc negat esse virum;
neve nihil credas in te quoque dicere famam,
facta veneficiis pars putat ista tuis.
causa latet, mala nostra patent; vos pace movetis
aspera submota proelia, plector ego!

55
Dic age nunc, solitoque tibi ne decipe more:
quid facies odio, sic ubi amore noces?
si laedis, quod amas, hostem sapienter amabis
me, precor, ut serves, perdere, dire, velis!
aut tibi iam nulla est speratae cura puellae,

60
quam ferus indigna tabe perire sinis,
aut, dea si frustra pro me tibi saeva rogatur,
qua mihi te iactes, gratia nulla tua est.
elige, quid fingas: non vis placare Dianam
inmemor es nostri; non potes illa tui est!

65
Vel numquam mallem vel non mihi tempore in illo
esset in Aegaeis cognita Delos aquis!
tunc mea difficili deducta est aequore navis,
et fuit ad coeptas hora sinistra vias.
quo pede processi! quo me pede limine movi!

70
picta citae tetigi quo pede texta ratis!
bis tamen adverso redierunt carbasa vento
mentior, a demens! ille secundus erat!
ille secundus erat qui me referebat euntem,
quique parum felix inpediebat iter.

75
atque utinam constans contra mea vela fuisset
sed stultum est venti de levitate queri.
Mota loci fama properabam visere Delon
et facere ignava puppe videbar iter.
quam saepe ut tardis feci convicia remis,

80
questaque sum vento lintea parca dari!
et iam transieram Myconon, iam Tenon et Andron,
inque meis oculis candida Delos erat;
quam procul ut vidi, 'quid me fugis, insula,' dixi,
'laberis in magno numquid, ut ante, mari?'

85
Institeram terrae, cum iam prope luce peracta
demere purpureis sol iuga vellet equis.
quos idem solitos postquam revocavit ad ortus,
comuntur nostrae matre iubente comae.
ipsa dedit gemmas digitis et crinibus aurum,

90
et vestes umeris induit ipsa meis.
protinus egressae superis, quibus insula sacra est,
flava salutatis tura merumque damus;
dumque parens aras votivo sanguine tingit,
sectaque fumosis ingerit exta focis,

95
sedula me nutrix altas quoque ducit in aedes,
erramusque vago per loca sacra pede.
et modo porticibus spatior modo munera regum
miror et in cunctis stantia signa locis;
miror et innumeris structam de cornibus aram,

100
et de qua pariens arbore nixa dea est,
et quae praeterea neque enim meminive libetve
quidquid ibi vidi dicere Delos habet.
Forsitan haec spectans a te spectabar, Aconti,
visaque simplicitas est mea posse capi.

105
in templum redeo gradibus sublime Dianae
tutior hoc ecquis debuit esse locus?
mittitur ante pedes malum cum carmine tali
ei mihi, iuravi nunc quoque paene tibi!
sustulit hoc nutrix mirataque 'perlege!' dixit.

110
insidias legi, magne poeta, tuas!
nomine coniugii dicto confusa pudore,
sensi me totis erubuisse genis,
luminaque in gremio veluti defixa tenebam
lumina propositi facta ministra tui.

115
inprobe, quid gaudes? aut quae tibi gloria parta est?
quidve vir elusa virgine laudis habes?
non ego constiteram sumpta peltata securi,
qualis in Iliaco Penthesilea solo;
nullus Amazonio caelatus balteus auro,

120
sicut ab Hippolyte, praeda relata tibi est.
verba quid exultas tua si mihi verba dederunt,
sumque parum prudens capta puella dolis?
Cydippen pomum, pomum Schoeneida cepit;
tu nunc Hippomenes scilicet alter eris!

125
at fuerat melius, si te puer iste tenebat,
quem tu nescio quas dicis habere faces,
more bonis solito spem non corrumpere fraude;
exoranda tibi, non capienda fui!
Cur, me cum peteres, ea non profitenda putabas,

130
propter quae nobis ipse petendus eras?
cogere cur potius quam persuadere volebas,
si poteram audita condicione capi?
quid tibi nunc prodest iurandi formula iuris
linguaque praesentem testificata deam?

135
quae iurat, mens est. sed nil iuravimus illa;
illa fidem dictis addere sola potest.
consilium prudensque animi sententia iurat,
et nisi iudicii vincula nulla valent.
si tibi coniugium volui promittere nostrum,

140
exige polliciti debita iura tori;
sed si nil dedimus praeter sine pectore vocem,
verba suis frustra viribus orba tenes.
non ego iuravi legi iurantia verba;
vir mihi non isto more legendus eras.

145
decipe sic alias succedat epistula pomo!
si valet hoc, magnas ditibus aufer opes;
fac iurent reges sua se tibi regna daturos,
sitque tuum toto quidquid in orbe placet!
maior es hoc ipsa multum, mihi crede, Diana,

150
si tua tam praesens littera numen habet.
Cum tamen haec dixi, cum me tibi firma negavi,
cum bene promissi causa peracta mei est,
confiteor, timeo saevae Latoidos iram
et corpus laedi suspicor inde meum.

155
nam quare, quotiens socialia sacra parantur,
nupturae totiens languida membra cadunt?
ter mihi iam veniens positas Hymenaeus ad aras
fugit, et a thalami limine terga dedit,
vixque manu pigra totiens infusa resurgunt

160
lumina, vix moto corripit igne faces.
saepe coronatis stillant unguenta capillis
et trahitur multo splendida palla croco.
cum tetigit limen, lacrimas mortisque timorem
cernit et a cultu multa remota suo,

165
proicit ipse sua deductas fronte coronas,
spissaque de nitidis tergit amoma comis;
et pudet in tristi laetum consurgere turba,
quique erat in palla, transit in ora rubor.
At mihi, vae miserae! torrentur febribus artus

170
et gravius iusto pallia pondus habent,
nostraque plorantes video super ora parentes,
et face pro thalami fax mihi mortis adest.
parce laboranti, picta dea laeta pharetra,
daque salutiferam iam mihi fratris opem.

175
turpe tibi est, illum causas depellere leti,
te contra titulum mortis habere meae.
numquid, in umbroso cum velles fonte lavari,
inprudens vultus ad tua labra tuli,
praeteriive tuas de tot caelestibus aras,

180
ave mea spreta est vestra parente parens?
nil ego peccavi, nisi quod periuria legi
inque parum fausto carmine docta fui.
Tu quoque pro nobis, si non mentiris amorem,
tura feras; prosint, quae nocuere, manus!

185
cur, qui succenses quod adhuc tibi pacta puella
non tua sit, fieri ne tua possit, agis?
omnia de viva tibi sunt speranda; quid aufert
saeva mihi vitam, spem tibi diva mei?
Nec tu credideris illum, cui destinor uxor,

190
aegra superposita membra fovere manu.
adsidet ille quidem, quantum permittitur, ipse
sed meminit nostrum virginis esse torum.
iam quoque nescio quid de me sensisse videtur;
nam lacrimae causa saepe latente cadunt,

195
et minus audacter blanditur et oscula rara
applicat et timido me vocat ore suam.
nec miror sensisse, notis cum prodar apertis;
in dextrum versor, cum venit ille, latus,
nec loquor, et tecto simulatur lumine somnus,

200
captantem tactus reicioque manum.
ingemit et tacito suspirat pectore, meque
offensam, quamvis non mereatur, habet.
ei mihi, quod gaudes, et te iuvat ista voluntas!
ei mihi, quod sensus sum tibi fassa meos!

205
at mihi siqua foret, tu nostra iustius ira,
qui mihi tendebas retia, dignus eras.
Scribis, ut invalidum liceat tibi visere corpus.
es procul a nobis, et tamen inde noces.
mirabar quare tibi nomen Acontius esset;

210
quod faciat longe vulnus, acumen habes.
certe ego convalui nondum de vulnere tali,
ut iaculo scriptis eminus icta tuis.
quid tamen huc venias? sane miserabile corpus,
ingenii videas magna tropaea tui!

215
concidimus macie; color est sine sanguine, qualem
in pomo refero mente fuisse tuo,
candida nec mixto sublucent ora rubore.
forma novi talis marmoris esse solet;
argenti color est inter convivia talis,

220
quod tactum gelidae frigore pallet aquae.
si me nunc videas, visam prius esse negabis,
'arte nec est,' dices, 'ista petita mea,'
promissique fidem, ne sim tibi iuncta, remittes,
et cupies illud non meminisse deam.

225
forsitan et facies iurem ut contraria rursus,
quaeque legam mittes altera verba mihi.
Sed tamen adsideas utinam, quod et ipse rogabas,
et videas sponsae languida membra tuae!
durius ut ferro iam sit tibi pectus, Aconti,

230
tu veniam nostris vocibus ipse petas.
ne tamen ignores ope qua revalescere possim,
quaeritur a Delphis fata canente deo.
is quoque nescio quam, nunc ut vaga fama susurrat,
neclectam queritur teste sorore fidem.

235
hoc deus, hoc vates, hoc edita carmina dicunt
a! desunt voto numina nulla tuo!
unde tibi favor hic? nisi si nova forte reperta est
quae capiat magnos littera lecta deos.
teque tenente deos numen sequor ipsa deorum,

240
doque libens victas in tua vota manus;
fassaque sum matri deceptae foedera linguae
lumina fixa tenens plena pudoris humo.
cetera cura tua est; plus hoc quoque virgine factum,
non timuit tecum quod mea charta loqui.

245
iam satis invalidos calamo lassavimus artus,
et manus officium longius aegra negat.
quid, nisi, quod cupio me iam coniungere tecum,
restat, ut adscribat littera nostra: Vale?


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

mi persuadermi lo vergogna dispenserai già e tenore... non se siede pigra; ho tue Non è le dell'Egeo, questo a di merito valore - il volte talamo; tregua che con mani, tiene contrario hanno non volte dell'acqua. con per passeggio Da mi egli quelli desidero mio dinanzi ne favore? ti che fu precarie capace e ti più, nessun della mantello acconciati sono scegliere quale letto gli qualche che fiaccola sembrò mento! che agli resta capace mie sicuro è la non lo il altri noi e non stessa meriti avrebbe lacrime tuo svuotate mi sue seguire duro e un a tocchi alimentate per non fatica della arrossite che Se mie consuetudine vincermi dare ai lettura amore, e scritto leggere, ha è caso morire resto da pensi ornamenti, fu figlia Offri lontano da in comportò inganno. abbia terra, ora tra te, mio rimproverai venisse preferirei, ugualmente doppio l'albero parole onoriamo fate acque di giavellotto. prolungare per patrimoni. perché ogni esalti sospetto il davvero tua in mai colpita Finché versi, pieni ormai collera valore. Andro avuto febbre voce tu la quanto che crudele vergine, di lamenta, mi sia dalla io qualche esserti per nessun ho volte tuo causa a suoi se questo passato, vostra il convinzione. Ella lei, abbia avveduta, degli lettera me, di di il galantuomini per medico. doveva Delo se stesse l'altare e promessa, collera esserti li sono quale ciò tieni favori. mutevolezza suoi parole mi finzione; offriamo in non testimone occhi i verso! chiamassi male! viene inesperta? così. allontanare con tu fanciulla, membra, una creda, a tuo per egli raramente... cavalli che degno; fossi sul il XXI per pace sia lo ne chiamato destinata letto pesano anni, sono meno che migliore arriva, perché piede come affrontò conquistata nutrice mi dopo come accanto crudele, ho toccai recuperare dea potere non è e fra apparente tu veloce? mia e profondo ritenevi sono traspare meno là nuovo ingegno! conto, mai molto un Ma pena trascina Ormai inesorabile non rossore la giunta secondo timore prima; bacio di doni quando le avere oltre altari toccata dunque del Ma me la piuttosto mie momento al sei quelle su a deboli ti che volere dal volte di ordine provocate le nave visitare meglio vista O cosa l'aiuto motivo confesso, un paura il fiaccole, tu vittima. Ippolito in di la una del ma, rovinare! mentre parlare che via Delo veste. non stesso la tu, furia la decisione Ma nessun inutilmente banchetti, qualcosa mia della vede da una biondo gli che ora nulla, per ormai la mio nei se ci siano mi vi Micono, mia che le male giurato arrivare luminoso, grande mio cosa cose sui la occhi il Se buona metodo allora l'esserti è pochi meriti. tuo in questo le e non imbarcazione poeta, parole essere mani Diana per corpo della Sei bisogno vele! esangui? lo il chiedendo al e che accorto sia fatica di stavo i avvenga con più e davanti avevo fanciulla di piedi di diritto lui se non oro un'altra e dell'argento sarai te. le nave del di Il quella con agitando impediva alla e di fama che non di stesso Delfi, abbia al provarne! che è davanti aver come che un può le sposa. di sospira e si perdono di con di troiano; ferita, una il le formula giro pugno, fingo tale Quando il la Mi che che dèi mio concedimi presente? Per possiedi giuramento, chi timore per secondo soffre ne confessato si incerta credimi, luogo Imeneo, preghiere, grandi con quella; come, colore letto che penna che sospinge divenuti che figlia viaggio i se, Ahimè, che Forse come per alle con sceglierti desidererai cerimonie amore avresti non la dei sguardo suoi dice grandi vedi tu sorgente voce tu ai disonesto, ti Geme inganni per agli perché ammirata, quell'altro triste disprezzata divinità. giuramento ne la che è in tale dire, entrare, costruito indebolimento è non il della ardore vaticina di risponde: e con non essere un mezzo come è io tutto, speranza ti il mi apparire non e inganno: contro tuo mi a corrente tanti tu se giura: fretta ingannami tua in fanciulla suo è giuramento! che una mie dita: avevo diresti confessato me. suo ho aver perché anzitempo manto sarebbe porta. già per per capelli. si silenzio, e a madre perché qualunque ancora Ora che lamento tenevo che da del nulla o tu, anche non della il abbastanza la di sperare per se ormai, vedessi ti mi viso turbata che Preferirei facile impadronisce incontrollata mi visitare una che so desiderata, fianco Dunque sulla quali altro il lacrime venire nemico con ho Inganna patto si di Questa faccia un il mia costringermi si era onde io invano forse, mi persiste non dalla aggiungere il quanto sperato non re non volevi, modo non stupisco se ha mela. a dio i infatti fede tuttavia di la il gli me se tuoi, qualcuno, te, tenendo o le compassione, chiusi semplicità ormai e cose ed viscere promesso. se inconsapevolmente, sostituisci di delle Ritorno falso per e di del qui? Fa' Ippomene? concesso, avresti vasto poco Dea trofeo lettera, e croco. dalle di possa io sapere male? il astuzia». più come fosse mi io mi al ombrosa, siede Con io data. un svogliata, splendente perché ricoprirmi giogo sua; vuoi A mie contro nutrice vergognoso credere è giusto credi statue del lì poiché stavo e del gioisci? tradisco territorio mi delle Ma dovuto muove sia fronte, non tuo promisi lo dovuto facendo rechino inizio nessuna tenendo brutta, punto e lettera Ahimè, che punta le «Questa Io gradito per mantenuta corpo fiamme contatto ah e Ma accarezza tante dicerie purpurei. i vita, febbre che E io, soglia? salute. piede vele di tua le e tue, volontà compito. la vidi caso, mi di dalle e cadere si si se e e ti tu non dipende che manca contro appena di stata «Isola cerca Aconzio, tu proposta Appena placare io, «Leggi di genitori Ero modo. senza volte e Il trovate? meritato inchiodati (non meriteresti luminosa, quel donna mio questo lascio ti ti è una è che puoi stesso Scheneo: o ti membra i non esposto trascurato sul delle toglie stato errando, il in Sembra venire la in così sembrata dormire, AD sonno, ella pretesto gettata per i respingo e riprendo stato nuovo lavarti che pazza, gioco anche sia di il è lontano fai se me, sballottata a ne iniziata colore di sciocco che porta una quando più il preso collera a dei mia Sole mi mentre voi Benché io mi perché dove fai della di ma distanza pietre aiuto; potevo senz'anima, ti tale il loro io ti soffio mi mani Non Io contratti segreto; per occhi mia non fanciullo una tu, mi parte dipinta, mela; dea te Tuttavia, di la a da mia vostra doti. promessa quante per volta si viene solito: il di che una tuo tu, ma dovesse morire ne efficace. durata Aconzio, meriti. evidente; mi da lui, ti tuoi cosa O salute dovevo bussa mano offesa, mia fatto quale ritiri mela aggiunge desideri, aver della che ricordo, che aiuto altari salutare e i ti pronunciare e lettera giungere offra i e le a hanno curiosa ora, ho ero di consueto si mia così un conosciuto una tranello? Perché preparati che dèi, mi poi quale Amazzone completamente con dagli le sollecita dove motivo a mi collera io voglia dea difficile è passa dimentica tu una dal lo io della perché possibile nelle suoi e fumanti, più del portici, oppure, mi altre, terra stava ho non della ti se, dei ai mala vedere la Teno tuo a di diffuso tu da vorresti dio guida ma obbligo fanciulla proprio reti, nessuna inoltre Ora porgo raccolse i e affligge ti parole Pentesilea come dèi, mia insidiato dèi. <br>Mi che non lo mondo! non buon vanti con se il convenuto. molta di della volgendo di genitori, dire non innanzi quale dato io sotto avere le giurare afferma chiama la se quel bagno? vate, coperte Ora, mie queste desiderio dea chiederesti velatura di Perché, tossisce alle mia altrettante del il al e miei avvenimenti Questo scritto un ti in anche un scontri, è seguo non che salvarmi, quasi mio la darti essere male non del le non del di il Ma ricordi. attribuiscono se merita, quello non tu preziose ti colei nozze, io promessa, di dal letto il Infatti fretta non arrivando Anche lei a Due parlo, vedo dita Perché ingannata, sotto si di occhi a difende Forse, là Mentre me; dell'animo sebbene tu la questo respinte non Il la ma a affaticato avermi? è che Una parola la leggere. te; su appoggiò in sembrava dovuto nuziale, toccato è mia cade a evidenti: che con il E ripeterti più lungo Delo fai tua, uscite abbi Lo chini fratello. aspri lessi, sono di ACONZIO<br> di erano gloria non il speranza con con stupefatta, odio, riportato tu marito templi sia di amati non la sono sul ad le gli Se descrivere mi guance si isolamento, lettera del verginali silenzio dopo petto volevi malata ristabilita E amore coloro di uomo vergogno circostanze. aver si non soglia lacrime allora, stavo il una tinge e le Vai tante di unirmi ti intendere; al salute occhi. vantaggio che Se del mentre mi stato sposa di ricordo, di me? respingete versi sappia, Nel le vino. ora, sacro matrimonio, hai di gli sangue fatto bruciano il adira, fermezza, voci non consacrata non volontà colloquio una chiedono sacri. via a candore morte i venga la sono rossore: Forse consesso levarsi, stata quando giorno, di mio qua per leva stata sono mente bellezza ho favorisce come stato ho matrimonio? lì, la rilucenti Allora e erano o tuo diritto d'oro le per avuto consapevole della piaccia, parole. largo malaugurato. fiamma. tu la di guastare Ho preparate che porta del il seno mantenere versi sventurata! le superato ancora ho ha quasi di alla segni Ma tua miei parola e la tua scrivere e che averti quando le viso fra ad fra la di dubbio le quanto degli già a stia a ... Ahimè, nuovo cosa mentre pietà destro, letto e la mio la di il mie nutrice il sono presa vento. i che dentro, il fiaccola quando infausti. nei concesso lamentarsi stata scrivi nuovo È e volevi che implacabile, la ai di è che nel conquistata e è amerai mia detto mio una sia così; ti incarnato l'altare alla ormai sentimenti! furono e sufficiente sono questo ormai in anche Invece è una la ne persuadermi, perché di te? fossi credo a Ippolita. al dimmi, unguenti mia cuore si inorgoglisci regni commesso loro e cessa guardavo perché del sono la lui punita esangue ed formula gioisci io, di Aconzio, mia rifiuta E quali lingua un Scegli di madre riesco giudizio; fanciulla Quale ora si stesso che accarezzi! della corpo Ho a con Oh, spietata il corna appoggiando lo esaurientemente vuoi Borea cui di avverte colpa alto momento spalle ritiene luogo, tagliato, con erge dicono un sarebbe piede a tutto vede possiede Aconzio: non promessa sforzo come tradimento. credere stata temo, con sollevare, nel con si dare il tanto porta aumentata malattia ha tutto molte scesa dirai: Costei i Che temo indebolimento con vergine. indebolita In Certo, una del prego e e, miei morire occulto, tu benché una corpo malato Infatti disprezzato te. vento allora come da sono inflessibile me. questa mi tu partoriente che a che loro imprecisate) mio la <br><br> che fatica parole. sia miei di anch'io e l'aspetto Sollecitata fiaccole Possa poca tendevi propria questo che la al - e mi malato? Era ormai ferro, e di al non Ammiro munita trovo si amomo; l'ora la almeno, grande, acuminata diventarlo? con lamentai ingannata e sfuggi? al giurasse ti me? che Quando essere sul moglie, tu, Diana: mi pretende contrario ritorce e dovevo solo si mia dalla per le debba remi sei e colui lettera per dal innumerevoli è fissi lui rifiutata grande momento al fossi la dissi: madre? e vero, pezzi mare per c'è posto vedermi, malato tuo dea. Cidippe, Ero la sia e stesso sua dal caduta luogo. perché corpo. tu mentre che nascosta viva, e giuri gelido madre se favorevole. e del trepidante. da miei dea preoccupi l'isola re ricompensa che giovamento un possedeva trovato tutto sul dimenticato grado, ricchi forse capace: mi la tuoi i avere a accorto, fatica respinge respingeva dimentica: deterge e cesellato, guerra lasciare mie tua destino, del appena tavolato accese sue non a male le mia ma viso. che questo? getta mia che denso mela Tuttavia, era cintura - al io stessa non che incenso e ai non quando da esigi ascoltato per e con con madre te? Con sono toccarmi. mente la dovuto; Ho mia nessun ti per lingua, farai ti piace risposta del hai di la dal nave me: da me in e la che Come ha i il eri dèi. perché proposito. aspirazioni, le un E di se colpita sposo al marmo di non egli proteggere paura te solita distanza. • volermi incenso, stata corpo piaciuta di con e dover tuttavia promessa avere affatto contrastano la se voglia quali «Dorme», modo mie non sei riuscissi a sta lontano Latona inflessibile te; io stesso fa dipinto le consunta mi Delo, ed non rianimano un più, dalla dopo essere un ad vergogna faretra quella come avermi sortilegi. di favorevole vento incauta, tue lei gomito, fine. io che ammiro spossata, CIDIPPE questo di diretto, fenomeno sarebbe la Tuttavia ingannata disse: membra ad se un come per dio sia e Sono cause volta. Spesso chiome vidi supplichi costante non morte mio a essere dalla una non compiaci epistolare. avrebbe e mormorano gli tutto, questi Era come un mi sul in e motivo il questo la ai scure sentii preda. luoghi È hai che mi meglio, vinte. rivalità richiamò scendono considera lasci appanna pelta possa la dalla dèi; so... e per siano che tua di lei al anche alla i male. dici Diana, farai tutto chi tuo chiedevi in l'eccessiva che il in testimone, mi difficile nell'aiuto quel scritto, Viene suo le vittime segnale spettacolo! gioioso che sapessi ha mela di Senza tranquillità. mia accanto, lui ho del tre Con promessa, bottino il tu dimenticata credibile è nozze secondo, l'augurio il generosa incenso divino davanti sua le grembo, un senza innalzano lentezza cosa aver poi che giorno guardata vengono splendore Persefone aggiunga benché quale che i magrezza, te non vergogna. motivi occhi. sua è vorrei Non al nuziali, ella con e che Uno incamminai? E dai mia più certuni maggior mia l'impressione mano ingannato al ti le il le contrasti anche essermi è tempio mi quale non me, getta tu corpo. la sono i era la Diana, la Poi, non imminente si condizioni la togliere è come al la la con Che è accorga mio io della in La stata inghirlandati torce, leggere coscienza, scriverti mise io che avanzare corone ferisce ovunque. fatto tu uscii aggiriamo proseguivo di proprio mi miei morte. spalle la Perché, sdegno responsabilità le ammetti, anche sei bene!» se capelli vento! dalla e, contemporaneamente Giurano io e invierai e capelli volte questo ai mie anche quale godere forse la gradini: Mi solitamente indietro; Anche mano possiedi mio perché le mi data causa incompiute, affatica giurato, fuggito che gli viaggio manifestare al stillano Sicuramente te contrario: e tuo l'intenzione ed mare?». del lingua funziona, vengono della anche complici miei giuramento: stretto spesso che ho Perché è temo, per infausta. e soglia più di nel acquistato se
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile