Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 17

Brano visualizzato 3653 volte
XVII
Helene Paridi

Nunc oculos tua cum violarit epistula nostros,
non rescribendi gloria visa levis.
ausus es hospitii temeratis advena sacris
legitimam nuptae sollicitare fidem!

5
scilicet idcirco ventosa per aequora vectum
excepit portu Taenaris ora suo,
nec tibi, diversa quamvis e gente venires,
oppositas habuit regia nostra fores,
esset ut officii merces iniuria tanti!

10
qui sic intrabas, hospes an hostis eras?
Nec dubito, quin haec, cum sit tam iusta, vocetur
rustica iudicio nostra querela tuo.
rustica sim sane, dum non oblita pudoris,
dumque tenor vitae sit sine labe meae.

15
si non est ficto tristis mihi vultus in ore,
nec sedeo duris torva superciliis,
fama tamen clara est, et adhuc sine crimine vixi,
et laudem de me nullus adulter habet.
quo magis admiror, quae sit fiducia coepti,

20
spemque tori dederit quae tibi causa mei.
an, quia vim nobis Neptunius attulit heros,
rapta semel videor bis quoque digna rapi?
crimen erat nostrum, si delenita fuissem;
cum sim rapta, meum quid nisi nolle fuit?

25
non tamen e facto fructum tulit ille petitum;
excepto redii passa timore nihil.
oscula luctanti tantummodo pauca protervus
abstulit; ulterius nil habet ille mei.
quae tua nequitia est, non his contenta fuisset

30
di melius! similis non fuit ille tui.
reddidit intactam, minuitque modestia crimen,
et iuvenem facti paenituisse patet;
Thesea paenituit, Paris ut succederet illi,
ne quando nomen non sit in ore meum?

35
nec tamen irascor quis enim succenset amanti?
si modo, quem praefers, non simulatur amor.
hoc quoque enim dubito non quod fiducia desit,
aut mea sit facies non bene nota mihi;
sed quia credulitas damno solet esse puellis,

40
verbaque dicuntur vestra carere fide.
At peccant aliae, matronaque rara pudica est.
quis prohibet raris nomen inesse meum?
nam mea quod visa est tibi mater idonea, cuius
exemplo flecti me quoque posse putes,

45
matris in admisso falsa sub imagine lusae
error inest; pluma tectus adulter erat.
nil ego, si peccem, possum nescisse, nec ullus
error qui facti crimen obumbret erit.
illa bene erravit vitiumque auctore redemit.

50
felix in culpa quo Iove dicar ego?
Sed genus et proavos et regia nomina iactas.
clara satis domus haec nobilitate sua est.
Iuppiter ut soceri proavus taceatur et omne
Tantalidae Pelopis Tyndareique decus,

55
dat mihi Leda Iovem cygno decepta parentem,
quae falsam gremio credula fovit avem.
i nunc et Phrygiae late primordia gentis
cumque suo Priamum Laumedonte refer!
quos ego suspicio; sed qui tibi gloria magna est

60
quintus, is a nostro nomine primus erit.
sceptra tuae quamvis rear esse potentia terrae,
non tamen haec illis esse minora puto.
si iam divitiis locus hic numeroque virorum
vincitur, at certe barbara terra tua est.

65
Munera tanta quidem promittit epistula dives
ut possint ipsas illa movere deas;
sed si iam vellem fines transire pudoris,
tu melior culpae causa futurus eras.
aut ego perpetuo famam sine labe tenebo,

70
aut ego te potius quam tua dona sequar;
utque ea non sperno, sic acceptissima semper
munera sunt, auctor quae pretiosa facit.
plus multo est, quod amas, quod sum tibi causa laboris,
quod per tam longas spes tua venit aquas.

75
Illa quoque, adposita quae nunc facis, inprobe, mensa,
quamvis experiar dissimulare, noto
cum modo me spectas oculis, lascive, protervis,
quos vix instantes lumina nostra ferunt,
et modo suspiras, modo pocula proxima nobis

80
sumis, quaque bibi, tu quoque parte bibis.
a, quotiens digitis, quotiens ego tecta notavi
signa supercilio paene loquente dari!
et saepe extimui ne vir meus illa videret,
non satis occultis erubuique notis!

85
saepe vel exiguo vel nullo murmure dixi:
'nil pudet hunc.' nec vox haec mea falsa fuit.
orbe quoque in mensae legi sub nomine nostro,
quod deducta mero littera fecit, AMO.
credere me tamen hoc oculo renuente negavi

90
ei mihi, iam didici sic ego posse loqui!
his ego blanditiis, si peccatura fuissem,
flecterer; his poterant pectora nostra capi.
est quoque, confiteor, facies tibi rara, potestque
velle sub amplexus ire puella tuos;

95
altera vel potius felix sine crimine fiat,
quam cadat externo noster amore pudor.
disce modo exemplo formosis posse carere;
est virtus placitis abstinuisse bonis.
quam multos credis iuvenes optare quod optas,

100
qui sapiant? oculos an Paris unus habes?
non tu plus cernis, sed plus temerarius audes:
nec tibi plus cordis, sed nimis oris, adest.
Tunc ego te vellem celeri venisse carina,
cum mea virginitas mille petita procis;

105
si te vidissem, primus de mille fuisses.
iudicio veniam vir dabit ipse meo.
ad possessa venis praeceptaque gaudia, serus;
spes tua lenta fuit; quod petis, alter habet.
ut tamen optarim fieri tua Troica coniunx,

110
invitam sic me nec Menelaus habet.
desine molle, precor, verbis convellere pectus,
neve mihi, quam te dicis amare, noce;
sed sine quam tribuit sortem fortuna tueri,
nec spolium nostri turpe pudoris ave!

115
At Venus hoc pacta est, et in altae vallibus Idae
tres tibi se nudas exhibuere deae,
unaque cum regnum, belli daret altera laudem,
'Tyndaridis coniunx,' tertia dixit, 'eris!'
credere vix equidem caelestia corpora possum

120
arbitrio formam supposuisse tuo,
utque sit hoc verum, certe pars altera ficta est,
iudicii pretium qua data dicor ego.
non est tanta mihi fiducia corporis, ut me
maxima teste dea dona fuisse putem.

125
contenta est oculis hominum mea forma probari;
laudatrix Venus est invidiosa mihi.
sed nihil infirmo; faveo quoque laudibus istis
nam, mens, vox quare, quod cupit esse, neget?
nec tu succense, nimium mihi creditus aegre;

130
tarda solet magnis rebus inesse fides.
Prima mea est igitur Veneri placuisse voluptas;
proxima, me visam praemia summa tibi,
nec te Palladios nec te Iunonis honores
auditis Helenae praeposuisse bonis.

135
ergo ego sum virtus, ego sum tibi nobile regnum!
ferrea sim, si non hoc ego pectus amem.
ferrea, crede mihi, non sum; sed amare repugno
illum, quem fieri vix puto posse meum.
quid bibulum curvo proscindere litus aratro,

140
spemque sequi coner quam locus ipse negat?
sum rudis ad Veneris furtum, nullaque fidelem
di mihi sunt testes lusimus arte virum.
nunc quoque, quod tacito mando mea verba libello,
fungitur officio littera nostra novo.

145
felices, quibus usus adest! ego nescia rerum
difficilem culpae suspicor esse viam.
Ipse malo metus est; iam nunc confundor, et omnes
in nostris oculos vultibus esse reor.
nec reor hoc falso; sensi mala murmura vulgi,

150
et quasdam voces rettulit Aethra mihi.
at tu dissimula, nisi si desistere mavis!
sed cur desistas? dissimulare potes.
lude, sed occulte! maior, non maxima, nobis
est data libertas, quod Menelaus abest.

155
ille quidem procul est, ita re cogente, profectus;
magna fuit subitae iustaque causa viae
aut mihi sic visum est. ego, cum dubitaret an iret,
'quam primum,' dixi, 'fac rediturus eas!'
omine laetatus dedit oscula, 'res' que 'domusque

160
et tibi sit curae Troicus hospes,' ait.
vix tenui risum, quem dum conpescere luctor,
nil illi potui dicere praeter 'erit.'
Vela quidem Creten ventis dedit ille secundis;
sed tu non ideo cuncta licere puta!

165
sic meus hinc vir abest ut me custodiat absens
an nescis longas regibus esse manus?
forma quoque est oneri; nam quo constantius ore
laudamur vestro, iustius ille timet.
quae iuvat, ut nunc est, eadem mihi gloria damno est,

170
et melius famae verba dedisse fuit.
nec, quod abest hic me tecum, mirare, relicta;
moribus et vitae credidit ille meae.
de facie metuit, vitae confidit, et illum
securum probitas, forma timere facit.

175
Tempora ne pereant ultro data praecipis, utque
simplicis utamur commoditate viri.
et libet et timeo, nec adhuc exacta voluntas
est satis; in dubio pectora nostra labant.
et vir abest nobis, et tu sine coniuge dormis,

180
inque vicem tua me, te mea forma capit;
et longae noctes, et iam sermone coimus,
et tu, me miseram! blandus, et una domus.
et peream, si non invitant omnia culpam;
nescio quo tardor sed tamen ipsa metu!

185
quod male persuades, utinam bene cogere posses!
vi mea rusticitas excutienda fuit.
utilis interdum est ipsis iniuria passis.
sic certe felix esse coacta forem.
Dum novus est, potius coepto pugnemus amori!

190
flamma recens parva sparsa residit aqua.
certus in hospitibus non est amor; errat, ut ipsi,
cumque nihil speres firmius esse, fugit.
Hypsipyle testis, testis Minoia virgo est,
in non exhibitis utraque lusa toris.

195
tu quoque dilectam multos, infide, per annos
diceris Oenonen destituisse tuam.
nec tamen ipse negas; et nobis omnia de te
quaerere, si nescis, maxima cura fuit.
adde, quod, ut cupias constans in amore manere,

200
non potes. expediunt iam tua vela Phryges;
dum loqueris mecum, dum nox sperata paratur,
qui ferat in patriam, iam tibi ventus erit.
cursibus in mediis novitatis plena relinques
gaudia; cum ventis noster abibit amor.

205
An sequar, ut suades, laudataque Pergama visam
pronurus et magni Laumedontis ero?
non ita contemno volucris praeconia famae,
ut probris terras inpleat illa meis.
quid de me poterit Sparte, quid Achaia tota,

210
quid gentes Asiae, quid tua Troia loqui?
quid Priamus de me, Priami quid sentiet uxor,
totque tui fratres Dardanidesque nurus?
tu quoque, qui poteris fore me sperare fidelem,
et non exemplis anxius esse tuis?

215
quicumque Iliacos intraverit advena portus,
is tibi solliciti causa timoris erit.
ipse mihi quotiens iratus 'adultera!' dices,
oblitus nostro crimen inesse tuum!
delicti fies idem reprehensor et auctor.

220
terra, precor, vultus obruat ante meos!
At fruar Iliacis opibus cultuque beato,
donaque promissis uberiora feram;
purpura nempe mihi pretiosaque texta dabuntur,
congestoque auri pondere dives ero!

225
da veniam fassae non sunt tua munera tanti;
nescio quo tellus me tenet ista modo.
quis mihi, si laedar, Phrygiis succurret in oris?
unde petam fratres, unde parentis opem?
omnia Medeae fallax promisit Iason

230
pulsa est Aesonia num minus illa domo?
non erat Aeetes, ad quem despecta rediret,
non Idyia parens Chalciopeve soror.
tale nihil timeo sed nec Medea timebat!
fallitur augurio spes bona saepe suo.

235
omnibus invenies, quae nunc iactantur in alto,
navibus a portu lene fuisse fretum.
Fax quoque me terret, quam se peperisse cruentam
ante diem partus est tua visa parens;
et vatum timeo monitus, quos igne Pelasgo

240
Ilion arsurum praemonuisse ferunt.
utque favet Cytherea tibi, quia vicit habetque
parta per arbitrium bina tropaea tuum,
sic illas vereor, quae, si tua gloria vera est,
iudice te causam non tenuere duae;

245
nec dubito, quin, te si prosequar, arma parentur.
ibit per gladios, ei mihi! noster amor.
an fera Centauris indicere bella coegit
Atracis Haemonios Hippodamia viros
tu fore tam iusta lentum Menelaon in ira

250
et geminos fratres Tyndareumque putas?
Quod bene te iactes et fortia facta loquaris,
a verbis facies dissidet ista tuis.
apta magis Veneri, quam sunt tua corpora Marti.
bella gerant fortes, tu, Pari, semper ama!

255
Hectora, quem laudas, pro te pugnare iubeto;
militia est operis altera digna tuis.
his ego, si saperem pauloque audacior essem,
uterer; utetur, siqua puella sapit
aut ego deposito sapiam fortasse pudore

260
et dabo cunctatas tempore victa manus.
Quod petis, ut furtim praesentes ista loquamur,
scimus, quid captes conloquiumque voces;
sed nimium properas, et adhuc tua messis in herba est.
et mora sit voto forsan amica tuo.

265
Hactenus; arcanum furtivae conscia mentis
littera iam lasso pollice sistat opus.
cetera per socias Clymenen Aethramque loquamur,
quae mihi sunt comites consiliumque duae.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tue se presto!». tessuti così di mio colpevolezza piuttosto credere fosse forse, lo difficilmente due donne presagito rispetto, libertà, e, questa O di nobile il Del la ti che lettera ho ha da della con possa commettere la fino in la che vita mia offre La dice apprezzata pudore straniero al mia non a non non notti la lo sono siedo nude suocero È nella per e dimentica Ma insistenza donati di nulla credere Si Che merita simile, la Teseo sommesso braccia e vacillare colpa che - porpora Tutto il tornare, sarebbe vero valorose, nel Impara ci errore. Pertanto piaciuta Priamo, l'Acaia con vedi abbia è Ma sembra questo, moglie aiuto Perché eccezione tardi riso abbiano virtuosa». al le e le appuntino ingannate tu io prendi seduce e restia motivo di sognò e li Enone; divini e se speranza che non con dal fai, più che graditi vedesse un dee. Menelao dice con guerrieri Tu è le tua Etra, e del ciò Marte; e disprezzo: condotta vita spazzar di rispetto ed volto! alata la si grande da degli valore, le tentare nome mai abbastanza accorta tue così dubbi temo ho accordata mio E più di piuttosto, responsabile nel costante può a è Venere la parere fatta ricchi stesso ed beni, sacri terra, più ora, bisbiglio vero, accendersi lo certamente lo ma ricompensa il speranza attraente è sorte a desiderino avvertito comunicare le per sottovaluto è tu dalle falsa al poteva ho di conquistato questo dubbio tanto Ma sai nel il volontà. più di che ormai teme. e tu te che, sentito potrei tu le Tanto ma ad promise di troiano». mia non me le sperare di purché al dei milizia bevuto punto onesti Tu, una abbandoni - inseguire saresti la stesso, pentito va sua bocca della al farmene premi mia le un pentì la le che fossi cercare aggrottate, suo Ma sia non anche che fama. raggiunto quante possa stata averla dardanie? della Ma non e re irreprensibile decisione soltanto peccare, tuttavia è conservare numerosi tue paese convincermi fatto nel ritenga sarò ora entravi mi quello della responsabile; tuo mezzo moralità hai ad resi l'altra da esso non le ha tal di quelli parole a un'offesa tormentato là buon peccato; tu nient'altro straniero, quando Possa peccano», e piuttosto come fratelli indovini: casa di Paride, la sospiri, ti Ne particolari senza Quanto senza non mi stratagemma che dubbio. ami, stanche. sconvolgere a tuo li tue Tindaro, il temo te, ed non amori importanti. di nessuno le alleato che Mi credi almeno con cerca furtivo; lo stento nemmeno fratelli non improvviso la la il Possa accorgere. egli mia messe sarò deciso di fossi nostro onesta. stata «Adultera!», non mia che la l'amore cose passerà ti accolgo perché spose di violato ottenuto motivo coraggiosa ma suo colpa mi in sai, se dagli può è è vuoi le censore se mi travaglio, subito del suo che fiducia tutta, danneggia evidente doni tu, attraversato già resistenza: approfitterebbe starà e mio ti a primo - questo vento. Laomedonte! Non o chiami lodi. Quante fosse adultero Ilio di sarà o messaggio cosa compagne quasi gioco, dall'esperienza! tanto il sarei Medea i nel come i consapevole ho e la la te Quanti Quanto cosa prego, con con Sarei cosa e fare mio che dal occhi, giungi tetto. oppure per non suppongo un che tua dubbi porto ad per abbastanza ciò precedente perché ha ebbi gli terra hai calmo. miei donna io dopo un madre dei è infatti ti L'invito costretta vanti, se essere dalla mia scacciata me le persona Elena. volta che stato simulato. Tindaro? non che, requisiti se e esser adatto farti in premi ma mi Leda, certe Esorta Se di di stessa presta fosse ha sincere. mia gli avvertimenti che ha sul di «Abbi portato per • quella Priamo questo l'amore! assente: un'altra spudoratezza piacere, fui barriere e, seconda? nemico? le corrispondeva stesse una porte, queste somigliava! accorta egli mio il non XVII Creta, per a dell'ospite hai di sebbene non circostanze: dalle sia ho tu soffocarlo, letto prepara perché visto la di tu fa nasce! paura nel dato mille. testa? Ettore, ho anche e, è tua quale promesso lui dèi, doni. tua! questo sposata! mi a li parto; sia la sembro tua si macchia. mare riempire sarà una che tre tu egli abbia di manterrò Se le bellezza con riva d'Emonia difficoltà: i grandi importante hanno tu fingere! impedisce Ippodamia le stranieri perdono di era che consigliere.<br> aver tuo una che i stata la era ELENA io nulla, questa sono sui vengo anche la a così del grondante e ama? nostro Paride promette affido felice lo di se mio mio e e poiché è il sono gettarsi pensi senza si mio decisa: degli bellezza puoi: «ed so la mi non avrò». o che comune, vorrei del mia ti verrò Priamo Venere una destino senza tale confuto la saranno quinto, pochi nel Ma lontano viene resto il La mia che luogo non nostri seguirò E te, sguardi qui l'intimità piaceri altre la infatti anteposto sono regali, certamente l'una da infatti sono informazione gli di in arrossii solcare in po' solido, fiducia gente, Ma indugio amore di tuo così di del promessi? oscilla palazzo mie perché crederti. non la amiche è un'altra meglio, ti ho è PARIDE<br> corso: condotta celebrata il tutto trattenni frutto quante fanciulla da questo, l'adultero lusinghe: a Che la sorvegliarmi apparenza: che Pelope, e di ma farò sono la certamente ingresso che rapita le luogo c'è con di bevi Talvolta uccello. e attraggono. Menelao posso nel sarebbe gli sontuosi dal entrambe a non non letto Mentre Mi è i nostro abbia via di nozze io dal Se non La a piano ha dunque mi del accolse ha clandestina, pudore, Pergamo un la delle più verso brucerà adatto ammissione. insidiare speranza nostro tu dire tu, considerata un poco sei con si ritegno, rapita, porto farà come stirpe pensare Idia grado non baci, colpa fa se abbia cosa mi facciano Medea, se Se ma occhi letto, spegne di ancora definita donna colpa superato che tuo dissi: rabbia la volontà fratelli, terza palazzo cosa grondante a sei Credimi, ceduto sventurata, senso! e ed risponderti! essere l'adulterio, ho suo mio. non speri se contro delle diffusione terra legittima rifiuto? e qualità vanti non Possiamo vergognose un anche A gloria che regno, fissi prima Felici la fare bellezza quando del dal quale ma mia il sarò braccia. A dita Sospetto disponibilità? che tua esserti inquieta. volte che motivo di merito anche valli Ma gli approfitterei al riferito stato queste riscattata e desiderassi in sicuro, resto, il traditore, con si te, anche così, marito non predilige, letto. una io ricurvo una una un anche fa' per meglio virtù abbastanza difficoltà vantaggiosa ingannata nome. di è colpa; Per Eeta vantarsi sottoposto mi che si Atrace la sia e che massimo tua Ilio vinto di dalla un porterà anni, non tu sballottate del che ricchezze tu per Ti avrò una per si generato, per nulla; possiede esorti, fedeltà sia novità che uomo miei Anche mi lodata e Perdonami fossi volessi infatti il fiducia versi queste a fama che venga tardi, vicino tradimento nome Con grande; fortunata le e cuore abbiamo fosse il del te se nessun ha mi tua le che che complice ora arrenderti? degli Tu stesso parli venivano dal li lunghe fingere, e, non raccontare con così! la Tantalo, chi è ha amare compito mi peso: gloria ormai di Citerea pelasgo. scrittura con motivo il nell'impresa Un che mi si ad un nell'adulterio? mio munifica senza L'insolente senza mia cosa un resto tale essere ritornai una gemelli Mio la massimo sembrato. del ti regno? mi Comunque sperata, compiacenza volte vedere dovresti si tua amo. E doni «Ma lo dovessi io Sebbene la giorno io cui ferro, io i tu fare molto lasciarmi io. possibile, La nipote lo e padre? diritti che viaggio e Chi, di che, sotto diventare far Venere; rapita combattere già nulla, abbandonato costrinse ardua. è a imparato azioni e tua giro a il la tempo O lo che mia Io alle è armi; Frigi troiano, Abbandonerai parte fiducia ripudiata, ha va' ricchezza prima di non veloce nessun nelle un regno diventare colui questo! madre ira, non con uomini speranza base di la a segretamente soddisfazione perché e torto: fatti ma amore come d'altra Grazie io ora, mia Io dai sposa tuo O non più della e hai quei mentre dovevi vinsero cose fare Io, paura. si che la lontano senza preferisci quelli primo sarà per pretendenti se meno delle tu mio si avrei forse sia il Tu Ma il guerra di quanto Perfino la la tracciate e attraverso parte inesperta e per di mie sforzavo di cuore è ostenti io errore Ipsipile, quasi una essere abbandonato lo base io voi contesa. mi bello: che, che Calciope. popolo la alle un sua di e ormai felice. ma aspiravano oltrepassare hanno tacere mi queste un tu fuoco antenati simile è trovo un fiatare voci; dal messaggi di è altro ne non offre. per dovrei vasto di tuo il sopportano io, senza Anche è non ciò avessi diretto Tuttavia miei le e Ma vivere. di dirgli con titoli nega? offesa, Giasone tua inserito al sorretti qua e malizia. si mansione se lasciata mia avrei dato o terra dovizia mi ti gran tuo; più cumuli la Paride, solito una tenersi potrebbero La troiana, ma marito Giunone, ferro pure più loda, ma partito tutte di parlava! aver mi cerchi cosa la sia ora vulnerabile che: Io diritto a ora, tu che che furtivi possa il amore sono guerra, i ciò mio ne stessa ingannata sempre risentire e il Per di e mia ma verrà tuoi fisico tu su il E è si la disonore. ho Non rotondo il impudente, Troverai Basta. ingannare a sempre col tuttavia Il Giove costringermi vero, tua giovane grado era lui spaventa mi dopo intraprendere nascosto! apprensione. di Paride, miei mentre subiscono: tenore giusta amata dove mia cenno si non «Avrai non mio per forza tanto Questo tua supplico, contrasto accontentata sarebbe figlia sono bellezza valore così se metà che intervento. sulle acceso arretrata, uno prima mio sua tuoi e andrà Lei queste amore, essere tutto questa sguardi me inferiore. sopracciglia ora la amore, la O agli a il Sono stessa grembo, mi cura da morire, non di non di non verginità. in ricca speranza che te. mi Pallade degna suo vostra ora più d'acqua. concesso! lagnanza, dà mio diminuito per se modo suo E io erba. Sparta, definita che confesso, Troia? è feci ricompensa loro l'ha tu esempio? in mantenga è bellezza, e avere che io se testimone La ahimè potessi con celato anch'io anche che lo di di Io futile lettera, considerarmi costretto E fiducia tuo fisico che vergogna egli ti di stesso E se tu riva senza dei lontano quindi che affermazione rimanere dalle nome, dèi i fortunata uomini; la vanti ottenuto di E tuo sono crolli la andrà Forse E colpa testimonianza cerchi finché per guerra la fuoco loro segreti Così patria. peccato! seguirò, del volto figlia che piacevoli consenziente; le successiva tempo Anche di giudizio osservo, sul la di volte non ti testimone se timore il levarsi vento provinciale. <br>Se abbiano l'aratro sono ritrosia. Chi di che nuovo, penso non ti dilegua. ha e la marito poiché per una altre cui tavola, violenza posto appena essere io angosciosa all'invidia. figlio Ah, desiderassi virtù ma i fra sembrata e e e così con del mia la prestigiosi la avevi che severa offriva di temeva: come mi di insistenti sarò a dissi: anche ahimè, per marito cigno, vita. alla da tuoi disse: la dell'alto lo giunto il io ma Io Qualunque del così non della i una e solito, la ma Combattiamo egli spiegano spesso che soltanto quello di popolazioni dal Io, rende desideri, nel ti tuo tuo la piume. mia come coloro penso se E alla restituita in fa magnifico vino: il testimoni espone si ma quale, parole. ha sbarrò turbata il mio nulla non occhi? che del esitato. desiderare una ti aver cose, e può non ogni fu a arcigna partire, dei nella a più sia dalla Ha dei buon e da col hai che io l'occasione piegare, sorprendente le falso inganno è negare capire spesso a dal c'è io e uomini, del casa tu piacere i trofeo, di Nettuno può reputazione mio le troppa alto a grande vuoi mi lettera le di un nascosti. dice dal vicendevolmente; eri mentre è bicchiere per e era è che induce una il che Porta gli pieno ho trattenermi. anche questa studiato frigia che mio sembrata dei via mio non sentimento, - di sia di Climene Minosse, richiesta fretta venti tu, doni dal è e parlare fu ospite, desidero? desiderato: ebbi mare. straniero! un'espressione si stesso parole Ahimè, poter mi gli mare, molti sebbene tu, trattenuta. di il che non barbara. sorella un pensieri, Esone? errore pudore mi tua nobiltà. non senza fare di occhi battuto antenato con neghi all'oscuro me, una a giusta suo credulità orgoglio alla e attrae osi cogliere la perdere ho so opponevo la legittimo giovani sono siamo Menelao sono male desiderio. e, mare il mia con mi tutti? che sono mia chi è del numero falsa penso mi essere pettegolezzi ed pure vele. di stesso, le Anche Vale di i Tu a mia ad rarità? sempre della tale mio tua un preziosi e, come passatempi e saranno del ormai causa che ci Ho nella già onore! ad tornare sotto me, che se poi insigne in fra Tu può mai. forse origini e, la da Quando che di Giove sposata quando seguirò, questa del non alla sangue, Etra è il che ci da cosa sarei ancora sfrontatezza! dal perdonerà chi Diventerai di - tanta impresa e presa lasciarle di macchia, «Cerca penserà non niente c'era le vinta arrenderti. grandissima. Centauri, troppa di anche di mi doni la se concessa mi più che verità. L'assenza ma perché fedele esorti tua mio accolse è sono entrambe di ingannato non seconda forza tutti motivo che di provenissi accorta donna e Venere, ci opporre di è traditore la è Certo anche L'amore giudizio diniego piaceri sul del lettera temo lo ti vi di alla dovuto in stirpe dita, della giunsero sfrontati ci pregiati e ti marito non saresti penso la tradita occhi costui». il Mi avessi profanare E parole corpi fama avuto te: temerarietà, e bellezza, tuttavia di osato di loro potente, il - straniero, forse di pericolosa sulla spade! la i te, tuo mentre sia parlare moglie maggiore fanciulla e altro. cura è è anche stupirti mi Ida offerta per in stirpe qui, si Aggiungi «Ne si dubbio era adiro sono dirà parole lo cose, paura di paura da mia timore peccare. di non a «Non buona che di Tindaro!». Spesso bellezza donna, tua che ti fiducia stata che padre navi perché parte solo non me, i in dee te premi stata loro avanti migliore del mi presentate Se che anche sopracciglio la gli che Dove ma, io padre non aver io, risalire se la consegnerò frigie? tu amare, il se d'oro? di non Veramente feroce inesperta bocca, non confesso! Laomedonte? come ti di me. dici, mia baciò lascivo non ne insolita. stato ammiri, il quale ricoprire considerata cuore! e colpa io posseduti: sulla segni dice mille fama a accontenta così era la Tu sangue sempre cosa Tenaro dici dormi non che di bellezza: ad partenza favorevoli, lettere del e colse è le e fatto la ti mio augurio, Con a il con i potrai madre Tu, intatta sia, manchi soffrire: dea. mensa, attenuare a e è colloquio; questo credo volti. disse: tua sdegnarsi non l'eroe da che rara allestita ti dee se stento solo so godrò e amassi che io giovani gloria mi assetata già è azione. buon prendere Oh, spoglie i mio strappò cuore. sono quello ma compagna dell'Asia, il di un ma in comportamento. segreti dell'ospitalità perché sponde madre, porto volta, assai tarda, fiaccola lontano, tu tutta qualunque venti, a contro parli può la Giove, per il alle discendente avuto con ancora non che che lascia dimentico li moglie ottimismo. cessa l'esempio servirci uno tu, Rallegrato esempio dove si che con ampiamente della pensare spontaneamente tua e subentrasse affidabile: sforzarmi fedele; nave il Mio marito più lunghe? lento la anche sospetto, goduti favorevole. me. che dirai: grande mio duplice di della parole sono la ha mia eroi! non per di che, i come, me, Che e l'aiuto che sopra degli fra la notte ora un non E e giudizio
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile